Cerca per genere
Attori/registi più presenti

C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 41
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/9/19 DAL BENEMERITO JANDILEIDA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 22/9/19
Non è uno dei mille film che parte dalla fine per riavvolgere il nastro in flashback, ma concettualmente è così che deve aver proceduto Tarantino nella stesura: centrale, totalizzante è la strage di Cielo drive, quella per cui Charles Manson è ancor oggi icona di orrori folli e ingiustificati, mandante occulto di efferatezze passate alla storia del crimine. Tutto il film sembra sotterraneamente condurre in quella sfortunata strada fin dall'inizio: è lì che il divo in declino di tanti western Rick Dalton (DiCaprio) acquista una villa, accanto a quella in cui vive Polanski assieme alla splendida Sharon Tate (Robbie, radiosa quanto l'originale). Dalton annega nell'alcol i dispiaceri, spesso si abbandona alla depressione e vive quasi in simbiosi con la sua controfigura Cliff Booth (Pitt), inseparabile stuntman dal carattere incline alla rissa al quale fatica anche per questo a garantire il lavoro. Il produttore Marvin Schwarz (Pacino) lo fa capire chiaramente, a Dalton: con il western ormai al tramonto l'unica via per tornare in auge resta l'Italia, dove Sergio Corbucci e gli altri eroi dello spaghetti stanno rilanciando il genere. Una prospettiva che a Dalton non alletta e che inizialmente rifugge recitando in qualche film minore. Nel frattempo Booth, a corto di lavoro, gira in auto per Hollywood e dà un passaggio a una hippie che lo accompagna al famigerato Spahn Ranch, dove la giovane vive assieme a un'altra cinquantina di ragazze seguaci di quel Charlie che sappiamo tutti essere Manson. Assieme alle escursioni per la città di Sharon Tate, la cui frequente presenza in scena testimonia gli intenti primari del progetto, sono i due segmenti intrecciati che vanno ad animare una storia il cui obiettivo immediato è immergerci quanto più possibile nella realtà della Hollywood di fine Sessanta. Con una ricostruzione inappuntabile e l'abituale contorno di hit del periodo straordinariamente selezionate ("Hush" dei Deep Purple e "You Keep me Hanging On" dei Vanilla Fudge tra le più azzeccate), l'ambientazione rifulge a confermare il talento non comune di Tarantino, il quale però sembra aver perso molta della proverbiale arguzia nella scrittura dei dialoghi. Senza poter contare su personaggi indimenticabili, non ritrova se non a sprazzi la brillantezza che ne ha contraddistinto le fasi migliori della carriera e si perde in divagazioni a sfondo cinefilo spesso poco incisive, che assunte in dosi massicce (il film dura 2h40'!) appesantiscono l'insieme. DiCaprio ha carisma, Pitt il fisico e il sorriso da canaglia che a 56 anni ancora lo promuovono a sex-symbol, eppure si avverte molto più che altrove l'approccio superficiale che Tarantino aveva sempre saputo mascherare con sublimi iniezioni di tecnica. Che anche qui non manca, sia chiaro: nelle inquadrature, nei movimenti, negli stacchi e nei primi piani... Il gusto e lo stile sono sempre di livello altissimo, ma è solo nell'ultima parte, in cui la furia iconoclasta del finale di BASTARDI SENZA GLORIA trova espressione più compiuta trasformandosi da divertissement storico a senso ultimo dell'operazione, che il progetto di ONCE UPON A TIME... IN HOLLYWOOD trova la sua ragion d'essere. Il resto fa da ricco contorno, con picchi non concessi al 90% degli altri registi e molti riempitivi che omaggiano il western destinati a deliziare i fan, già estasiati dalle feste con Steve McQueen (Lewis, pressoché identico) o dalla zuffa con Bruce Lee (Moh), dagli accrocchi digitali che portano DiCaprio sul set della GRANDE FUGA o da Luke Perry per l'ultima volta davanti alla macchina da presa. Certo, come in ogni film di Tarantino la settima arte esplode in un carnevale di finezze e una pioggia scrosciante di citazioni "colte", ma quando il gioco diventa troppo fine a se stesso rischia di farsi stucchevole o comunque non sufficiente a conquistare chi magari qualcosa di più vorrebbe. E allora eccoci: la deflagrazione splatter finale, in cui con coraggiosa ironia si dà libero sfogo agli impulsi vendicativi repressi di un'intera generazione, diventa la sublimazione metacinematografica del manicheismo grossolano su cui gran parte dei film americani di genere si fonda, recuperando in coda un concetto alto in grado di porsi come tarantiniano contraltare alla ricca, disimpegnata superficialità dell'insieme.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Puppigallo 20/9/19 23:48 - 4340 commenti

