LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 7/02/07 00:09 - 4717 commenti

I gusti di B. Legnani

Semplicemente bellissimo. Visto nel 1973 lo valutai, più o meno, come Fantozzi giudica La Corazzata. Rivisto dopo molto tempo, mi pare un grande, grandissimo film, disperata e disperante vicenda d'amore e di solitudine. Immensi Marlon Brando e Massimo Girotti. Azzeccata la Schneider. Straziante la scena davanti alla salma. Grande musica. Imperdibile.
MEMORABILE: Il pianto davanti alla salma.

Lele Emo 2/05/07 11:02 - 173 commenti

I gusti di Lele Emo

Film intellettualmente raffinatissimo e pregno di un intimismo straziante che normalmente è riconoscibile nel cinema d'autore francese e che Bertolucci, complici le ambientazioni, afferra a piene mani. L'immaturità disincantata della Schneider impatta violentemente con la chiusa e cupa intellettualità virile di Brando (in questa pellicola insuperabile e grandissimo). La triste solitudine è fondamentalmente il perno su cui ruota questa storia d'amore perfida e folle. Dovrò ripetermi per immolare Brando all'altare del mito.
MEMORABILE: La scena dell'entrata di Brando nell'appartamento

Lovejoy 10/03/08 15:28 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Per molti un capolavoro, per altri un film così così, per il sottoscritto un buon film ma niente di più. Colpa sopratutto di una storia che procede abbastanza lentamente, che si prende più tempo del dovuto, con personaggi ben studiati (anche troppo) e attori, Brando su tutti, che gigioneggiano alla grande. Almeno un paio di scene sono da ricordare: Il primo incontro tra i due protagonisti nella casa e quella, famigerata, del burro. Di gran lunga superiore Ultimo Tango A Zagarol, con un esplosivo Franco Franchi.

Il Gobbo 12/03/08 10:06 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Micidiale esempio della stupidità censoria, che ha consegnato all'immortalità una pizza indigesta come poche, ammuffita nella sua tetra, accademica dissacrazione da salottino, nel suo erotismo penitenziale e in ultima analisi sessuofobico, nelle sue lungaggini per fare tanto auteur. E, per di più, completamente inguardabile dopo la meticolosa demolizione operata da Nando Cicero. Il che ci fa pensare che almeno un merito - quello di aver ispirato quel capolavoro - il film di Bertolucci ce l'ha. Bellissimo soundtrack di Gato Barbieri.

Capannelle 30/04/08 17:33 - 3719 commenti

I gusti di Capannelle

Sì, un film pesante che lascia poco spazio alla godibilità, ma forse anche all'immaginazione. I dialoghi estenuanti, la pesantezza del personaggio di Marlon Brando (a volte riesce a fare il mistico, ma a volte appare spaesato), le storielle insipide che fanno da contorno. La scena del burro? Una delle maggiori esagerazioni della storia del cinema: inutile censurarla, inutile mitizzarla.

Undying 2/05/08 16:51 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Due grandi attori (Marlon Brando e Maria Schneider) affiancati da validi caratteristi (si riconosce, di sfuggita, pure Veronica -Mater "Tenebrarum"- Lazar) calcano un set ben costruito, allestito sulla vaghezza del contenuto, tenuto in piedi per via di un tema -per l'epoca- osé: che poi tutti han fatto, e nessuno ammette. Il burro è passato alla storia (ironia dell'insignificante) più del tema della solitudine e dell'amore come senso astratto di un sentimento, di fatto, cagionato dal piacere e puramente carnale. Cervellotico...

Onion1973 3/01/09 20:01 - 154 commenti

I gusti di Onion1973

Oggigiorno la fama di questo film è davvero incomprensibile, sicuramente debitore dell'alone mitico che la censura gli diede. Un imbolsito e stropicciato uomo di mezza età gode delle grazie di una giovane (e sprovveduta?) ventenne. Un film masturbatorio, che si prende veramente troppo sul serio, senza nessuna autoironia, mortalmente noioso, con dialoghi molesti e pretestuosamente intellettuali. Ma erano gli Anni Settanta e si capisce. La scena del burro, vista oggi, nell'epoca della pornografia su internet, è improponibile. Datata pruderia borghese.

