Point break - Punto di rottura

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Point Break
Anno: 1991
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Pointbreak - Punto di rottura".
Numero commenti presenti: 52
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Senza dubbio il capolavoro di Kathryn Bigelow (moglie di James Cameron, qui produttore del film), un action mozzafiato che coniuga la spettacolarità non tanto con i soliti inseguimenti tra auto infuocate o elicotteri che si schiantano quanto con l'emozione pura. Non ci sono effetti speciali costosi e incredibili, perché la Bigelow è riuscita a tenere un ritmo altissimo solo con la forza delle immagini e del montaggio. Potendo contare su due attori in stato di grazia (l'emergente Keanu Reeves e il valorizzatissimo Patrick Swayze), il film possiede una forza e una carica travolgenti, una tensione che cresce costante ed esplode in scene ad altissimo tasso adrenalinico. Il lungo inseguimento a due - a piedi - tra le villette e i giardini losangelini...Leggi tutto rappresenta da solo un esempio lampante dello straordinario talento della regista, girato con un'abilità e una perizia tecnica assolute. Da non sottovalutare poi l'uso perfetto della colonna sonora, ulteriore tassello che si incastona in un mosaico denso di sorprese. Indimenticabili i lanci paracadutistici nel vuoto, le riprese dei surfisti tra le onde, il finale commovente... Le figure dei due protagonisti (ma anche quella dell’agente FBI interpretato da Gary Busey) sono ricche di sfumature e la sorpresa di non riuscire a iscrivere nessuno dalla parte dei “cattivi” è ulteriore motivo d’interesse; testimonia la non superficialità di una sceneggiatura davvero ben scritta (pur se con qualche ingenuità di troppo) in cui è soprattutto il personaggio di Bodhi (Patrick Swayze) ad offrire le maggiori sorprese. Un action diverso, cui la mano femminile ha saputo dare un tocco felicemente distante dalla norma; un film che segue molti stereotipi hollywoodiani riuscendo però a sfruttarli a proprio vantaggio e convincendo appieno.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 14/02/07 15:46 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Allacciate le cinture di sicurezza perchè questo è un film che corre a mille all'ora con scariche continue di adrenalina! Dalle bellissime riprese dei surfisti fino alle riprese dei paracadutisti tutto il film non ha una pausa. E' un prodotto 100% a stelle e strisce, con Patrick Swayze a interpretare una specie di guru che fa del surf e di tutto ciò che dispensa emozioni estreme la sua ragione di vita. Nel finale bellissima la ripresa di un'onda impressionante. Non adatto agli stressati.

Sibenik 4/08/07 11:49 - 90 commenti

I gusti di Sibenik

Grandissima pellicola soprattutto dal punto di vista emotivo. Costruita con sapienza, riesce a creare due rapporti distinti tra i protagonisti, il poliziotto Utah ed il surfista Bodhi: da una parte la lotta tra la legge e l'illegalità, dall'altra l'amicizia tra un neofita del surf ed un maestro che vuole andare a cavalcare l'onda perfetta. Un film da vedere anche per chi non fosse appassionato del genere: di certo, le possibilità di annoiarsi sono poche.
MEMORABILE: L'incrocio tra lo sguardo di Utah e quello di Bodhi dopo un incredibile inseguimento a piedi, con il primo che sceglie di non fare fuoco.

Galbo 29/11/07 16:58 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Buon film in cui la regista Bigelow è riuscita a raffigurare cinematograficamente il sogno di libertà e di anarchia tipico dell'età giovanile. La storia dell'agente infiltrato nel gruppo di surfisti/rapinatori californiani è stato girato in modo adrenalinico ma non banale sempre tenendo d'occhio una filosofia giovanilistica; chiave del film il rapporto tra i due protagonisti ben interpretati da Reeves e Swayze. Bella la fotografia e ben girate le scene di surf. Da vedere dopo Un mercoledì da leoni.

Redeyes 21/01/08 10:28 - 2148 commenti

I gusti di Redeyes

Sembra quasi di esser con loro a cavalcare le onde e a sfidare la forza di gravità. Più che dalla trama, peraltro nient'affatto male, sono rimasto affascinato dal potere adrenalinico e suggestivo di certe riprese. Swayze è devastante! La scena finale con Bodhi che affronta l'onda perfetta è la sfida delle sfide! Alcune scene sono entrate nel collettivo comune (vedi i rapinatori presidenti, ripresi dai Manetti Bros. di "L'esercito del surf"). Cammeo di Antony Kiedis. Assolutamente imperdibile!
MEMORABILE: La scena finale.