Il sospetto è che Tarantino abbia deciso di fare film per sè; poi se piacciono anche al pubblico, tanto meglio (un po' egoistico e molto rischioso). In questo caso, se si esclude la ricostruzione audiovisiva di quegli anni, ciò che dà almeno un perchè al tutto non è la sceneggiatura, con finale, che parte bene, scivolando poi troppo nel pulp demenziale, in questa favolesca riscossa dei "buoni", o l'attore in parabola discendente, ma la figura dello stuntman, grazie alla buona performance di Pitt. Il resto è la solita vagonata di omaggi, con tanto di ridicolizzazione di Bruce Lee. Troppo poco.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Pitt in muta da sub, con maschera e fucile in mano, ascolta la moglie, che gli dà del fallito; La visita di Pitt alla setta, con "cambio gomma".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Cotola 8/10/19 13:19 - 7042 commenti

Omaggio divertente e parzialmente riuscito alla Hollywood che fu ed al cinema amato (e qui anche affettuosamente parodiato) da Tarantino. Per questo film, più che per altri del regista, il gradimento dipende dall'avere o meno una certa "cultura" cinematografica e cioè nel conoscere ciò di cui il regista parla: altrimenti il rischio di perdersi più di qualcosa è alto. Non ci si annoia mai (se si conosce ed ama Tarantino) ma la maxi durata è ingiustificata: c'è chi potrebbe gradire poco. Troppo fine a se stesso e manchevole di quel qualcosa che lo renda se non mitico, almeno grande.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I riferimenti agli spaghetti-western; Bruce Lee; Pitt ed il cane; La parte finale; "Roba da diavolo". .
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Tarabas 18/9/19 9:35 - 1621 commenti

Il cinema può cambiare la storia, così come aveva ucciso Hitler in Bastardi senza gloria. Questo sembra dire Tarantino con il film, una rutilante, esilarante, visivamente perfetta divagazione sul cinema minore sixties. Musica, ambientazione, messa in scena, tutto perfetto e (stavolta) perfettamente funzionale al racconto. Divertimento cinefilo assicurato dai molteplici incastri di "film nel film", con due star al loro meglio e un cast fantastico. Peccato quei cinque minuti di ridicolo splatter.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Resta impressa la sequenza dei neon che si accendono nella notte di LA (e ovviamente Margot Robbie, sempre e comunque).
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Caesars 30/9/19 11:11 - 2474 commenti

Tarantino ancora una volta mescola la Storia con le sue storie e nel farlo non si esime nemmeno dal modificare i fatti reali. Il risultato finale è buono, a patto di gradire le mille citazioni cinematografiche che disseminano la pellicola. Davvero valide le interpretazioni di Di Caprio e di Pitt e bella la ricostruzione di un'epoca indimenticabile. Ottima, al solito, la scelta delle musiche. Due ore e quaranta passano senza un attimo di noia e questo è sicuramente un gran risultato.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 12/9/19 20:35 - 3112 commenti

Un Tarantino decisamente in forma dipinge con grande padronanza stilistica e libertà di espressione (contro ogni moda attuale, gli hippy sono descritti come rifiuti della società) storie di cinema d'altri tempi interessanti più per come sono raccontate (la sceneggiatura, ancora una volta, è vincente) che per quello che raccontano. Scene di grande forza (la parentesi fuori porta di Pitt) si alternano a fasi eccessivamente tirate per le lunghe (Di Caprio sul set). Efficace il contrasto tra l'eccessivo pre-finale e la chiusa silenziosa e beffarda.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Matalo! 24/9/19 13:08 - 1360 commenti

