Donnie Darko

Media utenti
MMJ Davinotti jr

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Ennesimo prodotto para-fantascientifico che gioca sulla doppia possibilità, sul moltiplicarsi della realtà e sulle fratture temporali; ma lo fa con uno stile del tutto personale, decisamente lontano dai tanti film di stampo giovanile che lambiscono il tema. Perché in DONNIE DARKO regna per l'intera durata un'atmosfera eterea, una logica che appare impalpabile, tracciata su schemi imperscrutabili. Le scene sembrano slegate, vivere separatamente l'una dall'altra faticando addirittura ad autoconcludersi sensatamente; ma il risultato, per una volta, non è affatto artificioso e il pubblico a lungo andare l’ha capito: la fama di “cult-movie” lentamente guadagnata grazie anche a una nuova director’s cut (una ventina di minuti in più) è...Leggi tutto una volta tanto meritata: perché DONNIE DARKO, pur con i suoi molti difetti (non ultime le numerose incongruenze che affollano la storia) è un film sincero, mirabilmente proteso verso un tentativo di sganciarsi dall’artificiosità che affligge gran parte dei teen movie contemporanei (vedi il brutto LE REGOLE DELL’ATTRAZIONE). E’ ben interpretato, vive di qualche scena molto affascinante e di una splendida colonna sonora in cui spiccano tre chicche anni 80: “Head Over Heel” e “Mad World” (rifatta) dei Tears for Fears più “Notorious” dei Duran Duran. La regia è inoltre capace di esaltare quella sensazione di straniamento che è la chiave di volta del successo del film. Certo, fino alla fine non si capisce dove si voglia andare a parare, ci si annoia spesso per l'apparente insignificanza delle situazioni o perché pare proprio che in fondo sia tutto solo un confuso pasticcio, ma in realtà il gran numero di punti di vista possibili stimola non poco.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

kiaruga 13/01/07 18:44 - 1 commenti

I gusti di kiaruga

Protagonista del film è la colonna sonora: senza, il senso stesso del film perderebbe di significato (sempre che ce ne sia uno...). Notevole l'interpretazione di Jake Gyllenhaal. Costringe a riflettere... cosa che, qualche volta, non fa male.

Magnetti 17/01/07 11:23 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Storia di un ragazzo sensibile, spaesato, di rara intelligenza e soprattutto in grado di ragionare con il proprio cervello. E' intrappolato in un loop temporale. A mio parere uno dei migliori film sul "viaggio nel tempo", che si presta a varie interpretazioni (anche piuttosto cervellotiche). Stupenda colonna sonora. Il coniglio gigante è angosciante. Da comperare il DVD Director's Cut sia perchè più interessante della versione normale sia per l'ologramma della faccia del coniglio.

Attis78 31/01/07 15:44 - 22 commenti

I gusti di Attis78

Prodotto interessante come è interessante il suo arrivo tardivo (costituitosi effimero cult in italia). Coniglio e "Nonna Morte/Roberta Sparrow" i personaggi chiave. Il filone delle possibilità ultraterrene e paranormali pare avere molto credito (la realtà è così terribile da preferirle un mondo fantastico???) e i successi dei colossal fantasy (Lord of the rings in testa) sembrano avvalorare l'ipotesi. La costruzione del "falso storico" con il ritrovamento dei quaderni è di manzoniana memoria...

Puppigallo 21/02/07 09:22 - 4495 commenti

I gusti di Puppigallo

Originale, piuttosto inquietante, con un protagonista crepuscolare e quasi perennemente in uno stato di dormiveglia. Bisogna seguirlo con attenzione, perchè è facile essere depistati o perdersi nei meandri contorti della mente del ragazzo. Belle trovate (le bolle plastiche direzionali che escono dallo stomaco, i dialoghi col coniglio, una sorta di Harvey mostruoso). Anche chi gli ruota attorno (famiglia, professori e amica) sono ben delineati e credibili. Colonna sonora azzeccata. Da vedere.

Caesars 21/02/07 13:53 - 2671 commenti

I gusti di Caesars

Un film sicuramente fuori dai canoni convenzionali, il che non è male, che uscito in Italia con molto ritardo si è comunque costruito un suo status di "cult" presso molti cultori del genere. La trama è molto intricata e non tutto risulta chiaro nemmeno alla fine (forse la director's cut uscita dopo in dvd può aiutare a chiarire un po' gli eventi). Su internet si trovano comunque parecchie interpretazioni degli accadimenti, alcune cervellotiche ma interessanti.

