La casa dei 1000 corpi - Film (2003)

La casa dei 1000 corpi
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: House of 1000 Corpses
Anno: 2003
Genere: horror (colore)
Regia: Rob Zombie
Note: Aka "La casa dei mille corpi", seguito da "La casa del diavolo".

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Si è sentito dire da più parti che il vero remake di NON APRITE QUELLA PORTA fosse questo e non il semi-contemporaneo remake ufficiale firmato da Marcus Nispel. Da noi HOUSE OF 1000 CORPS è uscito in ritardo di un anno, confuso tra le tante splatterate estive senza molte pretese, ben accolto da certa critica pronta a salutare un nuovo talento capace di sedurre così tanti spettatori d'oltreoceano. In realtà, pur se non si può non ammettere di avere a che fare con un horror ricco di momenti riusciti, di maschere repellenti, di colori folgoranti, di trovate sceniche...Leggi tutto ed effetti macabri spettacolari, HOUSE OF 1000 CORPS è inferiore al remake ufficiale per un semplice motivo: manca di una regia vera. Rob Zombie, fin qui leader della techno-metal band White Zombie (sua ovviamente la tonitruante colonna sonora), si aggrappa a esperienze visive di ogni genere (derivate perlopiù dai videoclip o dalle sperimentazioni di registi come Stone o Tarantino) per mascherare l'inesperienza. E se la cosa funziona per la prima mezz'ora (molto belle le scene dal benzinaio matto interpretato sadicamente dall'ottimo Sid Haig) e poi ancora a sprazzi in alcune occasioni, nel complesso il film ha il fiato corto: procede per accumulo, sommando scena a scena senza seguire un seppur minimo filo logico e finendo inevitabilmente per annoiare. Data l’estrema sciocca gratuità dell'insieme è inoltre facile che lo spettatore “normale” arrivi a stupirsi per come possano piacere film simili. Invece, grazie alla cura per i particolari, alla rimodernizzazione poderosa di tematiche “vintage” diventate ormai classiche, a fotografia, musiche e scenografie notevolissime, ci si può divertire.

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 27/02/07 18:58 - 5320 commenti

I gusti di Puppigallo

Rob Zombie è un grezzo talentuoso, a volte esageratamente caricaturale (la madre su tutti), ma ha una scintilla di creatività e pura perfidia che quando si accende rende indimenticabili personaggi come il clown gestore del museo degli orrori, o il gigantone sfigurato che compare a tavola all’improvviso lasciando di sasso i poveri ospiti, capitati nel posto sbagliato con le persone più sbagliate del mondo. Bella l’idea delle creazioni artistiche di carne. Ritmo pressochè costante e atmosfera subito pesante. Nel suo genere riuscito.

Stubby 18/03/07 12:33 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Sicuramente un bellissimo horror, forse penalizzato leggermente da un finale che lo rende poco realistico (fino a quel punto era una storia perfettamente credibile che poteva avere un fondo di verità). Probabilmente Tobe Hooper ha fatto scuola con il suo Non aprite quella porta, visto che per certi versi questa pellicola lo ricorda molto. Bravo bravissimo Rob Zombie: grande lavoro di sceneggiatura ma anche di regia. Questo film sarà superato dal sequel, migliore in tutto e per tutto.

Lercio 19/09/07 00:38 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Esordio al tritolo per Rob Zombie: un film che minuto dopo minuto si costruisce la definizione di cult. Gli attori sono estremamente affiatati e danno vita al rapporto vittima-carnefice che evoca il male più oscuro accompagnato da una poetica della violenza sublime. Inutile dire che la colonna sonora è da sturbo, mentre è doveroso sottolineare che la colonna sonora rimane solo un contorno grazie ad una grande abilità mostrata dal novello regista dietro la macchina da presa.

Undying 20/09/07 21:31 - 3807 commenti

I gusti di Undying

Il rockettaro Rob Zombie (il titolo del film è ripreso da una sua canzone) decide di saltare dietro la M.d.P. e dirigire una versione molto sporca e non ufficiale di Texas Chainsaw Massacre. Propone un nuovo nucleo familiare, composto da individui sporchi e cattivi, ma con una loro "etica sociale" e un concetto d'aggregazione che contrasta con la tendenza del "cittadino globale". Però, a discapito di una trama che sarà meglio sviluppata nel seguito, qui regnano il caos e la confusione, che raggiungono il massimo in un finale delirante e ultragore.

Il Gobbo 21/09/07 09:06 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Notevole: visionario, brutto sporco e cattivo, al contempo molto pianificato (nel ricreare un'estetica di riporto degli anni '70, che era frutto invece dei pochi mezzi a disposizione) e molto libero, soprattutto dai clichés del genere, coi quali gioca abilmente. Gran lavoro sulle atmosfere, il resto lo fa qualche gran gigione (il veterano blaxploitation Sid Haig) e la musica, del resto prima fonte di reddito dell'autore. Più che buono.

MAOraNza 22/01/08 12:52 - 249 commenti

I gusti di MAOraNza

Da uno come Rob Zombie, brutto sporco e cattivo, non ci si poteva che attendere un film che presentasse analogie con il carattere del proprio regista/scrittore. “La casa dei 1000 corpi” sembra un remake in LSD di Non aprite quella porta, dove i personaggi sembrano ancora più schizzati della norma, ricalcando però tutti i clichè del genere. Un vortice di citazioni, sangue e volontà di sfuggire a un finale scontato con l’inserimento della componente esoterica finale che non vuol dire quasi nulla. Tentativo fallito. Molto meglio il seguito.

Herrkinski 28/05/08 15:57 - 8215 commenti

I gusti di Herrkinski

Questo esordio del musicista Rob Zombie ha fatto parlare di sè, ma a mio avviso è una mezza sòla. Nonostante al primo impatto il film sembri una buona variante sul genere Texas Chainsaw Massacre, con ottime riprese in stile vintage '70 e uno stile molto schietto e realistico, ad una seconda visione mostra le sue pecche: sembra fondamentalmente finire troppo presto e dopo un inizio promettente la sceneggiatura sembra sfilacciarsi verso l'assurdo finale. PS: Il Dr. Satana mi sembra ispirato dal Freudstein fulciano...