Caesars 3/04/08 14:26 - 2729 commenti

I gusti di Caesars

Personalmente non amo molto questo film, anche se devo ammettere che è ben girato e ha delle scene davvero spettacolari. Sarà che l'action movie non mi ha mai entusiasmato, sarà che la storia non mi pare dica granchè di originale, sarà che non provo grande simpatia per gli attori principali, sarà che in certe scene mi sembra fare il verso a Un mercoledì da leoni... ma a me pare vedibile e nulla più. Doveroso però dire che sicuramente un brutto film non è.

Capannelle 24/04/08 13:39 - 3732 commenti

I gusti di Capannelle

Un buon avventura/thriller, ritmo alto, dialoghi e atmosfere degni di nota (ma all'inizio Reeves che fa lo sborone coi colleghi poliziotti è ridicolo) e uno Schwayze notevole. Azzeccato il confronto/scontro tra i due protagonisti (la spiaggia, il lancio in paracadute, la rapina), ininfluente e abbastanza banale invece la parte poliziesca.

Cangaceiro 25/09/08 20:33 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

La banda degli ex-Presidenti rapinatori di banche è una delle migliori trovate del cinema anni '90. Attorno a questo spunto l'ormai ex signora Cameron costruisce un action-movie pirotecnico, frenetico e adrenalinico, grazie a una regia molto dinamica. I due protagonisti, aiutati da uno spiccato physique du role, interpretano egregiamente le loro parti, anche se Swayze guru dei surfisti coi suoi discorsi filosofici a volte fa sorridere. Si vede anche Anthony Kiedis, frontman dei Red Hot Chili Peppers.
MEMORABILE: L'irruzione in casa dei surfisti spacciatori, l'inseguimento tra Bodhi e Johnny, il lancio col paracadute.

Pigro 30/09/08 09:16 - 7831 commenti

I gusti di Pigro

Poliziotto si inflitra tra alcuni surfisti che rapinano banche mascherati da ex presidenti Usa. Film adrenalinico che miscela l'azione delle rapine e degli inseguimenti con riprese spettacolari di surf o paracadutismo acrobatico. La narrazione è minimale e tutto sommato secondaria: il vero cuore è l'esaltazione di un anarchico vitalismo dalle connotazioni ambigue. Un buon lavoro della regista più ansiogena della storia del cinema, godibile se ci si accontenta di una buona confezione senza troppo contenuto.

Ciavazzaro 17/01/09 14:39 - 4765 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Della qualità va riconosciuta alla pellicola, ma senza esagerare. Il fascino del male assale il poliziotto Reeves che sta indagando su una gang di surfisti rapinatori, sentendosi sempre più legato a loro. Il film viene rappresentato in certi momenti con tocchi un po' troppo retorici (il finale un po' improbabile, devo dire). Bravi Reeves e Schwayze.

Daniela 20/01/09 17:52 - 9530 commenti

I gusti di Daniela

Uno dei migliori film d'azione degli anni novanta, con una sceneggiatura intrigante per la labilità del confine bene/male (sia pure con qualche forzatura), una coppia maschile di amici/nemici molto affascinante (Keanu Reeves allora prometteva bene, Patrick Swayze non avrebbe più avuto una occasione simile), comprimari azzeccati (sempre grande Gary Busey, che viene dritto da Un mercoledì da leoni) e una bella serie di sequenze girate con ritmo eccellente. Finale forse poco plausibile ma molto romantico. Punto debole la figura femminile.
MEMORABILE: I rapinatori mascherati con le facce dei presidenti, il volo senza paracadute, l'ultima onda.

Ammiraglio 19/01/09 08:09 - 150 commenti

I gusti di Ammiraglio

Un film che avrebbe potuto essere molto vicino alla perfezione... se non fosse stato per Keanu Reeves (totalmente incapace ed inetto a recitare). Davvero una delle peggiori performance mai viste. Forse uno dei pochi film che è meglio vedere doppiato in italiano, piuttosto che sorbirsi quell'"attore". Per il resto è ovviamente un grande film d'azione che, mescolandosi con il "mondo" del surf e più in generale della gioventù californiana, riesce ad affascinare il pubblico da quasi 20 anni.

Tomslick 7/02/09 18:43 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Spunto di partenza molto originale che serve da mero pretesto per dar vita a un film che è ormai divenuto uno dei termini di paragone nell'action. Lasciamo pur perdere gli attori, niente più che fighetti in cui conta molto più la figura che la bravura; lasciamo pur perdere i dialoghi, con battute pseudo-filosofiche qua e macho-sboccate là. Prendiamoci piuttosto le clamorose scene d'azione, dirette con grandissima mano dalla Bigelow, in tale campo vera maestra. Che l'adrenalina scorra a fiumi.

