Un tranquillo weekend di paura

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Deliverance
Anno: 1972
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Un tranquillo week-end di paura".
Numero commenti presenti: 54
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 22/02/07 10:50 - 2723 commenti

I gusti di Caesars

Un John Boorman particolarmente ispirato racconta, con piglio più drammatico che avventuroso, le peripezie di quattro uomini di città che si trovano ad affrontare un viaggio in canoa in un ambiente incontaminato, destinato a sparire, e il loro scontro con i "selvaggi" abitanti del luogo. Avremo modo così di capire le diverse psicologie dei vari personaggi. Il ritmo molto lento potrà far storcere la bocca a molti ma chi saprà resistere sarà premiato da un film mai banale. Ottima fotografia. Da vedere.

Magnetti 10/05/07 11:24 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Gia dal famoso duetto fra chitarra e benjo si capisce che ci si sta per tuffare in un incubo più che nell'avventura di quattro amici sulle rapide del fiume. La natura che fa da cornice al racconto è magnificamente fotografata. Ciò che colpisce di più è la inspiegabilità della violenza dei "locali" contro i quattro cittadini. Ci sono scene molto forti: la violenza ai danni dell'amico ciccione, il muscolo che esce dalla gamba di Burt Reynolds etc. Un incubo terrorizzante da cui non sembra esserci via di uscita. Eccezionale e indimenticabile.

Stubby 10/05/07 23:35 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Grandissimo film che è divenuto un capostipite del genere. Un'uscita tra amici per passare un fine settimana assieme addentrandosi in una zona selvatica e inospitale diviene una terrificante avventura. Alcune scene risultano decisamente forti per l'anno in cui uscì il film: riviste ancora oggi creano un certo disagio nello spettatore. Bravo Burt Reynolds.

Homesick 11/05/07 12:14 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La paura è costituita dall'immane potenza annientatrice della Natura (qui non madre, bensì matrigna) e delle sue innumerevoli insidie, siano esse le perigliose rapide di un fiume o un erto dirupo, oppure gli istinti belluini ridestati in autoctoni bifolchi e la reazione vendicativa che scuote le loro vittime, giungendo così a condividere il teorema di Cane di paglia. La regia di Boorman, solida e scrupolosa, trae massimo profitto dall’impervio paesaggio e da attori impeccabili nei loro ritratti psicologici e nell’impegno fisico profuso. Finale con incubo pre-Venerdì 13.
MEMORABILE: Il duetto banjo-chitarra con il bambino handicappato; «Non si batte la Natura»; il rapimento; le rapide; Voight che scala il dirupo.

Undying 13/05/07 18:01 - 3840 commenti

I gusti di Undying

John Boorman sigla un film dalle atmosfere fastidiose quanto verosimili: l'uomo civile (rappresentato dai quattro cittadini in vena di escursione naturalistica) si scontra con il suo "doppio" (i residenti del selvaggio luogo). Le conseguenze sono impressionanti. Sorta di corollario sull'influenza psicologica data non solo (e/o non in primis) da elementi innati, ma soprattutto dall'influsso dell'ambiente di crescita e sviluppo dell'individuo. Cioè a dire: si diventa quello che si è, a causa dell'ambiente nel quale si vive...

Puppigallo 3/07/07 17:31 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Un film crudo, cattivo. Non solo i protagonisti vengono fisicamente colpiti, ma anche psicologicamente (la scena di “Ma che bel porcellino” è di raro cinismo e perfidia). La tensione monta sempre più, con i quattro amici, canoisti, (tutti bravi) braccati, all’inizio da ombre sfuggenti nascoste dalla boscaglia sulle rive, ma poi…Una pellicola riuscita con un’ambientazione perfetta. L’esempio agghiacciante di cosa può fare un individuo se disperato e in costante pericolo di vita. Grande esempio di cinema.
MEMORABILE: Il duetto musicale col ragazzino (con evidenti problemi genetici) che suona il bengio. Prima sorride, ma una volta finito, torna subito serio.

B. Legnani 25/08/07 00:55 - 4746 commenti

I gusti di B. Legnani

La natura, impassibile, assiste alle disgrazie del gruppo. La sua crudeltà già s'era palesata all'inizio, quando abbiamo visto suonare il figlio di un dio minore. Sarà punita dall'uomo, che la sommergerà, ma a caro prezzo: dubbi, incubi e rimorsi. Ma noi siamo con loro, perché hanno deciso, in ardua situazione, cosa fare. Il debole esita prima di prendere una decisione; il forte dopo averla presa e messa in atto. Un ottimo film.

Deepred89 24/12/07 14:04 - 3291 commenti

I gusti di Deepred89

Un ritorno alla natura violento e angosciante. Scenari bellissimi e splendidamente fotogragrati con una regia modernissima e di piglio decisamente realistico. La prima mezz'ora scorre lenta e tranquilla, ma in seguito la storia si trasforma in un incubo crudele e beffardo. Grande cast, con quattro ottimi attori (Jon Voight, Ned Beatty, Burt Reynolds e Ronny Cox) ai massimi livelli. Non tutto è perfetto (finale poco convincente, calo di tensione nel secondo tempo) ma nulla di grave, comunque. Azzeccata la colonna sonora a ritmo di banjo.

Cotola 31/12/07 15:58 - 7556 commenti

I gusti di Cotola

Quattro amici vanno a fare quella che credono sarà una bella escursione in piena natura ma che in realtà si trasformerà in un vero e proprio incubo. Boorman è bravissimo nel costruire un film in cui, nonostante l'ambientazione en plein air, la tensione cresce gradualmente fino a raggiungere livelli notevoli. Teso, compatto e coinvolgente, cala leggermente solo nel finale. Peccato però che in tv la forza delle splendide immagini risulti fortemente compromessa. Divertente e riuscita la colonna sonora a ritmo di banjo.

