LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Fa parte delle commedie meno “volgari” di Lino Banfi (che infatti limita l’accento pugliese evitando di trasformare tutte le “a” in “e” come invece faceva di solito), ma non delle più riuscite. Soprattutto la prima parte è difficile da digerire, priva di veri spunti comici e tesa più che altro a preparare il terreno per la girandola di equivoci destinata a scatenarsi di lì a poco. Che poi è la più classica si possa immaginare: Banfi, sarto per preti sposato con Milena Vukotic, conosce per caso la splendida Edwige Fenech ma le dice di non essere sposato e le dà il nome dell'amico Gianni Cavina, dongiovanni impenitente che abita al piano di sopra. I problemi nascono quando lei, da Rovigo, decide di venire a Roma per un'improvvisata....Leggi tutto Una trama per nulla originale, che avremmo visto bene con il Lando Buzzanca dei tempi migliori (il quale ne girò infatti diverse varianti, come il simile PROFESSIONE BIGAMO). Banfi è un improvvisatore nato e in fondo se la cava abbastanza, ma la povertà del copione (cui ha collaborato il regista Romolo Guerrieri) si evidenzia nelle parti con Gianni Cavina, romagnolo simpatico ma comicamente poco dotato, più tagliato per l'ironia surreale di Pupi Avati (il suo pigmalione) che per ruoli del genere. E il fatto che la sua parte sia importante (è la spalla principale di Banfi) può solo nuocere al film. La Fenech, doppiata in veneto, fa valere una volta di più le sue grazie e il mestiere, acquisito in decine di pellicole analoghe, ma può poco, così come la pur brava Milena Vukotic (appena assurta a nuova Pina Fantozzi dopo la defezione di Liù Bosisio). Una commedia passabile, con qualche parentesi azzeccata.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 9/05/07 18:22 - 3821 commenti

I gusti di Undying

Domenico Petruzzelli (Banfi) è titolare della ditta che compone abiti "talari"; in quanto tale la sua immagine è consacrata (anche se, scopriremo, con atteggiamenti bigotti) alle "nobili" personalità che ne frequentano la casa. Martino gira un film decisamente spassoso, che affonda spesso lo sguardo (oltreché sulle morbidi forme della compiaciuta Edwige Fenech) su alcuni atteggiamenti sociali, spesso ipocriti e dissimulatori. Grande l'apporto di Gianni Cavina, qui interprete di indole (quasi) spontanea. Il titolo allusivo è più che pertinente.

Fabbiu 20/07/07 19:33 - 2021 commenti

I gusti di Fabbiu

Poca originalità. Come tanti altri film del filone affronta le solite corna e le solite amanti. A Domenico gliene capitano di tutti i colori, proprio come a Savino in Spaghetti a mezzanotte (stessa regia). Banfi è mostruosamente comico, fa strage di umorismo grottesco. Nonostante tutto il film ha le sue particolarità (come il tema del bigottismo, anche se resta molto sullo sfondo) e ha una vivace struttura di gag e situazioni non stop. In più oltre a varie trovate veramente comiche, ci sono molte cose divertenti: Aristide il figlio scemo, Ulderico (Mazinga)
MEMORABILE: La Vukotic quando diventa violenta; Banfi che beve la sua stessa urina.

Lovejoy 2/07/08 14:52 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Discreta commediola dal ritmo leggermente ondivago ma impreziosita da un buon cast. Banfi è sempre in palla, la Fenech bellissima come sempre e Cavina è un'ottima spalla. Da non trascurare poi l'apporto dato dalla brava Vukotic e dalla veterana Merlini. Bel ritmo.

Galbo 5/07/08 13:15 - 11681 commenti

I gusti di Galbo

Per gli amanti della comicità divertente anche se talora sgangherata di Lino Banfi un vero e proprio cult. Diretta da Sergio Martino, è una pellicola decisamente imperfetta (soffre ad esempio di un eccesso di volgarità) ma altrettanto indubbiamente spassosa. Le situazini comiche sono ben congegnate e non manca qualche sapido riferimento ad una morale bigotta di certi ambienti. Molto bravo Gianni Cavina.

Deepred89 2/08/08 13:33 - 3401 commenti

I gusti di Deepred89

Una delle migliori commedie con Banfi, poco erotica ma decisamente divertente. La trama è semplice ma scorre bene, il cast è ottimo (e funziona anche Cavina come spalla) e le gag funzionano quasi tutte. Notevole anche la colonna sonora di Detto Mariano. Nel suo genere uno dei film migliori.

