Uccidi i tuoi amici – Kill your friends

Media utenti
Titolo originale: Kill Your Friends
Anno: 2015
Genere: commedia (colore)
Note: Soggetto dal romanzo omonimo scritto nel 2008 da John Niven, autore anche della sceneggiatura.
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/06/16 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 11/06/16 06:51 - 9520 commenti

I gusti di Daniela

Nella Londra della fine anni '90, un manager di una casa discografica è disposto a tutto pur di mantenere il posto e far carriera... Commedia nera con un protagonista privo di scrupoli che mentre sniffa, ammazza e ricatta, si rivolge direttamente allo spettatore per guidarlo, come un Virgilio bastardo, all'interno di un inferno stordente pieno di luci e suoni, una giungla urbana in cui può sopravvivere solo il più spietato. Film troppo ambizioso tracimante sarcasmo, per giunta poco originale, ma che si fa seguire con curiosità, nonostante alcuni brani musicali facciano dolere i denti.
MEMORABILE: Per calmarsi, il protagonista elenca tutti i termini con cui può essere definita la cocaina

Piero68 26/04/17 10:36 - 2768 commenti

I gusti di Piero68

Cinico come solo certe black-comedy tutte british sanno esserlo, il film non è solo una sorta di satira sul mondo delle case discografiche, ma sfocia spesso nel grottesco. Peccato che alla fine suoni come uno sorta di Trainspotting per ricchi commisto a American psycho e la sceneggiatura non spazi davvero come avrebbe potuto. Il tutto si risolverà nel solito rampantismo/arrivismo abbondantemente già visto in altre pellicole. Buona la colonna sonora non eccezionale il parco attori su cui spicca, ovviamente, il solo Hoult. Godibile a metà.
MEMORABILE: Il tremendo cocktail di acidi, chetamina, cocaina e alcool servito ai nemici.

Anthonyvm 12/02/20 22:07 - 2028 commenti

I gusti di Anthonyvm

Black comedy correttamente eseguita, che rivisita in chiave satirica ed eccessiva il selvaggio mondo dell'industria discografica enfatizzando i luoghi comuni consueti (alcol, droga, sesso, denaro, arrivismo). Ne esce un prodotto tutt'altro che innovativo (in più occasioni si ha davvero la sensazione di assistere a una variante musicale di American psycho), ma cattivo al punto giusto e a tratti divertente. Hoult è adeguato nel ruolo del folle e cinicissimo protagonista e anche il resto del cast se la cava. Piccoli tocchi di splatter per gradire.
MEMORABILE: Il collega con la faccia disintegrata; L'inascoltabile performance delle Songbird; Il pubblico sfogo misogino; I malignissimi dieci minuti conclusivi.

Kinodrop 31/03/20 20:56 - 1544 commenti

I gusti di Kinodrop

L’equipe di talent scout dell’etichetta discografica A e R è in perenne lotta con la concorrenza e non esita di fronte a nulla; ma anche all’interno sussiste una specie di guerra per il potere e l’algido e spietato Steven si fa largo con mezzi più atroci. Niente di originale in questa storia di yuppismo condito di black humor all’inglese, sullo sfondo delle ambizioni e anche dei capricci di nuove “meteore” musicali tra techno, indie, rap ecc. Fastidioso l’inutile parlottare del protagonista col pubblico e nonostante sesso/droga/alcol risulta asettico.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.