LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

La prima cosa che colpisce, nel film di Scola, è la particolare struttura narrativa. Si parte dal finale della storia, in pratica (Mastroianni che tiene per il collo Giannini davanti alla polizia che gli chiede come si sono svolti i fatti) e si ricostruisce la vicenda attraverso flashback (non necessariamente ordinati in ordine cronologico) durante i quali i protagonisti càpita che abbandonino la scena per parlare in macchina e rivolgersi direttamente allo spettatore. Per raccontare quindi quella che in fondo è una semplice storia di corna (con la Vitti a destreggiarsi tra i suoi due amanti), Scola confonde le carte in tavola e punta a stupire con gli espedienti di cui sopra. Perché poi, per il resto, non è...Leggi tutto che il film riesca a convincere appieno: Mastroianni e Giannini sono ottimi attori ma (soprattutto nel primo caso) non danno un apporto fondamentale, Monica Vitti è invece quasi sempre malinconica o imbronciata, sull'orlo del pianto, mostrando come il suo registro prediletto preveda inevitabilmente le lacrime. E’ quella che crea litigi e incomprensioni per la sua volubilità ma poi non sembra mai godere appieno della propria posizione privilegiata. L'ambiente in cui si muovono i tre personaggi chiave è una Roma ben descritta anche nei suoi aspetti meno edificanti (la spiaggia degradata dalle immondizie) e popolari (la festa dell'Unità, le manifestazioni di piazza…) e offre un bello sfondo “verista”. Una sceneggiatura che però non punta se non marginalmente a far sorridere, trasforma il film in un melodramma un po' verboso meno divertente di quanto si legga in giro. Molte note di colore.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/10/06 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Gugly 8/01/08 22:53 - 1010 commenti

I gusti di Gugly

Narrazione di un "triangolo" popolare narrato con la particolare tecnica narrativa che Scola affinerà in C'eravamo tanto amati; le splendide musiche di Trovajoli fanno da contrappunto a scenari che definire degradanti (e, ahimè, attuali) è poco. Mastroianni si imbruttisce con divertimento, fino al commovente finale, Giannini è perfetto nella parte del giovane idealista assolutizzante, la Vitti è, pur oggetto del desiderio irresistibilmente tenera e buffa, come la sorella (Marisa Merlini).

Galbo 15/02/08 06:00 - 11316 commenti

I gusti di Galbo

Bel film di Ettore Scola che si avvale di Age & Scarpelli per una sceneggiatura (ben scritta) che mescola efficacemente la struttura narrativa del melodramma (storia d'amore con tre personaggi) inserendolo in contesto e tradizione popolare (nel film si fa ad esempio largo uso delle "canzonette" che connotano l'ambiente socialmente degradato che da da cornice alla storia). Il film si segnala anche per l'ottima intepretazione del terzetto di attori, nel quale spicca il talento comico di Monica Vitti.

Saldipuma 24/02/09 22:19 - 5 commenti

I gusti di Saldipuma

Esilarante tragicommedia che racconta in chiave ironica un triangolo amoroso di proletari; il muratore Oreste, interpretato magistralmente da Marcello Mastroianni, s'innamora perdutamente della fioraia Adelaide. Quest'ultima dopo l'inizio della relazione con Oreste s'innamora del pizzaiolo fiorentino Nello. Situazioni tragicomiche memorabili: la giostra che gira su un cumulo di spazzatura alla Festa dell'Unità, la melodrammatica scenata di gelosia di Oresta in pizzeria sotto lo sguardo incuriosito di quattro anziane turiste straniere. Finale grottesco.

Stefania 1/02/10 03:03 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Altisonanti dichiarazioni d'amore e goffe tenerezze sugli sfondi squallidi di spiagge-discarica, cantieri edili, mercati generali e Case del Popolo. E' importante la voce dei protagonisti di questo proletario menage a trois: parlano con un lessico da fotoromanzo mescolato a velleitari tentativi di autoanalisi o, peggio, di lettura in chiave socio-politica del banale fattaccio di corna. Ma sono sempre troppo uguali a se stessi, questi personaggi, e Scola ci va giù un po' pesante: forse voleva renderli simpatici, di fatto li rende ridicoli.
MEMORABILE: La sorella di Adelaide che vuole "sistemarla". La seduta di Adelaide con lo psicologo della mutua.

