LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Ironizzare sulle scuola di sopravvivenza, specie se ad affrontarle sono indolenti uomini di città, è esercizio abbastanza facile, ma l'idea è buona e coglie bene il clima Anni Ottanta in cui queste proliferavano. Mario (Montesano) e Silvio (Pozzetto), rispettivamente tranviere e banchiere, si conoscono lì e ovviamente faticano regolarmente a ogni nuova sfida proposta dai “trainer”. Del loro gruppo fanno parte, tra gli altri, una ruspante Alessandra Mussolini, un allora sconosciuto Jimmy Ghione (futuro inviato di “Striscia la notizia”), l'intramontabile Mariangela Giordano, il toscanaccio irriducibile Novello Novelli (con nipotino a carico), la provocante Isabel Russinova. Tutti alle prese con prove più o meno difficili: dal superare...Leggi tutto un ponte tibetano alla costruzione di una capanna, dalla pesca sul torrente all’arrampicamento su roccia. La sceneggiatura di Benvenuti e De Bernardi, coadiuvati dal regista Maurizio Ponzi, contiene alcune tra le più folgoranti battute di Pozzetto in assoluto, ma prevede anche un bel disegno dei personaggi (penalizzato nei casi secondari da un cast non all'altezza) e offre comunque al coprotagonista Montesano ottimi duetti e la possibilità di trovare una bella intesa con Pozzetto che proseguirà nel divertente PIEDIPIATTI. La regia di Ponzi non sembra avere troppa confidenza coi tempi comici (le commedie con Nuti erano più riflessive e ragionate), però la bravura e il mestiere di due colonne come Pozzetto (col suo alone di surrealismo impagabile) e Montesano lo salva in molte occasioni. Specialmente nella prima parte il film ha qualche scena davvero esilarante e pur non mantenendo successivamente lo stesso livello (spesso per le troppe ingerenze delle “assatanate” Mussolini e Antonella Vitale) sa inventarsi qua e là momenti eccellenti.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 30/12/07 10:10 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Film tutto sommato discreto che si inserisce nel filone che prende di mira (sfottendolo bonariamente) il culto della fisicità e degli uomini rambo in voga negli anni '80. Nel film funziona meglio che altrove il contrasto (o incontro-scontro) tra due tipi di comicità, quella romana (impersonata da Montesano) e quella lombarda che trova in Pozzetto uno dei maggiori rappresentanti. Discreti anche gli elementi di contorno.

Redeyes 25/01/08 20:45 - 2130 commenti

I gusti di Redeyes

Film nient'affatto male, che vede la coppia Montesano-Pozzetto (che poi gireranno insieme anche PiediPiatti) alle prese con un campo sopravvivenza. Film che sfrutta molto gli stereotipi, ma senza risultare noioso alla lunga. Qualche buona battuta. Presente fra gli altri anche una Alessandra Mussolini in ottima forma. Piacevole.

Straffuori 7/09/08 23:39 - 175 commenti

I gusti di Straffuori

Divertente film commedia-avventurioso-sentimentale con un'ottima accoppiata Pozzetto-Montesano, una bella colonna sonora adrenalinica ed un bel cast ricco di volti "minori" più o meno noti dell'epoca (Giordano, Russinova, Novelli tanto per citarne alcuni). Esilaranti gli impacci di entrambi ma soprattutto il loro litigio.
MEMORABILE: Ma che sopravvivi affà che mmanco ti tira!

Undying 9/09/08 21:43 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Comicità di grana grossa, imbastita su un soggetto davvero puerile: il cittadino medio alle prese con una "scuola di sopravvivenza". Però sia Montesano, sia Pozzetto, si rivelano davvero in parte (forse una delle migliori coppie comiche nelle quali presenzia Renato), mentre la regia di Ponzi è frenetica e non cede mai il passo alla noia, grazie anche ai dialoghi di sceneggiatura, tutt'altro che banali. Nel reparto femminile la Russinova si mangia Mussolini uso ridere (sia per doti artistiche che fisiche).