Tarabas 4/10/09 11:06 - 1706 commenti

I gusti di Tarabas

Chi sono i geniali rapinatori di banche travestiti da ex-presidenti, che agiscono solo d'estate e poi scompaiono? Per l'agente Pappas sono surfisti, così infiltra il suo collega Johnny Utah in un gruppo guidato dal carismatico Bodhi. Strepitoso esempio di cinema spettacolare, ancora oggi stupisce per la qualità delle riprese e per l'originalità dello spunto. I personaggi, soprattutto quello di Swayze, sono azzeccatissimi e il mondo dei surfisti, tribù a parte con regole e miti propri, è l'ambiente ideale per la storia.

Daidae 6/10/09 01:13 - 2749 commenti

I gusti di Daidae

Discreto, ma molto sopravvalutato. Piace la voglia di libertà che anima i surfisti-rapinatori, bellissima la trovata di usare maschere di politici per le rapine (tra l'altro è un fatto realmente accaduto). Buona la prova di Patrick Swaize e Reeves. Piacevole.

Luckyboy65 18/10/10 23:23 - 144 commenti

I gusti di Luckyboy65

Non amo la Bigelow ma devo ammettere che i suoi film sono belli da vedere. Questo è stato, prima che un film d'azione, un cult per giovani sognatori romantici, vero inno all'amicizia. Dal punti di vista registico dimostra come l'uso del montaggio frenetico alternato ai piani sequenza possa essere più efficace di milioni di dollari di effetti speciali e davvero tiene incollati alla poltrona senza respiro per quasi tutta la durata. Unico neo, Keanu Reeves troppo bello per essere vero: all'epoca tutti speravamo che potesse imparare a recitare.

Rebis 1/02/11 17:08 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Dalla comunità nomade dei vampiri cowboy, a quella criminale dei surfisti oceanici: sedotta dalla cultura rituale dei piccoli gruppi umani (auto)relegati ai margini della società, Bigelow imbraccia la telecamera a mano e monta un film d'azione adrenalinico ed esasperato, carico d'implicazioni sociali e ideologiche. L'ampio uso della soggettiva, oltre a catapultare lo spettatore nell'azione pura, restituisce lo sguardo sbigottito del novizio che si approssima ai misteri iniziatici. Il senso di muto struggimento nel finale - già di suo memorabile - è stato amplificato dalla morte di Swayze.

Belfagor 3/02/11 12:13 - 2625 commenti

I gusti di Belfagor

Con un entusiasmo non comune, la Bigelow imbraccia la telecamera e, fra sequenze effervescenti e un montaggio frenetico, più che una pellicola d'azione filma lo studio di un microcosmo dominato dal cromosoma Y. Il suo interesse per l'universo maschile si riversa in uno stile registico dall'elevato tasso di adrenalina. Facile da etichettare come esagerazione, è invece indice di un entusiasmo quasi ingenuo. Un film vertiginoso, un autentico fuoco d'artificio.
MEMORABILE: Le impressionanti onde nel finale.

Jcvd 1/03/11 22:12 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Uno dei tanti capolavori del genere. La sfida/amicizia tra Keanu Reeves e Patrick Swayze è davvero avvincente, così come le sequenze da infiltrato e le varie rapine. Indimenticabile poi il finale, uno dei migliori di sempre... Assolutamente e caldamente consigliato, nonostante agli occhi di un ragazzo d'oggi possa apparire un film datato.
MEMORABILE: L'onda perfetta finale.

Matalo! 14/03/11 19:28 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Qualcuno dirà prima o poi che questo film è anche ridicolo? Che la volontà di potenza bigelowiana è puerile? Che abbiamo già visto Un mercoledì da leoni e può bastare? Detto questo il film ha ovviamente dei buoni momenti di tensione, non solo surfistici (bella la sequenza dell'assalto alla casa "sbagliata"), ma i duetti tra i protagonisti (oltre alle solite ovvietà criptogay) san di Nietzsche da Bignami e una costante confusione regna sovrana. Mostrare i muscoli non è essere forti. Passabile e sopravvalutato.

Cotola 10/05/11 23:16 - 7564 commenti

I gusti di Cotola

Dopo il deludente Blue Steel, la Bigelow torna ad esprimere appieno il suo talento (già visto in Il buio si avvicina) in un robusto thriller corroborato da scene d’azione magnificamente girate. Ritmo e tensione sono quelli giusti e si mantengono alti per tutto il tempo; la regia è eccellente (e purtroppo la regista non si ripeterà facilmente a questi livelli); gli attori non sono mai stati così bravi ed in parte. Ottime anche le scene di surf, ma non paragonatele a quelle leonine di Milius.

Siregon 8/07/11 19:23 - 353 commenti

I gusti di Siregon

Il miglior film di Kathrin Bigelow, la miglior prova di Reeves qui al suo top e un'indimenticabile interpretazione di Swayze ci regalano uno degli action più particolari degli anni 90. Certo i dialoghi a volta sono davvero imbarazzanti, tutti machismo e pacchianate, ma la filosofia della pellicola è tutta nelle immagini e nelle scene d'azione.

