Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/07/08 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 26/07/08 17:23 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Ascesa e caduta di un piccolo fuorilegge che, partito con il contrabbando di sigarette, cerca di farsi strada a spallate nel mondo della malavita organizzata. Il racconto di Rosi segue sia i moduli del milieu popolano neorealista che quelli del noir statunitense, con palesi rimandi a Scarface: una pista, questa, che verrà seguita poi da certo cinema popolare italiano (i camorristici di Brescia con Mario Merola, per esempio). La ventenne Schiaffino, in déshabillé, si fa carico di più di un momento erotico.

B. Legnani 2/08/08 15:26 - 5169 commenti

I gusti di B. Legnani

Bell’esordio di Rosi, con un noir d’ambientazione campana velocissimo, secco, sentito, che già fa vedere la capacità veristica del regista. Forse un po’ forzata l’esposizione di alcuni personaggi nel finale, ma la cosa non intacca il buon livello del film. Sarà una mia impressione, ma in un quadro di ottima resa attoriale generale, Suarez e la Schiaffino non mi sono certo parsi i migliori. Sul mio personalissimo cartellino la palma è per Nino Vingelli.

Cotola 27/12/09 23:54 - 8306 commenti

I gusti di Cotola

Notevole esordio cinematografico di Rosi che mostra sin da subito ottime doti tra cui la capacità, che sarà propria di gran parte del suo cinema, di fondere mirabilmente piglio documentario (è ispirato ad un fatto vero), impegno, denuncia (il controllo del mercato ortofrutticolo da parte della camorra) e spettacolo. Splendida la fotografia di Gianni Di Venanzo e molto serrato il ritmo che coinvolge appieno lo spettatore grazie al grande lavoro di montaggio di Mario Serandrei. Merita la riscoperta dopo tanto oblio.

Neapolis 2/10/13 11:57 - 181 commenti

I gusti di Neapolis

Eccezionale esordio alla regia per Rosi che realizza un film di puro stampo neorealista, regalandoci uno squarcio di vita della Napoli degli anni '50. La prima parte è bellissima: ci immergiamo nei vicoli di una Napoli che sentiamo respirare attraverso i rumori del suo vivere quotidiano e l'umanità dei personaggi. In questo contesto si muove la camorra postbellica che impernia i suoi affari sul contrabbando e sul controllo del mercato ortofrutticolo. Da segnalare una Schiaffino da incanto per la sua straordinaria freschezza e bellezza.

Mickes2 31/12/13 18:49 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Grandissimo esordio di un maestro in cui convergono sia le lezioni neorealiste dei padri De Sica e Rossellini, sia il racconto emotivo e incalzante dei maestri noir d’oltreoceano. Mirabile è l’amalgama tra il film di denuncia con lente d’ingrandimento sul popolo riguardante le losche dinamiche della camorra e il tragico ritratto umano del piccolo delinquente che vuole pericolosamente salire al potere al fianco dei grandi. Un film urgente (come Rosi afferma), di grande pregnanza contenutistica e diretto con mano solida. Granitico.
MEMORABILE: Il finale.

Saintgifts 19/03/14 23:19 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

La tragica storia passa quasi in secondo piano di fronte alla minuziosa ricostruzione di uno spaccato della vita in un quartiere popolare di Napoli, ma anche dei suoi dintorni e della campagna. I personaggi sono reali, si muovono e "urlano" con naturalezza, i rapporti familiari, la convivenza con il vicinato, tutto ripreso come se la MDP fosse nascosta. Parallela scorre la vicenda che dà il titolo al film, con le improvvisazioni tipiche di persone abituate a vivere alla giornata e la veloce realizzazione di furbe intuizioni. Notevole.
MEMORABILE: Il finale, con scene come quadri di una tragica sceneggiata.

Deepred89 9/02/15 16:53 - 3484 commenti

I gusti di Deepred89

Un noir tutto sommato appassionante, notevole nelle ambientazioni e abbastanza ben girato e fotografato. Suàrez discreto ma senza spiccare particolarmente, Rosanna Schiaffino dallo sguardo folgorante, nonostante il suo personaggio risulti abbastanza trascurato, molto azzeccati gli altri caratteristi. Finale un po' tronfio, che banalizza quanto visto in precedenza. Quasi un precursore dei nostri noir anni settanta, solo con meno omicidi e senza stupri.