Tomastich 6/01/09 16:15 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Locandina con caratteri alla Rambo, due protagonisti molto divertenti, ma il film fa fatica ad ingranare. Pochi i momenti realmente divertenti e inoltre la regia di Ponzi (aiutato da un giovane Ozpetek) non dà quello slancio necessario ad un film comico-avventuroso. Per quanto riguarda "l'altra parte del cielo": Isabel Russinova è sempre stata una mia passione e qui dimostra il suo appeal erotico-sensuale, molto meglio di una scalcinata Alessandra Mussolini. Gli appassionati di commedie anni '80 apprezzano, gli altri non so.

Lovejoy 19/12/09 14:08 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Divertente presa in giro dei vari Rambo e compagnia bella, il film ha il pregio di non prendersi troppo sul serio e di poter contare su un buon ritmo. In più, l'eterogeno cast risulta affiatatissimo e convincente. Simpatici e bravissimi i due protagonisti, Pozzetto e Montesano (ache se il grande Novello Novelli ruba loro più volte la scena). Appare anche un giovanissimo Jimmy Ghione.

Franz 20/11/09 10:17 - 110 commenti

I gusti di Franz

Film senza pretese. Una satira tranquilla del mito dell'uomo tutto d'un pezzo che andava affermandosi nei superedonistici anni Ottanta. Tra personaggi improbabilmente calati nella realtà "estrema" di un corso di sopravvivenza, i protagonisti Pozzetto e Montesano nascondono le proprie debolezze e cercano un difficile riscatto virile. Diventando inevitabilmente amici, anzi, alleati.
MEMORABILE: Pozzetto, affacciandosi dal letto a castello per spiare Montesano, cade giù con tutta la struttura!

John trent 5/01/10 16:34 - 326 commenti

I gusti di John trent

Al "machismo" e al "rambismo" di una scuola di sopravvivenza si contrappongono con risultati finali più che dignitosi un imbranato Montesano e un legnoso Pozzetto. Poco sfruttato il cast di contorno nel quale si notano una giovanissima Alessandra Mussolini e una intrigante Antonella Vitale. C'è anche un nudo di Isabel Russinova e uno quasi accennato di Mariangela Giordano (per il resto quasi assente, peccato). Godibile.
MEMORABILE: Il ponte tibetano!!!

Herrkinski 28/01/10 21:32 - 5023 commenti

I gusti di Herrkinski

Mediocre commedia ottantiana, che ironizza sul tema del "machismo" e dei corsi di sopravvivenza. Regia, fotografia e ritmo sono prettamente televisivi, tanto che spesso sembra di assistere a una puntata di Classe di ferro; i due protagonisti invece tutto sommato funzionano come coppia comica, specialmente nella seconda parte quando cominciano veramente a fraternizzare. Il cast di contorno abbastanza cult, ma a non funzionare è la sceneggiatura, priva di guizzi e molto prevedibile. In definitiva un film moscio che strappa giusto qualche sorriso.
MEMORABILE: Il ponte tibetano.

Nando 17/07/10 16:13 - 3457 commenti

I gusti di Nando

Commediola italiana sull'avvento dei corsi di sopravvivenza interpretata da una brillante coppia come Montesano e Pozzetto. Comicità spiccia e senza troppe pretese, nonostante l'impegno profuso da Ponzi. La narrazione si snoda tra luoghi comuni classici e la voglia di rivalza del cittadino sedentario davanti al rambismo imperante.

Cangaceiro 20/01/11 14:30 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Il soggetto (la scuola di sopravvivenza) è piuttosto sui generis e questo è il maggior punto a favore del film. Nonostante sceneggino Benvenuti e De Bernardi il copione offre pochi slanci degni di nota così che la pellicola si trascina avanti in modo anonimo, quasi meccanico, tra una prova estrema e l'altra. La prima mezz'ora di Pozzetto è da brividi: sembra che si trovi sul set obtorto collo. Col passare dei minuti le cose migliorano e ci scappa pure qualche risata. L'intesa con Montesano però appare piuttosto scarsa. Velo pietoso sugli altri personaggi.
MEMORABILE: Pozzetto che si nasconde dei pesci vivi dentro le tasche: "È solo un tic!"