Straffuori 2/08/08 13:30 - 175 commenti

I gusti di Straffuori

Film del periodo d'oro della comicità di Banfi con il Lino Nazionale sarto ecclesiastico per ciò divertentissimo. La Fenech doppiata con simpatica parlata veneta molto provocante anche lei più o meno all'apice. Divertentissima la scena di lui che finisce sotto al letto. Nel cast la fantozziana moglie Milena Vukotic.

Renato 31/07/08 17:32 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Vetta banfiana assoluta. Uno dei suoi migliori film, dove tutto funziona alla perfezione... dallo "scambio" con un ottimo Cavina alla Fenech (che è anche molto divertente, ma solo grazie al doppiaggio). Bisogna rendere merito a Sergio Martino per questo film, davvero riuscito grazie ad una regìa di livello. Impossibile negare che il sarto di abiti talari Domenico Petruzzelli sia diventato col passare degli anni una specie di icona per moltissimi ammiratori del comico pugliese, ed io non faccio eccezione.
MEMORABILE: La sequenza col figlio Aristide nel bagno... "Ha detto mamma che deve vedè si c'ho i vermi..."

Stefania 6/01/09 01:59 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Commedia degli equivoci, "albergo del libero scambio" trasferito in contesto condominiale. In spazi e tempi ristretti, Lino Banfi, improbabile e perciò irresistibile Casanova, deve destreggiarsi tra moglie, amante, amico compiacente, figlio scemo, portinaio impiccione e in più con l'urgente consegna di un abito talare ad un importante ecclesiastico. Si ride, di fronte a questi "numeri" da giocoliere e non ci sono tempi morti. Che si vuole di più da una commedia anni '80 di Sergio Martino?

Xamini 4/05/09 21:14 - 1065 commenti

I gusti di Xamini

One man show del Banfi dell'epoca d'oro, sulle cui spalle poggiano tutte le situazioni comiche. La spalla Cavina fa quel che può, ma con evidenti limiti (comici), la Fenech fa la Fenech e la Vukotic mette in mostra il tuo talento (e qualcosa d'altro). Ma il canovaccio è poca cosa e purtroppo si fa sentire, lasciando addosso una sensazione di mancato appagamento sotto tutti i punti di vista (risate ma anche il versante erotico soft).
MEMORABILE: Banfi con Aristide, forse la spalla migliore del film.

Markus 27/08/09 15:59 - 3436 commenti

I gusti di Markus

Pochade banfiana di gran livello. L'insolita accoppiata Banfi-Cavina funziona meravigliosamente, tanto da chiedersi come mai non si sia più ripetuta, ma tant'è. La Fenech è sempre una gioia per gli occhi e qua si mostra nella sua semi nudità di tanto in tanto. Ruoli minori (ma fondamentali) per la brava Vukotic (nella parte della moglie di Banfi) e il figlio "bamba" di Banfi (qui interpretato da uno sconosciuto Filippo Evangelisti) che ormai è storia del cinema. Ottima la OST a cura di Detto Mariano.

Lino Banfi HA RECITATO ANCHE IN...

Herrkinski 25/01/10 21:27 - 6015 commenti

I gusti di Herrkinski

Non ai livelli del grandioso Spaghetti a mezzanotte (sempre diretto dal bravo Martino), ma comunque notevole. Banfi in palla completa fa sempre ridere, spalleggiato dal bravo Cavina in un ruolo tutto sommato insolito, che ricorda vagamente l'umorismo "alla bolognese" del collega Andrea Roncato. C'è pure la Vukotic, in una parte non dissimile dalla signora Pina di fantozziana memoria; indimenticabile anche il figlio scemo Aristide. Le gag vanno a segno quasi sempre, in una girandola di equivoci esilarante. E la Fenech doppiata in veneto è cult!
MEMORABILE: La battuta del cappello modello "Prete-A-Porter"!

Mco 7/01/11 17:57 - 2212 commenti

I gusti di Mco

Un altro dei must della commedia rètro, qui con Banfi mattatore e Cavina "castigatore". Le grazie della natìa di Bona (nomen omen) vengono offerte poco e ci si accontenta delle sue lunghe gambe e dei suoi piedi, che il povero pugliese anela senza mai carpire. Il plot è un classico con marito fedifrago in fieri e amico disponibile a "dare una mano". Si ridacchia, ci si diverte e la prossima volta che verrà trasmesso si sa già che lo si rivedrà...

