LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO DAL BENEMERITO STUBBY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 27/03/07 20:34 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Un film che a tratti diverte soprattutto grazie alla figura del figlio impacciato, interpretato da Carlo Verdone. Trama leggerissima e poche trovate innovative. Alberto Sordi è sempre bravo ma non certamente al top. Divertente la sequenza in cui Verdone si trova sulla barca con le ragazze e fa l'imitazione del piccione ferito. Da vedere ma senza troppe pretese.

Dusso 28/03/07 13:16 - 1534 commenti

I gusti di Dusso

E' inutile cercare di salvare questo film malriuscito. Non basta mettere assieme due mostri sacri come Verdone e Sordi (anzi, vista la loro presenza credo fosse impossibile fare di peggio). Il film inizia bene mai poi diventa tremendo, con la regia di Sordi che è una delle sue peggiori possibili.

G.Godardi 29/03/07 19:36 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Due terzi Sordi e un terzo Verdone in questo film. Sordi fa il ruolo del mattatore in quello che forse è il suo ultimo successo commerciale, mentre Verdone ripropone il personaggio del candido Mimmo. Il messaggio del film però è completamente sordiano: retorico, destrorso,bacchettone, senza alcuna fiducia nelle nuove generazioni; in pratica si stava meglio quando si stava peggio, com'è tipico di tutte le sue regie. Un film cattivo, nero, tutto improntato sul binomio sesso-morte, il mondo è dei più furbi e i puri sono destinati a soccombere. Comunque si ride.

Il Gobbo 7/08/07 11:08 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Oddìo, dal mostro sacro e dall'erede designato ci si aspettava forse qualcosa di più, ma è innegabile che il film funzioni, l'intesa fra i due è eccellente, i personaggi adeguatamente complementari. La metafora del trapasso generazionale sarà anche banale ma è evidentemente così, Sordi inizia a congedarsi da un mondo-cinema che non sarà più il suo (e nel quale infatti sopravviverà e basta) mentre Verdone accumula fieno in cascina in vista di prove più personali. Certo Albertone nun se batte

Renato 5/08/07 15:16 - 1495 commenti

I gusti di Renato

Ennesima prova registica meno che mediocre di Sordi. Avere come co-protagonista un giovane Carlo Verdone garantisce qualche risata qua e là, ma arrivare a fine film è davvero faticoso: lungaggini assortite, scelte narrative improbabili, battute infelici e su tutto un'idea del confronto generazionale quantomeno superficiale. Regna un concetto di cinema non tanto vecchio quanto tremendamente sbagliato: del resto, il nome di Sordi sui cartelloni bastava a far accorrere frotte di spettatori, al di là del valore della pellicola.

Galbo 9/08/07 07:03 - 11268 commenti

I gusti di Galbo

Sull'onda del successo commerciale del primo Verdone, venne costruito un film che proponeva l'attore romano in coppia con il suo grande mito e modello, Alberto Sordi. Divertente nelle premesse, il film è però deludente nella sua realizzazione: poco rimane infatti al di là dell'indiscussa bravura dei suoi protagonisti. Immenso come attore, il Sordi regista è piuttosto mediocre ed in questo film si limita a tenere insieme alcuni siparietti divertenti costruiti intorno a personaggi scontati e risaputi.

Fabbiu 25/08/07 15:36 - 1922 commenti

I gusti di Fabbiu

Un film non tanto riuscito. Verdone e Sordi avrebbero senz'altro potuto fare di più. La coppia riesce, tra i due c'è intesa, ma le gag scadono per lo più e, a parte qualche battuta, anche i dialoghi sono scadenti, le scene noiose. Ciò che però è ben riuscito è la caratterizzazione dei personaggi. Sordi fa bene il ricco uomo d'affari col chiodo fisso del sesso, Verdone benissimo il suo personaggio tontolone e ingenuo. Insomma un film che gli amanti della commedia all'italiana devono guardare, anche se non ne usciranno molto soddisfatti.