Saintgifts 4/05/09 22:51 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Scene di sesso (siamo nel 1972) e sono queste, con l’aiuto della censura, che hanno fatto parlare dell’opera, più del discorso amore e dei rapporti uomo donna e società, che il film ha tentato di esplorare. Amare per possedere, o amare per amare? All’inizio vuol essere un rapporto speciale, quello dei due protagonisti, ma poi si rivela ugale a tanti altri: lui vuole lei e lei non vuole più lui. Un Brando con la solita maschera, con i soliti gesti, un vero attore. La scena più bella è quella della gara di tango, se si toglie il culo di Brando.

Cotola 25/02/10 23:51 - 7513 commenti

I gusti di Cotola

Quasi quarant’anni ma non li dimostra. La celebre pellicola di Bertolucci, superata la sua fama scandalosa, si mantiene ancora molto attuale sotto certi aspetti: in particolare quelli della solitudine umana e l’incomunicabilità dei propri sentimenti che non possono non portare ad altro finale che quello tragico. Splendida la regia, perfetti i due protagonisti, buona e funzionale la fotografia di Storaro, celeberrima e bellissima colonna sonora di Gato Barbieri.

Matalo! 13/06/10 12:14 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Ingustificata condanna al rogo per questo film, poi graziato da un provvedimento scavalcante. Detto questo, innegabile trombonata bertolucciana con momenti di alto sprezzo del ridicolo, due protagonisti tronfi nel loro rinchiudimento, ammantati dalla splendida luce di Storaro e dalla bella musica di Barbieri (all'epoca stigmatizzato). Non parliamo della parte cinema-veritè perché Leaud e la Schneider sono da pena di morte. Fascinoso ma risibile, all'epoca le signore ne parlavano sottovoce. Cinema scorreggione.
MEMORABILE: Vendetta fu fatta con Zagarol!

Pigro 21/09/10 14:28 - 7779 commenti

I gusti di Pigro

Visto la prima volta mi addormentai; rivisto (per precauzione in pieno giorno) mi sono solo annoiato. Pro: certe inquadrature pittoriche (i titoli di testa con Bacon sono l'indispensabile chiave per entrarci), certi simboli (il discorso sulla famiglia durante la sodomia), la volontà di raccontare le relazioni come incontri di solitudini sconfitte, un notevole Brando. Contro: la prolissità, le pietose scene metacinematografiche, la regia snob che gongola della sua tecnica e della sua intelligenza. Vanesio, estenuante, ma importante: non male.

R.f.e. 22/09/10 11:43 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Quasi quarant'anni... e li dimostra tutti, uno per uno! Invecchiato malissimo, oggi una storia del genere fa quasi ridere, anzi non se ne capisce il senso (credo che oggigiorno i giovani considerino il film quasi incomprensibile!). L'ho sempre trovato patetico e velleitario, come del resto il suo regista. Molto meglio, allora, la parodia con Franco Franchi. Oppure, una storia - almeno apparentemente - simile, la preferisco raccontata in maniera diversa, come farà negli anni '80 Adrian Lyne con il suo straordinario 9 settimane e 1/2.

Daidae 29/11/10 13:03 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Mi duole dare un giudizio ultranegativo per un film con l'immortale Brando, ma Ultimo tango a Parigi è noioso e incomprensibile, ha una immeritata fama di film cult che per fortuna si è affievolita nel corso degli anni. Film pomposo che ha l'unico pregio di portare in scena un grande attore e una bella attrice.
MEMORABILE: Il burro, tra l'altro idea del grande Brando.

Homesick 15/02/11 18:14 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Ripulita dalla pregiudizievole coltre scandalistica, l’opera di Bertolucci svela la tragedia di un animo sensibile, straziato dalla solitudine e dalla dolorosa percezione della precarietà dell’esistenza, che cerca l’illusorio stordimento in un erotismo barbaro e fetido vissuto sotto la campana di vetro di un semivuoto appartamento parigino. Straordinaria la forza comunicativa ed emotiva di Brando persino quando è ripreso di spalle o in penombra; regia magistrale ed estetizzante, immagini intrise delle luci calde e soffuse di Storaro e dello struggente commento sonoro di Barbieri. Funebre.
MEMORABILE: Il pianto sulla salma della moglie; il dialogo con Girotti; il chewingum.

