Plan 9 from outer space

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Plan 9 from Outer Space
Anno: 1959
Genere: fantascienza (bianco e nero)
Note: Aka "Plan nine from outer space". "Piano 9 da un altro spazio".
Numero commenti presenti: 28
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Signore e signori il cult-trash per eccellenza, l'insuperato fanta-horror del "Maestro" Ed Wood premiato all'unanimità come peggior film di ogni tempo. In realtà al cinema si è visto anche di peggio (e per quanto riguarda Ed Wood questo è senz'altro il suo film più godibile), ma sono rimaste nella leggenda l'approssimazione degli effetti speciali, l'assurdità dei dialoghi (per Ed Wood una costante) e, sopra ogni cosa, la disinvoltura con cui Bela Lugosi, morto ancor prima dell'inizio delle riprese (le scene con lui appartengono a un film sempre di Wood che non venne mai completato), viene sostituito ad unc erto punto con un "attore" fisicamente diversissimo che si premurava semplicemente di coprirsi il volto con un mantello risultando...Leggi tutto per forza di cose ridicolo. Altro che Brandon Lee e le sue resurrezioni digitali! Ma la grandezza di PLAN 9 FROM OUTER SPACE (il titolo fa riferimento al "piano n° 9" messo in atto dagli alieni per sconfiggere gli umani resuscitando i morti da un cimitero) sono anche le scenografie. L'interno dell'astronave aliena è incredibile: tendine per separare gli ambienti, un tavolaccio con una vecchia radio sopra nella sala comandi e altre amenità per ricordarci la totale mancanza di mezzi tecnici a disposizione. E che dire dell'astronave extraterrestre simile a Saturno, composta da un'arancia circondata da un cerchio solido? E dei dischi volanti che lasciano ombre sui fondali da teatro? O delle cloche in cartone sull'aereo? Ma la cosa più delirante sono i dialoghi: solo ed Wood aveva il coraggio di prolungare per interi minuti considerazioni sterili su ogni minimo spunto. Non si erano mai visti (e mai più si vedranno) alieni così logorroici e saccenti. Insomma, dire cult per una volta è dir poco. Povero Ed Wood, lui era convinto di girare grandi film. Se sapesse...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 25/02/07 11:04 - 1930 commenti

I gusti di Fabbiu

A un primo impatto questo film può sembrare il più squallido B-movies di fantascienza in b\n che sia mai esistito, ma dopo aver visto l'Ed Wood di Tim Burton, si capisce che nella testa del regista c'era una grandissima passione per il cinema. Il nostro doveva a tutti costi produrre film e spesso arrivava anche a rubare materiale di cui non disponeva, ha rialzato Lugosi da una triste situazione e gli è stato vicino fino alla morte. Un brutto film, ma nel quale è evidente la tenacia del regista.

Lele Emo 9/05/07 10:53 - 173 commenti

I gusti di Lele Emo

Che dire? L'opera di un genio animato da una passione sconfinata oppure le deliranti ossessioni espressive di un pazzo? Propenderei sicuramente per la prima ipotesi, seppur aggiungendo un pizzico della seconda. Film grottesco alienato e al limite della presa in giro, in tutti i sensi. Compreso il Bela Lugosi ombra di se stesso e morfinomane perso, morto all'inizio delle riprese. Quasi una beffa nella beffa, ma intessuta con passione e tenacia che non credo altro regista al mondo abbia o abbia avuto. Ai confini della realtà.

Caesars 11/05/07 09:39 - 2672 commenti

I gusti di Caesars

Chi ha visto il film di Tim Burton sulla vita del regista non può che riservare un occhio benevolo a questa pellicola decisamente brutta e trascurabile. La passione con cui Ed Wood si accaniva a girare film era encomiabile, purtroppo i risultati sono sotto gli occhi di tutti: non solo gli effetti speciali sono risibili (essendo un film a superbassissimo costo si potrebbe anche sorvolare... forse) ma tutta la storia non sta in piedi, con dialoghi assurdi che si prolungano inutilmente. Cinematograficamente siamo a livelli bassissimi.