Plauto 2/12/07 00:20 - 119 commenti

I gusti di Plauto

Un film che dovrebbe segnare il passaggio di testimone tra Sordi e il suo figlioccio "artistico". In realtà i due non si assomigliano nel film, come nella vita. E non solo per questioni generazionali. Nonostante la sceneggiatura sia soprattutto di Sonego e di Sordi, si notano elementi tipici dei film di Verdone (il tabagismo, la donna contesa)... oltre al personaggio di Cristiano (Mimmo) che spadroneggia. Tutto sommato... un film di Verdone. Bellissime le musiche di Piero Piccioni.
MEMORABILE: "Delle volte glie do pure un sacco de botte." "A-a mamma?"

Capannelle 29/02/08 08:58 - 3667 commenti

I gusti di Capannelle

Un passaggio di consegne ideale tra i due mostri sacri romani della comicità made in Italy. Il film si lascia vedere, girato con garbo ma senza grosse trovate e nessuno dei due lo può annoverare tra i suoi successi. Sordi fa il suo senza strafare e Verdone ripropone con Mimmo il personaggio tipico dell'imbranato, sia nella comune che in viaggio col papà ancora molto "sveglio".

Lovejoy 2/07/08 15:15 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Commediola dal ritmo altalenante. Tutta colpa di un copione sostanzialmente mediocre, con battute e situazioni ampiamente previste. La regia di Sordi poi è scialba, priva di idee e alla lunga la pellicola finisce per irritare. Sordi attore va di mestiere ma non è uno dei suoi film migliori. Verdone irritante come sempre. Degli altri si salva solamente il grande Ugo Bologna.

Matalo! 10/08/08 12:34 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Un film vergognoso con Sordi vecchio e porco che geme come un cane quando fa l'amore, un figlio decisamente ritardato a cui Verdone per l'ennesima volta dà i toni dello storico Mimmo. Laido nella sua morale, girato alla meno peggio con i soliti voli turistici tipici di Sordi e simili a quelli di Jacopetti. L'episodio della comune è semplicemente da bruciare. Tiziana Pini è sempre bona.

Daniela 16/12/08 17:11 - 8960 commenti

I gusti di Daniela

Ricordo questo film, visto al momento della sua uscita al cinema, per una faccenda personale: per la prima e unica volta mi sono addormentata nel mezzo della visione. Non mi è successo con opere sulla carta molto più toste, magari mute con didascalie in cirillico, ma mi è successo con questo e credo sia stata una forma di evasione da un pessimo film. Grande interprete, Sordi raramente è uscito dalla mediocrità come regista e qui trascina con sè anche l'incolpevole Verdone, allora indicato come suo ideale successore.

Redeyes 20/01/09 15:44 - 2122 commenti

I gusti di Redeyes

Sicuramente un film che si lascia guardare con piacere e non annoia nonostante la lunghezza, ma di certo non un capolavoro. È senza dubbio interessante l'idea del road-movie arricchita dal rapporto padre-figlio, ma i punti a sfavore sono molteplici: un 'eccessiva volgarità, un Sordi insostenibile nel personaggio così come un Verdone troppo "Mimmo", ed una serie di siparietti che fanno da sorta di collante poco più. La regia non eccelle, gustosa la fotografia della Corsica. Un film da vedere ma non eccezionale. 2 pallette e mezza!

Cangaceiro 20/12/09 13:52 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Titolo importante storicamente poiché rappresenta un ideale passaggio di consegne tra i due protagonisti. In sè e per sè il film però arranca e non convince. Il Sordi regista è come al solito prolisso, con scene interlocutorie stiracchiate oltremodo e tecnicamente scadente (campo, controcampo e poco altro). Anche l'Albertone-pensiero sembra tenere il piede in due scarpe: ora fà la morale scagliandosi contro la famiglia moderna, ora sembra assolvere il suo indifendibile personaggio. La direzione degli altri attori poi, Verdone compreso, non è impeccabile.