Enzus79 10/04/11 10:21 - 1797 commenti

I gusti di Enzus79

Grande film firmato Bernardo Bertolucci (anche se per ritenerlo tale l'ho dovuto vedere una seconda volta). Storia sofisticata e impregnata di sentimenti che si alternano fra loro. Brando in uno dei suoi ruoli migliori. Belle le musiche e la fotografia di Storaro.

Buiomega71 15/09/11 10:18 - 2261 commenti

I gusti di Buiomega71

Per nulla erotico, ma pervaso perennemente da un fetore di morte e disperazione che pervade tutto il film. Capolavoro assoluto della maturità bertolucciana, con straordinari movimenti di macchina, ambienti claustrofobici e olezzanti (quasi polanskiani), squallore d'interni e di anime sole e dannate. Quell'ultimo tango grottesco nella sala da ballo (che richiama Il conformista), rimane un pezzo di cinema quasi unico. Ancor oggi attuale e devastante, per come descrive la solitudine e le miserie dei rapporti umani. Assoluto e da sapere a memoria.
MEMORABILE: Il topo morto trovato da Brando nel letto; Brando al capezzale della moglie Veronica Lazar; Brando sodomizzato dalla Schneider con il ditino.

Disorder 7/10/11 17:25 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Penso che all'epoca dovesse fare tutt'altro effetto vedere sullo schermo certe scene: Bertolucci non ha mezze misure, osa fino in fondo. Purtroppo la carica dirompente oggi è quasi completamente dissipata. Certo le grandi interpretazioni restano (ottimo Brando, perfetta la Schneider) così come la regia a sprazzi sublime, ma tutto intorno ci sono solo, perlopiù, vuoto e noia. Per quel che mi riguarda, quindi, un'opera non certo brutta ma grandemente sopravvalutata.

Von Leppe 12/01/12 18:30 - 1025 commenti

I gusti di Von Leppe

Il sogno erotico di qualcuno: incontrare una donna in un appartamento spoglio per avere una relazione basata solo sul sesso; protagonista un americano depresso, nella sua disperazione ribelle contro il mondo; quando poi si riavrà sarà la sua fine... Buon film, sicuramente importante; ci vedo cose che precedono Zulawski, come il modo di comportarsi dei due protagonisti, infantili e anarchici; e certe inquadrature. Debitore della Nouvelle vague, è ambientato in una Parigi triste. Alcuni momenti sfiorano il macabro.

Gugly 26/02/12 22:45 - 1015 commenti

I gusti di Gugly

Trombonata insostenibile o film straziante sulla solitudine degli individui? Un po' l'uno un po' l'altro, con l'aura di film maledetto donata da scene di sesso invero risibili per scandalo, solo tristi. Brando gigioneggia ma è immenso in una disperazione forse reale, la Schneider è giustamente svagata, sfrontata, spietata. Se la disperazione la si affronta consumando un sesso senza nomi, storie, scambi di pezzi di anima, allora la conclusione è univoca: un film sessuofobico, come indica l'assurdo cambio di marcia finale.
MEMORABILE: Il tango strambo, preludio alla tragedia.

Nancy 15/05/12 23:40 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Il film scandaloso di Bertolucci ormai ai nostri occhi è a tutti gli effetti ben poco scandaloso; così almeno abbiamo gli occhi scoperti e possiamo ben godere di tutte le bellezze qui presenti: la fotografia, le ambientazioni, i costumi, le musiche, i protagonisti in perfetta sintonia. Il regista si concentra talmente tanto sull'ambiente-appartamento che fuori da esso il film crolla (inutile Léaud e le digressioni sull'albergo di Brando) e annoia un po'. Ma quando torniamo lì tutto ridiventa magico, perfetto. Indubbiamente un alto livello di cinema.
MEMORABILE: Il primo amplesso; I nudi di Maria Schneider.

