La chiesa

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1989
Genere: horror (colore)
Note: Prodotto da Dario Argento. Aka "The church", "Cathedral of demons", "Demons", "In the land of the demons", "Demon cathedral".
Numero commenti presenti: 44
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Cattedrale gotica, eretta su fossa comune di vittime dei Cavalieri Teutonici, si fa maledetta per chi vi accede secoli dopo (compresa la reincarnazione di Asia Argento). Tomas Arana bibliotecario lo intuisce e Soavi ne approfitta sganciandosi d'improvviso dalla trama per liberare tra le volte effetti, sangue e mostruosità, mescolati senza troppo criterio sfoggiando sprazzi di talento; disorganizzato però, e chi vede ne risente. Caproni e croci affondate si fanno orrori che dal medioevo riaffiorano in un oggi senza tempo, consumati tuttavia all'ombra di quel grigiore mitteleuropeo che ossidava negli ottanta l'Argento di seconda mano. Il soggetto infatti (tutto di Dario, che doveva chiamare il film DEMONI 3 e farlo girare a Lamberto Bava prima...Leggi tutto che questi rinunciasse per improvvisi impegni con Canale 5), è scarno e confuso, trasformato da Soavi (che ci ha messo poi le mani) in una ghost-story ambiziosa. Già però Keith Emerson e i Goblin, solitamente eccellenti compositori horror, si ritrovano uniti incredibilmente per produrre musiche non brutta, per carità, ma poco incisive e troppo spesso utilizzate in maniera sbagliata. Soavi comunque non ha fortunatamente ancora raggiunto i controproducenti effetti di LA SETTA e dimostra di conoscere il mestiere; solo pretende troppo puntando tutto sul vecchio teorema secondo il quale la paura vera scaturisce dall’ignoto; mostra così meno sangue di quanto ci si potrebbe aspettare (i momenti splatter sono un paio) preferendogli mostri e pupazzi. Gioca bene con la fotografia, sfrutta in pieno alcuni meccanismi argentiani (ma le soggettive da dietro gli elmi dei Cavalieri Teutonici sono un’evidente forzatura), si concede spazi da vero autore ma ancora sembra non saper gestire bene il ritmo e a volte si perde in inutili divagazioni. La coppia d'attori Tomas Arana/Barbara Cupisti dice poco o nulla, mentre spicca tra i personaggi secondari la giovanissima e promettente figlia di Dario, Asia Argento, dai lineamenti dolcissimi. Abbastanza inspiegabile il divieto ai minori di 18 anni.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
In attesa di comparire nel box Ultimi commenti: Fedeerra (27/10/20 18:22)
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stubby 28/02/07 23:02 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Secondo me il film dà il suo meglio nel prologo iniziale ambientato nel medioevo. Se fosse continuato così sarebbe stato un capolavoro, invece finito quello si va progressivamente peggiorando. Nonostante l'ambientazione tetra e gotica della chiesa che crea una bella atmosfera, il film perde di interesse, con delle trovate piuttosto discutibili e scontate. Peccato. Occasione mancata.

Undying 26/04/07 00:28 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Molte le similitudini con Inferno, e considerato che soggetto e sceneggiatura portano la firma di Argento (qua produttore), c'è da supporre che il tutto non sia certo casuale. In Inferno il custode del segreto della struttura dell'edificio maledetto era l'architetto Varelli: qui, in questo nuovo "antro per l'inferno" che è rappresentato dalla Cattedrale, lo stesso interprete (Feodor Chaliapin) è il titolare della sapienza nascosta che è celata nei sotterranei della Chiesa. Grande regia di Soavi, influenzata dai dipinti di Hieronymus Bosch.
MEMORABILE: Piano sequenza con M.d.P. all'indietro, all'interno della Chiesa: a seguire Giovanni Lombardo Radice mentre si appresta a celebrare un matrimonio.

Il Gobbo 16/07/07 09:02 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Notevole anche se non completamente dispiegato nelle sue potenzialità, il figlio illegittimo di Demoni è uno degli ultimi horror della felice stagione eighties italiana, con molte idee (seppure a volte confuse), un discreto ritmo, una regia all'altezza. Splendida la parte iniziale, notevoli squarci visionari, qualche gustoso momento cartoonistico (la campana... ). La palla al piede è quella tipica del periodo e che diventerà la maledizione del nume tutelare Argento: i veri mostri sono gli attori.