Redvertigo 21/08/08 01:24 - 78 commenti

I gusti di Redvertigo

Dopo aver letto il parere entusiastico e quasi unanime del pubblico su quest'opera prima di Zombie, mi sono fatto l'idea che del film esistano 2 versioni, una completamente differente dall'altra. Si perché la versione che ho visto io è un banale e neanche tanto riuscito copia/taglia/cuci di situazioni viste e riviste nei classici del cinema horror, insomma un cliquet dietro l'altro. Ho fatto davvero fatica ad arrivare alla fine. Senza dubbio uno dei più brutti horror degli ultimi anni. Bocciato!
MEMORABILE: Il fondoschiena di Sheri Moon.

Bruce 2/12/08 09:29 - 1007 commenti

I gusti di Bruce

Horror fantastico, cioè ricco di fantasia ed immaginazione. Pur ispirandosi chiaramente a Non aprite quella porta, c'è tanta inventiva, ci sono personaggi nuovi ed indovinatissimi (dal mitico Capitan Spaulding a tutta la famiglia del Dr. Satana con mamma Firefly e i figli Otis e Baby) e una capacità notevole di mettere in immagini, suggestive anche dal punto di vista estetico, delle intuizioni forti (penso a tutta la parte nelle catacombe). La musica è ovvio ha un ruolo importante, ma è tutto a funzionare alla grande. Rob Zombie, abile ed arruolato.

Patrick78 15/01/09 12:04 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Ci sarebbe voluta una medium per notare le qualità registiche di Zombie, perché con questa accozzaglia di immagini nessuno avrebbe scommesso una lira sulla sua carriera. Un assurdo buco nell'acqua, un film nato vecchio con l'unica nota positiva in Sid Haig ed il suo Capitano Spaulding. Tentativi di imitazione dai più noti e celebrati Non aprite quella porta o Il tunnel dell'orrore, reminescenze di Motel Hell, innesti di humour demenziale, finale da bassissima macelleria. Non per niente lo stesso Zombie ne ha preso le distanze nel suo stupendo sequel.

Bill Moseley HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Non aprite quella porta - Parte 2Spazio vuotoLocandina MambaSpazio vuotoLocandina Pink CadillacSpazio vuotoLocandina La notte dei morti viventi

Sabryna 26/10/09 10:12 - 225 commenti

I gusti di Sabryna

La peculiarità principale di questo film (a parte i paragoni ripetuti con il solito The Texas Chainsaw Massacre) sta nel fatto che il regista, prima di pervenire al cinema, ha militato per anni nella musica. Rob Zombie sopperisce alla mancata tecnica registica tramite spunti da videoclip musicale ed effetti visivi a buon mercato quali l'utilizzo di filtri "inverti colore" e "bassorilievo". A volte, però, la semplicità premia: "La casa dei 1000 corpi" non sarà un horror da oscar, ma si presenta come un gradevole circo degli orrori.

Harrys 22/12/09 20:33 - 687 commenti

I gusti di Harrys

Quando la radicata passione e lo smanioso fanatismo incontrano l'irrequieta familiarità e la viscerale veracità potremmo trovarci dinnanzi ad un prodotto del genere. Rob Zombie ci regala un inequivocabile spaccato classicheggiante: perla del nuovo millennio. Anarchicamente monolitico, decora i tasselli del mosaico Non Aprite quella Porta con guarnizioni split-rock, reliquie audiovisive e interferenze cosmiche. Fotografia barocca (Mario Bava approverebbe) che si esalta nel fantasmagorico tunnel dei serial killer di Capitan Spaulding. ****

Greymouser 2/05/10 11:47 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Esordio fulminante per Rob Zombie (e rimarrà la sua performance migliore), in cui il rocker dimostra di possedere una grande passione cinefila e - soprattutto - il talento e le risorse per tradurla in pratica. Ci precipita così in un mondo incubico fatto di colori sporchi e pastosi, sangue e crudeltà, attraverso la composizione di scene barocche e morbose che restano impresse. Forse c'è più fumo che arrosto, ma è fumo di gran classe. Menzione particolare per Sid Haig e Sheri Moon, che danno vita a personaggi di rara efferatezza.

Onion1973 7/06/10 19:23 - 163 commenti

I gusti di Onion1973

Un gruppo di giovani finisce nelle grinfie di una famiglia di carnefici. Finalmente un horror come si deve, una trama grondante e una regia sfiziosa, dove il male è incarnato in cattivi realistici, una famiglia di psicopatici dalla morale distorta ma ben strutturata, lontano dalle solite icone vuote e commerciali (vedi Jason & company). Ma c'è spazio anche per un finale trascendente dove l'esoterismo è scusa per andare oltre la realtà, un po' più in là, dove finisce l'orrore e inizia un incubo senza senso e senza via di fuga. Grande l'orrido Sid Haig!
MEMORABILE: Il laboratorio sotterraneo del dr. Satana, ultras.

Manowar79 21/07/10 00:30 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

In base al criterio con cui è stato girato questo film, non è difficile affermare che chiunque, oggi, può improvvisarsi regista. Ci troviamo infatti di fronte al più alto concentrato di clichè e citazioni (dall'horror italiano, spagnolo, americano ecc) mai visto, talmente esplicito da non meritare neanche l'accostamento coi modelli cui evidentemente si ispira. Noioso oltre misura, fino alla telefonatissima conclusione. Il nostro Albanesi ha fatto molto meglio con il suo Bosco fuori. Rob Zombie, invece, si migliorerà solo con il primo Halloween.

