LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 22/03/07 11:24 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Tributo ai re della musica soul. Il duo Aykroyd/Belushi viene contattato direttamente da Dio, per il tramite di James Brown: il loro compito sarà quello di salvare un orfanotrofio. E loro obbediscono con il fare distaccato e fracassone che li contraddistingue. Un'altra interpretazione memorabile di John Belushi. Musiche coinvolgenti, come solo il soul sa essere. Disastri a catena e demenzialità. Indimenticabile.

Stubby 26/03/07 22:34 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Andrò contro corrente, ma questo film del bravo regista John Landis non mi ha mai convinto né divertito. La storia, anche se pure fantasiosa, non coinvolge. Buoni, se vogliamo, alcuni momenti come l'inseguimento in macchina e le esibizioni nel locale country, però per il resto l'ho trovato noioso. Presenti Aretha Franklin e James Brown, che danno un tocco di classe all'insieme.

B. Legnani 11/05/07 01:00 - 5328 commenti

I gusti di B. Legnani

Guardato e riguardato, ma non ci ho mai trovato il genio e la perfezione esaltati da chi lo considera un film fondamentale. Non mancano alcuni (non molti) momenti divertenti (come la rete a protezione dei musicisti, peraltro presa da Fiddlesticks, con Harry Langdon...), ma gli eccessi delle situazioni comiche non mi hanno né coinvolto né divertito. Culto inspiegabile e irrazionale. Meglio i momenti canori. Boh!

Blutarsky 24/07/07 18:29 - 356 commenti

I gusti di Blutarsky

Landis porta avanti la sua concezione di film comico demenziale dirigendo un capolavoro, e costruisce un film in cui parti comiche e musicali si integrano perfettamente senza prevaricare le une sulle altre. Straordinaria la coppia protagonista Belushi e Aykroyd, da antologia praticamente ogni scena del film. Grandi canzoni blues e soul, numeri musicali coinvolgenti. Ha rilanciato un genere e molte carriere musicali. Fondamentale, da vedere e rivedere.
MEMORABILE: "...C'era il funerale di mia madre! Era crollata la casa! C'è stato un terremoto! Una tremenda inondazione! Le cavallette! Non è stata colpa mia!"

Lele Emo 25/09/07 18:11 - 184 commenti

I gusti di Lele Emo

Film in missione per conto di Dio. Non c'è altro da dire. Un cast di musicisti atomici si unisce ad un plot di dramma-avventura-azione senza precedenti. Rimasto nella storia per il numero di macchine sfasciate durante le riprese rappresenta la "summa" di tutti i road-musical-action-movie del mondo. Un John Belushi strepitoso assieme ad un Aykroyd indimenticabile. Film forse non per tutti, ma che al meglio raccoglie la "svaccata" vita dei geni del rythm'n blues. Consigliabile a tutti coloro che amano il concept "sex, drugs and rock'n'roll"

Renato 20/10/07 11:29 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Un film semplicemente perfetto. Irripetibile mix tra scatenata commedia demenziale e film musicale, in cui è difficile dire se a prevalere sia la prima o il secondo... La coppia Belushi-Aykroyd funzionava perfettamente anche in tv (Saturday Night Live) e il rimpianto di non averli visti lavorare insieme ancora a lungo a causa della morte prematura del primo è ancora forte. Tantissimi i musicisti di livello internazionale ad aver preso parte al film, da Ray Charles ad Aretha Franklin e così via. Uno dei pochi, veri cult movies.
MEMORABILE: La parte coi nazisti dell'Illinois da sola vale la visione.

Puppigallo 6/11/07 13:42 - 4968 commenti

I gusti di Puppigallo

Si tratta di un grande  esempio di commedia musicale, con mostri sacri che si esibiscono tra una pagliacciata e l'altra dei due protagonisti. Belushi e Aykroyd sono perfetti (“La Baaanda!”, la blues-mobile che sfascia tutto, il balletto scatenato in chiesa) e il ritmo non cala quasi mai. Unico, vero neo, l’ex fidanzata pazzoide (eccessiva e forzata). Comunque, resta uno di quei pochi film unici, che tali resteranno.
MEMORABILE: L'incontro con la suora; I nostri eroi si esibiscono in un pub di cowboy zoticoni.

Galbo 8/11/07 05:35 - 11981 commenti

I gusti di Galbo

L'esilarante storia di Elwood e Jake Blues, due delinquenti di mezza tacca dal cuore d'oro ed appassionati musicisti, ha avuto probabilemte una considerazione critica che è andata al di là dei suoi effettivi meriti artistici. Il film comunque è certamente molto godibile, specie per le ottime performance dei suoi protagonisti e per l'altissimo livello dei musicisti coinvolti che fa alzare il livello della pellicola durente le parti musicali. Il resto del film (quello non suonato) appare a tratti divertente ma talora forzato e noioso.

