LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Prendendo spunto dal contingente dibattito sul divorzio che porterà anche in Italia la legge relativa, Sordi regista confeziona in velocità un film sul tema e si piazza come protagonista ricordandoci il Chaplin dello splendido MONSIEUR VERDOUX. Purtroppo il nostro Albertone non ha le stesse capacità (perlomeno registiche) del grande Charlot e il risultato è un continuo dibattersi tra un’amante e l'altra che alla lunga (e il film dura oltre due ore) stanca, soprattutto per una ripetitività dovuta a una sceneggiatura non certo memorabile. Sordi attore invece dimostra la consueta impeccabile padronanza di uno stile ormai consolidato che nel personaggio del playboy gentiluomo trova...Leggi tutto modo di esprimersi al meglio. Mancano però il mordente, lo spunto satirico, la sagacia e l'intelligenza che altri registi avrebbero potuto aggiungere a un film che, tutto sommato, scorre via senza comunicare granché. Troppo superficiale l’analisi dei personaggi femminili (se si eccettua forse la Anna di Giulietta Masina, il cui merito è però solo e esclusivamente dell'attrice), troppo negativa e quasi offensiva quella dei personaggi maschili al di fuori del padre-padrone Sordi (il maggiordomo è omosessuale, il contabile cornuto e contento nonché succube di soldi, il Barone funge evidentemente da ripiego per una Giulietta Masina delusa). Tutti ai piedi del protagonista, insomma, schizzato dall'autore con tratti di eccessivo ed evidente autocompiacimento. Dedicato soprattutto ai tanti Casanova che in Italia ameranno ritrovarsi nel personaggio di Sordi.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Atter 6/11/07 17:58 - 9 commenti

I gusti di Atter

No, non ci siamo. Dopo il divertente Fumo di Londra quest'opera seconda di Sordi non riesce a farci divertire. Un guazzabuglio di attrici (la Masina, la Pitagora, la Eckberg, perfino Bibi Anderson di bergmaniana memoria) per una vicenda banale con un titolo terrificante e un intro-inchiesta con la Sampò evidentemente aggiunti all'ultimo momento. Uno dei peggiori film d'Albertone in un film che rimane nella storia solo per l'incredibile cameo di Dario Argento nei panni di un pretino!
MEMORABILE: Sordi riceve un alto prelato accompagnato da due pretini.... uno dei quali è Dario Argento!

Galbo 9/10/09 05:56 - 11728 commenti

I gusti di Galbo

Seconda regia di Alberto Sordi, Scusi, lei è favorevole o contrario? è un film fortemente centrato sull'attualità (la discussione sulla legge del divorzio, approvata nel 1970). Come spesso accade per i film dell'attore romano, anche questo mostra evidenti lacune sul piano registico e il film risulta alla lunga godibile grazie sopratutto alle doti del Sordi attore, istrionico come nei suoi film migliori e simpaticamente cialtrone nei panni del marito fedifrago che ipocritamente si oppone al divorzio.

Dortmunder 9/12/10 01:20 - 4 commenti

I gusti di Dortmunder

Film godibile ma troppo lungo, quanto di buono è oltremodo diluito... Il film pare non prende posizione, evidenzia i problemi di coppia ma sottolinea anche la sostanziale solitudine del mandrillo impenitente con l'imbarazzo della scelta ma che, a tarda notte, si ritrova solo senza amanti disponibili. Restano il fascino di Silvana Mangano, lo score di Piero Piccioni e, ovviamente, la verve inesauribile di Albertone, che dedica a ogni donna un giorno della sua interminabile settimana.
MEMORABILE: La scena del night club.

Max92 24/05/11 18:10 - 104 commenti

I gusti di Max92

Incentrata sul tema del divorzio, è una gretta commedia di grana grossa nella quale le risate sono affidate alle trite e ritrite battute contenute nella sgangherata sceneggiatura scritta da Sergio Amidei e dallo stesso Sordi. Il chilometrico cast comprende anche grandi nomi, anche se l'unica ventata di simpatia è portata da Maria Cumani, alla quale tuttavia ben poco spazio è concesso all'interno della pellicola. Incredibile come tutti i personaggi maschili (eccetto Conforti, prego!) finiscano per fare la figura dei cretini felici di esserlo.
MEMORABILE: Tina Aumont (riferendosi alla Mangano) dice a Sordi: "Ma che fai? Vai con la vegliarda?"