124c 11/07/11 17:17 - 2775 commenti

I gusti di 124c

Film che diede una popolarità grandissima sia alla regista, Kathryn Bigelow, che all'attore che impersona il poliziotto buono, Keanu Reeves. Poliziesco da spiaggia, con una fotografia che ricorda quella di Tony Scott, ha il pregio di rendere simpatici anche i rapinatori surfisti. Nessuno si ricorda (a torto) di Lory Petty (la ragazza che insegna surf a Reeves), ma a tutti non sarà sfuggito l'ironico poliziotto di Gary Busey. Quanto al bravo Patrick Swayze, questo è il suo più grande ultimo successo cinematografico. Tre.

Luchi78 5/12/11 15:44 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Un capolavoro del genere action, secondo me assimilabile a Un mercoledì da leoni solo fino ad un certo punto. Nel film, diretto in modo egregio dalla Bigelow, l'azione la fa da padrone in modo totale, si esalta nelle scene di inseguimento, sulle onde e nei lanci paracadutistici, elevando a ruolo un po' più impegnato solo il surfista-filosofo Patrick Swayze. Reeves fa la sua parte ma conduce un personaggio quasi d'appoggio, cadendo a volte nello scontato. Comunque un cult.

Mickes2 5/01/12 19:27 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Buona regia questa della Bigelow, sia dal punto di vista tecnico che per quanto riguarda la storia, in cui sa ben miscelare più registri narrativi senza andare fuori binario. Trova i meriti maggiori nelle scene tutte azione e adrenalina, tra rapine in banca al fulmicotone e accattivanti e funamboliche sequenze tra le onde dell’oceano. La sceneggiatura convince ed è caratterizzata da risvolti interessanti: amicizia, indagine poliziesca, bene e male si scontrano e si fondono ottimamente tenendo sempre alta la capacità di interessare lo spettatore.

Coyote 14/01/12 12:44 - 185 commenti

I gusti di Coyote

Grande film d'azione e grande prova degli attori alle prese con evoluzioni sportive spettacolari. La fotografia regge il confronto con il grande precedessore surfistico Un mercoledì da leoni (con cui condivide la presenza di Gary Busey) e curiosamente anche in questo caso un tema di fondo è l'amicizia virile. Chiaramente però, Point break ha un taglio molto diverso e in particolare punta molto sul ritmo e sull'azione. L'unica pecca sono i dialoghi, che in molti casi sembrano un po' tagliati con l'accetta.

Piero68 23/01/12 13:35 - 2768 commenti

I gusti di Piero68

Nonostante i suoi 20 anni rimane a tutt'oggi uno dei pochi film adrenalinici inarrivati ed inarrivabili. Merito di un cast artistico in stato di grazia (Bigelow, Reeves e Swayze) ma anche di una sceneggiatura pressocchè perfetta che funziona in ogni singolo istante del film. Grande merito anche alle seconde linee (Busey, McGinley...) anche loro sempre in parte. Ma se alcune scene sono memorabili è anche per un ottimo Don Peterman, direttore della fotografia di lungo corso. L'inseguimento a piedi tra le ville è da antologia. Malissimo i dialoghi.

Nando 26/01/12 16:51 - 3486 commenti

I gusti di Nando

Un thriller poliziesco valentemente adrenalinico in cui emerge il desiderio anarcolibertario di un gruppo di organizzati rapinatori capitanati da un carismatico Swayze, contrapposti da un detective atletico, il monocorde Reeves. Le acrobazie surfistiche si inframmezzano alla vicenda in maniera spettacolare.

Pinhead80 25/01/12 11:53 - 3970 commenti

I gusti di Pinhead80

Un film tutto adrenalina questo della Bigelow che riesce ad appassionare mantenendo sempre un ritmo dell'azione veramente molto elevato. Una delle cose migliore è sicuramente l'accostamento tre legge/fuorilegge e l'aver reso alla pefezione i sentimenti dei protagonosti (soprattutto del duo Reeves/Swayze, con il primo maledettamente attratto dall'attività del secondo). Dinamico e suggestive anche le location.
MEMORABILE: La rapina con le maschere dei presidenti americani è nell'immaginario di molti cinefili.