Pol 26/11/07 13:21 - 589 commenti

I gusti di Pol

È la prima volta che vedo tanta simpatica follia supportata da mezzi produttivi non comuni. Forse sono troppo "concreto", ma penso sia questa la chiave di tutto: aver dato in mano ad un pazzo come Landis un budget in grado di realizzare ogni sua idea, senza limiti. Il risultato è notevole, non c'è che dire! Un musical-commedia-demenziale-catastrofico che si ritaglia uno spazio tutto suo nella storia del cinema per la sua particolarità. Da vedere almeno una volta.

Lovejoy 22/12/07 23:15 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Indimenticabile. Basterebbe citare solo la mitica coppia Aykroyd e Belushi e i numerosi camei che lo affollano per dare la giusta dimensione della pellicola. Da ricordare i numeri musicali. Tutti, nessuno escluso; l'incontro dei due con la dispotica suora della Freeman; Al ristorante; I nazisti; le scuse di Belushi alla fidanzata; Al supermarket e il lungo, indimenticabile inseguimento finale. Splendido cast d'attori e ritmo inarrestabile. Insuperato ancora oggi.
MEMORABILE: Durante l'inseguimento finale si leva dal vapore dalla macchina. Aykroyd: "E'partito un pistone!" Belushi: "Poi torna?"

Dan Aykroyd HA RECITATO ANCHE IN...

Capannelle 5/03/08 11:04 - 4138 commenti

I gusti di Capannelle

Abiti e modi di fare che entrano nella storia quelli dei fratelli Blues, in missione per conto di Dio. Che si tratti di comporre la valigia all'uscita dal carcere o di proporre musica soul ai duri cowboy, di spiegarsi con la fidanzata o mangiare al ristorante raffinato, molte sequenze da ricordare. Belushi in gran forma come buffone di classe e Aykroyd ottima spalla. Da dimenticare invece gli inseguimenti con la polizia (terribilmente noiosi e fracassoni) e un appunto sulla musica, bella ma troppo presente.

Ilcassiere 7/10/08 14:55 - 284 commenti

I gusti di Ilcassiere

Ai fratelli Blues servono 5.000 dollari per salvare l'orfanotrofio nel quale sono cresciuti. Tra truffe, fughe dalla polizia e attentati dai quali si salvano miracolosamente, rialzandosi come se nulla fosse successo, riescono nell'impresa esibendosi in un grandioso concerto insieme con la vecchia band riunita per l'occasione. Aykroyd fantastica spalla di un Belushi semplicemente perfetto. Ottime anche le performance dei mostri sacri della musica nera che compaiono nel film.
MEMORABILE: Jake che vede la luce e inizia a ballare mentre James Brown canta. Jake & Elwood che ballano durante la sfuriata musicale di Aretha Franklin.

Pigro 10/10/08 10:06 - 9042 commenti

I gusti di Pigro

Devono rimettere in piedi la vecchia band per un concerto di beneficenza. Inutile seguire la storia, il bello è addentrarsi in un caleidoscopio non-sense in compagnia di una colonna sonora fenomenale. Un classico del cinema demenziale nonché musicale, che inanella una serie di irresistibili sequenze, ma soprattutto di travolgenti canzoni dei big del rhythm and blues. La coppia Aykroyd-Belushi entra a buon diritto nell'immaginario cinematografico.

Gugly 21/10/08 20:43 - 1065 commenti

I gusti di Gugly

Film cult. Che dire? Per ma la comicità risiede nell'assoluta imperturbabilità con cui i due fratelli passano attraverso musicisti country, fidanzate rancorose, nazisti dell'Illinois, ecc. ecc. I numeri canori sono la ciliegina sulla torta. Potrà non piacere a tutti la comicità demenziale, ma consiglio vivamente almeno una visione (o ascoltate la colonna sonora).
MEMORABILE: L'incontro con la suora che ha cresciuto i due orfanelli.

Enzus79 1/01/09 15:24 - 2448 commenti

I gusti di Enzus79

Il miglior musical mai prodotto al cinema. Scene da vedere, difficili da dimenticare. Un grande Beluschi (R.I.P.). Grandi musicisti e grandi canzoni. Non mancano i momenti di ilarità. John Landis ha fatto pochi capolavori e sicuramente questo lo è.

Tarabas 30/04/09 17:40 - 1860 commenti

I gusti di Tarabas

I Fratelli Blues contro il mondo per salvare l'orfanotrofio dove sono cresciuti a pane e soul, facendo a pezzi nazisti dell'Illinois, poliziotti, cowboys, agenti delle tasse e persino una promessa sposa piuttosto contrariata. In piena era disco/pop la banda Landis/Belushi/Aykroyd rilancia la grande black music Anni Sessanta, con un cast musicale ineguagliato nella storia, un ritmo perfetto, gag leggendarie. Dritti dritti nella storia del cinema, tenendo il ritmo col piede e cantando senza ritegno. Back to the same old place, my sweet home Chicago.
MEMORABILE: "Sono 150 miglia fino a Chicago: abbiamo il serbatoio pieno, mezzo pacchetto di sigarette, è notte e portiamo tutti e 2 gli occhiali scuri". "Vai".

