LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

È un Avati ispiratissimo, quello di LE STRELLE NEL FOSSO, un Avati capace di improvvisare, su di un soggetto di poche righe (suo, del fratello Antonio e di Maurizio Costanzo) una storia magica, pervasa da atmosfere delicate e surreali che nello splendido ambiente padano (siamo nelle Valli Di Comacchio) trova un contesto ideale. Coadiuvato da un cast ormai affiatato (il trio Capolicchio/Cavina/Delle Piane è un classico dei film di Avati), il regista emiliano si inventa una dolce favola sulla genuinità e l'ingenuità, in cui una bizzarra famiglia composta dal padre e i quattro figli vive in riva alla laguna senza mai conoscere nessuno. Il giorno in cui questi cinque mezzi matti incontrano l'apparentemente normale...Leggi tutto Olimpia (Paladini), tutto cambia e l'amore represso da anni di solitudine si riversa sulla bella e sempre sorridente ragazza, decisa a vivere con loro. Al di là di una trama semplicissima ciò che conta sono i sentimenti, l'insana gioia di questo piccolo gruppo familiare ripreso nel proprio habitat naturale (fotografato con gusto esemplare da Franco Delli Colli ed esaltato dall'evidente amore di Avati per le sue terre). Con il vento a soffiare costantemente sul fondo, le musiche di Amedeo Tommasi che si adattano al paesaggio bucolico, un’esemplare direzione degli attori, Avati crea un'opera dal fascino magnetico, forse un po' compiaciuta e lenta ma comunque capace di rappresentare la quintessenza del cinema del suo regista. Ci sono il mistero (il chierico che emerge come uno zombi dalle acque paludose), la soavità, il tocco leggero e mai volgare di un autore dalla poetica unica.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 30/05/07 18:40 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Bucolico e fiabesco. Tornano i temi fantastici cari ad Avati ambientati in terra emiliano-romagnola, questa volta nel XVIII secolo. Il team di protagonisti (Capolicchio, Delle Piane, Cavina, Pizzirani, Belletti, Paladini), già collaudato altrove, è ben affiatato e divertente; non mancano le suggestioni magico-orrorifiche tipiche del regista (il fantasma del chierico, le voci dietro il focolare, il finale) che ne fanno un prodotto personale e gradevole.

Zender 7/07/07 18:37 - 293 commenti

I gusti di Zender

Ambientato tra le valli di Volano (benché nel film si voglia far credere che siamo nei pressi di Minerbio, pure con citazione per Triario, ove sta invece la chiesa "dalle finestre che ridono"), il film è una favola di campagna dal sapore surreale, girata quasi per intero in un casolare diroccato sull'erba, a un passo dalla laguna. Splendidi paesaggi silenti in cui i quattro giovanotti protagonisti (a dir poco ingenui e analfabeti, tranne uno) trascorrono le giornate senza far nulla di particolare fino all'arrivo della bella Olimpia. Per alcuni il rischio sarà di giudicarlo insulso.

Hackett 27/03/08 13:53 - 1807 commenti

I gusti di Hackett

Pupi Avati tocca con questo lungometraggio una delle vette più alte della sua poesia. Il regista si prende la licenza di poter indugiare nei paesaggi (lo splendido delta del Po) e nei personaggi, senza farsi troppi problemi sui tempi della narrazione. L'amore che porta via l'adolescenza con tutte le sue ingenuità ha il volto e gli occhi dei suoi quattro protagonisti, che si tengono per mano e ci tengono per mano, come in un racconto del focolare al limitare della notte. Film per avatiani convinti.

Ellerre 9/01/09 00:08 - 89 commenti

I gusti di Ellerre

Pupi Avati, ancora in gran forma in quegli anni, ci racconta una fiaba ambientata sul delta del Po, in un casolare tra erbe alte e acquitrini. Una storia in cui è racchiuso il ciclo della vita: nascita, giovinezza, amore e morte. Sono presenti anche reminiscenze del regista che rielabora genialmente storie contadine e credenze popolari. A recitare sono i suoi attori preferiti (Cavina, Capolicchio, Delle Piane e Pizzirani) e il tema musicale è del maestro Tommasi che, ispiratissimo, ci delizia con la sua poesia compositiva.