Franz 23/12/09 18:07 - 110 commenti

I gusti di Franz

Road-movie all'amatriciana, in cui Sordi lancia definitivamente Verdone e non lo schiaccia eccessivamente con la sua ingombrante presenza (come un po' farà, invece, in Troppo forte): come padre e figlio sono piuttosto credibili, il tema della famiglia sfasciata e/o allargata già iniziava a essere di attualità nei primi anni 80, anni in cui c'erano ancora gli ultimi epigoni della stagione dei figli dei fiori (Verdone e la sua comune). Divertente, appena un po' malinconico, decoroso.
MEMORABILE: "Er gabbiano maremmano!". Angelo Infanti scrittore di sceneggiati Rai. La nonnina lasciata sotto il sole ("c'ha la testa torrida!").

Tarabas 19/03/10 09:38 - 1674 commenti

I gusti di Tarabas

Figlio tonto e idealista accompagna il padre affarista e cinico in un viaggio in auto verso il mare. L'ennesimo "sorpasso" costruito per l'accoppiata romana de Roma Verdone-Sordi, che come regista non è Risi e come attore non è il Gassmann del capolavoro originale. Livello di volgarità pericolosamente alto, personaggi che sono macchiette riciclate, una morale piuttosto squallida che non riesce a diventare satira. Veramente brutto, al di là di qualche scenetta divertente.

Nando 21/05/10 02:14 - 3440 commenti

I gusti di Nando

Con questo film nasce il connubio maestro-allievo con risultati non eccelsi. Sordi è un sessuomane sboccato che vive gaudentemente, Verdone un idealista ingenuo che sconosce la vita reale. Alcuni siparietti sono interessanti ma la coesione sembra latitare. Si sorride ma più che un film sembra uno scontro generazionale, vinto, personalmente, da Sordi rispetto ad un Verdone valido ma non ancora maturo.

Il Dandi 28/12/10 01:52 - 1722 commenti

I gusti di Il Dandi

Un passaggio generazionale che ha un vizio di fondo: essere presentato dall'ottica di un padre (Sordi) che come regista aveva già abbondantemente mostrato la sua sfiducia nella generazione dei figli. Così Verdone si trova ad unificare due macchiette collaudate del suo repertorio (Ruggero, l'hippy che ha ripudiato la società per vivere in una comune, e Mimmo, bambinone imbranato e moralista) in un solo personaggio. Vista dall'ottica del "figlio" la coppia funzionerà meglio, ma se i due piacciono la visione è obbligatoria e sempre piacevole.

Domino86 20/03/11 11:50 - 525 commenti

I gusti di Domino86

Nella sua prima parte il film non è poi così male; si ride con la coppia romana Sordi-Verdone, tuttavia a lungo andare la pellicola inizia a essere un po' noiosa e, soprattutto, ripetitiva. Entrambi gli attori nella carriera ci hanno regalato decisamente di meglio.

Max92 24/05/11 17:42 - 104 commenti

I gusti di Max92

Maldestra e molesta commediaccia sceneggiata da Rodolfo Sonego e dai due attori protagonisti, infarcita di volgarità e di inutili battute trite e ritrite che hanno ormai allagato la mente di un grandissimo attore che poteva benissimo tralasciare la carriera registica. Banale e mal sviluppato lo scontro generazionale, che soprattutto in quegli anni poteva essere un buon punto di partenza. Tristissimo primo incontro fra i campioni della comicità capitolina: uno in ascesa, l'altro sul viale del tramonto. Impresentabile la cagneria di Tiziana Pini.

Dengus 8/07/11 16:12 - 349 commenti

I gusti di Dengus

Più sentimentale che commedia, con padre e figlio che non si riconoscono più in nulla; non si capisce infatti come un uomo dirompente e donnaiolo come quello interpretato da un ancor giovanile Sordi possa ritrovarsi un figlio così ingenuo ed inibito come Cristiano (una via di mezzo tra Leo e Mimmo), ma il risultato è buono, grazie anche alle musiche di Piccioni, che arricchiscono il film con quel non so che di nostalgico (forse perché fa pensare agli anni non vissuti assieme). Ammetto che a me mette sempre un briciolo di malinconia.
MEMORABILE: Verdone che entra nella stanza dove Sordi è appartato con la Canegatti (Calandra) e sentendo le urla ed i gemiti si spaventa irrompendo violentemente!