Caesars 21/05/09 16:30 - 3488 commenti

I gusti di Caesars

Lo ammetto: non sono tra chi considera questo film come un capolavoro. John Landis costruisce un giocattolo divertente, ma che nel complesso risulta discreto e nulla più. John Belushi, simbolo di una certa comicità "demenziale" la cui fama penso sia ben superiore a quanto mostrato nella sua (breve) vita attoriale, qui è sicuramente funzionale alla storia ed è affiancato da un altrettanto efficace Dan Aykroyd, ma ad entrambi preferisco il nutrito stuolo di comprimari. Film che comunque ha fatto epoca e per questo va visto.

Piero68 30/06/10 13:12 - 2897 commenti

I gusti di Piero68

Dalla mente di un vero genio un film unico ed irripetibile. Simbolo di una generazione, di uno stile musicale e, soprattutto, della vera comicità made in USA. Il duo Belushi/Aykroyd fa letteralmente sfaceli. Impreziosito dalla partecipazione di icone mondiali del blues: Aretha Franklin, James Brown, Cab Calloway, Ray Charles, John Lee Hooker, i BB. Ma anche dalla partecipazione di star del calibro di John Candy, Gibson e la Fisher. Nulla è lasciato al caso. E anche se la sceneggiatura non è ricercata con questo cast sono scintille assicurate.

Bruce 23/10/09 15:22 - 1007 commenti

I gusti di Bruce

Capolavoro. Mai visti meglio combinati insieme musica, divertimento ed azione. È più di un musical ed è meglio di una commedia. Protagonista indiscussa è la musica nera anni sessanta, con la presenza di molti dei suoi miti da James Brown ad Aretha Franklin, Ray Charles, John Lee Hooker etc. La coppia Belushi/Aykroyd è folle ed irresistibile, la regia è pirotecnica ed imprevedibile. Il finale un crescendo rossiniano. Spettacoloso.

Mtine 30/11/09 16:03 - 224 commenti

I gusti di Mtine

Lungo e lento. Quasi privo di sceneggiatura, con una trama sciocca e quasi inesistente. Si salvano le belle musiche e il duo Aykroyd/Belushi, che comunque non risolve il film da solo. Lunga ed eccessiva la scena finale, con un inseguimento che dura più di veni minuti e che a tratti cade nel patetico. Landis ha fatto di meglio: Un lupo mannaro americano a Londra ne è l'esempio.
MEMORABILE: La scena in chiesa, con James Brown nella parte del reverendo.

John Landis HA DIRETTO ANCHE...

Belfagor 31/12/09 09:38 - 2661 commenti

I gusti di Belfagor

Un film unico nel suo genere, demenziale e simpaticamente folle. Jake ed Elwood seminano il caos a ritmo di R&B nelle strade di Chicago, dando vita a delle sequenze memorabili, probabilmente irripetibili. Il film evita i tempi morti e si affida ad un cast stellare per creare degli ottimi numeri musicali (e non). Impossibile fare una classifica delle guest stars, anche se una menzione di merito per la Pinguina e per la Franklin ci sta.
MEMORABILE: Indimenticabile l’incontro fra John e la sua promessa sposa nelle fogne.

Saintgifts 17/03/10 00:10 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Non credo che ci sia da ricercare una trama o un qualsiasi significato in questo film. Deve essere visto e gustato per quello che è, un divertimento infinito, dove interpreti specialissimi (John Belushi e Dan Aykroyd) fanno venire la pelle d'oca ogni volta che sono in scena e tutto il contorno musicale esalta ancora di più le emozioni che non si vorrebbe avessero mai fine. I dialoghi sono originali e perfetti nella loro surrealità, le espressioni impassibili dei due nerovestiti, esaltano tutte le stravaganti invenzioni di questo film, vero cult.

Onion1973 11/08/10 18:05 - 160 commenti

I gusti di Onion1973

Film leggendario che, pur nel genere musicale (che non amo), si ritaglia un posto tra i miei film preferiti di sempre. Un perfetto meccanismo narrativo che alterna l'esibizione di mostri sacri del blues a situazioni comiche geniali (gli inseguimenti, la ex-fidanzata, le squadre speciali, i nazisti, la serata country,...). Dopo averlo visto più volte credo tuttavia che il merito principale del suo piacermi sia dovuto alla presenza sulfurea di Belushi e all'affiatamento più unico che raro con il "brother" Aykroyd, mai più a questi livelli.
MEMORABILE: Da antologia del cinema la sequenza della Madre che li riceve e spiega loro i problemi economici dell'orfanotrofio.

Nando 6/08/10 00:52 - 3692 commenti

I gusti di Nando

Un'epopea musicale in cui gag e situazioni creano un turbinio di vicende di rara efficacia. Belushi e Aykroyd si calano eccellentemente nella parte e, coadiuvati da un folto gruppo di artisti, generano un film che sfugge ad ogni classificazione. I siparietti musicali sono da antologia, così come i momenti paradossali.

