LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/08/07 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 10/08/07 19:04 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Saporosa variatio nel cinema di Castellari, che costruisce una commedia con venature satiriche sulla trama della guerra di Troia, pur senza rinunciare alle sue inconfondibili scene d'azione (botte, inseguimenti, sparatorie) condotte dall'energumeno Michael Forest-Achille e dai suoi Mirmidoni motorizzati. Sopraffino e divertito il cast all-stars, in cui la fanno da padrone l'intrallazzatore Salce, l'austero De Sica, il callido Giannini-Ulisse e i due imbranati re Giuffrè-Agamennone e Caprioli-Menelao; tra gli avventori dell'osteria di questi ultimi, anche l'ex bambino di Germi Edoardo Nevola.
MEMORABILE: L'inseguimento automobilistico, con tanto di rewind; l'ira di Achille; l'incendio della "Troika".

Caesars 7/01/09 09:12 - 2689 commenti

I gusti di Caesars

L'idea di partenza poteva anche essere divertente, rifare la guerra di Toia (in questo caso di Troika, dal nome della casa di appuntamento di proprietà di Ettore che è però nelle mire della chiesa per una speculazione edilizia) in chiave umoristica ed ambientandola ai giorni nostri. Il risultato finale è però deludente, nonostante Castellari riesca a tenere alto il ritmo inserendo anche alcune sequenze d'azione degne di lui. Il divertimento latita e il notevole cast attoriale a disposizione risulta decisamente sprecato.

R.f.e. 19/04/10 13:04 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Vista da ragazzino, questa sorta di reinterpretazione parodistica e moderna della guerra di Troia mi aveva divertito parecchio. Devo ammettere che rivista da adulto - qualche tempo fa è stata ritrasmessa, dopo anni d'oblio, su Rete 4 - l'ho molto ridimensionata. La trovo comunque ancora godibile, anche in virtà della bella compagnia d'attori che coinvolge (Caprioli, Giuffré e Salce sopra tutti), molti purtroppo non più fra noi. Impagabile Giancarlo Prete nel ruolo di un Patroclo gay (detto "Clo-Clo") doppiato da Pino Locchi con voce acconcia!

B. Legnani 27/10/12 14:05 - 4717 commenti

I gusti di B. Legnani

Altissima sproporzione fra livello del cast e resa del film, purtroppo con saldo negativo. Interpretazioni mediocri, specialmente per colpa della sceneggiatura. Alla fine dei conti regge solo Vittorio De Sica, godibile nell'interpretare un cardinale, anche se lo fa solo per il cachet. Trama caotica, troppi personaggi, scene di azione solo talora funzionanti. Ma il peccato più grosso, per un film che vuole far ridere, è quello di non far neppure sorridere. A essere molto larghi si arriva a *½...
MEMORABILE: Orchidea de Santis (nell'ennesima sua parte da battona) ha sempre un suo perché.

Pinhead80 28/11/12 19:53 - 3942 commenti

I gusti di Pinhead80

Confusionaria commedia "castelliana" che cerca di riproporre in chiave moderna le fasi salienti che hanno portato alla mitica guerra di Troia. Il risultato è un pasticcio totale che manda in confusione lo spettatore già a partire dai nomi dei protagonisti. A peggiorare le cose ci si mette anche l'eccessiva durata del film. Difficile trovare qualcosa o qualcuno che si possa salvare.
MEMORABILE: "Achille" che impazzisce in treno e sfascia tutto.

Galbo 24/01/13 20:03 - 11379 commenti

I gusti di Galbo

Titolo atipico nella filmografia di Castellari; si parla di clero, case di appuntamenti e speculazione edilizia, nel tentativo di attualizzare la mitologia, rielaborandola in chiave moderna. Il risultato è però abbastanza confusionario. Il regista fatica a sfruttare il buon cast a disposizione, si destreggia bene nelle scene d'azione, ma per il resto la pellicola è ingarbugliata e troppo ricca di personaggi. Un po' di sintesi avrebbe giovato.

Gabrius79 1/08/16 01:55 - 1192 commenti

I gusti di Gabrius79

Ritmo e azione sono ben miscelati da Castellari, ma nonostante il dispiegamento di un super cast si ha un risultato assai deludente. Questo è dovuto alla scarsa brillantezza della sceneggiatura, che regge poco e spesso fa acqua da tutte le parti. Da Giannini a De Sica passando per Caprioli, Salce, Valeri e Giuffrè vediamo veramente la sagra dello spreco. Peccato.

Samdalmas 20/04/18 16:46 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

La guerra di Troia rivista e corretta ai giorni nostri in un film comico di Castellari. Il cast stellare include un subdolo Giannini-Ulisse, Caprioli-Menelao cornuto e addirittura De Sica-Giove. La bella Elena è una Schiaffino in hot pants. Purtroppo non era il genere adatto al regista, che dà infatti il meglio di sé negli inseguimenti (dove ritorna ai livelli dei suoi polizieschi). Merita un visione più che altro per gli attori coinvolti.
MEMORABILE: Elena ninfomane scatenata.

Noodles 3/07/19 16:23 - 844 commenti

I gusti di Noodles

Enzo Castellari si conferma maestro nelle scene d'azione, un po' meno quando si tratta di quagliare e di togliere fuori un film veramente degno. E infatti l'unica cosa che si salva sono le scene d'azione, peraltro eccessive in una pellicola come questa. Il resto è una baraonda di personaggi, inquadrature e dialoghi a cui è difficile dedicare più di cinque minuti d'attenzione. L'idea di base della guerra di Troia in salsa moderna ci stava, ma l'occasione è stata sprecata. Idem il cast.

Rufus68 18/02/20 23:04 - 3076 commenti

I gusti di Rufus68

La commistione fra parodia pecoreccia e ricchezza debordante del cast (assolutamente incredibile la varietà fra caratteristi d'eccezione e vecchi leoni) risulta quasi grottesca. La satira sull'attualità lascia il tempo che trova e si sprecano allusioni e battutine da trivio (Cassandra-Scocciandra, Re-Becco, la guerra di Troika), ma vedere la Valeri e De Sica in un ruolo minuscolo e Caprioli-Menelao non ha prezzo (mezzo pallino in più, diciamo). Bravo pure Giannini.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Caesars • 13/04/10 13:17
    Scrivano - 10681 interventi
    "Il drittone" è il titolo con il quale il film ri-uscì nei cinema a metà degli anni '70 per sfruttare la popolarità raggiunta da Giancarlo Giannini (era pratica assai diffusa, all'epoca, quella di rieditare i film modificandone il titolo). Nel film in questione però i manifesti/flani riportavano entrambi i titoli (anche se il più recente molto più in evidenza di quello originale).