Puppigallo 14/06/07 12:09 - 4496 commenti

I gusti di Puppigallo

Ma come si fa a criticare un film così?! Bisogna solo prenderlo per quello che è: una fanta-horror baracconata d.o.c. (una cretinata coi fiocchi). Quando il regista Ed Wood sfornava le sue opere, la critica pensava solo a distruggerlo. Personalmente, avrei dato un braccio (magari di qualcun altro) per conoscerlo. Che coraggio! Zombi, pseudo vampiri, alieni (il piano 9!), dischi piattino e scenografie fatte in casa (male). Il tutto nello stesso calderone filmico mescolato alla buona. Bastava dare a Ed due pezzi di plastica, un po' di cartone e immondizia varia e lui vi faceva un film. Eroico.
MEMORABILE: L'astronave con tendine e gli zombi (da piegarsi).

Undying 14/03/08 23:26 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Extraterrestri atterrano sul nostro Pianeta, per avvertirci che la terrificante arma umana, nota come "bomba solare", porterà all'estinzione non solo della Terra, ma dell'intero Universo. Il loro avviso, inascoltato, darà corso all'attuazione del "piano 9": i morti vengono riportati in vita. Disastroso, per via di una messa in scena men che povera, il film è stato al centro della pellicola-omaggio girata da Burton e dedicata al controverso Ed Wood. Nonostante vi siano elementi di denuncia verso la violenza e le armi, Plan 9 è disastroso.

Ford 16/06/08 11:34 - 582 commenti

I gusti di Ford

Un film che definire artigianale è un eufemismo,; ma la sua forza sta proprio nell'essere raffazzonato e improbabile: la creatività di Ed Wood è grezza, passa dalla sua mente alla messa in scena senza filtri utilizzando quello che poteva trovare in termini sia scenografici che di cast e se chi guarda il film sa di trovarsi davanti a un lavoro di finzione può perdonare i fondi posticci e i fili che reggono le astronavi. Sicuramente meno perdonabili i dialoghi, visto che quelli non costano niente... Ed ora aspettiamo il 09/09/09 per il remake...
MEMORABILE: L'unica ripresa realistica (i soldati che sparano missili) alternata alle fintissime riprese delle astronavi e del generale su sfondo posticcio...

Ciavazzaro 20/06/08 12:34 - 4758 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Così assurdo e sgangherato che non può non piacere. Un vero e proprio cultone targato Ed Wood. Il cast ovviamente non recita anche se fa piacere vedere per l'ultima volta Lugosi (anche se in alcune scene controfigurato) e le compiante icone horror Vampira (recentemente scomparsa) e Criswell. Da vedere.

Galbo 22/06/08 09:39 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Definito "il più brutto film della storia del cinema ed affettuosamente omaggiato da Tim Burton in Ed Wood, è una della pellicole più conosciute del cialtronesco e contemporaneamente geniale regista americano che fa del dilettantismo un'arte assoluta. Il film si caratterizza per effetti speciali artigianali e sgangherati, per una sceneggiatura ridicola e dialoghi risibili ma il gioco è così dichiarato che il film finisce per essere assai (anche se involontariamente) divertente.

Matalo! 12/09/08 23:48 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Ed Wood, ovverosia il regista seminale. Definire questo il film più brutto del cinema significa tralasciare l'assenza di depresione che un vero film brutto lascia. Ovvio siamo nel bric-a-brac di una mente infantile e priva di autocritica (anche se i budget miserrimi auitano nel risultato). Ma la sua inconsapevolezza e irresponsabilità danno possibilità di aprire squarci sul brutto come materiale su cui lavorare. Ovviamente è un merito inconsapevole: Ed Wood, fuori dall'idillio, fece film da drive in ma con un guizzo in più. John Waters ringrazia.
MEMORABILE: "Un momento prima non era così" (Commissario dopo che il raggio alieno ha ridotto Lugosi ad uno scheletro). Tutto il film è rimarcabile, comunque.