Rambo90 6/02/12 01:54 - 6925 commenti

I gusti di Rambo90

Un po' troppo lungo, visto l'esilità dell'intreccio, ma comunque vedibile. Sordi attore è in gran forma e in alcuni momenti è davvero simpaticissimo, ma anche il nutrito cast femminile non è da meno (soprattutto le grandi Mangano e Masina). Il problema è la regia inesperta di Sordi, che fatica a trovare un ritmo scorrevole e accettabile, ritmo che in alcuni momenti tende a incepparsi troppo. Alti e bassi.

Lucius 19/07/14 14:02 - 2948 commenti

I gusti di Lucius

Pur con qualche incongruenza l'ho trovato più maturo rispetto ad altri film interpretati da Sordi. La verve dell'attore è sempre presente, mentre la sua comicità risulta evidente solo in alcune scene (quelle in cui è richiesta). Si avverte un tentativo di elevarsi, artisticamente parlando. La Ekberg buca lo schermo, mentre la prova della Mangano risulta acerba. Cast molto variegato e interessante e una sceneggiatura a metà strada tra il sociale e il politico. Da rivedere ma non da buttare.

Homesick 24/07/14 17:07 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Molte regie di Sordi hanno d’impaccio la prolissità; anche in questo caso si superano le due ore, ma il gran numero di variopinti personaggi e di situazioni permette alla commedia di scorrere veloce, leggera e distensiva, rimproverando bonariamente il predicar bene e razzolar male di chi si dichiara antidivorzista. Alla sua vasta collezione di tipologie umane Sordi aggiunge il ritratto di “Tulliaccio”, abile affarista e donnaiolo incallito, affiancato da eccelsi comprimari (dall’ autoritaria Masina al mite Pisu) e dalla brillante spalla Walter, fedele maggiordomo anglosassone.
MEMORABILE: Le interviste della Sampò sul divorzio; le stoffe per il prelato; Sordi che si sbarazza della partita di pantaloni rifilandoli ad un’Opera Pia.

Deepred89 8/06/16 16:50 - 3429 commenti

I gusti di Deepred89

Un insolito incipit da film-reportage sul tema del divorzio promette tocchi di originalità che questa semi-disastrosa commedia non riesce lontanamente a mantenere. La confezione è buona e salva il film dallo sfacelo totale, ma il soggetto (le avventure di Sordi seduttore, per quanto formalmente sposato) è di una pochezza disarmante e non lo riabilitano né la verbosa e lentissima sceneggiatura né il sorprendente gineceo, in cui spicca, per bravura, la Masina. Albertone, a ruota libera, stavolta non incide. Mediocrissimo.

Il Dandi 22/01/18 05:43 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Il reportage del prologo in stile Comizi d'amore sembra promettere un film che purtroppo non c'è: nel tentativo di cavalcare l'onda del dibattito d'attualità sul divorzio Sordi non riesce ad andare oltre la solita goliardica tirata d'orecchi all'ipocrisia del borghese cattolico che in realtà mantiene più famiglie in parallelo. Riciclo degli anni '50 e, quel che è peggio, non fa nemmeno ridere. Solo per completisti o per curiosi delle epifanie stracult (Dario Argento, Eugene Walter, Marina Morgan, Enza Sampò...).
MEMORABILE: I rimproveri al maggiordomo.

Gabrius79 21/06/20 21:19 - 1280 commenti

I gusti di Gabrius79

Film piuttosto piacevole grazie a un Sordi attore in forma (il Sordi regista lo è un po' meno) e a un nugolo di donne che ruotano attorno alla sua figura. Tra di loro spiccano un’ottima Masina e una ammaliante Mangano, le altre risultano più deboli. L’eccessiva lunghezza della pellicola non giova molto, ma Sordi sa il fatto suo e porta a termine il suo compito di Dongiovanni. Curiose apparizioni per Enza Sampò e per i giovani Laura Antonelli e Dario Argento (che fa il prete). Piacevoli musiche di Piero Piccioni e buona fotografia.