Hackett 7/05/08 13:40 - 1728 commenti

I gusti di Hackett

Pietra miliare del cinema. L'uomo vuole confrontarsi con la natura e si trova a lottare con l'animale più crudele e spietato che in essa vive, il suo simile. Film senza tempo che ha la sua forza in una narrazione mai sotto tono, in ottimi attori e in una natura splendida, magnificamente fotografata.

Capannelle 6/05/08 17:16 - 3731 commenti

I gusti di Capannelle

Film del 1972 ma non sfigurerebbe anche 20 anni dopo. Parla dell'escursione di quattro semplici cittadini in un ambiente incontaminato che riserverà loro non poche sorprese. Bella fotografia, regia asciutta e incalzante che amplifica il contrasto tra premesse e sviluppo della storia, grande attenzione alla psicologia dei personaggi, tutti molto bravi. Una pellicola che ha aperto un ciclo.
MEMORABILE: Il banjo, il porcellino, l'ultima notte.

Matalo! 24/07/08 17:35 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Forse il capolavoro di Boorman? Certo il suo film più programmatico. La natura come choc, ma l'uomo civilizzato incapace di recuperare un minimo rapporto con sua Madre. Il film davvero scorre dritto come la piroga in un inferno verde, le cui efferatezze e il mostrarsi in faccia dei protagonisti per quel che sono si manifesta via via che la storia scorre ai nostri occhi. Fotografia meravigliosa, uso parco della colonna sonora, attori perfetti (e Reynolds non è mai stato così odioso).
MEMORABILE: Il duello al banjo col ritardato, la scena più famosa. La sodomizzazione. Il finale.

Galbo 11/09/08 06:01 - 11419 commenti

I gusti di Galbo

Opera degli Anni Settanta (è del 1972) che mantiene intatto ad oggi il proprio valore, grazie alla grande abilità del regista di girare immagini di grande efficacia, affrontando benissimo il rapporto tra l'uomo di città e la natura ostile e selvaggia. Girato con ritmo incalzante, ma nello stesso tempo con stile asciutto ed essenziale, si avvale di un ottimo cast e di valide fotografia e colonna sonora. Da vedere.

Herrkinski 20/10/08 21:48 - 5200 commenti

I gusti di Herrkinski

Eccezionale variazione sul cinema avventuroso, che qui viene sporcato di thriller. A ben vedere la struttura è addirittura quasi da horror, con gli interpreti in un ambiente ostile, prede di umani che di umano hanno ben poco. Ma il regista riesce a non degenerare nella violenza esplicita, pur non risparmiando scene abbastanza "forti". L'eleganza della fotografia e del narrato, indubbiamente di alta classe, lanciano il film nell'olimpo del film d'autore, anche grazie alle notevoli interpretazioni del cast. Memorabile la colonna sonora folk.

Patrick78 13/01/09 16:43 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Uomo contro Natura. L'uomo ha perso, perde e perderà sempre! Capolavoro di Boorman, di una portata inimmaginabile e con alcune scene da antologia del cinema. La vita di quattro amici campeggiatori cambierà per sempre quando incontreranno per loro sfortuna i rednecks di montagna. Nel cinema si sono visti molti villain, ma mai così viscidi, sporchi e amorali come i due loschi figuri che intrappolano le loro "prede" per poi abusarne a loro piacimento. Grandi Burt Reynolds e Ned Beatty. Cult movie assoluto.
MEMORABILE: Il duetto con il banjo; lo stupro; Burt Reynolds con l'arco.

Brainiac 15/01/09 18:34 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Dieci anni prima di Rambo (Ted Kotcheff). Nove prima de I guerrieri della palude silenziosa di Walter Hill e sette prima dei suoi Warriors (I guerrieri della notte). Trentadue anni prima di Calvaire, Wolf Creek e tanto dell'horror contemporaneo, John Boorman raccontò del conflitto fra l'uomo e la natura, fra la civiltà (?) e l'arretratezza, fra un gruppo di amici e un manipolo di ostili antagonisti. Questo film è quasi esente da pecche, tanto è saldo l'architrave degli archetipi su cui si regge. Pietra miliare, che affiora dalle rapide di un fiume in piena!
MEMORABILE: Lo sceriffo: "Aspettiamo e vediamo se dall'acqua esce fuori qualcosa..."

Tomslick 23/08/09 11:29 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

È la Natura la vera protagonista del film. È Lei che assiste impassibile alle spaventose, devastanti vicende dei quattro protagonisti, accompagnandoli lungo la discesa del fiume, come se per Lei niente fosse (e lo è). È Lei la Madre primordiale che ha creato l'uomo, il quale, imperterrito, ha l'eterna pretesa ed illusione di poterla in qualche modo conquistare. Uomo che, con la propria aberrante natura, si scaglia contro se stesso, assurdamente e tragicamente. Film bellissimo, diretto magistralmente, pieno d'implicazioni sottese. Un must.

R.f.e. 24/08/09 20:07 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Uno dei motivi per cui, negli Anni Settanta e Ottanta, preferivo Boorman a Milius, era "anche" quello che il film qui recensito sintetizza così bene: mentre Milius pretendeva hemingwaynamente ("pateticamente") che l'uomo riuscisse a dominare la Natura, Boorman raccontava giustamente quanto essa sia immensa e sostanzialmente ignori quel piccolo animaletto chiamato uomo. Splendido film, un capolavoro da rivedere ogni tanto, se non altro per non montarsi troppo la testa...