ShangaiJoe 12/07/07 21:58 - 32 commenti

I gusti di ShangaiJoe

Evidentemente per comprendere appieno il susseguirsi di tutti gli eventi è necessario consultare un oracolo... ma è forse proprio questo il punto forte del film. Disorientare per tornare adolescenti, perdere il filo del discorso per essere costretti a concedersi una pausa. Gyllenhaal è perfetto nel ruolo del ragazzo fuori dal tempo, come azzeccatissima è la reinterpretazione di quel capolavoro di armonia musicale che porta il nome di "Mad world". Assolutamente da vedere.
MEMORABILE: Ogni scena in cui appare Patrick Swayze.

Capannelle 27/05/08 17:17 - 3700 commenti

I gusti di Capannelle

Film atipico che vuole rappresentare parte dei problemi del mondo giovanile senza percorsi predefiniti e lasciando libera interpretazione allo spettatore. Ma il rifiuto di logiche convenzionali non produce grandi risultati e non libera dal sospetto di un certo qualunquismo. Buono comunque l'apporto di Gyllenhaal: nel suo spesamento vive il carattere del film.

Herrkinski 9/06/08 16:56 - 5023 commenti

I gusti di Herrkinski

Cervellotico film che gioca sulla teoria dei "viaggi astrali" e del "cosa sarebbe successo se..", un po' come fece il buon The Butterfly Effect. E anche questo "Donnie Darko" finisce per intrigare non poco, pure se lo svolgimento spesso lascia molte domande senza risposta che trovano una risoluzione solo parziale nel confuso finale. Certamente l'idea è quella di lasciare svariate interpretazioni allo spettatore, ma personalmente preferisco i finali più comprensibili. Resta comunque un film interessante e non certo per ragazzini.

Tomslick 16/08/08 23:51 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Nonostante tutto, affascinante. Nonostante tutto perché fino a nove decimi del film sono ben poche le cose che si è sicuri d'aver pienamente compreso. Poi però c'è il finale: da interpretare, che anch'esso non sbroglia del tutto la matassa (almeno così sembra...), ma che ti lascia comunque con la consapevolezza che probabilmente tutto ha un senso, indipendentemente che esso si sia capito o no. Ennesima dimostrazione che l'argomento viaggi nel tempo, voglia o non voglia, riesce a creare racconti intriganti e ricchi d'idee. Da (ri) vedere.

Lele Emo 6/11/08 02:31 - 173 commenti

I gusti di Lele Emo

Rappresentazione geniale del senso atavico della paura primordiale, il subconscio e la regione più oscura della turpitudine del pensiero, di fatto legata all'immagine del coniglio quale emblema della paura. Il plot dominato dalle regioni più oscure della psiche umana è di fatto una netta ricostruzione di una situazione paranoide e discretamente affascinante in quanto resa tale dall'esuberanza attoriale del protagonista. Di portata indiscutibile la colonna sonora, compresi i Joy Division (il cui leader era condotto dagli stessi demoni ancestrali).

Tarabas 18/11/08 11:37 - 1687 commenti

I gusti di Tarabas

Singolare teen movie, con (apparente) stereotipica ambientazione scolastica in una small town americana. Il protagonista, scampato a un bizzarro incidente, parla con un mostro/coniglio che gli annuncia la fine del mondo. Interpretazione dark di Jake Gyllenhall, personaggi di contorno stereotipati ma in fondo funzionali, viaggi nel tempo e una struttura circolare che stupisce. Trama, per così dire, non euclidea nel suo svolgimento. Musica straordinaria e utilizzata al meglio. Forse devo rivederlo.
MEMORABILE: Il piano sequenza nella scuola con "Head over heels" dei Tears For Fears. Il finale con la cover acustica di "Mad world" dei Tears For Fears.