Patrick78 5/05/09 13:51 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Non il più brutto film della storia come si dice ma un semplicissimo B-movie come quelli che sul finire degli Anni 50 andavano per la maggiore ad Hollywood. Sicuramente Wood era un cialtrone e come regista dimostrò il suo scarso talento, eppure in giro si è visto fare di peggio e con molti più soldi a disposizione. Bela è invisibile (morì durante le "riprese"), ma il cast di freaks è da gustare tutto d'un fiato. Caso più unico che raro in cui un appellativo così disonorevole ha in realtà giovato e non poco alla fama del film. I curiosi gli daranno uno sguardo.

Belfagor 31/08/09 19:50 - 2621 commenti

I gusti di Belfagor

Che dire di questo film che non sia già stato detto? Considerato per decenni il peggior film della storia, ha tuttavia contribuito alla costruzione del mito di Ed Wood. Inutile soffermarsi sulla qualità in sé, per quella il voto è il minimo. Ma nella sua bruttezza, sa essere un capolavoro della comicità involontaria e questo non si può negare. Paradossale quanto il suo regista, merita indubbiamente di essere visto.
MEMORABILE: Bela Lugosi (o chi per lui) che tiene sempre il mantello davanti al volto.

Renato 2/09/09 13:19 - 1528 commenti

I gusti di Renato

Sgangherato film di sci-fi, girato con pochissimi mezzi ma molta cialtronaggine per il pubblico più buzzurro dell'entroterra USA degli anni '50. Visto oggi, può solo far sorridere, ed in effetti ci riesce benissimo, al punto che la visione è divertente e per nulla noiosa. Troppe le assurdità per citarne una sola, ma forse la presenza stessa di Bela Lugosi -del tutto avulso dalla storia ed inserito artatamente solo per sfruttare alcune immagini risalenti a qualche anno prima- vale più di mille spiegazioni.

Bmovie 21/01/10 14:50 - 110 commenti

I gusti di Bmovie

Non ho mai capito perché questo film è considerato un cult. Non è né eccessivamente brutto, né eccessivamente stupido. L'ho trovato, semplicemente, molto noioso e ho faticato a guardarlo per intero. Memorabile l'inserimento di Bela Lugosi e di Vampira, ma per il resto non è per niente imprescindibile.

Disorder 25/01/10 01:01 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Incredibile, psichedelico mix di immagini di repertorio sulla guerra, modellini di astronavi aliene (con fili in bella vista!), scenografie di cartone, alieni in tunica stile 'peplum'. Le scene con Bela Lugosi non c'entrano nulla (dovevano servire per un altro film!) e sono oltretutto girate di giorno e inserite in una scena notturna! Trama? Non si capisce nulla tra alieni, omicidi, zombie ecc... Va applaudito il coraggio e l'anticonformismo di Ed Wood, ma si tratta davvero di brutto cinema (superato in peggio forse solo dai remakes turchi). ** di stima.
MEMORABILE: L'assurda tunica del capo-alieno (forse riciclata da qualche film su Re Artù!); gli Ufo appesi a fili sempre ben visibili.

Capannelle 16/03/10 14:32 - 3700 commenti

I gusti di Capannelle

Un cult dell'improvvisazione ma che trasuda l'accecato entusiasmo di Wood, figura che troverà nobilitazione grazie a Tim Burton. Non ci sono solo effetti speciali di serie B ma anche dialoghi e attori scadenti (si salva Johnson), attori morti (Lugosi) o che si rifiutano di parlare durante le riprese (Vampira). Oltre a questo una gustosa serie di spunti comici (esempi: tutti cadono all'arrivo degli ufo, il generale, il pilota che parla col telefono candlestick, la pistola che si inceppa, l'astronave in fiamme...) che giustificano due pallini.