Saintgifts 8/01/10 15:54 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Un bellissimo film che riesce a suscitare forti emozioni in chi lo vede. Questo deve fare una buona pellicola. L'argomento è uomo e natura. La natura è sempre quella e non tradisce, si fa vedere come è e si lascia scoprire; se rispetti le regole, l'uomo invece non lo conoscerai mai e se ti fidi è la volta che sei fregato. Il demente che suona splendidamente il banjo è il perfetto incipit e l'occasione che i quattro amici hanno per capire in anticipo dove si stanno andando a cacciare. Ma sono quattro e si sentono forti e entusiasti. Da vedere assolutamente!

Greymouser 10/05/10 14:57 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Grandissimo film che ancora oggi spazzerebbe via con un sogghigno tutti i figli degeneri, cioè tutto il filone survival-horror a base di rednecks psicotici. Ovviamente, il lavoro di Boorman è molto più di questo, e sottende sottotesti e simbolismi di tutt'altra levatura. Suggestivo e crudele, il film espone in crescendo, dal piano al forte, gli inquietanti segnali di letali anomalie, fino all'esplodere della follia. Indimenticabile.

Karim 15/07/10 23:37 - 22 commenti

I gusti di Karim

Filmo stupendo che non teme il passare degli anni. Impagabile il duetto banjo-chitarra, scioccanti le scene di stupro subite da Bob ed Ed. Un Burt Reynolds con una grande personalità. Protagonista e non comprimaria la natura (il fiume e il lago artificiale che sta lentamente ingoiando la cittadina), assieme ai suoi segreti. Grande film!
MEMORABILE: Il duetto banjo-chitarra, lo stupro, l'arrampicata di Ed sulle rocce.

Nando 3/12/10 01:24 - 3485 commenti

I gusti di Nando

Un viaggio nella natura incontaminata si trasforma per quattro individui in un incubo devastante. Lucidamente veritiero con una valida crudezza palpabile, il film mostra il contrasto tra le menti civili e i campagnoli bifolchi del posto. Ritmo incalzante ed inquieta narrazione gestita con ottimo mestiere.

Macguffin 28/12/10 15:58 - 124 commenti

I gusti di Macguffin

Pur essendo molto di più, è la pietra di paragone del genere survival-horror, che anticipa (cronologicamente), supera (per stile) e sovrasta (per la profondità con cui tratta temi complessi - in primo luogo il rapporto dell'uomo con la natura, ma anche la violenza, la civiltà, la morale, la legge ecc.) i film dello stesso genere. Dramma d'azione con uno spessore da film d'autore o, viceversa, cinema "alto" ma fruibile come un thriller: fate voi, comunque la freccia nella storia del cinema è stata conficcata.

Buiomega71 11/04/11 11:02 - 2281 commenti

I gusti di Buiomega71

Insieme a Interceptor, il film che per me è una ragione di vita. Assoluto capolavoro ineguagliabile e irripetibile. Boorman si conferma uno dei più grandi registi mai esistiti (e il tema uomo vs natura sarà colonna portante di - quasi - tutto il suo cinema) e non arretra di fronte alla bestiale sodomizzazione del povero Ned Beatty. Realistico e quasi documentaristico in alcuni tratti, emozionante fino allo spasimo, coinvolgente da far male. La mano che esce dalle acque nel finale rimane il simbolo indelebile di un cinema potente e immortale.
MEMORABILE: Il bifolco sdentato si tira giù la zip delle braghe verso Jon Voight legato all'albero: "Adesso tu dirai una preghiera per me e non a denti stretti!"

Rambo90 4/11/11 13:15 - 6389 commenti

I gusti di Rambo90

Eccezionale film a metà tra l'avventuroso e il thriller, che delinea il contrasto fra quattro uomini della città e la natura violenta in cui si vanno a cacciare. Bravissimo Reynolds, ma anche Voight (soprattutto nella seconda parte) come Beatty e come Cox (quest'ultimo più in disparte). Bellissima la fotografia, la regia di Boorman è quasi perfetta e le musiche straordinariamente adeguate.
MEMORABILE: L'incubo di Voight nel finale; Reynolds che tira ai pesci con l'arco; Lo stupro.

Luchi78 13/03/12 14:33 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Un vero capolavoro, una sintesi tra natura e uomo raccontata egregiamente tramite episodi a dir poco tragici capaci di incutere vero terrore nell'animo dello spettatore, una volta tanto più vicino ai cittadini avventurieri che ai bifolchi del luogo, identificabili nello scontro impari tra natura e civiltà. Vedere questo film è come buttarsi nelle rapide del fiume e sperare che tutto si concluda al più presto. Geniale.
MEMORABILE: Il mitico duetto banjo-chitarra...

Trivex 2/05/12 15:57 - 1497 commenti

I gusti di Trivex

Una comunità rurale è formata, come quella urbana, da individui buoni e cattivi. Tra i brutti (e c'è un perché del loro aspetto) delle foreste ci sono anche i malvagi e assomigliano agli altri. Il contesto della natura aperta, violentata dall'uomo, è ottimo per mostrare questa caccia estemporanea, la cui violenza si concentra in pochi e terribili momenti. Poi torna il problema di saper distinguere e non sbagliare nell'infliggere la punizione, poiché la difesa può diventare omicidio. Tensione e paura fino al termine, registrati sempre in modo esemplare.

Fauno 21/01/13 12:49 - 1927 commenti

I gusti di Fauno

Indubbiamente valido per i paesaggi naturali e per le discese in canoa contro l'impeto dei fiumi, ma se si parla di scene violente è semplicemente un'acqua di rose rispetto ad altre opere contemporanee, americane e non. Forse la censura ne ha limitato il raggio di azione. Anche la paranoia sullo sparo non mi ha coinvolto emotivamente; direi che i personaggi migliori sono Drew e lo sceriffo, mentre è superba l'inquadratura del villaggio destinato a scomparire.