Vanadio 28/04/10 22:42 - 105 commenti

I gusti di Vanadio

Simpatica commedia di Ettore Scola, che con un titolo alla Wertmüller porta in scena un'idea dei validi Age e Scarpelli ambientata nella Roma proletaria (nel senso del PCI). Interessante l'idea di spiegare la vicenda alla cinepresa (ovvero il giudice). Mastroianni è un rozzo muratore credibile, ma in fondo sembra lo stesso un lazzarone; bello e bravo il giovane Giannini; monica Vitti, reduce dalla tediosa incomunicabilità antoniana, si prende in giro molto seriamente. Inquietante il macellaio.
MEMORABILE: Mastroianni che si confida al collega, che quasi non sa chi è; la Vitti che continua a entrare in ospedale con l'infermiere Luciano Bonanni.

Renato 12/06/10 11:26 - 1515 commenti

I gusti di Renato

Anche se la struttura del racconto è abbastanza originale (molto meno l'argomento), il film sbanda ripetutamente nella seconda metà; si sa che il grottesco è un genere da prendere con le molle, e qui visti i risultati ne abbiamo una ulteriore dimostrazione. Qualche sorriso lo si fa anche, ma le scene assurde -tipo quella nella roulotte degli zingari- sono davvero troppe; ed anche l'espediente del moscone che ronza intorno a Mastroianni è francamente inutile. C'è solo da dire che la Vitti è bravissima come (quasi) sempre.

Giùan 9/03/12 12:48 - 2886 commenti

I gusti di Giùan

Personal cult distensivo: mi mette allegria zen il solo pensare ad una qualsiasi delle sue memorabili sequenze. Come accadrà anni più tardi con C'eravamo tanto amati, Scola rielabora un film di Risi (Straziami) accellerandone e ulcerandone l'epica popolare grazie all'ulteriore lavoro di cesello di Age/Scarpelli. Legato ad un periodo irripetibile del cinema italiano, i fotogrammi trasudano sincerità d'ispirazione e volontà di dialogare in maniera "adulta" con lo spettatore. Se Vitti e Giannini avevano e avrebbero fatto meglio, Marcello è in trance di grazia comica.
MEMORABILE: La prostituta Merlini fa la paternale alla sorella Vitti mentre l'accompagna sul posto di lavoro; Marcello folle maledice Agnelli e la Fiat tra le auto.

Neapolis 2/06/12 00:04 - 174 commenti

I gusti di Neapolis

Certo i personaggi più che ridicoli appaiono patetici come d'altra parte tutta la sceneggiatura, che non regge. Nelle intenzioni avrebbe dovuto essere un film comico, credo, ma il risultato è disastroso nel senso che viene da piangere, più che altro. Mastroianni ha già dato tutto nei film precedenti, Giannini darà in seguito mentre la Vitti più che interpretare sempre se stessa all'infinito altro sembra non poter fare.

Pinhead80 25/07/12 12:14 - 3840 commenti

I gusti di Pinhead80

Nonostante il soggetto non sia originale (perché alla fine di amore e di corna si parla), Scola prova a mostrare l'argomento attraverso una prospettiva differente e per fare questo utilizza lo stratagemma del flashback con gli attori che spesso parlano in forma diretta con la macchina da presa. Il risultato alterna momenti decisamente esilaranti ad altri invece poco riusciti. Inoltre l'uso forse eccessivo della musica in alcune scene spesso disturba la comprensibilità di alcuni dialoghi.
MEMORABILE: "Ucci ucci sento odore di puttanucci".

Lupoprezzo 27/07/12 19:20 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Come da titolo, il regista si concentra sulle dirompenti gelosie che attanagliano i tre protagonisti della vicenda, complici di un triangolo amoroso con risvolto tragico. Lo stile un po' burlesco, popolare, appare oggi un tantino datato, così come noiosetti sono i dialoghi. Le interpretazioni, visti gli interpreti, sono di gran classe: convincente Giannini, magistrale Mastroianni (pieno di tic e disperazione), mentre Monica Vitti, in un ruolo (un po' menoso a dire il vero) da pseudo-vittima lagnosa e piagnucolosa, ci sguazza. Strappa più di una risata.

Piero68 2/08/12 09:06 - 2752 commenti

I gusti di Piero68

Più che una storia di corna è la classica storia della ragazza insicura che cerca continuamente conferme e uomini che la amino. Al di là comunque di ogni analisi picologica, resta comunque un gran bel film che può contare sul meglio del cinema italiano degli anni 70. Age e Scarpelli (sceneggiatura), Scola, Mastroianni, Giannini, Vitti. Bella la ricostruzione di quel clima di povertà che si respira dall'inizio alla fine del film. Ma anche l'idea di far parlare gli attori in macchina e i continui flash-back sono funzionali.