Alberto Sordi HA RECITATO ANCHE IN...

Paulaster 15/10/21 09:36 - 3370 commenti

I gusti di Paulaster

In ambiente politico si discute sulla possibilità di istituire il divorzio. Tema familiare in cui Sordi approfitta per fare la sua critica da cattolico (anche se razzola male). La commedia evita le battute gratuite e si concentra sul personaggio del protagonista e della sua specie di “harem” di frequentazioni. A livello registico non dispiace, anche se manca una sceneggiatura strutturata e qualche licenza libertina appare forzata nella realtà. Anche la conclusione chiude stancamente le varie sottotrame. Sordi è in gran forma e sembra che si diverta molto (specie con la Mangano).
MEMORABILE: Sordi che sul posto di lavoro dispensa ordini; Sordi che fa il farfallone in terrazza; Il maggiordomo inglese.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Tersilli • 3/08/15 09:36
    Galoppino - 123 interventi
    Zender, quindi bisognerebbe mettere tra le note che la sceneggiatura è anche di Dario Argento.
    Ultima modifica: 3/08/15 09:38 da Tersilli
  • Discussione Zender • 3/08/15 15:07
    Consigliere - 45088 interventi
    Non so, vorrei avere qualche conferma della cosa, veramente, perché non è mai citato come sceneggiatore di questo film.
  • Discussione Tersilli • 3/08/15 17:43
    Galoppino - 123 interventi
    Infatti mi sono meravigliato anch'io, però è accreditato anche su imdb. Poi riguardando il film c'è una battuta che mi ha fatto pensare che l'avrebbe potuta scrivere lui: quella che dice Franca Marzi riguardo al "macabro"...

    Metto qui sotto il link di Wonderland:
    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-7dda986f-f6a2-4d86-9a08-e32b1c9ccca3.html
  • Discussione Tersilli • 3/08/15 17:44
    Galoppino - 123 interventi
    Ma non si potrebbe chiedere a Dario Argento stesso?
    Credo che qui sul forum qualcuno lo conosca, ho visto il libro delle location.
    Ultima modifica: 3/08/15 17:46 da Tersilli
  • Discussione Zender • 3/08/15 19:39
    Consigliere - 45088 interventi
    In effetti è vero. Ok, mettiamolo.
  • Curiosità Zender • 22/01/18 17:34
    Consigliere - 45088 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Discussione Bakuryu82 • 23/02/20 16:15
    Disoccupato - 4 interventi
    Buon pomeriggio a tutti vedendo questo film ho notato un personaggio: nella scena del party dalla Contessa, nella danza della madre della Contessa quello che suona il violino è lo stesso attore che interpreta il capo del villaggio gemellato con Brescello in “Il Compagno Don Camillo”? Buona domenica a tutti
  • Discussione B. Legnani • 23/02/20 18:37
    Consigliere - 14382 interventi
    Bakuryu82 ebbe a dire:
    Buon pomeriggio a tutti vedendo questo film ho notato un personaggio: nella scena del party dalla Contessa, nella danza della madre della Contessa quello che suona il violino è lo stesso attore che interpreta il capo del villaggio gemellato con Brescello in “Il Compagno Don Camillo”? Buona domenica a tutti

    https://www.imdb.com/name/nm0331943/?ref_=tt_cl_t12

    Confermo a 20'34'' https://www.youtube.com/watch?v=E_lBkaCBCSw
    Ultima modifica: 23/02/20 18:41 da B. Legnani
  • Discussione Voxson • 13/07/20 12:31
    Galoppino - 4 interventi
    Piccola parte anche per la futura annunciatrice RAI  Marina Morgan, commessa della ditta Conforti...che 'qui non lo deve mai riconoscere"

    https://youtu.be/qWKY20gTmD8?t=1906
  • Discussione Max73 • 15/10/20 17:50
    Galoppino - 24 interventi
    Voxson ebbe a dire:
    Piccola parte anche per la futura annunciatrice RAI  Marina Morgan, commessa della ditta Conforti...che 'qui non lo deve mai riconoscere"

    https://youtu.be/qWKY20gTmD8?t=1906

    Che, guarda caso, appariva pure lei, nel ruolo di Irma la giostraia, nel già citato film Il compagno Don Camillo !