Ziovania 3/12/10 13:46 - 337 commenti

I gusti di Ziovania

5000 dollari non è una gran somma, anche se rapportati a quel 1980 in cui il film è uscito. Ma per salvare l'orfanotrofio in cui sono cresciuti e in debito con il fisco, tale somma rappresenta per i fratelli un 8000 per un alpinista. Cresciuti a pane e blues, i monelli Jake ed Elwood giocano sull'equivoco di fondo per creare molti più danni della cifra di partenza: nasce da qui il divertimento di un film che ha il pregio di recuperare musiche fuori moda con Cropper e "Duck" Dunn (ossia metà dei Booker T & mG's) a ricreare il magico suond Stax.

Domino86 14/02/11 19:01 - 601 commenti

I gusti di Domino86

Bel film che ha fatto la storia: grandi nomi tra il cast e protagonista assoluta la musica. Pur ritenendola una pellicola di tutto rispetto, a mio avviso pare valutato eccessivamente dalla maggior parte delle persone. Resta, comunque sia, un film di tutto rispetto da vedere.

Fabbiu 15/03/12 23:15 - 2067 commenti

I gusti di Fabbiu

Cult dal ritmo esplosivo, che combina l'azione comica a un perfetto stile musical con sprazzi di umorismo da cartone animato (tutta la seconda parte con improvvisi giochi di gravità e uno sfracello incredible di mezzi); è proprio come il rhythm and blues della band (la musica la vera protagonista). Davvero tante cose valide in questa regia impeccabile, da una grande quantità di camei (oltre alle note celebrità della musica che recitano) alla performance memorabile del duo Aykroyd-Belushi; ormai è un'icona di uno stile, non solo cinematografico.

Markus 14/06/12 10:21 - 3556 commenti

I gusti di Markus

Il film gioca con la surreale simpatia dei protagonisti e gode di ottime performance canore (che hanno fatto leggenda). La pellicola beneficia di un velo di culto, ma per me è eccessivo poiché talune volte zoppica, con momenti di stanca (poi diciamolo: non amo molto il gospel perché lo trovo estenuante) e, a riprova di ciò, considero estremamente divertente la parte girata all'interno dello shopping-mall (in cui si scorge un "JPenney" di Romeriana memoria) e il finale; insomma, tutto quello che avrei potuto trovare in altri film.

Ryo 21/06/12 18:08 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un'allegra pellicola dotata di una spassosissima colonna sonora (farcita dalle voci di comparse del calibro di James Brown, Arethra Franklin e Ray Charles) senza dubbio punto di forza del film. Ma il carisma prorompente dei due protagonisti, le situazioni surreali in cui si troveranno arricchiscono ulteriormente l'opera, rendendo la visione molto piacevole e divertente. Entrato nel Guinnes dei primati come film col maggior numero di incidenti automobilistici.
MEMORABILE: La blues-mobile che compie salti all'indietro impossibili; Ray Charles che spara per sventare un furto; La messa di James Brown; L'ex di Jake.

Cotola 27/08/12 20:29 - 8519 commenti

I gusti di Cotola

Chi ama il blues difficilmente ne resterà deluso così come chi ama il cinema. Musica e immagini si fondono in un perfetto unicum come raramente si è visto sullo schermo. Il tasso di divertimento è altissimo grazie ad una sceneggiatura scritta magnificamente e a dei ritmi che si mantengono altissimi per tutta la durata grazie anche ai travolgenti innesti musicali. Raramente la comicità demenziale e "fracassona" (che può infastidire più di qualcuno) ha raggiunto risultati così brillanti. Impagabile ed imperdibile perla.
MEMORABILE: I numeri musicali di Aretha Franklin e Cab Calloway. Le giustificazioni di Belushi con la Fisher ("Le cavalette"). Il nazista: "Ti ho sempre amato".

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Rambo90 7/10/12 23:38 - 7239 commenti

I gusti di Rambo90

Il musical comico per eccellenza, vero e proprio film di culto, dove una volta tanto le musiche non solo non annoiano ma anzi sono terribilmente trascinanti. La coppia Belushi/Aykroyd è perfetta: indimenticabili, attorniati da un gruppo di musicisti straordinari e perfomer d'alta classe come Ray Charles e Cab Calloway, senza dimenticare il simpatico John Candy. Divertente, coinvolgente e irripetibile. Un capolavoro.

Schramm 12/10/12 11:59 - 3041 commenti

I gusti di Schramm

La pochezza e la bruttezza di questo emerito niente con un velo di film attorno sono superate solo dall'immeritato e incomprensibile culto che incredibilmente ancora lo ammanta. Dice "ci sarà un perché": ebbene, gli odiosi Gianni e Pinotto del rythm and blues in missione per conto di Dio (un ottimo motivo per diventare o restare atei), il raccappricciante parco-freddure da dita in gola o da "mateprego!", un battaglione attoriale tutt'altro che in quadro e plot e regia intriganti e seducenti quanto Oggi al parlamento non aiutano a capirlo, e ne fanno uno dei manque più sovrastimati di sempre.

