Ricky e Barabba

Media utenti
MMJ Davinotti jr

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 14/06/07 10:08 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

E' un film di bassissimo livello, con battute volgarotte e pieno di luoghi comuni... e allora? A me fa sorridere e decido quindi di salvarlo dal baratro del pallinaggio più basso. Tra De Sica e Pozzetto si instaura infatti una ottima intesa recitativa che rende persino accettabile il solito (e innocuo) messaggio buonista finale degli onesti che sconfiggono i finanzieri truffaldini. Insopportabile la Reggiani, ma questo era il suo ruolo nel film. Sylva Koscina è splendida, nonostante l'età.
MEMORABILE: La moglia fedifraga si redime: "Dai bacino a topino, topino"... e Pozzetto "No, dò calcione a troione, troione".

Galbo 27/02/08 19:46 - 11379 commenti

I gusti di Galbo

Mal riuscito tentativo (comune ad altri film dello stesso periodo) di abbinare la comicità romanesca (De Sica) con quella nordista-milanese (Pozzetto) affidandosi a personaggi che vengono pescati nelle opposte categorie sociali. Il film purtroppo presenta una sceneggiatura piuttosto mediocre e una regia (dello stesso De Sica) piuttosto piatta e banale. Anche le interpretazioni non sono il massimo.

Fabbiu 31/03/08 16:07 - 1932 commenti

I gusti di Fabbiu

Effettivamente c'è poco di nuovo e tutto risulta già visto (la gag dei numeri di telefono dettati in straniero è identica a quella vista in Troppo forte con Verdone), soprattutto nei film dei due protagonisti; ma il duo è in gran forma, Pozzetto è perfetto nell'interpretare il miliardario (in fallimento) e De Sica il barbone vagabondo; non c'è un grosso impegno né registico e né di altro tipo, ma bastano i talenti recitativi dei due a far con le comuni gag da commedia qualche risata (qua e là) e a far passare il tempo. Salvabile.
MEMORABILE: Sono cinque minuti che sono povero e già mi stanno sul cazzo i ricchi.

Redeyes 2/04/08 09:19 - 2141 commenti

I gusti di Redeyes

A me non dispiace, per una serie di motivi, ma sopratutto perché qui il dualismo Roma/Milano non è sorretto dal pessimo Boldi bensì da Pozzetto, che ha un'altra caratura. Film in sè e per sè non eccellente quanto ad originalità, ma che scorre bene grazie alla buona forma dei suoi interpreti. Bravi anche i personaggi di contorno, stranamente valida per il cinema anche la Reggiani (almeno qui!). Film che non poggia i suoi sorrisi su gag volgari ma oneste, seppur sempre banali, situazioni divertenti.
MEMORABILE: La gag finale Pozzetto/Reggiani.

Ciavazzaro 29/06/08 12:46 - 4762 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Insomma. Pozzetto è sì bravo nel suo ruolo di finanziere, ma affiancarlo a De Sica che fa il barbone... Non si ride così tanto e non basta Pozzetto a rendere il film accettabile. Infatti la storia non convince e la regia (sempre di De Sica jr.) è scialba.

Cangaceiro 9/07/08 13:20 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Era inevitabile che prima o poi il "lumbard" Pozzetto sostituisse Boldi, almeno per una volta, al fianco di De Sica per rinverdire l'atavico confronto Roma-Milano. Il succo del film sta tutto qui, nel gustoso contrasto tra il barbone burino (Christian è su alti livelli) e l'imprenditore bauscia in rovina (Renato con la battuta sempre pronta). Comunque anche la storia di fondo non è poi troppo abborracciata e le musiche di "fratello Manuel" non sono per niente male.
MEMORABILE: La "cosa elettrica" al pronto soccorso e lo "scambio" in treno.

Lovejoy 15/09/08 18:46 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Dozzinale commediaccia diretta senza particolare idee e buon gusto da un De Sica che gigioneggia fin troppo nel ruolo di Barabba. Pozzetto dal canto suo risulta in parte, ma la pellicola non gli rende giustizia. Sprecato il resto del cast. In definitiva, un film del tutto trascurabile.

Manowar79 26/06/09 14:48 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Complementare dal punto di vista sociologico a Uomini, uomini, uomini, o quantomeno così vorrebbe apparire, etichettando De Sica come cronista delle minoranze disagiate. Il canovaccio è più o meno quello di Mani di Velluto intersecato con In viaggio con papà, ma zeppo di clichè come il personaggio stravagante al ristorante di lusso, la valigia chiusa nella porta scorrevole e altri deja vu. Complessivamente gradevole, ma tutt'altro che memorabile.