Giacomovie 4/02/12 09:54 - 1352 commenti

I gusti di Giacomovie

Affascinante film che propone una miscela di avventura, sentimenti, azione e spionaggio in un contesto di bellissimi scenari. Il surf è uno sport che attrae, le scene acquatiche sono qualcosa di meraviglioso, ma il film va oltre, trasmettendo adrenalina e coinvolgimento e fa anche riflettere su certe tematiche esistenziali. Keanu Reeves è ottimo in un ruolo vigoroso e Patrick Swayze dà carisma al suo personaggio. Un film completo nel suo genere, piacevole, avvincente e teso, senza momenti monotoni e con una grande forza visiva. ****

Lucius 21/04/12 18:39 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Grandiosa pellicola che lasciava già intuire le doti registiche di una vera professionista della macchina da presa: Kathryn Bigelow. Un concentrato di passione, azione e avventura ai limiti di noi stessi. Una banda di rapinatori ha preso di mira le banche di Los Angeles; dietro non c'è solo preparazione e tecnica, ma un vero e proprio stile di vita, per accedere al quale bisogna avere i codici giusti e saper rischiare. Caratterizzato da una regia in movimento e da un montaggio frammentato. Tra la morte e il mare... l'Amore. Memorabile.

Giùan 2/07/12 22:01 - 3017 commenti

I gusti di Giùan

La precipuità di Point break, ciò che ne fa uno dei pochi movie contemporanei a non usurpare il titolo di cult, sta nell'adrenalinica abilità della Bigelow di creare un fumettone zen-surf, i cui riferimenti son tutti fruibili dal pubblico medio eppure declinabli poi singolarmente. Americano al 100%, sostituisce alla natura evocativo-contemplativa del suo referente diretto (Un mercoledì da leoni), la potenza generatrice del cinema. Swayze e Reeves all'occasione della vita ma è Gary Busey a regalar lucciconi renendosi indimenticabile. Un film che fa le onde.

Saintgifts 9/08/12 23:50 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Si ha la forte impressione che il film sia artatamente e inverosibilmente "pompato" con l'unico scopo di tenere lo spettatore sotto pressione (oltretutto non sempre ci riesce). La storia fatica molto a stare in piedi e il messaggio che ne esce è oltremodo ambiguo. Le scene d'azione hanno un loro valore ma non bastano, ci si sente spesso in imbarazzo per come sono cucite nel contesto, forzature che aumentano la sensazione di posticcio. Gli interpreti principali aiutano molto, sono convincenti e sembrano credere in quello che fanno. Mediocre.

Didda23 10/06/13 20:44 - 2288 commenti

I gusti di Didda23

Salta subito all'occhio una costruzione certosina dell'immagine che permette alla Bigelow di girare una multitudine di scene action dall'alto tasso adrenalinico; poi, scavando in profondità, si apprezza una brillante analisi del rapporto fra il guru Swayze e l'infiltrato Reeves, che genera imprevedibilità al plot ed emozione lancinante nello spettatore. Pochi i momenti di fiacca, per uno dei film simbolo dei meravigliosi anni 90. Nel finale è impossibile trattenere la commozione. Piccola parte per il frontman dei Red Hot Chili Peppers.

Maxx g 26/09/13 17:12 - 492 commenti

I gusti di Maxx g

Giallo poliziesco con lo sfondo del surf per Kathryn Bigelow, subito dopo Blue Steel (da noi mai distribuito al cinema e uscito solo in vhs nel '93). Un film ben riuscito, che toglie a Swayze (con nuovo look) l'etichetta di "bravo ragazzo" acquisita con Dirty dancing. Da non dimenticare il raid dei ladri mascherati da presidenti e il lancio con il paracadute. Peccato per la recitazione un po' impacciata di Reeves (Busey funziona però) e per un finale non troppo convincente. Comunque è da vedere.

Rambo90 18/11/13 18:56 - 6400 commenti

I gusti di Rambo90

Action thriller dell'esperta Bigelow, forse a tutt'oggi ancora il suo film più intrigante e riuscito. La trama è abbastanza semplice ma sa sviluppare al meglio le psicologie dei due protagonisti e il loro rapporto (copiato spudoratamente nel primo Fast & furious). Reeves se la cava, ma gli rubano la scena uno spettacolare Patrick Swyaze e il simpatico Busey. Grandi scene action fra inseguimenti e paracadutismo.

Furetto60 13/12/13 10:58 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Prima che un thriller è un film dai sentimenti forti, forse difficili da comprendere per chi non abbia la passione per il surf, uno degli sport più pericolosi ma anche più affascinanti. E’ reso bene il dilemma del poliziotto infiltrato che si macera tra il proprio dovere e l’indubbio fascino promanato dal capo dei surfisti svaligiatori di banche, grazie a una sceneggiatura che riesce a proporre un dosato mix tra action ed etica.
MEMORABILE: Il lancio col paracadute; L’ultima onda.

Xamini 27/07/14 00:18 - 1021 commenti

I gusti di Xamini

Non è solo questione di onde nell'oceano. È questione di significati dell'esistenza, di quotidiano deambulare in gabbie di metallo e aneliti di libertà. Reeves e Swayze interpretano i due lati di una medesima intangibile medaglia e li interpretano bene. Condotti da una regia che trasuda adrenalina, giocano ad attirare lo spettatore ciascuno al proprio lato. Sino a quando a travolgerli sarà una forza superiore.
MEMORABILE: Le prime inquadrature, l'inseguimento tra le villette, il secondo salto, il finale.