Darkknight 21/07/10 00:40 - 354 commenti

I gusti di Darkknight

Rob Zombie gira un libero ma evidente remake di Non aprite quella porta nello stesso anno in cui Marcus Nispel firma quello ufficiale, Qui le citazioni dell’horror anni ’70 sono anche nello stile morboso e delirante, ma l’impressione globale è di una bischerata divertente più per chi l’ha fatta che per chi la vede. Anzi, chi conosce il genere rischia pure d’annoiarsi. Forse per questo Rob cerca di tenerci svegli inquadrando orgogliosamente il lato B di sua moglie Sheri. Passabile.

Andykap 12/10/10 13:23 - 37 commenti

I gusti di Andykap

Debordante videoclip di 70 minuti e B movie fino al midollo: c’è di tutto in questo primo film di Zombie e non tutto è a posto, ma il frullato finale è malsano al punto giusto ed abile nel proporre atmosfere vintage ricercate e artefatte. Visione disturbante oltre l’intreccio banalotto che improvvisamente trapassa da Non aprite quella porta al filone “mad doctor”. Tra omaggi e citazioni spunta anche il riferimento al Silenzio degli innocenti (la caccia con gli occhiali a visione notturna).
MEMORABILE: Sheri Moon torturatrice che balla sulle note di "Brick house" dei Commodores.

Burattino 12/10/10 14:06 - 101 commenti

I gusti di Burattino

Grandissimo esordio su grande schermo del musicista e cantante Rob Zombie, che si porta dietro tutto l'immaginario grand-guignolesco dei suoi videoclip. Un film folgorante, anarchico, un horror per summa di elementi, per questo imprevedibile; una delle discese ad inferi più visonarie degli ultimi anni, un film imprescindibile per i cultori del genere.

Ilmonco 9/11/10 19:06 - 41 commenti

I gusti di Ilmonco

Per me è un capolavoro. Un omaggio strariuscito che addirittura supera l'omaggiato (Non aprite quella porta). Riempie il film coi classici cliché: la storia vecchia, il finale esagerato e stupido... eppure è una goduria insuperabile. Scorre che è una meraviglia, diverte, inquieta, disgusta. È puro cinema! Da sturbo la colonna sonora come anche il montaggio. Uno stile videoclipparo per una volta perfetto. Colori, luci, facce, dialoghi, tutto sopra le righe e tutto così ben amalgamato. E questa è un opera prima? Sid Haig è mostruoso, un attore fenomenale!
MEMORABILE: Vaffanculo tua madre, vaffanculo tua nonna ma soprattutto vaffanculo tu!

Macguffin 4/01/11 22:42 - 124 commenti

I gusti di Macguffin

Rob Zombie ci fa salire a bordo del trenino per condurci nel suo personale tunnel dell'orrore: una specie di versione sotto acido di Non aprite quella porta, girata con un interessante fusione di stili (montaggio ed effetti visivo/sonori da videoclip applicati all'immaginario horror del passato) e indubbia creatività. Un circo di visioni e citazioni che da un lato ravviva il genere ma che dall'altro è troppo grottesco per avere una reale presa emotiva sullo spettatore, fallendo quello che dovrebbe essere l'obiettivo principale: spaventare.
MEMORABILE: L'uccisione del secondo poliziotto.

Rob Zombie HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina La casa del diavoloSpazio vuotoLocandina Halloween - The beginningSpazio vuotoLocandina The haunted world of el superbeastoSpazio vuotoLocandina Halloween II

Belfagor 15/01/11 13:13 - 2691 commenti

I gusti di Belfagor

Vedrei bene Rob Zombie nei panni di un giostraio che non vede l'ora di far visitare al pubblico il suo tunnel degli orrori, ovvero un film lurido, sudicio e baroccamente esagerato fino alla farsa nauseabonda. Non sarebbe neanche una cattiva idea, se non fosse che, per colpa di citazioni sgangherate che paiono più scopiazzature e un accanimento puerile sul gore, il film proprio non riesce a spaventare. Giusto un po' di disgusto qua e là e la sensazione, una volta usciti dall'attrazione, di essere stati abbindolati.

Lupoprezzo 10/03/11 23:25 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Il primo film di Rob Zombie, seppur decisamente derivativo, ha un suo perché: il regista fa un buon lavoro con la fotografia e la scenografia e dà vita a personaggi di tutto rispetto, utilizzando il mitico Sid Haig (con un passato illustre nella blaxploitation). La regia però non è all'altezza e verso la fine la sceneggiatura esce fuori dal seminato: sembra di assistere ad una favolona incredibile!

Giùan 2/08/11 15:30 - 4613 commenti

I gusti di Giùan

Il primo grano del rosario cinematografico di Zombie è decisamente di grana grossa, tutto virato com'è sulle tonalità del gore spinto e di un'ironia beffarda ma facile sulle curiosità malsane per la provincia e i suoi mostruosi freaks. Certo colpisce nel film la costruzione d'una famiglia allargata rivoltante nella sua spietata gratuità (ma Hooper ne aveva già presentate) e il fatto comunque apprezzabile (proprio perché si fatica ad accettarlo) che per i "buoni" non ci sia scampo, come nessuna punizione è prevista per i bruti. Grande e grosso Sid Haig.
MEMORABILE: Sheri Moon che si esibisce in "I wanna be loved by you" inguainatissima..... salvo poi citar come sua attrice preferita non Marylin ma Bette Davis!

Luchi78 4/08/11 09:04 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Buono l'inizio di Rob Zombie dietro la mdp. Peccato il film denoti una mancanza di mordente e di suspence probabilmente insita nelle intenzioni del regista, che si dedica principalmente alla fotografia e agli effetti scenici, creando un'ambientazione e soprattutto dei personaggi realmente diabolici. Non rimarranno delusi gli amanti dello splatter.