Questo ipertrofico, confuso omaggio all'epoca non più d'oro di Hollywood pare per gran parte gonfio di un citazionismo patologico che ben poco ha da dare, ormai. Le tre storie perdono spesso le briglie e manca una vera spina dorsale che ci porti ad amare un racconto di Perdenti e Vincenti e un'Ombra nera che sta per posarsi. Un plauso al cast, eccezionale e ben diretto. Visto in lingua originale non è faticoso da seguire. Su tutti Brad Pitt, una tantum.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

124c 23/9/19 1:29 - 2694 commenti

Quentin Tarantino, il cinema e la tv della fine degli anni '60, cioè di quand'era soltanto un bambino, raccontati con gli occhi dell'attore caduto in disgrazia Leonardo di Caprio e della sua controfigura, che gli fa anche da tuttofare, Brad Pitt. Diverse le citazioni e i rimandi a quell'epoca (i folli hippy di Charles Manson in primis), con i due protagonisti che fanno a gara a chi è il più bravo; specie Brad Pitt, che carica a bordo autostoppiste minorenni che gli vendono sigarette drogate e ci provano con lui. Grandioso e splatter il finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Brad Pitt versus Bruce Lee; Il produttore Al Pacino; Margot Robbie nei panni di Sharon Tate.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Redeyes 30/9/19 18:10 - 2045 commenti

Specchio specchio delle mie brame sono io il più bravo del reame? Da questo quesito muove i passi il nostro Quentin, più attento a dispensare amor proprio e per il cinema che a regalarci un quadro realmente godibile. Sia chiaro, la pellicola non è male, ma pare quasi sorreggersi più sull'idea, sul sogno che sulla realtà; la verbosità che ci piace invece si defila, il pulp appare in pochi frangenti e la dinamicità soccombe. Per assurdo che sia, senza i due "mostri" sacri Brad e sopratutto Leo saremmo qua a enfatizzarlo?

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La pappa al cane; La visita al ranch di Manson; Il "sacrilego" match con Bruce Lee.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Fabbiu 26/9/19 22:17 - 1892 commenti

Al nono titolo Tarantino presenta la summa delle dichiarazioni d'amore per il cinema con cui si è formato. Trasuda di trovate tipiche del suo stile, mentre vengono ridotti sia la dose di violenza, relegata perlopiù all'atteso momento della rivalsa punitiva, che i dialoghi, meno frenetici e ansiogeni della norma. E' interessante la costruzione delle aspettative verso il finale, suggerita tramite alcuni depistaggi nei confronti della curiosità dello spettatore. Musiche e ambientazioni eccellenti, come le interpretazioni di tutto il cast.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Visita allo Spahn Movie Ranch.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Mco 25/9/19 14:29 - 2086 commenti

L'opus di Tarantino è come un enorme uovo di Pasqua. Non si vede l'ora di scoprirne la sorpresa ma, per farlo, occorre prima togliere la carta e poi rompere il cioccolato che la nasconde. Qui servono due ore verbose, ricche di citazioni cinefile ma povere di reale interesse, per arrivare a gustare un momentum di quelli inobliabili. Pitt in acido e Di Caprio con il lanciafiamme sono emblemi di un cinema degli eccessi che travolge tutto e tutti, disperdendo nel sangue chi tentava di fare altrettanto con loro. Film intermittente ma che abbacina.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Stanno tutti bene?", "No, gli hippy direi di no"; La Robbie al cinema con i piedi sulle poltroncine; Pitt che prepara la pappa al cane.
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)

Enzus79 21/9/19 0:12 - 1578 commenti

Capolavoro. Una genialata firmata Quentin Tarantino. Ricostruire (alla Bastardi senza gloria) uno dei periodi di maggior splendore come quello del cinema hollywoodiano anni '60/'70 non era facile, perdipiù usando come contraltare quello degli hippie. Finale da applausi, in cui le scene al limite dello splatter non incidono sul giudizio finale. Ottimo il cast, dai protagonisti agli attori di seconda fascia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incontro con Al Pacino; Il finale.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Giapo 23/9/19 10:14 - 228 commenti

Attraverso le vicissitudini di un attore sul viale del tramonto e del suo stuntman, Tarantino rende omaggio a un cinema d'altri tempi. Privo di una vera e propria storia, è una carrellata di personaggi straordinari e situazioni paradossali fino al finale folle e nostalgico che, come il cinema, confonde realtà, sogno e mito. Zeppo di (auto)citazioni, è una leccornia per i fan tarantiniani, altri potrebbero non gradire. Regia e musiche da sballo, Brad Pitt sopra le righe.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il lanciafiamme; La ruota bucata.
I gusti di Giapo (Gangster - Horror - Thriller)