Nando 16/03/15 15:43 - 3628 commenti

I gusti di Nando

Il maestro Rosi esordisce con questo lucido dramma in cui vengono evidenziate le primordiali lotte camorristiche collegate con le derrate alimentari. Narrazione lucida e passionale in cui esplode la sensualità di una giovane Schiaffino, conturbante come non mai. L'aria neorealista aleggia con pathos e furore; il finale sembra già scritto però...

Paulaster 30/04/15 18:14 - 3599 commenti

I gusti di Paulaster

Prime traversie quando la camorra si arricchiva solo coi pomodori e contava fino a due prima di fare fuoco. La violenza è più urlata che coi fatti e non produce scosse emotive. Bene le ambientazioni napoletane che spaziano tra i vicoli, i begli appartamenti e le case affollate. La Schiaffino si adatta egregiamente al ruolo di scugnizza; la mimica salva Suarez ma forse era più adatto un volto nostrano. Resa dei conti telefonata a chiudere un epilogo dal sapore etereo come un triste marchio di fabbrica.

Alex1988 27/07/17 18:14 - 728 commenti

I gusti di Alex1988

Esordio più che buono per Francesco Rosi. Come disse lui stesso in un'intervista, la sua intera (quasi) cinematografia è un itinerario nei meccanismi del potere; qui il potere è all'interno della camorra e Rosi riesce a mescolare abilmente spettacolo e documentario e la storia di questo contrabbandiere che tenta di ribellarsi allo strapotere camorristico funziona.

Francesco Rosi HA DIRETTO ANCHE...

Lebannen9_ 7/10/20 18:00 - 40 commenti

I gusti di Lebannen9_

Finita la palestra viscontiana, Rosi torna nella sua Napoli per esordire con una storia di mafia criminale. Ispirandosi agli stilemi del gangster movie (non è l'unico, nel 58) ritrae una verissima Campania, in cui la cupidigia può uccidere. Rosi mostra di essersi impadronito perfettamente dello stile neorealista: la cinepresa segue il racconto evento dopo evento; senza immedesimarsi; senza giudicare. Il cast dà un’ottima prova e i personaggi sono ben caratterizzati. Nonostante qualche difetto di sceneggiatura (l’incontro con Aiello; il finale) è quello che si dice un buon film.
MEMORABILE: Il microcosmo formato dal condominio napoletano.

Zampanò 18/11/20 15:36 - 374 commenti

I gusti di Zampanò

Rosi, all'esordio, prende il realismo e lo carica a pallettoni; "affronta" la camorra dei mercati ortofrutticoli. Istruito nella tecnica da molte vice-regie, gira nel b/n soleggiato di Di Venanzo, incastrando spleen dei personaggi e ambiente, rurale e cittadino, non duali ma cause efficienti l'uno dell'altro. Contesto in cui la Schiaffino pare un obbligo di produzione. Si scopre presto che non è così, tutto è funzionale. Suarez in tiro, tonico, detta il ritmo; Vignelli prezioso jolly. Cennamo guappo per eccellenza (già ne L'oro di Napoli).
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Homesick • 18/10/09 09:11
    Vice capo scrivano - 1371 interventi
    In uscita il 3 novembre 2009 per Cristaldi.
  • Homevideo Cotola • 25/10/09 12:34
    Consigliere avanzato - 3720 interventi
    Questa è bella! Era tempo che lo cercavo. E mi pare non fosse mai uscito. Bella notizia davvero
  • Discussione Neapolis • 19/09/13 20:38
    Fotocopista - 2582 interventi
    Una Rosanna Schiaffino da schianto per la sua freschezza e straordinaria bellezza.



    Tratto dal film:

    Vito Polara (José Suàrez): Hey bellezza hai deciso di morire?

    Ed invece rimarrà eterna.
    Ultima modifica: 27/09/13 13:40 da Neapolis
  • Discussione Neapolis • 10/01/15 14:00
    Fotocopista - 2582 interventi
    Anche il grande maestro Rosi ci ha lasciato. RIP
  • Discussione B. Legnani • 10/01/15 14:08
    Consigliere - 14565 interventi
    Neapolis ebbe a dire:
    Anche il grande maestro Rosi ci ha lasciato. RIP

    Già messo in LE MANI SULLA CITTA'