Ed Wood

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Ed Wood
Anno: 1994
Genere: biografico (bianco e nero)
Regia: Tim Burton
Note: Ricostruzione della vita del regista trash Edward Wood jr.
Numero commenti presenti: 50
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Biografia romanzata (ma nemmeno troppo) di Edward Wood jr. (nel suo “periodo d'oro”) passato alla storia come il peggior regista di tutti i tempi. Ricostruendo le traversie dei suoi tre film più celebri (ovvero, nell'ordine, GLEN OR GLENDA, BRIDE OF THE MONSTER e PLAN 9 FROM OUTER SPACE), Tim Burton racconta la vita di un perfetto fallito, convinto di dirigere opere d'arte e che invece evidenzia tremenda inettitudine: Ed Wood, in perenne ricerca di soldi per i suoi film, era spesso ostaggio dei suoi finanziatori, che lo costringevano ad assumere i propri...Leggi tutto figli per i ruoli da protagonista o si piccavano di battezzare l'intera troupe per farla aderire alla loro religione. Inconvenienti incredibili affliggevano la lavorazione dei suoi film, ma Wood risolveva tutto girando a costi ridicoli senza gettar via un solo ciak. Fondamentale poi il suo rapporto con l'ex divo horror sul viale del tramonto, Bela Lugosi (cui Martin Landau dà il volto e l'anima in un'interpretazione memorabile, giustamente premiata con l'Oscar), morfinomane in fin di vita ma per Wood ancora un nome su cui puntare. Il gran lavoro filologico di Burton (che giustamente gira il film in bianco e nero) ci permette di rivedere scene dimenticate ricostruite in modo impeccabile, con attori somigliantissimi agli originali. Johnny Depp non è forse il miglior Ed Wood possibile, ma ne sa comunicare bene l'entusiasmo, mentre Burton orchestra con maestria una sceneggiatura intelligente, capace di focalizzare con la giusta dose di ironia episodi di vita a dir poco inconsueti. Chi ama il cinema non può mancare di vederlo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 25/02/07 11:10 - 1950 commenti

I gusti di Fabbiu

Un film magnifico, ed essendo diretto da un genio come Tim Burton è molto curato anche nei minimi dettagli. Forse la vera vita di Ed Wood è stata un po' romanzata, ma ogni riallacciamento ai suoi film è fatto con una notevolissima e fedele riproduzione. Film che diverte, prende, commuove e intrattiene dall'inizio alla fine senza mai una caduta. Martin Landau stupendamente simile al mitico Lugosi, mentre Johnny Depp esprime al meglio la tenacia di un regista che, se pur fallito, amava veramente il cinema.

Caesars 15/03/07 08:26 - 2719 commenti

I gusti di Caesars

La storia di un regista di poche qualità ma animato da vera passione per il cinema. Il ritratto di Ed Wood che ci fornisce Tim Burton riesce ad essere allo stesso tempo divertente e commovente, senza mai scadere nello strappalacrime. Girato in uno splendido bianco e nero che rende giusto omaggio ai film girati dal vero Ed Wood, è sorretto da buone interpretazioni (in particolar modo quella di Martin Landau nel ruolo di Bela Lugosi). Da vedere assolutamente.

Puppigallo 30/05/07 22:08 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Due grandi interpretazioni (Depp e Landau) fanno di questo film un piccolo gioiello, per non dimenticare uno dei peggiori registi (secondo i critici) mai apparsi a imbrattare la pellicola. Depp è bravissimo (quando balla vestito da donna è da Oscar). Il suo personaggio era un eccesso vivente e lui lo rende molto bene. Ma Landau quasi gli ruba la scena, con un’interpretazione del Lugosi sul viale del tramonto (distrutto dalla droga) da applausi. Stupendo quando Ed gli fa girare la scena con la rosa. Brava anche la Parker. Da vedere.
MEMORABILE: Lugosi è in una pozza gelida, di notte, per girare la scena con una piovra gigante mezza sgonfia.

Renato 30/10/07 19:20 - 1579 commenti

I gusti di Renato

Appassionato racconto della vita del regista di B-movie più famoso del pianeta, quell'Ed Wood partito con sfrenate ambizioni autoriali e finito tristemente a girare dozzinali filmacci di genere, a volte persino hard core. Il pregio maggiore del film, oltre a presentare una puntigliosa ricostruzione del periodo aureo di Hollywood, è quello di mostrare una genuina partecipazione per le (dis)avventure dei suoi protagonisti. Del resto che Tim Burton avesse una predilezione per i perdenti era già evidente. Un gran bel film, comunque.

Galbo 1/11/07 19:22 - 11416 commenti

I gusti di Galbo

Singolare biografia di un regista assolutamente privo di talento (era definito il peggior regista del mondo) ma anche personaggio memorabile della Hollywood degli anni d'oro del cinema. Ed Wood è un atto d'amore nei confronti del cinema da parte di Tim Burton, un regista dal talento assoluto e visionario la cui capacità di creare suggestione è dimostrata da quest'opera che si avvale del prezioso contributo di Johhny Depp (vero alter-ego del regista) ma sopratutto di Martin Landau, valore aggiunto nei panni di un memorabile Lugosi sul viale del tramonto.

Tomslick 1/01/08 23:25 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Ennesima uscita vincente da parte di Tim Burton. Un omaggio sia alla persona di Ed Wood sia alla sua passione per il cinema (che è la stessa di Burton e qui si vede come non mai). Immaginifico e visionario come sempre, appassionato e ricco di sentimenti ma anche a volte distaccato, quasi documentaristico, questo film riesce perfettamente nell'intento di farti amare il protagonista per quel che è, non per quel che egli (non) ha fatto. Straordinario Landau, molto brava la Parker, Depp invece gigioneggia un po' troppo.
MEMORABILE: La scena dell'incontro fra Ed Wood e Orson Welles: cinema a 24 carati.

Dr.schock 12/02/08 12:03 - 83 commenti

I gusti di Dr.schock

Capolavoro assoluto! Senza dubbio il miglior Burton di sempre ed uno strepitoso atto d'amore verso il mondo del cinema. Impossibile non rimanerne folgorati: poetico, commovente, entusiasmante! Martin Landau di Oscar ne avrebbe meritati cinque per il suo memorabile Lugosi, ma anche il resto del cast è in stato di grazia (grandissimi Jeffrey "Criswell" Jones, George "Tor Johnson" Steele e Bill Murray). Azzeccatissima la scelta del bianco e nero. Dedicato a chi non pensa che anche il cinema possa essere poesia.
MEMORABILE: Praticamente tutto il film, ma ogni volta che entra in scena Landau-Lugosi sono brividi!

Cotola 13/02/08 23:52 - 7553 commenti

I gusti di Cotola

Pellicola su quello che è da molti considerato uno dei peggiori registi della storia del cinema, la cui figura va ad arricchire la galleria burtoniana di personaggi strani e bizzarri che piacciono tanto a questo regista. Certamente non un film perfetto ma tutto sommato abbastanza divertente. In ogni caso un’opera minore nella carriera del regista che risente, forse, di atmosfere troppo solari e rilassate, di uno stile visivo poco visionario e di un finale un po’ troppo edulcorato.

Il Gobbo 13/03/08 09:05 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Il miglior Burton? Forse, anche se magari gli si fa un torto. Ma questo ritratto in bianco e nero al contempo sarcastico e affettuoso dell'estroso quanto inetto Wood, e della sua compagnia di giro, è davvero commovente per gli amanti del cinema-bis e monumento alla dedizione cieca e assoluta al filmare, unico sconcertante pungolo di tanti mestieranti cui dobbiamo almeno un momento felice. Straordinario Martin Landau nei panni di Bela Lugosi, di culto la presenza del truce e irsutissimo wrestler George "The Animal" Steele. Imperdibile.

Undying 14/03/08 23:08 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Solida "biografia" del regista di Glen or Glenda e del film a lungo considerato il peggiore nella storia del cinema: quel Plan 9 from Outer Space, che risalta per approssimazione di messa in scena, trama inimmaginabile, recitazione meno che improvvisata ed effetti speciali disastrosi. La ricostruzione, da parte del malinconico Burton, si attiene sul buon gusto, anche se il romanticismo accarrezza, in più occasioni, il decadimento psichico (dello stesso Wood) e fisico (Bela Lugosi). Sincero atto d'amore, incondizionato, verso il cinema puro.

Pstarvaggi 26/03/08 09:29 - 80 commenti

I gusti di Pstarvaggi

La divertente, poetica, commovente biografia del meno talentuoso e più cialtrone dei registi. Il film dura più di due ore, ma non stanca mai: merito di un Burton che dirige con passione ma senza troppi fronzoli. Splendida la fotografia in bianco e nero, all’interno della quale Landau/Lugosi si muove con una naturalezza non comune. Un omaggio al cinema partendo dal basso: se non è amore questo...

Homesick 26/03/08 17:37 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Biografia di quello che è considerato il peggior regista di tutti i tempi, Ed Wood. Sotto la guida sicura di Burton, Depp ne rivive le stravaganze, le ingenuità, la mancanza di talento, l’ammirazione per Lugosi – fatto resuscitare da un eccellente Landau – ma soprattutto lo sconfinato entusiasmo e la sincera passione per il cinema. La celebrativa narrazione è condotta con un costante senso di affettuosa malinconia, che culmina nella scena della morte di Lugosi. D’Onofrio compare brevemente incarnando un perfetto Orson Welles. Commovente.

Hackett 27/03/08 18:11 - 1727 commenti

I gusti di Hackett

Uno dei migliori film di Tim Burton, che con un sobrio e meno dark bianco e nero, ripercorre la vita professionale di uno dei più strampalati registi statunitensi. Attori perfettamente in parte e grandissimo duetto Depp-Landau. Il film diverte ed emoziona facendoci vivere un'avventura fuori dal tempo, tra la triste realtà di celebrità decadute e la straordinaria fantasia di un regista a cui mancava solo una cosa... il talento. Il tutto all'ombra di una Hollywood che non esiste più o che forse non è mai esistita.

Pol 6/05/08 01:36 - 589 commenti

I gusti di Pol

Il merito maggiore di questa pellicola è quello di trasmettere allo spettatore un vero senso di passione per il cinema. L'interpretazione di Depp è sicuramente sopra le righe ma è talmente sentita da creare un senso di empatia tra chi guarda ed il suo personaggio, tanto pieno di entusiasmo quanto destinato all'insuccesso. Commovente, triste, divertente. Per chi almeno una volta nella vita ha sognato di stare dietro ad una macchina da presa.

Ford 19/06/08 12:16 - 582 commenti

I gusti di Ford

Un vero atto d'amore verso il cinema e chi lo fa (anche se non ne è in grado). La ricostruzione dei set e la verosimiglianza dei personaggi con gli originali hanno dell'incredibile, anche la scena con Orson Welles per un attimo ho pensato fosse fatta con materiale d'archivio; invece no... ottimo il cast, grandioso Landau/Lugosi in perenne competizione con Karloff.

Matalo! 16/09/08 10:10 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Omaggio dovuto ma non così profondo al genio della bruttezza assoluto; il film è realizzato con cura maniacale ma si poteva dare maggiore complessità al personaggio, peraltro interpretato decentemente da Wood. Ben superiore la tragica maschera di Lugosi resa divinamente da un mimetico, esuberante, ispirato Landau. Le ricostruzioni dei film di Wood sono dettagliatissime ma c'è più Ed Wood in un qualsiasi Waters che in Burton, regista ormai monocorde.
MEMORABILE: "Duevi artuicolare le duita ed essuere iungherese" dice Lugosi a Wood che vuol sapere come fare il gesto di Lugosi.

Ciavazzaro 2/12/08 17:31 - 4765 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Bell'omaggio al maestro del trash, l'immortale Ed Wood. Molto bravo Johnny Depp e ineccepibile la regia di quel geniaccio di Tim Burton, che filma in un ottimo bianco e nero. Da citare anche Landau nella parte di Dracula, la Parker. È bello rivedere alla ribalta personaggi come Vampira (recentemente scomparsa). Molto gustoso.

Brainiac 2/02/09 18:40 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Ammiro il Tim Burton "onirico" di Edward mani di forbice, quello "fumettoso" di Batman, ma questo Burton neorealista è al suo meglio. Diverte quando omaggia il cinema di serie b (forse "z"..), incuriosisce nella descrizione di un uomo decisamente originale e si commuove nel ritrarre l'attore decaduto. "Ed Wood" non è solo un film citazionista (ma le citazioni, fra tutte i titoli di testa, sono da applausi), non è solo una descrizione della parabola di un'uomo innamorato della settima arte (quanto poi fosse "alta" è irrilevante), "Ed wood" è cinema. Capolavoro.
MEMORABILE: I titoli di testa.

Enricottta 21/09/09 20:59 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Siamo davanti al caso più eclatante di osmosi inversa cinematografica. Tim Burton prende l'acqua di mare (Ed Wood) e la trasforma in acqua di sorgente. Ed Wood, ne siamo sicuri, avrebbe guardato il film che lo racconta con un misto di orgoglio e non poco scetticismo, avrebbe detto "non mi somiglia per niente" criticando quei passaggi che gli sembravano troppo perfetti. Burton con Depp forma un sodalizio straordinario. Wood cialtronesco o geniale? Ai posteri l'ardua sentenza.

Belfagor 30/09/09 20:48 - 2624 commenti

I gusti di Belfagor

Un interrogativo permane dopo numerose visioni: si tratta di un sincero omaggio oppure dell'amara esposizione della vita di un fallito? Probabilmente entrambe le cose. Uno dei migliori lavori di Burton, un'ode al cinema realizzata da un punto di vista decisamente controcorrente e in un eccellente bianco e nero. Il cast è perfettamente funzionale e la carta vincente è il tragicomico Bela Lugosi di Landau. Un must per i cinefili.
MEMORABILE: Lugosi che gira la scena storica di Glen o Glenda, l'incontro con Orson Welles.

Sabryna 26/10/09 08:58 - 225 commenti

I gusti di Sabryna

Senza dubbio una delle migliori incursioni burtoniane nel cinema. La vita di Ed Wood viene riproposta in un pregevole bianco e nero con onestà e semplicità. Burton lavora bene alla regia tanto quanto il suo prediletto Depp e Martin Landau. Quest'ultimo imprime una personalità così spiccata al personaggio di Bela Lugosi che è impossibile non immedesimarsi e commuoversi in alcuni momenti del film. Da vedere per conoscere il padre iniziatore dei B-Movies.

Manowar79 29/10/09 14:55 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Al di là dell'encomiabile prova di Depp e soprattutto di Landau nel ruolo di un'autentica leggenda vivente nella fase del declino (Bela Lugosi), Tim Burton confeziona quello che, se non il suo film tecnicamente migliore, è il manifesto della sua passione inossidabile per il cinema di genere, quello artigianale, basato sulle idee e sull'arte di arrangiarsi. Burton rimanderà i virtuosismi al 1999 (l'anno di Sleepy Hollow), ma non perde occasione per conferire ulteriore prestigio alla sua fulgida filmografia con questo, ahimè, capolavoro incompreso.

Capannelle 5/11/09 15:17 - 3730 commenti

I gusti di Capannelle

Una toccante parabola sulle aspirazioni di un perfetto incapace, reso tanto simpatico nella sua smisurata ingenuità quanto convinto di poter parlare con Welles da pari a pari. Decisivo porgli a fianco il personaggio del "vecchio" Bela Lugosi impersonato da un Landau in stato di grazia come riusciti sono anche certi personaggi minori (a partire da Murray, Jones e la Parker). Dalla pellicola trasudano molti omaggi al cinema, al suo variegato mondo, alle sue figure minori che non riceveranno mai gli onori delle cronache.
MEMORABILE: Wood che spiega a Lugosi i dettagli del loro primo film. Bela Lugosi in preda al mostro (non motorizzato).

Il koreano 4/03/10 22:46 - 44 commenti

I gusti di Il koreano

Burton, in odor di rivisitazione, dirige un elogio romanzato e farsesco dedicato al "peggior regista di tutti i tempi", affidando il ruolo di protagonista ad uno spigliato e brioso Depp, accompagnato da caratteristi tutti "al di sopra delle righe". Ad ogni modo, il gioiello di quest'opera a basso costo è rappresentato sia dalle scelte stilistiche, volutamente hollywoodiane, sia dall'onnipresente figura di Landau, lato oscuro di uno sconosciuto Bela Lugosi. Il compositore Howard Shore non fa rimpiangere la mancata presenza di Danny Elfman.
MEMORABILE: La scena che vede Landau/Lugosi raccogliere un fiore davanti la sua abitazione.

Disorder 6/03/10 12:06 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Capolavoro assoluto. Ed Wood era un'autentica fucina di idee e bruciava di passione per il cinema, ma non era assolutamente "tagliato" per il ruolo di regista: fraternizzava con attori e comparse, soprattutto non riusciva ad imporre le sue idee ai produttori. Tim Burton (che invece è un grande regista sotto ogni aspetto) riesce a trarre dalla sua (abbastanza triste) parabola umana il lato poetico, il messaggio positivo: realizzare i propri sogni, con ogni mezzo. Strepitosa la prova di Landau-Bela Lugosi, bravi anche gli altri (Deep in testa). Da vedere!
MEMORABILE: Ogni scena in cui compare Martin Landau-Bela Lugosi; tutto il finale.

Siregon 6/03/10 23:33 - 353 commenti

I gusti di Siregon

Il miglior film di Burton, che per una volta non soffoca la storia con le sue invenzioni visive troppo compiaciute. Gli attori sono tutti straordinari, da un Depp in forma smagliante ed ironico ad un Bill Murray e Martin Landau da antologia. Curatissime le scenografie, splendidi i costumi e la colonna sonora del solito Elfman. Memorabile, l'incontro di Ed Wood con Orson Welles (in realtà mai avvenuto) e il dialogo su Quarto Potere. Un film raffinato, complesso e toccante. Una dichiarazione d'amore ad un modo di fare cinema che non c'è più. Da vedere.

Redeyes 5/04/10 14:46 - 2145 commenti

I gusti di Redeyes

Un buon film, meno Burtoniano del solito ma altrettanto romantico, direi; di quel sentimento fosco che spesso vive nelle opere del regista. Al solito Depp è bravo, qui nel ruolo di un perfetto inetto che tuttavia ha in sè la forza di credere nelle proprie capacità e nel proprio talento, per quanto questo latiti. Non so quanto possa esser fedele alla vita del regista, questa pellicola, ma indubbiamente ci apre uno spiraglio su tutto un mondo di B-movie. Non lo ritengo un capolavoro ma un onesto lavoro per far divertire.

Pigro 10/06/10 08:41 - 7816 commenti

I gusti di Pigro

Incapace, ingenuo o (genio) incompreso? Di certo, Ed Wood era un tipo strano, con la mania del travestitismo e quella del cinema, ma anche testardo e, a suo modo, vincente. Così lo descrive Burton in un bellissimo film sull'illusione e la forza di volontà, sulla magia (quella più febbrile ed elementare) del cinema e sull'amicizia come quella, ben bizzarra, di Wood (un bravissimo Depp) e Lugosi (uno strepitoso Landau). Bellissime e accurate le ricostruzioni, efficacemente "filologica" ia fotografia, travolgente l'immensamente affettuosa ironia.

Vstringer 25/08/10 14:06 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

Al di là del mito del "peggior regista del mondo" lievitato dopo la morte, l'Ed Wood di Tim Burton è soprattutto un entusiasta, un artigiano del cinema di genere con grandi ambizioni e grande buona volontà, imprigionato nella serie B (ma anche Z) per l'impossibilità di dare seguito coerente a tali ambizioni: Depp è convincente nel suo ruolo, ma più di lui funzionano la messa in scena filologicamente calibrata, la sceneggiatura congegnata alla perfezione, un gigantesco Landau nel ruolo di Bela Lugosi e la leggerezza di Bill Murray.
MEMORABILE: Landau nello stagno a lottare contro la piovra inanimata e a cogliere i fiori fuori da casa.

Mdmaster 17/11/10 17:50 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Per me, il miglior film di Burton: dimostra come la sua capacità di raccontare storie di personaggi alternativi e/o sfortunati sia molto più ben sviluppata, rispetto a quella surrealdarkettona che tutti (più o meno) apprezziamo. Depp in stato di grazia, circondato da un cast assolutamente perfetto: da Jeffrey Jones a Martin Landau, un Bela Lugosi umano, splendido, commuovente. Si ride, si capisce molto su Ed Wood e sull'ammirazione di Burton per il personaggio. Uno dei migliori film biografici di sempre.
MEMORABILE: "Pull the string!!!" o i vari "FUCK YOU" di Lugosi che tradiscono l'attore (che non imprecava mai, ma ci stanno davvero bene).

Paruzzo 4/01/11 22:55 - 140 commenti

I gusti di Paruzzo

Omaggio al cinema da parte di Tim Burton attraverso la vita del "peggior regista della storia" Ed Wood, tanto ricco di idee quanto sciocco nel realizzarle. Un bianco e nero che funziona e un ottimo cast, con Johnny Depp perfetto della parte e Martin Landau memorabile nei panni di Bela Lugosi.

Didda23 10/10/11 13:03 - 2288 commenti

I gusti di Didda23

Con il pretesto di raccontare le vicende rocambolesche di Ed Wood Jr., l'immenso Burton firma un'opera che trasuda di amore viscerale per la settima arte. Il regista opta per un meraviglioso bianco e nero che esalta la storicizzazione del racconto. La sceneggiatura mescola con intelligenza svariate sensazioni; i dialoghi alternano battute "bizzarre" ad altre dal calore umano molto forte. Landau è geniale e commuovente nel ruolo di Lugosi e Depp è semplicemente straordinario. Imperdibile!

Mickes2 6/10/11 15:31 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Gustosissimo viaggio nella vita e nella carriera lavorativa del regista più trash di tutti i tempi, Ed Wood. Avvolta in un elegantissimo bianco e nero, la pellicola sprigiona molto della poetica Burtoniana: le atmosfere sospese tra malinconia e divertimento, personaggi eccentrici e carichi di sarcasmo, venature comiche e lo splendido tocco poetico dal sapore quasi fiabesco tratteggiano in maniera squisita la costanza, la sregolatezza e la dedizione al lavoro da parte di Ed Wood nei confronti del cinema.

Saintgifts 1/04/12 01:11 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Attraverso la biografia del regista Ed Wood, Tim Burton descrive molto bene il clima e l'essenza di Hollywood negli anni '50. Ed Wood ammirava Orson Welles, quindi sapeva cosa voleva dire cinema vero, ma elaborava i concetti a modo suo e, anche se veniva giudicato il peggior regista di tutti i tempi, vedendo questo film vien voglia di visionare i suoi lavori, dove non si buttava nemmeno un ciack e si completavano in pochi giorni. Molto buone le interpretazioni, la stravaganza dei personaggi aiuta non poco a rendere interessante la visione.

.luke. 11/04/12 09:59 - 89 commenti

I gusti di .luke.

Omaggio di Tim Burton al peggior regista della storia, Ed Wood, ma in senso generale un omaggio al cinema che mette al primo posto le idee, un tipo di cinema di cui Tim Burton è oggi uno dei massimi esponenti. Benissimo gli interpreti, il divertente Johnny Depp e il cupo Martin Landau, meritevole del Premio Oscar. Fotografia in bianco e nero funzionale alla storia raccontata.
MEMORABILE: Andiamo avanti, era perfetta.

Smoker85 6/05/12 14:05 - 393 commenti

I gusti di Smoker85

Un film insolito per il talentuoso regista amante del fantasy e delle favole alternative. Ma in fondo anche la biografia di Ed Wood è una favola alternativa, storia di un regista che mette corpo e anima nel suo lavoro ma, sia per penuria di mezzi che per eccessiva fiducia nelle sue storie, crea pellicole penose e ridicole. Bella la resa del rapporto con Bela Lugosi (citazione forse del sodalizio Burton-Price), la determinazione di Wood nel difendere le sue scelte e anche la sua capacità di adattarsi ai cambi di copione obbligati. Da vedere.
MEMORABILE: La reazione di Lugosi quando viene definito spalla di Karloff; Lugosi che coglie i fiori nel suo giardino; Il finale.

Rambo90 2/09/12 16:36 - 6384 commenti

I gusti di Rambo90

Bel biopic di Burton, in bilico fra la commedia e il drammatico, sostenuto dalle ottime interpretazioni di Depp (che comunica un entusiasmo per il cinema contagioso) e Landau (perfetto nella sua incarnazione del grande Bela Lugosi). Burton ricostruisce molto bene intere sequenze, fa un gran lavoro sull'ambientazione e regala un'opera indispensabile per gli appassionati. Buono anche il cast di contorno, su tutti il divertente Murray.

Ryo 18/10/12 11:18 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Una bellissima biografia del "regista peggiore di tutti i tempi" romanzata e fotografata in bianco e nero dal visionario Tim Burton. Decisamente rappresentativa l'energia e l'impegno che il giovane cineasta poneva per realizzare le sue opere dai con budget ristrettissimi. Magistrale l'interpretazione di Martin Landau (che gli valse un oscar), che riesce a ricreare un Bela Lugosi perfetto negli sguardi e nelle movenze, a donare al personaggio un'aria patetica e sola, molto commovente. Perfetto il cast, fantastica la riproduzione di Plane 9.
MEMORABILE: "Stop! Era perfetta! Passiamo alla prossima!"

Yamagong 15/06/13 02:26 - 274 commenti

I gusti di Yamagong

Solo un regista come Tim Burton, da sempre affascinato dal tema del diverso contro la realtà, poteva rimanere affascinato da una bizzarra figura come quella di Ed Wood, provando una tenerezza tale da indurlo a realizzare questa memorabile opera biografica. Una poesia amara, quella che emerge da un personaggio comunque squallido, per quanto affascinante, ed eternamente perdente. Dispiace un po' per lo stile impiegatizio e spersonalizzato che ingessa alcune parti, perché per il resto si tratta di un film più che valido! Landau mostro di bravura.
MEMORABILE: Landau-Lugosi; La piovra sgonfia; La prima al cinema disastrosa che costringe Ed alla fuga; Orson Welles.

Elnatio 31/07/13 00:45 - 38 commenti

I gusti di Elnatio

Burton ci fa rivivere un'epoca ormai dimenticata del cinema americano. Un ottimo Depp interpreta Edward D. Wood Jr., il peggior regista della storia del cinema, fan di Orson Welles e al quale piace vestirsi da donna. Il resto del cast non è da meno, su tutti uno spettacolare Martin Landau nei panni di Lugosi. Giustamente girato in bianco e nero il film scorre bene. Forse non il miglior Burton ma sicuramente da vedere.

Paulaster 2/10/13 09:34 - 2819 commenti

I gusti di Paulaster

Dedica affettuosa di Burton a un cinema dove contavano più le idee, o un certo tipo di provocazione e a cui si è certo ispirato. La figura grottesca di Wood non trova apparenti ostacoli, nonostante l’ambivalenza sessuale che sbandiera (forse non eccepibile nella sua rappresentazione) e rispolvera Bela Lugosi. Depp ha il sorrisetto adatto e Landau è perfetto nei giochi di ombre di un bianco/nero che è la vera colonna portante del film, che ne descrive la magia anche nell’assurdità delle sceneggiature del protagonista.

B. Legnani 6/10/13 16:02 - 4744 commenti

I gusti di B. Legnani

Film di grande dolcezza, che crea un eroe da un fallito. Una domanda nasce inevitabile: quanto c'è di vero e quanto di romanzato in questo film? Landau è un Lugosi credibilissimo (ottimo il doppiaggio), mentre non si capisce bene quanto gli altri personaggi (a partire dallo stesso Depp-Wood) siano verosimili o caricati. Adeguatissimi il bianco e nero e la musica. Davvero un buon film, che fa venire voglia di vedere i film di Wood, pure con una certa indulgenza.
MEMORABILE: Lugosi modifica l'azione proposta da Wood e raccoglie un fiore davanti alla sua abitazione per poi farlo cadere.

Viccrowley 18/11/13 17:17 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Non ci sono dubbi, Ed Wood è Tim Burton. Tutta la genialità burtoniana va di pari passo con l'inettitudine di Wood e viaggia sul binario parallelo di un amore sconfinato per il cinema, divergendo solo nei risultati. E questa identificazione permette a Burton di trattare con infinito amore non solo un "freak" reale dopo averne amati innumerevoli inventati, ma di dichiarare ammirazione sconfinata verso un modo artigianale e scellerato, ma sempre vitale e appassionato di vivere la Settima Arte. Forse il picco assoluto del Burton-pensiero.
MEMORABILE: Lo straordinario Martin Landau, che non interpreta, ma fa letteralmente rivivere il grande Bela Lugosi.

Luchi78 20/10/14 11:18 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

La passione per i B-movies non è chiaramente solo un episodio nostrano e Tim Burton ce ne dà una grandissima dimostrazione. Questo film è semplicemente appassionante, considerando il fatto che mette su pellicola una storia vera, sfiorando sempre lievemente il confine tra caricatura e realtà. Splendido Landau nel suo malinconico Lugosi, una spanna sopra tutti. Imperdibile.

Von Leppe 1/06/15 14:10 - 1032 commenti

I gusti di Von Leppe

Commedia ispirata alla figura del regista Ed Wood jr. interpretato da un buon Johnny Depp, ma la parte migliore la fa Martin Landau che impersona Bela Lugosi. Un film che ha bei momenti (l'incontro del regista con Orson Welles: il peggiore e il migliore, entrambi hanno gli stessi problemi con i produttori), altri un po' meno. Ottima la scelta del bianco e nero, anche se necessaria, per ricreare le pellicole anni 50 e i personaggi dell'epoca.
MEMORABILE: Le immagini di L'isola degli zombies col vero Lugosi in tv.

Jandileida 8/10/15 09:19 - 1258 commenti

I gusti di Jandileida

Il cinema "minore" piace un po' a tutti anche perché è popolato di personaggi anch'essi cinematografici, con vite sghembe e arricciate tutte accomunate da un quasi irrazionale amore per la celluloide. Uno di questi, amabili, weirdos era Wood, bislacco regista di fantascienza di serie Z: Burton ne racconta la storia e quella del suo mondo, con amorevolezza e questo piace, come piacciono molto Deep e Landau. Il ritmo però è un po' blando, con troppi alti e bassi e non riesce a catturare del tutto; anche il b/n, per quanto funzionale, lascia il tempo che trova.
MEMORABILE: Landau/Lugosi.

Minitina80 30/03/18 17:11 - 2364 commenti

I gusti di Minitina80

Un tributo così importante per un regista che non ha lasciato un segno tangibile nella storia del cinema è un evento singolare. Eppure in Ed Wood Burton vede qualcosa di più di un banale regista e lo fa capire dalla passione che mette nel suo film, la stessa che animava Wood nel voler insistere col cinema malgrado gli evidenti limiti. Sul piano tecnico è sicuramente un film importante, ma se non ci sintonizza sulla stessa frequenza d’onda le interpretazioni eccezionali e il suadente bianco e nero risultano vani.

Anthonyvm 2/05/18 23:50 - 2013 commenti

I gusti di Anthonyvm

Uno dei migliori film di Tim Burton. La stravagante carriera del "peggior regista di sempre" rivissuta negli anni "migliori" della sua attività (sono esclusi, saggiamente, i momenti finali, decisamente poco consoni al tono da commedia del biopic). Bianco e nero sublime, così come le ricostruzioni di alcune delle sequenze topiche del cinema di Wood. L'eccentricità di Ed (ottimamente resa da Depp) fa sì che la pellicola si mantenga interessante e briosa fino all'ultimo fotogramma. Martin Landau eccellente nel suo dolceamaro ritratto di Lugosi.

Thedude94 16/01/20 00:10 - 582 commenti

I gusti di Thedude94

Siamo ai limiti della perfezione artistica e tecnica di Burton, che dedicando questo film alla memoria del regista "peggiore" della storia del cinema realizza un'opera ricca di significato. Depp e Landau (identico nella parte di Bela Lugosi) sono ai loro massimi livelli e riescono a incantare ed emozionare. Il bianco e nero calza a pennello e ci porta direttamente nella atmosfere della Hollywood degli anni dello splendore attraverso una fotografia sublime. Ottimo anche l'approfondimento legato alle "inclinazioni" del regista e dei suoi amici.

Lupus73 21/02/20 12:29 - 630 commenti

I gusti di Lupus73

Ed Wood, considerato da molti il peggior regista di sempre, diventa il miglior film di Burton, che dirige una biografia romanzata con molta ironia; e con altrettanta ironia Depp offre una delle sue migliori interpretazioni nei panni del "bizzarro" regista. Burton sceglie il b/n con molta cura per la fotografia, elegante e con contrasti di ombre che rievocano i film del periodo di Wood ma anche i vecchi gotici '30-'40 della Universal. Straordinari Landau nei panni del Lugosi di fine carriera e una Lisa Marie/Vampira di oscura sensualità. Eccellente.
MEMORABILE: I personaggi principali in macchina verso la prima del film: una sorta di reminiscenza Addams/Munsters; Lugosi che va in bestia parlando di Karloff.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Didda23 • 22/03/11 16:44
    Comunicazione esterna - 5719 interventi
    Premio Oscar per miglior attore non protagonista a Landau.
  • Discussione Mdmaster • 7/10/11 22:21
    Fotocopista - 123 interventi
    Questo film è una meraviglia... riesce a onorare un personaggio nato per essere disonorevole, in maniera toccante e personale. E Landau è meraviglioso, non c'è un momento nel film in cui mi son ritrovato a dubitare che fosse proprio Bela Lugosi.
  • Discussione Zender • 8/10/11 09:20
    Consigliere - 43593 interventi
    Concordo. Burton è riuscito a dare uno dei più bei ritratti di registi visti al cinema, complice anche la bizzarra eccentricità di Ed Wood stesso naturalmente.
  • Discussione Galbo • 8/10/11 14:39
    Gran Burattinaio - 3763 interventi
    concordo anch'io, uno dei capolavori di Burton
  • Discussione Capannelle • 8/10/11 14:46
    Scrivano - 2506 interventi
    Concordo pure io e devo dire che senza la community davinottica non l'avrei mai scoperto.
    Ultima modifica: 9/10/11 18:32 da Capannelle
  • Discussione Mdmaster • 9/10/11 17:54
    Fotocopista - 123 interventi
    E mi è rivenuta voglia di vederlo per la ... non so neanche a quale "volta" sia arrivato. Tipo la settima, forse...
  • Discussione Didda23 • 9/10/11 20:15
    Comunicazione esterna - 5719 interventi
    Mi accorgo solo ora di non averlo commentato, mi sembra impossibile!!
    Mdmaster sei in buona compagnia, l'avrò visto almeno 5 volte.
    Favoloso,le 4 palle sono scontate
  • Discussione Buiomega71 • 10/10/11 01:18
    Pianificazione e progetti - 21992 interventi
    Concordo che sia il miglior film del "folletto di Burbank", insieme a Edward mani di forbice e al Pianeta delle scimmie.
  • Discussione Didda23 • 10/10/11 02:10
    Comunicazione esterna - 5719 interventi
    Io adoro pure Big Fish..
  • Curiosità Raremirko • 20/01/16 00:10
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Rick Baker, pur di lavorare al film, decise di prendervi parte gratis.

    Fonte: extra del dvd