Il Dandi 21/12/10 13:28 - 1744 commenti

I gusti di Il Dandi

Insomma, non male... Per Pozzetto non è certo il primo ruolo in quota lombarda affiancato ad un romano, ma stavolta la coppia protagonista risulta meglio amalgamata di quelle con Milian e Verdone; anche perché con un Montesano così godibilmente cialtronesco, l'altro incarna ciò gli viene meglio: il milanese "square", ingenuo e sprovveduto (non mi ha mai convinto Pozzetto nei ruoli da furbo). Ma la comicità di accopiate regionali aveva il fiato corto, e il successivo tentativo di riproporre lo stesso duo lo conferma. **!
MEMORABILE: La trippa, e ovviamente il "ponte tibetano".

Disorder 27/01/11 15:04 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Divertente filmetto che prende in giro la mania ottantiana per l'avventura a tutti i costi; qui saranno un mite bancario e un tranviere in crisi a prendersi qualche rivincita contro i "rambi" di turno. La coppia Pozzetto-Montesano funziona, ma il cast di contorno è di un livello spesso inaccettabilmente basso; il soggetto ha poi ovviamente perso forza (la moda delle scuole di sopravvivenza è tramontata da anni). Comunque si ride ancora abbastanza.

Dengus 21/10/11 14:58 - 349 commenti

I gusti di Dengus

Pellicola che vede protagonisti due big come Renato ed Enrico, che funzionano sempre, insieme. A parte il dualismo Roma/Milano i due sono complementari, con Renatone serio e benestante ed Enrico popolano sempre allegro e gioviale; mi fa sempre ridere la scena in cui Pozzetto arriva con il taxi e l'abito elegante (in una scuola di sopravvivenza!) e Montesano che lo punge sin da subito. Buono il cast di contorno, soprattutto Novello Novelli; ci sono anche Jimmy Ghione ed Igor Marini, uomo chiave dell'inchiesta Telekom Serbia del 2001; si ride sempre.

Rigoletto 9/04/12 20:53 - 1494 commenti

I gusti di Rigoletto

Simpatico film dell'inedita coppia Montesano/Pozzetto (riproposta, con risulti meno interessanti ma non disprezzabili, in Piedipiatti). In questa pellicola si prendono di mira i "malati" dell'attività fisica e dell'avventura. È un film gradevole con protagonisti che riescono a convivere senza sfasciare il carrozzone, bravi comprimari (Novelli su tutti) e due avvenenti ragazze in ottima forma fisica (Russinova e Mussolini). Particina per Jimmy Ghione futuro inviato di Striscia la Notizia. ***
MEMORABILE: Il ponte tibetano e la scalata della parete rocciosa; Brevissima e divertentissima la scena del coltello a serramanico di Montesano.

Samuel1979 15/12/12 19:58 - 469 commenti

I gusti di Samuel1979

Commedia divertente basata su un'ottima intesa fra Montesano e Pozzetto. I due (alla loro prima collaborazione) riescono ad integrare il loro diverso modo di far comicità e il risultato è soddisfacente. Peccato per il resto del cast, che è davvero deludente.

Ultimo 24/02/13 20:29 - 1346 commenti

I gusti di Ultimo

L'iniziativa di portare sul set null'altro se non la satira dei "rambo-men" può apparire scontata; ma il film funziona. Merito della coppia Pozzetto-Montesano, più volte proposta negli anni '80/'90, ma sempre con un suo perché nelle commedie "senza troppe pretese". Trama semplice, ma ottima per un'ora e mezza di puro relax e buone risate. Da notare la presenza di un giovane Jimmy Ghione e di Alessandra Mussolini.
MEMORABILE: Adventure!

Gabrius79 26/07/13 00:32 - 1185 commenti

I gusti di Gabrius79

Piacevole commedia incentrata sulle scuole di sopravvivenza con la coppia Montesano-Pozzetto ben affiatata e che lascia spazio a gag e tormentoni che lasciano il segno. Bene anche il reparto non protagonisti: Russinova, Mussolini, Giordano, Casilio e un divertente Novello Novelli. C'è anche un giovanissimo Jimmy Ghione che ritroveremo anni dopo a "Striscia la notizia". Film forse un po' sottovalutato.
MEMORABILE: La gag del pesce in tasca e il ponte tibetano.