Geppo 21/05/10 03:01 - 296 commenti

I gusti di Geppo

Devo dire che il film non mi è piaciuto molto. A mio avviso è il meno riuscito di tutti i film di Sergio Martino... perché la storia è fin troppo assurda, seppur possa contare su qualche qualche colpo di scena. Non bastano le buone interpretazioni dei tre protagonisti Lino Banfi, Edwige Fenech e Gianni Cavina. Profonda delusione!

124c 6/08/10 12:36 - 2814 commenti

I gusti di 124c

L'affiatata coppia Edwige Fenech/Lino Banfi, nel 1981, interpretò questa simpatica commedia. Divertente, "banfiano vecchia maniera" e molto anni '80, il film, incentrato su di un sarto di abiti clericali sposato con Milena Vukotic (la seconda signora Pina dei Fantozzi) ma infatuato della bella cantante lirica Edwige Fenech, è, negli anni, diventata cult. Personalmente la trovo una commedia deliziosa, anche se Gianni Cavina, usato spesso da Pupi Avati, in commedie così risulta un po' sprecato.

Homesick 12/08/10 18:17 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il carosello di adulteri, scambio di appartamenti e relativi qui pro quo potrebbe essere ormai arrugginito e cigolante, ma la presenza di uno scatenatissimo Banfi lo fa girare a gran velocità – salvo qualche rallentamento nella parte centrale – su una sceneggiatura che trasforma le possibili volgarità in gag originali e spesso esilaranti. Il comico pugliese forma qui un inedito e vincente trio con una Fenech svampita e autoironica (doppiata in veneto) e un Cavina versione tombeur de femmes.
MEMORABILE: Gli incontri tra Banfi e il cardinale; Banfi che danza.

Dengus 15/07/11 11:34 - 361 commenti

I gusti di Dengus

Uno dei Banfi più spassosi di sempre, che questa volta, oltre che da una Fenech in splendidissima forma (come in Ricchi ricchissimi praticamente in mutande è più bella che mai!), è spalleggiato da Cavina, bravissimo ad esasperare il suo ruolo di erotomane. Ci si diverte molto, grazie anche al bambino Aristide, alle sue espressioni e al suo buffo modo di parlare! Tolta forse l'assurdità per cui una Fenech splendida si innamora di Banfi (comune anche in altri film di quel periodo) il film fila liscio; c'è pure la Merlini versione veneta!
MEMORABILE: La Fenech che torna a casa ubriaca e saluta dando del TU al Generale!; Banfi vestito da donna; Aristide!

Trivex 16/08/11 17:27 - 1582 commenti

I gusti di Trivex

Episodio classico della comicità veloce e rampante, del mitico Lino e della mitica Edwige. Oltre alle famose battute e controbattute, sempre e naturalmente con sottofondo sessuale (leggero, ma qualche volta non troppo), c'è l'aspetto delle relazioni diplomatiche del nostro protagonista con i suoi morigerati interlocutori. Lui fa ridere, lei fa sognare (qui davvero bellissima) ed i comprimari sono assolutamente all'altezza delle due colonne principali. Oltre la media, si prende tre meritati pallini anche grazie alla buona regia.
MEMORABILE: L'oggetto sul quale vengono "posati" i cappelli! La "conversione" del casino, con i quadri ribaltati.

Nando 25/01/12 07:31 - 3574 commenti

I gusti di Nando

Commediola di genere in cui la trama è risibile rispetto alle amenità proposte. Si evidenzia il tema del bigottismo ma soprattutto vengono proposte situazioni grottesche che simulano una boutade. La Fenech irradia fascino mentre Banfi sciorina battute tendenti al volgare ma efficaci.

Cinefolle 19/08/12 19:29 - 21 commenti

I gusti di Cinefolle

Altra commedia sexy ripulita, "di alto bordo", senza particolari volgarità e meccanismi comici rapidissimi e abusatissimi. L'ennesima pochade, con i soliti luoghi e personaggi (all'epoca questi film venivano prodotti e distribuiti a ritmi vertiginosi - possibile che il pubblico non si stancasse di rivedere il solito film mille volte, per giunta con gli stessi attori e attrici?). L'elemento inedito è Gianni Cavina, che da buon attore si adegua e appare pure a suo agio. Il finale, stavolta, dà quasi i brividi. Una punta di cinismo inarrivabile.
MEMORABILE: Banfi con la testa incastrata in un sobrio vaso a forma di culo.