Buiomega71 21/10/12 11:25 - 2696 commenti

I gusti di Buiomega71

Forse il punto di non ritorno del cinema catastrofico demenziale americano. Capolavoro assoluto di ingegno e follia, con una verve trascinante e travolgente che pochi film possono vantare. Il mastodontico inseguimento stile Sugarland Express, la "pinguina" che si "sposta" come il cadavere baviano dei Tre volti della paura, i nazi idioti, la Fisher col bazooka, lo straordinario pezzo al locale country, l'incipt fuori dal carcere, la blues mobile che si "sfalda" davanti ad una statuta a mo di scultura moderna, il cameo spielberghiano. Puramente landisiano. Da sapere a memoria.
MEMORABILE: Belushi ad Aykroyd: "Il giorno in cui io esco di prigione, il mio unico fratello mi viene a prendere con una macchina della polizia!".

Rullo 11/11/12 00:13 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Una commedia che ha fatto storia, per la sua originalità e le sue idee brillanti. I fratelli Blues vanno in missione per conto di Dio, dando inizio a un'avventura in climax ascendente in cui le musiche vengono ottimamente implementate nella trama senza spezzare il ritmo né risultare mai, neanche una volta, invasive. Belushi e Aykroyd sono diventati simboli, insieme ai loro inseparabili occhiali da sole, di un modo di vivere e di fare meravigliosamente blues.

Mickes2 28/07/13 17:47 - 1669 commenti

I gusti di Mickes2

Non riesco a scorgervi grande genialità e penso che in linea di massima sia sopravvalutato. Accoccolato su snodi troppo lunghi (il concerto improvvisato nel locale, il reclutamento, l’inseguimento finale - che per quanto stupendamente demenziale è infinito) qua e là lascia trasparire poco mordente e tempi comici non troppo collaudati. Ma rimangono l’irriverenza, la goliardia, lo spirito di ribellione, la capacità di rimanere se stessi e combattere come si può con i propri mezzi. Presenze eccellenti e score musicale lo impreziosiscono. Buono.

Daniela 30/07/13 14:16 - 11842 commenti

I gusti di Daniela

C'era una volta un cinemino da 500 lire, l'Universale di Firenze, in cui ogni mese venivano proiettati alcuni film scelti dagli spettatori... ed ogni mese, in quell'epoca lontana, uno di questi film era invariabilmente The Blues Brothers. Film imprescindibile per chi ama il blues, il musical, il cinema tout court, è in grado di mettere la molla alle gambe anche all'ennesima visione. Landis, Belushi e Aykroyd al top, artisti straordinari nel cast, ironia a piene mani, un capolavoro che fa bene alla salute, da assumersi senza controindicazioni.
MEMORABILE: Sequenze da ricordare? Tutte quelle che intercorrono dall'uscita dalla galera all'esibizione in carcere. Lo conosco a memoria.

124c 31/07/13 17:44 - 2846 commenti

I gusti di 124c

Commedia con pezzi blues fantastici, inseguimenti frenetici e star a sorpresa. Monumentale culto della generazione anni '80 con due attori fenomenali che interpretano due grandisismi personaggi. I due fratelli vestiti di nero non si possono non amare, le loro battute e le loro canzoni sono nel mito. John Belushi al suo meglio, idem Dan Aykroyd, che guida la decapottabile dei Blues, protagonista dell'inseguimento più folle della storia del cinema. Divertente Carrie Fisher, in un ruolo lontano da quello di Guerre Stellari. Con un sequel fiacco.

Krack113 14/10/13 07:32 - 13 commenti

I gusti di Krack113

La parte musicale, pur rimanendo funzionale al film, soverchia forse quella strettamente comica (di quella comicità, anarchica e surreale, cara a Landis) e alla fine le scene e le battute memorabili non sono poi tantissime; tuttavia non si può non adorare i fratelli Blues, perfetti epigoni di tutta una generazione di dropout, distruttori dolcissimi dell'American way of life. Uno degli ultimi atti di vitalità vera prima dell'arrivo dell'edonismo anni '80. Comunque indimenticabile.
MEMORABILE: Jake e Elwood, per tutto il film.

Disorder 18/03/15 09:49 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

Forse il film più celebre di Landis ma, tolte due o tre battute, personalmente l'ho sempre trovato di una noia mortale. Una baracconata spacca-tutto in pieno stile Spencer e Hill (c'è perfino una grezza "mangiata" al ristorante, del tutto simile a quella del secondo Trinità), priva però di una vera trama e appesantita da troppe pause musicali. Perfino Belushi pare lontano dalla sua forma migliore. Di memorabile c'è solo l'essere riusciti a piazzare due personaggi di culto, poi imitati in tutte le salse. Più mito che altro...