Herrkinski 1/02/10 01:11 - 5123 commenti

I gusti di Herrkinski

Una trama minimale, gag tutto sommato prevedibili, il classico confronto tra milanesi snob e burinacci romani: ma allora perché dò 3 pallini al film? Perchè ha un primo tempo dall'ottimo ritmo, perché De Sica non era così simpatico e bravo da tempo, perché Pozzetto dimostra ancora una volta di essere mitico, perché la coppia comica in questo caso funziona alla grande. E c'è pure Giovanni Lombardo Radice! Il film diverte e scorre che è un piacere, peccato solo per la colonna sonora poco adatta. Leggero, ma meglio di epigoni più blasonati.

Rambo90 5/04/10 18:57 - 6343 commenti

I gusti di Rambo90

Nonostante la trama sia zeppa di gag già viste e rubi la seconda parte al più famoso Una poltrona per due, questo filmetto funziona: fa ridere, il primo tempo ha un buon ritmo, la coppia Pozzetto-De Sica funziona bene ed entrambi dimostrano di essere commedianti di razza; la musica jazz in colonna sonora serve a dare velocità e simpatia all'operazione e il cast di contorno è davvero niente male (la Koscina, la Merlini, Fabrizi). Un film senza pretese ma che diverte.

Cotola 7/04/10 23:50 - 7513 commenti

I gusti di Cotola

Modesta prova registica di De Sica (decisamente meglio come attore qui e altrove) che confeziona una commedia esile dalle situazioni già viste e dagli sviluppi usuali. La sceneggiatura è deprimente nella sua prevedibilità e così non ci si stupisce troppo e i momenti divertenti sono quasi assenti così come le battute che vanno a segno. Evitabile.

Jcvd 26/12/10 20:55 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Chi non ha visto questo film in uno dei suoi duemilanovecento passaggi televisivi? Credo nessuno. Commedia senza infamia e senza lode, che si lascia guardare, volendo anche più volte, pur senza divertire troppo. Il duo Pozzetto-De Sica non è il massimo ma certamente entrambi han fatto film peggiori. Da vedere. Ma anche no.

124c 27/12/10 18:23 - 2770 commenti

I gusti di 124c

Mi è sempre sembrato una sorta di Una poltrona per due made in Italy un po' malfatta, questo film di Christian de Sica, attore che ha trovato maggior fortuna solo con le commedie natalizie di de Laurentiis. Il duo è discretamente affiatato, anche se avrei preferito che Renato Pozzetto avesse impersonato lo straccione-filosofo e Christian de Sica il riccone, tradito da moglie (una simpatica Francesca Reggiani) e dal suocero (uno degli ultimi personaggi di Franco Fabrizi). Divertenti i cameo di Sylva Koscina e di Marisa Merlini. **

Nando 30/12/10 01:47 - 3470 commenti

I gusti di Nando

Un riccone milanese, un barbone romano ed in mezzo una valigia con i soldi. Comicità spicciola; si cerca la battuta sociale o proletaria, con carenti risultati; purtroppo il figlio di Vittorio dovrà farne di strada per avvicinarsi all'ineguagliabile figura paterna...

B. Legnani 16/06/11 23:43 - 4717 commenti

I gusti di B. Legnani

Dopo mezzora, perché continuare a guardare questo brutto film? Perché in mezzo alle banalità, alle lentezze, ai troppi "già visto" e via dicendo, qua e là si sprigiona, quasi improvvisa, qualche fiammella da parte di De Sica e di Pozzetto. E c'è qualche volto caro, come Bruno Corazzari e la Merlini, per finire con Cerulli, che fa il maitre al ristorante di lusso.

Dengus 14/06/11 21:30 - 349 commenti

I gusti di Dengus

Una poltrona per due all'italiana, con un omaggio al Povero ricco; uno degli ultimi Pozzetto brillanti, prima del declino, si trova a suo agio con un De Sica spumeggiante, che sa passare dal ruolo di Yuppies a quello di barbone con tale disinvoltura da poterlo considerare un validissimo attore. La trama non è malaccio e fila via bene; pure il resto del cast si comporta bene, anche se sono la solidità e la complicità dei due protagonisti, seppur così diversi sia nel film che nella realtà, il punto forte del film stesso. Per una serata diversa.