Mickes2 1/03/13 17:00 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

L’essere umano a una scelta: quella “liberazione” sancirà il cambiamento di un’esistenza intera, materiale, ma soprattutto psicologico. Teso ed efficacissimo revenge-survivor movie e fulgido incontro/scontro Uomo/Natura, dove il primo (civilizzato, moralmente ligio) si contrappone all’immensa forza d’urto del Selvaggio deflagrando in tragedia umana, riuscendo così ad evocare l’aspetto (dis)umano potenzialmente vivo e allerta in ogni individuo nonché a rappresentare le estreme drammatiche capacità di mutamento d’ognuno. Strepitoso.

Didda23 4/04/13 01:37 - 2288 commenti

I gusti di Didda23

Sono coraggiose e innovative le scelte registiche di Boorman, che gira divinamente una serie innumerevole di scene tecnicamente pregievoli. La fotografia del grande Zsigmond sublima la bellezza e la potenza della natura. Se da un lato si apprezza la sceneggiatura per l'ottima miscela di generi, dall'altro il film - seppur osando con qualche idea - non tratteggia una parte finale all'altezza di ciò che si è visto in precedenza. Sontuosa la prova attoriale, con leggera preferenza per un altezzoso Reynolds. Notevole, ma nulla di più.

Delpiero89 25/05/13 11:51 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Quattro personaggi, quattro personalità diverse e una grande e inquietante avventura. Un film drammatico a tinte molto forti. Con una scenografia eccezionale che mostra una natura splendida ma ostile. Le parole di Burt Reynolds sono inequivocabili: "La natura vince sempre". Alcune sequenze sono nella storia (lo stupro omaggiato in Pulp fiction e il duetto banjo-chitarra).
MEMORABILE: Il duetto banjo-chitarra; Lo stupro; La pesca di Reynolds; L'arrampicata di Voight con immagini di pura vertigine; L'incubo di Voight.

Zender 25/04/14 18:55 - 282 commenti

I gusti di Zender

In canoa verso l'inferno, a difendersi da chi t'attende nel verde per un agguato: ti tengono sotto tiro e tu reagisci scatenando la guerriglia. Reynolds capeggia risoluto come un comandante in battaglia, umanamente fiero di dominare i suoi uomini ma poco meno di loro preoccupato. La sfida è lanciata, la morte corre sul fiume. La natura arbitra silente e imparziale. Solo l'inattesa coda para-investigativa scarica a terra la tensione recuperando a fatica la quotidianità dopo l'incubo.
MEMORABILE: Nello sguardo ambiguo del giovane suonatore di banjo, che scruta muto dal ponte, i presagi foschi di un'avventura disgraziata; Il cadavere contorto.

Cangaceiro 3/04/14 19:32 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Famoso e importante, ma non un gran film. Balzano all'occhio gli arcinoti passaggi chiave, su tutti la violenza carnale (e prima ancora psicologica) e il nefasto duetto banjo/chitarra iniziale. Il resto è una disavventura che si fa attendere un po' troppo (lunga la fase preparatoria da quiete prima della tempesta) per poi sbocciare in un incubo sporco, angosciante e soprattutto realistico, spezzato però dall'inverosimile metamorfosi di Voight: da coniglio bagnato diventa magicamente un misto tra Rambo e Reinhold Messner. Bei paesaggi naturali, attori bravi.

Ultimo 2/09/14 09:46 - 1368 commenti

I gusti di Ultimo

Un film cult dei primi anni 70 sicuramente tra i migliori del genere d'avventura. Nonostante abbia più di 40 anni si guarda con gusto e con il timore che i quattro protagonisti possano fare una brutta fine da un momento all'altro, surclassati dalla forza indomabile della natura, qui impersonata per la maggiore dal tremendo fiume attraversato in canoa. Ottima la prova di tutto il cast. Altamente consigliato.
MEMORABILE: Ronny Cox suona la chitarra in perfetta sintonia con un bambino del luogo.

Manfrin 3/09/14 14:52 - 327 commenti

I gusti di Manfrin

Ai limiti della perfezione, coniuga in maniera impeccabile il thriller e la lotta dell'uomo contro la natura selvaggia, della quale fanno parte integrante pure i violenti montanari autoctoni. Sorprendentemente bravo Reynolds, ma tutto il quartetto dei protagonisti è coinvolto e azzeccato. Una nota di merito, in questo caso, il titolo in italiano, sicuramente ad effetto molto più dell'originale (Deliverance). Una pietra miliare.

Daniela 10/11/14 11:15 - 9513 commenti

I gusti di Daniela

Quattro uomini in barca, senza cane e nessun motivo per cui ridere. Cittadini alla ricerca dei brividi addomesticati di un tuffo nella natura incontaminata prima che tutto venga sommerso dalle acque. E' l'inizio di un incubo.... Chi lo vide alla sua uscita, ne ricorderà certamente l'impatto - un vero pugno nella stomaco - ma anche a distanza di tanti anni e all'ennesima visione il capolavoro di Boorman colpisce per la potenza della parabola, la crudeltà dello scontro fra mondo urbano e mondo rurale, il fascino della fotografia di Zsigmond, l'indimenticabile colonna sonora.
MEMORABILE: Il duetto fra chitarra e banjo; lo stupro nel bosco

Lythops 29/03/15 13:42 - 975 commenti

I gusti di Lythops

Ciò che sorprende di questo film è che, nonostante abbia superato la quarantina d'anni, non risulta affatto datato, mantenendo inalterata tutta la sua tensione, il ritmo, le reazioni emotive che producono le vicende del quartetto di amici che si trovano ad affrontare realtà alle quali, da persone civilizzate, non erano per nulla preparati. Grandi musica, fotografia e interpreti, coesi da una regia granitica. Personaggi stereotipati al fine di raffigurare al meglio i caratteri dell'americano medio. Certo un'opera degna di entrare nella storia del cinema.