Blackmamba 6/12/08 22:08 - 1 commenti

I gusti di Blackmamba

La fascinazione del film risiede non tanto nella sciarada fantascientifica quanto nell'atmosfera che riesce a creare: la descrizione del disagio (adolescenziale o esistenziale che sia) e la cupa sensazione di ineluttabilità degli eventi che permea tutta la pellicola, creando una tensione senza fratture. Memorabile il lungo piano sequenza, nell'entrata a scuola dei ragazzi ed il balletto delle ninfette. Suggestivo il senso di riavvolgibilità del tempo, di una circolarità che è prerogativa unicamente del cinema e ne è dunque emblema allo stato puro.
MEMORABILE: "They made me do it".

Galbo 9/12/08 07:23 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Diventato rapidamente un cult movie in tutto il mondo, il film di Richard Kelly mantiene a distanza di anni il torbido fascino che aveva alla sua uscita. Il motivo principale risiede nell'originalità con cui vengono trattati i temi del film, il principale dei quali è il rapporto tra i giovani e la morte. Il film si caratterizza inoltre per un intrigante stile visivo e per la buona colonna sonora.

Pigro 22/02/09 11:57 - 7728 commenti

I gusti di Pigro

Un ragazzo ha come amico immaginario un coniglio che gli predice la fine del mondo entro 28 giorni: da qui parte una storia complessa e intrigante costruita sull'idea del viaggio nel tempo. Ma più che ai classici temi della fantascienza assistiamo qui a un fitto reticolato di simboli e suggestioni che rimandano al senso della vita, alle convenzioni sociali, alle ansie esistenziali e relazionali dell'adolescenza, ai preoccupanti orizzonti storici e politici. Il tutto in un contesto visionario ben narrato e capace di avvincere lo spettatore.

Ciavazzaro 23/02/09 14:44 - 4758 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Curioso ma sopravvalutato. Realtà e fantasia si mescolano in questo film, con un finale molto curioso quasi aperto. Ma certi tocchi come il coniglio finiscono per diventare di un ridicolo involontario. Buono il cast d'attori. Sopravalutato comunque.

Undying 16/03/09 22:52 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Disadattato e socialmente isolato, Donnie Darko condivide le sue giornate in compagnia d'un amico immaginario: un coniglione gigante, con i denti simil-vampiro. La sua ragazza, unico elemento che lo tiene legato alla realtà e alla norma sociale, comincia ad allontanarsi, lasciandolo in balìa del delirio. Se il lavoro svòlto in regia da Richard Kelly è perfetto, quello che produce un risultato finale "a perdere" è proprio la mancata spiegazione del perché avvengono certi fenomeni. Svicolare proprio in chiusa su un film che crea, più che altro, enorme aspettative è intellettualmente poco onesto.

Brainiac 10/07/09 05:59 - 1082 commenti

I gusti di Brainiac

La prima volta che l'ho visto mi è piaciuto molto, la seconda ho avuto l'impressione che sia uno di quei film che invecchiano precocemente (un po' come Fight club). Sarà l'effetto retrò, dato che la musica della colonna sonora, ricomparsa in un film dopo molti anni, sembrava prendere senso a sè (così paradossalmente attuale nel suo essere datata). Le sequenze mistery non sono poi così scarse, anzi, a me il coniglio fece un po' paura. Per il resto un impianto un po' confuso, magari voluto, ma visto il film successivo di Kelly (un vero catorcio), magari anche no.

Bruce 24/07/09 14:24 - 1001 commenti

I gusti di Bruce

La fama di cult movie mi pare eccessiva. Valide suggestioni visive e tematiche, una colonna sonora eccellente e molto ben assemblata, quel clima da prodotto indipendente e ribelle in un’atmosfera cupa, straniata e folle che tanto possono piacere al pubblico più giovane e sensibile. La morte e il senso della vita, la paura e l’amore, il destino, il tempo che intrappola e che si vorrebbe poter magicamente riavvolgere. Il tutto pasticciato insieme senza venire, ovviamente, alla fine a capo di niente. Sopravvalutato.

Rebis 28/08/09 16:23 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Tutto è Presente. Il peggio non è mai finito, e il meglio sempre in procinto di schiudersi. Questo insegna Donnie Darko, Cristo novello; che la linea del Tempo, dove rimuovere nel Passato le colpe e progettare idealisticamente il Futuro, non migliora l’uomo né lo redime, crea solo appuntamenti presunti e ormeggi coscienziali insolubili. Lynch non c'entra proprio nulla: il film di Kelly, tra i più rigorosi e complessi prodotti nel Nuovo Millennio, anticipa, pone questioni morali e vitali mentre racconta belle, bellissime storie. Attori graziati dall’Arte e soundtrack da osanna. Bis!