Hackett 16/05/08 16:05 - 1728 commenti

I gusti di Hackett

Soavi non sfrutta male la possibilità che gli viene offerta e dirige in maniera diligente un film che sarebbe potuto essere di Argento, cercando di farlo come il suo maestro avrebbe fatto e riuscendoci in parte. Anche se a tratti manca la visionarietà di Dario, la storia è abbastanza ben scritta e il fascino della cattedrale gotica è tale da rappresentare un interprete aggiunto del film. Anche Asia Argento, ancora acerba, regala (stranamente) una prova dignitosa e alcune scene sono decisamente suggestive.

Cotola 15/06/08 23:35 - 7560 commenti

I gusti di Cotola

L'idea di partenza era interessante, l'ambientazione affascinante e piuttosto originale. Peccato che a queste ottime premesse siano seguiti risultati un po' deludenti. Questo perché, a mio avviso, sarebbe potuto essere un grandissimo film ed invece ne è venuta fuori una pellicola appena discreta. Il meglio sono le belle invenzioni visionarie, il peggio la sceneggiatura firmata da Ferrini e Argento (la scrittura non fa proprio per il regista romano). In ogni caso un film gradevole e a tratti gustosamente splatter.

Sunchaser 28/09/08 10:22 - 127 commenti

I gusti di Sunchaser

Avrebbe dovuto essere il terzo episodio della saga di Demoni e sicuramente il peggiore della serie. La colpa è soprattutto di una sceneggiatura che compendia in maniera esemplare i peggiori difetti di Dario Argento: dialoghi tremendi che servono unicamente a collegare una scena con un'altra; trama confusionaria piena di buchi e "salti"; momenti di ridicolo involontario; personaggi che appaiono e svaniscono senza motivo; mancanza di qualunque spessore nei personaggi. La suspance è inesistente e Soavi alterna momenti di ottima inventiva ad altri di mediocre banalità registica.

B. Legnani 11/11/08 11:37 - 4749 commenti

I gusti di B. Legnani

Delusione. Meglio Deliria, per nerbo, sceneggiatura e compattezza narrativa, qui assolutamente latitante. Quadri umoristici degni del peggior Argento (a parte la "testa" di Karlsen). Il film raggiunge la sufficienza (ma non va oltre) in virtù delle capacità registica e visionaria. Su tutto troneggiano Bosch e il Lang di Metropolis, pesantemente (ahinoi) contaminati da Indiana Jones e Il nome della rosa. Personaggi che entrano e spariscono: Asia è fra gli attori migliori, il che la dice lunga sugli altri.
MEMORABILE: Gli occhiali messi sul naso appena in tempo per vedere.

Supercruel 2/03/09 00:18 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Visivamente è piuttosto appagante, a conferma del talento visivo di Michele Soavi. Il regista riesce a creare ottime atmosfere, dimostrando di saper essere fantasioso, evocativo e abile nel saper sfruttare a dovere il fascino dell'ambientazione (una cattedrale gotica). A latitare è la storia - peraltro firmata da Dario Argento - confusionaria e frammentaria, pur se sostenuta da un ritmo discreto. Vedibilissimo ma altalenante.

Bruce 8/05/09 16:38 - 1005 commenti

I gusti di Bruce

In un clima di grande libertà espressiva, Soavi realizza con inaspettate qualità registiche e autentico spirito creativo, un gran bel horror, gotico, progressive, misterioso ed inquietante, tra Angeli e Demoni, Il Nome della Rosa e il Codice da Vinci. Visivamente curatissimo ed affascinante ma non solo, anche ricco di magia e di suggestive citazioni, dai Cavalieri teutonici all'alchimia di Fulcanelli e del suo Mistero delle Cattedrali, dai dipinti di Bosch alle sonorità di Philippe Glass. Sorprendente!

Enzus79 21/06/09 09:42 - 1827 commenti

I gusti di Enzus79

Mi aspettavo di più da questo horror, dato che alla sceneggiatura c'era un certo Dario Argento. La storia lascia spazio a molta suspence e la regia di Soavi è discreta, però purtroppo gli attori non sono alla "portata" del film. I Goblin hanno fatto di meglio...