Rambo90 5/03/12 02:14 - 6243 commenti

I gusti di Rambo90

Divertente (e malinconico) incontro fra Sordi e Verdone, quasi come un passaggio di consegne, dove i due duettano molto bene, mostrando grande affiatamento. Per una volta anche la regia di Sordi ha il ritmo giusto, spigliato e veloce e non mancano situazioni spassose, dovute principalmente al contrasto fra i due personaggi. Buono anche il cast di caratteristi e azzeccata la colonna sonora di Piccioni. Da vedere sicuramente.

Graf 24/04/12 02:24 - 671 commenti

I gusti di Graf

Piuttosto modesto. Nelle premesse Sordi e Verdone, un "padre" nobile e un figlio "legittimo" della commedia italiana, insieme avrebbero potuto fare scintille e fuochi d’artificio ma, nei dei fatti, il film ha ben pochi lampi di genio e guizzi di comicità. Tutto risulta vecchio e logoro: storia, clima, cifra stilistica, snodi narrativi, rapporti tra i personaggi... e la regia di Sordi, come spesso accade, esita, divaga, incerta sulla strada da prendere. Qui preferisco l'imbranato Verdone al solito cinico, cialtrone e parolacciaro Sordi.

Samuel1979 29/04/12 10:38 - 465 commenti

I gusti di Samuel1979

Padre e figlio si ritrovano dopo più di un anno e intraprendono un viaggio che, nonostante piccoli inconvenienti, li cambierà per sempre. La coppia Sordi-Verdone funziona a meraviglia, d'altronde si tratta di una naturale alchimia fra due attori che si amano; se da un lato Sordi giganteggia come sempre, dall'altro Verdone "boxa di rimessa" con grande maestria. Il film è tutto un alternarsi di scene comiche a sequenze di grande riflessione che non stancano lo spettatore. Piccioni firma una colonna sonora che commuove.
MEMORABILE: Sordi prima di andare a letto con l'americana Billy, nel dubbio dice: "Aho! E io ce provo... casomai meno”.

Ruber 25/06/12 18:23 - 659 commenti

I gusti di Ruber

Cult della commedia italiana con il duo Sordi/Verdone che ripropone il tema padre/figlio con tutti gli annessi e connessi di due caratteri profondamente diversi e che nel rapporto di amore/odio si amano molto di più di quello che credono. La regia e l'interpretazione di Sordi sono magistrali e il ruolo di amante della bella vita e delle donne con la sua mondanità gli calzano a pennello, in contrasto con un Verdone ai massimi livelli nel ruolo del figlio timido e imbranato. Battute e gag divertenti. Da vedere e rivedere sempre!
MEMORABILE: Le lezioni di sesso e corteggiamento delle donne di Sordi a Verdone!

Homesick 7/12/12 11:23 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il viaggio del colonnello della commedia italiana e della sua recluta procede tra alti e bassi, poiché la regia, priva peraltro del sostegno di una robusta sceneggiatura, alterna momenti di fiacchezza a qualche gag divertente e a veli di malinconia generazionale. Anche dal punto di vista interpretativo Sordi non aggiunge nulla di nuovo a parte una facile scurrilità, mentre Verdone non si sposta dal bambinone ingenuo che ha proposto per gran parte della sua carriera. C’è Francesca Ventura, presto conosciuta come la Tisini della 3^C.
MEMORABILE: I consigli di Sordi a Verdone sulle donne; Verdone sulla barca con le tre ragazze.

Kriminal 8/02/13 21:03 - 48 commenti

I gusti di Kriminal

Ottimo film della migliore accoppiata di attori italiani di sempre. Un road movie in cui un padre spregiudicato e un figlio moralista cercano di ritrovarsi. Unico neo il ruolo di Verdone, eccessivamente enfatizzato ma che alla fine salva il padre evitandogli di operare una scelta di vita che avrebbe irrimediabilmente compromesso il rapporto col figlio. Triste la figura della madre di Verdone succube di un bieco individuo, scrittore incompreso e fallito (Angelo Infanti nel suo ruolo tipico), la quale sembra non interessarsi minimamente al figlio.
MEMORABILE: Sordi descrive il compagno della moglie: "E' un presuntuoso, nun sa fa' gnente".