Galbo 7/08/11 19:28 - 12440 commenti

I gusti di Galbo

Il molto acclamato esordio alla regia dell'ex hard rocker Rob Zombie (già il nome è tutto un programma) è un acclamato horror in cui l'estetica conta più della sostanza. Di sicuro non rimarranno negli annali del cinema nè la storia nè tantomeno la sceneggiatura ed anche la prova del cast tende all'insufficienza. Discreti invece la parte visiva, specie la fotografia e di forte impatto la colonna sonora. Non male come esordio ma sopravvalutato.

Werebadger 28/09/11 23:27 - 270 commenti

I gusti di Werebadger

Horror di ottima fattura, seppur non originalissimo, in cui un gruppo di studenti in viaggio durante la notte di Halloween cadrà tra le grinfie di una famiglia di assassini dediti al satanismo. Pellicola dalle atmosfere malsane e disturbanti, regia frenetica, colori accesissimi e innumerevoli citazioni (Hooper, Fulci, Argento). Ottimi recitazione da parte dei redivivi Haig, Moseley e Black e anche della bellissima signora Zombie, qui al suo esordio cinematografico. Ottimo inizio per Zombie.
MEMORABILE: L'inizio, con Spaulding che sfotte i rapinatori; Sheri Moon, vero e proprio demone dal volto d'angelo; L'uomo-pesce; Il dottor Satana.

Pinhead80 7/10/11 02:23 - 4871 commenti

I gusti di Pinhead80

Tolto qualche buono spunto a metà tra il videoclip e immagini passato/presente a tinte rosso sangue, il film si può tranquillamente catalogare come un tentativo di creare un horror prendendo a piene mani da film come Non aprite quella porta e Il tunnel dell'orrore. La cosa peggiore è che, nonostante la breve durata e tolta la grande interpretazione di Sig Haig, la noia la fa da padrona. Mediocre.

Jena 5/01/12 21:40 - 1571 commenti

I gusti di Jena

Rob Zombie sarebbe il nuovo profeta dell'horror del ventunesimo secolo... un autore da porre al pari dei grandi Carpenter, Romero ecc. ma per favore! Qui imbastisce un pasticciaccio imbevibile, neanche lontamente paragonabile non dico a Non aprite quella porta ma neanche al The beginning! Il culmine il film lo raggiunge nel finale, dove il Dottor Morte sembra la bruttissima copia dell'Eddy degli Iron Maiden. Solo Haig se la cava... Robaccia, peggio perfino del brutto remake zombiano di Halloween. Inaccettabile vaccata!

Ducaspezzi 26/09/12 05:05 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Innanzitutto direi che è la casa dei mille colori! Si viene introdotti in un mondo delirante multi-cromatico, grottescamente posticcio, iper-kitsch, dove l'affastellamento esornativo di elementi costituisce il tema delle immagini e, sostanzialmente, pure di tutto il film. A casa Firefly non manca un pochetto di tensione, ma quel che prevale è il senso di una bizzarra messinscena in cui la trama latita per far posto alla demenza violenta e teatrale di individui da carnevale degli orrori. Una buona fotografia ben si confà al tutto. Luna park. Capitan Spaulding è di gran lunga il personaggio più riuscito **!
MEMORABILE: Le immagini in b/n che danno occasionale discontinuità all'estetica "giocattolosa".

Mickes2 30/04/13 16:30 - 1670 commenti

I gusti di Mickes2

L’esordio di Rob Zombie è un gustosissimo e divertito luna park dalle sfavillanti doti cromatiche zeppo di simbolismi e nefandezze che strizza l’occhio alla fiaba dark, al torture porn e al classico hooperiano omaggiandolo in chiave umoristica, sadica e aberrante. Atmosfera e personaggi lercissimi (Capitan Spaulding e Otis se la giocano a chi disgusta di più) sublimano uno stile pregnante svecchiando e rinvigorendo un genere prossimo al collasso. Per fortuna siamo lontani dalle ultime pretenziosissime blasfemie.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Return of the boogeymanSpazio vuotoLocandina Il fantasma del volo 401Spazio vuotoLocandina La morte non esisteSpazio vuotoLocandina Enter the devil

Didda23 22/04/14 10:27 - 2432 commenti

I gusti di Didda23

Può un film con una sceneggiatura imbarazzante raggiungere livelli notevoli? La risposta è sì, se in regia c'è un mostro come Rob Zombie. Movimenti di macchina sensazionali, commistioni visive fra il sottobosco hard rock e l'horror tout court, contrasti tra la dolcezza dello score e la crudeltà delle immagini (Cannibal holocaust docet), bizzarrie assortite degne del miglior De La Iglesia. Rob si sporca le mani e gode come un matto e noi con lui. Senza dubbio da inserire nelle opere più seminali e radicali del decennio scorso.

Cotola 25/04/14 01:44 - 9136 commenti

I gusti di Cotola

Storia e sceneggiatura ricalcano molto da vicino il più noto dei film di Hooper e non solo quello: le idee nuove quindi latitano. Ma Zombie, pur non riuscendo a ricreare del tutto il clima laido, marcio e psicologicamente violentissimo del capostipite, ha talento visivo da vendere e riesce così a raggiungere buoni risultati. La violenza, a tratti grottesca e parodistica, c'è e le immagini riempiono a dovere gli occhi dello spettatore così come le forme della deliziosa Sheri Moon. Gran bella fotografia e colonna sonora straniante. Buon film: peccato che in futuro il regista si perderà non poco.

Taxius 24/03/15 22:57 - 1656 commenti

I gusti di Taxius

L'opera prima di Rob Zombie è uno splatter con grandi dosi di ironia. La cosa più riuscita è sicuramente la caratterizzazione dei personaggi principali come la bellissima moglie del regista Sheri Moon e del capitano Spaulding. Il film, con tante e divertenti scene splatter, regge bene fin quasi alla conclusione; purtroppo il finale sembra essere troppo sbrigativo e insensato. Sicuramente molto meglio il sequel.