Rickblaine 21/06/09 09:50 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Horror che non delude, dato che sa coinvolgere. Una trama ben studiata dal regista Michele Soavi e da Dario Argento (che qui lo presenta facendogli una diretta pubblicità). A tratti sembra un po' banale, ma dopotutto è un'opera che non addormenta. Iniziando dal medioevo fino ai giorni nostri. Non c'è un vero protagonista e non c'è un diretto antagonista. Buona storia.
MEMORABILE: La colomba che esce dalla chiesa, mentre il portone si chiude.

Ilfigo 24/06/09 17:54 - 75 commenti

I gusti di Ilfigo

Film più che deludente. C'è poco da dire. Dispiace perché dalla testa di Dario Argento era uscita una grandissima idea, che praticamente è risultata nulla. Michele Soavi non è il sopracitato e lo si intuisce fin dalla prima scena. I Goblin sono l'unica nota d'interesse...

Lucius 13/05/10 01:15 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

A detta di chi lo ha realizzato, il risultato finale del film è molto diverso delle aspettative; non so quali fossero le aspettative ma il film è un buon gotico ambientato nei meandri di una cattedrale bellissima, che già da sola contribuisce a dare fascino alla pellicola. Alcune incertezze degli attori e in particolare la prova della Vitale, molto più brava in altre occasioni che qui, probabilmente ledono in parte le ottime premesse. Brava la Argento.

Losciamano 3/12/09 10:21 - 112 commenti

I gusti di Losciamano

Gioiellino dell'horror italiano e soddisfacente per gli appassionati del genere. Michele Soavi, con questo film calustrofobico e labirintico, conferma di avere una certa padronanza degli effetti visivi e di possedere un vero talento registico (almeno in questo genere) da non invidiare l'Argento a cui si ispira. Asia Argento è alle sue "prime armi" e già convince nei panni di una bella ragazzina comune degli anni '80.

Il koreano 7/03/10 11:48 - 44 commenti

I gusti di Il koreano

Al secondo lungometraggio, Soavi tenta di rimodernizzare il genere gotico nostrano, con qualche spunto d'interesse generale e un buon cast di supporto (inclusa Asia Argento, che stavolta riesce a non farsi detestare). Tuttavia, ciò che rende il regista anonimo è la similitudine di linguaggio che lo lega, senza ombra di dubbio, a veterani come Dario Argento e Lamberto Bava, con i quali ha in comune non solo la passione per l'horror, bensì una regia televisiva che, addirittura, vieta al pubblico l'immedesimanzione nell'intreccio.

Greymouser 15/05/10 09:29 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Ancor più che nel successivo La setta, Soavi dimostra in questo film di aver ben appreso la lezione di Argento nel creare atmosfere morbose e macabre, e di possedere un linguaggio cinematografico di tutto rispetto. "La chiesa" ha una sceneggiatura lineare, un ritmo serrato, il classico tema dell'assedio: tutti elementi ben risolti attraverso la facilità di ripresa del regista. Uno dei migliori horror italiani per classicità d'impianto e soluzioni visive.

Trivex 2/08/10 21:06 - 1497 commenti

I gusti di Trivex

Segreto, templare e diabolico mistero. Il demone è immaginato e mostrato in una dimensione più complessa del solito: è poco moderna, solo moderatamente violenta, ma di elevato fascino. Chiaramente protagonista, l'edificio si impone inghiottendone i suoi abitanti, quasi per divertimento. Non fosse per la maledizione, si potrebbe anche parlare di un gioco, una sorta di labirinto (o di cubo antico) chiuso, non difficile da scoprire ma impossibile da sopportare. La direzione è scaltra, capace di sopperire con le immagini a qualche lacuna nella sceneggiatura.

Piero68 25/08/10 13:11 - 2768 commenti

I gusti di Piero68

Dopo qualche battuta ci si accorge che la pellicola è quasi totalmente priva di storia. Le scene si susseguono in maniera estemporanea senza un filo logico. E non è solo colpa di un montaggio scadente ma soprattutto di una sceneggiatura ridotta all'osso e di una regia che non ha le idee chiare ed avanza a tentoni. Realtà e fantasia si accavallano fino a confondere lo spettatore, rendendo inutile cercare di capire il chi, come o perché. Ennesima pellicola (pseudo) horror tirata su alla men peggio, in cui Argento fa lo specchietto per le allodole.