Rambo90 18/9/19 1:48 - 5884 commenti

Un Tarantino troppo autocompiaciuto della sua cinefilia, che crea un giochino fine a se stesso in cui smonta la storia (volendo anche in modo oltraggioso) per regalarci un film fiume su una Hollywood in parte ben ritratta e in parte inventata di sana pianta. Resta sterile il tutto, pur con momenti riusciti e con le ottime interpretazioni della coppia DiCaprio-Pitt (la Robbie, pur brava, è in ombra), fino a un finale parodistico inatteso e che lascia tanto amaro in bocca. Bella fotografia, belle riprese ma sembra tutto uno scherzo.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Fauno 28/9/19 1:26 - 1822 commenti

Disumano andare avanti per i 9/10 del film in un esercizio di stile che va a imporre alla Hollywood del '69 il postulato odierno "uno uguale a uno", infarcendo il tutto con cartellonistica e pubblicità dell'epoca e finendo per far godere la visione solo quando si è sul personaggio della controfigura interpretato da Pitt, mentre la Robbie è la classica bambola di pezza e la Qualley anche se valida è assai prevedibile. Poi Tarantino si ricorda chi è e fa un finale col botto con le più belle scene mai girate da lui, ma la smargiassata dell'attesa è imperdonabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'accompagnamento di "You keep me hanging on" dei Vanilla Fudge sulla scena clou del film; Le provocazioni di Pussycat a Cliff in auto.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Il ferrini 19/9/19 14:34 - 1493 commenti

Un film per chi ama i film, diretto e interpretato in modo impeccabile con un cast stellare e una colonna sonora perfetta. Brad Pitt nel ruolo della vita, personaggio memorabile al quale Tarantino affida i momenti più esilaranti (la visita a Bruce Dern, lo scontro con Bruce Lee, il finale in acido). Una fiaba, così come da titolo, che regala un lieto fine là dove purtroppo non c'è stato e infatti Dalton (Di Caprio) non incontrerà mai Polanski ed è per questo che non ricordiamo chi sia. Impossibile non esserne travolti. Maestoso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Io ti conosco! Chi sei tu?" "Io sono il Diavolo e sono venuto a fare gli affari del diavolo". "Ma no... era una cosa più stupida. Tipo Rex".
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Taxius 23/9/19 22:16 - 1349 commenti

Tarantino cambia, si evolve, per una volta abbandona il suo classico cinema pieno di sangue e morti ammazzati in luogo di una splendida favola fatta di eroi e principesse, mostri e hippie, ambientando il tutto in un mondo incantato che corrisponde alla Hollywood degli anni 60. Il film è un insieme di tante piccole trame che poi si uniscono e si intrecciano fino a creare una magica favola partorita da un uomo che vede il cinema come unica forza in grado di cambiare non solo il futuro ma anche il passato. Cinema allo stato puro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La coppia DiCaprio/Pitt; Il feticismo di Tarantino per i piedi; Cliff vs Bruce Lee; Cliff e la moglie in barca; Cliff sotto acidi; Il lanciafiamme.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Jandileida 6/9/19 17:10 - 1136 commenti

Finalmente un Quentin grand cru: sarà perché trasuda amore per il cinema, sarà perché c'è di mezzo lo spaghetti western, sarà perché Di Caprio e Pitt sono una coppia fantastica, sarà perché Tarantino sa usare una cinepresa... Insomma, ognuno si scelga il proprio sarà ma le due ore e mezza di film scorrono via che è una bellezza. Pieno di idee come ai bei tempi e con una grande colonna sonora; a volergli muovere un appunto la tragica storia della Tate non sembra centrare molto, in questo rutilante viaggio per i sentieri di una Hollywood minore e scomparsa.
I gusti di Jandileida (Azione - Drammatico - Guerra)