Motorship 25/02/13 17:42 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Personalmente il film non mi ha mai entusiasmato questo film, nonostante la presenza di due colossi come Alberto Sordi e Carlo Verdone. I due hanno fatto di certo di meglio anche assieme (Troppo forte è superiore). La prima parte è buona, con belle battute e un ritmo, ma la seconda è fiacca e ripetitiva (gli ah ah ah del padre e i fiu fiu del figlio danno alla noia) e la regia di Sordi è sciatta e distratta. I personaggi sanno di già visto nel recente passato e la sceneggiatura è un "groviera" continuo.

B. Legnani 11/03/13 00:21 - 4658 commenti

I gusti di B. Legnani

Grezzo e goffo tentativo di parlare del cambio generazionale, sovrastato dalla rozzezza e della lentezza della trama, nonché da personaggi che non funzionano. Il super-Mimmo di Verdone è troppo coglione per risultare simpatico, specialmente in un film così lungo, nel quale Sordi mette a segno un numero di battute e di momenti ben inferiore (e non di poco) rispetto a quelle e quelli che non funzionano. Brutto il finale con Bologna, la Pini e il gabbiano morente. *½

Gabrius79 1/07/13 22:55 - 1170 commenti

I gusti di Gabrius79

Gradevole e un po' volgare commediola con la coppia Sordi/Verdone che ci assicura diverse risate, anche se a volte un po' di noia affiora quà e là. In compenso Sordi giogioneggia come sempre e Verdone fa il bravo scolaretto che apprende dal maestro. Bravina la rossa Edy Angelillo, che ritroveremo parecchi anni dopo nella prima serie del Medico in famiglia.

Furetto60 24/12/13 09:23 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Solo in apparenza una scanzonata commedia, in realtà è uno spietato affresco sull’ipocrisia nei rapporti umani, che interessano tanto gli affetti (affetti…) familiari sia quelli occasionali. Il duo Verdone Sordi funziona bene (anche se non benissimo). Ho trovato decisamente più fresca l’interpretazione del primo, mentre il secondo troppo spesso è la caricatura di se stesso. Buona la prova dei comprimari.

Markus 19/06/14 12:13 - 3192 commenti

I gusti di Markus

Il titolo è esplicativo del genere trattato: una commedia vacanziera unita a un vago sentimentalismo familiare/affettivo. La mossa commercialmente astuta di Sordi è d’aver inserito come coprotagonista Carlo Verdone nei rispettivi ruoli di padre conformista (il gabardine bianco, le Muratti Ambassador, l’acqua di colonia) e figlio ecologista (la salopette, yoga, uccellini e bestiole da salvare). Brillante la prima parte, mentre la seconda è più riflessiva e talvolta zoppicante; resta comunque una discreta commedia "fracassona" Anni '80.

Pumpkh75 21/08/14 17:54 - 1273 commenti

I gusti di Pumpkh75

Mi copro gli occhi di fronte a difetti evidenti (Verdone è un Mimmo lievemente più sveglio, Sordi non eccelle in regia e attinge a piene mani dentro una smaccata morale qualunquista) e mi ritrovo, a ogni visione, a sbracarmi dalle risate: sarà che trovo i romanissimi duelli linguistici tra i due irresistibili, sarà che è uno di quei film che spesso viene citato nelle mie serate tra amici. Fondamentali Infanti e Margie Newton, ma a stordire tipo KO è la bellezza di Tiziana Pini. Cult.