Bruce 23/03/10 17:44 - 1006 commenti

I gusti di Bruce

Storie antiche e leggende popolari, tra il sacro e il profano, di vita e di morte, strani racconti serali davanti al fuoco, che diventano sogni o incubi notturni. Il potere magico dell’affabulazione, l’incanto delle immagini e il tempo che si ferma. Quanta grazia, quanta poesia; Avati è al suo meglio, nei luoghi che ama e i suoi fedeli attori lo assecondano divertiti, con una sorprendente e bellissima Paladini. Una favola bucolica che rapisce e ci porta altrove, dove labile è il confine tra l'arte e la follia, tra la realtà e la pura immaginazione.

Bergelmir 24/05/10 12:40 - 160 commenti

I gusti di Bergelmir

Personale omaggio di Avati all'antica tradizione contadina, il film mostra una ruralità emiliana ove cinque personaggi vivono in una casa isolata, con un proprio folle equilibrio, ed ha il pregio di farci conoscere un mondo antico e perduto, che vive a stretto contatto con mitologie proprie e con l'inesorabile attesa della morte. Poetico, fiabesco, allegro e malinconico, con qualche breve momento gotico. È anche un prezioso documento: tutte le leggende raccontate o accennate sono tratte da tradizioni emiliane reali, ormai dimenticate.

Shika70 23/05/11 12:47 - 20 commenti

I gusti di Shika70

Avati e la morte... che binomio. Questa volta è una morte contadina dalla quale è possibile un ritorno, dalla quale è possibile tornare per chiedere e dare notizie. Una storia che si basa sul folklore della bassa bolognese, su modi di dire spesso dimenticati che aumetano il senso di magico di tutto il film. Il vecchio che ha paura di morire e che prega la santa bambina di non farlo addormentare... Il matrimonio collettivo del finale con farina bianca e vino rosso... Una morte sorridente che non ha il sorriso del teschio.
MEMORABILE: Il prete (fantasma) che torna per dare e chiedere informazioni.

Saintgifts 25/09/13 19:47 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Strelle nel fosso e riflessi nella laguna dove vive la famiglia al maschile, un vecchio padre e quattro fratelli che più diversi tra loro non potevano essere, uniti però da una parola che nemmeno conoscono: amore. Olimpia, bella e misteriosa, capita lì "per caso" e dà quella risposta che il cucù dalla penna grigia non aveva voluto dare loro. Sulla base di antiche tradizioni e usanze contadine, Avati costruisce la sua storia e lo fa a suo modo, facendo parlare e agire i personaggi fuori, ma allo stesso tempo dentro, una realtà atemporale.

Amianto 14/07/15 22:28 - 4 commenti

I gusti di Amianto

Una favola messa in film con passione e amore per il mestiere di regista. Film tenero, che regala tranquillità, qualche risata, a volte ansia. Avati raggiunge il culmine della creatività e incredibilmente il film era ed è praticamente sconosciuto al grande pubblico. Un poker di attori recita, gioca e sogna nella poesia di Avati. Commovente e da tramandare alle future generazioni. Mi sono informato, l'ammazzatopi era un mestiere che esisteva davvero ed era anche ben renumerato!
MEMORABILE: "Santa Rosalia": "Fin che mi preghi non dormirai, fin che mi preghi non morirai" Cucul dala pena grisa quanti ani el'ga che me pol marir.

Myvincent 6/04/16 12:11 - 2955 commenti

I gusti di Myvincent

E le strelle stanno a guardare... e che strelle! A giudicare dal cast sembrerebbero luccicanti più che mai e infatti lo sono; se non fosse che l'intento favolistico, che spesso permea il cinema di Avati, pare girare a vuoto stavolta. Al solito affascinanti i paesaggi paludosi con le case assolate di campagna di una volta, ma non è sufficiente per godere di un'opera che si dispiega strampalata e un po' tediosa.
MEMORABILE: Il plurimatrimonio con la bella Olimpia.

Pupi Avati HA DIRETTO ANCHE...

Xabaras 4/09/16 11:40 - 195 commenti

I gusti di Xabaras

Su un canovaccio iniziale che pare ispirato dal libro "L'isola degli inganni" di Shiel Avati abbandona solo in parte le atmosfere gotiche per giungere invece a una idealizzazione del sacro che avviene per mezzo di ancestrali racconti e leggende. Ambientato tra le paludi della provincia di Rovigo come il capolavoro antonioniano Il grido, pare condividere con esso la ricerca di un punto di contatto tra i protagonisti attraverso l'incomunicabilità. Terrificante come un miglior episodio baviano, può anche fregiarsi di una fotografia d'eccezione.