Victorvega 15/05/15 01:03 - 304 commenti

I gusti di Victorvega

Scenari stupendi, un ritmo serrato, avventura e inquietudine. Ci si immedesima con gli attori (grandi interpretazioni) nelle situazioni e ci si sente avvolti in un'atmosfera malsana e claustrofobica. Grandi fotografia e sceneggiatura. Altro da aggiungere? Trovare al quadro un difetto sarebbe veramente un'impresa.
MEMORABILE: La scena dello stupro: da lì parte tutto.

Taxius 20/06/15 14:11 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

La vera protagonista del film è la natura; una natura selvaggia, incontaminata e assassina, l'uomo è solo di contorno. Un film d'avventura, ma anche un thriller e un horror che non si lascia dimenticare facilmente soprattutto per via di una scena di "violenza" su uno dei quattro avventurieri. Il film, come il fiume, scorre bene dall'inizio alla fine in un crescendo di violenza e incertezza per le sorti dei malcapitati. Bellissima la gara tra chitarra e banjo all'inizio del film. Da vedere

Jandileida 9/07/15 21:55 - 1260 commenti

I gusti di Jandileida

Cultone della tensione che non perde niente della sua forza a ogni nuova visione: tirato come una corda di violino, compatto come la difesa delle Germania a Italia 90 e claustrofobico come un montacarichi. Boorman in cabina di regia ci dà sotto annichilendo lo spettatore con una natura matrigna, bifolchi senza denti, grugniti di maiali, rapide insidiose, archi, pareti verticali e spari fantasma. Ottime anche le prove del terzetto Voight-Reynolds-Beatty, ognuno capace di imprimere il proprio tocco a personaggi semplici ma centrati. Insomma, un gran film.

Ryo 23/07/15 03:29 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Ciò che colpisce più di questo film è Burt Reynolds senza baffi... Scherzi a parte, un affascinante rape & revenge tutto al maschile ancora non l'avevo visto. Ottime le interpretazioni e paurosa tutta l'atmosfera malsana che si respira. Gli infortuni e le violenze subite dai personaggi fanno male anche allo spettatore. Molto coinvolgente e ansiogeno.
MEMORABILE: Il duetto con chitarra e banjo; Lo stupro; La gamba rotta.

Vitgar 25/05/16 13:58 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Uno di quei film che ti riconcilia con la cinematografia a stelle e strisce spesso troppo patinata ed evanescente. Sceneggiatura e ritmo narrativo perfettamente orchestrati da un grande Boorman, per non parlare della bellissima fotografia. La pellicola scorre via liscia con una incalzante e coinvolgente successione di situazioni, perde un po' nel finale. Cast di alto livello e ruoli azzeccati. Resta un cult della cinematografia degli anni 70.

Myvincent 25/11/15 08:50 - 2575 commenti

I gusti di Myvincent

Quello che doveva profilarsi come un tranquillo weekend in canoa per un terzetto di uomini capitanato da una guida esperta si trasforma in un vero incubo, anche esistenziale. A distanza di tempo, però, quest'opera perde un po' del suo valore dirompente e simbolico per come era nato, sebbene la presenza di attori "cult" ne faccia sempre un film di quelli imperdibili.
MEMORABILE: Le scollature sexy-macho di Burt Reynolds...

Rigoletto 19/12/15 12:50 - 1602 commenti

I gusti di Rigoletto

Come sono mal frequentati i molti Appalachi se quattro poveri escursionisti devono passarne tante... Ma il luogo è molto più che mal frequentato: è ostile e annulla la legge del più forte (Reynolds) portando in rilievo chi forte non è, ma integro sì. Un'avventura, un incubo che fa emergere, acuendole, tutte le differenze caratteriali e comportamentali dei protagonisti (tutti bravissimi). Eppure vi è un qualcosa di sospeso, di non risolto nell'aria; qualcosa che va oltre gli eventi narrati. Film che centra il bersaglio. Consigliato.

Parsifal68 29/12/15 11:29 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Un'escursione organizzata da quattro amici sui monti Appalachi si trasforma in un incubo quando vengono attaccati da loschi individui che perpetueranno su di loro ogni sorta di vessazione. Il film all'epoca, siamo nel 1972, generò grande eco per la forte componente violenta e per l'inusuale e scabrosa scena dello stupro omosessuale. Boorman fa girare la macchina a pieni giri, forte di una location mozzafiato, ben resa dalle ottime inquadrature e di ottimi attori già famosi. Ebbe tre candidature agli Oscar ma non vinse nulla. Da non perdere.
MEMORABILE: Il duetto con i banjos.

Jena 26/01/17 17:51 - 1206 commenti

I gusti di Jena

Il filosofico Boorman affronta il tema del confronto Uomo-natura e Rousseau ne esce con le ossa rotte: altro che buon selvaggio, l'uomo allo stato naturale è un bruto inselvatichito e la Natura è spietata nei confronti dell'Uomo (e viceversa). Da apprezzare come sempre in Boorman è lo spirito visionario, nel filmare la verde foresta e le limpide acque, a fronte dell'improvvisa esplosione di violenza umana (insostenibile la scena dello stupro). Bene Reynolds, ancor meglio Voight. La mano che esce dal lago anticipa Excalibur?
MEMORABILE: Il disfacimento della comunità dei bruti in riva al lago (che anticipa Non aprite quella porta); La scalata "iniziatica" di Voight.