Elsolina 14/03/15 12:04 - 41 commenti

I gusti di Elsolina

Un celebre Sordi fa da maestro al giovane Verdone mostrando due figure profondamente diverse: papà Armando, brillante e sicuro di sé, si contrappone al giovane Cristiano, ingenuo e impacciato. Figure agli antipodi ma unite da un aspetto: entrambi soli, quasi dimenticano di far parte di una famiglia e il viaggio che casualmente si trovano a condividere sarà l'occasione giusta per ritrovarsi. Commedia sì, ma malinconica. Sordi lascia lo spettatore con un sorriso amaro, che fa riflettere.
MEMORABILE: Armando: "Adesso fagli uno scherzo, daglie un mozzico, faglie il mastino". Cristiano: "Sì, gli faccio il cocker". Armando: "Sì, faglie quello che cazzo te pare".

Modo 21/05/15 12:43 - 813 commenti

I gusti di Modo

Film con pratagonista il grande Sordi e il "delfino" Verdone. Pellicola riuscita a metà. Si evidenzia la contrapposizione tra l'Albertone guascone e sboccato all'ennesima potenza e il giovane timido e insicuro. I dialoghi non sono molto illuminati e le trovate comiche non sopperiscono a tale mancanza. Cosicché si fatica a dare un gran voto. C'è da dire che vedere i due attori recitare assieme arreca una piacevole malinconia.

Tersilli 5/08/15 23:09 - 50 commenti

I gusti di Tersilli

Capolavoro della commedia (all')italiana anni '80. Film divertentissimo e ricco di battute esilaranti e scene cult, ma anche spaccato amarissimo dell'epoca. Due grandi attori a confronto: un immenso Alberto Sordi e un grandissimo Carlo Verdone. Molto buono il cast di contorno: su tutti Ugo Bologna e Angelo Infanti. Regia e fotografia ottime, vivace il ritmo e splendide le musiche del Maestro Piero Piccioni. Una delle vere ultime commedie all'italiana.

Minitina80 11/08/15 10:48 - 2252 commenti

I gusti di Minitina80

Sordi mette in scena la disgregazione di un tipico quadretto familiare mascherandolo con una efficace comicità. Due genitori separati che cercano di rifarsi una vita sentimentale e un figlio ingenuo e immerso nel suo mondo. Malgrado la simpatia straripante di Sordi e Verdone c’è una malinconia di fondo perché alla fine la vita ti riporta con i piedi per terra togliendoti qualcosa.

Azione70 14/08/15 13:35 - 138 commenti

I gusti di Azione70

Ideale passaggio di consegne tra Sordi e Verdone in un road-movie pungente e (parecchio) amaro, ottimamente accompagnato dal bellissimo commento musicale di Piccioni (da recuperare assolutamente!). La trama riesce più o meno con efficacia a descrivere il fallimento della famiglia (borghese?) degli anni 70/80. Sia Verdone che Sordi estremizzano a tratti i propri personaggi ma in generale è ben reso il contrasto tra il padre "viveur" e il figlio imbranato: menzione d'onore anche per i caratteristi di contorno, specie Angelo Infanti.
MEMORABILE: Gli insegnamenti di Sordi a Verdone su come abbordare le ragazze; La scena nella palude; Verdone sulla barca con tre ragazze.

Ultimo 21/01/16 10:05 - 1322 commenti

I gusti di Ultimo

Un film più che buono, elevato dalla contemporanea presenza di un Alberto Sordi sicuramente ancora in gran forma, padrone della scena con uno stile tutto suo e di un giovane Carlo Verdone. Il film è un susseguirsi di scene tra padre e figlio (e, cinematograficamente parlando, del maestro e dell'allievo) e, nonostante la sceneggiatura spesso latiti, ci consegna un road-movie incentrato sulla presenza/assenza degli affetti più cari, con un finale degno del miglior Sordi.
MEMORABILE: Il primo tragitto in auto nella palude; Il dialogo con Infanti.

Scarlett 29/01/16 01:55 - 307 commenti

I gusti di Scarlett

Dopo gli esordi di Verdone, Sordi confeziona questo piccolo tributo per il suo personaggio affrontandolo astutamente come un passaggio di consegne e di fatto il duo tra il mostro sacro in azione e la stella nascente funziona talmente bene che si lasciano perdonare i tanti cliché. Esilaranti alcune scene, altre piuttosto scontate e forse un po' pretestuose, ma ciò non toglie che si ha davanti un ottimo prodotto.

