Il buio si avvicina

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Near dark
Anno: 1987
Genere: horror (colore)
Numero commenti presenti: 33
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Uno stimabile passo avanti nel cinema vampiresco: la dotata Kathryn Bigelow immagina (assieme al fido sceneggiatire Eric Red) una comunità di moderni vampiri che si muove di notte su un furgoncino alla ricerca di nuove vittime cui succhiare il sangue. Sfruttando magnificamente le avvolgenti musiche dei Tangerine Dream e la splendida fotografia di Adam Greenberg, la regista si inventa un horror dal fascino cupo e morboso, che mescola amore e morte nella più classica tradizione romantica e non si tira indietro di fronte al sangue e ad altri effettacci poco gradevoli per i non appassionati. Purtroppo le incongruenze di un copione smaccatamente subordinato allo splendore delle immagini inficiano la qualità complessiva dell'opera, che appare spesso...Leggi tutto abborracciata dal punto di vista della storia vera e propria, colma di ingenuità che ne vanificano l'impatto più profondo; col risultato che il film rischia di apparire come l'ennesimo horror per ragazzi, anche se confezionato con un gusto infinitamente superiore alla media. E invece NEAR DARK è qualcosa di più. Perché affronta tematiche interessanti: la figura del vampiro ad esempio è dipinta come quella di un reietto, che si isola dalla società civile con i suoi simili e vi rientra solo di notte per vendicarsi e soddisfare sadicamente i lsuo odio. La Bigelow lavora immagine su immagine, gioca con le luci notturne trovando contrasti cromatici entusiasmanti e non scade nel finale lasciandoci invece con una splendida scena tragica sotto il sole. Il suo stile si affina decisamente regalandoci una gemma imperfetta ma sfavillante, pluri-imitata.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 5/06/07 17:27 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Kathryn Bigelow rappresenta la classica eccezione (a conferma della regola) che non sempre donna+regia dà luogo ad un risultato negativo: al contrario lo sguardo femminile si focalizza, sì sui corpi-modello, ma anche con profondità d'analisi sui comportamenti mentali (sociali) di un gruppo di vampiri in balia del (pre)giudizio popolare. Emarginati non tanto perché violentati dalla luce del sole, ma perchè considerati diversi: a loro modo destinati a scontrarsi all'interno. Western horror di rara efficacia, ottimizzato dal pensiero femminile.

Blutarsky 24/09/07 08:41 - 353 commenti

I gusti di Blutarsky

Interessante visione del vampiro (come un emarginato e un nomade) e della rappresentazione del gruppo di non morti come famiglia alternativa. Ambientare il tutto in mezzo a polvere, distese desertiche, autostrade, bar malfamati, alberghi di infima categoria, aggiunge al film un fascino ed un'atmosfera particolari. Interessante anche se poco sviluppato il conflitto interiore tra i nuovi istinti e la morale umana del protagonista. Luciferino Henriksen, inquietante Paxto. Peccato che il film si perda in uno scialbo finale.

Cotola 29/12/08 15:39 - 7402 commenti

I gusti di Cotola

Ottimo esempio di horror moderno che, pur affrontando un tema già sfruttato fino all'osso come quello dei vampiri, riesce tuttavia a rivitalizzarlo con alcune idee davvero felici grazie alla capacità di creare un'atmosfera che a tratti si fa davvero tesa. Bella anche la sceneggiatura ed in particolar modo la caratterizzazione dei personaggi ed il finale non banale.

Galbo 2/01/09 12:54 - 11307 commenti

I gusti di Galbo

Tra i primi film della Bigelow, Il buio si avvicina si segnala per una visione non banale ed abbastanza originale di un tema (quello dei vampiri) abbondantemente sfruttato al cinema. Questo film presenta una discreta caratterizzazione psicologica dei personaggi che insieme a una suggestiva resa scenica ed ambientale e ad una buona prova del cast, lo rendono piuttosto godibile.

Enzus79 3/01/09 18:14 - 1733 commenti

I gusti di Enzus79

Uno dei migliori film della Bigelow, che qui si dà all'horror, in particolare ai vampiri. Il risultato è al di sopra della sufficienza, perché come al solito la regista gira a modo suo, cioè veloce e con delle scene che colpiscono all'impatto. Bravi gli attori.

