The departed - Il bene e il male

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The departed
Anno: 2006
Genere: gangster/noir (colore)
Note: è il remake americano di "Infernal affairs"
Numero commenti presenti: 54
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 23/11/06
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

leo 24/01/07 11:27 - 7 commenti

I gusti di leo

La sceneggiatura è inconsistente proprio negli snodi principali. Per esempio, perchemmai il boss dovrebbe fare cose tecnologiche e disporre che sia la matricola ad averne traccia su CD? Tensione e regia sono molto, molto buone, ma l'Oscar, ragazzi, noproprionooo! Come tecnologo trovo molto interessante che l'oggetto del contendere sia una partita di microprocessori.

Milanoodia 20/02/07 19:30 - 10 commenti

I gusti di Milanoodia

Un film che preso di per sè regge. Peccato che si regga quasi completamente su una sceneggiatura che non solo trae spunto da Infernal Affairs, ma che è completamente mutuata dal film di Hong Kong. E manca anche il coraggio di dichiarare che The Departed è un remake vero e proprio. Aggiungiamo infine una didascalità inutile che serve solamente a farsi beffe del pubblico occidentale, come se fosse impossibile seguire i presunti salti temporali a cui l'oriente è, a sentir qualcuno, avvezzo.

G.Godardi 19/03/07 03:11 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Scorsese prende Infernal Affairs, successone del cinema di Hong Kong, e lo fa suo. Gli inserisce le tematiche a lui care(gangster,religione), lo amplia e lo rende accessibile al pubblico occidentale (nel film originale vi sono parecchi salti temporali ed ellissi narrative). Ma fa di più: costruisce un meccanisco cinematografico perfetto, che ha il suo punto di forza nell'ultima parte del film, quella più smaccatamente hitchcockiana, un finale che non dà tregua. DiCaprio simil De Niro e un Nicholson gigione.

Magnetti 14/04/07 20:11 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Veramente un filmone. Insomma di quelli che sfortunatamente si vedono poche volte l'anno. Grandi attori, grande regista etc etc. Non entra però nel gotha dei gangster movie soprattutto perchè Jack Nicholson, pur essendo un grande attore, non è molto adatto alla parte (o meglio, la parte non è adatta a lui) e Di Caprio con la pistola non è credibile. La parte finale (a carte e 48) è veramente cruda, spiazzante e ben realizzata. Ottimi, in ruoli non principali, Martin Sheen e soprattutto Mark Wahlberg. Musiche belle ma invasive. Molto bene.

Galbo 18/04/07 16:26 - 11307 commenti

I gusti di Galbo

Un ritorno di Scorsese al grande cinema, quello di ampio respiro dei suoi capolavori (The goodfellas su tutti). Forse The departed non sarà il lavoro migliore del regista americano ma ti inchioda alla poltrona per due ore e passa, ha un grande ritmo ed è magistralente diretto ed interpretato sia nei ruoli principali (Di Caprio e Damon sono sufficientemente ambigui e luciferini) sia nelle parti di (si fa per dire) contorno, con grandi prove di Jack Nicholson e Martin Sheen.

Il Gobbo 29/04/07 23:14 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Un ottimo film, con un solo difetto: l'avevano già fatto. Nonostante le acrobazie dei recensori ufficiali, il remake/ricalco (attingendo anche da Infernal affairs II) è integrale, quasi pedissequo, salva la infelice concessione conclusiva alle pulsioni più basse del pubblico. Il premio a un grande autore proprio per questo impeccabile quanto inutile esercizio di manierismo è una sorta di beffa. Altissimo livello degli attori.

Flazich 20/05/07 00:26 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Un misera operazione commerciale: questo è "The Departed". Non si può in alcun modo giustificare un remake di un film uscito così di recente, seppur in Asia. Purtroppo Scorsese lo occidentalizza e riesce a rovinarlo rendendolo prolisso, brodoloso, digeribile anche per i più disattenti. Fa nulla se il finale è pieno di falle: l'importante è stupire! Stupire per cosa, poi? Scorsese ha copiato e, direi, male. Il compitino è risultato qundi facile e si è beccato pure L'Oscar. Oscar che non potevano negargli per l'ennesima volta. Salvo il Grande Jack.