Taxius 21/01/17 23:42 - 1634 commenti

I gusti di Taxius

Un figlio bacchettone, moralista e tontolone con la mania per i gabbiani e un padre donnaiolo e amante della vita in un viaggio on the road insieme in cui ne combineranno di tutti i colori. Il film non è male ma procede a fasi altere, in quanto si alternano momenti spassosi ad altri assolutamente soporiferi. La trama è simpatica e i due protagonisti sono molto affiatati, ma al film manca qualcosa per essere considerato davvero riuscito. La visione comunque è gradevole.

Pessoa 22/01/17 15:39 - 1023 commenti

I gusti di Pessoa

Doveva essere il passaggio di consegne fra il re e il principe della comicità romanesca, ma Verdone appare stranamente bloccato e Sordi approfitta di alcuni buchi della sceneggiature per "cannibalizzare" il film, come spesso gli accadeva. Si salva la parte iniziale, in cui alcuni simpatici scambi di battute fanno sorridere, ma poi Verdone non riesce a dare la svolta al suo personaggio e l'espressione da fesso gli rimane appiccicata fino alla parola fine. Buone prove della Angelillo, della Calandra e del grande Angelo Infanti.
MEMORABILE: Sordi che cerca di trattenersi, senza successo, dall'imprecare sulla strada sconnessa mentre Verdone imita gli uccelli.

Medicinema 23/01/17 23:22 - 83 commenti

I gusti di Medicinema

Padre e figlio sul set, e idealmente il secondo successore del primo nell'Olimpo della commedia all'italiana, Sordi e Verdone si giocano ai punti questa "road-comedy"; è il primo a prevalere, più gigione, più mattatore, più protagonista, rispetto a un Verdone troppo legato a un ruolo-macchietta che alla lunga stroppia. Nonostante i due pezzi da novanta, la pellicola procede a scossoni, ed è proprio il "figlio" a rallentarla maggiormente (Verdone anche in futuro patirà le "spalle" maschili). Film incompiuto e caratteristi impalpabili.
MEMORABILE: Le continue imitazioni ornitologiche di Verdone.

Deepred89 3/02/17 13:29 - 3237 commenti

I gusti di Deepred89

Un po' Un italiano in America e un po' Il sorpasso, una commedia on the road senza particolari idee né trovate, con Sordi e Verdone che riprendono con scarsa inventiva due dei loro personaggi più caratteristici. I due mattatori che interagiscono a briglia sciolta regalano i momenti migliori del film, ma più i due si allonanano dall'inquadratura (si pensi alla scena della spiaggia) più la noia rischia di fare capolino. Realmente degna di lode solo la partitura di Piero Piccioni, che realizza uno dei più bei temi della sua sterminata carriera.

Alex75 23/10/17 13:27 - 653 commenti

I gusti di Alex75

L’incontro tra uno dei “colonnelli” della commedia all’italiana e uno dei suoi più accreditati eredi delude le aspettative: dopo una partenza frizzante, il film si ingolfa nei tipici difetti delle regie sordiane (la lentezza e il compiacimento), amplificati dall’eccessiva lunghezza e da situazioni fruste; del resto, nemmeno Verdone sembra troppo convinto. Peccato, perché alcuni scambi verbali tra i due protagonisti sono davvero vivaci, degni di un ideale “passaggio di consegne”.

124c 14/11/19 00:32 - 2747 commenti

I gusti di 124c

Qualcuno definì il primo Carlo Verdone come l'erede di Alberto Sordi, tanto che l'attore romano lo volle davvero come figlio in questo suo film. Il risultato è altalenante, con Verdone che interpreta il ruolo del bambinone (assai ricorrente, perché riuscito, nei suoi primi lavori). Sordi sembra divertirsi a interpretare uno scapolone ultra-cinquantenne flirtando con la bella Edy Angelillo. Road movie non perfetto come si crede ma decisamente migliore di Troppo forte, dove Sordi ricambierà la cortesia recitando per Verdone (che in quel ruolo voleva, però, Leopoldo Trieste).