Mickes2 12/06/12 15:15 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Doloroso racconto di solitudini esistenziali. Diseguale ma densa indagine dei sentimenti, quelli congelati e intrappolati nel cuore, quelli non detti per paura di ritrovarsi ancor più soli. Lo scontro/incontro tra i sessi deflagra in morbosa e perversa sessualità, esorcizzando un lutto, elaborandolo in chiave sessuofobica. Eros e Thanatos a tratti persi tra le immagini estetizzanti e prolissi in snodi altrimenti risolvibili con minor minutaggio, l’opera rimane fulgida e partecipe quanto basta, ancora in grado di graffiare il cuore dello spettatore.
MEMORABILE: La sodomia ai "danni" di Brando.

Fauno 26/07/12 13:08 - 1916 commenti

I gusti di Fauno

Molto arduo per me commentarlo: lo potrei massacrare per gergo e volgarità gratuite pari a quelle degli attuali reality show, ma potrei rivalutarlo molto per via del bipolarismo di un uomo, vissuto, che fa patire non solo sesso estremo ma anche umiliazione totale a una ragazza la cui personalità è ancora in embrione. La genialità sta nel fatto che il protagonista condizionante il tutto non è in carne ed ossa e non si vede neanche: è un suicidio tanto inspiegabile quanto violento... Ottima la fotografia e le scene di sesso, così così gli esterni.
MEMORABILE: La descrizione del primo orgasmo provato da Jeanne. Non l'avevo mai letto né sentito eppure è stravero!!!

Bullseye 30/04/13 22:47 - 24 commenti

I gusti di Bullseye

Non è un film perfetto e non è il capolavoro di Bertolucci; ha i suoi momenti risibili, personaggi inutili (Leaud) e alcune ingenuità, eppure, magia del cinema, è un film bellissimo. Devastante, doloroso, disperato, lugubre, funereo ritratto sulla difficoltà di amare e sulla solitudine esistenziale. Il 90% del film praticamente lo fa Marlon Brando in una seduta psichiatrica su 35mm. Girotti appare poco ma aggiunge - tanto - valore alla storica pellicola. Colonna sonora di Gato Barbieri da antologia, la sua creazione migliore.
MEMORABILE: L'incontro di Brando con Girotti, da pelle d'oca.

Myvincent 4/09/13 07:27 - 2546 commenti

I gusti di Myvincent

Divisa fra un amore "cinematografico" e una folle passione erotica con uno sconosciuto uomo maturo, Jeanne non sa come barcamenarsi, confondendosi fra i mille dubbi dell'amore. Il film sembra compiacere più le ambizioni del regista che altro e ha qualche provocazione artificiosa, ma contiene delle pagine di grande cinema, regalando alla storia due indimenticabili interpreti. L'amore (il sesso) con i suoi misteri perde la sua attrattiva quando si disvela, lasciando che la verità quotidiana lo uccida.

Lady 9/04/14 16:19 - 54 commenti

I gusti di Lady

Struggente, dilaniante, dipinto cinematografico sulla disfatta esistenziale di un uomo, ormai maturo, che ha perduto tutto. Il fortuito incontro erotico con una giovane, confusa, sconosciuta in un appartamento vuoto, simbolica e illusoriamente salvifica uscita dal doloroso e insostenibile vissuto, scardinerà infine la sua lacerante e fino allora ineluttabile chiusura alla vita proprio nel momento in cui, fatalmente, sarà ormai troppo tardi per tutto. Tragicamente splendido.
MEMORABILE: L'"ultimo tango" con il suo crudo, patetico, straziante epilogo; La convulsa corsa finale di Paul verso Jeanne; La richiesta di Paul del nome a Jeanne.

Pinhead80 6/04/15 12:24 - 3942 commenti

I gusti di Pinhead80

Il film scandalo di Bertolucci rischia di essere ricordato solo per le scabrose scene di sesso che lo caratterizzano. Approfondendo la visione però, ciò che ho maggiormente apprezzato è la capacità del regista di fotografare la chiusura del rapporto sentimentale dei due protagonisti, l'asfissia del quale viene accentuata dalla chiusura nelle stanze della casa. Brando e la Schneider sono due corpi nudi che si penetrano senza che le loro anime si incontrino davvero. Un grande film.