Jdelarge 17/03/17 02:02 - 881 commenti

I gusti di Jdelarge

Duro e crudo, questo gran film di Boorman ha la capacità di far riflettere senza retorica. Se da un lato è mostrato il problematico rapporto tra natura e uomo, al punto tale che questi è costretto a interrompere il flusso di un fiume per arginare l'enorme forza naturale, dall'altro è sconcertante il ruolo giocato dagli abitanti del luogo, quasi dei "morti viventi" in procinto di porre fine alle loro vite (stessa sorte del fiume) per lasciar spazio alla "moderna" società che incombe. Straordinario il lavoro sulla psicologia dei personaggi.

Minitina80 8/03/17 17:30 - 2364 commenti

I gusti di Minitina80

Innegabile l’influenza che ha avuto nel trattare realtà legate a comunità isolate venute improvvisamente allo scoperto. L’intuizione più grande è stata di non fermarsi allo sviluppo della parte più cruenta, ma affiancare a essa un’introspezione psicologica dei personaggi approfondita e accurata. Una situazione estrema e improvvisa che costringe l’uomo a ritornare allo stato primordiale, in cui è la legge della sopravvivenza a suggerire scelte drastiche ed estreme, impensabili in città. Era facile sbagliare, ma Boorman non lo ha fatto.

Maxx g 21/01/18 12:19 - 492 commenti

I gusti di Maxx g

Uno dei film più noti di John Boorman, ha un inizio simile a quello di molti thriller; poi però, man mano che ci si addentra, la tensione aumenta di minuto in minuto. Magistrale la prova di tutti gli attori per un film veramente mozzafiato. Buona anche la fotografia. Da antologia le scene sulle rapide e quelle in notturna. Da vedere, anche per rivalutare un autore finito troppo presto nel dimenticatoio.

Paulaster 24/04/18 10:29 - 2823 commenti

I gusti di Paulaster

Gitanti in canoa verranno attaccati dai montanari. Dalla difficoltà a sopravvivere nella natura alla lotta per la sopravvivenza: un misto di violenza e thriller per vedere chi riuscirà a cavarsela. Ben girato, tenuto conto dell'ambientazione inospitale e con le rapide protagoniste. Nonostante il protagonista sia Voight si ricorda maggiormente il ruolo di Reynolds. Musiche adatte, specie per il suono del banjo.
MEMORABILE: La freccia conficcata nel corpo.

Il ferrini 20/06/19 00:04 - 1699 commenti

I gusti di Il ferrini

Lento ma inesorabile è un film che sicuramente può vantare location straordinarie e un'ottima fotografia; a questo si aggiunga un cast in splendida forma e una colonna sonora che resterà nella storia. Ciò che invece funziona meno è il montaggio (lo si poteva sforbiciare un po'), ma resta comunque un'opera meritoria che ha generato più di un'imitazione. La scena dello stupro omosessuale, pur mostrando poco, è di forte impatto, così come la sepoltura con le mani. Crudo e impietoso, a oggi resta il miglior Boorman.

Rocchiola 2/09/19 15:24 - 872 commenti

I gusti di Rocchiola

Quattro escursionisti della domenica discendono in canoa un fiume selvaggio: mal gliene incoglie. La sfida alla wilderness svela il suo lato più violento in questo dramma avventuroso che rovescia la consueta icona positivo-ecologista del ritorno alla natura incontaminata e conferma la tesi di Peckinpah sugli istinti violentemente primordiali che albergano nell’animo umano. Boorman firma il survival definitivo, più realistico e credibile dei massacri texani a venire. Gran fotografia di Zsigmond. L’incubo finale è entrato nell’immaginario horror.
MEMORABILE: Il "Dueling Banjos"; L’aggressione a Beatty e Voight; La votazione per il seppellimento dello stupratore; La scalata di Voight; L’incubo finale.

Magi94 22/11/19 00:52 - 687 commenti

I gusti di Magi94

Non è un horror, ma lascia turbati e sgomenti come pochi altri film. Fa affiorare tutto il disagio dell'uomo moderno, avvolto dalle comodità e da una vita artificiale, che sente il richiamo della natura ma dimentica della crudeltà insita in essa. I protagonisti del film la scopriranno a caro prezzo, chi pagando con la morte chi con il trauma psicologico: la natura (personificata anche da personaggi infernali, quasi fumettistici) può portare a rinnegare le regole della società in situazioni estreme, di cui poi è difficile cancellare la traccia.
MEMORABILE: L'espressione sconvolta scolpita sulla faccia di Ed, quando ha ormai accettato il fatto di dover uccidere, senza neanche guardar bene la vittima.

Noodles 10/04/20 23:06 - 874 commenti

I gusti di Noodles

La natura non perdona chi la sottovaluta. È il principale insegnamento di questo capolavoro assoluto del thriller, girato splendidamente dal grande John Boorman. L'escalation del dramma è perfettamente somministrata tra scenari spettacolari e dialoghi precisi e mai banali. Sono tante le scene indimenticabili, senza contare il celeberrimo duetto banjo-chitarra. Ottima anche la caratterizzazione dei quattro personaggi e la fotografia. Un'avventura drammatica e mozzafiato da non perdere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 19/04/16 09:06
    Consigliere - 43606 interventi
    Ti avevo chiamato perché ricordavo che avevi citato la frase del flano in discussione :)
  • Discussione Caesars • 19/04/16 09:41
    Scrivano - 10989 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Ti avevo chiamato perché ricordavo che avevi citato la frase del flano in discussione :)

    Bravissimo. E' proprio così mi era rimasta impressa nella memoria.
  • Homevideo Caesars • 20/04/18 17:03
    Scrivano - 10989 interventi
    Il film fu, in prima istanza, negato il visto di censura (13 ottobre 1972) e solo in un secondo momento (15 novembre 1972) venne concesso il V.M. 18.