Deepred89 28/07/07 14:46 - 3253 commenti

I gusti di Deepred89

Buon poliziesco. La confezione è ottima: tre attori di rilievo come Jack Nicholson, Matt Damon e Leonardo Di Caprio tanto per garantire un buon livello di recitazione (e incassi); la regia di Scorsese, non al livello dei suoi capolavori ma comunque veloce e intelligente, dialoghi brillanti e irriverenti, storia intrigante, bella colonna sonora. Se si analizza meglio la sceneggiatura può emergere qualche difetto, come nel finale, con qualche colpo di scena di troppo, ma nel complesso il film regge bene.

Caesars 3/09/07 11:17 - 2654 commenti

I gusti di Caesars

Delusione quest'ultima prova registica di Martin Scorsese: non che il film sia da buttare, ma è lontano dal capolavoro che alcuni proclamano. La recitazione di Jack Nicholson è buona, ma eccessivamente sopra le righe e probabilmente il ruolo non era adatto a questo grande attore. I due protagonisti, Leonardo Di Caprio e Matt Damon, non forniscono prove particolarmente efficaci (soprattutto il secondo), meglio fanno Mark Wahlberg e Martin Sheen in ruoli secondari. Non sarebbe l'ora di finirla di rifare film recentissimi come Infernal affairs?

Puppigallo 1/10/07 22:35 - 4485 commenti

I gusti di Puppigallo

Di Caprio (molto convincente) e Nicholson (gigioneggiante, ma più che apprezzabile) permettono al film di mantenersi su livelli notevoli. C’è azione, si scava un po’ nella psiche dei personaggi e c’è molta violenza (inevitabile in simili ambienti e, soprattutto, con simili individui). E’ quasi impossibile annoiarsi, ma nonostante questo il film ha due falle: la psicologa (messa lì giusto per creare un collegamento tra Damon e Di Caprio) e Damon stesso. La prima è forzata, mentre il secondo non convince (troppo finto). Finale come da titolo.
MEMORABILE: Costello (Nicholson), al ristorante, dopo aver parlato con due preti in maniera piuttosto colorita, li saluta così: "Buon appetito, pompinari".

Capannelle 11/11/07 23:17 - 3688 commenti

I gusti di Capannelle

Film ben fatto ma di cui mi sono parsi esagerati gli elogi raccolti. Lasciamo stare la derivazione dall'altro film, non è un delitto (parola appropriata) se si riesce ad aggiungere una convincente interpretazione personale. Qui le pretese del filmone vengono concretizzate solo in parte, a tratti appare prolisso e poco credibile. Attori bravi, tra cui spuntano Martin Sheen e Di Caprio mentre Nicholson parte bene ma il suo ghigno lo accompagna troppo a lungo.

Lovejoy 23/12/07 23:51 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Bellissimo poliziesco splendidamente diretto dal grande Martin Scorsese. A mio avviso l'Oscar è pienamente meritato. Molti i momenti memorabili. Su tutti la prima scena, con l'apparizione di Nicholson, Di Caprio a colloquio con Sheen, quest'ultimo nel palazzo con gli sgherri di Nicholson, Di Caprio e Nicholson alla tavola calda, la sparatoria nel parcheggio, l'ascensore. Splendida squadra d'attori, tutti in gran forma. Menzione particolare per Di Caprio, Nicholson, Sheen e Baldwin.

Homesick 4/01/08 17:51 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Oltre al fatto di essere un remake, il soggetto non riserva certo grandi sorprese trattandosi di una rassegna dei momenti essenziali del cinema noir (il boss onnipotente e le sue matricole, gli infiltrati, le trappole…). La qualità del prodotto è garantita piuttosto dal mestiere di Scorsese, che orchestra una sceneggiatura solidissima, geometrica, verbosa, imprime un ritmo serrato e tira fuori il meglio persino dai solitamente poco incisivi Di Caprio e Damon. Nicholson giganteggia insieme al ponderato Sheen e all’aggressivo Wahlberg.

