Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

È difficile che il seguito di un film sia migliore dell'originale, ma nel variegato mondo dei B-movies non è così infrequente. Dipende dalla velocità con cui vengono realizzati, senza esclusione, che siano prototipi o sequel. Nel caso della breve serie di James Tont (lo 007 interpretato dal valente Lando Buzzanca) è accaduto proprio che questo secondo capitolo, più brioso e spiritoso (soprattutto nella prima parte, perché poi si scivola nel già visto), sia uscito meglio del primo. Merito forse di un Buzzanca in buona forma, che specialmente quando si traveste da “beatnik” (i capelloni londinesi) riesce a esprimere il meglio di sé: la cena in casa di Glenda, una...Leggi tutto biondona amante della sporcizia e della decadenza, è davvero azzeccata e permette all'attore siciliano di dimostrare quanto sappia divertire senza per forza strabordare. Simpatiche anche le consuete trovate da agente segreto: un reagente chimico, da infilare nel naso, che provoca un immediato starnuto al contatto con sostanze radioattive, un mitra nascosto nel tacco di una scarpa, i canini al tungsteno per segare le sbarre, due mini-bombole a ossigeno da mettere in bocca per respirare sott'acqua, due micro-pistole nascoste nelle orecchie che si ricaricano tirandosi le medesime e altre diavolerie. L'intreccio spionistico è questa volta meno invadente, così da lasciare più spazio all'aspetto comico. Non è, come in fondo non lo era nemmeno il primo capitolo, una parodia sbracata alla Franco e Ciccio quanto piuttosto una rilettura (a modo suo intelligente) del mito del super-agente segreto.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 23/03/07 09:02 - 2992 commenti

I gusti di Caesars

Negli Anni Sessanta era di moda, in Italia, parodiare tutti i film di grande successo. Ed ecco dunque Lando Buzzanca vestire i panni dell'agente James Tont in un paio di film usciti a cavallo tra il 1965 e 1966. Questo secondo capitolo non regala certo trovate particolarmente sagaci ma, se non si hanno troppe aspettative, qualche lieve sorriso lo può anche strappare. Al giorno d'oggi un film del genere è impensabile e, pur restando un prodotto decisamente modesto, un pizzico di nostalgia la richiama.

B. Legnani 18/05/08 21:22 - 4950 commenti

I gusti di B. Legnani

Malriuscito, tirato un po’ via (il mare delle Canarie immoto come uno stagno...). Qualche sorriso lo strappa, ma davvero non è divertente. Parte benino (congresso mondiale degli agenti segreti, a Ginevra...), ma già nella prima fase (nonostante qualche carineria: il nemico, anziché a golf come Goldfinger, gioca a croquet) si allunga in scenette riempitive, con scarso nesso con la vicenda successiva. Alcuni riferimenti sono oggi incomprensibili (la spia isaraeliana, per esempio, si riferisce al "baule" a Fiumicino del novembre 1964).
MEMORABILE: La situazione 24.

Il Gobbo 22/09/08 19:24 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Carino e basta. Qualche buona idea in mezzo a un discreto cumulo di sciocchezze, per di più rigorosamente low cost (i titoli di giornale incollati sui quotidiani veri, i cavi visibilissimi nella scena del palloncino... ). Buzzanca è bravo e a tratti irresistibile (il beatnik... ) ma il plot ha il fiato corto nonostante la pletora di sceneggiatori (ma quanti ci avranno messo davvero un'idea?). Gustosa la convention di spie con rivendicazioni pensionistiche tipo legge Bacchelli.

124c 13/03/10 11:37 - 2812 commenti

I gusti di 124c

Torna in azione l'agente James Tont, al secolo Giacomino Tontolini (Lando Buzzanca), questa volta in una parodia del film Agente 007 - Thunderball operazione tuono. Stavolta niente canzoni con Alighiero Noschese, ma una trama più da film di spionaggio, per un James Tont che lavora anche in incognito travestito come un hippie. Commediola italiana che segue la strade di altre pellicole nostrane anni '60. Lando Buzzanca non è certo divertente come Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, purtroppo.
MEMORABILE: Il caratterista Geoffrey Copleston, doppiato dal grande Renzo Palmer, nel ruolo del capo di Tont.

Ronax 19/11/11 01:17 - 972 commenti

I gusti di Ronax

Seconda e ultima avventura di James Tont alle prese con il solito pazzoide che vuole addirittura far esplodere San Pietro. Non è comunque fra le migliori parodie bondiane: la storia non prende, le risate latitano e i trucchetti di Tont non sono così mirabolanti e scoppiettanti come nel Flit di Vianello. Abbastanza divertente la parte nella Londra dei beatniks con Buzzanca travestito da capellone. La biondissima France Anglade è un gran bel vedere (cosi come la nostrana Murgia e la Lange) ma si vede troppo poco e purtroppo sempre vestitissima.
MEMORABILE: Il congresso degli agenti segreti con le rivendicazioni sindacali di questi ultimi.

Loris Gizzi HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Markus • 24/03/15 17:58
    Scrivano - 4814 interventi
    James Tont (Lando Buzzanca) rigenera corpo e mente grazie al bagnoschiuma Badedas all'estratto di castagna d'India. A destra una pubblicità degli Anni '60 (fonte Prestigiosa Collezione Cartacea Markus).