Paulaster 7/10/13 10:19 - 2723 commenti

I gusti di Paulaster

Commedia che si trova nel mezzo degli anni 80 e cerca di svilire grossolanamente il mito del machismo dell'epoca. Coppia di protagonisti Milano/Roma per soddisfare più palati, dove Montesano è più convinto e Pozzetto se la cava con qualche battuta. Il corollario è variegato senza incidere (si denota la bellezza della Russinova). Trama che si dipana sulle prova da superare, in una fase intimista e sulla chiusura buonista. Adattamento nella Val Tiberina credibile, sebbene con pochi sforzi.

Furetto60 7/10/13 13:34 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Si vuole scherzare sui corsi di sopravvivenza organizzati per riccastri in cerca di emozioni forti. La coppia Montesano Pozzetto funziona raramente, il particolare il comico lombardo appare fuori forma (anche fisicamente) e poco convinto. La verve di Montesano è l’unica a tentare di salvare la situazione, ma alla lunga è scontato e paga, tra l’altro, un cast di comprimari modesti. Uomini mosci...

Metuant 27/01/15 13:33 - 454 commenti

I gusti di Metuant

Film che rientra pienamente nella categoria delle "pellicole con poche pretese", ha unicamente la funzione di intrattenere e divertire in maniera leggera e ci riesce; da una parte abbiamo la veracità romana di Montesano, dall'altra il piglio compassato ma pungente del lombardo Pozzetto, entrambi posti in un contesto che serve da pretesto per una serie di (dis)avventure assortite. Certo, magari non sarà il meglio in circolazione, ma per una serata disimpegnata ci sta.
MEMORABILE: Il "maledetto" ponte tibetano.

Saintgifts 19/07/15 11:00 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Credo rappresenti la rivincita degli uomini cosiddetti normali nei confronti di tutti i tipi di Rambo in voga all'epoca. In forma di commedia il film funziona (ne sono stati fatti altri, più o meno validi, sul genere thriller), piuttosto casereccio, ma simpatico e con location degne. Pozzetto e Montesano si sostengono a vicenda, dividendosi lo schermo, in modo da non strabordare mai e riescono simpatici. Qualche risata ci scappa (il pesce vivo in tasca è notevole), smitizzante (è il suo maggior pregio), leggero ma non vacuo. Bravo Ponzi in regia.

Pinhead80 9/08/15 10:57 - 3879 commenti

I gusti di Pinhead80

Un gruppo di personaggi ben assortiti e provenienti da ceti sociali differenti si iscrive a un corso di sopravvivenza. La coppia Pozzetto-Montesano ce la mette tutta per cercare di rendere simpatico un film che ha ben poco da offrire. Il cast di appoggio alla coppia è ben poca cosa (abbiamo anche la Mussolini nei panni di una calciatrice assatanata) e di certo non aiuta a ravvivare l'opera, che si affloscia come un soufflé mal preparato. Di male in peggio quando il film cerca di far leva sul legame di amicizia tra i protagonisti. Mediocre.

Vitgar 22/09/15 09:40 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Pellicola di pura evasione con l'accoppiata Montesano e Poizzetto che funziona bene. La trama è quanto di più semplice e semplificato ci possa essere e il racconto vive delle gag che si succedono, peraltro, con buon ritmo. Detto dei due protagonisti principali, doverosa la menzione di Novelli con la sua inequivocabile cadenza toscana.
MEMORABILE: "Il sambuco tuo e de tu nonna... materna!"

Modo 11/11/15 23:47 - 820 commenti

I gusti di Modo

Un gruppo di persone si iscrive a un corso di sopravvivenza tra le montagne. Nasceranno amicizie e piccole rivalità. Forse la cosa più riuscita è l'affiatamento tra Pozzetto e Montesano. Tra battute riuscite ad altre meno il film scorre abbastanza piacevolmente. Parodia di alcuni film survival di successo degli anni '80, vedi Rambo e i vari "macho man".

Piero68 6/04/16 12:31 - 2754 commenti

I gusti di Piero68

In un periodo in cui imperava il machismo e scoppiava la mania dei corsi di sopravvivenza, il cinema italiano non poteva esimersi dal fare una commedia a tema. Commedia a dire il vero scarsetta e con non tantissime idee. Montesano e Pozzetto sono due ottimi comici e si amalgamano anche bene; anche le loro caratterizzazioni una agli antipodi dell'altra funzionano e sono ottimi spunti per gag e trovate. Peccato che attorno a loro ci sia il vuoto quasi totale (Russinova e Mussolini pressoché inutili) e le trovate dopo un po' diventino ripetitive.

Il ferrini 7/04/16 23:57 - 1661 commenti

I gusti di Il ferrini

Ponzi ha avuto la fortuna di lavorare con dei grandi attori: dalla Loren a Nuti, da Villaggio a Giannini o Haber e non è mai riuscito a esaltare le qualità di nessuno di essi; non fa eccezione questo filmetto con pochissime idee, dalla regia piatta e televisiva, con caratteristi penosi (fatta eccezione - ovviamente - per Novello Novelli) in cui sono i poliedrici Pozzetto e Montesano a salvare la baracca, così come la salveranno a Vanzina in Piedipiatti. La Mussolini poi è improponibile.

Nicola81 19/09/16 17:37 - 1924 commenti

I gusti di Nicola81

Simpatica presa in giro di un certo machismo che imperava negli anni '80 (non solo cinematograficamente). L'idea di partenza è buona, poi subentra un'inevitabile ripetitività, ma a ben vedere è un film che mantiene esattamente quello che promette: farci trascorrere una serata all'insegna della spensieratezza. La coppia Montesano/Pozzetto trova una buona intesa, nel cast di contorno si ricordano la burbera simpatia di Novelli e, soprattutto, la bellezza della Russinova.

Lythops 8/05/17 13:06 - 972 commenti

I gusti di Lythops

Dal ritmo sinusoidale, un film tutto sommato gradevole in cui si confrontano due tipi di comicità evidentemente all'opposto, ma uniti dai "buoni sentimenti" che Montesano e Pozzetto lasciano trasparire. Lavoro apprezzabile per l'assenza di volgarità gratuite, con un finale orograficamente sbagliato (oltre a qualche attore che lavora al minimo), ma in compenso qualche situazione genuinamente comica. Film d'evasione che ogni tanto qualche risata la regala.
MEMORABILE: Il bambino di Prato; La Russinova.

Pesten 3/07/17 13:43 - 632 commenti

I gusti di Pesten

Uno dei lavori meglio riusciti che vedano protagoniste le varie coppie comiche tra 80 e inizio 90. Montesano e Pozzetto girano alla grande nei loro personaggi agli antipodi, grazie a due comicità diverse ma che si incastrano alla perfezione. Ci sono molti momenti divertenti e zero pause, una svolgimento serrato che rende il film molto divertente e piacevole da vedere anche dopo tanti anni.
MEMORABILE: I personaggi secondari (ci sono la Mussolini e quello che sarà il faccendiere di Telekom Serbia).

Liv 24/09/17 17:36 - 237 commenti

I gusti di Liv

L'ho rivalutato, un po' come gli Anni Ottanta. Da una parte non ha molte pretese quale film di cassetta che si allinea alle vecchie commedie italiane del periodo d'argento. Dall'altra sembra nutrire qualche velleità "psicologica" che per certi versi funziona e per altri appesantisce inutilmente un film spensierato e gradevole. Non manca una buona dose di ironia, naturalmente, nonché l'amaro che condisce ogni nostra buona commedia.

Oblomoff 16/03/20 23:08 - 39 commenti

I gusti di Oblomoff

Scialba commedia che il mestiere del duo Pozzetto-Montesano risolleva solo in parte, anche a causa di una compagnia di comprimari (tra cui il futuro inviato di Striscia la notizia Jimmy Ghione e la futura parlamentare Alessandra Mussolini) di modesta levatura. Sull'asse Roma-Milano, la comicità surreale di Pozzetto si adatta però di più alla vena malinconica di Verdone (vedi 7 chili in 7 giorni) che all'istrionismo di Montesano, che funziona meglio come solista o con un altro attore che ne regga la verve.