Redeyes 18/01/08 18:58 - 2126 commenti

I gusti di Redeyes

.. Non sono un fanatico di Scorsese, tutt'altro, ma questo film è proprio bello. Certo è la classica confezione americana, ma gli attori sono molto bravi - mi ha stupito, in particolare, Di Caprio - e se si eccettua il finalone yankee, direi che merita proprio buttarci un occhio! Assolutamente magnifica la soundtrack!

Redvertigo 26/10/08 01:43 - 78 commenti

I gusti di Redvertigo

Sicuramente il miglior Scorsese degli ultimi anni. Ottima regia (chettelodicoafare!), gran ritmo e una sceneggiatura che, seppur con tutti gli stereotipi del genere, regge benissimo dall'inizio alla fine; una volta tanto un remake che supera di gran lunga l'originale! Sono rimasto molto colpito dalla bravura dimostrata dal discontinuo Leonardo Di Caprio che qui ha fatto davvero un egregio lavoro sul suo personaggio. Nota a margine: nel doppiaggio italiano Pino Insegno che dà la voce a Mark Wahlberg... nun se po' proprio sentì!

Rebis 13/11/08 18:29 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Gradito rientro di Scorsese nei ranghi di quei bravi ragazzi: lavora sodo di montaggio - prosciugando punti morti, emettendo una fiumana di sequenze emblematiche - e di sceneggiatura - pressoché euclidea e sempre archetipa, per cui tanto a rischio del sublime quanto del ridicolo. La selezione musicale è imprevedibile e spiazzante, la recitazione isterica e concitata: meglio Di Caprio di Matt Damon; Nicholson ad hoc; Martin Sheen svettante. Con un uso incondizionato e innovativo di tutto il repertorio noir - non ultimo sé stesso - inchioda alla seggiola e non specula mai a vanvera. Postmoderno.

Stubby 13/11/08 19:10 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Grandissima pellicola con un cast eccezionale. Leonardo Di Caprio non mi ha convinto molto nelle scene dove sfodera la sua cattiveria (non ce lo vedo molto), ma per il resto è straordinario come tutto il cast. Naturalmente inutile spendere parole per Jack Nicholson: monumentale è l'aggettivo più adatto. Sceneggiatura un po' ingarbugliata all'inizio ma che poi si dipana e il tutto diviene scorrevole, accattivante; ritmo sempre alto, finale pirotecnico. Il top.

Daniela 19/12/08 09:19 - 9075 commenti

I gusti di Daniela

Ovviamente è girato bene (Scorsese è forse il più grande fra i registi viventi), la trama è avvincente, il cast stellare anche nei ruoli minori (fra tutti, meglio il sofferto Di Caprio, piuttosto che Nicholson e Damon, fuori parte), bella fotografia, musica ok, ma allora perché ho trovato la visione tanto insoddisfacente? Ma perché avevo già visto Infernal Affairs... Ammetto che anche i grandi siano costretti a piegarsi ad esigenze commerciali, ma ciò non giustifica un remake tanto banalizzante, soprattutto nel moralistico finale.

Fabbiu 27/12/08 04:24 - 1925 commenti

I gusti di Fabbiu

Una grande regia per un film con grandi attori, una bellissima colonna sonora (Dropkick Murphys) con ottimi tempi, ottimi ritmi, ma soprattutto ottime interpretazioni: i 3 big protagonisti ancora una volta ci mostrano come si recita con vero mestiere. Potrebbe essere un filmone; potrebbe perché, a parer mio, difetta solo (ma non è poco) nella narrazione del soggetto, che è sì buono, interessante e particolare, ma viene portato alla conclusione (tra l'altro un po' assurda) tramite interminabili sequenze di riempimento non sempre del tutto digeribili.