Roger 13/01/13 22:26 - 143 commenti

I gusti di Roger

Scola ironizza sul romanticismo dell'amore folle calandolo in un contesto popolare, fatto di personaggi strampalati, culturalmente ed economicamente emarginati. Geniale e straniante la trovata di far parlare i personaggi in macchina con i dialoghi che rimandano alle testimonianze del conseguente processo. Continue battute esilaranti e attori in stato di grazia completano un gioiello della commedia italiana, che nel finale, come spesso accade, lascia intravvedere il vero dramma.
MEMORABILE: Il moscone come ben poco romantico cupido della storia d'amore.

Homesick 4/08/13 17:27 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Ménage à trois sottoproletario sulla cui sceneggiatura - in fin dei conti povera e ripetitiva – prevale l’originale struttura diegetica, costruita da Scola con un montaggio a flashback, sguardi in macchina, spunti fumettistici e grotteschi e con l’alternanza dei vari umori della commedia (rosa e nera, dolce, amara e tragica). I tre protagonisti sono sciolti, esuberanti e spiritosi, in sintonia con l’anima di un film che trasmigrerà in opere successive come C’eravamo tanto amati e Brutti sporchi e cattivi.
MEMORABILE: Il ronzio della mosca che annuncia l’arrivo di Mastroianni; l’ambulanza a tutto gas e i ricoveri della Vitti.

Graf 8/09/13 00:16 - 679 commenti

I gusti di Graf

Ettore Scola ci svela come i militanti e gli attivisti del PCI non fossero più quelli di una volta ma si stessero omologando alla cultura di massa dominante e alla libertà di costumi da questa propugnata. Adelaide, Oreste e Nello parlano come nei fumetti, agiscono come in un fotoromanzo, si “danno da fare” come succede nella finzione dei film e stanno dando addio alla lotta di classe. Nessuna previsione fu più azzeccata. Il film rischia spesso la caricatura involontaria. L'operazione metalinguistica tentata da Scola è stata realizzata da Risi con ben altra finezza nel 1968 con il film "Straziami ma di baci saziami".

Schramm 25/04/15 12:13 - 2412 commenti

I gusti di Schramm

L'amore festa dell'unità finita prima di iniziare. L'amore tra le rovine. L’immondezzaio epitalamio al tornasole di tutte le relazioni. Sotto le macerie dell'amore o Amore sotto le macerie? Amore maceria di ripartenza per rovinare daccapo tutto? Il triangolo no, a meno che non sia delle Bermuda? Una Vitti nel pieno della fioritura, un crepuscolare e incandescente Mastroianni, un ericrobertsiano Giannini sguazzano nella biolca dei sentimenti e della carne (da macello), affatto incastonati in un processo a porte aperte che stilla atipica forza tutt’oggi, cavalcato da uno Scola mai così di polso.

Vitgar 25/08/15 13:25 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Ulteriore esempio di commedia italiana abbastanza frequente negli anni '70, con connota,zioni "sentimental-socio-politiche". Non un granché il film si regge grazie alle interpretazioni di alto livello del "triangolo" Mastroianni, Vitti, Giannini. Alterna momenti gradevolmente comici a momenti umanamente drammatici.
MEMORABILE: Il sogno di Oreste (Mastroianni) con i capelli tirati.

John trent 20/02/16 20:29 - 326 commenti

I gusti di John trent

Illustre esempio di commedia dolce-amara dall'atmosfera sottoproletaria che Scola riproporrà ancor più ferocemente in Brutti, sporchi e cattivi. Titolone a effetto che scimmiotta i giornali dell’epoca che ponevano l’accento sui drammi passionali, si avvale di un trio di attori in stato di grazia: la Vitti, Mastroianni e Giannini. Sullo sfondo una Roma grigia, triste e sporca (perfino la spiaggia è una sorta di immondezzaio a cielo aperto), attraversata da tumulti popolari e lotte di classe. Finale tragicomico un po' amaro.
MEMORABILE: La pizza a forma di cuore; La scenata in pizzeria; Il tentativo di ménage a trois; L'ambulanza che porta la Vitti in ospedale.

Deepred89 19/06/16 18:48 - 3259 commenti

I gusti di Deepred89

Un classico ménage à trois che, nelle mani di uno Scola al top dell'ispirazione, si trasforma in un gioiello di ritmo e ironia, in grado di giocare con brillantezza sui suoi molteplici piani narrativi e di sfruttare al meglio un trio di protagonisti assolutamente in palla. Fotografia, regia e musiche di altissimo livello, perfetto coronamento di un film quasi impeccabile che mostra qualche leggera crepa giusto nell'ultimissima parte (con uno scioglimento forse non all'altezza), ma senza inficiare sul risultato finale.