Cif 31/08/09 22:27 - 272 commenti

I gusti di Cif

Film cult, e a mio avviso più che meritatamente. Una storia suggestiva, ammiccante ed allusiva viene resa con immagini sfuggenti, rapide e fugaci pennellate, con tanti puzzle disseminati lungo le quasi due ore del film. Difficile rendere in maniera migliore un meccanismo tanto complesso come quello della costante evoluzione dei diversi universi tangenti. Bravissimo il protagonista Gyllenhaal. Altissima tensione pur senza ricorrere ai tipici effetti da horror. Quattro pallini e mezzo.

Stubby 11/09/09 17:12 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Originale sicuramente, visionario e tutto quel che si vuole, ma personalmente non ha colpito nel segno. Troppe situazioni vaghe e poco comprensibili (forse il director's cut potrebbe aiutare) e niente affatto spiegate. Potente, anzi potentissima, la colonna sonora.

Domino86 30/12/09 18:50 - 535 commenti

I gusti di Domino86

Film che coinvolge per la pazzia del protagonista che accompagna durante tutto il percorso tuttavia risulta poco chiaro il finale forse volutamente cercato. Poco credibili alcune parti (vedi ragazzi che si drogano nei corridoi della scuola). Buona la scelta della colonna sonora! Sicuramente un film cult da vedere.

Fabbiu 14/08/10 12:57 - 1930 commenti

I gusti di Fabbiu

Un bel film fantastico, giovanile ma al tempo stesso per nulla conforme ai teen movie; buono l'insieme degli elementi: dalle teorie (vere) dei vaggi nel tempo, al senso della vita, adolescenza famiglia e varie; una storia molto particolare che a tratti non pare nemmeno fantastica; non c'è un finale costruito dalla sequenza narrativa, ogni scena (ogni giornata) è un episodio che sembra auto-concludersi, per poi smontarsi di nuovo. Ed il tutto è avvolto da uno strano alone di mistero che scuote a diverse interpretazioni dei fatti. Ottime musiche.

Satyricon 25/08/10 22:47 - 147 commenti

I gusti di Satyricon

Coraggiosa e riuscita prova di sci-fi sulla fisica relativistica. Argomento ostico da portare sullo schermo. Il film tratta l'argomento spazio/tempo da due punti di vista, quello fisico materiale degli avvenimenti e quello spirtuale e cognitivo, dando al tutto un fascino ed una visionarietà senza eguali, rendendo l'uno e l'altro impercettibili tanto da fondersi e confondersi allo stesso tempo. I temi musicali sono eccezionali ed infondono fino alla fine un senso di inesorabilità.

Cotola 1/09/10 20:51 - 7449 commenti

I gusti di Cotola

Non una ciofeca certo, ma la fama di cult a cui sarebbe assurto in pochi anni stupisce, fa ridere ed è segno della pochezza cultural-cinematografica dei nostri tempi. Gradevole senza dubbio, pure intrigante ma alla fine dopo aver prodotto un notevole fardello di aspettative, si rifugia in un finale "fasullo" che non scioglie i tanti nodi della trama o la fa comunque solo parzialmente e nella maniera più comoda che potrà irritare non pochi spettatori. Bella prova del cast con un Patrick Swayze decisamente sugli scudi.

124c 5/09/10 12:18 - 2762 commenti

I gusti di 124c

Capolavoro horror d'inizio terzo millennio, prodotto dall'ex-bambina prodigio Drew Barrymore ed interpretato da un intenso Jake Gyllenhaal, all'epoca appena ventenne. Thriller, commedia nera e psicanaliai si fondono insieme in un cocktail riuscito ed intenso. Il coniglio Frank che sogna Donnie, anche se è solo un costume di Halloween, è d'un inqiietudine unica. Decisamente interessante l'idea dei viaggi nel tempo. Ottimo Patrick Swayze, come anche il cameo di Drew Barrymore. Buon ripeascaggio di Katharine Ross mel ruolo della psichiatra.
MEMORABILE: Il dialogo al cinema fra Donnie Darko e il coniglio Frank, con la sala vuota e la ragazza di Donnie addormentata.