Deepred89 15/06/11 00:03 - 3282 commenti

I gusti di Deepred89

Commediola dalla confezione sciattissima ma nel complesso guardabile, con una storiella che si trascina senza particolari intoppi scopiazzando a destra e a manca. Gag in grandi quantità ma spesso fallimentari, dialoghi a tratti simpatici ma appesantiti da troppe parolacce gratuite. Nel cast, Pozzetto funziona, ma meno del solito, indubbiamente bravo invece De Sica. Completamente fuori luogo la colonna sonora a base di canzonette dance.
MEMORABILE: La cena alla Monty Python.

Didda23 22/12/11 14:19 - 2287 commenti

I gusti di Didda23

De Sica e Pozzetto reggono stoicamente una sceneggiatura ignobile e scurrile che tenta di prendere il meglio della commedia brillante americana (Una poltrona per due su tutti). Nonostante gli innumerevoli difetti tecnici (regia piatta e fotografia pessima), qualche gag provoca ilarità e spensieratezza. Nella mediocrità totale, Pozzetto estrae dal cilindro una delle sue battute migliori, che eleva il pallinaggio a due e mezzo.
MEMORABILE: Pozzetta che sottolinea l'importanza della qualità a discapito della quantità in ambito sessuale...

Daidae 3/04/12 04:20 - 2737 commenti

I gusti di Daidae

Niente di eccezionale, ma neppure sotto la sufficienza. Pozzetto non al massimo e oscurato da un De Sica frizzante e in forma. Alcune gag sono indubbiamente divertenti. Compaiono diversi caratteristi degli 80 come Cerulli e Corazzari; una particina anche per la cantante Calandra. Passabile.

Gabrius79 25/11/13 02:01 - 1192 commenti

I gusti di Gabrius79

Commedia non proprio memorabile, ma tutto sommato passabile con l'inedita coppia Pozzetto-De Sica che ci regala alcuni momenti di ilarità, frenati tuttavia da un copione che non è un granché. La Reggiani se la cava sufficientemente ma non è poi tanto in forma.

Piero68 12/03/14 09:27 - 2755 commenti

I gusti di Piero68

Quasi simile nel soggetto al coevo Infelici e contenti - Pozzetto in disgrazia trova una spalla improbabile che lo aiuta - è in realtà una delle peggiori commedie degli anni 90. Perché ha una sceneggiatura mai interessante e stringata, perché è volgare oltremisura rispetto allo standard di quei tempi e soprattutto perché, come i cliché imponevano, è omofoba e machista. La regia poi non è certo il lato migliore di De Sica e si vede, e Pozzetto non è sicuramente quello dei giorni migliori. Da vedere e dimenticare.

Ultimo 21/09/14 14:41 - 1358 commenti

I gusti di Ultimo

De Sica e Pozzetto agli antipodi: l'uno povero e l'altro ricco. Un'idea di base arcinota ma ben confezionata. I due attori sono protagonisti di siparietti comici di notevole fattura e il tutto prosegue dignitosamente sino alla conclusione, un po' scontata ma accettabile nell'ottica di una commedia.
MEMORABILE: La scena al ristorante.

Jandileida 16/08/15 21:58 - 1253 commenti

I gusti di Jandileida

Di sicuro il meno peggio (assieme a Simpatici & antipatici) dei film girati da De Sica: non una grande conquista, direte voi. La storia è quello che è, un mix tra Una poltrona per due e l'antico topos del ricco che diventa povero, ma a me certi momenti strappano parecchie risate perché lo "scontro" tra Roma e Milano funziona bene e perché sia Pozzetto che De Sica sono comunque due grandi comici quasi sempre con i tempi giusti. Inoltre il ritmo non manca mai, cosa non scontata in questo genere di pellicole di solito appesantite da momenti di bonaccia.
MEMORABILE: "E' un poeta dialettale amico di Bob Dylan"; "Questo mio caaaaarissssimo amico".

Ryo 6/08/15 12:40 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Becera operazione di scopiazzatura di Una poltrona per due che passa per citazioni dei Blues Brothers. Operazione inutile e anche noiosa: Pozzetto sembra quasi interpretare il suo personaggio per inerzia mentre Christian De Sica cerca di coinvolgere in un divertimento che sembra solo suo. Scontato e banale.