Medicinema 31/10/15 00:21 - 125 commenti

I gusti di Medicinema

La prima pellicola del regista Rob Zombie colpisce come una flebo di caffeina. I tratti distintivi sono percepibili fin da subito: ritmo serrato, montaggio da videoclip, colonna sonora perfettamente amalgamata e coinvolgente, colori cupi. Se a tutto ciò si aggiunge un serpeggiante humour nero che accompagna le sadiche gesta del clan Firefly e dei suoi malcapitati ospiti, il risultato è un film che riesce a sfuggire alla banalità del plot e a brillare di luce propria. Cast azzeccatissimo.
MEMORABILE: Il personaggio di Capitain Spaulding; La poesia di Otis sul "papino".

Jurgen77 2/11/15 09:25 - 629 commenti

I gusti di Jurgen77

Rozza, cinica, malata, allucinata... non ci sono altri aggettivi per descrivere questa opera dell'ex rock star Rob Zombie. Il film attinge ai temi degli horror anni 40-50 per poi "degenerare" in un escalation di violenza e sadismo di alto livello. Inquadrature da allucinogeni, come del resto i colori della fotografia. Personaggi uno più psicopatico dell'altro, dialoghi da caserma. Totalmente, politicamente... scorretto!

Von Leppe 26/10/16 17:30 - 1271 commenti

I gusti di Von Leppe

Già in questo primo film di Rob Zombie si nota il suo stile inconfondibile (il che è un merito): l'ambientazione Anni Settanta, Halloween, la buona fotografia visionaria, i tanti inserti di vecchi film. Infatti, anche se i maggiori ispiratori di quest'opera sembrano Non aprite quella porta e Il tunnel dell'orrore, le citazioni a Il castello maledetto fanno intuire che la trama basata sulla famiglia di pazzi abbia origini più antiche e risalga proprio al film di James Whale.

Vito 12/03/18 22:12 - 695 commenti

I gusti di Vito

Ottimo horror diretto con stile sperimentale e delirante dal frontman dei White Zombie. Pellicola ispirata principalmente a film come Non aprite quella porta o Le colline hanno gli occhi, ma che contiene di fatto centinaia di citazioni da film dell'orrore anni '50 e '70. Inquietanti Moseley e Sheri Moon, oltre naturalmente alla perfida Karen Black. Splatter e gore a iosa.

Pesten 1/11/17 16:27 - 797 commenti

I gusti di Pesten

A mio avviso uno dei migliori horror del nuovo millennio. Zombie riprende le basi (Non aprite quella porta) e le filtra attraverso i suo occhi da circus horror maledettamente americano. Il risultato è gore, tensione, ironia becera, personaggi caratterizzati all'inverosimile ma soprattutto una fotografia eccezionale. Non si vuole essere innovativi, non si vogliono introdurre chissà quali novità: si vuole rivitalizzare un genere usando le sue stesse budella e Rob lo fa alla grande.
MEMORABILE: Capitan Spaulding e Otis, personaggi/icone che trent'anni fa sarebbero diventati protagonisti di saghe intere.

Fedeerra 6/11/17 04:03 - 769 commenti

I gusti di Fedeerra

Due, tre, quattro film in uno: dall'exploitation settantiano al grindhouse più sporco per poi sprofondare nel gotico più funereo e finire la corsa in un folle, grottesco e sanguinario "tunnel dell'orrore". La casa dei 1000 corpi ha con sé il nerbo registico (appena nato) di Rob Zombie, autore capace di citare e omaggiare i grandi classici del genere restando sempre fedele a se stesso. E questo film, infatti, non è altro che il preludio di ribellione che conduce ad un'ascesa cinematografica unica, potente e straordinaria.

Rufus68 28/12/17 20:41 - 3860 commenti

I gusti di Rufus68

Impossibile prendere sul serio questa mediocre tarantinata; assai difficile, peraltro, coglierne il lato grottesco. In realtà qui siamo alla piena vacuità: il regista, a parte un discreto mestieraccio nell'assemblare pezzi da videoclip, si limita a cannibalizzare con superficialità fumetti, horror e sottocultura pop concedendosi inutili ammicchi cinefili (i Marx, la riesumazione della Black). Plausi, invece, al personaggio di Haig che rinnova con gusto il filone coulrofobico.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Pharaoh's curseSpazio vuotoLocandina Velvet BuzzsawSpazio vuotoLocandina The ImmortalizerSpazio vuotoLocandina The world beyond

Minitina80 25/04/18 07:36 - 2994 commenti

I gusti di Minitina80

Un’opera che vive puramente del lato estetico, sia per i costumi e le scenografie, sia per la violenza insistita. Tuttavia dietro questo muro visivo non si cela granché, non riuscendo a distinguersi alcuna poetica d’autore, né quelle atmosfere torbide e malsane che un horror dovrebbe avere. Sembra tutto troppo artificiale e anche gli attori non incidono a dovere. Assai discutibili le doti recitative della Moon, mediocri gli altri. Si salva soltanto Sid Haig. Le tanto decantate similitudini con Hooper si fermano in realtà a pochi ammiccamenti.

Nancy 4/06/18 16:15 - 778 commenti

I gusti di Nancy

Rob Zombie confeziona un horror molto citazionista sia nelle tematiche che a livello visivo, cui aggiunge inserti abbastanza disturbanti girati in video: uno stile eclettico e lisergico che fa sentire almeno nell'estetica la mano dell'autore. Tuttavia la sceneggiatura è poca cosa e gli ottanta minuti del film si fanno sentire tutti, specie nella prima parte, che stenta a ingranare come si deve. E' comunque un horror degno di nota per il panorama degli anni zero, che lo pone a livello del genere negli anni '80. Notevole colonna sonora di Zombie.

Jdelarge 19/11/18 19:29 - 1000 commenti

I gusti di Jdelarge

Si inizia ridendo insieme ai protagonisti che popolano una sperduta cittadina americana di provincia, ma piano piano, mentre questi continuano a ridere, lo spettatore finisce immancabilmente con l'immedesimarsi nelle vittime di turno. Film che funziona e che lascia, a tratti, di stucco, sia per le contaminazioni di certo cinema di genere (americano, ma anche italiano), sia per la sua capacità di essere un prodotto originale. Le stralunate scelte di regia di Rob Zombie a tratti stupiscono e a tratti fanno sorridere, proprio come il film.