Ghostship 10/11/10 13:05 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Fascinoso film che anche se non è tra i migliori 100 di tutti i tempi (e ci mancherebbe!) merita appieno la fama di cult; per il suo clima sospeso, il sorriso beffardo dell'azzeccato protagonista, la visionarietà new age del regista Kelly e per il suo essere sempre in bilico, con buon dosaggio degli elementi, tra mistery, horror e dramma adolescenziale.

Pinhead80 23/11/10 20:18 - 3879 commenti

I gusti di Pinhead80

Sinceramente non riesco a comprendere il successo di questo film che mi ha annoiato in più di una situazione. Anche la sceneggiatura è telefonata e l'aura surreale pare tanto fumo e niente arrosto. Le premonizioni inquietano lì per lì, ma dopo un po' ci si stufa. Avrà un seguito.

Didda23 9/12/10 15:33 - 2282 commenti

I gusti di Didda23

Uno dei film più sopravvalutati degli ultimi dieci anni. Trovo molto furba la sceneggiatura perché induce lo spettatore a farsi mille domande sul perché di ogni singola inquadratura. Ho letto, ascoltato mille versioni diverse e tutti sono convinti di possedere la verità assoluta. Solo per questo il film incuriosisce. Davvero stupenda la colonna sonora, soprattutto la versione di "Mad World" di Gary Jules. Nonostante tutto da vedere.

Xamini 10/02/11 01:39 - 1000 commenti

I gusti di Xamini

Interessante per il notevole numero di chiavi di lettura e spunti; prevale quella onirica, che si tinge di nero sulle espressioni inquietanti di Gyllenhaal. Il suo talento ben si sposta con lo script fulminato, con il personaggio e con la direzione di Kelly (anche lui giovanissimo) per imprimere il giusto carattere al film, che diventa una cupa riflessione sull'esistenza, sull'identità e sul senso di tutto. Merita una visione (anche due, per cercare di dipanare i dubbi più fitti).
MEMORABILE: Il sorriso consapevole del protagonista, prima di girarsi nel letto

Greymouser 12/06/11 12:33 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Colpo della vita per un regista mediocre come Kelly, che - senza saper nè leggere nè scrivere, come si suol dire - si ritrova ad aver girato un cult-movie che infestò a suo tempo il mondo mediatico soprattutto giovanile. A me, personalmente, le ragioni di quel successo sfuggono del tutto, pur riconoscendo al film un impianto abbastanza originale e qualche trovata scenica suggestiva. D'altra parte, al di là della fama più o meno meritata, non credo che sia un prodotto che resista ad una visione nel tempo.

Saintgifts 22/08/11 10:07 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Film sconclusionato che però, credo furbescamente, mette assieme argomenti di grande interesse e anche visualizzati bene in virtù di interpretazioni di alto livello. La sceneggiatura sembra messa assieme giorno per giorno, con nuove invenzioni fino ad arrivare ad un finale completamente incongruo che però è coerente con tutto l'andazzo acchiappacervello (dello spettatore) per cui il film è stato costruito. Ci sono momenti molto buoni, ma sono scenette che, se estrapolate dal lavoro, fanno afflosciare tutto il film. Non da discussioni postume.
MEMORABILE: Donnie a sua madre: "Cosa si prova ad avere un figlio toccato? " Risposta: "E' meraviglioso".

Zender 22/12/11 12:49 - 277 commenti

I gusti di Zender

La notte in cui il motore d'un jet precipita esattamente sulla sua stanza, Donnie è in giardino ad ascoltare un coniglio gigante che gli prospetta la prossima fine del mondo. Strano? Sì, o forse Donnie è semplicemente malato e il film meno cervellottico di quanto possa apparire. Disagio giovanile mascherato da fanta new-age con bei richiami alla musica eighties (Tears for fears in primis), gioca a straniare e a lasciarti col gusto d'aver compreso la complessità del mosaico ricomposto alla rovescia. Sarà andata davvero così? Conta meno che averlo fatto credere.

