Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/08/07 DAL BENEMERITO DUSSO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Dusso 9/08/07 12:14 - 1548 commenti

I gusti di Dusso

Molto deludente questo decamerotico, girato con bassissimo budget ed interni praticamente "teatrali". La storia davvero esile se riesce a tenere bene per 50 minuti (anche gradevoli) poi stufa davvero molto e culmina in un "finalaccio". Cast che comprende le divine Rosalba Neri e Erika Blanc, oltremodo sprecate.

Undying 15/08/07 15:20 - 3814 commenti

I gusti di Undying

Gicca Palli tentò di inserirsi nei filoni cinematografici italiani e percorse (per l'ultima volta dopo questo curioso decamerotico) pure la strada dell'Eros-Svastica con Liebes Lager (titolo, del ciclo Nazi, più orientato alle nudità delle prigioniere che non alla violenza). Per tornare al film schedato, oltre all'interesse suscitato (essenzialmente) dalle piacevoli interpreti, nel cast si ritrova Pupo De Luca, in quel periodo presenza costante del genere boccaccesco. Pur essendo poco curato dal punto di vista dei dialoghi, ha un suo carisma.

Daidae 27/01/12 23:04 - 2941 commenti

I gusti di Daidae

Ecco uno dei tanti, troppi e inutili decamerotici, sottogenere del film di genere (perdonate il gioco di parole) Anni Settanta. Questo, nonostante il validissimo cast (che vede attori rodati come Foà e la coppia Blanc-Neri sul versante femminile), è uno dei film più noiosi e vuoti che mi siano capitati. Scadente sul versante erotico, ancora peggio su quello della commedia.

Homesick 22/03/12 17:18 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Pur fedele alle allegre tresche decamerotiche, la proposta di Gicca si differenzia per una densità di riferimenti storici alla Roma del ‘300 che rinviano diritti a fatti e problemi dell’Italia contemporanea: l’eterno potere temporale dei papi, la contestazione, il femminismo, la dialettica marxista e persino la critica letteraria, che spesso attribuisce significati arbitrari ai versi dei poeti. Tolto l’impacciatissimo Mann (la commedia decisamente non fa per lui), tutti gli attori centrano i loro personaggi, in particolare l’imperioso Sciarra Colonna di Foà e lo svenevole Petrarca di Ammirata.
MEMORABILE: «E quando mai Roma si libera del dominio del papa?»; Foà colpito da uno schiaffo: «Uno schiaffo a me? A Sciarra Colonna?!...La vendetta del papa!!!».

B. Legnani 5/04/16 21:51 - 5196 commenti

I gusti di B. Legnani

Davvero un peccato che a poco più di metà film le idee scarseggino bruscamente e che si debba ricorrere ad ogni mezzo, comprese trovate da vecchie comiche, per arrivare a quota un'ora e mezza. Peccato, perché fino ad allora si notava un chiaro distacco dal livello medio dei decamerotici, grazie ad un cast niente male (addirittura Foà), a qualche azzeccato riferimento contemporaneo e, al di là delle citazioni letterarie vistose, a trovate veloci inserite qua e là nei dialoghi (compresi Manzoni e Mussolini). Protagonista moscetto. Perfetto Pupo De Luca. Fra le donne risalta la bionda Marchall.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.