Lou 5/09/15 11:05 - 1092 commenti

I gusti di Lou

Capolavoro che resta ineguagliato nel suo genere: ottime performance musicali da parte di alcuni dei massimi musicisti della scena del R & B inserite in un contesto narrativo demenziale ma con una sua logica, che produce effetti di divertimento irresistibile grazie alla coppia perfetta Belushi-Aykroyd. Molte scene sono ormai cult e indimenticabili. Eterno.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Ultimo 10/04/16 17:27 - 1571 commenti

I gusti di Ultimo

Pur non essendo un appassionato di musical non posso che considerare questo film un capolavoro. Sì, perché i due protagonisti sono semplicemente straordinari e raggiungono l'apice nelle numerose scene musicali; molto bravi anche gli altri interpreti, tra cui spiccano Aretha Franklin e John Candy. Nonostante la presenza di qualche situazione surreale il film non cala mai e credo che avrebbe potuto funzionare solo così. Nella scena al Palace Hotel si ha la sensazione di voler essere lì, a ballare e cantare insieme a loro.
MEMORABILE: "Siamo in missione per conto di Dio"; La scena sul ponte coi filo-nazisti.

Paulaster 13/05/16 10:15 - 3840 commenti

I gusti di Paulaster

Come un paio di comici del Sabato sera abbiano sdoganato per sempre il blues tanto da riuscire a essere credibili anche come cantanti. Momenti canori col gotha del momento (Charles e Lee Hooker su tutti, ma anche la Franklin in ciabatte è irresistibile) che aiutano la regìa di Landis. Alto budget per eccesso di danni e incidenti ma son sempre gli interventi di Belushi che si fan ricordare nel tempo. Piccole sforbiciate avrebbero reso più snella la visione.
MEMORABILE: Chaka Chan a capo del coro gospel; Le cavallette; L'esplosione del palazzo; La pinguina; "Quanto vuoi per tue donna?".

Minitina80 5/06/16 17:28 - 2758 commenti

I gusti di Minitina80

Nelle mani di Landis la comicità di Belushi e Akroyd si cala perfettamente nei tempi della commedia, mentre gli intermezzi musicali non appesantiscono e non danno mai l’idea di guardare un musical. Quello che viene fuori è un qualcosa di unico nel suo genere capace di intrattenere e coinvolgere dall’inizio alla fine. Dietro il contesto gioioso e divertente, poi, si nasconde una poetica di fondo importante quanto il resto, marchio di fabbrica del regista che tra le righe riesce a dire più di quanto sembra.
MEMORABILE: L’umiliazione dei nazisti; L’intermezzo musicale con Ray Charles.

Alex75 12/01/17 09:39 - 801 commenti

I gusti di Alex75

Road movie che consacra l’affiatata ed esuberante coppia "in missione per conto di Dio" Belushi-Aykroyd, la cui comicità fracassona si fonde con la musica blues e soul che è la vera coprotagonista del film. Alla distanza, più che per le battute dei due "fratelli" nerovestiti, si fa ricordare per l’impressionante parata di vecchie glorie musicali e per la formidabile colonna sonora. Il limite del film di Landis sta nella sua sovrabbondanza, che lo rende a tratti estenuante.
MEMORABILE: Le comparse-esibizioni di Aretha Franklin e Ray Charles; I nazisti dell’Illinois; La Bluesmobile.

Pessoa 28/01/17 21:09 - 2459 commenti

I gusti di Pessoa

Tutto quello che avreste voluto in un film e che non avete mai osato chiedere. "The blues brothers" è entrato (a ragione) nella leggenda per un milione di motivi, dalle scene d'azione ai momenti musicali (fra i più belli della storia del cinema) che s'incastrano perfettamente nella storia, deridendo a sangue molti american ways of life. La corona va a Belushi, che ha fatto del moto perpetuo accelerato una ragione di vita (e purtroppo anche di morte): è quasi naturale che sia stata una speedball a portarcelo via. Unico e (ahimé) irripetibile!
MEMORABILE: Tutto Belushi; La luce; Charles Napier; John Candy; Aretha Franklin; La Bluesmobile; I nazisti dell'Illinois; Le cavallette; Steven Spielberg.

Maxi 7/10/17 12:29 - 2 commenti

I gusti di Maxi

Da vedere. Film trasversale a vari generi: è commedia, azione, musicale. I protagonisti, malgrado la divisa, sono tutt'altro che omologati e sublimano il loro disadattamento nella musica e risultano in fin dei conti degli eroi positivi. Film cult intergenerazionale, talmente unico e inimitabile che, malgrado il successo, non ha generato cloni (a parte un dimenticabile sequel).

Il Dandi 23/01/18 13:28 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Quando un film occupa un posto di tale rilievo nella memoria collettiva diventa rischioso giudicarlo: all'ennesima revisione concludo di trovarlo non proprio irresistibile come commedia (troppe fastidiose esagerazioni, soprattutto nella fuga finale) e musicalmente, ancorché gradevole, per certi versi pure deleterio (ormai mezzo mondo confonde il vero blues con il soul e il R&B, magari tinto di gospel). Solo discreto, ma la giustapposizione delle tante scene cult merita da sola la visione.
MEMORABILE: I nazisti dell'Illinois; Aretha Franklin tosta e infuriata col marito; Ray Charles cieco con la pistola.