Daniela 28/02/09 11:45 - 9078 commenti

I gusti di Daniela

Godibile ma inferiore alle personali attese, che erano invero alte. Trama piuttosto originale, personaggi ben caratterizzati ed ambientazioni rurali/desertiche suggestive, ma questi vampiri on the road se la menano troppo con la faccenda dell'immortalità (Paxton lo urla ai 4 venti, la vampirella bionda profetizza pure di sopravvivere alle stelle!). Sapendo che basta un raggio di sole per ustionarmi, fossi al posto loro farei meno il bullo. Comunque non mancano belle scene d'azione. Buono il cast, che può contare su vari reduci da Aliens.
MEMORABILE: La carneficina al bar, la scena del camion.

Deepred89 26/02/09 20:55 - 3253 commenti

I gusti di Deepred89

Discreto horror che rivisita con qualche novità (molto interessante l'idea delle trasfusioni) il tema del vampiro. L'intreccio orrorifico va di pari passo con una riuscita love story, ma l'insieme è comunque cupo e a tratti crudele (l'assalto al bar malfamato fa venire in mente Tobe Hooper). Funzionano l'atmosfera notturna e l'ambientazione, così come il cast e la fotografia. Alcune soluzioni saranno riprese da Carpenter (soprattutto in Vampires e Il seme della follia). Niente male.

Puppigallo 30/03/09 23:08 - 4485 commenti

I gusti di Puppigallo

Una buona regia e un cast dignitoso (su tutti, il più anziano dei vampiri, il giovane pazzoide e violento e il bambino) fanno la fortuna di questa vampires story sicuramente moderna e che sottolinea bene quanto vulnerabili in realtà siano questi esseri, dotati di sentimenti, che di notte si sentono degli Dei, ma di giorno si nascondono come ratti. Buon ritmo e scene interessanti (il calvario del fresco vampirizzato, ognuno va a caccia delle proprie prede, il taglio della gola con la punta metallica degli stivali, la fuga dal Motel in pieno giorno). Bel finale-barbecue. Riuscito.
MEMORABILE: Il giovane vampiro al barista: "Ehi tu, dammi due bicchieri di quel piscio di somaro che dai di solito ai bifolchi che vengono qui".

Capannelle 10/04/09 09:59 - 3688 commenti

I gusti di Capannelle

Bello visivamente (soprattutto l'effetto del sole sui corpi vampireschi) e diretto con una buona mano, offre poco a livello di tensione, almeno per i primi 50 minuti. L'approccio al vampiresco è originale, vagamente romantico e paradossale; peccato per la colonna sonora "sintetizzata" (tanto di moda negli '80) e per diverse forzature del racconto filmico. Nella sofferta redenzione di Caleb vedo influenze da La Mosca dell'anno precedente, mentre il duello sul truck anticipa Terminator 2. Tre pallini.

Herrkinski 28/09/09 23:04 - 4957 commenti

I gusti di Herrkinski

Affascinante horror a tema vampirico, che si allaccia al filone tutto ottantiano dei vampiri/punk/reietti (ricordate Nomads e Ragazzi Perduti?) riuscendo tuttavia a spingersi un passo più in là. La Bigelow, regista dagli esiti altalenanti, realizza un film notevole, mai pacchiano o demenziale, senza spazio per facili ironie, caratterizzando più della media questi vampiri e facendoci partecipi della loro crudele ma intrigante vita notturna. Non mancano gustosi richiami allo spaghetti-western (l'ambientazione, la sparatoria al motel). ***1/2
MEMORABILE: Il massacro nel bar; la sparatoria al motel.

Inseminoid 29/12/09 13:59 - 32 commenti

I gusti di Inseminoid

Near Dark è il miglior film di Kathryn Bigelow. Una storia di vampiri disperata, melensa e spaventosa. Successivamente la Bigelow farà un altro discreto film come (Pointbreak), prima di perdersi totalmente. Qui centra il bersaglio, con una bella storia, quasi un film d'autore: una vicenda di provincia americana in cui i vampiri sono la punta dell'iceberg della sofferenza. Lo stesso tipo di storia, senza i vampiri, è stata coniugata per anni dal cinema indipendente americano con risultati molto deludenti. Qui con spirito indipendente la Bigelow fa centro.
MEMORABILE: Il manifesto italiano del film uno dei più belli degli ultimi venti anni, disegnato a mano. Esce vent'anni prima di New Moon e True Blood e fu flop...