Saintgifts 27/10/12 20:08 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Non è un tipo di comicità che gradisco. Petruzzelli è un perdente, ma non è un perdente sulle cui sfortune o incapacità si possa ridere, è un perdente totale che fa solo tristezza. I sorrisi (risate mi sembra eccessivo) semmai si fanno con il personaggio di Cavina e soprattutto con la Vukotic, capace di un ruolo di madre e di moglie veramente sfortunato, ma anche di prendere le occasioni al volo e di saperle sfruttare alla grande, superando tutte le amanti occasionali del ginnasta del sesso Arcangeli. Non "sfruttata" a dovere la Fenech.
MEMORABILE: Milena Vukotic arrapatissima.

Sergio Martino HA DIRETTO ANCHE...

Jandileida 15/11/12 09:55 - 1337 commenti

I gusti di Jandileida

Classicone della commedia sexy italica con tutti gli ingredienti di sempre: la Fenech, i mariti fedifraghi, gli scambi di persona, la trovate farsesche e un Banfi, incredibile maschera comica, catalizzatore di tutta la vicenda. Sicuramente oltre la media del genere perchè la storia, pur facendosi beffe della consecutio temporum (notte o giorno? Boh!), regge e alcuni momenti, soprattutto quelli in cui sono coinvolti i datori di lavoro di Linuzzo sono veramente esilaranti. Un po' troppo tirato via verso la fine, ma probabilmente già aspettava un altro set.
MEMORABILE: Aristide.

Multimic80 17/11/12 01:01 - 48 commenti

I gusti di Multimic80

Lino Banfi nel suo periodo d'oro in straordinaria forma in un film dove anche le gag meno dinamiche strappano risate a non finire. Simpatica la Fenech nel ruolo della finta ingenua, energica la Merlini, mentre il personaggio di Cavina "anticipa" di qualche anno il suo collega Andrea Roncato. Equilibrata la Vukotic, mentre alcune scene comiche sono meglio realizzate grazie alla presenza di Armando Brancia, la cui sobrietà del personaggio si contrappone al carattere del protagonista. Il personaggio Aristide parla da sè.
MEMORABILE: "Illo habet cornam... magna!"; La pipì nella bottiglia del rosolio; La cucina di Gabriele che prende fuoco; La visita del cardinale.

Motorship 18/11/12 22:13 - 585 commenti

I gusti di Motorship

Tra i migliori film di Lino Banfi. Gag spettacolari, doppi sensi ed equivoci davvero esilaranti; insomma, funziona proprio tutto. Il lato sexy è riservato a qualche piccola allusione e alla presenza della divina Edwige Fenech (simpatica doppiata in veneto!), che però si spoglia poco (ma le sue gambe sono il top). Ottima e simpatica spalla un sorprendente Gianni Cavina, che instaura con Banfi un'intesa inaspettata. Nel cast anche la Vukotic e la Merlini. Simpatica e in tema la colonna sonora di Detto Mariano.
MEMORABILE: Banfi che orina nel rosolio; Banfi che balla; Gli starnuti di Cavina; La Vukotic infoiata; La visita del parroco nella particolare casa di Cavina.

Gabrius79 18/12/13 21:38 - 1270 commenti

I gusti di Gabrius79

Commedia degli equivoci in stile comico-sexy con un Lino Banfi in gran forma e una bellissima Edwige Fenech, pure spiritosa. Non sono da meno Gianni Cavina e Milena Vukotic, ma il film, nonostante alcune gag, funziona a fasi alterne e mostra la corda. Non tra i peggiori del genere, comunque.

Panza 3/01/14 19:56 - 1566 commenti

I gusti di Panza

Pellicola sopravvalutata forse a causa di un intreccio più curato del solito; non lo metto in dubbio, Martino ci sapeva fare sia in regia (peccato che si sia dato a scadenti film televisivi) sia in sceneggiatura. Banfi e la sua spalla Cavina sono molto bravi e si trovano comunque a loro agio. Non si tratta di un film noioso ma ha moltissimi limiti a partire da una parte iniziale molto lenta e ad alcune cose imbarazzanti (il figlio Aristide: perché a tanti fa ridere?). La Fenech si mostra poco ma è sempre simpatica. C'è la Vukotich!
MEMORABILE: "Illo habet cornam... magna!"; La visita dei porporati nella finta casa di Banfi.