Taxius 21/05/18 20:28 - 1654 commenti

I gusti di Taxius

Il capolavoro di John Landis e, assolutamente, uno dei più grandi film della storia del cinema. The Blues Brothers è la perfetta fusione tra commedia, musical e azione ed è impossibile non divertirsi ad ogni nuova visione. Innumerevoli le battute e le situazioni al limite del demenziale (una su tutte la cena al ristorante di lusso). Dura tanto ma non ci si annoia mai perché dalle bellissime scene musical si passa subito a inseguimenti e fughe varie, che siano dalla polizia o da ex fidanzate lasciate sull'altare. Epico.

Samdalmas 28/08/18 18:23 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Uno dei più grandi film musicali di sempre, assolutamente imperdibile per chi ama le sette note e il grande cinema. Dan Aykroyd e John Belushi avevano una missione divina e l'hanno portata a compimento grazie a leggende del calibro di Aretha Franklin, James Brown e Ray Charles. La regia di John Landis è perfetta, anche se eccede un po' quando arriva al finale fracassone. Per il resto capolavoro assoluto.
MEMORABILE: La Franklin in ciabatte che canta "Think"; I nazisti dell'Illinois; La Pinguina.

Modo 11/01/19 14:34 - 905 commenti

I gusti di Modo

Mettere assieme Landis, Belushi, Aykroyd è già tanta roba... se poi sono in stato di grazia non può che uscirne un film straordinario. Per non parlare poi della colonna sonora, che ha fatto la storia del cinema. Un classico senza tempo con sequenze rimaste nell'immaginario collettivo. La trama non è perfetta ma il gusto di assaporare ogni sequenza ne azzera i difetti. Non esistono momenti di stanca, anche se alcune scene sono leggermente troppo dilatate. Anche chi non ama particolarmente i musical ne rimarrà colpito.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Daraen4 13/12/20 13:41 - 102 commenti

I gusti di Daraen4

Una storia insensata, demenziale, fuori di testa, raccontata per sequenze musical, battute comiche ad effetto, situazioni surreali ed un genio che a vederlo oggi risulta, se pur non datato, meno brillante, ma che rende derivativa la comicità successiva. Pazzesco il talento nella realizzazione degli inseguimenti e nella credibilità della distruzione, fisica, della messa in scena; un climax che parte, di colpo, dal primo terzo del film e che procede a rotta di collo fino alla fine; un concerto ininterrotto in mezzo ad un film di inseguimento. Ogni dialogo è cult.
MEMORABILE: "Che genere fate?"  "facciamo tutti e due i generi: sia il country che il western".

Manrico 4/01/21 14:58 - 90 commenti

I gusti di Manrico

Un cult - e questo lo è certamente - può essere criticato? Rivisto dopo molti anni, il film di Landis rivela un sacco di smagliature che non portano bene gli anni. Idea, look, le battute tra Jake e Elwood, i numeri musicali, gli eccessi di Landis... ma sì tutto giusto e evviva il Re, però le sequenze di inseguimento in macchina sono meccaniche e lunghissime, la distruzione del centro commerciale anche, alcuni numeri musicali e di danza soffrono di scelte di inquadratura penalizzanti, insomma sempre uno spasso, ma anche senza gli entusiasmi di un tempo. Càpita...
MEMORABILE: I nazisti dell'Illinois sul ponte; Belushi che chiede perdono a Carrie Fisher.

Magi94 25/07/22 12:34 - 857 commenti

I gusti di Magi94

Grande baracconata che vince nel momento in cui rifiuta categoricamente di prendersi sul serio e si trasforma in un'americanata che ride di se stessa. Il non-sense allegro accompagna le disavventure dei Blues Brothers tra situazioni paradossali e grandi musiche che vanno ben al di là del film, grazie anche a "comparse" d'eccezione come Ray Charles, Aretha Franklin e Cab Calloway. Il numero di battute e di scene assurde che sono diventate cult senza diventare anche fastidiose fanno capire la rivelanza di questa commedia spassionata.
MEMORABILE: "E non tornate finché non sarete pentiti, contriti e redenti!"