Lythops 24/04/15 18:46 - 972 commenti

I gusti di Lythops

Difficile da recensire, da parlarne, da sostenere. Ottima l'idea delle disperate solitudini che si incontrano, la ribellione al convenzionale, la fotografia (ma non potrebbe essere altrimenti) e il rifiuto del teatro di posa. Contro la prolissità verbosa, il "tono" da lezione radical chic della serie "come un bravo intellettuale ti scandalizza un Paese", deprimente il sacrificio della Schneider nelle riprese che fu letteralmente violentata. Insomma bene e male, buono e cattivo, con un gran finale. Boh.

Samdalmas 23/09/16 16:58 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Eros e Thanatos alla Bertolucci in un appartamento parigino. Difficile dire cosa resta oggi del film-scandalo per eccellenza, invecchiato precocemente. Brando giganteggia con il cappotto cammello (verrà parodiato da Franchi), mentre Maria Schneider si dona anima e corpo al suo personaggio. L'unica cosa veramente erotica è lei. Notevoli le luci di Storaro e le musiche del compianto Gato Barbieri.

Lou 17/10/16 00:13 - 954 commenti

I gusti di Lou

Film mitizzato dalla critica e dalla censura, coraggioso e provocatorio. Al centro l'intenso ritratto di un uomo maturo in crisi, un Marlon Brando che domina la scena immerso in un disagio esistenziale che trova sfogo nella relazione sessuale istintiva e clandestina con una giovane sconosciuta. Le scene erotiche sono indubbiamente forti per i tempi, ma comunque coerenti con il quadro complessivo. Per il resto, molto simbolismo e autocompiacimento.

Paulaster 24/10/17 10:43 - 2773 commenti

I gusti di Paulaster

Americano di mezza età e giovane francese condividono una casa per i loro giochi erotici. Ritratto di una transizione da un mondo decadente al femminismo che sarà, diviene terreno cupo di amplessi senza gioia. Dal dialogo con la moglie morta fino alla sala da ballo, Bertolucci tende alla provocazione al limite del fastidioso e la chiusura perde ogni drammaticità. Brando fondamentale per la resa morbosa (e conseguente scandalo). Ottima fotografia, che regge tutte le scene girate in interni.
MEMORABILE: Brando piangente all’inizio sotto il ponte; Brando che lava la Schneider in piedi nella vasca.

Magi94 6/03/18 21:41 - 675 commenti

I gusti di Magi94

Che ci si trovi di fronte a un film importante e anche pregno di significato pare evidente, quindi solo **! può sembrare ingiusto. Il problema è che Bertolucci, non si capisce bene se per estasi della propria arte (che pure si fa ammirare!) o per eccesso d'autorialità, fallisce su un punto importante: creare interesse. Troppo spesso si perde il filo del film, se non per noia per vera e pura distrazione. Scene meravigliose si alternano a sprazzi di nulla, dialoghi brillanti ad altri solo sciocchi. Affascinante, ma molto altalenante.
MEMORABILE: "Olympia è un concentrato di virtù domestiche: fedele, molto economa e razzista".

Il Dandi 21/01/19 23:56 - 1764 commenti

I gusti di Il Dandi

Mitizzato oltremisura dalla condanna al rogo il titolo più celebre di Bertolucci è un film decadente, cupo, tetro, che trasuda morte da ogni fotogramma. Sorprende scoprire che anche le chiacchierate scene bollenti risultano in realtà gelide, improntate a un erotismo macabro e punitivo che solo Pasolini saprà superare. Pesano l'invadenza della musica, la vacuità delle parentesi meta-cinematografiche col fidanzato regista, la prolissità, le verbosità. Ma, come il dito che Brando si fa infilare, il fastidio alla lunga diventa piacevole.
MEMORABILE: "Lo faresti tutto questo per me?"; Lo sguaiatissimo tango ubriaco; Ma soprattutto: "Adesso voglio farti un discorso sulla famiglia..."

Ryo 26/03/20 18:58 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un film sconcertante che ti lascia con così tante domande senza risposta che devi scrivere metà della sceneggiatura nella tua testa per superare il trauma. Tutti i personaggi sembrano colti da follia, ci sono un sacco di momenti in cui le scene sembrano proseguire in maniera casuale. Ottimo lavoro di Marlon Brando che riesce a ottenere tantissime sfaccettature dal suo personaggio depresso e disturbato, mentre la co-protagonista riesce a essere credibile (ma il suo ruolo è semplice e finisce per sembrare una semplice musa funzionale alla trama).

