LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Christian De Sica, Gianfranco Funari, Marco Messeri, Leo Gullotta, Alessandro Haber, Angelo Bernabucci, Riccardo Garrone, Stefano Masciarelli, Andrea Roncato, Piero Natoli; presenze femminili Eva Grimaldi, Monica Scattini, Simona Izzo... Con un cast del genere sarebbe stato criminoso sbagliare. Così De Sica regista si fa scrivere soggetto e sceneggiatura dalla premiata ditta Carlo ed Enrico Vanzina e il gioco è fatto: un film brioso, divertente, con un De Sica attore che offre una delle sue più strabordanti e convincenti performance di sempre. Da solo vale il film! Sarà il suo personaggio particolarmente azzeccato (nulla di nuovo, sia chiaro), sarà che quasi ogni suo sketch meriterebbe la citazione, sarà il muoversi nell'ambiente cafonissimo...Leggi tutto dove sguazza a meraviglia ma tra i simpatici il primo è lui, nonostante si cucia addosso il solito ruolo spregevole. Messeri, Gullotta e Garrone sono i più “attori”, Haber è una volta ancora eccezionale, Funari regge bene la parte, Andrea e Natoli conoscono il mestiere, Bernabucci e Masciarelli si fanno emblema della cafonaggine romana. Tra le donne l'unica ad avere una parte significativa è la Scattini. Le storie ruotano attorno ai membri di un circolo sportivo esclusivo presieduto da Funari e si intrecciano creando le coppie Messeri/De Sica, Masciarelli/Scattini, Gullotta/Garrone con intervento corale degli altri. E’ infatti un film assolutamente non a episodi, che cerca invece di procedere bilanciato secondo la miglior tradizione dei primi lavori vacanzieri dei Vanzina bros, che non rinunciano alla superflua parentesi romantica raccontando dell'amore tra un barista e una top model. De Sica regista comincia a funzionare (certo in una direzione ben diversa da quella che fece grande suo padre).
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 27/02/08 19:37 - 11695 commenti

I gusti di Galbo

Scritto dai fratelli Vanzina e diretto da Christian De Sica, il film vuole essere un caustico ritratto dell'alta borghesia romana che esce da questo film con le ossa rotte, costituita com'è (o sembra) da cafoni arricchiti e volgari come il personaggio (bene) interpretato da Gianfranco Funari, vera rivelazione della pellicola. Per il resto, il film presenta situazioni piuttosto routinarie, a volte gradevoli, a volte francamente noiose.

Cangaceiro 7/05/08 15:24 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Forse i Vanzina e De Sica (che dirige e co-sceneggia) hanno scritto questo film di fretta. Le vicende dei frequentatori di questo circolo romano, eccezion fatta per quella del protagonista, ovviamente il Christian nazionale, vengono sfiorate una dopo l'altra senza dare il tempo a chi guarda di appassionarsi ad esse. Tra i tanti svogliati interpreti si salvano un sorpendente Funari e Masciarelli, che è quello che ci mette più energia.
MEMORABILE: Un esausto De Sica appena consumato l'amplesso con la sua amante spagnola le chiede: "Ma che c'hai in mezzo a le gambe? Un forno a legna?"

Tomastich 6/01/09 16:10 - 1225 commenti

I gusti di Tomastich

De Sica, memore del successo del verdoniano Compagni di scuola, riacchiappa Bernabucci e Natoli (ma in qualità di personaggi secondari) e tenta la strada della commedia corale, piena di protagonisti ed accadimenti. Tuttavia affidando la scrittura del film ai Vanzina, ne esce fuori un film "commerciale"; pochi sono i momenti riflessivi (presenti invece in Compagni di scuola), a volte si ride. De Sica è un mattatore, però con tutto il cast (da segnalare sempre il bravo Haber e Messeri) messo a disposizione, si doveva fare meglio!

Ciavazzaro 7/01/09 14:30 - 4771 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Insomma. Non molto riuscito, forse un po' troppo sopravalutato. Si ricordano la performance dello scomparso Gianfranco Funari e Gullotta, per il resto il cast è il solito delle commedie vanziniane, che non molto si impegna. Evitabile senza ombra di dubbio, perché poco curato e con situazioni prevedibili.

Harrys 20/06/09 19:14 - 683 commenti

I gusti di Harrys

Uno dei migliori film targati Vanzina (anche se qui si occupano solamente del soggetto e della sceneggiatura). Un buon film corale, che "critica", seppur in maniera becera e popolare, un certo tipo di borghesia romana (viene citato palesemente anche Bunuel!): cialtrona, cafona e opportunista. La pellicola è tutt'altro che originale o graffiante, ma riesce nell'arduo compito di rivelarsi genuina, con personaggi azzeccati e mai oltremodo volgari. La pernacchia di Gullotta ricorda molto il finale di Bianco, Rosso e Verdone. ***

Puppigallo 25/07/09 14:21 - 4677 commenti

I gusti di Puppigallo

Qui l'unione attorica (tanti volti noti che interpretano un gruppo di iene e fresconi) fa la forza della pellicola, o almeno maschera, là dove può, una sceneggiatura un po' becera e terra terra. Su tutti, gigioneggia De Sica, che sembra artisticamente dopato (in senso buono). Bello il suo rapporto coi figli ciccioni: "Ma che te sei nascosto nello zaino, i maritozzi?". Gullotta sarà la vittima inconsapevole di uno scherzo che ben fotografa il branco di squallidoni. Qua e là si sorride e si arriva alla fine senza sbuffare. Non male, dopotutto.
MEMORABILE: Funari, col suo: "Firmato Badoglio".

Tarabas 4/01/10 13:51 - 1805 commenti

I gusti di Tarabas

Storie dell'alta (?) borghesia romana anni '90: professionisti, palazzinari, impresari falliti, tutti soci dell'esclusivo (?) circolo, evidente citazione dei celebri "Aniene" e "Canottieri Tevere". De Sica non prova nemmeno la satira, la butta direttamente in farsa abbondando in luoghi comuni (il ristorante parolacciaro) e status symbol invecchiati male (la top model, la tv satellitare). Alla fine si ride abbastanza, prevalentemente di pancia, anzi de panza. Sorprendente Funari palazzinaro fascio, esagitato Haber.
MEMORABILE: I proclami di Funari che si chiudono con lo slogan "Firmato Badoglio!".

Rambo90 20/11/10 19:55 - 6858 commenti

I gusti di Rambo90

La maggior parte dei film diretti da De Sica Jr. è scadente, qui invece azzecca la formula giusta: la commedia corale, con gag un po' alla cinepanettone (soprattutto nel personaggio di De Sica stesso), altre più amare, qualche scherzo cinico alla Amici miei e un finale liberatorio e divertente. Funari attore è una bella sorpresa e il cast è ottimo comprendendo Gullotta, Roncato, Haber, Messeri e lo stesso regista che dimostra una volta di più l'innegabile talento. Da vedere.

Albitolax 2/11/11 03:01 - 15 commenti

I gusti di Albitolax

Christian De Sica dirige uno tra i suoi migliori film. Corale, ben gestito, con attori più (Gullotta) o meno (Funari) esperti che riescono a rappresentare con simpatia la borghesia romana. Nel personaggio di De Sica si intravede lo stile del cinepanettone, che però non stona. I Vanzina e De Sica scrivono una sceneggiatura buona, si ride, un po' si pensa e non ci si annoia (tranne nella storia del personaggio di Conticini). Insomma, un film superiore a ciò a cui ci ha abituato De Sica Jr.
MEMORABILE: Il monologo finale di Gullotta, che crede di aver vinto a un grattaevinci.

Ale nkf 29/03/12 23:19 - 803 commenti

I gusti di Ale nkf

Una pellicola frizzante diretta da De Sica (che è anche attore) ricca di numerosi eventi e vicende che si intrecciano, alcune bene altre meno, ma comunque con un cast tanto ricco (Haber, Gullotta, Messeri, un Funari davvero notevole, la Scattini e una piccola parte anche per la bellissima Snellenburg che non guasta) non si poteva fare flop. Insomma, un film che mette a nudo la borghesia romana più con i suoi vizi che con le sue virtù. Consigliato dunque, anche perché De Sica ricopre un ruolo cucito ad hoc su di lui.

Christian De Sica HA DIRETTO ANCHE...

Vat69 12/08/12 21:10 - 17 commenti

I gusti di Vat69

Cult assoluto per i devoti di Christian De Sica, perla da riscoprire per gli altri, Simpatici & antipatici è il vertice più alto della carriera autoriale dell'attore romano nonché uno dei migliori film italiani del decennio. La Roma Nord, borghese, naturalmente decadente e mai risolta, viene rappresentata da un cast scelto con perfida accuratezza e diretto con verve, anche se la qualità dei vari Messeri, Scattini & co. rendeva difficile il naufragio. De Sica straripante (e autobiografico?) come attore, cesella alcune battute immortali. Must.
MEMORABILE: De Sica ovunque, ma in particolare con l'amarcord dell'estate '73-'74; Il vernissage fotografico a casa Masciarelli.

Gabrius79 30/10/13 00:23 - 1273 commenti

I gusti di Gabrius79

Christian De Sica azzecca parzialmente una commedia caciarona e scanzonata ambientata a Roma con un bel cast di attori comici e il surplus di un Gianfranco Funari gustosissimo. Bene Haber e la Scattini. Sicuramente vi sono alcune pecche e incertezze sulla regia, ma le risate ripagano il tutto.

Jandileida 12/01/14 06:27 - 1344 commenti

I gusti di Jandileida

Se paragonato al coevo Gli inaffidabili sembra di star guardando Rashomon con De Sica che si trasfigura in Olivier e i Vanzina che si trasformano in Zavattini. Critica alla borghesia romana più cafona in forma di commedia corale (ardiate) con alcuni momenti azzeccati (soprattutto quelli che vedono coinvolto il regista/attore) e altri meno, personaggi un po' caricaturali ma non troppo distanti dalla realtà di una città dominata e sfigurata dai palazzinari. Di sorprendente non c'è nulla ma almeno è un'opera decente. C'è pure il grande Remo!

Mickes2 25/05/14 13:54 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Commedia di grana grossa ma con tanti perché, studiata su misura dal De Sica regista per il De Sica attore con in aggiunta tutta la combriccola d’irresistibili romanacci doc. Verace e goliardica presa in giro della borghesia romana (la Scattini a un certo punti dice: “Sembra di stare in un film di Bunuel”) che utilizza un linguaggio pimpante, trasparente e diretto, costellato da situazioni esilaranti, battute al fulmicotone e ritmo indiavolato, senza risparmiarsi in assolute bordate ciniche (Funari, Bernabucci) e sottofondi sofferti (Haber).
MEMORABILE: Masciarelli: “Perché la signora nell’autorimessa del padre lavava i taxi con la pelle de daino, ha capito signo'? Con la pelle de dainooo!"

Il Dandi 5/06/14 17:49 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

De Sica punta alla maturità da regista giocando la carta di una commedia corale e cattiva, tesa a descrivere l'impossibilità di amicizie sincere in ambiente vip (dunque analogamente al Calà degli Inaffidabili, ma con risultati migliori). Tra i comprimari si ritrovano molti validi caratteristi, ma la vera rivelazione è il non(?)-attore Funari, la cui caricatura di Previti offusca tutti gli altri. Peccato per un finale che, a fronte del cinismo che pervade il film, appare fin troppo rassicurante.
MEMORABILE: Gianfranco Funari al cellulare durante il funerale di Garrone (definito "graaande socio").

Didda23 18/08/14 23:32 - 2324 commenti

I gusti di Didda23

Senza dubbi il miglior film di De Sica dietro la macchina da presa. Il merito è da attribuire pure alla straordinaria penna dei Vanzina, che mischiano la comicità romana al cinismo più bieco e insopportabile degli arricchiti senza classe che popolano i luoghi più esclusivi della Roma-bene. Aiutato da validi attori (Bernabucci, Gullotta, Haber e un bravissimo Garrone), il De Sica attore dà il meglio di sé in una prova indimenticabile. Funari, tremendamente in parte, è la vera sorpresa della pellicola. Regia e montaggio elementari, ma per una volta va bene così.

Delpiero89 2/09/14 11:02 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Non male questo "Discreto fascino della borghesia romana" diretto da Christian De Sica. Cast ricchissimo (persino troppo) e buona la rappresentazione della vacuità e avidità della Roma bene. Si ride spesso. Memorabili alcuni frammenti: dalla cena da Cencio La parolaccia a quella che viene definita come una delle battute più trash della storia (pronunciata da De Sica: "Fregene estate 73-74...").

Ultimo 12/11/14 17:35 - 1487 commenti

I gusti di Ultimo

Una commedia non banale diretta da Christian De Sica, ruota attorno a un gruppo di "amici" iscritti al medesimo circolo sportivo. Nonostante la sceneggiatura non sia nulla di eccezionale il film funziona con buoni risultati, grazie a un cast folto di facce note: spiccano, per bravura, Messeri, Funari (ripetitivo ma efficace nelle battute) e De Sica, unico vero protagonista di una serie di storie che si intrecciano. Finale "riflessivo", degno di un buon film.

Geppo 14/06/16 14:05 - 297 commenti

I gusti di Geppo

Christian De Sica, in collaborazione coi fratelli Vanzina, scrive e dirige questo film "cattivo", azzeccato e oso dire perfetto, come si usava fare negli anni '70. Qui De Sica sa dirigersi ottimamente e non solo, dirige molto bene anche il resto del cast. Il suo personaggio è abbastanza distaccato da quello dei soliti cinepanettoni diretti da Neri Parenti. In questo caso interpreta un personaggio molto preciso e in un certo senso anche un po' cinico. Tecnicamente il film è anche ben strutturato, con diverse storie parallele che non annoiano.
MEMORABILE: Il grande Gianfranco Funari; De Sica dopo aver fatto l'amore: "Ma che c'hai in mezzo a le gambe? Un forno a legna?"; La pernacchia di Leo Gullotta.

Medicinema 3/06/18 21:08 - 96 commenti

I gusti di Medicinema

Analisi alquanto pressappochista di ciò che si nasconde (neanche troppo velatamente) dietro la facciata del perbenismo borghese: tradimenti, invidie, rancori, finte amicizie, il tutto in salsa all'amatriciana. Non è un film di denuncia, non deve far riflettere, ma un comico, che assolve in parte il compito di far ridere, spesso fin troppo grossolanamente. Mattatore è De Sica, qui in discreta vena, felici intuizioni Funari e il malinconico Garrone. Haber in crisi perenne di panico è insopportabile.
MEMORABILE: La lezione di francese/pugliese di De Sica alla figlia.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Deepred89 25/03/20 17:01 - 3405 commenti

I gusti di Deepred89

Forse il copione più cattivo mai scritto dai Vanzina (con De Sica, registicamente nella media del genere), che tramutano il loro solitamente bonario, pur nel suo sarcasmo, ritratto di borghesia in un´ondata di cinismo al limite del nichilismo. Gli esiti sono paradossalmente esilaranti nel loro eccesso (e negli eccessi dei personaggi), con il limite del drammatico talvolta lambito (le umiliazioni del personaggio di Gullotta) ma mai veramente oltrepassato. Finale un po´ troppo consolatorio, tipicamente vanziniano. Funari sorprendente.
MEMORABILE: Lo spettacolo di Gullotta.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 15/07/08 17:49
    Consigliere - 44898 interventi
    E anche questo è interessante: non lo sapevo e direi che la somiglianza tra Funari e Previti esiste anche a livello fisico (vagamente, d'accordo...)
  • Homevideo Zender • 21/11/09 08:51
    Consigliere - 44898 interventi
    Finalmente il 3 dicembre 2009 uscirà in dvd anche questo simpatico film con un De Sica travolgente (opinione mia, s'intende):

    Audio Italiano: Dolby Digital 2.0 Surround
    Rapporto Schermo: Widescreen Anamorfico
  • Homevideo Zender • 2/02/10 09:01
    Consigliere - 44898 interventi
    Preso il dvd.