Pigro 26/06/10 09:13 - 7729 commenti

I gusti di Pigro

Gli alieni per salvare l'universo dall'incoscienza bellica dei terrestri fanno rivivere i morti in un piccolo cimitero: e già la storia fa intuire a che punto di scombiccherato delirio ci troviamo... Il resto lo mette la regia, sempre frettolosa e naif, di Ed Wood. In un tripudio postmoderno di citazioni (o meglio, di scopiazzature), il film squaderna luoghi comuni ridando loro nuova vita: una vita kitsch, che si nutre di pressappochismi cinematografici al limite dell'amatoriale, finendo per mettere in piedi una gioconda carnevalata.

Megatone 1/08/10 17:12 - 56 commenti

I gusti di Megatone

Un film da non prendere assolutamente sul serio in quanto Wood lo girò, molto probabilmente, ridendo come un matto e ubriaco perso. Già nel precedente Bride of the monster è chiaro l'approccio leggero in alcune scene, qui tutto diventa una caricatura. Il divertimento però dura poco e abbastanza rapidamente si passa alla noia. I dialoghi assurdi sono la parte migliore del film. Vampira/Maila Nurmi è inquietante con il suo vitino da vespa e le lunghe unghie, mentre Tor Johnson finalmente parla. In giro c'è di peggio.

Saintgifts 9/04/12 17:02 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Se questo film lo avesse girato un regista come Mel Brooks (in questo istante mi viene in mente lui, ma si può scegliere nel genere) con il dichiarato intento di farne un film comico, o comunque una parodia di generi diversi mischiati tra di loro, sarebbe stato un successone (forse nemmeno Mel Brooks stesso poteva fare di meglio). Ma il film ha ambizioni "serie" e allora la questione cambia. Diverte lo stesso e molto, ma presta il fianco a giustificate critiche. Anche i buoni messaggi lanciati sono distorti e contradditori. Grande esempio di cinema.
MEMORABILE: La macchina che traduce tutte le lingue, anche quella degli extraterrestri: formidabile!

Metuant 27/04/12 21:56 - 454 commenti

I gusti di Metuant

Mostruosa vaccatona che si è meritata col tempo la palma di "peggior film della storia del cinema" e a ragione, visto che gli amanti del trash resteranno ammaliati da ogni singolo fotogramma di questa pellicola. La recitazione è solo una mera illusione, gli effetti neanche si possono chiamare speciali, le scene sembrano montate a casaccio... ma proprio per questo merita di essere visto, se non altro per essere un validissimo esempio di come non girare un buon film. Un cult, a suo modo.
MEMORABILE: Il vampiro a viso costantemente coperto; Il disco volante attaccato a un filo!

Rambo90 6/09/12 15:51 - 6316 commenti

I gusti di Rambo90

Ah che bello, uno sci-fi con contaminazioni horror talmente brutto da risultare addirittura simpatico e, a tratti, divertente: lo scult firmato Ed Wood, con una storia ridicola, attori ai minimi storici, effetti penosi, tantissimi errori (dalle ombre dei microfoni a salti fra notte e giorno), dialoghi lunghissimi e tediosi, una miriade di personaggi e un tremendo messaggio pacifista nel finale. Da vedere almeno una volta, per capire bene di cosa si parla.

Saintjust 13/06/13 17:02 - 111 commenti

I gusti di Saintjust

Film goffo, girato da una persona amante del cinema con tante idee, ma sprovvista di talento e mezzi finanziari. Il risultato è un piccolo circo dei "freaks", con moltissimi difetti tecnici e una messa in scena risibile (fili visibili, microfoni in scena, porte più piccole del dovuto, croci di cartone). Però vampira, ghoul e Clay (ovvero l'esercito che dovrebbe marciare sulla città) sono talmente camp che la curiosità di vedere dove si andrà a parare è tanta e quindi lo si gode fino alla fine.
MEMORABILE: L'interno della "Space Station 7" è un tendone; Il sovrano che legge il "Plan 9" su un copione cartaceo; Il resuscitato Clay che aggredisce Eros.