Brainiac 16/01/09 00:45 - 1082 commenti

I gusti di Brainiac

Decisamente un brutto film. Il gioco dei doppi (poliziotto buono, poliziotto cattivo) stanca subito. Jack Nicholson fa paura fino a che rimane in penombra (l'incipit del film, l'unica cosa riuscita). Dopodichè il buon Jack comincia a gigioneggiare, a straparlare, e per il villain della situazione non è mai cosa buona (si rimpiange il cattivissimo Joe Pesci). Penosa la love story fra Di Caprio e la bella psicologa. Unico brivido nell'apparizione finale di Wahlberg, che innesta un po' di sana action (ma la scena è fulminea) in questo imbolsito noir.
MEMORABILE: La canzone "Leaving Boston" nella scena in cui Di Caprio va in carcere.

Matalo! 24/01/09 09:38 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Il problema di questo buonissimo thriller è che non mantiene le promesse; poteva essere visto, l'incipit, una storia con fondamenta dostoevskiane e una riflessione cristiana (caratteristiche del Scorsese migliore) sui protagonisti e invece è solo un film d'azione di lusso, che regge a tre quarti, poi fatica a finire. Che sia un remake il regista lo tace alla grande ma comunque per bravura di montaggio, regia, recitazione è solo e soltanto un film di Scorsese. La bravura di Nicholson lo salva dall'essere fisicamente fuori parte. E' il film dei cellulari!

Saintgifts 4/06/09 12:41 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Tanto spreco di talenti e mezzi per un film mediocre. Pieno di stereotipi; molte scene sembrano messe li appiccicate giusto per riempire e fare passare il tempo. Damon è irritante non per la parte ma per come recita, Di Caprio in alcune scene sfoggia una serie di espressioni che nulla c'entrano con l'argomento. Scena di sesso tra Di Caprio e la psicologa (?) gratuita e spenta. Cosa c'entra poi la scena al cinema porno? Nicholson è bravo ma è sempre quello e recita a memoria se stesso. Bravi gli attori comprimari, veri professionisti.

Belfagor 26/01/10 11:00 - 2619 commenti

I gusti di Belfagor

Un grande regista unisce un grande gruppo di attori per incastonarli in una sceneggiatura intricata, geometrica ai massimi livelli. Se questo regista avesse "studiato da fighetto", avrebbe combinato un disastro e invece, trattandosi di Scorsese, il risultato è ottimo. La qualità della pellicola fa dimenticare alcune incongruenze e l'eccellente lavoro del cast mantiene alta la tensione fino al catartico finale, il che non è poco per un film di due ore e mezza. Diabolico Jack.
MEMORABILE: Il massacro nell'ascensore.

Tarabas 23/02/10 09:56 - 1681 commenti

I gusti di Tarabas

"Doppia caccia a due agenti doppi. Il commento del remake non può che cominciare dall'originale. La storia di Infernal affairs si sposta a Boston, interpretata da grandi facce da cinema (tra le quali spicca un perfetto Di Caprio, mentre Nicholson nicholsoneggia troppo). Tema centrale è l'incerto dualismo benemale. Il confronto con il film di Lau è arduo, però, e la sensazione è di un'opera "alla maniera di Scorsese", girata con la testa voltata al passato. Nessuna nuova rispetto a Quei bravi ragazzi o Casinò. Classe da vendere, ma per Marty l'asticella è ben più alta.

Vstringer 28/02/10 13:28 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

Paradossale che una leggenda come Scorsese vinca il suo primo Oscar personale per una pellicola che è soprattutto esercizio di stile (portare Infernal Affairs fra i cattolici di Boston) e che non vale quanto i suoi grandi capolavori del passato. Ma il film è massiccio e funziona dall'inizio alla fine, con un gran Di Caprio, un Nicholson passabilmente gigione, un buon apporto dei comprimari (Sheen e Wahlberg in primis); la sceneggiatura è soprattutto esempio di corretta riscrittura, la regia è pulita senza strafare. Damon fa di meglio altrove.
MEMORABILE: L'inizio, con Nicholson in penombra.