Mdmaster 1/10/10 07:12 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Quando la Argento è l'attrice meno peggio del film, c'è qualcosa di sbagliato. La Chiesa è un susseguirsi di deliri pseudosatanisti, scene tra il grottesco e il surreale e una pletora di attori ignobili. Peccato perché l'idea di partenza non era da buttare, ma tra un montaggio infame e la regia del discretamente incapace Soavi, risulta a malapena interessante. Impossibile da prendere sul serio e probabilmente il film stesso non ha intenzione di esserlo. D'altronde in origine era Demoni 3... Lasciamo stare il "doppiaggio", meglio ascoltare i Goblin.
MEMORABILE: "Iooooo sono la chieeesaaaaa!"; il prete di colore vero eroe, neanche fosse un film di Romero; Din don dan!

Von Leppe 28/01/11 19:01 - 1032 commenti

I gusti di Von Leppe

Tra alti e bassi un film che si ispira ai capolavori più visionari dell'horror italiano come Inferno e L'aldilà, dove la logica della trama viene meno per dare spazio all'orrore. Ci sono dei momenti molto riusciti, ispirati alla pittura nordica medievale e rinascimentale. Purtroppo il pezzo più debole comincia appena si chiudono le porte della chiesa, con i bambini e scene montate sembra a caso. Si risale nel finale. Feodor Chaliapin interpreta un pesonaggio molto simile a quello visto in un successo di quegli anni, Il nome della rosa. Ottime musiche.
MEMORABILE: Il sabba col diavolo intento in un amplesso.

Herrkinski 6/02/11 11:49 - 5205 commenti

I gusti di Herrkinski

Tra gli ultimi esempi di horror italiano della "vecchia guardia" c'è questo secondo film di Soavi, prodotto e sceneggiato (in parte) da Argento. L'influenza di Dario si sente: se da un lato le soggettive e i movimenti all'avanguardia della mdp sono innegabilmente ereditati da lui, così purtroppo lo sono anche la confusionaria sceneggiatura e la scarsa direzione del cast (a parte una giovanissima Asia, comunque doppiata). C'è del buon materiale, qualche scena funziona e nel complesso il film si lascia vedere, ma non può dirsi riuscito. Peccato!

Zardoz35 25/04/11 09:58 - 250 commenti

I gusti di Zardoz35

Interessante film che unisce diversi spunti: storico, gotico, horror, erotico. Forse un po' troppa carne al fuoco, ed in effetti la trama, pur avvincente e non priva di suspance, a volte sembra perdere il suo filo logico. Spiccano il decrepito sacerdote che già conosceva tutta la storia della cattedrale tramandata su antica pergamena e una giovanissima Asia Argento. Gli altri attori non paiono all'altezza. Colonna sonora non sempre azzeccata, ma bellissimi i brani minimali di Philip Glass.
MEMORABILE: Le varie raffigurazioni animalesche del demonio e la trasformazione di alcuni personaggi da "normali" a "satanici".

Homesick 24/05/11 17:30 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Incongruo e franante. Il pupillo di Argento dorme sugli allori e indossa la lorica della ridondanza stilistica per parare invano i fendenti di una sceneggiatura sconnessa e poco ispirata che raccatta tutto l’armamentario medievale teutonico e demoniaco, oltre a scampoli di Inferno e Demoni; l’atmosfera difetta di opportune suggestioni arcane e il finale, come da regola Reteitalia, svela la struttura ciclica del film. Ingannevoli primi attori, Arana e la Cupisti sono dichiarati presto latitanti e nel flashback si rivede John Richardson, interprete feticcio del nostro cinema anni Settanta.
MEMORABILE: Il passaggio della metropolitana; il sabba.

Rambo90 6/07/11 00:15 - 6394 commenti

I gusti di Rambo90

Horror che esaurisce le sue qualità nella buona messa in scena e nei virtuosismi della macchina da presa, perché la storia è piena di idee confuse che, dopo un prologo incoraggiante, si esaurisce nel solito clichè del demone che infetta tutti. Eppure alla storia ha collaborato Argento, evidentemente già in crisi creativa. Nel cast si distinguono solo Arana e la giovanissima Asia Argento, davvero a suo agio nella parte. Effetti ben curati, qualche scena di tensione notevole ma un generale senso di incompiutezza. Peccato.