Gabrius79 25/9/19 22:50 - 1117 commenti

La classe e lo stile di Tarantino sono indubbie, però il film funziona a metà. La prima parte è lenta e tirata troppo per le lunghe rischiando di far quasi sbadigliare. Fortunatamente ci si riscatta con una seconda parte coinvolgente e ricca di azione e sprazzi di humour talvolta involontario. Scontro tra titani fra Di Caprio e Pitt, ma quest’ultimo vince ai punti. E poi c’è la deliziosa e dolce Robbie, che è il valore aggiunto. Buone ricostruzioni d’epoca. Vedibile ma francamente troppo lungo.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Kinodrop 23/9/19 20:51 - 1112 commenti

Una Hollywood del tempo che fu, immaginata a suo uso e consumo e ridotta a una serie di "quadri" disomogenei sbilanciati verso un western cartoonesco. Il regista sembra aver perso la fluidità del narrare e del rapporto delle parti col tutto, indugiando in lunghezze (o stringatezze) e in inutili strascicamenti che non possono essere "ricuciti" dalla fama di due divi che procedono come rette parallele. Peccato anche per il sottoutilizzo della "quasi muta" Robbie e del "ciarliero" Al Pacino; un exploit di autoreferenzialità in mancanza di vere idee.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La misera divagazione sulla trasferta romana e l'irritante e improvvida voce off; Il ranch hippie; Le scazzottate di Cliff; Le crisi di Rick.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Jena 24/9/19 16:55 - 1037 commenti

Come sempre Tarantino non dice nulla, ma lo dice benissimo... Film omaggio agli anni 60, al suo cinema di genere (lo spaghetti western in particolare) e sopratutto alla sua musica, non ha una vera storia e Quentin si perde un tantinello, con chiacchiere e attori illustri che si limitano a comparsate (veramente sprecato Al Pacino). In compenso DiCaprio è sempre da spellarsi le mani (più defilato Brad Pitt), alcune scene sono spassose e il violentissimo finale è tarantiniano al 100%. Quasi tre ore che scorrono senza accorgersene e non è poco...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Tutte le scene della serie western con DiCaprio; DiCaprio col lanciafiamme contro i nazi e in La grande fuga.
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Digital 19/9/19 12:15 - 1036 commenti

Un Tarantino on fire dirige un rifulgente, scoppiettante film che è un omaggio al cinema d’altri tempi, ma anche un irresistibile divertissement. Avvalendosi di una coppia di protagonisti d'indubbia bravura, la pellicola viaggia come un treno, non facendo affatto pesare le quasi tre ore di durata, con un ritmo alacre e sequenze esilaranti (da menzionare Di Caprio col lanciafiamme e Pitt che prepara il cibo al cane). Bellissima la parentesi (invero breve) dedicata agli spaghetti western e i film di genere italiani (con tanto di locandine farlocche).
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)

Von Leppe 19/9/19 19:18 - 942 commenti

Sicuramente non è uno di quei film biografici/storici che vogliono sembrare seri, in cui dopo il finale viene scritto come sono andate le cose veramente, anche se lascia un po' perplessi l'operazione effettuata da Tarantino sulla storia di Sharon Tate; ma gli eroi qui sono Rick Dalton e Cliff Booth e infatti l'opera mescola personaggi reali e fantasiosi. Comunque divertente, soprattutto la parte finale, con quella sfuriata splatter del tutto gratuita.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il “cameo” di Gordon Mitchell.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Xamini   18/9/19 13:46 - 907 commenti

Con la scusa di focalizzarsi sulle circostanze dell'eccidio di Cielo Drive (in chiave tarantiniana, ossia in qualche modo catartica), il nostro racconta un periodo e un contesto del tutto peculiari e riconoscibili, mettendo in scena un duo sicuramente riuscito (DiCaprio e Pitt), profondendosi in citazioni e prese per i fondelli assortiti (Bruce Lee ma anche se medesimo, allorché ridicolizza il suo stesso modo di creare tensione). Alcune inquadrature (specie quelle in movimento, ma anche i tagli inclinati) sono di spessore, ma i dialoghi brillano meno del solito e, salvo la scena risolutiva, il film viene spesso a noia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena madre.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Bubobubo 22/9/19 15:08 - 880 commenti