Ultimo 2/09/14 19:07 - 1370 commenti

I gusti di Ultimo

Un cult anni 90 che segna la definitiva consacrazione di Keanu Reeves, poliziotto infiltrato in una banda di rapinatori-surfisti. Tutto funziona perfettamente, a partire dall'ottima intesa che si instaura tra il già citato Reeves e il compianto Patrick Swayze. Tra loro si crea un legame di amicizia-rivalità che può considerarsi la colonna portante di tutto il film. Per chi ama l'azione pura non mancano scene di scontri a fuoco. Davvero tanta roba.

Alex1988 7/03/15 19:49 - 659 commenti

I gusti di Alex1988

Grande film d'azione della regista più tosta di Hollywood. Più incentrato, forse, sul rapporto tra i protagonisti che sulla semplice storia (poliziotto infiltrato in una banda di rapinatori), il film rimane impresso sia per le scene di inseguimento e sparatorie che lasciano senza fiato, ma anche per le imprese surfiste e di paracadutismo. Nota di merito: privo di effettacci speciali, ai quali siamo fin troppo abituati.

Nicola81 3/05/15 21:20 - 1981 commenti

I gusti di Nicola81

Regista talentuosa ma discontinua, la Bigelow firma il suo film più acclamato che, grazie all'elemento surf, si segnala come uno degli action più originali prodotti a Hollywood. La regia rasenta la perfezione (solo nei lanci con il paracadute si è francamente esagerato), la fotografia è splendida, il ritmo serrato, i personaggi ben caratterizzati, la storia appassiona. Reeves sempre poco espressivo; bravi invece Swayze, Busey e McGinley, discreta la Petty. Finale al tempo stesso amaro e buonista.
MEMORABILE: L'appostamento con successiva sparatoria; L'inseguimento che inizia in auto e prosegue a piedi; La sanguinosa rapina; Il finale.

Disorder 4/09/15 17:11 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Con tutto il rispetto per l'Academy (che si deciderà a premiarla solo nel 2010 per il noiosissimo The hurt locker), questo è il vero capolavoro della Bigelow, nonché uno degli action più belli e incisivi del decennio. Ma oltre all'azione c'è di più: Bodhi e i suoi sono una sorta di setta neo-hippie, in lotta aperta contro la società borghese, che derubano e sbeffeggiano per alimentare il loro personale concetto di libertà. Straordinarie alcune inquadrature e movimenti di macchina per un film iper-adrenalinico e ancora oggi mozzafiato.
MEMORABILE: Le natiche mostrate alla telecamera dopo la rapina in banca (simbolico gesto di disprezzo verso la società borghese); Il salto senza paracadute.

Almicione 22/09/15 03:18 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Il modo in cui iniziano le indagini è alquanto ridicolo, ma se si tralascia qualche stupidaggine di questo tipo e la terribile interpretazione di Reeves si può anche godere il film. La Bigelow dimostra di saperci fare con la macchina da presa e gira qualche notevole sequenza come quella dell'ultima rapina. Si notano stereotipi caratteristici del genere e passi scontati, ma anche una buona intraprendenza di cui il cinema sembra aver bisogno negli ultimi tempi. Non un capolavoro, ma godibile.
MEMORABILE: Le straordinarie maschere (le ho adorate!); Il lungo inseguimento a piedi.

Minitina80 5/01/16 09:35 - 2364 commenti

I gusti di Minitina80

Si discosta dal solito film d’azione, pur mantenendo intatte le fonti di ispirazione e senza rinunciare alla qualità. La psicologia dei personaggi non è lasciata al caso e forse è uno degli elementi chiave di una pellicola che vanta anche una certa spettacolarità nelle immagini. Avvincente sia nella parte prettamente investigativa che nella filosofia di fondo che anima la banda degli ex-presidenti. Grande prova della Bigelow che firma il suo capolavoro.

Parsifal68 2/02/16 14:08 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Un gruppo di surfisti della west coast è in realtà anche una banda di rapinatori seriali che imperversa tra le banche di Los Angeles indossando maschere dei presidenti americani. Un poliziotto si insinua tra di loro e ne rimane affascinato. Grazie a scene mozzafiato di inseguimenti, sparatorie ed evoluzioni surfistiche e la presenza di due notevoli sex symbol come Reeves e Swayze, il film è diventato un cult per il suo potente messaggio di libertà e di ribellione. La sceneggiatura non è supportata da dialoghi memorabili ma il film è da vedere.