Bubobubo 24/01/19 23:37 - 1847 commenti

I gusti di Bubobubo

Epica (per i meno esigenti), etica (sostanziosa, scorretta e sui generis), etnica (in abbondanza e che abbondanza), pathos (nemmeno un po'). Zombie, come da copione, esordisce sbracando senza ritegno e infilzando con spilloni infuocati tutte le bamboline-influenze collezionate nel corso degli anni (e delle visioni di genere da cinefilo). Non sarebbe un dramma se, di fatto, il film non stesse in piedi nemmeno per sbaglio, avvoltolato in una non-trama che a forza di omaggiare a destra e a manca perde l'equilibrio e si fracassa a terra.

Redeyes 27/05/19 11:31 - 2455 commenti

I gusti di Redeyes

Hooper in chiave psichedelic pop rock. Al suo esordio Zombie ha dalla sua l'ottima idea di ridare linfa al genere con una lettura piuttosto barocca, con personaggi grotteschi, deviati ma per certi versi quasi simpatici. In questa famiglia quasi watersiana ciascuno ha il suo momento di gloria e poco importa se il baratro del ridicolo è prossimo. Bravo Rob!

Noodles 2/05/20 22:40 - 2296 commenti

I gusti di Noodles

Una baracconata pessima e fracassona, senza un briciolo di paura né di tensione, con una serie di effetti kitsch che vorrebbero fare sensazione e un cast tremendo. Sorvoliamo sulla sceneggiatura, praticamente inesistente. Il regista ci prova a dare il suo tocco, ma non basta di certo. Si cerca di imitare la storia di Non aprite quella porta, ma non ci si avvicina all'originale nemmeno per sbaglio.

Lupus73 15/02/20 03:08 - 1513 commenti

I gusti di Lupus73

Horror-farsa-fumetto a Halloween (feticcio del regista): una casa e una famiglia di freak omicidi. Un tripudio di citazioni, influenze, visioni e ossessioni da Caligari a Non aprite quella porta, dal gotico ad Argento, allo splatter, all'exploitation con slashing, arte ed esperimenti macabri, rituali e altro ancora in un delirio grand guignol, kitsch e circense con una tecnica tra Tarantino/Rodriguez e Russ Meyer; ma è davvero troppa carne al fuoco. Un'esplosione di creatività per un prodotto interessante ma acerbo. Un "macabro pastiche".
MEMORABILE: Il "gabinetto di Capitan Spaulding"; Il rituale in maschera macabra verso la fine.

Caveman 28/04/20 16:31 - 523 commenti

I gusti di Caveman

Zombie al suo debutto dietro la m.d.p. ci regala la sua personalissima versione del classico di Hooper. Rob quindi presenta una nuova famiglia di pazzi, dei mostri straordinari e una cura dei dettagli al limite del maniacale. Ottima la scelta delle immagini sgranate per far immergere lo spettatore ancor più nel periodo storico in cui il film è ambientato. Non manca nulla: splatter, cliché, personaggi oltre le righe e una scelta musicale pressoché perfette rendono questo l'esempio da seguire se si vuole girare oggi un grande horror. Bravo Rob!
MEMORABILE: La ricostruzione delle catacombe; La fotografia sporca; La caratterizzione volutamente oltre le righe di tutti i personaggi.

Enzus79 1/11/22 23:13 - 2960 commenti

I gusti di Enzus79

Quattro ragazzi a causa di un guasto all'auto trovano ospitalità in una casa abitata da strambe persone. Debitore a tanti horror degli anni Settanta/Ottanta, questo primo lungometraggio di Rob Zombie (cantante metal) si può ritenere, seppur confusionario, discretamente riuscito. Si cerca più lo splatter (comunque apprezzabile) che la logica. Regia più che efficace.

Magerehein 23/12/22 13:07 - 1033 commenti

I gusti di Magerehein

Buon esordio cinematografico che rifà il trucco a Non aprite quella porta ritinteggiandolo in un modo che (specie nella prima parte) fa apparire il prodotto finito quasi "simpatico", vuoi per il memorabile clown Spaulding, vuoi per l'aspetto sballato della famiglia Firefly e della loro abitazione. Non bisogna aspettarsi molta originalità (difficile improvvisare troppo su una storia del genere o renderla imprevedibile), però la messa in scena è valida e le sequenze dell'ultima parte sembrano davvero uscite da un incubo creativamente malsano. Un piacevole circo degli orrori.
MEMORABILE: L'incipit con rapina; Spaulding e la sua stazione di servizio; Il covo di dottor Satana; I respiri dell'uomo con maschera antigas.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina ÃnimasSpazio vuotoLocandina ChimeraSpazio vuotoLocandina Nightmare weekendSpazio vuotoLocandina Shatter dead

Raremirko 17/01/23 22:01 - 577 commenti

I gusti di Raremirko

Men che mediocre; cast abbastanza affiatato (la Black, Goggins, un esuberante Sid Haig), molto citazionismo (Hooper, Craven, ecc.), tre anni totali di realizzazione (come dice Zombie nelle interviste), ma il risultato globale delude abbastanza. Zombie farà meglio coi suoi due Halloween. Lodevole comunque il fatto che un artista musicale abbia voluto omaggiare a modo suo il cinema horror.
MEMORABILE: Lo scalpo.

Daniela 19/01/23 15:53 - 12733 commenti

I gusti di Daniela

Non bussate a quella porta, potrebbe aprirvi uno dei simpatici membri della famiglia Firefly, dedita a stupri, torture e massacri... Esordio filo-hopperiano perplimente di un regista dagli esiti alterni: il clima del film è sporco e malsano come pochi altri, gli interpreti sono efficaci, la messa in scena presenta innegabili pregi come la bella ost ma la sceneggiatura è troppo ripetitiva per non ingenerare un senso di indigestione narcotizzante, anche se non mancano tocchi ironici e parodistici che ogni tanto ridestano l'interesse sopito. Più riuscito il sequel on-the-road.