Magerehein 5/09/22 10:51 - 505 commenti

I gusti di Magerehein

Commedia decisamente brillante e piacevole, vuoi per la bravura dei due protagonisti (assai espressivi sebbene sempre seri e celati dagli occhiali da sole), vuoi per i riusciti intermezzi musicali (con qualche ospitata d'eccezione), vuoi per certe scene ai limiti del surreale (i Nostri scampano all'esplosione di un albergo e, ripulitisi appena, se ne vanno impassibili!). Alcune sequenze risultano volutamente iperboliche (la ragazza vendicativa o l'inseguimento finale), ma questo non compromette la qualità complessiva. Lo si rivede sempre con piacere. Un sequel non era necessario.
MEMORABILE: Il pasto nel ristorante di gala; L'esibizione nel locale di zotici; Le scuse di Belushi alla promessa sposa.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 15/10/12 19:36
    Addetto riparazione hardware - 3832 interventi
    In rete leggo che i fratelli blues eran due personaggi già presenti in tv...

    in che senso?

    eran sempre interpretati da Aykroyd e Belushi?
  • Discussione Zender • 15/10/12 20:16
    Pianificazione e progetti - 46453 interventi
    Immagino che ci si riferisca sempre a loro due che interpretavano i fratelli Blues al celeberrimo Saturday NightLive.
  • Discussione Raremirko • 15/10/12 20:27
    Addetto riparazione hardware - 3832 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Immagino che ci si riferisca sempre a loro due che interpretavano i fratelli Blues al celeberrimo Saturday NightLive.

    o ero troppo giovane allora, o non ero ancora nato
  • Discussione Tarabas • 15/10/12 23:30
    Segretario - 2071 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Immagino che ci si riferisca sempre a loro due che interpretavano i fratelli Blues al celeberrimo Saturday NightLive.

    Corretto. I personaggi (e la band) nacquero lì.
  • Curiosità Zender • 13/11/13 19:40
    Pianificazione e progetti - 46453 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film, con raccomandazione di seguirlo fin dall'inizio...

  • Curiosità Zender • 6/04/14 20:12
    Pianificazione e progetti - 46453 interventi
    Dalla collezione "I flanetti di Legnani" (con contributo di Zender al restauro), il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della prima tv di The blues brothers (30 marzo 1985, grazie a Didda per la ricerca):

  • Curiosità Lucius • 10/04/14 10:53
    Scrivano - 8997 interventi
    * La scena in cui la band appare in una sauna, con i ragazzi vestiti solo di un asciugamano, è una citazione dell'lp No sweat (1973) dei Blood Sweet & Tears.

    * Sul ponte sotto il quale i Blues Brothers nascondono la loro macchina durante lo spettacolo c'è la scritta John "cuore" Debbie: allude al regista John Landis e a sua moglie Deborah.

    Fonte: Ciak, Un secolo di grandi capolavori, supplemento riservato ai lettori di Ciak n.3
  • Discussione Alex75 • 24/04/17 17:32
    Call center Davinotti - 687 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Sempre questione di punti di vista (rispetabilissimi)

    Per me un CULT IMPRESCINDIBILE, visto ben 15 volte e non mi stanca mai.

    Non vedo perchè la sassaiola. Un pò come me d'altronde, che trova la maggior parte dei film venuti dall'oriente delle vere e proprie porcherie inguardabili, ma dai più (soprattutto per quelli del settore) spacciati per chissà quali capolavori. Ad esempio, personalmente trovo Kim Ki Duk INSOPPORTABILE.

    Non stà scritto da nessuna parte che il capolavoro landisiano debba essere per forza un capolavoro per tutti...


    Io l'ho trovato un piacevole intrattenimento, un film che si apprezza di più in compagnia, che da soli. La comicità demenziale non è molto nelle mie corde, preferisco molto di più la satira di costume. Apprezzo la colonna sonora ma non mi ha mai fatto impazzire: è da qualche anno che la musicassetta prende polvere e non penso - per ora - di convertirla in supporti più moderni.
  • Musiche Alex75 • 24/04/17 17:37
    Call center Davinotti - 687 interventi
    La tracklist della colonna sonora originale, uscita nel giugno 1980 e disco d'oro in Italia:
    1. She Caught The Katy - Jake
    2. Peter Gunn Theme - strumentale (di Henry Mancini)
    3. Gimme Some Lovin' - Jake
    4. Shake a Tail Feather - Ray Charles/Jake & Elwood
    5. Everybody Needs Somebody to Love - Jake & Elwood
    6. The Old Landmark - James Brown e Chaka Khan
    7. Think - Aretha Franklin
    8. Theme From Rawhide - Jake & Elwood
    9. Minnie the Moocher - Cab Calloway
    10. Sweet Home Chicago - Jake & Elwood
    11. Jailhouse Rock - Jake

    Oltre a queste, nel film si sentono non solo innumerevoli classici soul e blues, ma anche classici italiani, come "Quando quando quando" di Tony Renis e "Anima e core", nonché un classico brasiliano: "Garota de Ipanema".
  • Discussione Buiomega71 • 16/06/18 10:21
    Pianificazione e progetti - 24431 interventi
    Ci ha lasciato anche il grande Matt "Guitar" Murphy

    Impagabile quel HAI CAPITO finale (e lapidario) di Aretha Franklin

    http://www.spettakolo.it/2018/06/16/e-morto-matt-guitar-murphy-chitarrista-e-attore-in-the-blues-brothers/
    Ultima modifica: 16/06/18 11:32 da Buiomega71