Nancy 9/10/16 21:01 - 771 commenti

I gusti di Nancy

Film unico nel suo genere, per quanto possa trattare di un "banale" triangolo amoroso. Intanto i tre coinvolti nel triangolo sono Mastroianni, la Vitti e Giannini, che danno vita a un turbinio di eventi che portano, con un incedere mai affannato, al dramma annunciato a inizio film. I personaggi di Mastroianni e della Vitti rimangono nel cuore per la loro sporca e schietta semplicità di popolani, in un melodramma (perché di questo si tratta) a tinte comico-grottesche dall'anima, come sempre Scola vuole, squisitamente italiana. Bello.

Caesars 10/01/17 23:25 - 2657 commenti

I gusti di Caesars

Commedia scritta dai "soliti" Age e Scarpelli, che Scola mette in scena con buona mano. Certo non si tratta di una delle sue pellicole migliori, ma la storia (non molto originale in realtà) è ben scritta ed è ben rappresentata dal cast attoriale, alternando momenti divertenti ad altri drammatici. E' una Roma molto "popolare" quella che viene rappresentata e pare non esserci nessuna possibilità di felicità per chi ne fa parte. Avercene di film così, al giorno d'oggi...
MEMORABILE: I ricoveri della Vitti.

Saintgifts 23/08/17 11:42 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Rapporti sentimentali e di amicizia che non tengono conto del noto detto che con due galli in un pollaio (anche se qui la gallina è una sola) le cose non possono funzionare. Il tutto calato in ambiente operaio, cifra stilistica determinante per il film. Nei panni dei protagonisti si calano bene i tre attori, con le certezze di Mastroianni e della Vitti e con la scoperta di un Giannini dalle qualità che saranno sfruttate ampiamente nel futuro. Strutturato in un flashback che dà modo ai protagonisti di esprimere in macchina il loro pensiero.

Pessoa 25/09/17 12:37 - 1099 commenti

I gusti di Pessoa

Commedia amara di Scola che ironizza al vetriolo sui cambiamenti del costume contrapponendoli al sentimento unico ed eterno dell'amore, rivisitato con molte sfumature. I mezzi toni sono ben sottolineati dall'attenta sceneggiatura che trova momenti molto brillanti, soprattutto quando pigia sul pedale della comicità, dando modo ai tre straordinari protagonisti di regalare tratti di grande cinema. Qualche pausa e un ritmo non sempre elevato dovuto a situazioni a volte ripetitive. Belle anche se poco incisive le parentesi sociali. Molto godibile!
MEMORABILE: La cena a casa del macellaio; La "resa dei conti" in pizzeria.

Ryo 18/11/18 22:17 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Salto di qualità di Ettore Scola, che con questa pellicola realizza il suo miglior lavoro sino a quel momento. Il trio Mastroianni/Vitti/Giannini è eccellente e dimostra un’alchimia eccezionale. La storia verte su un bizzarro triangolo amoroso che va a creare situazioni surreali e dalle conseguenze esilaranti. Malinconico e accompagnato da una colonna sonora azzeccata.
MEMORABILE: L'incontro finale, mentre la coppia si dirige al matrimonio.

Paulaster 28/08/19 10:09 - 2689 commenti

I gusti di Paulaster

Fiorista si innamora di due uomini nello stesso momento. Il caso giudiziario diventa voce narrante del fatto criminoso (indovinata come scelta) nel degrado monnezzaro di Roma. Amore (con i mosconi al posto delle farfalle) e rivalità con ampie venature comiche: la sceneggiatura si sbizzarrisce in tante scene da ricordare, tra cui la lotta politica che lascia il posto al benessere. Mastroianni oscura Giannini come presenza e la Vitti è la solita certezza, in questi ruoli; inutile la parentesi della terza relazione. Buone musiche di Trovajoli.
MEMORABILE: Gli occhiali come inserto; La Sacra Ruota; “Ucci ucci sento odor di puttanucci”; La foto con l’ossobuco; L’incantesimo della zingara.

Noodles 8/02/20 22:09 - 792 commenti

I gusti di Noodles

Commedia amarissima che penetra a fondo nel tema della gelosia in amore spingendola sino alle conseguenze più estreme. Ma alla fine ci arriviamo dopo un'ora e mezza piacevolissima, da classica commedia all'italiana, con delle buone situazioni comiche, anche se il dramma del titolo aleggia per tutta la pellicola accresciuto anche da vari particolari, come la spiaggia piena di rifiuti. Non è il capolavoro di Ettore Scola, ma comunque un'ennesima conferma della sua grande vena registica.