Max renn 18/03/12 21:58 - 80 commenti

I gusti di Max renn

Soavi non sarà stato il salvatore dell’horror nostrano, ma senza dubbio si è rivelato regista tecnicamente competente e appassionato. Nel caso specifico ci troviamo di fronte ad un’evoluzione del baviano Demoni il cui sfondo è questa volta costituito da un’antica cattedrale gotica. La partenza è più che promettente (buone atmosfere), il proseguo diviene presto ripetitivo e confusionario. Nel cast spicca il tenebroso Chaliapin Jr. Da segnalare anche una citazione assai esplicita di Rosemary's baby.

Buiomega71 20/06/12 10:24 - 2282 commenti

I gusti di Buiomega71

Piccola gemma e ultimi bagliori del nostro horror più viscerale. Soavi sopperisce alla farriginosità dello script con sequenze visive potenti e devastanti. Facce spatasciate, mostruosi dei Pan in accoppiamenti dal sapore blasfemo, l'incipt medievale con massacro alla Soldato blu, bocche lavate con il sapone, sacrifici, tendenze pedofile, argani e meccanismi barkeriani. Soavi si dimostra regista eccelso e personalissimo, cita Inferno e si abbandona a schegge arcaiche e apocalittiche. Superlativi sfx di mastro Stivaletti. Fascinoso e tetragono.
MEMORABILE: Gli "ospiti" intrappolati carpenterianamente nella chiesa, con reminiscenze al Signore del male, è jeux de massacre; Tomas Arana che vuole "aprire" il pancino di Lotte/Asia Argento.

Zender 23/06/12 08:41 - 282 commenti

I gusti di Zender

Sopra l'enorme croce posta a sigillo d'una strage templare, Soavi edifica la sua cattedrale gotica di orrori e meraviglie; rimestando tra le larghe maglie d'una storia sconclusionata plasma l'idea di un cinema tecnicamente alto e dirige il suo personale Inferno (con tanto di citazione a Varelli/Fulcanelli e al suo "Mistero delle Cattedrali") promuovendo a Beatrice tascabile la dolcissima figlia del Maestro. Non abbaglia quanto l'esuberante modello ma a tratti seduce, per la sua anima argentiana e l'insolita, maestosa location.
MEMORABILE: L'incalzante, cupissima "Floe" di Philip Glass rivista da Martin Goldray.

Tomastich 5/02/13 10:41 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

L'ho sempre trovato affascinante, di classe, con un finale memorabile, tuttavia non nascondo la confusa messa in scena di alcune situazioni, forse figlia della fretta e della poca lucidità dello staff competente. Soavi è un talentuoso, ma non ha mai saputo tirare fuori il capolavoro, tant'è che ritengo la sua migliore incursione nel cinema il suo ruolo in La casa con la scala nel buio.

Jurgen77 18/02/13 13:58 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Derivato da Demoni per trama e intreccio, il film gode comunque di grandi ambientazioni. Fantastica l'idea dei cavalieri teutonici, della cattedrale gotica, del maligno e della strega. Con tutto questo "ben di Dio" (e l'appoggio di Argento) Soavi avrebbe potuto sicuramente fare meglio invece che trasportare le vicende del primo Demoni dal cinema all'interno della chiesa gotica. Peccato, un'opportunità mancata.

Myvincent 24/03/13 07:21 - 2575 commenti

I gusti di Myvincent

Da un soggetto di Dario Argento un film che non lo scimmiotta ma che, fra fantasy e horror, cerca una sua strada personale, in gran parte riuscendoci pure. La trama è volutamente sfilacciata e non segue i canoni classici (e questo ne aumenta la claustrofobia), mentre gli interpreti, poco incisivi per la verità, se la cavano sufficientemente. Elementi comici qua e là lo rendono orridamente paradossale e singolare.