B. Legnani 12/10/13 17:15 - 4688 commenti

I gusti di B. Legnani

Pur valendo * (ma è una "accettabile vaccata"...), merita la visione, per celebrità, per carisma di Lugosi e per la "voglia di cinema" che appare persino nelle scene più brutte. Lo si guarda con una certa dolcezza, anche se si stenta a credere ad alcune situazioni (l'interno dell'astronave madre...), ad alcuni dialoghi, ad alcune ambientazioni (il disco della scena finale, che a terra è una sorta di casetta...). Devo anche dire che la recitazione non è la cosa peggiore. Resta il dubbio su cosa Wood sarebbe stato capace di fare se non avesse dovuto lavorare alla "buona la prima!".
MEMORABILE: Le croci di cartone che, appena lambite dagli attori, oscillano, in quanto la scena non è stata girata una seconda volta.

Von Leppe 13/10/13 18:18 - 1018 commenti

I gusti di Von Leppe

Fantascienza anni 50 con l'interessante e bizzarra trovata di essere mescolato a elementi tipici degli horror anni 30 con Vampira e Bela Lugosi vestito da Dracula. Quest'ultimo si vede solo in immagini di repertorio, mentre per il resto è interpretato da una controfigura e questo fa perdere molto a un film già di per sé scombinato, fatto con povertà di mezzi e scenografie traballanti. Ma la cosa peggiore è che provoca noia.

Il Gobbo 13/03/15 15:40 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Celebrato al di là dei (de)meriti, alla fin fine è meno bello/brutto di tanti altri belli/brutti, anche nel suo oltranzistico tenere in non cale qualsivoglia aspetto della buona creanza cinematografica. Anzi a dirla tutta è brutto e basta, nonché noiosetto. Alla domanda "perché guardarlo?" ha già risposto Burton, ma forse nobilitandolo oltre misura.

Faggi 19/05/16 23:03 - 1486 commenti

I gusti di Faggi

Caposaldo imprescindibile del comico involontario e del geniale inconsapevole. La buona fama di cui gode è meritata nonostante l'autore abbia fatto di tutto (diciamo così) per produrre la boiata perfetta (o la perfetta boiata che dir si voglia). È un oggetto interessante e spassoso; ha almeno un pregio strettamente cinematografico: fare da pietra di paragone per come un film non dovrebbe essere fatto, a rischio di far ridere le pietre.

Bubobubo 18/05/19 20:45 - 1183 commenti

I gusti di Bubobubo

È brutto, dilettantesco, involontariamente comico, farraginoso e a tratti estenuante nonostante la durata risicata (nemmeno 80'), ma chi continua ancor oggi a innalzare il poco onorevole vessillo del "film più brutto di tutti i tempi" probabilmente non ha mai visto un film davvero brutto in vita sua. Poco meno che risibile all'epoca, oggi lo si può vedere con ancor più condiscendenza, tenendo conto sia degli enormi limiti oggettivi (nel budget, nel parco attoriale) che dell'inventiva obliqua del regista. Puntuale il messaggio pacifista.

Daniela 20/06/19 07:16 - 9202 commenti

I gusti di Daniela

Alieni dai costumi bizzarri riportano in vita tre cadaveri. Ci scappa qualche morto, ma le loro intenzioni non erano cattive quanto didattiche... Non è il film più brutto del mondo come spesso viene definito. Certo la trama è demenziale, i dialoghi assurdi, gli effetti speciali ridicoli, la recitazione imbarazzante, il montaggio dadaista, però si avverte che questa poveracciata è stata diretta con una convinzione a suo modo commovente: un film-pulcino, brutto ma tenero, da amare anche perché l'ultimo in cui appare Lugosi, vampiro in pensione.
MEMORABILE: Lo stemma con l'ascia medievale sulla divisa del capo degli alieni; Le tende a drappeggio all'interno del disco volante