Shannon 19/01/14 09:41 - 72 commenti

I gusti di Shannon

Commedia dalla confezione curata ma non particolarmente divertente. Banfi e la bellissima Fenech sono ai massimi ma non bastano a reggere una storia basata, come al solito, su una tresca extraconiugale e conseguenti complicazioni. Cavina non convince. Si salvano, qua e là, alcuni momenti. Qualche passo indietro rispetto al precedente La moglie in vacanza... l'amante in città.

Simdek 30/01/14 14:51 - 93 commenti

I gusti di Simdek

Equivoci a iosa nella commedia sexy più brillante di un Banfi in stato di grazia. Fenech bellissima preda da concupire e Cavina playboy impenitente danno vita a un'infinità di situazioni esilaranti grazie soprattutto alla goffaggine dell'aspirante fedifrago pugliese. Peccato che i film moderni siano lontani anni luce da commedie così divertenti nella loro semplicità. Stracult.
MEMORABILE: La ginnastica di Cavina...

Medicinema 30/03/14 18:14 - 96 commenti

I gusti di Medicinema

Se si pensa a ciò che oggi il cinema italiano propone in quanto a comicità (sia come sceneggiature che come interpreti) non si può non provare nostalgia per l'ingenuità e la spensieratezza di questi film, girati con pochi mezzi e tanta voglia. Le avventure del povero Lino/Domenico si prolungano forse un po' troppo, in questa pellicola in cui un comprimario con più mestiere avrebbe dato maggiore brio ai momenti di stanca. I fuochi d'artificio del finale risollevano però un po' il tutto.
MEMORABILE: I siparietti di Banfi col figlio obeso.

B. Legnani 19/07/15 19:21 - 4983 commenti

I gusti di B. Legnani

Peccato per il bruschissimo calo dopo 60' (terribile la parte con le squillo-suore), ma rest un film più che decente (assai meglio di Spaghetti a mezzanotte), con un Banfi in grandissima forma, che dà il meglio di sé nelle dinamiche framiliari. Cavina gli fa da spalla quasi impeccabile, mentre la Fenech è la più incredibile cantante rodigina che si potesse immaginare, ma alla Fenech del 1981 si perdona tutto, proprio tutto. La sarta con gli occhiali è Rita Caldana, che qualcuno anni fa riuscì a confondere con Rita Calderoni...

Alex75 22/07/15 09:27 - 733 commenti

I gusti di Alex75

Come in altri film del periodo, anche qui Lino Banfi si conferma un formidabile mattatore, ovviando, con tutte le gag del suo repertorio, alla modestia della trama (anche se qui Martino, oltre a confezionare il film con maggiore cura, si permette una velata critica del bigottume diffuso in certi ambienti). Vero è che anche i comprimari, in quest’occasione, sono al meglio (la Fenech è splendida e autoironica, la Vukotic una grande interprete e Cavina è perfetto nei panni del gaudente emiliano).
MEMORABILE: Aristide, lo stolido e obeso rampollo di casa Petruzzelli.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Azione70 7/09/15 01:17 - 152 commenti

I gusti di Azione70

Gradevole commedia "scollacciata" con buon ritmo e gag azzeccate. Il plot è sempre quello dell'italiano medio (Banfi) che anela a portarsi a letto la bella di turno (Fenech, stupenda in questo caso), ma qui il cast e la sceneggiatura rendono piacevole l'insieme (alcune scene sono esilaranti). Tra gli attori bravissima la Vukotic, tutta casa, chiesa e... passione!
MEMORABILE: Banfi in auto con due preti si rivolge a un altro automobilista: "A cornuto!" Salvo poi dire ai due preti: "Ille habet cornas. Magna!"

Ramino 26/09/15 23:07 - 127 commenti

I gusti di Ramino

Una bella commedia degli equivoci, giustamente rivalutata, con bravi attori e comprimari in ottima forma. La Fenech bella come non mai è piccante al punto giusto, Cavina è insolito ma divertente, il grande Banfi scatenatissimo con notevoli tempi comici. Menzione particolare per Filippo Evangelisti in arte Aristide. Il tutto è ben diretto da Martino, specialista del genere.
MEMORABILE: Aristide che interrompe Banfi e la Vukotic: "M'hanno fregato il pallone!"