Keyser3 8/04/20 18:36 - 81 commenti

I gusti di Keyser3

I fasti degli anni Sessanta sono lontani, ma tutto sommato questa commedia on the road fa il suo dovere. Sordi, ossessionato dal sesso, pigia forte sulle volgarità e Verdone gli fa dignitosamente da spalla, tratteggiando il suo solito personaggio dalla spiccata ingenuità/infantilismo. A tratti si ride di gusto e alla fine è ciò che importa veramente, in questo genere di pellicole.
MEMORABILE: Verdone che fa il verso dell'uccello e Sordi al telefono con l'amante.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 24/12/13 16:50
    Consigliere - 43745 interventi
    Samuel, no fotogrammi fino al 27, l'avevo scritto e ti avevo chiamato...
  • Homevideo Ruber • 16/06/14 22:52
    Compilatore d’emergenza - 8902 interventi
    E uscito! http://www.amazon.it/Viaggio-Con-Papa-Alberto-Sordi/dp/B00IEFX28K/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1402950775&sr=8-1&keywords=in+viaggio+con+pap%C3%A0 Extra: "In viaggio con Alberto" Carlo Verdone racconta, trailer. I dati del dvd sono uguali a quelli del dvd uscito con la Gazzetta 2 anni fa, ma la cover del dvd è quella originale mentre quella uscita in edicola e artefatta.
    Ultima modifica: 17/06/14 14:17 da Ruber
  • Homevideo Zender • 17/06/14 08:05
    Consigliere - 43745 interventi
    Era ora maledizione! Anche se ormai si aspettava il bluray...
  • Homevideo Markus • 17/06/14 08:23
    Scrivano - 4784 interventi
    Ho il dvd da edicola.
  • Homevideo Xtron • 31/07/14 10:50
    Galoppino - 1828 interventi
    Ecco il dvd MUSTANG Audio e sottotitoli in italiano Formato video 1.85:1 anamorfico Durata 1h49m12s Extra Trailer, intervista a Carlo Verdone di quasi un'ora Un'immagine dal dvd (si trova al min. 65:50)
    Ultima modifica: 31/07/14 15:18 da Zender
  • Curiosità Markus • 26/10/14 17:28
    Scrivano - 4784 interventi
    Nel film Carlo Verdone si presenta in casa del padre Alberto Sordi e sul comò della sua camera da letto c'è un flacone della eau di cologne "Green Water" della "Fath":
  • Discussione Samuel1979 • 24/03/16 22:43
    Call center Davinotti - 2927 interventi
    Zender ebbe a dire: Noto l'ennesimo Piero Piccioni... Con chitarrista improvvisato per strada in corrispondenza dell'attacco di chitarra il chitarrista improvvisato è Carmine Faraco,
  • Discussione Il Dandi • 12/03/18 01:00
    Contratto a progetto - 1423 interventi
    Ho riconosciuto l'attrice che interpreta la turista olandese con la quale Sordi "si sacrifica" facendola dormire insieme a lui nella sua cabina sulla nave: Ivana Milian, qui sotto in copertina di Skorpio n. 23 del 1983.
  • Discussione Ruber • 12/03/18 17:10
    Compilatore d’emergenza - 8902 interventi
    E' Milan e non Milian. Inoltre Dandi si sapeva, poichè già presente nel cast del film su imdb: http://www.imdb.com/name/nm0586781/ Invece io sto cercando un altra comparsa del film in questione, ossia la ragazza che all'inizio nell' hotel in Toscana è a bordo piscina, si alza mentre padre e figlio discutono sul balcone dell'hotel. Essendo proprio una comparsa non ce nel cast e non compare il suo nome da alcuna parte.
    Ultima modifica: 12/03/18 17:12 da Ruber
  • Curiosità Kanon • 12/06/19 19:43
    Pulizia ai piani - 804 interventi
    La chitarra elettrica che utilizza Carmine Faraco durante il film è una Eko M-24, mentre l'amplificatore inquadrato è un Eko SC800. Entrambi prodotti e costruiti in Italia: