LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 3/07/07 21:37 - 1555 commenti

I gusti di Renato

Ottimo film poliziesco di Di Leo, che dovendo proprio girare un prodotto del genere (e "di genere"), pur su commissione, si tolse la soddisfazione di non presentare il solito sbirro tutto di un pezzo, incorruttibile e pronto a violare la legge solo per poter assicurare alle patrie galere (quando non agli obitori) quanti più malfattori possibile. Qui il poliziotto è marcio già dal titolo. Discreta sceneggiatura, buoni attori (passabile Luc Merenda) e una scena d'inseguimento per le strade di Milano da annoverare tra le migliori del genere.

Cotola 15/01/08 19:00 - 7513 commenti

I gusti di Cotola

Luci e ombre per un poliziottesco che nonostante sia ben lontano dalla perfezione, è comunque superiore alla media di genere. Merito di una discreta regia di Di Leo che riesce, soprattutto grazie ad alcune belle scene di azione (cosa usuale per le sue pellicole), a risollevare una sceneggiatura non sempre all'altezza che si segnala però per il guizzo finale beffardo e nichilista.

Ianrufus 26/08/08 11:16 - 139 commenti

I gusti di Ianrufus

In tempi di fiction-promozione per le forze dell'ordine, un titolo del genere oggi è impensabile ed improponibile; non che non ci fossero difficoltà ai tempi per il nostro Di Leo ma... insomma, alla fine film del genere potevano uscire. Luc Merenda è sempre l'attore che è (lasciamo perdere) ma qui la sua recitazione marmorea (come lui solo Henry Silva) è funzionale. Poco incisiva la caratterizzazione di Caprioli (altrove ben più piacevole) mentre Randone regala il suo sguardo severo e malinconico al padre del protagonista corrotto.

Daidae 24/02/09 15:24 - 2737 commenti

I gusti di Daidae

Di questo stupendo film girano copie immonde in vhs dalla qualità più marcia del poliziotto in questione. Abbiamo degli autentici mostri sacri del poliziesco all'italiana: Pellegrin nei parti di un criminale bastardissimo, Conte nei panni del solito intrallazzatore e Merenda che naviga tra corruzione e sensi di colpa, che alla fine tenterà di fare giustizia. Magnifiche scene.

Homesick 1/03/09 09:08 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Lontanissimo dai commissari di ferro del poliziesco, il corrotto Domenico Malacarne è parente stretto degli antieroi del noir, con cui condivide un destino nichilista e tragico. La pars drammaturgica (il toccante dialogo tra Merenda e l’integerrimo padre Randone) e la pars politica (gli esposti dell’emigrato napoletano Caprioli) sgusciano tra inseguimenti da brivido ed efferatezze criminali; peccato però che la dilagante violenza gratuita – insostenibili le uccisioni della Boccardo e di Randone e riprovevole quella del gatto - non si riscontri anche nelle troppo sbrigative scene di vendetta.
MEMORABILE: Pellegrin gambizza i componenti della banda rivale; le lamentele di Caprioli; Randone rinnega il figlio; l’aggressione alla Boccardo.

Fauno 27/03/09 12:42 - 1916 commenti

I gusti di Fauno

Anche qui non manca lo humour di Caprioli, ma quest'opera si distacca dalle altre di Di Leo. Qui si fa sul serio e più che la corruzione in sè, se ne esprimono le ragioni e le inevitabili conseguenze. L'incancrenimento interiore del protagonista e le tardive ribellioni alla disfatta imminente ce lo fanno apprezzare nostro malgrado. È difficile simpatizzare per un personaggio pieno di debolezze, ma Di Leo vince questa scommessa e il film merita un voto alto.
MEMORABILE: Memorabile il dialogo fra padre e figlio.

Stubby 2/04/09 18:02 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Trattasi di un prodotto di notevole livello; Fernando Di Leo alla regia è sinonimo di garanzia. Un poliziesco DOC con scene piuttosto forti, un paio di inseguimenti da cineteca e un pizzico di thriller sparso per tutto il film. Un cast di rilievo (Randone, Conte, Caprioli), ed un Merenda che riesce perfettamente nella parte. Da citare un paio di freddure da pisciarsi sotto.
MEMORABILE: "Uhè pirla... ma dove casso vai!"

Venticello 1/05/09 21:36 - 63 commenti

I gusti di Venticello

Ci voleva Di Leo per avere un commissario che esce dagli stereotipi del senso del dovere e del sacrificio. Il poliziotto è marcio e lo rivendica senza problemi anche in faccia al proprio padre integerrimo Carabiniere. Mezzo poliziesco (con un inseguimento fra i Navigli magistrale), mezzo noir, direi il miglior Di Leo al di fuori della trilogia. Non stona Luc Merenda nella parte del corrotto ed il resto degli attori tiene alla grande la scena. Su tutti il solito dileiano Vittorio Caprioli.
MEMORABILE: Sissignore, sono corrotto! Sono un infame, un traditore! Ho 60 milioni da parte, un amante di lusso e quando alzo la voce tutti si schiaffano sull'attenti!

John trent 10/01/10 17:49 - 326 commenti

I gusti di John trent

Uno dei migliori Di Leo e anche uno dei più violenti e feroci: gli omicidi sono davvero terribili (da Caprioli alla Boccardo, da Randone a Milli). L'idea di un commissario di polizia che inizialmente sembra integerrimo ma che ben presto si rivela corrotto è qualcosa di inusuale nell'ambito del poliziesco italiano. Lode a Di Leo che, pur non essendo un frequentatore abituale del genere, si dimostra superiore di diverse spanne firmando uno degli inseguimenti più belli mai visti. Fondamentale.
MEMORABILE: Il dialogo tra Merenda e Randone quando viene fuori la collusione del primo con la malavita organizzata.

Undying 12/05/10 23:56 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Nomi significativi (Malacarne quello del poliziotto protagonista); ambientazioni metropolitane (una caotica Milano); inevitabili boss attivi chi nel contrabbando di caffè, chi in quello di sigarette; scontri tra bande malavitose per il predominio del mercato di droga. Dopo un incipit in perfetto stile poliziesco, scandito da ritmati inseguimenti lungo le vie milanesi e sui navigli, Di Leo focalizza la sua attenzione sul personaggio corrotto e benestante, agiato e cullato dalla malavita. L'ottima sceneggiatura, redatta dal regista su spunto d'un bel soggetto di Sergio Donati, è ben valorizzata.

Bruce 17/12/12 17:38 - 1004 commenti

I gusti di Bruce

Noir e amaro. Il soggetto e la sceneggiatura sono di primo livello; il film alterna però ottimi momenti ad altri inutili e poco convincenti, soprattutto quelli comici o melodrammatici. Tutto girato in una Milano livida e nebbiosa, con attori notevoli, inseguimenti spettacolari, pestaggi e delitti feroci. Appena sotto la mitica trilogia, ma da vedere assolutamente.

Lucius 15/01/13 17:41 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Un mistero come questo film non abbia avuto la stessa risonanza mediatica de La piovra; dalla solida struttura narrativa alla valida regia, curatissimo anche nelle musiche, rappresenta un valido esempio di poliziesco all'italiana dove la violenza fine a se stessa è parte integrante del tessuto narrativo. I personaggi sono spietati, il quadro generale è crudo e disturbante, ma profondamente autentico.

Herrkinski 2/02/13 17:16 - 5123 commenti

I gusti di Herrkinski

Di Leo prosegue la sua personalissima strada del noir poliziesco, stavolta affrontando il tema della corruzione di un commissario (il bravo Merenda). Il regista, pur non rinunciando ad alcune scene d'azione ben fatte, preferisce però indagare la psicologia del personaggio e mette in scena un dramma duro e spietato, senza speranza nemmeno nel crudo finale. Violenza piuttosto alta, con alcune scene che certamente restano impresse; notevole la prova del cast e calzanti le musiche. Non siamo ai livelli di altri classici del regista, comunque buono.
MEMORABILE: Il finale.

Trivex 28/01/13 14:53 - 1488 commenti

I gusti di Trivex

Sarebbe bastato rappresentare (un) poliziotto marcio, attraverso il film (trama e tecnica notevoli) lasciando allo spettatore maturo e consapevole il gusto di osservare eroi ed antieroi, in piena italica tradizione. Ma qui si fa di tutta l'erba un fascio, cosa curiosa ma non di mio gusto. Era necessario stigmatizzare il questore come un inetto e fascistoide (la celebrazione del fermo di polizia)? E lo stesso errore non è stato fatto pure inquinando la figura del padre e Carabiniere, con tale sproloquio sulle botte fatte per far confessare gli indiziati? **!

Furetto60 9/04/13 11:20 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Bello tosto questo poliziottesco di Di Leo, con classiche scene di inseguimenti, spietate uccisioni e inserti comici (già il cognome del corrotto, Malacarne, è indicativo rispetto ai cognomi altisonanti di altre pellicole del genere). Mi è piaciuto Merenda, in particolare nel rapporto con il padre. Il finale non è chiarissimo, con uccisioni poco logiche ma senz’altro utili all’epilogo drammatico.
MEMORABILE: L’inseguimento iniziale in auto lungo i Navigli, luogo assai frequentato dai cineasti dell’epoca.

Giùan 8/09/13 07:19 - 2983 commenti

I gusti di Giùan

De Leo disarticola scientemente il poliziottesco, innervandolo con elementi di solidità strutturale originali per il genere e ribaltando il cliché del commissario incorruttbile (un Merenda di cui viene sfruttata l’ambiguita del phisique e visage, du role). Fondamentale la credibilità che le vecchie volpi Caprioli, Randone, Conte infondono a personaggi a forte rischio macchiettistico. Crudo, teso, a tratti melvilliano, mantiene intatta la sua vis polemica in virtù d'un etica cinematografica che non scende a compromessi, ma solo nelle pieghe della Malacarne.
MEMORABILE: Il lussuoso pied a terre nel quale Merenda si gode i “privilegi” della corruzione.

Stuntman22 22/10/13 03:27 - 114 commenti

I gusti di Stuntman22

Prodotto originale nel mostrare un poliziotto che scende allo stesso livello dei delinquenti che persegue. E che sono brutti ceffi da far paura, capaci di ammazzare uomini e gatti coi sacchetti di plastica. Un po' esagerato il patetismo della figura di quel poveraccio del carabiniere padre del commissario. Alquanto ridicoli i trafficanti portoghesi, che il doppiaggio fa parlare in spagnolo (sic). L'intreccio comunque funziona e diverte, anche se a volte è alquanto divagante.

Manfrin 4/11/13 15:31 - 326 commenti

I gusti di Manfrin

In perfetto stile Di Leo un poliziesco di ottima fattura: ritmo sempre notevole, inseguimenti mozzafiato e sceneggiatura interessante perché un po' fuori dagli schemi di genere (stavolta il commissario è corrotto). Ad interpretarlo un Merenda più in parte di altre volte, ma il cast è indubbiamente nobilitato dalle caratterizzazioni di Caprioli e, soprattutto, di Randone. Davvero eccellente.

Saintgifts 26/04/14 23:59 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

L'ambiguità, nascosta sotto la chiarezza di un titolo inequivocabile, è forse la cifra migliore di questo noir tutto italiano con tanto di superstiziosa datazione: venerdì 17 aprile 1973. Da annotare l'ambiguità di un Luc Merenda commissario eroe-antieroe e soprattutto l'ambiguità di farlo apparire migliore dei suoi superiori, non marci, ma fortemente prevenuti e attenti più all'apparenza che alla sostanza. C'è poi un velato (ma non troppo) confronto tra polizia e carabinieri. Notevoli gli inseguimenti in auto. Caprioli e Randone come sempre ottimi.

Nadir 21/05/14 15:27 - 56 commenti

I gusti di Nadir

Ottimo poliziesco non conforme al cliché dell'epoca. Diretto con molta maestria da Di Leo il quale dimostra tutta la sua bravura nel rendere "accettabile" un Luc Merenda che recita questo difficile ruolo spesso con la grazia di un manichino. Randone bravo ma un po'... spaesato; non sarebbe stato meglio fargli indossare una divisa?
MEMORABILE: Il dialogo tra il commissario e suo padre; La solita risposta laconica del commissario: "Poi ti dico".

Nando 4/08/14 22:53 - 3470 commenti

I gusti di Nando

Un'efficace pellicola del regista pugliese, forse il suo unico poliziesco, infarcito di vicende noir. Due ottimi inseguimenti (il primo magistrale) e una girandola di situazioni molto variegate e tese che conducono a un finale non del tutto imprevedibile. Grande cast con un monumentale Randone (memorabile il confronto drammatico con il figlio, un aitante Merenda). Bravo Caprioli in un ruolo a lui congeniale. Vicenda belluina ma sempre ben appropriata. Uno dei migliori Di Leo di sempre.

Jdelarge 5/08/14 13:51 - 871 commenti

I gusti di Jdelarge

Spietato e marcio (come da titolo) questo noir mette in mostra un "anticommissario" che è la reincarnazione del concetto di corruzione. Di Leo, come sempre, dà vita a un film decisamente elegante, sottolineando con inquadrature studiate nei minimi dettagli, elementi della trama che si riveleranno importanti con lo scorrere dei minuti. Scenografie e scene d'azione sono di livello eccelso e Merenda, nei panni del commissario corrotto, è convincente. Grande cinema.
MEMORABILE: L'assassinio nel fiume.

Gugly 5/08/14 14:55 - 1015 commenti

I gusti di Gugly

Poliziotto colluso con la mala ma non tanto (caffè e sigarette, armi no!) entra in un gioco più grande di lui... Luc Merenda se la batte in fissità con Silva ma è più belloccio e cammina come un modello; per fortuna gli girano intorno i bravi caratteristi del genere e professionisti quali Caprioli e Randone (scandalosamente doppiato); violenza, grandi inseguimenti sui Navigli e soprattutto il pessimismo di fondo caro al regista completano un prodotto divertente e consigliato per gli amanti di Di Leo.
MEMORABILE: I trafficanti portoghesi che parlano spagnolo! L'espressione del protagonista sempre uguale sia con l'amante che davanti a vari cadaveri...

Didda23 8/08/14 16:24 - 2287 commenti

I gusti di Didda23

Di Leo ci regala una regia indimenticabile, andando oltre il divino nella prima scena di inseguimento che, per perizia tecnica, non ha nulla da inviadire nemmeno al miglior Friedkin. La storia è coraggiosa (parlare di polizia corrotta in quegli anni non era semplice) e la violenza è bella tosta e funzionale al racconto. Un punto in più per la stratosferica cornice milanese che offre quel pizzico di diversità in più rispetto alla "solita" Roma. Merenda monoespressivo ma adattissimo al personaggio privo di sfumature. Purissimo cinema di regia.

B. Legnani 15/08/14 15:51 - 4717 commenti

I gusti di B. Legnani

Interessante noir di Di Leo, che si fa perdonare le cadute solite (anche qui conferma di non essere un umorista: si pensi allo sballatissimo personaggio di Ammirata) e quello davvero sorprendenti (i due portoghesi che parlano in spagnolo!). Merito di una regìa saldissima e di un bel cast, condotto con piglio sicuro. Buoni i dialoghi, serrato il montaggio. Belle le ambientazioni milanesi, anche se qua e la è fin troppo chiaro che in realtà si è a Roma.

Hackett 5/09/14 07:59 - 1725 commenti

I gusti di Hackett

Melodramma poliziottesco ben costruito e narrato con il solito piglio deciso da Di Leo. L'improbabilità di certe situazioni e la fretta di arrivare all'azione sono equilibrate da sequenze mozzafiato (vedi inseguimento delle auto) e da una violenza decisa, anche se non troppo mostrata. Buona la trama e spietato il finale.

Dusso 9/12/14 10:40 - 1535 commenti

I gusti di Dusso

Al di là del soggetto inconsueto del poliziotto corrotto sono il ritmo, il montaggio e la regia a fare la differenza in questo film. Quando lo vidi per la prima volta alcuni anni fa mi colpirono i dialoghi superiori alla media, ora non ci ho neppure fatto caso. Immenso Randone, Merenda non sempre convincente ma ha la faccia giusta, ottimi i comprimari, da Gianni Santuccio (qui questore come in Indagine di Petri) al vice di Merenda Rosario Borelli. Ci sono piccoli momenti paurosi enfatizzati dalle ottime musiche, di notevole effetto.

Matalo! 10/02/15 08:13 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Che Di Leo non sia Siegel mi è chiaro da un po'. Comunque personale, anche nelle prove migliori ha sempre una cosa fuori posto. Questo film ha un buon finale ma dobbiamo scontare il miscast tra Merenda (troppo bello) figlio di Randone (troppo bravo), Zamuto e Sarchielli ridicoli portoghesi che parlano spagnolo e mancanza di respiro anche nei termini di un piccolo noir. Quello che qui rimane a livello di spunto altri, nella stessa durata, avrebbero detto di più. Comunque non malvagio e con un soggetto in potenza interessante.
MEMORABILE: Di Falco soffoca un gattino nella plastica per puro gusto (scena che io, da amante di gatti, non riesco a vedere).

Azione70 14/05/15 17:56 - 145 commenti

I gusti di Azione70

Non male questo film di Di Leo che presenta un commissario (Merenda) dai due volti, strenuo oppositore della delinquenza e al tempo stesso al soldo di una gang criminale. La scelta degli attori è molto felice, così come valide sono le scene d'azione e la fotografia. Molto intenso il confronto tra il commissario e il padre (uno strepitoso Salvo Randone), antitesi tra nuovo e vecchio, tra disonestà e onestà. Si segnala che il trailer utilizza musiche di Milano calibro 9.

Rufus68 17/09/16 20:20 - 3076 commenti

I gusti di Rufus68

Migliora col tempo, seppur non raggiunge le altezze della grande trilogia: questione di particolari. Di musiche, di volti. Di fortunate coincidenze. L'etica nerissima del regista, però, la si ritrova intatta (e riassunta icasticamente nel fermo immagine finale). Alcune accensioni brutali (l'omicidio della Boccardo, ad esempio), oggi impensabili, valgono il prezzo del biglietto e attenuano i difetti (Caprioli, pur gradevole, indulge nella macchietta e Merenda non convince sino in fondo). Perfetto Conte.

Myvincent 20/11/15 07:42 - 2546 commenti

I gusti di Myvincent

Storia di un poliziotto corrotto che in un secondo momento, quando viene colpito nei suoi affetti, diventa un giustiziere senza pietà. Trattati di un poliziottesco come cento altri, con più o meno le stesse facce, i soliti inseguimenti fra auto e un Luc Merenda straordinariamente mono-espressivo. Finale manicheo e prevedibilissimo. Valido come scacciapensieri.

Il Dandi 2/02/16 15:48 - 1763 commenti

I gusti di Il Dandi

Nelle intenzioni di Di Leo il film è la sua risposta a Indagine di Petri (da cui provengono Randone e Santuccio) raccontando la corruzione nella polizia in maniera lucida e verosimile. Ne esce un film coraggioso e spietato, che sa "competere" con il successo dei poliziotteschi sul versante spettacolare (l'inseguimento sui navigli è da antologia) ma ne prende definitivamente le distanze sul versante drammatico. Nemo propheta in patria a ogni modo e questo gioiello è rimasto invisibile per 40 anni.
MEMORABILE: Luc Merenda al padre maresciallo: "Quanti soprusi hai compiuto per un panettone a natale? Anche la tua è corruzione, ma da fessi!"

Ultimo 4/03/16 18:17 - 1358 commenti

I gusti di Ultimo

Noir teso, cupo e violento, in pieno stile Di Leo. Nonostante sia inferiore ai suoi prodotti migliori il film mantiene una certa tensione sin dal principio e deve considerasi riuscito grazie alla convincente prova di Luc Merenda nei panni di un commissario corrotto. Due inseguimenti degni di nota, qualche buona sparatoria e un finale raggelante. Buona la prova generale del cast, così come il film.

Nicola81 29/11/16 10:00 - 1951 commenti

I gusti di Nicola81

Rigorosamente parlando, è l'unico poliziesco diretto da Di Leo, che però si smarca coraggiosamente dagli stilemi del genere proponendo un protagonista magari non proprio marcio ma carico di ambiguità e contraddizioni. Copione di qualità superiore alla media (il soggetto è di Sergio Donati), ritmo perfetto, spettacolari inseguimenti, sadici omicidi, cast davvero ben scelto (Santuccio era stato questore anche in Indagine di Petri e non credo sia una coincidenza). Uno dei migliori del regista, anche se la morte del gatto doveva risparmiarmela...
MEMORABILE: Gli omicidi, in particolare quello di Milli; I due inseguimenti automobilistici (soprattutto il primo); Il confronto padre/figlio sulla corruzione.

Pessoa 15/12/16 20:02 - 1155 commenti

I gusti di Pessoa

Il marciume del titolo alla fine copre quasi tutti i personaggi del film, in un un pot-pourri di tradimenti, parole mancate e colpi alle spalle. Di Leo sapeva che sarebbe andato incontro all'ostracismo istituzionale, ma non ha rinunciato a dire la sua fino in fondo, con estrema lucidità, pagando un prezzo forse troppo alto. Ma resta comunque una delle sue prove cinematograficamente meno convincenti, con cadute di stile e dialoghi non esaltanti. Pure il cast, Randone escluso, che non sembra dare il massimo, non aiuta certo il pallinaggio finale.

Marcolino1 21/01/17 16:50 - 503 commenti

I gusti di Marcolino1

Il titolo fa tremare i muri per le inconfutabili verità che purtroppo rivela: la corruzione nelle basse sfere di chi dovrebbe tutelare i più deboli, con l'infima meschinità per la salita a una misera carriera e in quelle alte invischiate con i "diamanti" della criminalità. In questo bergonzelliano porco mondo si aggiunge la miopia delle autorità che prendono solo i "pesci piccoli" della delinquenza. Il film è un vaccino-antidoto anti-poliziottesco che demolisce i cliché concettuali e ideologici del genere sulla rettitudine delle forze dell'ordine.
MEMORABILE: Il confronto-scontro Merenda-Randone; La triste morte del napoletano e del suo gatto; Gino Milli travestito e la lotta tra lui e Merenda.

Alex75 14/04/17 09:42 - 675 commenti

I gusti di Alex75

Sui canoni del poliziesco all’italiana, fusi con le atmosfere noir di cui era maestro, Di Leo innesta la figura ambigua di un poliziotto corrotto ma non privo di coscienza, più complesso dei ferrei tutori dell’ordine tipici del genere, un “Malacarne” che non suscita avversione, circondato com'è da personaggi che non sono migliori di lui. Sfruttando una sceneggiatura equilibrata tra azione e dramma, il regista pugliese valorizza al meglio gli attori (in particolare Merenda, Caprioli e Randone).
MEMORABILE: L’inseguimento iniziale; Il cav. Esposito e il suo “gatto napoletano”; Il viscido Gianmaria; Il confronto tra i due Malacarne; Gli omicidi.

Maik271 13/05/18 12:24 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Interessante pellicola di genere poliziesco in cui un poliziotto corrotto (interpretato da Merenda) entra in un gioco più grande di lui e ne rimane stritolato. Cast di buon livello, buone musiche e violenza in grande quantità. Seppur risenta di alcune lentezze nella narrazione, ci sono buone scene di azione e ottimi inseguimenti (curati dal famoso Remy Julienne). Anche la regia del bravo Di Leo non delude, seppure non si tratti del suo miglior lavoro. Comunque valido.

Piero68 21/11/18 09:01 - 2755 commenti

I gusti di Piero68

Quando il nostro cinema dava parecchi punti a quello straniero (vedi gli inseguimenti in macchina) e quando a girare noir c'erano registi come Di Leo che, in un modo o nell'altro, portavano sempre a casa il risultato. Ottimo poliziesco con un cast uso a questo genere di pellicole. Quello che colpisce positivamente, oltre alla buona confezione, è una bella sceneggiatura di base che tiene sempre lo spettatore sul pezzo. La narrazione è fluida e la regia spigliata. Finale pessimista ed emblematico degno delle migliori pellicole di genere.

Victorvega 23/12/19 17:46 - 294 commenti

I gusti di Victorvega

Noir di Di Leo (per l'occasione dispensatore di gettoni in un bar) riuscito e avvincente. La storia fila dritta, anche se alcuni dialoghi appaiono un po' artefatti. Il meglio di sé il film lo dà nelle scene d'azione, con due notevoli inseguimenti e l'ultima mezz'ora molto cruenta. In negativo gli inserti "umoristici", con alcune macchiette inutili (su tutti i due portoghesi "italo-spagnoli"). In certi tratti Merenda non rende: complimenti alla flemma durante l'inseguimento!
MEMORABILE: I due inseguimenti (specialmente il primo, lungo il Naviglio); Il finale.