Markus 18/03/20 14:04 - 3251 commenti

I gusti di Markus

"Sul ponte tibetano noi ci darem la mano". Con questo spiritoso calembour offerto nel film, si ha la sostanza della vicenda: una storia d'amicizia - tra opposti - in un avventuroso contesto. L'allora prolifico Maurizio Ponzi realizza una sorta di instant movie, a mo' di commedia all'italiana, sulla voga dei corsi di sopravvivenza e del "rambismo". La coppia Montesano/Pozzetto viaggia sui binari collaudati; compito quindi dell'ambito nel quale la vicenda si snoda, quello di renderla a tratti unica nel suo genere. Si ride e questo basta.

Pessoa 12/07/20 07:51 - 1127 commenti

I gusti di Pessoa

Quasi una sorta di instant movie con l'intento di sbeffeggiare le manie rambistiche dilaganti in quel periodo. Piuttosto anonima la regia di Ponzi, che insiste su location limitate riciclando situazioni già viste, sceneggiate con poca fantasia. Buona prova dei due interpreti principali mentre il cast di contorno, assolutamente insufficiente, paga la povertà dello script. Ogni tanto si ride, ma è più spesso la noia a prendere il sopravvento con un ritmo piuttosto blando che tende a rallentare ulteriormente nel finale. I fan del genere forse si divertiranno, gli altri possono evitare.
MEMORABILE: Il "tic" di Pozzetto.

Deepred89 23/07/20 15:56 - 3268 commenti

I gusti di Deepred89

Due mostri sacri del box office ottantiano impiegati per un prodotto nemmeno così convenzionale, commedia più iniziatica e avventurosa che comica, curiosa seppur non particolarmente ricca d'idee. Come nel successivo Piedipiatti, i due protagonisti offrono una prestazione misurata, lasciandosi raramente andare al loro solito repertorio, mentre Ponzi dirige in maniera corretta, cercando di risolvere in fretta gli snodi più discutibili, come la prevedibile litigata. Nel cast di contorno in pochi riescono a farsi ricordare. Vista la relativa originalità, si arrotonda il voto per eccesso.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione B. Legnani • 22/03/09 15:27
    Consigliere - 13718 interventi
    Zender ebbe a dire:
    ... la ricerca e il perfezionamento dello studio delle location segrete della Poliziotta...

    Concordo.
  • Discussione Manzetto • 6/10/09 17:37
    Disoccupato - 142 interventi
    C'è anche un giovane Jimmy Ghione
  • Homevideo Markus • 5/04/15 20:20
    Scrivano - 4785 interventi
    Il dvd Cecchi Gori ha una durata di 1h34m30s
    Immagine al minuto 8:05

    Ultima modifica: 6/04/15 07:53 da Zender
  • Discussione Markus • 6/04/15 20:43
    Scrivano - 4785 interventi
    Ho appreso da alcuni quotidiani dell'epoca che il film NOI UOMINI DURI è stato girato nell'autunno 1986 e distribuito nelle sale nel febbraio 1987.
  • Discussione Graf • 6/04/15 22:59
    Call center Davinotti - 916 interventi
    Markus ebbe a dire:
    Ho appreso da alcuni quotidiani dell'epoca che il film NOI UOMINI DURI è stato girato nell'autunno 1986 e distribuito nelle sale nel febbraio 1987.

    Quindi?
  • Discussione Zender • 7/04/15 08:04
    Consigliere - 43516 interventi
    Quindi corretto il 1987 come anno d'uscita.
  • Discussione Graf • 7/04/15 11:25
    Call center Davinotti - 916 interventi
    Ah, ecco...
  • Curiosità Zender • 31/08/17 19:30
    Consigliere - 43516 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Discussione B. Legnani • 5/11/18 14:04
    Consigliere - 13718 interventi
    M.shannon ebbe a dire:
    C'è pure una giovanissima Mussolini e anche Igor Marini, il famoso faccendiere dello scandalo telecom serbia, nel ruolo dell'istruttore.

    Ex-marito della Russinova.
  • Discussione Samuel1979 • 24/03/20 01:18
    Call center Davinotti - 2925 interventi
    L'odioso personaggio di Ermanno (Martucci), è doppiato da Tonino Accolla
    Ultima modifica: 24/03/20 01:18 da Samuel1979