Bruce 12/04/16 09:36 - 1005 commenti

I gusti di Bruce

Un inno al vivere al massimo, costantemente alla ricerca dell'onda perfetta, dell'emozione vera e intensa, dove il bene e il male sono concetti relativi e contano invece l'amicizia, l'affinità, la stima, la parola data, il coraggio e l'empatia. La Bigelow realizza il suo miglior film, con sequenze d'azione emozionanti e adrenaliniche che hanno fatto epoca. I due attori protagonisti offrono la loro interpretazione più intensa e memorabile. Bellissimo!

Fabbiu 20/04/16 08:49 - 1950 commenti

I gusti di Fabbiu

Molto buono questo film d'azione che mescola abilmente, grazie a una solida sceneggiatura, climi action-polizieschi alla filosofia surfista; forse verso quest'ultima gioca un po' troppo con gli stereotipi, ma a un film di inizio anni 90 lo si concede. Sono diverse le sequenze coinvolgenti e riuscite, dal surf agli inseguimenti urbani, dagli scontri e sparatorie ai lanci con il paracadute. Il bravo protagonista Keanu Reeeves è azzeccatissimo, notevoli anche i comprimari. Un bel film d'azione che intrattiene e non esagera mai, da riscoprire.

Viccrowley 21/03/18 22:50 - 803 commenti

I gusti di Viccrowley

Punto di svolta nel concetto di action ad alto tasso testosteronico, il film della Bigelow ne sdogana il grande talento narrativo, che gli appassionati le avevano già riconosciuto col gioiello Il buio si avvicina. Le immagini scorrono patinate, ma mai fini a sè stesse e il tema del surf come metafora di vita, già sviscerato da Milius nel seminale Mercoledì da leoni, assume toni meno elegiaci ma comunque densi di significato. Alcuni personaggi e situazioni restano incompiute, ma raggiungono il risultato di portare a schermo 120 minuti di adrenalina pura.
MEMORABILE: "Se vuoi il massimo, devi essere pronto a dare il massimo".

Thedude94 6/07/17 17:02 - 590 commenti

I gusti di Thedude94

Due eroi uomini contrapposti, uno al servizio dell'FBI (Reeves), l'altro surfista convinto delle sue idee (Swayze), che forse hanno molte cose in comune. I colori di Los Angeles fanno da sfondo a un action movie egregiamente diretto dalla Bigelow, che riprende alla grande sia i momenti di tensione sia le surfate. I conflitti interiori di ogni personaggio sono ben trasmessi dalle ottime prove attoriali, che risultano davvero convincenti, in particolare Reeves. Un culto dell'azione, abbastanza originale e a tratti introspettivo. Gran bel film.

Paulaster 8/06/17 10:19 - 2831 commenti

I gusti di Paulaster

Infiltrato della polizia dà la caccia a surfisti rapinatori. Action movie girato con ottima padronanza dalla Bigelow che si districa tra crimini, inseguimenti, onde e paracaduti. Una varietà di scene nelle quali in fondo viene affrontato un discorso filosofico su come interpretare la vita. Prefinale che eccede con l'adrenalina e che sconta la debolissima storia d'amore. Swayze al suo meglio, Busey ha mestiere e Reeves è lì per bellezza.
MEMORABILE: Le onde finali.

Vito 2/04/18 19:37 - 662 commenti

I gusti di Vito

Adrenalinico e avvincente. Il film di Kathryn Bigelow a distanza di venticinque anni riesce ancora a colpire e a stupire lo spettatore tenendolo letteralmente incollato alla poltrona. Sceneggiatura perfetta, ritmo serrato, taglio registico modernissimo, scene di surf e paracadutismo sbalorditive. Ottimi Reeves, Swayze e Busey. Un vero cult da isola deserta.

Rocchiola 15/07/19 17:16 - 873 commenti

I gusti di Rocchiola

Surfisti amanti degli sport estremi rapinano banche mascherati da ex-presidenti. Poliziesco adrenalinico salutato all’epoca come uno dei capisaldi del nuovo cinema d’azione americano. In un film del genere il rischio è quello di strafare, ma la Bigelow riesce a mostrare le proprie doti tecniche limitando le sequenze esagerate come il lancio nel vuoto senza paracadute, concentrandosi su una trama heist abbastanza classica. Reeves nei panni del macho rampante è alquanto antipatico; meglio l’anziano e disilluso Busey e un filosofico Swayze.
MEMORABILE: L'assalto alla casa dei presunti rapinatori; Il poliziotto infiltrato interpretato Tom Sizemore; L'inseguimento a piedi; L'uccisione di Angelo.