Fulcanelli 27/10/15 04:42 - 123 commenti

I gusti di Fulcanelli

Uno dei film con Pozzetto più spassosi, di una volgarità piacevolmente graffiante, supportato da un De Sica in strepitosa forma. Poco o nulla importa se il soggetto sa di già visto in quanto la realizzazione è quanto di più buono e originale sia apparso in quel periodo; solo verso la fine cala leggermente di tono, ma senza annoiare. Sottovalutate le ottime musiche dell'altrettanto sottovalutato Manuel De Sica. Il cast è perfetto e ogni attore non potrebbe calzare meglio nel ruolo (indimenticabile Carlos Alberto Valles). Un must del genere.

Markus 28/10/15 17:49 - 3289 commenti

I gusti di Markus

Ultime cartucce per Pozzetto (si rifarà con il teatro) e fase di passaggio per un De Sica che tenta la via da regista/attore (con scarsi risultati) e, nel frattempo, vincente nella consueta formula dei cinepanettoni. Complessivamente la commedia funziona male: tempi morti, sensazione di "già visto" continuo e, soprattutto, di ruoli mal assortiti: sarebbe stato meglio Christian nei panni del ricco cafone e Renato in quelli del vagabondo di classe. La pellicola ha una sua dignità in forza di qualche genialità del grande comico lombardo.
MEMORABILE: La moglie di Pozzetto (Reggiani) si lamenta che non fanno l'amore da mesi e lui le risponde: "Vero, ma diamo un occhio alla qualità".

Parsifal68 8/06/16 12:50 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

De profundis cinematografico della commedia all'italiana grazie a un film di uno squallore indicibile. Il De Sica regista è atroce, piatto e volgare nel tracciare la differenza di classe sociale tra un milanese ricco e un romano barbone. Si va avanti per luoghi comuni e si arriva faticosamente alla fine, maledicendo il momento in cui si è cominciato a vederlo. Pozzetto, poi, è imbolsito e quasi apatico. Da dimenticare.

Hackett 17/10/16 07:55 - 1725 commenti

I gusti di Hackett

Forse il film più gradevole del Christian De Sica regista, si basa tutto sulla verve dei due protagonisti, con un De Sica trattenuto e un Pozzetto al solito mattatore della scena. Era il 1992 e gli yuppies anni 80 si stavano convertendo in viscidi truffaldini senza scrupoli e anche questo si riesce ad avvertire, nel film. Simpatico.

Il ferrini 26/11/17 23:46 - 1680 commenti

I gusti di Il ferrini

Niente che non si sia già visto ma il film, almeno nella prima parte, funziona. Merito dei due protagonisti, tanto in gamba come attori quanto deludenti come registi, che sebbene malserviti da una sceneggiatura prevedibile e non di rado pure volgare, riescono a conferire un qualche interesse a questa commediola. Il punto è che tutto si basa sulla classica contrapposizione Nord/Sud corroborata da quella altrettanto abusata ricco/povero e alla lunga il giochino stanca. Improponibile la Reggiani, divertente cameo per la Koscina.

Bruce 7/11/19 09:40 - 1004 commenti

I gusti di Bruce

Commedia leggera, con una sceneggiatura ridotta ai minimi termini, retta interamente dalla verve dei due protagonisti. Pozzetto è il finanziere milanese infelice in amore, De Sica il barbone romano pieno di inventiva e ottimista. La coppia funziona e vi sono scenette simpatiche e divertenti. Insomma, una di quelle pellicole che si guardano senza alcuna aspettativa particolare e riescono invece a regalare qualche sorriso.

Paulaster 5/07/20 11:02 - 2773 commenti

I gusti di Paulaster

Un clochard aiuta a ritrovare la moglie a un riccone spiantato. Contrapposizione dei ruoli che si ribaltano, poche gag (già viste peraltro, vedi Blues brothers) e addirittura un finale mezzo copiato e frettoloso. Pozzetto è spuntato e De Sica è meglio quando parla forbito che quando è grossolano. Musiche che non centrano nulla coi ritmi dance di quegli anni. Piccola nota per la parentesi di Montecarlo, almeno per le sfarzose location. Tra i piccoli ruoli di contorno si fa preferire la Koscina.
MEMORABILE: Il numero di telefono coi gesti; Il premio per il vestito da barbone.

Hearty76 10/09/20 21:40 - 227 commenti

I gusti di Hearty76

Un Pozzetto che non delude mai, un De Sica in grandiosa forma, la Reggiani puntualmente spassosa, la Koscina splendida a qualsiasi età: cosa volere di più? L'incontro/scontro "una tantum" tra il distinto milanese in carriera e il barbone romano cafone funziona, fa sorridere e spaziare col pensiero. Un'avventura decentrata (e un po' cinepanettoniana) quasi tutta on the road, tra gag surreali piacevoli e altre meno. A parte qualche tratto morto e scurrilità italica di troppo, è una notevole commedia con particolari risvolti amarognoli. Invecchiata bene, merita una rivalutazione.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 27/10/15 20:30
    Pianificazione e progetti - 21882 interventi
    Fulcanelli ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Oddio, dire che Landis non ha inventato nulla mi pare un pò eccessivo...

    Ha dato i natali alle gag demenziali del trio ZAZ, ha svecchiato il mito del lupo mannaro, ha fatto conoscere al mondo la comicità travolgente di John Belushi (anche se personalmente non la amo molto), ha alle spalle uno degli esordi più strampalati e genialoidi che io ricordi

    Che possa non piacere e un conto, ma che non ha inventato nulla (o non riconoscerle dei meriti), insomma...

    Ma poi, sarà un caso che Christian De Sica (nelle interviste) citi spesso il capolavoro/catastrofico/musicale landisiano?

    Massì, sarà un caso... :D


    Attenzione Buio, con "non ha inventato proprio nulla" mi riferivo esclusivamente alla scena del ristorante non a tutto il film The blues brothers. Sia Una poltrona per due che The blues brothers sono due film che apprezzo molto, ma trovo sbagliato affermare che Ricky e Barabba sia copiato qua e la, specialmente da Una poltrona per due. A parte il soggetto c'è un'abisso di differenza tra i due.


    Poi, non vedo cosa ci sia di male se De Sica ha citato i Blues Brothers nella scena del ristorante (le citazioni, almeno per quello che mi riguarda, sono sempre valore aggiunto)
  • Discussione Fulcanelli • 27/10/15 20:44
    Galoppino - 24 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Fulcanelli ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Oddio, dire che Landis non ha inventato nulla mi pare un pò eccessivo...

    Ha dato i natali alle gag demenziali del trio ZAZ, ha svecchiato il mito del lupo mannaro, ha fatto conoscere al mondo la comicità travolgente di John Belushi (anche se personalmente non la amo molto), ha alle spalle uno degli esordi più strampalati e genialoidi che io ricordi

    Che possa non piacere e un conto, ma che non ha inventato nulla (o non riconoscerle dei meriti), insomma...

    Ma poi, sarà un caso che Christian De Sica (nelle interviste) citi spesso il capolavoro/catastrofico/musicale landisiano?

    Massì, sarà un caso... :D


    Attenzione Buio, con "non ha inventato proprio nulla" mi riferivo esclusivamente alla scena del ristorante non a tutto il film The blues brothers. Sia Una poltrona per due che The blues brothers sono due film che apprezzo molto, ma trovo sbagliato affermare che Ricky e Barabba sia copiato qua e la, specialmente da Una poltrona per due. A parte il soggetto c'è un'abisso di differenza tra i due.


    Poi, non vedo cosa ci sia di male se De Sica ha citato i Blues Brothers nella scena del ristorante (le citazioni, almeno per quello che mi riguarda, sono sempre valore aggiunto)



    Nulla di male, ma tenendo conto che comunque De Sica ha citato una scena non originale. Non diamo a John Landis più meriti di quanti ne corrispondano alla realtà.
  • Discussione Buiomega71 • 27/10/15 20:49
    Pianificazione e progetti - 21882 interventi
    Fulcanelli ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Fulcanelli ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Oddio, dire che Landis non ha inventato nulla mi pare un pò eccessivo...

    Ha dato i natali alle gag demenziali del trio ZAZ, ha svecchiato il mito del lupo mannaro, ha fatto conoscere al mondo la comicità travolgente di John Belushi (anche se personalmente non la amo molto), ha alle spalle uno degli esordi più strampalati e genialoidi che io ricordi

    Che possa non piacere e un conto, ma che non ha inventato nulla (o non riconoscerle dei meriti), insomma...

    Ma poi, sarà un caso che Christian De Sica (nelle interviste) citi spesso il capolavoro/catastrofico/musicale landisiano?