Rebis 10/06/10 15:06 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Grandiosa rilettura del vampirismo informato ad allegoria del disadattamento e dell'emarginazione sociale (il far west come luogo inospitale) e dell'integrazione tra comunità eterogenee (la mutazione e il necessario rito iniziatico per accedere al nuovo gruppo); è anche un sulfureo melodramma western, con dolorose crisi astinenziali, corpi che bruciano di passione come carta, e notti assordanti che dilagano verso le origini remote dell'universo. Stratificato il piccolo gruppo vampirico, con un ottimo Henriksen e una conturbante Jenny Wright. Cupe e avvolgenti le musiche dei Tangerine Dream.

Luchi78 15/06/11 18:42 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Elevato al rango di cult, è un'apprezzabile vampire-story creata con un miscuglio di generi niente male: dal western all'azione, all'horror/splatter che pervade un po' tutto il film. Ma non aspettatevi niente al di fuori del comune: brava la Bigelow a sfruttare gli scenari e le atmosfere notturne, si è divertita anche a calcare la mano con la caratterizzazione dei personaggi rendendo tutta la storia decisamente "surreale". Per colpa del finale melenso perde un punto.

Gestarsh99 2/08/11 23:29 - 1309 commenti

I gusti di Gestarsh99

Kathryn Bigelow, filmaker dagli eccellenti controattributi, svela qui a tutti gli scettici di che pasta è fatta, apportando una mini-rivoluzione estetica nello stravolgere integralmente la figura stantìa del vampiro, che già aveva perso un po' di aria viziata grazie ad autori come Scott, Holland e Schumacher. Via quei dandy smancerosi, raffinati e aristocratici da mantello nero e canino aguzzo e spazio invece a dannatissimi renegade zingareschi in tenuta dark, neo-fuorilegge western armati di tamarraggine e duro spirito vendicativo. Uno degli horror sentimentali più belli di sempre.
MEMORABILE: La cupa ed accattivante fotografia notturna; gli splendidi effetti incendiari sui corpi dei vampiri esposti alla luce del sole.

Buiomega71 2/09/11 19:51 - 2210 commenti

I gusti di Buiomega71

Capolavoro assoluto, il più sanguigno e polveroso dei "vampire movie". Ancor oggi il miglior film della Bigelow, che cita Peckinpah, il road movie, l'Eastwood de L'uomo nel mirino, le anime dannate e vaganti di Nomads sino ad un finale che strappa il cuore, tra lampi di luce furente che diradano la solitudine e il bisogno d'amore dei vampiri nomadi. Notturno, carpenteriano, con improvvise impennate splatter (la strage nel bar) e a suggellare il magnifico score dei Tangerine Dream. Puro western horror viscerale, da non mancare assolutamente.
MEMORABILE: La trasfusione; i vampiri che procacciano le loro vittime fingendosi aitanti autostoppisti o bambini incidentati; la sparatoria al motel; il finale.

Rambo90 27/01/12 02:24 - 6269 commenti

I gusti di Rambo90

Un horror quasi commovente, perché ci mostra il lato umano dei vampiri (20 anni prima e meglio di Twilight) e la loro sofferenza nel vivere come emarginati. Sicuramente un aspetto nuovo, ma non basta perché anche il ritmo è ottimo, veloce, da bellissimo film action. Buoni gli attori, così come la colonna sonora, notevole il finale. La Bigelow già ci sapeva fare.
MEMORABILE: "È soltanto il sole".

Homesick 22/02/12 17:34 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Tra i principali modernizzatori del mito vampirico, lo sfoltisce di gran parte dei logori stereotipi (castello, bare, paletti di legno e croci sono sostituiti da strade, paesaggi e rednecks delle province americane del Sud), ponendone in risalto l’anima più esistenzialista e romantica, che con la forza bruciante della passione sconfigge o piega al bene l’ apparentemente irreversibile natura sanguinaria dei non-morti. Henriksen ha stoffa e carisma da capoclan e Miller replica con successo l’odioso bulletto de I ragazzi del fiume. Molto in anticipo sui vari Rodriguez, Carpenter e Alfredson.
MEMORABILE: Le sequenze al bar e nel motel; la trasfusione; le atmosferiche musiche elettroniche dei Tangerine Dream.