    Fonte: Italiataglia
    Ultima modifica: 20/04/18 18:30 da Zender
  • Discussione Schramm • 26/05/18 14:45
    Risorse umane - 6712 interventi
    la meravigliosa locandina originale

    Ultima modifica: 26/05/18 14:46 da Schramm
  • Musiche Schramm • 9/06/18 16:10
    Risorse umane - 6712 interventi
    * Il balletto eseguito durante l’esecuzione al banjo di Duelling banjos fu inaspettatamente improvvisato sul momento dalla comparsa. Billy Redden non sapeva suonare il banjo. Al fine di dare l’impressione di essere padrone dello strumento, il pezzo venne eseguito da un musicista dirimpetto che gli chiese di mimare alla perfezione la diteggiatura, facendogli così suonare il brano in playback.

    (Fonte: autori e attori del film dagli extras del dvd deluxe edition della wb)

    Il disco d’oro di John Boorman vinto per l’hit single Duelling Banjos venne rubato da casa sua dal gangster Martin Cahill. Boorman ha rievocato l’episodio criminoso nel suo biopic su Cahill, The General.

    (Fonte: Imdb)
  • Curiosità Schramm • 9/06/18 16:36
    Risorse umane - 6712 interventi
    * Il personaggio del protagonista, Lewis Medlock, è basato su uno degli amici più intimi dello scrittore Dickey (autore del romanzo da cui è tratto il film), affascinato dal chiodo fisso della sopravvivenza. Ed è invece un personaggio dai vari riferimenti autobiografici dello scrittore. È nel campo pubblicitario, come lo fu lo stesso Dickey. Anche Bobby e Drew sono ispirati ad amici di Dickey e assieme fecero spesso squadra per sessioni di canoismo.

    * Ned Beatty e sono qui alla loro prima esperienza davanti alla cinepresa.

    * Per convincere un esitante Voight (preoccupato dalle scene della sodomia e del free-climbing) ad accettare il ruolo, Boorman lo chiamò mettendolo alle strette, concedendogli appena 30 secondi per decidere nettamente se imbarcarsi o meno. Voight chiese almeno 2’ di tempo per pensarci su e in tutta risposta Boorman riattaccò. 10 minuti dopo Voight richiamò comunicando che accettava il ruolo.

    * Inizialmente la produzione non volle saperne di avere Burt Reynolds come protagonista perché reduce di pessime produzioni televisive e film che flopparono.

    * Sul set Dickey ha sempre chiamato tutti gli attori coi nomi dei personaggi che interpretavano. Per galvanizzare la troupe, raccontò a tutti che quanto narrato nel libro era assolutamente autobiografico. Cosa inventata di sana pianta per stimolare gli attori. Allontanato dal set perché troppo invadente e molesto, venne poi convocato per incarnare il ruolo dello sceriffo.

    * Ned Beatty, che interpreta il più imbranato del quartetto, era l’unico attore che sapeva già guidare perfettamente una canoa.

    * Per ottimizzare l’addestramento di tiro con l’arco di Reynolds, oltre all’accostamento di Freddy Bear, che con arco e frecce ha ucciso ogni specie di animale terrestre, inclusi i rinoceronti, Boorman chiese a Burt di leggere al fine di ottimizzare il training Lo zen e il tiro con l’arco. (in un breve documentario promozionale di poco successivo alla fine delle riprese, vediamo però Dickey nelle vesti di couch di Reynolds, n.d.S.)

    * Billy McKinney, il villico ucciso dalla freccia, rimase perfettamente immobile e a occhi aperti 6’45’’ per dare il massimo realismo alla scena.

    * Il modo scomposto in cui viene ritrovato Drew non è dovuto a f/x o special make up. All’epoca Cox era capace di simili contorsioni con le spalle. Le mostrò per scherzo a Boorman, e questi pensò immediatamente di usarle in corso d’opera.

    * L’effetto della gamba spezzata di Lewis fu da Reynolds ottenuto spezzando all’indietro un osso d’agnello, ammollandolo nel sangue dello stesso e applicandoselo alla gamba di previo foro nei calzoni.

    * Dopo una lunga discussione coi censori sulla morte troppo prolungata del villico, importante per Boorman in quanto tesa a mostrare le conseguenze delle azioni di tutti, il regista accettò di tagliare dalla totalità della scena 6 frames, l’equivalente di un quarto di secondo, e la scena passò il vaglio.

    * Nonostante un’accoglienza critica prevalentemente elogiativa, le reazioni del pubblico furono più accidentate. Molti abbandonavano la sala durante la fatidica scena dello stupro. Boorman incontrò uno spettatore che gli rivelò di aver lasciato la sala a metà film, e di non essere da allora mai più entrato in un cinema.

    * Il dirupo personalmente scalato da Voight senza stuntman né controfigure era di 60 metri.

    * Nonostante tutti i rischi e i pericoli corsi dall’intera troupe lungo tutta la lavorazione, nessuna ditta di assicurazione ha voluto coprire il cast.

    * Delle 13 nomination ottenute in vari contesti di premiazione tra il 1972 e il 1973 (oscar, golden globe, Bafta etc), il film non ottenne un solo premio.

    (Fonte: autori e attori del film dagli extras del dvd deluxe edition della WB)

    * Per risparmiare e dare un tocco supplementare di realismo, i residenti locali sono stati ingaggiati nel ruolo dei montanari.

    * Nell’anno successivo all’uscita del film, più di 30 persone sono annegate nel fiume Chattooga nel tentative di replicare la traversata dei protagonisti.

    * Durante le riprese della traversata, Ned Beatty è caduto dalla canoa finendo risucchiato in un gorgo. Un assistente alla produzione si è tuffato per salvarlo, ma non è riemerso per oltre mezzo minuto. A salvataggio avvenuto, Boorman ha chiesto all’attore come si fosse sentito durante l’incidente, e la risposta è stata “avevo dato per certa la morte per annegamento, e il mio primo pensiero è stato: Boorman riuscirà a ultimare il film senza di me? scommetto che il bastardo troverà il modo!