    Massì, sarà un caso... :D


    Attenzione Buio, con "non ha inventato proprio nulla" mi riferivo esclusivamente alla scena del ristorante non a tutto il film The blues brothers. Sia Una poltrona per due che The blues brothers sono due film che apprezzo molto, ma trovo sbagliato affermare che Ricky e Barabba sia copiato qua e la, specialmente da Una poltrona per due. A parte il soggetto c'è un'abisso di differenza tra i due.


    Poi, non vedo cosa ci sia di male se De Sica ha citato i Blues Brothers nella scena del ristorante (le citazioni, almeno per quello che mi riguarda, sono sempre valore aggiunto)



    Nulla di male, ma tenendo conto che comunque De Sica ha citato una scena non originale. Non diamo a John Landis più meriti di quanti ne corrispondano alla realtà.


    Mhà, non saprei (personalmente trovo la scena del ristorante nei Blues Brothers forse la meno riuscita del film, per dire), ma se De Sica (in alcune interviste) lo cita (ad esempio: E' un episodio questo un po' alla Blues Brothers, alla Thelmo e Luiso, con gag continue tra noi e loro e, devo dire, è nata una bella alchimia, parlando di un suo "cinepanettone") non mi stupirebbe l'omaggio in Ricky & Barabba

    Poi, per carità, ognuno ci vede ciò che vuole...
    Ultima modifica: 27/10/15 20:49 da Buiomega71
  • Discussione Markus • 28/10/15 09:47
    Scrivano - 4789 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Markus intervieni tu citando la battuta migliore del film, oltre che tuo assoluto cavallo di battaglia!!

    Ragazzi, il film sta in piedi (e me lo ha fatto diventare mito) solo per una GRANDISSIMA battuta dell'immenso Renatone, quando di fronte alla moglie che si lamenta di non fare l'amore da mesi lui risponde: "vero, ma diamo un occhio alla qualità" ahaha
  • Discussione Jandileida • 28/10/15 09:50
    Addetto riparazione hardware - 406 interventi
    Penso che il ricco che diventa povero e il povero che diventa ricco sia una roba che viene messa in scena dai tempi di Eschilo, più o meno. Se uno comincia così ogni commento dovrebbe rifarsi ad Assurbanipal, non penso sia fattibile. Detto questo, a me il film ha ricordato Una poltrona per due lo stesso, diciamo come precedente più immediato, vedi il finale in borsa e l'impostazione generale del ricco banchiere fregato da un suo socio.
    Ultima modifica: 29/10/15 09:19 da Jandileida
  • Discussione Didda23 • 28/10/15 10:36
    Comunicazione esterna - 5716 interventi
    Markus ebbe a dire:
    Didda23 ebbe a dire:
    Markus intervieni tu citando la battuta migliore del film, oltre che tuo assoluto cavallo di battaglia!!

    Ragazzi, il film sta in piedi (e me lo ha fatto diventare mito) solo per una GRANDISSIMA battuta dell'immenso Renatone, quando di fronte alla moglie che si lamenta di non fare l'amore da mesi lui risponde: "vero, ma diamo un occhio alla qualità" ahaha


    Renatone, senza dubbio, è il numero uno assoluto risollevando un film mediocre con una battuta leggendaria.
    Personalmente ci ho visto poco Landis, nel film.
  • Discussione Galbo • 28/10/15 13:00
    Gran Burattinaio - 3752 interventi
    Come regista paragonare Christian De Sica a Landis mi pare un azzardo....
  • Discussione Ruber • 28/01/18 22:55
    Compilatore d’emergenza - 8957 interventi
    Ultima apparizione per la Koscina prima della sua prematura morte.
  • Musiche Blondie666 • 23/05/19 15:20
    Galoppino - 69 interventi
    la sigla iniziale del film

    https://www.youtube.com/watch?v=Qg0VjVXVoXk
  • Curiosità Fedemelis • 8/11/19 12:28
    Fotocopista - 1720 interventi
    Il piatto da 55.000 lire che viene portato a Barabba (De Sica) e Ricky (Pozzetto) è veramente quello ordinato nel menù alla voce "Antipasto", come possiamo leggere parzialmente nel fotogramma (Le altre pietanze sono: Un'insalata - L. 35.000; Cocktail di gamberi - L. 40.000 | Non leggibile - L. 38.000 | Aragostine alle erbe - L. 32.000 | Fois gras delle lande - L. 40.000).



    Il cameriere nel presentare il piatto dice chiaramente "Pommes aux amandes scandinaves" (Mele alle mandorle scandinave):