Pinhead80 6/03/20 23:17 - 3942 commenti

I gusti di Pinhead80

Le opere di Fernando Di Leo hanno sempre qualcosa in più rispetto alle altre dello stesso genere e questa non fa eccezione. Che sia ben girato lo si capisce già dal primo grande inseguimento in auto e poi, man mano che la storia procede, si nota anche il gran lavoro dietro alla sceneggiatura. Randone è perfetto nei panni del padre del protagonista (un Luc Merenda molto ispirato) e Delia Boccardo ammalia nelle vesti della gallerista che non si fa troppe domande. Finale epico che non si può scordare.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Ciavazzaro • 10/07/17 01:16
    Vice capo scrivano - 5599 interventi
    Vedo che in questa copia italiana https://www.youtube.com/watch?v=fg_efLKrnJ0
    nel finale manca la didascalia

    SPOILER

    Dove si dice che l'agente che uccide Merenda, dopo pochi mesi venne arrestato e condannato per corruzione, con aggiunta di Il crimine non paga

    FINE SPOILER

    Didascalia invece presente nel finale della versione americana:

    https://www.youtube.com/watch?v=jA1HB2aWZZ8&t=3570s

    A me però pare di ricordare questa didascalia anche in italiano, qualcuno sa se appare in altre versioni italiane o fa parte solo della versione americana ?
  • Discussione Noncha17 • 10/07/17 01:59
    Magazziniere - 1073 interventi
    Prova a vedere qua se c'è qualcosa..

    GENTE DI RISPETTO

    ..troppe pagine da leggere! :)


    P.S.: Per "facilitarci" la visione di quello che vuoi evidenziare > puoi far partire il filmato da dove vuoi tu: clicca prima su Condividi e, poi, selezionando la casella Inizia a: ti dà direttamente il link dall'istante preciso.

    P.P.S.: Qui sul DAVINOTTI, invece, c'è la funzione URL per non "sporcare" il post > basta mettere il link dopo l'uguale e scrivere "in mezzo" quello che ti pare. ;)
  • Discussione Noncha17 • 10/07/17 02:05
    Magazziniere - 1073 interventi
    Ho appena controllato e, sul DVD recente della RaroVideo non appare..

    Anzi, ti dirò di più: è identico al filmato su YouTube.
    Ultima modifica: 10/07/17 02:07 da Noncha17
  • Discussione Geppo • 11/07/17 22:59
    Addetto riparazione hardware - 4022 interventi
    Sinceramente non ne sapevo nulla di questa curiosità della didascalia. In effetti non appare nemmeno nella vecchia versione CSC, ho appena controllato. Forse è stata fatta solo per l'edizione americana.
  • Discussione Ciavazzaro • 12/07/17 00:32
    Vice capo scrivano - 5599 interventi
    Grazie mille, per l'aiuto

    p.s. complimenti per la foto !
  • Musiche Alex75 • 25/09/17 17:11
    Call center Davinotti - 621 interventi
    La colonna sonora recupera alcuni brani di quella di Milano calibro 9, come "Canzona (There will be time)" degli Osanna.
  • Discussione Alex75 • 25/09/17 17:16
    Call center Davinotti - 621 interventi
    Il Dandi ebbe a dire:
    Speriamo! Film molto raro, secondo molti (regista compreso) osteggiato perché scomodo. Non conoscevo Fernando Di Leo (purtroppo), ma un'amica che lo intervistò mi disse che nemmeno lui possedeva una versione decente di questa pellicola, solo una copia lavoro.

    Credo che sia stato il primo film italiano centrato su una figura di poliziotto corrotto. Un personaggio simile a Malacarne, ma secondario, era stato il poliziotto interpretato da Pambieri in La polizia è al servizio del cittadino?
  • Homevideo Alex75 • 25/09/17 17:30
    Call center Davinotti - 621 interventi
    Geppo ebbe a dire:
    Che poi tra l'altro la VHS Silma del POLIZIOTTO È MARCIO è tagliata. Dura soltanto 80 minuti.

    Sì. Avevano fatto dei tagli davvero insensati, che tolgono molto al film (senza contare che la qualità dell'immagine era pessima). Ho apprezzato molto il restauro del lavoro di Fernando Di Leo, riportato alla sua lunghezza originale.
  • Curiosità Zender • 8/02/18 18:00
    Consigliere - 43496 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Musiche Maxspur • 27/08/20 20:49
    Galoppino - 206 interventi
    Musiche di Luis Bacalov, Premio Oscar nel 1996 per la  colonna sonora de "Il postino" di Michael Radford.