    * John Boorman ha voluto Vilmos Zsigmond come direttore della fotografia perché famoso per aver filmato l’invasione sovietica in Ungheria nel ’56. Secondo Boorman uno che aveva operato sotto la minaccia di carri armati e mitragliatori avrebbe corso senza problema alcuno tutti i rischi preventivati da un film come questo.

    * Donald Sutherland rifiutò il ruolo di Ed per via della troppa violenza nello script. Si è successivamente detto pentito di aver deciso negativamente.

    * Jack Nicholson accettò di interpretare Ed a patto che Marlon Brando interpretasse Lewis. La somma del cachet dei due attori equivaleva all’epoca a più di un milione di dollari, metà del budget a disposizione di Boorman, costretto quindi a ingaggiare attori assai meno dispendiosi.

    * Durante le riprese della traversata, James Dickey si presentò sbronzo sul set e in seno a una discussione da lui stesso scatenata venne alle mani col regista, rompendogli il naso e spezzandogli 4 denti. Dickey non venne denunciato né multato, e in seguito divenne uno dei migliori amici di Boorman.

    * Sam Peckinpah aveva intenzione di dirigere il film. Quando John Boorman se ne assicurò I diritti, Peckinpah ripiegò su Cane di paglia.

    * Il sogno finale divenne fonte di ispirazione per Carrie - Lo sguardo di Satana.

    * La prima volta che Jon Voight vide il final cut agli studi della Warner Brothers erano presenti anche Clint Eastwood, Jack Nicholson, e il padre di Jon.

    * A Gene Hackman fu offerto il ruolo di Ed. Pretese quello di Lewis, ma gli fu negato.

    * Henry Fonda rifiutò il ruolo di Lewis, per il quale venne considerato anche James Stewart.

    * Nelle proprie memorie, Charlton Heston scrisse di aver declinato il ruolo di Lewis per via degli impegni presi per le riprese de All'ombra delle piramidi.

    * Alla Warner Brothers volevano Steve McQueen per il ruolo di Lewis, ma l’attore rifiutò.

    * Jon Voight chiede se nella zona ci sono serpenti. Due decenni dopo uno dei suoi ruoli più famosi sarà quello in Anaconda.

    * Bill McKinney si identificò nel proprio ruolo al punto che per il suo sito web adottò come indirizzo www.squeallikeapig.com (www.strillacomeunmaiale.com, n.d.S).

    (Fonte: Imdb)
  • Homevideo Schramm • 9/06/18 18:17
    Risorse umane - 6712 interventi
    Venne girato un finale alternativo, scartato però nel montaggio finale. Aveva luogo settimane, forse mesi, dopo la tragedia, e appariva nello script primigenio di Dickey come implemento del sogno finale. Lewis cammina zoppicante con una stampella (nello screenplay, la gamba è amputata da sotto il ginocchio). Ed, Lewis, e Bobby si incontrano con lo sceriffo, che li porta verso un corpo su una barella; lo scopre, per permettere loro di identificarlo ma non viene mostrato al pubblico per lasciargli l’incertezza su chi sia il cadavere tra Drew, Don Job o il villico sdentato. L’attore che incarna il morto in barella è Christopher Dickey, il figlio di James Dickey.
    Ed si sveglia di soprassalto urlante, poco prima che il volto venga svelato.

    (Fonte: Imdb)
    Ultima modifica: 9/06/18 18:21 da Schramm
  • Homevideo Rocchiola • 2/09/19 15:30
    Call center Davinotti - 1142 interventi
    Il bluray della Warner uscito nel 2012 in occasione del quarantesimo anniversario del film offre un'immagine pulita e ottimamente definita. Alcune scene soprattutto all'inizio e nel finale sono un po' granulose, ma credo si tratti di una scelta voluta. L'audio italiano non è potentissimo ma pulito e chiaro. Trattandosi di film vietato ai minori di 18 anni sconsiglio qualsiasi tipo di visione televisiva, in quanto tagliata dei particolari più scabrosi.
  • Discussione Capannelle • 4/07/20 11:12
    Scrivano - 2506 interventi
    Rivisto ieri, sempre bello e potente come sensazioni.
    Per girarlo, non solo gli attori hanno disceso le rapide del fiume senza controfigure ma pure Jon Voight ha fatto free climbing senza bisogno di stunt.
    E il tutto, come riportato anche nelle curiosità, senza alcuna assicurazione per non pagare premi troppo alti. Questo parrebbe richiamare una delle battute del film, dove Lewis (Reynolds) dice "Non credo alle assicurazioni, mai fatta una".

    Sempre a proposito di Reynolds un aneddoto è che poco prima dell'uscita del film, pur sconsigliato dal suo agente, accettò di fare un servizio di nudo per il periodico Cosmopolitan.
    In seguito, mentre era in Danimarca a promuovere Deliverance scopri che una delle foto da cestinare (nella quale "si faceva" una pelle d'orso) era stata inserita a sua insaputa in un giornalino porno locale. Ovviamente si parlò più di quella che del film. (fonte)
     
    Ultima modifica: 4/07/20 11:18 da Capannelle
  • Discussione Daniela • 5/07/20 10:19
    Consigliere massimo - 5220 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    Rivisto ieri, sempre bello e potente come sensazioni.
     
    Capolavoro senza tempo. 
    Grazie per le curiosità... curiose, sia per quanto riguarda l'assicurazione che per quanto riguarda la fotografia di Burt col povero orso che, volendo, si può acquistare qui. 
    PS: Non pensare male se me la sono andata subito a cercare in rete. Il mio interesse era rivolto unicamente all'orso ;oP