Teddy 12/02/24 03:29 - 867 commenti

I gusti di Teddy

Carroll, Hooper e Manson imperversano in ogni dove, mentre la regia di Rob Zombie si carica tra estatici ralenti e ipertrofici zoom. Una prima opera appassionata, iper-cinefila, che scardina la vecchia logica del bene contro il male intrufolandosi nel cancro di provincia con allucinata euforia. Magistrale il lavoro scenografico e dei make-up artist; melliflua Karen Black. Necroforo.

Buiomega71 30/05/24 01:05 - 2947 commenti

I gusti di Buiomega71

Il primo Rob Zombie è una baracconata circense indigesta, inutilmente citazionista, logorroica, dall'umorismo nero d'accatto e tanto più ingenua e indolore di quanto possa apparire. La Black che rifà Therese, la Moon in modalità Nekromantik, i corridoi zeppi di cadaveri del secondo Hooper, pagliacciate assortirte con vittime vestite da goffe conigliette, papà spellati e ridicoli simil Slot, per finire con buzzurri mostroni che nemmeno Mad Max. In tutta questa chincaglieria da freak show da discount rimane la straordinaria esecuzione/western dello sceriffo in un geniale stop frame.
MEMORABILE: Sherry Moon che fà Marylin Monroe; La Moon che sputa, mentre accoltella, come uno dei cannibali craveniani; La cheerleader massacrata nel baule.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Harrys • 22/07/10 15:47
    Fotocopista - 649 interventi
    Bravo Manowar, hai decisamente buon occhio (e una buona immaginazione)!
  • Discussione Manowar79 • 23/07/10 14:24
    Pulizia ai piani - 93 interventi
    grazie ma non mi è sembrata un'impresa così complessa: il film di per se' è già abbastanza esplicito (e scontato) :)
  • Discussione Harrys • 23/07/10 16:51
    Fotocopista - 649 interventi
    Manowar79 ebbe a dire:
    grazie ma non mi è sembrata un'impresa così complessa: il film di per se' è già abbastanza esplicito (e scontato) :)

    Concordo sull'esplicito, un po' meno sullo scontato... Saluti.
  • Discussione Gestarsh99 • 30/11/10 12:56
    Vice capo scrivano - 21546 interventi
    Il bellissimo TRAILER ITALIANO
  • Musiche Gestarsh99 • 2/04/11 23:28
    Vice capo scrivano - 21546 interventi
    Alcuni interessanti pezzi inclusi nella soundtrack del film:

    * Now I Wanna Sniff Some Glue (dei Ramones)

    * Brick House 2003 (di Rob Zombie feat. Lionel Richie & Trina)

    * House of 1000 Corpses (di Rob Zombie)

    * I remeber you (di Slim Whitman)
  • Discussione Schramm • 26/01/19 21:38
    Scrivano - 7701 interventi
    bubo mi compiaccio per l'opening della stroncatura. bello, molto, ma -per quel che rappresenta la transcitazione di riferimento- anche sprecato per un poseur come zombie.
  • Discussione Caveman • 28/04/20 16:34
    Servizio caffè - 403 interventi
    Sempre un piacere rivedere questo film.

    Esempio di come si possa, partendo da un capolavoro assoluto come è NAQP, creare una propria versione.
  • Discussione Buiomega71 • 30/05/24 10:20
    Consigliere - 26193 interventi
    Il remake "vero" non ufficiale di Non aprite quella porta? , che Dio ce ne scampi! (e dire che venne criticato il buon lavoro fatto da Marcus Nispel, che ha confronto di questa buffonata è un capolavoro assoluto)

    Il primo Rob Zombie è un coacervo di pagliacciate indigeste, di cretinate infantili (la rapina iniziale al negozietto di Capitan Spaulding è di un'imbecilità senza pari, che scimmiotta malamente Rodriguez/Tarantino, con la demenziale entrata in campo di due buzzurri mascherati come in Orzowei e asce in mano), di un umorismo greve e cafone (la terrificante battuta sul pupazzetto del "Pianeta delle scimmie" infilato nel sedere), di un black humor d'accatto che non fai mai sorridere, di robe che piacciono tanto a Rob buttate dentro alla rinfusa (non ultimo fare zoccoleggiare la moglie Sheri Moon), di stucchevoli e bambinesche citazioni sparse ovunque, di scelte di regia a dir poco scellerate (le immagini virate in negativo, la fastidiosa amatorialità finto-snuff) e lascia totalmente fuori l'attesa, la minaccia del pericolo incombente, i segnali disturbanti del "qualcosa sta per succedere", la preparazione all'ecatombe. Tutto è frettoloso, buttato lì, tra vittime di cui non si prova nessuna empatia (e le due ragazze della crombiccola dei giovani ficcanaso sono di una sciatteria recitativa notevole) e una famiglia di imbecilli dementi, che continua a sproloquiare scemate su scemate senza senso alcuno, che danno immediatamente sui nervi e ti vien voglia di rivalutare robaccia come Scannati vivi (la Black che praticamente rifà Therese, mignotteggiando pateticamente, la Moon che lo fa altrettanto vestita da cow girl, un nonno scemo con in testa un elmo da samurai, un ritardato che sembra Slot, un indiano forzuto che nemmeno Arraphao e Bill Moseley costantemente sopra le righe, in una via di mezzo tra Riff Raff e il "testa di latta" del secondo Non aprite quella porta, dove Rob mutua pure il corridoio sotterraneo zeppo di cavaderi e il vestito di pelle umana strappato al papà di una delle vittime), non ultimo la tamarrata dei baracconeschi mostroni (il dottor Satana e il suo sottoposto) che sembrano usciti dal terzo Mad Max.

    Lo scalpo di Maniac, le bambole di Puppet, Sherri Moon in modalità Nekromantik, Sherri Moon, mentre accoltella una delle sue vittime, sputa come uno dei cannibali della famiglia craveniana, la scriteriata scemenza dell'uomo pesce che manco il dottor Moreau, ragazzette vestite da goffe conigliette che sgambettano in ogni dove, film d'antan trasmessi in tv (tra cui James Whale e la serie tv dei Munsters), un branco di idioti cerebrolesi alla corte del dottor Satana che nemmeno Risvegli da un coma glaciale, pseudo zombi nel pozzo, dai, Rob, massì, mettici dentro di tutto e di più, trasformando il tutto in una carnevalata tronfia e fracassona, fintissima e pacchiana, che non regala un benchè minimo attimo di inquietudine o disagio, invecchiata, poi, malissimo, col tipico e terribile look da horroretto da post 2000 (per il sottoscritto gli anni peggiori che il genere ha affrontato, altro che gli anni 90).

    Qualche idea non era male (il rapimento delle cheerleader), ma il tutto e realizzato in maniera goffa e approssimativa, con le ragazze che si dimenano incatenate in un fienile in stile Ed Gein come nel peggior z-movie alla Bill Zebub.

    Finale di una prevedibilità e di una scontatezza tanto imbarazzante quanto ingenua e anche il tanto strombazzato gore/splatter si risolve in nulla, qualche schizzo ematico quà e là, un braccio amputato off screen (tanto per gradire), un paio di coltellate e nemmeno i mascheroni gommosi di Wayne Toth sortiscono il loro effetto di disturbo.

    Indolore, puerile e pulitino (tutta questa cattiveria e sporcizia tanto tirata in ballo ha la dimensione di una patetica bambinata) molto più di quanto possa apparire, dove tutto è talmente fittizio da rasentare la presa in giro.

    In mezzo a tutta questa chincaglieria da freak show da discount, di farlocco cult movie da avanspettacolo di periferia, qualcosa del Rob Zombie che verrà viene fuori (Sherri Moon che si aggira vestita di bianco, in odor di favola nera, come farà in Halloween 2, le cerimonie stregonesche alla Streghe di Salem), non male la Moon che fà Marylin Monroe in una specie di omaggio felliniano. E apprezzabile la casa discarica, dove in un ripostiglietto maleodorante, sono custodite le scarpette usate delle vittime femminili.

    Ma il filmaccio si salva dalla temuta monopalla almeno per un gran momento, dove non ti spieghi come mai Rob abbia tirato fuori quella scena straordinaria in questo mare magnum di avanzi circensi da ciarpame, e cioè l'esecuzione/western del giovane e arrogante sceriffo, in un geniale stop frame mozzafiato da far invidia a Tarantino, Peckinpah & co

    Non aiuta di certo un deprecabile e ignobile doppiaggio italiano, che fan sembrare gli appartenenti della famiglia Firefly più scemi di quello che sono.

    All'epoca della sua uscita italiana (giugno 2004), Ciak lo snobbò in toto (e col senno di poi posso capire il perchè)

    Fama di culto, per il sottoscritto, inspiegabile più che sopravvalutata, e il buon Rob (che , per fortuna affinerà il talento con i due Halloween) non ne esce benissimo (in questo caso l'appellativo di bluff è più che comprensibile), anche se, barlumi di un talento primitivo e immaturo si intravedono già.

    Che salti fuori, o non salti fuori, la leggendaria versione director's cut di 105 minuti è problema minore.

    Anche il Capitan Spaulding di Sid Haig è una macchietta poco simpatica e fastidiosamente logorroica, cento volte meglio lo sceriffo tutto di un pezzo di Tom Towles.

    Forse "innovativo" visto 20'anni fa, gurdato oggi resta una roba improponibile oltrechè deteriorata malissimo.

    A un passo dalla ineccepibile vaccata (con riserve).
    Ultima modifica: 30/05/24 20:24 da Buiomega71
  • Homevideo Buiomega71 • 30/05/24 10:47
    Consigliere - 26193 interventi
    Il dvd edito dalla Eagle Pictures

    Formato: 1.85:1
    Dvd 9 doppio strato
    Audio: italiano, inglese
    Sottotitoli: italiano, italiano per non udenti
    Come extra: "Nella casa" (4 minuti di interviste ai membri del cast tecnico e artistico); "Intervista a Rob Zombie" (7 minuti); Trailer.
    *Gli extra sono sottotitolati in italiano
    Durata effettiva: 1h, 25m e 05s

    Immagine al minuto 1.19.40

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images68/PDVD-365.jpg[/img]
    Ultima modifica: 30/05/24 10:50 da Zender
  • Discussione Rebis • 30/05/24 15:36
    Compilatore d’emergenza - 4433 interventi
    Quando lo vidi al cinema, in un momento di rara desolazione per il genere, mi parve sorprendente e innovativo per quanto qualcosa non mi convinse del tutto. Quando lo rividi in DVD mi deluse, mi parve un'opera manierata, poco sincera, dichiarativa di una poetica, sì, ma per niente viscerale e autentica. Peggio, ostentativa. Negli anni ho trovato esagerato il culto che il fandom gli ha riservato e ancora oggi ho delle riserve su Zombie, nonostante abbia molto apprezzato Le streghe di Salem. Troppa spocchia, troppa autoreferenzialità. Troppa forma vuota che si legittima solo citando i mentori. History of Horror di Eli Roth ha avallato queste mie impressioni: il nostro ci fa davvero una magra figura ed è palese che non ha nulla di serio e di rilevante da dire sull'argomento. Leggere questa stroncatura mi ha dato una certa soddisfazione, come togliersi un sassolino dalla scarpa da scagliare contro l'autore. Lo rivedrò prima o poi, in combo con il sequel magari, per calibrare meglio le mie impressioni.