Curioso come un film così visceralmente tarantiniano (nei colori, nelle riprese, nel citazionismo...) sia, al contempo, così poco tarantiniano. È, per dirla con il compianto Fisher, un Tarantino hauntologico al quadrato, nostalgico di ciò che non è più e di ciò che non è stato: pittore di una storia come la immagina lui, ma soprattutto narratore di un tempo astratto che scorre e non ritorna indietro. La storia, pochissima cosa, si genuflette a un mood introspettivo in cui gli ultimi e sanguinari 10', per quanto divertenti, stonano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Mentre Dalton-DiCaprio si dimentica le battute sul set, Robbie-Tate va a vedere sé stessa al cinema; Tensione al ranch.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Lou 6/10/19 19:53 - 827 commenti

Tarantino prende spunto dall'efferato omicidio di Sharon Tate del '69 per rivisitare a suo modo gli eventi, ma più che altro per raccontare, tra omaggio e derisione, la Hollywood di quegli anni. Due ore di noia mortale fanno da introduzione alla mezz'ora di azione finale, con inevitabile resa dei conti splatter. Il regista americano è sempre più compiaciuto, ormai convinto di potersi permettere qualsiasi cosa. Nulla da eccepire per quanto attiene alla tecnica, al cast stellare, all'ottima ricostruzione e all'uso della musica, ma non basta.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Nancy 6/10/19 13:40 - 770 commenti

Tarantino gira su se stesso e fa un film vuoto, fiero del sostegno facile di chi in nome di una mania collettiva comunque paga il prezzo del biglietto (chi scrive compresa). Una serie di scenette inutili compongono il primo tempo, in cui tutto il divertimento sta nel cogliere i riferimenti. Nel secondo qualcosa si muove (unica scena salvabile quella con Bruce Dern), ma viene soffocato dalla necessità di ultraviolenza gratuita e sbrigativa con cui si conclude. Di cattivo gusto tutta una serie di inquadrature fetish.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Rocchiola 27/9/19 9:11 - 650 commenti

Come compilation di citazioni cinefilo-musicali è eccezionale, ma come film risulta del tutto inconsistente. Nel suo girovagare per la Los Angeles della “Summer of love” tra finzione e realtà, Tarantino finisce per annoiare come in Hateful eight e anche il tanto strombazzato finale "mansoniano" delude, con una violenza parodistica difficile da prendere sul serio. E se in Bastardi senza gloria si permetteva di riscrivere la storia con ambizioni da metacinema, qui semplicemente rifiuta in modo del tutto gratuito la realtà storica degli eventi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Pitt che manda al tappeto un Bruce Lee eccessivamente ciarliero; La lezione dell’attrice bambina a DiCaprio; La visita al ranch di Manson.
I gusti di Rocchiola (Guerra - Poliziesco - Western)

Magi94 7/9/19 12:12 - 540 commenti

Manieristico all'inverosimile come ogni Tarantino, specialmente nella descrizione di una Hollywood anni '60 brillante e moderna, con Roman Polanski hipster ricercato. Buona parte del film punta alla "riscrittura della storia" (come in Bastardi senza gloria) dell'omicidio Tate, ma si fatica a trovare il perché di una simile operazione che finisce per non convincere per nulla, soprattutto con quel ritratto così falsato della famiglia Manson. Molto meglio le parti in cui Di Caprio è sul (finto) set, puro divertimento per ogni amante del cinema.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il film western e tutto ciò che gli ruota intorno, con il volubile Di Caprio e il suo terrore degli spaghetti western; La scena di tensione nel ranch.
I gusti di Magi94 (Commedia - Drammatico - Horror)

Maxx g 2/10/19 16:48 - 440 commenti

Nono film di Tarantino, è una sorta di omaggio che il regista fa... a se stesso, con tutto ciò che gli piace. La storia è una "non storia", nel senso che dovrebbe raccontare le vicende di un attore e della sua controfigura, ma si perde in sottotrame che potevano essere tranquillamente sforbiciate. Certo, il divertimento non si discute, ma si ha l'impressione di qualcosa di autocelebrativo: due ore e 40 insomma sono troppe. Qualche incursione di dubbio gusto come il massacro prima della fine. Merita una visione ma senza aspettarsi troppo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il duello tra Bruce Lee e Brad Pitt; Sharon Tate divertita al cinema.
I gusti di Maxx g (Comico - Horror - Western)