Nadir 30/07/12 08:25 - 56 commenti

I gusti di Nadir

Un buon film di genere che ha i suoi punti di forza nel cast (che fornisce nel complesso una prova pregevole), nella scelta delle musiche e nella regia. Tuttavia mostra qualche pecca nella sceneggiatura (piuttosto "ingenua" in certi passaggi) e nel montaggio. Tutto sommato un buon lavoro.

Pumpkh75 12/08/12 17:14 - 1284 commenti

I gusti di Pumpkh75

Una variante vampirica davvero originale, sensuale, malinconica, ben interpretata e con pochissimi passaggi a vuoto. Le contaminazioni western arrivano da tutte le direzioni, la parte horror è ben calibrata e senza eccessi inutili. Affascinanti le musiche dei Tangerine Dream, che riescono a dare un tocco straniante a diversi momenti del film. Peccato solo per gli ultimi fotogrammi, una pennellata troppo dolce nel contesto generale.

Daidae 15/08/12 15:14 - 2717 commenti

I gusti di Daidae

Non un cult a mio parere, ma un validissimo film sull'ipersfruttato tema del vampirismo; mi ricorda molto Ragazzi perduti ma senza inutili implicazioni adolescenziali. Ottima la prova degli attori, valida la regia, un po' pesante l'ambientazione, ma direi che tre pallini ci stanno bene.

Saintgifts 22/10/12 23:48 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Near dark, near light. L'uno rassicurante, amico, che rende potenti e felici quelli che riescono a vedere la luce del buio, l'altro nemico mortale da cui nascondersi accuratamente. Il film è tutto un altalenarsi tra i due momenti e per un bacio rubato a forza si rischia la perdizione, o forse l'amore. L'ambientazione western è molto azzeccata, ideale per un road-movie molto particolare a caccia di sventurati. Le regole vampiresche sono riadattate ai propri scopi, ma non importa, l'importante è fare spettacolo e lo spettacolo c'è.
MEMORABILE: Anche per Homer arriva l'amore, Sarah.

Ryo 17/02/13 00:17 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Teen horror oziosetto sul tema dei vampiri, con qualche tocco di originalità ma di dubbio gusto: i vampiri sono senza zanne, non vanno in catalessi ma dormono di giorno, il sole non li uccide ma li abbrustolisce sino ad incendiare e... dulcis in fundo: possono guarire dalla vampirizzazione! Ottimo character style e ben girate le scene action.
MEMORABILE: "Sai che mi scopavo tua madre mentre tuo padre guardava?" "Io non so niente di questa storia!"

Mickes2 17/10/13 17:03 - 1667 commenti

I gusti di Mickes2

Importante per molto horror a venire in quanto in un sol colpo rinnova la figura del vampiro ammantandolo di varie sfumature. Dotata di un incipit/excipit struggente e di folgorante romanticismo carnale, l’opera della Bigelow è un bellissimo western orrorifico grondante malinconia e passione, delirio e violenza, che pone la sua forza sull’analisi di una società emarginata affogata nei pregiudizi e quindi ribelle, furiosa, affamata di vendetta e sangue. Lo score elettronico strania e affabula, Henriksen perfetto, Wright bella e sofferta. Cupo.
MEMORABILE: Nel bar; L'attacco della polizia al motel, scena ripresa da Zombie nel suo La casa del diavolo.

Von Leppe 7/05/14 12:57 - 1013 commenti

I gusti di Von Leppe

Se i vampiri classici vivevano in cupi castelli sotto cieli tempestosi, dormendo in casse da morto dentro umidi sotterranei pieni di ragnatele ci sarà un motivo... Invece, in questo vampirico western on the road i non morti se ne vanno in giro in camper su strade assolate in mezzo a paesaggi aridi e infatti rischiano di essere inceneriti per tutta la durata della pellicola (trovatevi una caverna o una piramide azteca). Altra novità non troppo plausibile è che secoli di maledizione eterna se ne vanno in fumo con una semplice trasfusione.