    Audio: accettabile, senza dubbio
    Video: modestissimo, ai limiti della sufficienza. Continuo a chiedermi perché spingere tanto il Blueray se poi i dvd vengono sfruttati in questo modo...
  • Curiosità Zender • 26/09/10 09:34
    Consigliere - 44898 interventi
    Il film neozelandese citato in palestra da Monica Scattini, che vuole in qualche modo dimostrare un certa cultura cinematografica nelle sue scelte cinematografiche, non è "Heaven creatures" come da lei detto bensì "Heavenly Creatures" (Creature del cielo, 1994) di Peter Jackson.
  • Curiosità Fedemelis • 24/10/13 09:40
    Fotocopista - 1918 interventi
    La partita della Lazio che Nicoletta (Monica Scattini) andrà a vedere allo stadio, dopo aver ritrovato la sua passione per il calcio, è Lazio-Verona del 25 maggio 1997, 33° giornata di serie A stagione 96/97, terminata 4-1.


  • Curiosità Maxspur • 24/04/14 18:07
    Galoppino - 207 interventi
    Luca (Alberto Molinari) incarica Paolo (Paolo Conticini) di registrargli il "Masters del Forest Hills", ma nel circuito tennistico non è mai esistito un torneo con questo nome; o meglio: il "The Masters", che ora si chiama "ATP World Tour Finals" è un torneo di fine anno che non si è mai disputato a Forest Hills, mentre a Forest Hills (quartiere di New York) dal 1980-89 si è svolto Il "WCT Tournament of Champions", che era un torneo anch'esso disputato verso la fine dell'anno simile al "The Masters".
  • Curiosità Il Dandi • 8/06/14 17:17
    Contratto a progetto - 1491 interventi
    La scena in cui Christian De Sica chiede a Gianfranco Funari un prestito di 100 milioni e quasi subito dopo sbotta a ridere facendo finta di aver scherzato, è un chiaro omaggio a un film del papà Vittorio De Sica, essendo identica alla scena iniziale de Il "boom" con Alberto Sordi.
  • Homevideo Noncha17 • 29/12/17 13:49
    Magazziniere - 1072 interventi
    Ho letto in giro che sul DVD della Medusa mancherebbe questa scena qui:

    Cristian De Sica te ricordi che bucio...
    Ultima modifica: 29/12/17 13:57 da Noncha17
  • Homevideo Zender • 29/12/17 16:31
    Consigliere - 44898 interventi
    Assolutamente vero, purtroppo, ho il dvd (a questo punto vergognosamente CUT) e viene tagliata abilmente proprio la frase incriminata (passata invece integrale in televisione, il che è davvero un controsenso).

    Lei: "Eri tenerissimo..."
    Lui: "Sì"...
    (Te ricordi che bucio de culo che t'ho fatto CUT)
    Si riprende con lui che dice: "Buongiorno madre".
    Ultima modifica: 10/01/20 15:10 da Zender
  • Discussione Ruber • 6/12/19 13:21
    Compilatore d’emergenza - 9077 interventi
    Ad oggi la miglior regia di De Sica insieme a Ricky e Barabba (comunque sia un gradino sotto se non due) . Un film corale, con un ottimo cast ed eccellenti camei ( Funari su tutti) romanesco puro, dove i personaggi sono ben caricaturati e interagiscono molto bene tra di loro.
    Ultima modifica: 6/12/19 13:22 da Ruber