Harrys 16/07/12 20:41 - 681 commenti

I gusti di Harrys

Mitopoiesi (nonchè apice artistico), se possibile, di un regista in erba. Non bisogna, come è ampiamente e prevedibilmente accaduto, crogiolarsi nell'ingannevole approccio intellettualistico o discettare "nerd-style" del battage avveniristico. Donnie Darko non vuole essere al pari di un 2001: allegoria (e via discorrendo...) che si presta alla consacrazione dell'eterno; ma trascende ugualmente la materia cinema, semplicemente adottando il fardello dei sogni mai sopiti che irradiano l'animo. Più che innovativo, divinamente appropriato. ****1/2

Simdek 21/03/14 16:44 - 93 commenti

I gusti di Simdek

Fantascienza? Sì, no. Forse immaginifico con una spruzzata di esoterico. Difficile descrivere una pellicola come questa dove il reale è surreale e l'astratto è concreto. Ghillenhaal molto bravo a interpretare la fase schizofrenica e un notevole ritmo al film è dato dalle belle musiche (un po' commerciali) e dalla colonna sonora. Chi non ama l'abbraccio tra reale e fantasia, aborrirà questo film che mi ha comunque lasciato un buon ricordo anche per il fatto che è sempre fonte di discussioni con altri cinefili circa la sua possibile interpretatio.

Il ferrini 7/11/15 11:18 - 1661 commenti

I gusti di Il ferrini

Donnie Darko è certamente un film contro l'emarginazione e una denuncia alla società che tende a discriminare i "non allineati" come Nonna Morte e Donnie. La parte più significativa, in questo senso, è senza dubbio quella girata nella scuola, dove Patrick Swayze, qui guru new age, viene annichilito dalla superba invettiva di Jake Gyllenhaal. Un'opera davvero notevole, in cui la parte fantastica diviene man mano sempre più plausibile, rendendo alienante quella reale. Una delle colonne sonore più belle di sempre. Immancabile.
MEMORABILE: La teoria dei puffi e "Perché indossi quello stupido costume da coniglio?/Perché indossi quello stupido costume da uomo?"

Dr.mabuse 22/03/18 12:11 - 8 commenti

I gusti di Dr.mabuse

Il liceale Donnie Darko, alterato/potenziato dalla sua bipolarità come nell'antefatto della vita di un antieroe Marvel, assiste alla frana delle speranze della middle-class U.S.A., protetto dalle schegge e dalle macerie di simboli, significati e valori all'interno del suo tunnel spazio-temporale. La sua vita a Middlesex County è chiara come in un presagio, cattiva come una nemesi, reale come un dèjà-vu. A distanza di un decennio arriva un geniale commiato agli Anni Ottanta, struggente per chi visse giovane quegli anni sognando a occhi aperti.

Taxius 30/10/16 21:07 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Il tipico film che o piace molto o non piace per niente, perché è difficile da decifrare tanto che la stessa trama ha diverse interpretazioni e quindi la visione risulta essere molto soggettiva e può variare da spettatore a spettatore. Si parla di universi tangenti, fine del mondo e paradossi temporali, il tutto visto con gli occhi allucinati del protagonista, un ragazzo disturbato. Cos'è realtà e cos'è allucinazione? sta allo spettatore decidere. Inutile dire che il tutto è molto inquietante e freddo. Colonna sonora top!

Magi94 20/07/17 21:48 - 656 commenti

I gusti di Magi94

I personaggi sono stereotipati (soprattutto Swayze), il film è creato apposta per piacere al pubblico e il fatto che i wormholes siano previsti per davvero dalla relatività generale non lo rende di certo scientificamente accurato. Eppure un'ottima prova di regia e la bravura del protagonista lo rendono un buon teen movie, che lascia impressioni positive, al termine. Tra la (purtroppo lunga) lista di disonesti film con finale a sorpresa di questo tipo è certamente uno dei più riusciti. Certo non all'altezza della sua fama cult, ma interessante.

Minitina80 1/04/18 12:44 - 2300 commenti

I gusti di Minitina80

Curiosamente divenuto oggetto di culto, gli si può effettivamente riconoscere un’originalità di fondo sul piano narrativo. Difficile scovare una chiave di lettura univoca, probabilmente nemmeno esiste un’unica spiegazione in grado di dargli un significato. Forse è proprio questo senso di incompiutezza, insieme alle parentesi surreali, a rapire l’attenzione dello spettatore. Qualche buona intuizione gli permette di essere notato dalla moltitudine di consimili, ma non è quel capolavoro come molti affermano perché i difetti non mancano.