Minitina80 6/03/15 20:07 - 2264 commenti

I gusti di Minitina80

La Bigelow è abile nel realizzare una commistione perfetta tra generi molto diversi tra loro; dal western all'azione, dall'horror fino allo splatter. Il pregio più grande però è quello di riscrivere il mito del vampirismo liberandolo di molti stereotipi. Qui incarna l’emarginato, il diverso a cui non è permesso integrarsi solo perché tale. C’è una sfumatura di romanticismo, ma anche tanta rabbia mista a rassegnazione. È un punto fermo che ogni appassionato del genere dovrebbe conoscere.

Taxius 15/05/16 23:36 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

La Bigelow rilegge il mito dei vampiri trasformandoli in un gruppo di punk vagabondi assetati di sangue. Un film che ha segnato un'epoca nel genere vampire mescolando violenza, road movie e romanticismo senza mai cadere nel melenso o ridicolo (vedi Twilight). Il casus belli è un semplice bacio che darà il via a una delle più belle storie d'amore horror. I vari vampiri sono caratterizzati benissimo, dal bambino al malefico Severen. Ah... sangue e violenza non mancano. Bellissimo il finale. Da vedere!
MEMORABILE: La mattanza al bar.

Rufus68 26/04/17 23:39 - 3004 commenti

I gusti di Rufus68

Sopravvalutato vampirico della sopravvalutata Bigelow. La coppia protagonista non ha un millimetro di spessore, la combriccola di succhiasangue (a parte Henriksen, che possiede le physique) è stereotipata quanto antipatica (con un Paxton insopportabilmente esagitato nel suo ridicolo maledettismo) e i dialoghi sono di grana grossa; e le famose scene d'azione risultano poco fluide. Qualche scampolo di buon cinema qua e là, ambientazione originale, ma si tratta di un tipico prodotto americano anni Ottanta invecchiato male.

Jena 25/08/18 16:33 - 1157 commenti

I gusti di Jena

La Bigelow non convince mai troppo, ma qui lo fa più che in altre occasioni. La trama ha un'importanza abbastanza relativa per la regista, che si concentra di più - e con ottimi risultati - sull'aspetto visivo, con splendide riprese notturne in cui si colloca la vita della strana congrega vampiresca. Bene Henriksen, sopra le righe Paxton, poco espressivi una giovanissima Robin Wright e il pesce lesso Pasdar. Non dice niente di particolare ma lo dice benissimo. Mezzo cast di Aliens presente: Henriksen, Paxton, Jeanette Goldstein.
MEMORABILE: Buona come sempre la colonna sonora dei Tangerine Dream.

Rigoletto 5/01/19 22:17 - 1483 commenti

I gusti di Rigoletto

Con occhio intelligente, la Bigelow si dimostra abile a rovesciare il mito vampirisco mostrando l'altro lato della medaglia. La storia è intrigante a lungo rimane il dubbio su come volgeranno gli eventi. Ottima la prova degli attori, fra cui spiccano il grande Henriksen, cinico e razionale e il compianto Paxton, violento oltremisura. Alla fine si ha la sensazione di aver assistito a un horror di qualità artistica superiore, leggermente penalizzato da una qualità tecnica ancora imperfetta.
MEMORABILE: "Prima devi imparare a uccidere!"

Rocchiola 14/07/19 09:28 - 848 commenti

I gusti di Rocchiola

Titolo importante che ha inaugurato il filone dell’horror-romantico molto in voga negli anni a venire. Bella l’idea dei vampiri itineranti sullo sfondo di un’America rurale dagli scenari western fortemente stilizzati. Lieto fine in questo caso non banale e necessario per un’intensa love-story dai contorni dark. Poche ma inquietanti le scene gore. Azzeccate le musiche elettroniche dei Tangerine Dream. Un piccolo cult da rivalutare alla luce dei modesti esiti che la Bigelow ha raggiunto nelle sue opere più recenti. Henriksen ha la faccia giusta.
MEMORABILE: Caleb che si nutre del sangue di Mae sullo sfondo dei pozzi petrolifici; L'assalto notturno al bar; I vampiri che bruciano alla luce del sole.

Maxx g 12/04/20 00:39 - 491 commenti

I gusti di Maxx g

Prima regia (singola) della Bigelow, è un buon horror sui vampiri. Il cast è di puro mestiere in cui spiccano sia Henriksen che Adrian Pasdar. C'è tensione, sentimento (in una certa misura) e atmosfere da brivido, che rendono questa opera prima godibile anche non solo per amanti del genere. Non male. Le musiche hanno una loro importanza, rendendo bene l'atmosfera che si respira. Poi la Bigelow virerà su altri generi rendendo unica questa sua prova.
MEMORABILE: Le musiche: Le atmosfere; La strage al bar; Il finale.