Thedude94 22/04/20 00:27 - 557 commenti

I gusti di Thedude94

Opera suggestiva e rischiosa questa di Bertolucci, il quale grazie alle superbe interpretazioni di Brando e della Schneider ci regala emozioni e sana passione. Parigi è ripresa con grande maestria, la fotografia è illuminante per gli occhi e le scene (anche quelle più "scabrose") posseggono una capacità attrattiva che solo i grandi registi sanno dare a un film. Il mondo dentro quella casa così poco addobbata sembra essere così distante, ma in realtà è semplicemente lo specchio dell'umanità nascosta di ogni essere vivente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Buiomega71 • 23/06/14 10:09
    Pianificazione e progetti - 21885 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (21 settembre 1988, come da ricerche di Zender) di Ultimo Tango a Parigi:

  • Discussione Zender • 23/06/14 16:04
    Consigliere - 43497 interventi
    Qui dovresti allargare il foglio rosso o metterci anche qualcos'altro dietro, ti ha tagliato la parte sinistra. O centrare meglio il flanetto sotto al foglio rosso in modo che copra bene tutto il flanetto
    Ultima modifica: 23/06/14 16:04 da Zender
  • Discussione Buiomega71 • 23/06/14 16:13
    Pianificazione e progetti - 21885 interventi
    Più di così non posso fare (sai che i mie flanetti non sono ritagliati alla perfezione)

    Se non va bene cancella pure, no problem

  • Discussione Buiomega71 • 23/06/14 16:27
    Pianificazione e progetti - 21885 interventi
    Zendy, curiosità...Poi puoi cancellare il resto

    Grazie
  • Discussione Zender • 23/06/14 16:32
    Consigliere - 43497 interventi
    Sì sì stavo ancora finendo. Comunque se te lo richiedo è perché è evidente che il problema qui era dato dalla tua scannerizzazione. Col sistema del foglio rosso si capisce subito se il problema dipende dal flanetto o dalla scannerizzazione. Infatti la nuova scan andava benissimo.
  • Discussione Buiomega71 • 23/06/14 16:33
    Pianificazione e progetti - 21885 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Sì sì stavo ancora finendo. Comunque se te lo richiedo è perché è evidente che il problema qui era dato dalla tua scannerizzazione. Col sistema del foglio rosso si capisce subito se il problema dipende dal flanetto o dalla scannerizzazione. Infatti la nuova scan andava benissimo.

    Sì, ma alcuni flanetti sono ritagliati male, purtroppo...
  • Discussione Zender • 23/06/14 16:45
    Consigliere - 43497 interventi
    Sì lo so, volevo solo dire che con questo nuovo sistema capisco subito se il problema viene dal flanetto originale o dalla tua scannerizzazione. Se viene dalla tua scan ti chiedo di rifarlo.
  • Discussione Buiomega71 • 23/06/14 16:45
    Pianificazione e progetti - 21885 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Sì lo so, volevo solo dire che con questo nuovo sistema capisco subito se il problema viene dal flanetto originale o dalla tua scannerizzazione. Se viene dalla tua scan ti chiedo di rifarlo.

    Ok
  • Musiche Poppo • 4/04/16 23:56
    Galoppino - 421 interventi
    Segnalo la straordinaria somiglianza delle battute iniziali del celeberrimo tema di Gato Barbieri (morto ieri) con alcune sezioni della colonna sonora di Trevor Duncan nel corto La Jetée di Chris Marker: in particolare ascoltate la musica nella scena della visita al museo di scienze naturali.
    https://www.youtube.com/watch?v=9UvjBJknABw

    qui si sente ancora meglio
    https://www.youtube.com/watch?v=uLh3NqKvSMc
    Ultima modifica: 5/04/16 09:01 da Zender
  • Discussione Ruber • 4/05/18 21:23
    Compilatore d’emergenza - 8961 interventi
    Ritorna nei cinema in versione restaurata dal csc e dalla cineteca nazionale.

    http://www.tgcom24.mediaset.it/spettacolo/-ultimo-tango-a-parigi-torna-al-cinema-il-film-italiano-piu-visto-di-sempre_3137259-201802a.shtml