Pesten 18/10/18 08:55 - 632 commenti

I gusti di Pesten

Ora cult ora baggianata, da anni critici di professione o meno girano intorno a questi concetti. Donnie Darko è un film triste. Possiamo scavare nel significato degli accadimenti, nel finale, se il tutto è serio o un tentativo fallito di cinema visionario, ma il senso di tristezza, profonda, che rimane dopo la visione è netto. Donnie è la tristezza, la solitudine e la rabbia passiva dell'adolescente problematico, magari anche malato, in questa società bigotta. E tanto basta per meritare almeno una visione attenta.

Ultimo 13/03/19 10:31 - 1346 commenti

I gusti di Ultimo

Un adolescente piuttosto problematico ha le visioni di un coniglio che prevede la fine del mondo. Film molto particolare, per nulla facile da seguire in quanto bisogna scavare nella testa del protagonista per capire fino in fondo cosa stia succedendo. In ogni caso funziona, grazie a un bravissimo Jake Gyllenhaal (alle prime armi...) e a un cast di contorno ben assortito. Psicologico, irrazionale a tratti, ma comunque riuscito.
MEMORABILE: Il discorso di Donnie contro Patrick Swayze.

Redeyes 29/03/19 08:29 - 2130 commenti

I gusti di Redeyes

Pellicola di culto che viaggia spedita su due piani non poi così nettamente distinti. Da un lato l'aspetto new-age che serve, persino con trovate banali, a nascondere il significato di fondo, che ha un peso specifico ben diverso. In un' atmosfera che ricorda il clip di "Black hole sun" dei Siundgarden si muovono i destini "pilotati" degli abitanti assuefatti e assoggettati ai media. In questo plastificato villaggio mal si muovono i non allineati, spesso ghettizzati. Eccellente il giovane Gyllenhaal!

Rambo90 8/10/19 00:22 - 6316 commenti

I gusti di Rambo90

Indubbiamente affascinante, nonostante una sceneggiatura che apre un po' troppe strade senza chiuderle (o dimenticandole man mano) e un ritmo a tratti letargico. Il merito maggiore del film sta nel creare un'atmosfera che ti porta a seguire il tutto chiedendoti dove andrà a parare, regalando poi un finale soddisfacente quanto foriero di riflessioni e interpretazioni. Molto bene il cast, dal protagonista fino ai ruoli minori.

Zio bacco 26/04/20 10:26 - 240 commenti

I gusti di Zio bacco

Difficile da etichettare e, a distanza di quasi vent'anni, è difficile decretarne gli effettivi meriti. La sensazione è che la trama si sviluppi lentamente, tanto più che spesso si è in attesa di un evento che sconvolga la narrazione. In realtà, una sceneggiatura piuttosto furba riesce a far scivolare gli eventi tenendo incollato lo spettatore, malgrado le troppe scene non spiegate. Buone le prove di Swayze e Gyllenhaal, in rampa di lancio. Ottime le musiche. Se l'idea fosse stata sviluppata meglio, forse non era solo un buon film.

Pumpkh75 22/05/20 16:52 - 1297 commenti

I gusti di Pumpkh75

L’età (la nostra, non la sua) lo ha eroso. Allora le nostre gioventù potevano risultarne squassate, ora solo l’iconicità del coniglio gigante e il piano sequenza su "Head Over Heels" riescono a metter radice nella memoria: il tormento di Gyllenhaal sembra stordirlo, il carosello di luci notturne non proietta più ombre, le riflessioni esistenziali sembrano avvilite dalle pellicole che l’hanno superato. Restano più che valide la regia di Kelly e il paradosso temporale. Un fiore profumato, ma di quelli che appassiscono tra le pagine dei libri.

Mickes2 30/05/20 01:27 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Visto oggi, è un lavoro tanto affascinante quanto ripiegato sulla troppa argomentazione proposta. Stilisticamente invidiabile e di grande suggestione visiva, Kelly (grande fan di Lynch) narra per addizioni un film che (al di là delle sventagliate intellettuali) rapisce e parla di speranze mai sopite, di tempo perduto e di lontananze sentimentali, comunque mai urlate e solo tristemente suggerite (la famiglia presente ma distante). Ma sopratutto, il desiderio (tutto adolescenziale) di sacrificare il proprio destino per il bene degli altri.