Marione 25/11/15 14:14 - 103 commenti

I gusti di Marione

Un classico. Banfi e Cavina sembrano coppia affermata da decenni (peccato non averla più riproposta) con il primo, bigotto pentito, e il secondo, insofferente vitellone mai sazio, a creare siparietti mitici; memorabile quando i due rispondono all'unisono. Non solo: la Fenech versione cantante veneta crea un contrasto fascino/grezzo notevole, la Merlini strilla alla grande e il personaggio del figlio idiota diverte. Solo la Vukotic stona: sopra le righe, non rende mai. La pellicola non cala, anzi, esplode nel finale a colpi di... Mazinga!
MEMORABILE: I due che rispondono all'unisono per sviare l'equivoco sui nomi; Il figlio sul water; Il bolognese che risponde in accento pugliese.

Vitgar 27/11/15 10:19 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Solita commedia volgarotta all'italiana dove si vede la formosità della bellissima Fenech, si assiste a rocamboleschi adulteri, il tutto condito dalla spesso infastidente cadenza pugliese del monocorde Banfi. Si ridacchia un po', ma alla fine non resta niente. E' stata una conquista che questo filone, così in voga negli anni '80, sia passato di moda.

Polato m. 7/02/16 08:36 - 7 commenti

I gusti di Polato m.

il titolo del film è derivato dalla causa scatenante dell'inizio di tutti gli equivoci. Come in tutti i casi di regia di Martino, sceneggiatura banalissima che se non avesse come protagonista Banfi rischierebbe il collasso nel giro di dieci minuti. Il duo Banfi/Cavina in ogni caso non convince appieno: quest'ultimo non regge il confronto per quanto riguarda la capacità di improvvisazione, che qui la fa da padrona, col risultato che le parti di Cavina sono le meno simpatiche. Film comunque apprezzabile.

Ultimo 26/04/16 14:37 - 1480 commenti

I gusti di Ultimo

Tipico esempio di commedia a sfondo erotico molto in voga negli anni 70 e 80. Il film può contare su un Lino Banfi letteralmente scatenato, coadiuvato dal bravo Gianni Cavina. La vicenda è semplice e gioca sui classici equivoci e giochi di parole che da sempre contraddistinguono queste commedie. Simpatico anche Arisitide, il figlio di Banfi. Splendida la Fenech.

Minitina80 19/09/16 08:31 - 2604 commenti

I gusti di Minitina80

È la classica commedia basata sugli equivoci che per una volta almeno viene costruita decentemente, senza troppi inciampi e momenti in cui finisce in confusione. Banfi sforna battute e smorfie al ritmo di una mitragliatrice, concedendosi poche pause e trovando un inedito e bravissimo Cavina a dargli manforte. Ci sono anche la Merlini, a cui viene lasciato poco spazio e la Vukotich, entrambe attrici di gran talento. Disinvolta la Fenech a cui l’accento veneto non giova rendendola, a tratti, insostenibile.

Vito 1/10/16 16:24 - 686 commenti

I gusti di Vito

Grande commedia di un Sergio Martino in stato di grazia. Numerose le scene divertenti e c'è persino una critica a una certa borghesia tutta casa e chiesa che nasconde corna e pulsioni sessuali. Banfi mattatore assoluto, assolutamente senza freni, supportato da un Cavina sciupafemmine, dalla monumentale Fenech e da una sempre brava Vukotic.
MEMORABILE: Aristide il figlio di Banfi; Ulrico il fidanzato della Fenech detto Mazinga; Cavina porta la Fenech al casino.

Pessoa 27/10/16 12:05 - 1658 commenti

I gusti di Pessoa

Una delle vette più alte delle commedia all'italiana, con un Banfi strepitoso al suo meglio. Molto più riuscito del contemporaneo Spaghetti a mezzanotte grazie anche a una storia originale e a una schiera di comprimari di tutto rispetto (Cavina, la Fenech, la Vukotic, la Merlini, tutti bravissimi). Ma il vero motore di questo film è un Lino Banfi che va a ruota libera e strappa la risata ogni volta che apre bocca. Senza di lui questo film sarebbe davvero poca cosa.
MEMORABILE: Il dialogo in latino fra i prelati nella scena iniziale.