Thedude94 28/9/19 1:18 - 366 commenti

Rick Dalton entra a tutti gli effetti nell'universo tarantiniano con questo film, che rappresenta tutto l'amore che il regista americano ha per il cinema di ogni genere e forma. La maestria della regia e la freschezza del montaggio fanno da base solida a una storia di fallimenti, amicizia e follia che riesce a intrattenere poiché non disturba, anzi coinvolge, mediante quelle scene in cui un ottimo Pitt e un meraviglioso Di Caprio vanno sopra le righe. Ottima la Robbie, la quale rappresenta quel cinema hollywoodiano che forse non esiste più.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Tutto il finale.
I gusti di Thedude94 (Drammatico - Gangster - Sentimentale)

Noodles 3/10/19 0:45 - 306 commenti

Le ricostruzioni dell'epoca e alcuni personaggi varrebbero l'Oscar e ovviamente il prezzo del biglietto. Per non parlare della sceneggiatura e di un ritmo sempre avvincente, nonché di due grandi Pitt e Di Caprio. Tarantino però gira un po' per se stesso e riempie il suo film di citazioni dei suoi registi e film di culto e di altri tipici cliché del suo cinema, finendo per annoiare. Finale che deluderà molti. Riscrivere la storia è un'operazione interessante, ma qui non è stata fatta al meglio.
I gusti di Noodles (Commedia - Drammatico - Horror)

Samdalmas 9/10/19 11:10 - 288 commenti

Tarantino al nono film rende omaggio al cinema con cui è cresciuto e al tempo stesso racconta la fine degli anni '60. Mescola in modo disinvolto spaghetti western, Bruce Lee e la setta di Manson. Non tutto è perfetto ma viene salvato dai due protagonisti: Di Caprio e Pitt sono in ottima forma. Meno memorabile la Robbie come Sharon Tate. Sempre notevole la soundtrack, con tanto di Vanilla Fudge.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "A Charlie piacerai".
I gusti di Samdalmas (Musicale - Poliziesco - Thriller)

Fedeerra 13/10/19 22:25 - 287 commenti

Il prefinale è scioccante, abbacinante; il finale sottile e beffardo. Peccato che per arrivarci occorra sorbirsi 100 minuti di totale autocelebrazione mista a noia. La si tira per le lunghe e alla fine l’autorialità (uno scopo per cui è nato questo film) si sfilaccia e si perde nel vuoto. Sprecatissime Margot Robbie e Margaret Qualley. In definitiva un ni!
I gusti di Fedeerra (Drammatico - Horror - Thriller)

Mtine 21/9/19 18:47 - 220 commenti

È il film che non ti aspetti da Tarantino, ma forse anche la cosa più prevedibile che potesse fare in questa fase della sua carriera: affresco povero di contenuti e trama di un certo cinema di serie B, iper(auto)citazionista, è tanto spropositato nelle sue 2 ore e 40 di durata filmica quanto contenuto nella durata della narrazione. Si lascia vedere per la bravura degli interpreti maschili e per il talento di Tarantino, ma indispone per l'inutilità di fondo dell'operazione e per un finale fuori luogo, che ha però il merito di dare senso al film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Un calzante Al Pacino; L'inutile quanto ben realizzata scena del film nel film western.
I gusti di Mtine (Comico - Giallo - Thriller)

Victorvega 6/10/19 15:21 - 190 commenti

Tarantino è così colmo di talento che per fare un film brutto dovrebbe esser costretto con una pistola. In caso contrario qualcosa di buono riesce sempre. Succede anche in questo film che, a vederlo sotto un'altra ottica, per certi versi è il meno tarantiniano dei suoi, perlomeno prima del violento quarto d'ora finale. Tecnicamente ineccepibile ma eccessivamente dilatato. Il suo omaggio al cinema di genere prende altre forme, non rappresentandone una versione moderna ma mostrando il making of. Di Caprio e Pitt al top.
I gusti di Victorvega (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Josephtura 23/9/19 11:43 - 126 commenti

Nel complesso sembra che il film e i film di Tarantino più in generale siano molto assimilabili alla musica della west coast, con un forte dose di psichedelia. Si passa nello stesso album/film dalla commedia al film d'azione a tinte splatter, come nella west coast si passava dalla ballad/folk al blues rock, dalla psichedelia al rock-FM. Si sale sulle montagne russe con Pitt e si raggiungono vette da grande cinema, si cala con DiCaprio. Finale distopico e con un climax strepitoso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le parti con Pitt; Tutta la sequenza al ranch; Il Playboy party; La parte finale, una nemesi catartica.
I gusti di Josephtura (Documentario - Fantastico - Guerra)