Bubobubo 31/05/20 17:40 - 1183 commenti

I gusti di Bubobubo

Prendete un sistema formale che ammetta l'esistenza di mondi possibili alternativi a quello dell'osservatore: spaziotempi in cui infiniti ed esclusivi stati di cose futuri si diramano dal dipanarsi fattuale degli eventi. Conta forse qualcosa che in un sogno o, addirittura, in una fantasia borderline adolescenziale il cerchio della logica tenda perpetuamente ai lati di un poligono, senza mai coincidere con esso? Probabilmente no. Con questi occhi va visto il classico di Kelly: film-Gestalt, che ancor oggi vale assai più delle sue singole parti.
MEMORABILE: Resa dei conti con Frank.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Blackmamba • 6/12/08 22:14
    Stagista - 1 interventi
    Il film è dichiaratamente debitore (per struttura narrativa) a "L'ultima tentazione di Cristo" (il capolavoro di Scorsese è proiettato in una delle sale del cinema in cui si recano Donnie e la ragazza)
  • Discussione Rebis • 6/12/08 23:12
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Blackmamba ebbe a dire:
    Il film è dichiaratamente debitore (per struttura narrativa) a "L'ultima tentazione di Cristo" (il capolavoro di Scorsese è proiettato in una delle sale del cinema in cui si recano Donnie e la ragazza)

    Interessante! Potresti specificare quali sono le analogie?
  • Curiosità Brainiac • 30/07/09 12:43
    Addetto riparazione hardware - 1469 interventi
    _______Spoiler________



    Il misterioso coniglio gigante che compare anche nel nuovo film,in uscita,S.Darko,altri non è che Frank(James Duval)il ragazzo dell'altra sorella di Donnie,Elizabeth,interpretata da maggie Gyllenhaal.

    ________Fine Spoiler_________

    Fonte:Nocturno,Luglio 2009
  • Homevideo Gestarsh99 • 20/07/11 11:13
    Scrivano - 14020 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray (Director's Cut) Disc dal 10/08/2011 per Mondo Home Entertainment:

    DATI TECNICI

    * Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio 5.1 DTS: Italiano
    5.1 DTS HD: Inglese
    5.1 PCM: Italiano
    * Sottotitoli Italiano per non udenti
    * Extra 160 MINUTI DI CONTENUTI SPECIALI!
    Documentario: Il culto di Donnie Darko
    Darkomentario - Il primo fan di Donnie Darko
    Video Mad World di Gary Jules
    Trailer originale
    Diario di produzione
    Controlla la paura
    Dalla Director's Cut alla versione Theatrical: Le scene tagliate
    LIVE! – Intervista Coming Soon
    Interviste agli attori e al cast
    Dietro le quinte
    Ultima modifica: 24/09/19 16:58 da Zender
  • Musiche Didda23 • 1/10/11 12:57
    Comunicazione esterna - 5711 interventi
    La canzone Mad World by Gary Jules facente parte della colonna sonora:

    Video diretto da un certo Gondry...

    http://www.youtube.com/watch?v=4N3N1MlvVc4


    e la versione originale di Mad World by Tears for Fears:

    http://www.youtube.com/watch?v=3gFl2OXySs8
    Ultima modifica: 1/10/11 13:00 da Didda23
  • Discussione Didda23 • 1/10/11 12:58
    Comunicazione esterna - 5711 interventi
    Caro Rebis in musiche ho postato le due versioni della canzone Mad World, spero tu possa gradire.
    A presto!
  • Discussione Rebis • 1/10/11 17:55
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Grazie caro! Direi proprio che non c'è confronto :)
  • Homevideo Taxius • 20/09/19 10:37
    Portaborse - 168 interventi
    In arrivo la ristampa targata Midnight Factory
  • Homevideo Noncha17 • 24/09/19 15:35
    Magazziniere - 1077 interventi
    In realtà, non è una vera e propria ristampa.. ;)

    Il master sarà lo stesso della Arrow e conterrà entrambe le versioni del film.

    Amazon


    P.S.: I BD saranno 3.