Lupus73 10/06/20 15:51 - 544 commenti

I gusti di Lupus73

La fantascienza si tinge di gotico: extraterrestri trasmettono onde che resuscitano i morti sulla terra. E' innegabile la capacità di Ed Wood (il peggior regista di sempre?) di creare con scarsissimi mezzi atmosfere ormai di epoche precedenti del cinema in maniera innovativa e frizzante, degna di revisionismo (Da Burton a Danzig). Fotogrammi postumi con Lugosi, la presentatrice goth Vampira, errori e assurdità madornali come fili su dischi/piatti di plastica volanti, cambio notte/giorno opzionali, tombe di polistirolo su suolo/tappetino, alieni con stemmi medievali; ma è cult.
MEMORABILE: Le goticissime scene al cimitero con Vampira e Tor Johnson redivivi; i dischi volanti (piatti di plastica) attaccati a fili che però si vedono.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Schramm • 16/10/13 20:45
    Risorse umane - 6703 interventi
    buono, rebis, a questo punto vi consiglio il recupero di questi cine-aborti:

    mesa of lost women
    manos the hands of faith
    rat pfink a boo boo
    the worm eaters
    the corpse grinders
    the astro-zombies
    bride of the gorilla
    l'uomo lupo sfida la camorra
    spider baby
    double agent 73


    psychotronia a stecca e risate garantite. con o senza additivi previa visione!
    Ultima modifica: 16/10/13 20:45 da Schramm
  • Discussione Rebis • 16/10/13 21:02
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Di tutti ho visto solo Spider Baby, Schrammy, e devo confessare che mi aveva fatto quasi paura... e senza additivi.

    Comunque grazie, prendo nota per le future visioni trascendentali :)
    Ultima modifica: 16/10/13 21:03 da Rebis
  • Discussione Buiomega71 • 16/10/13 21:19
    Pianificazione e progetti - 21749 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Di tutti ho visto solo Spider Baby, Schrammy, e devo confessare che mi aveva fatto quasi paura... e senza additivi.

    Comunque grazie, prendo nota per le future visioni trascendentali :)


    Adoro l'anticipatore hilliano di Non Aprite quella Porta (questo si davvero un cult!)

    Oddio, di cosidetti "psychotronic trash" c'è nè sarebbero a bizzeffe, in realtà

    Tra un Ray Dennis Steckler, una Doris Wishman, un William Rotsler e un Ted W. Mikels c'è di cui giuggiolarsi

    Per non parlare degli stracult prodotti da Harry Novak

    Tipo questo:

    https://www.davinotti.com/film/please-don-t-eat-my-mother/24283

    Mio personal "guilty pleasure"
    Ultima modifica: 16/10/13 21:21 da Buiomega71
  • Discussione Rebis • 16/10/13 21:23
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Rebis ebbe a dire:
    Di tutti ho visto solo Spider Baby, Schrammy, e devo confessare che mi aveva fatto quasi paura... e senza additivi.

    Comunque grazie, prendo nota per le future visioni trascendentali :)


    Adoro l'anticipatore hilliano di Non Aprite quella Porta (questo si davvero un cult!)


    Oddio Buio, è verooo! Mi sono sempre chiesto perché associo nella mia mente il clima di Spider Baby a quello feroce del film di Hooper: allora non sono proprio matto... o forse non sono solo :)
  • Discussione Buiomega71 • 16/10/13 21:34
    Pianificazione e progetti - 21749 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Rebis ebbe a dire:
    Di tutti ho visto solo Spider Baby, Schrammy, e devo confessare che mi aveva fatto quasi paura... e senza additivi.

    Comunque grazie, prendo nota per le future visioni trascendentali :)


    Adoro l'anticipatore hilliano di Non Aprite quella Porta (questo si davvero un cult!)