Daraen4 24/04/20 21:13 - 26 commenti

I gusti di Daraen4

Horror vampiresco che fa della fotografia all'aperto su albe e tramonti e delle quasi onnipresenti musiche d'atmosfera dark dei Tangerine Dream il suo punto di forza; la trama è molto semplice, scorre veloce, con qualche buco di sceneggiatura ma che non infastidisce. Regia e montaggio sperimentano con efficaci raccordi a tendina verticale le sequenze di viaggio. Film ben dosato nel ritmo che nonostante le evidenti situazioni inverosimili non scade mai nel trash.
MEMORABILE: "Noi ci serviamo direttamente al bancone".

Lupus73 27/05/20 11:33 - 494 commenti

I gusti di Lupus73

Un giovane di fattoria (moderno cowboy) esce con una ragazza, ma scopre che è una vampira e viaggia con una combriccola di succhiasangue (con tratti da fuorilegge). Magistrale esempio di rivisitazione del tema "vampiri" in chiave americana (lunghe strade tra aridi paesaggi e scenari notturni e dark metropolitani). Di gran lunga superiore al sopravvalutato Ragazzi perduti (stesso anno), mostra il trauma della trasformazione del protagonista in vampiro, con la sofferenza e il rifiuto di uccidere. Ottima la confezione '80s. La love story non rovina l'equilibrio del film e evita soluzioni melense.
MEMORABILE: Le scene d'azione.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Zender • 5/06/12 15:55
    Consigliere - 43790 interventi
    Grazie Digital! Imperdonabile! Bisogna proprio far le cose col posteriore...
  • Homevideo Rebis • 5/06/12 20:41
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    A me non sembra proprio abbia questo difetto: l'ho guardato a spezzoni e filava via liscio...
  • Homevideo Digital • 5/06/12 23:54
    Segretario - 3009 interventi
    Rebis ebbe a dire: A me non sembra proprio abbia questo difetto: l'ho guardato a spezzoni e filava via liscio... Il mio dvd ha questo "simpatico" difetto : Tecnicamente si chiama interlacciamento dell'immagine, e quando si manifesta (in questo caso, molto spesso) l'immagine tende a scattare e comunque non è fluida. Felicitazioni Rebis, evidentemente la tua copia, non presenta questa problematica. ;)
  • Homevideo Noir • 6/06/12 13:59
    Galoppino - 575 interventi
    Anche la mia copia si vede benissimo, tra l'altro l'ho già testata con due differenti lettori e non ho notato alcun problema. Probabilmente hai trovato una copia difettosa.
  • Homevideo Rebis • 6/06/12 19:28
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Infatti, ieri ho controllato di nuovo e le immagini del mio dvd sono fluide e compatte..
  • Homevideo Galbo • 7/06/12 06:45
    Gran Burattinaio - 3744 interventi
    Ma non esiste un edizione in Blu Ray ?
  • Homevideo Zender • 7/06/12 08:08
    Consigliere - 43790 interventi
    Molto strano Digital, mi sa che allora il problema riguarda solo la tua copia...
  • Curiosità Noncha17 • 2/06/16 00:23
    Magazziniere - 1079 interventi
    Quando il protagonista va in città a prendere l'autobus per tornare a casa, per qualche secondo è possibile vedere un cinema dove proiettano un famoso film di James Cameron (marito della qui regista Kathryn Bigelow) in cui recitano tre attori presenti anche in questo film:
  • Curiosità Zender • 31/07/17 17:25
    Consigliere - 43790 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:
  • Homevideo Rocchiola • 14/07/19 09:32
    Call center Davinotti - 1115 interventi
    Il DVD della Flamingo è da tenere stretto. Ormai fuori catalogo è un prodotto eccellente. Il master utilizzato è quello della Studio Canal ed offre un'immagine pulita e ben definita. L'audio italiano 2.0 dual mono è un po' basso ma chiaro e senza rumori di fondo. In attesa di un bluray che all'estero è già uscito ....