Jandileida 24/05/20 17:13 - 1238 commenti

I gusti di Jandileida

Forse non il miglior Scola di sempre, ma di sicuro un bel modo per cominciare il suo decennio d'oro. Il tema del triello amoroso non è di per sé molto originale, come non lo era per quei tempi la patina politica, ma siccome la classe non è acqua, il regista romano gioca sul metafilmico, ci fa parlare con i personaggi, centra qualche momento molto divertente, sguazza nel sottoproletariato e dirige con mano sicura un "poco igenico" Mastroianni, una Vitti che va sul sicuro e un Giannini ancora un po' acerbo. Qua e là forse un po' ripetitivo ma piacevole.
MEMORABILE: "...puoi fare tutto di me, chiedimi tutto!" "Domenica vota comunista".

Gabrius79 5/06/20 18:19 - 1183 commenti

I gusti di Gabrius79

Ettore Scola ha messo in piedi un film che con gli anni è diventato un cult, soprattutto con un'abile direzione degli attori: Mastroianni e Vitti impareggiabili, Giannini una piacevole sorpresa (pur con un brutto doppiaggio in toscano). La sceneggiatura non è niente male, ma alla fine il film alterna bei momenti ad altri meno riusciti e ripetitivi. Curiosa l'idea di far "dialogare" gli attori con gli spettatori della pellicola.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Undying • 28/03/09 23:55
    Scrivano - 7638 interventi
    Anche le commedie più sofisticate trovano la via del digitale. 01 Distribution lo annuncia in vendita (in DVD) a partire dal 20 maggio.
  • Musiche Gugly • 27/04/10 21:58
    Segretario - 4679 interventi
    Una delle mie colonne sonore preferite, non so quanto recuperabili allo stato attuale (a meno che non si vogliano seguire le tracce di qualche animale) ecco la lista dei brani: Armando Trovajoli - Dramma Della Gelosia (Tutti I Particolari In Cronaca) Colonna Sonora Originale Del Film Dramma Della Gelosia (Titoli) Se Tu Mi Lasceresti (Instrumental) Adelaide Dramma Della Gelosia (#2) Per Motivi Di Gelosia Vedo Un'Ombra Sul Tuo Volto Paglia Nei Capelli Tema Di Oreste Dramma Della Gelosia (#3) Adelaide E Nello Se Tu Mi Lasceresti Sei Mesi Di Felicità Vedo Un'Ombra Sul Tuo Volto(Instrumental) Incontro Alla Balera Dramma Della Gelosia (#4) Incontro Alla Balera (#2) 4:50 Finale
    Ultima modifica: 27/04/10 22:05 da Gugly
  • Musiche Roger • 14/01/13 20:14
    Call center Davinotti - 2821 interventi
    Il tema conduttore di Armando Trovaioli http://www.youtube.com/watch?v=IRRlPgNfm_c
    Ultima modifica: 12/11/13 18:51 da Roger
  • Curiosità Zender • 15/04/13 15:08
    Consigliere - 43831 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il divertente flano del film:
  • Musiche Lucius • 19/09/13 15:09
    Scrivano - 8423 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:
    Ultima modifica: 19/09/13 15:31 da Zender
  • Discussione Samuel1979 • 1/10/15 19:46
    Call center Davinotti - 2959 interventi
    Mi sono accorto vedendo il film che in esso vi partecipa anche l'attore Manuel Zarzo, che (guarda caso), aveva lavorato precedentemente sempre con Scola in "Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Africa?". Quì l'attore viene doppiato in romanesco
  • Discussione Zender • 18/12/17 17:23
    Consigliere - 43831 interventi
    Mitico Herbie, allora sabato hai solo fatto finta di non sapere dov'era la location famosa... Eri già pronto alla zampata!
    Ultima modifica: 18/12/17 17:23 da Zender
  • Discussione Herbie • 18/12/17 19:55
    Disoccupato - 995 interventi
    Zender ebbe a dire: Mitico Herbie, allora sabato hai solo fatto finta di non sapere dov'era la location famosa... Eri già pronto alla zampata! ahaha ti giuro che mi sono messo a cercarla a Madrid la domenica mattina alle 6 quando ho letto da qualche parte che il film era co-prodotto con la Spagna. Nel luogo dove ero i mezzi a disposizione come sai sono all'avanguardia :) :)