Metuant 20/03/17 08:44 - 455 commenti

I gusti di Metuant

Simpatico e divertente, come del resto ci si aspetta da un film di questo filone: Lino Banfi è sempre in forma nella parte dell'ennesimo marito cornuto che cornifica, stavolta affiancato da una sempre brava Milena Vukotic e da un Cavina in una caratterizzazione tipica. Menzione speciale per il figlio, una figura che non compare moltissimo ma che fa ridere ogni volta. La Fenech è più bella che brava e stavolta purtroppo non risulta nemmeno essere molto in parte.
MEMORABILE: I siparietti con il figlio Aristide.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Taxius 18/01/19 16:52 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Nel suo genere sicuramente uno dei film più riusciti. Il film funziona e diverte dall'inizio alla fine grazie alla strepitosa prova di Banfi, qui all'apice della carriera e a una sempre bellissima Fenech. Pregio principale è quello di non essere per nulla volgare; a questo si aggiunge anche la quasi totale assenza di componente sexy, in quanto la stessa Fenech si scopre solo per una brevissima scena. Per questi motivi si può consigliare anche a chi non è amante delle commedie italiane anni 70/80.

Oblomoff 11/04/19 12:37 - 43 commenti

I gusti di Oblomoff

Poco più che un pretesto la trama, il solito collaudato gioco di equivoci erotici, diretto con mestiere da Sergio Martino. A reggere la baracca un Lino Banfi in stato di grazia, spalleggiato da uno spassoso Gianni Cavina in versione erotomane. Il dolcissimo cremoso ripieno degli eponimi cornetti è lei, la divina Edwige, che esibisce il suo corpo voluttuoso e è simpaticamente doppiata con accento veneto. Unica nota stonata una Milena Vukotic fuori posto nella sguaiataggine della sceneggiatura.
MEMORABILE: Il moroso manesco di Edwige con la maglietta degli Who.

Rufus68 10/10/19 22:54 - 3393 commenti

I gusti di Rufus68

È la solita commediola sexy e però c'è Banfi, attenzione. Cavina, Vukotic e Fenech sono bei comprimari e però c'è Banfi: le intemerate e le minacce fisiche al figlio bambacione sono irresistibili ("ti spezzo un braccio!", alla faccia del Telefono Azzurro) almeno quanto la sequenza in crescendo con i due preti che culmina, con logica rovinosa, nella demolizione controllata del Nostro ridotto a rottame balbettante da cassonetto (dopo scivolata da Corazzata Potëmkin, ovvio). Classicaccio.

Siska80 11/10/20 16:48 - 1533 commenti

I gusti di Siska80

Tipica commedia di Sergio Martino in cui però gli scambi di coppia, anziché avvenire in una vasta location (un albergo a Courmayeur ad esempio...) si concretizzano all'interno di un condominio. Antipatici i personaggi della cantante svampita e del fidanzato energumeno geloso (ambedue ricalcati male rispettivamente su Patrizia ed Enzo di Signori si nasce). Mattatore indiscusso il grande Banfi, che strappa frequenti risate nonostante la pochezza della trama affossata da un finale odioso.
MEMORABILE: Domenico a tavola con moglie e figlio.

Pinhead80 27/07/21 08:58 - 4154 commenti

I gusti di Pinhead80

Un uomo pacioccone e mite, con una famiglia seria alle spalle e un lavoro da sarto per il clero, si infatua di una cantante lirica spiantata ma conturbante. Seguiranno tutta una serie di situazioni paradossali rette alla grande dal duo Banfi-Cavina. Commedia sexy all'italiana che sfrutta molto bene il canovaccio dello scambio di identità. La sceneggiatura mette in risalto le caratteristiche comiche dei due protagonisti e il film beneficia in generale di un cast femminile di tutto rilievo. Si ride di gusto a suon di doppi sensi ed è uno spettacolo osservare tutte le smorfie di Banfi.
MEMORABILE: Banfi che morsica Cavina in ascensore.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione B. Legnani • 5/09/13 12:17
    Consigliere - 14303 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Mauro ebbe a dire:
    Zender, ho contattato Tiziana Pini, segnalata nel cast, e mi ha detto che non hai mai lavorato in questo film.
    Non so chi l'abbia aggiunta, di sicuro Legnani, visto che non è scritto in nessun post e io non aggiungo mai n.c. senza che me lo dicano o li abbia visti io... Provo a chiedere.