Maik271 26/01/15 22:01 - 436 commenti

I gusti di Maik271

La prima parte del film prometteva bene, con le belle sequenze del massacro a opera dei cavalieri teutonici; poi però il film si perde in un'enfasi eccessiva del demonio e della sua rappresentazione (la scena dell'amplesso ne è un esempio quasi comico), mentre l'interpretazione è affidata a un cast piuttosto scarso. Peccato perché la cattedrale gotica che fa da sfondo alla vicenda era proprio azzeccata, così come alcune inquadrature suggestive del regista.

Taxius 4/05/15 22:14 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Alterna scene lente ad altre molto splatter. Il difetto maggiore è che è molto dispersivo: ci vengono raccontati troppi personaggi, di cui molti si riveleranno superflui, mentre altri più importanti restano troppo vaghi; per finire, il livello di recitazione è molto basso. I punti forti sono invece l'ambientazione, la colonna sonora e gli effetti speciali, semplicemente fantastici; Soavi riesce a creare un'atmosfera cupa e inquietante proprio grazie alla chiesa gotica. Da non perdere.

Noncha17 17/10/16 16:00 - 87 commenti

I gusti di Noncha17

Quello che doveva essere il terzo capitolo della saga di Dèmoni diventa un film diviso in tre, in cui le storie degli interpreti principali finiscono per accavallarsi con quelle di alcuni personaggi aggiunti a caso. Questo l'unico difetto riscontrabile. Realizzato, a mio parere, meglio dei precedenti grazie a una regia allo stesso tempo originale e canonica. Infine da segnalare anche che i primi due non li ricorda nemmeno: qui, infatti, i dèmoni appaiono in veste di fantasmi oppure come visioni di chi si fa "investire" dal male.
MEMORABILE: Gli omaggi (?) a tre film del genere: La casa dalle finestre che ridono, The keep - La fortezza e Rosemary's baby.

Daniela 4/10/17 23:15 - 9522 commenti

I gusti di Daniela

Nel prologo, un gruppo di cavalieri teutonici stermina tutti i membri di una piccola comunità, ritenendoli appestati e servi del demonio. Segue un salto da vari secoli che ci porta all'interno di una grande cattedrale gotica dell'Europa dell'est, eretta là deve avvenne la strage... Premesse suggestive per un film deludente dove l'impianto visivo, che pur contiene sequenze e idee anche pregevoli, risulta mortificato da una sceneggiatura sconclusionata, oltretutto mal servita dalla prova dilettantesca degli attori che ricoprono i ruoli principali. Peccato, il soggetto meritava di meglio.

Minitina80 1/04/18 12:40 - 2364 commenti

I gusti di Minitina80

Soavi firma un horror affascinante che sfrutta ottimamente alcuni archetipi dell’immaginario horror. Meandri di una vecchia chiesa, cripte oscure e maledizioni creano un discreto livello di suggestione e un buon impatto visivo, nonostante il supporto degli attori non sia sempre adeguato e la trama si possa scrivere su un fazzoletto. Manca anche un vero e proprio protagonista, mentre una colonna sonora più incisiva e riconoscibile avrebbe altresì giovato. Un buon esempio di horror italico che difficilmente avrà emuli o tanto meno epigoni.
MEMORABILE: L’anziana che suona la campana con la testa del marito.

Gabigol 6/12/18 15:01 - 417 commenti

I gusti di Gabigol

Sacchetti/Argento alla sceneggiatura fanno qui più danni della grandine: soggetto tipicamente argentiano, ma affidato a un regista trentenne emerso dalla scuola di Massacesi come Michele Soavi. Il film di per sé, come detto, gode di un buon soggetto di partenza, ottimamente supportato dalla location atipica; poi, purtroppo, subentrano gli attori e la sceneggiatura a far da contraltare e il tutto si riduce a una bolla di sapone. Il fascino visionario emerge solo a intermittenza, sorretto da una raffinatezza visiva da parte della regia.
MEMORABILE: L'ottimo incipit; Le scene allo specchio; La sequenza, con la mdp in corsa, degli occhiali; L'amplesso demoniaco.