    Oddio Buio, è verooo! Mi sono sempre chiesto perché associo nella mia mente il clima di Spider Baby a quello feroce del film di Hooper: allora non sono proprio matto... o forse non sono solo :)


    Direi la seconda ipotesi. Visto che l'atmosfera di Spider Baby ha fatto respirare reminiscenze hooperiane pure a me :)
  • Discussione B. Legnani • 16/10/13 22:37
    Consigliere - 13720 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    buono, rebis, a questo punto vi consiglio il recupero di questi cine-aborti:

    l'uomo lupo sfida la camorra




    Ma è quello di Andolfi?
    Se sì, lo ho già visto. https://www.davinotti.com/film/la-croce-dalle-sette-pietre/2385
  • Discussione Zender • 5/02/17 09:32
    Consigliere - 43514 interventi
    Riporto qui il commento di Rufus, che può adattarsi a qualsiasi film di Ed Wood e riguarda un giudizio di fatto sull'autore. I commenti devon riguardare il film preso in analisi, le considerazioni sull'opera in generale dell'autore (che ovviamente va benissimo fare) inseriamiole nella discussione, lasciando anche ad altri la possibilità eventualmente di intervenire. Personalmente non capisco perché sia necessario esser presi dal demone dell'anticonformismo per giudicare esteticamente il film, ad ogni modo. Che ha come noto i suoi pregi nei suoi difetti.

    Contraddizioni, insensatezze, effetti allo sbando, dialoghi idioti, personaggi ridicoli. L'unico tratto comune a tali elementi è l'inettitudine; talmente crassa che può anche maturarsi una sorta di dolce compatimento per lo sgangherone americano. Un compatimento che, a volte, sublima in malinconica simpatia e, se si è presi dal demone dell'anticonformismo, addirittura in considerazione estetica. A mente fredda, tuttavia, il giudizio non può che essere uno: l'opera di Ed Wood rimane ostinatamente brutta; e irrecuperabile.
    Ultima modifica: 5/02/17 09:58 da Zender
  • Discussione B. Legnani • 5/02/17 11:16
    Consigliere - 13720 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Riporto qui il commento di Rufus, che può adattarsi a qualsiasi film di Ed Wood e riguarda un giudizio di fatto sull'autore. I commenti devon riguardare il film preso in analisi, le considerazioni sull'opera in generale dell'autore (che ovviamente va benissimo fare) inseriamiole nella discussione, lasciando anche ad altri la possibilità eventualmente di intervenire. Personalmente non capisco perché sia necessario esser presi dal demone dell'anticonformismo per giudicare esteticamente il film, ad ogni modo. Che ha come noto i suoi pregi nei suoi difetti.

    Contraddizioni, insensatezze, effetti allo sbando, dialoghi idioti, personaggi ridicoli. L'unico tratto comune a tali elementi è l'inettitudine; talmente crassa che può anche maturarsi una sorta di dolce compatimento per lo sgangherone americano. Un compatimento che, a volte, sublima in malinconica simpatia e, se si è presi dal demone dell'anticonformismo, addirittura in considerazione estetica. A mente fredda, tuttavia, il giudizio non può che essere uno: l'opera di Ed Wood rimane ostinatamente brutta; e irrecuperabile.


    Credo che Rufus intendesse "considerazione" con significato positivo: non "valutazione", ma "stima". Così, infatti, la frase acquisisce logica.
  • Discussione Zender • 5/02/17 14:48
    Consigliere - 43514 interventi
    Non so se intendesse quello ma non è un problema; non capisco comunque perché legare la cosa al "demone" dell'anticonformismo. Ormai - e da tempo - mi pare più conformista esaltare Wood che non farlo. E' semplicemente l'apprezzarlo per la sua capacità di far sorridere, qualità che altri "brutti" film non hanno. Perché poi è un "brutto" onesto, non studiato per esserlo come capita sempre più spesso. Tra l'altro rifuggirei dai giudizi "che non possono essere che quelli" e il caso in questione lo dimostra: Wood è già stato ampiamente recuperato, studiato e conservato, per motivi che direi non hanno a che fare coll'anticonformismo ma con la volontà di studiare un fenomeno diffuso nel cinema di cui Wood è diventato suo malgrado il simbolo.
  • Discussione B. Legnani • 5/02/17 14:52
    Consigliere - 13720 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Non so se intendesse quello ma non è un problema; non capisco comunque perché legare la cosa al "demone" dell'anticonformismo. Ormai - e da tempo - mi pare più conformista esaltare Wood che non farlo.

    Conformismo dell'anticonformismo...