    Lo escluderei: non ho mai visto il film. Se avessi lavorato sul cast, inoltre, avrei senz'altro aggiunto i molti attori qui non citati (per esempio Luigi Leoni).
    Che l'abbia segnalato qualcuno il cui post è stato cancellato?
  • Discussione B. Legnani • 5/09/13 13:25
    Consigliere - 14303 interventi
    A meno che non abbia fatto una comparsata, magari mentre il film prevedeva un titolo diverso, e la cosa sia stata citata da qualcuno in qualche intervista...
    Ma in questo caso avrei segnalato la fonte, come faccio sempre...
  • Discussione Zender • 5/09/13 17:38
    Consigliere - 44793 interventi
    Boh allora togliamolo e basta. Molto strano.
  • Discussione Mauro • 5/09/13 19:18
    Disoccupato - 10207 interventi
    Zender, guardando il film ho notato un particolare strano.

    I due appartamenti di Banfi (1° fotogramma) e Cavina (2° fotogramma), entrambi con accesso dal medesimo lato del pianerottolo di Piazza Mincio, hanno - nelle loro differenza - una medesima posizione di porta d'ingresso, finestra sullo sfondo e pavimento istoriato con tratto centrale privo di decorazione. Considerato che nell'appartamento di Banfi avvengono delle distruzioni quando irrumpe Ulrico (porta, finestra, crepe sul muro) dubito che abbiano realmente girato in un appartamento dello stabile di Piazza Mincio e che nello stesso ce ne siano due simili. Penso, invece, che si tratti dello stesso appartamento, in realtà un set di un teatro di posa che prima veniva "arredato" da Casa Banfi (con tanto di parete di mezzo posticcia) e poi da Casa Cavina, quindi non girando le scene nelle stessa sequenza con le quali sono poi state montate. Anche per te può essere andata così?

    Ultima modifica: 6/09/13 09:06 da Zender
  • Discussione Zender • 6/09/13 09:05
    Consigliere - 44793 interventi
    Certo, probabilissimo figurati. Non vedo perché andare a cercare altre case, capita spessissimo.
  • Discussione Mauro • 6/05/15 14:25
    Disoccupato - 10207 interventi
    Mauro ebbe a dire:
    Zender, guardando il film ho notato un particolare strano.

    I due appartamenti di Banfi (1° fotogramma) e Cavina (2° fotogramma), entrambi con accesso dal medesimo lato del pianerottolo di Piazza Mincio, hanno - nelle loro differenza - una medesima posizione di porta d'ingresso, finestra sullo sfondo e pavimento istoriato con tratto centrale privo di decorazione. Considerato che nell'appartamento di Banfi avvengono delle distruzioni quando irrumpe Ulrico (porta, finestra, crepe sul muro) dubito che abbiano realmente girato in un appartamento dello stabile di Piazza Mincio e che nello stesso ce ne siano due simili. Penso, invece, che si tratti dello stesso appartamento, in realtà un set di un teatro di posa che prima veniva "arredato" da Casa Banfi (con tanto di parete di mezzo posticcia) e poi da Casa Cavina, quindi non girando le scene nelle stessa sequenza con le quali sono poi state montate. Anche per te può essere andata così?



    Si tratto con altissima probabilità degli studi R.P.A. Elios. Ho notato che le stesse vetrate colorate che si vedono nell'appartamento di Banfi sono utilizzare in un interno (gli studi televisivi) di "W la foca"; inoltre gli studi sono citati nei titoli di coda di entrambi i film.
    Ultima modifica: 6/05/15 14:25 da Mauro
  • Discussione Markus • 6/05/15 14:42
    Scrivano - 4812 interventi
    Gli studi Elios son quelli in cui oggi fanno “Amici”?
  • Discussione Samuel1979 • 27/01/20 17:03
    Call center Davinotti - 3263 interventi
    È probabile che la maglietta indossata dall'aitante giocatore di Rugby raffiguri il gruppo The Who. Purtroppo la qualità dei fotogrammi non è il massimo











  • Discussione Kanon • 27/01/20 17:17
    Fotocopista - 823 interventi
    Me ne ero accorto anche io. Direi che al 99.9999% è quella :

    https://www.shoppingtill.co.uk/media/catalog/product/B/0/B0062LJP201.jpg
  • Discussione Zender • 27/01/20 17:27
    Consigliere - 44793 interventi
    E' naturale che è una maglietta degli Who, ma non capisco cosa ci sia di interessante... Se iniziamo a mettere tutte le magliette coi gruppi che si vedon nei film...