Ronax 2/02/19 02:28 - 912 commenti

I gusti di Ronax

La partenza promette bene, prima con la strage medioevale del villaggio di streghe e poi con il ritrovamente di un'antica pergamena nei sotterranei della cattedrale che apre uno squarcio su innominabili segreti. Poi il tutto si affloscia penosamente su una sceneggiatura farraginosa e sconclusionata, partorita da un Argento ormai in fase calante e che Soavi cerca vanamente di nobilitare con inutili preziosismi visivi. Qualche colpo va a segno qua e là, ma non salva il film da un sostanziale naufragio.
MEMORABILE: Il demonio, sotto forma di una specie di lucertolone, che possiede la Cupisti.

Bergelmir 8/08/18 15:15 - 160 commenti

I gusti di Bergelmir

Un gotico visionario e coraggioso, scritto su un soggetto classico, ma sviluppato in senso moderno. I problemi sono la gestione degli attori e la scrittura che, pur partendo benissimo nella prima parte, nella seconda si perde e corre verso un finale scontato, per quanto non privo di sorprese. Il film conserva comunque un grande fascino, grazie all'estetica, agli ottimi effetti speciali e alle varie citazioni artistiche e letterarie che ne rendono molto gradevole la visione. Avercene oggi.
MEMORABILE: Il piano-sequenza iniziale che esce dal cappuccio della statua; La croce che cade nell'abisso (rif. The Keep); Il cavaliere invisibile (rif. MR James)

Rufus68 1/01/19 09:37 - 3119 commenti

I gusti di Rufus68

Soavi possiede indubbio talento, ma tale qualità, purtroppo, milita al servizio di una trama risaputa e caracollante, fitta di manierismi e grossolanità: il perturbante viene spiattellato sul desco dello spettatore con troppa evidenza tanto che "l'orrore" rimane un'intenzione più che una realtà. E poi "il" difetto: gli attori mai incidono veramente limitandosi a una stanca e anonima manovalanza (pur se questo è uno dei migliori film di Asia). Gli effetti speciali aggiungono poco o nulla al brodo.

Siska80 23/02/20 12:11 - 750 commenti

I gusti di Siska80

Argento avrebbe fatto prima anche a dirigerlo, visto che lo ha scritto, sceneggiato e prodotto e che, comunque, Soavi lo emula alla perfezione nei movimenti della mdp. Un film splendido, elegantemente gotico, visionario e con una stupenda soundtrack (Emerson sovrasta i Goblin) che fa da collante alle scene cariche di suspense. La trama spiega (e in parte giustifica) le radici del male che attanaglia quel luogo "sacro". Buono il cast, immancabile il sottile humor cui ci ha abituati il Maestro.
MEMORABILE: I visitatori intrappolati in chiesa (una trovata delirante).

Magi94 4/03/20 22:49 - 689 commenti

I gusti di Magi94

Ancora grande regia di Soavi e bella ambientazione gotica, ma il film è inferiore al precedente perché qui la sceneggiatura non si lascia proprio perdonare. Male del cinema di genere nostrano, che in questo caso lascia grosse falle soprattutto nei dialoghi e nelle scene a casaccio (un esempio: il delirio nietzchiano tra i due bambini), che purtroppo danneggiano un impianto narrativo stereotipato (Il nome della rosa spunta spesso) ma funzionale al racconto. Accostabile a Inferno, sia per la trama che per l'andamento delirante.

Jena 18/04/20 12:31 - 1207 commenti

I gusti di Jena

La staff tecnico degli orrori argentiani in campo al completo (lo stesso Dario, Ferrini, Stivaletti, i Goblin) e il fido Soavi in regia. Questi ha molto imparato dal Maestro dell'horror italiano e ha un proprio stile, meno feroce, più trattenuto. Ottima atmosfera, con alcuni momenti riusciti, creature prese dall'immaginario medievale ispirate a Bosch, svariate sciocchezze. Ferocemente anticlericale. Bene Arana, inquietante Chaliapin che ripropone pari pari il suo Jorge del Nome della rosa. Ottima colonna sonora. Ricorda Dèmoni ma è più riuscito.
MEMORABILE: Il massacro iniziale dei Cavalieri Teutonici; Lo stupro del caprone demoniaco; La tipa investita dal metrò; La tortura del costruttore della chiesa.

Noodles 9/05/20 16:04 - 876 commenti

I gusti di Noodles

Il prologo è interessante e in generale tutta la parte iniziale, seppure un po' lenta, funziona ed è coerente. Molto presto però il film si perde completamente. Alla noia si aggiungono una sceneggiatura caotica, location e atmosfere che non riescono mai a lasciare alcuna sensazione. Se ci aggiungiamo che il basso livello della recitazione otteniamo un'altra produzione argentiana che lascia molto delusi. Il tocco di Dario non c'è, se non nella costante presenza della figlia. Film inutile.

Fedeerra Ieri 03:19 - 433 commenti

I gusti di Fedeerra

Senza dubbio uno dei migliori horror nostrani degli anni Ottanta, nonostante una sceneggiatura travagliatissima e una produzione sempre sull’orlo del precipizio. Soavi infatti partorisce un horror molto personale, visionario e suggestivo, con momenti eterei e delicati che vanno in contrasto con la visceralità delle scene splatter. Straordinaria la location gotica (fulcro del film), ottimo l’uso del sonoro ed efficaci le musiche (Goblin, Emerson, Glass). Asia Argento perfettamente (e stranamente) in sintonia col personaggio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 30/01/17 07:39
    Pianificazione e progetti - 22015 interventi
    LA CHIESA (come , del resto tutte le produzioni argentiane) e volutamente un coacervo di citazioni ( volute, tra l altro ) da INFERNO a HELLRAISER, al SIGNORE DE MALE, per passare da SOLDATO BLU ( il massacro iniziale) fino all auto fagocitazione di DEMONI ( e anche al GOTHIC russeliano)

    E il "gioco" delle citazioni verrà ripreso anche nell altrettanto bellissimo LA SETTA.
    Ultima modifica: 30/01/17 07:47 da Buiomega71
  • Discussione Rebis • 30/01/17 08:49
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Nonché de L'Angelo Sterminatore di Bunuel...
  • Homevideo Zender • 28/07/17 15:47
    Consigliere - 43614 interventi
    Ho preso il bluray della Chiesa della Shamless, dotato di audio italiano e sottotitoli removibili, quindi è di fatto come fosse un bluray uscito da noi. La cover è double face (ho subito messo quella più "italiana" delle due, come si vede, colla locandina nostrana). La qualità è buona (forse solo i neri non sono troppo profondi). Definizione buona, poca grana, un bell'acquisto.

    Odiosissimi però i trailer in apertura di bluray, tipici della casa, che tocca ogni volta skippare per arrivare al film!

    Ultima modifica: 28/07/17 17:01 da Zender
  • Homevideo Noncha17 • 26/10/17 11:33
    Magazziniere - 1073 interventi
    Partirà Venerdì 27 Ottobre una nuova Start-Up proposta per
    La Chiesa di Michele Soavi (Blu-Ray)





    Nuovo master HD, Extra di Nocturno, Libro di Nocturno di 120 pp, Copia numerata e limitata con nome

    Start-Up a 300 copie, al raggiungimento stampa a 500.

    Presto altre informazioni e il link alla prenotazione!
    Ultima modifica: 26/10/17 11:34 da Noncha17
  • Homevideo Noncha17 • 27/10/17 13:30
    Magazziniere - 1073 interventi
    Il link > Dario Argento presenta: La Chiesa Special Edition
  • Curiosità Zender • 25/01/18 17:41
    Consigliere - 43614 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Discussione Daidae • 13/02/19 21:37
    Contratto a progetto - 865 interventi
    Segnalo un errore nel commento di Ronax
    "Esordio per una giovanissima Asia Argento."
    Asia Argento fa il suo esordio nella serie tv "Sogni e Bisogni" nel 1985
    https://www.imdb.com/title/tt0090040/?ref_=nm_flmg_act_62
    Mentre il suo esordio al cinema è dell'anno successivo
    nel film "Demoni 2"
  • Discussione Ronax • 13/02/19 22:19
    Call center Davinotti - 12 interventi
    Grazie della segnalazione. Tra l'altro Demoni 2 l'ho visto di recente ma non ricordavo più la presenza di Asia.
  • Discussione Zender • 14/02/19 07:23
    Consigliere - 43614 interventi
    Sì, in questo casi sempre bene fare un salto su Imdb prima di parlare di esordi.
  • Discussione Ronax • 14/02/19 17:13
    Call center Davinotti - 12 interventi
    Grazie Zender tengo presente il suggerimento per la prossima volta