Noncha17 19/9/19 22:00 - 87 commenti

Stavolta il nostro Quentin ci fa vedere come si girava un western cinquant'anni fa... E, per l'occasione, ci racconta - tra un excursus pedagogico e l'altro su cinema, radio, TV - cosa accadeva, secondo la sua visione, tra le colline della "capitale del cinema". Esclusi quasi del tutto i dialoghi cervellotici, ci troviamo davanti una pellicola che ha i suoi picchi proprio nei momenti in cui la gran parte del pubblico "acquisito" troverà la noia. Il crescendo nel finale riporterà la bolla in posizione centrale? In generale, un Tarantino più "sommesso"!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Mannix; Lo scorrazzare in auto con Polanski e consorte; Bruce Lee "l'ammaccatore"; Il lato B di Pussy; Le insegne si accendono; La "lancia-fiammata".
I gusti di Noncha17 (Azione - Fantascienza - Giallo)

Vice 21/9/19 21:56 - 15 commenti

Il peggior Tarantino di sempre. Sembra quasi che a dirigere ci sia un sua - inadeguata - controfigura: non ci sono una storia e linea narrativa, il tutto sembra essere ridotto a una serie di episodi fini a se stessi che cozzano con il risultato generale che appare troppo appiattito su un certo autocompiacimento. Non si capisce la direzione che Tarantino ha voluto dare al film: la storia della Tate, la Family, la Hollywood di fine '60, tutti temi buttati ne calderone e analizzati solo superficialmente. Bravo Di Caprio; Robbie, Hirsh e Pacino inutilizzati.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I 10 minuti "alla tarantino" (anche se poco c'entrano col film in generale); Bruce Lee.
I gusti di Vice (Comico - Giallo - Western)

Striscia 22/9/19 15:37 - 9 commenti

Ancora una volta un grande film. Nella splendida ricostruzione della Hollywood che fu Tarantino ci mostra la vita di alcuni personaggi dell'epoca. Le due ore e mezza scorrono velocemente fino al finale col botto; fotografia impeccabile, piani sequenza e inquadrature da manuale di utilizzo della macchina da presa. Accoppiata Di Caprio-Pitt azzeccatissima: si tallonano l'un l'altro in una gara di bravura. Zeppo di riferimenti agli altri otto film del regista ma anche ad altre pellicole. Splendida la Robbie.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il monologo di Di Caprio in roulotte e la visita di Pitt alla comune; Il finale.
I gusti di Striscia (Commedia - Gangster - Thriller)

Dzekobsc16 1/10/19 18:01 - 4 commenti

Sarebbe un buon film da 3 pallini per tre quarti, con una trama comunque godibile e un'ambientazione davvero ben fatta. Di Caprio e Pitt sono in perfetta armonia, la Robbie forse un po' troppo frivola anche se il ruolo necessita un atteggiamento simile. Poi arriva il finale e Tarantino si ricorda di essere Tarantino, estraendo dal cilindro forse una delle migliori scene della sua carriera cinematografica, davvero esplosiva.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Di Caprio che usa il lanciafiamme per bruciare viva la ragazza hippie: Tarantino allo stato puro.
I gusti di Dzekobsc16 (Commedia - Guerra - Thriller)

Ilbaso 2/10/19 12:09 - 2 commenti

Un Tarantino irriconoscibile confeziona un prodotto dall'aspetto gradevole ma completamente assente di plot e archi narrativi. Mancano i classici dialoghi tarantiniani a dare sostanza al tutto e fisionomia ai personaggi. Il film si riduce solo a una serie di scenette assolutamente slegate. Da salvare la regia e il montaggio, come le interpretazioni di Pitt e Di Caprio, tutto il resto è da buttare. Da Pacino a Qualley, cast secondario sprecatissimo. Robbie fondamentalmente muta. Vergognoso il trattamento su Lee, James Dean e Polanski.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I 10 minuti finali che salvano il film, che collidono però con tutto ciò che si è visto prima.
I gusti di Ilbaso (Commedia - Thriller - Western)