Camibella 9/08/20 23:51 - 148 commenti

I gusti di Camibella

Un agente speciale si infiltra in una banda di surfisti che si finanzia con cruente rapine in banca mascherati da presidenti degli Stati Uniti. Cult degli anni '90 più per merito degli attraenti protagonisti che per l'effettiva qualità del film. Interessante l'idea del mascheramento e sicuramente vincente la scelta del surf come sport generatore di testosterone a profusione, ma tutto è girato con una tecnica che si avvicina più a quella di un videoclip.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Samuel1979 • 4/09/12 00:41
    Call center Davinotti - 2953 interventi
    Durante la festa organizzata da Bodhi (Swayze), viene trasmesso il brano di Jimi Hendrix "If 6 was 9"
    Ultima modifica: 4/09/12 01:01 da Samuel1979
  • Curiosità Kanon • 4/07/13 14:18
    Fotocopista - 813 interventi
    Johnny Utah (il personaggio di Keanu Reeves) è chiaramente ispirato a Johnny Unitas, uno dei più grandi quarterback nella storia della NFL (National Football League). Anche Utah, nel film, è un ex quarterback.
    In un simpatico in-joke, Gary Busey si lamenta appunto dicendo "And on top of that, they got me babysitting some quarterback punk, named Johnny Unitas or something".
  • Discussione Ruber • 9/08/14 18:29
    Compilatore d’emergenza - 8998 interventi
    Stanno girando il sequel alcune scene le girano in Puglia:

    http://www.surfcorner.it/2014/08/08/point-break-2-si-gira-in-puglia/
    Ultima modifica: 9/08/14 18:34 da Ruber
  • Homevideo Rocchiola • 15/07/19 17:19
    Call center Davinotti - 1143 interventi
    Ottimo prodotto con video d'altissima qualità e buon audio italiano in dolby digital 2.0. Il formato è quello panoramico esteso corretto di 2.35 e non 1.85 come erroneamente indicato sul reto copertina del DVD.
  • Homevideo Rebis • 15/07/19 21:24
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Rocchiola di questo BR ho sempre sentito parlare malissimo, con un audio italiano scadente e pare manchino i sub ita per la versione in lingua... non confermi?
  • Homevideo Rocchiola • 16/07/19 08:53
    Call center Davinotti - 1143 interventi
    L'immagine a me pare eccellente, appena visionato su un televisore medio da 32", lo trovata pulita e ottimamente definita. Forse sull'audio si poteva fare qualcosa di più, ad esempio una rielaborazione in 5.1. Come in molti altri prodotti analoghi è un pò basso, ma definirlo scadente mi pare eccessivo. I sottotitoli italiani non ci sono, ma non mi pare una grave mancanza avendo a disposizione la tracci audio nella nostra lingua.
  • Homevideo Rocchiola • 16/07/19 09:02
    Call center Davinotti - 1143 interventi
    Mi sono però accorto che io possiedo l'edizione della Fox uscita un paio d'anni prima della Warner. Le due edizioni sono facilmente confondibili perché hanno la medesima copertina e dalle principali recensioni disponibile emerge l'utilizzo dello stesso master. Però sul sito avmagazine ho trovato questa precisazione: "Segnalo che l’edizione USA è distribuita dalla FOX ed utilizza un BD-50 mentre la nostra di distribuzione Warner un bel BD-25. Molto probabilmente il Master Video sarà lo stesso per entrambe ma altrettanto probabilmente (direi quasi certamente) per quella Warner è stato effettuato un encoding video differente certamente di livello inferiore come Bit rate medio e forse anche come resa sulle immagini. La FOX può contare su un bitrate medio di circa 32 mb/sec. Gli extra sono gli stessi per entrambe le edizioni".
  • Homevideo Rebis • 16/07/19 21:24
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Grazie Rocchiola, probabilmente avevo letto del BR WB. L'assenza di sottotitoli però è davvero invalidante, non guardo film doppiati da una vita, se poi la traccia ita è debole come leggo in giro a maggior ragione ...
  • Discussione Piero68 • 20/01/20 10:44
    Contatti col mondo - 234 interventi
    Nei crediti finali non compare l'allora ancora non noto attore Tom Sizemore ("Salvate il soldato Ryan", "The heat", "Strange days" sempre della Bigelow e tanti altri), nonostante fosse già alla sua nona comparsa in un film.
    Nel film interpreta l'agente della DEA infiltrato nella gang di nazisti e ha poco più di un minuto di scena.
    Nonostante tutto, il fatto che non compaia nei crediti finali è comunque strano dal momento che ci sono i nomi di tutti coloro che hanno avuto anche pochi secondi di dialogo e/o di interazione con gli interpreti principali.
    Ultima modifica: 20/01/20 15:30 da Zender
  • Discussione Zender • 20/01/20 15:31
    Consigliere - 43619 interventi
    Piero68 ebbe a dire:
    Nonostante tutto, il fatto che non compaia nei crediti finali è comunque strano dal momento che ci sono i nomi di tutti coloro che hanno avuto anche pochi secondi di dialogo e/o di interazione con gli interpreti principali.
    Mi pare un po' esagerato. Se guardo su Imdb oltre a Sizemore ci sono almento altri 13 attori non inseriti nei credits.