Minitina80 30/12/18 09:55 - 2632 commenti

I gusti di Minitina80

C’è molto folklore nel racconto di Avati, ricco di superstizioni ormai perdute e della semplicità di un nucleo familiare di campagna dei primi anni dell’Ottocento. In alcuni frangenti si avverte, complice la colonna sonora, la leggiadria e la leggerezza del tono, mentre in altri annaspa per mancanza di carburante, essendo il filo conduttore stiracchiato. Riesce, comunque, a compiere un discreto lavoro, tralasciando lo sviluppo della trama e puntando sull’estetica astraendo i protagonisti in una realtà perduta nel tempo e nello spazio.
MEMORABILE: Lo sposalizio multiplo.

Alexcinema 27/07/21 23:07 - 24 commenti

I gusti di Alexcinema

Pellicola di Pupi Avati semisconosciuta e commercialmente fallimentare, palesemente ispirata a L'albero degli zoccoli ma senza il crudele realismo di esposizione della miseria di vita contadina che contraddistingue l'opera di Ermanno Olmi. La vicenda fiabesca è chiaramente improvvisata dagli attori e il risultato è un'atmosfera di puritanesimo bucolico che nel cinema contemporaneo non si vedrà mai più a parte rare eccezioni. Per pochissimi palati raffinati.
MEMORABILE: Il finale, criptico quanto tristissimo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 13/03/15 23:19
    Addetto riparazione hardware - 3750 interventi
    Il film non mi ha fatto impazzire, ma Bergelmir ha ragionissima in tutto.
  • Discussione Bergelmir • 14/03/15 00:28
    Galoppino - 213 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    Il film non mi ha fatto impazzire, ma Bergelmir ha ragionissima in tutto.

    Grazie, fa piacere che anche a distanza di 5 anni ci si trovi d'accordo.
    Quando lo vidi la prima volta ne rimasi molto colpito, soprattutto per le ragioni scritte sopra e nel mio commento. Però è anche vero che non mi capita di riguardarlo. Non è un capolavoro, questo penso sia chiaro a tutti, ma resta comunque un film particolarissimo e molto personale, una perla rara.
  • Discussione Buiomega71 • 14/03/15 00:33
    Pianificazione e progetti - 23192 interventi
    Insieme a Zeder e La Casa dalle finestre che ridono è l'Avati che amo di più
    Ultima modifica: 14/03/15 00:34 da Buiomega71
  • Discussione Raremirko • 15/03/15 00:14
    Addetto riparazione hardware - 3750 interventi
    Bergelmir ebbe a dire:
    Raremirko ebbe a dire:
    Il film non mi ha fatto impazzire, ma Bergelmir ha ragionissima in tutto.

    Grazie, fa piacere che anche a distanza di 5 anni ci si trovi d'accordo.
    Quando lo vidi la prima volta ne rimasi molto colpito, soprattutto per le ragioni scritte sopra e nel mio commento. Però è anche vero che non mi capita di riguardarlo. Non è un capolavoro, questo penso sia chiaro a tutti, ma resta comunque un film particolarissimo e molto personale, una perla rara.



    Giuro, la data del post non l'avevo guardata XD

    Si si, sono d'accordo, è un film sincero e non fatto per il botteghino.
  • Discussione Xabaras • 4/09/16 18:46
    Galoppino - 55 interventi
    Siamo sempre nel 1979 ma il film è un altro: trattasi del Nosferatu di Herzog.Impossibile non cogliere la somiglianza tra la scena del banchetto mortifero avatiano e quella del banchetto degli appestati infestati dai topi nel capolavoro herzogiano.Se riesco (appena entro in possesso di un computer) vorrei postare due frame per un possibile paragone.
  • Discussione Zender • 5/09/16 08:48
    Consigliere - 44924 interventi
    Fai pure.
  • Discussione Xabaras • 5/09/16 09:42
    Galoppino - 55 interventi
    Le Strelle nel Fosso - Avati



    Nosferatu - Herzog

  • Discussione Zender • 5/09/16 14:03
    Consigliere - 44924 interventi
    Dovresti usare un altro server per le foto. Ephotobay funziona male. Si vedono piccolissime e non si posson veder più grande.
  • Discussione Xabaras • 5/09/16 16:37
    Galoppino - 55 interventi
    Ok.Quale potrei usare? Non me ne intendo tanto di informatica. Ho seguito le istruzioni a lato.
  • Discussione Zender • 5/09/16 19:28
    Consigliere - 44924 interventi
    Lo so, hai ragione, è un problema recente. Chiediamo a Mauro quale è meglio usare e se mi passa un testo da sostituire a quello qui a lato.