Disorder 16/04/10 13:40 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Bello sicuramente, ma sopravvalutato. Il problema è che la trama sa di già visto: sulle dinamiche di mafia e sul tradimento Scorsese aveva già detto tutto nell'ottimo Quei bravi ragazzi, che aveva dalla sua anche l'ironia. Per il resto nessun appunto: la regia è ineccepibile (serrata, moderna) sfrutta appieno un cast di prima grandezza. Credo che l'Oscar vada inteso come premio alla carriera da parte di un Academy che fino ad ora gli aveva clamorosamente negato il riconoscimento personale. Buon cinema.

Trivex 1/11/10 11:50 - 1471 commenti

I gusti di Trivex

Grandi attori riuniti, avanti! Si sono trovati in tanti, molti hanno dato il meglio, semplicemente essendo se stessi. Il Jack mondiale si comporta come sa fare lui, con le sue espressioni, le stesse ma non per questo superate. I due ragazzi DiCaprio e Damon sono dinamici, intelligenti, puliti e sporchi, sempre lineari e ineccepibili. Il contorno è professionale, la regia precisissima, la storia proveniene da altrove, ma qui rende bene, molto bene. Film nervoso, sempre con i nervi scoperti, pronti al sobbalzo, attenti ai nuovi eventi, fino allo stremo delle forze.

Greymouser 26/06/10 11:33 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Quando si parla di remake, per il sottoscritto non tira quasi mai una buona aria. Purtroppo perfino il grande Scorsese mi conferma nell'assunto: "Departed" non è certo un brutto film, e nessuno si annoierà di fronte al talento straripante del regista e alle buone prove del duo protagonista. Però... Però l'ho trovato un film freddo, troppo cerebrale per le corde di Scorsese, che dà il massimo seguendo un istinto registico "animale". Bello e deludente, se posso permettermi la voluta contraddizione.

Jcvd 30/12/10 18:38 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Capolavoro! Martin Scorsese firma il classico filmone, con un cast stellare e persino Matt Damon pare meno manzo del solito. Nicholson e Di Caprio sono perfetti anche se probabilmente lo è ancor di più Mark Wahlberg, premiato giustamente con un oscar. Trama lineare, facilmente seguibile e con pochi colpi di scena ad eccezione del finale, ma è comunque un pregevole action movie. Ce ne fossero di più... Ottima anche la colonna sonora.
MEMORABILE: La morte a sorpresa di...

Rambo90 8/11/10 20:22 - 6269 commenti

I gusti di Rambo90

Dopo un paio di film che non mi hanno convinto appieno, Scorsese gira un vero capolavoro. Seppur si tratti di un remake e di una storia quindi non originale, è riuscito a confezionare un film imperdibile, soprattutto grazie a una seconda parte sempre più incalzante e dal finale spiazzante. Grandissimo Nicholson, bravi DiCaprio e Damon, facce opposte della stessa medaglia e notevole anche il resto del cast con Baldwin (per quanto marginale) a mio avviso sopra gli altri.

Mark 21/03/11 00:21 - 264 commenti

I gusti di Mark

È un remake ma non se ne accorge nessuno perché il marchio di Scorsese è quello dei vecchi tempi: grande azione, ritmo forsennato, un cast super con un Jack Nicholson che è come il whisky che ingurgita: potente e invecchiato ma mai peggiorato! Gli action movie americani c'avevano abituato ad uno spessore eclatante, competitivo, che negli ultimi anni si era comprensibilmente appannato. Questo film riporta il filone decisamente all'altezza dei vecchi fasti! Davvero ottimo!

Cotola 21/06/11 22:35 - 7402 commenti

I gusti di Cotola

Ci voleva il remake di un poliziesco cinese, perchè a Scorsese venissero tributati i più che meritati allori? Così pare, ma non è una critica: ci mancherebbe. D'altro canto il film è buono, ben diretto, con una sceneggiatura che ha mordente e crea una discreta tensione. Anche gli attori fanno il loro "sporco" lavoro. E allora, direte voi? Niente, ma manca la mano del regista di razza, il guizzo del grande cinema. Per restare nel genere: i tempi dei bravi ragazzi e dei "casinisti" sono lontani anni luce. Tre palle e mezzo un pò generose.

Mdmaster 8/08/11 09:30 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Per essere l'ultimo gangster movie di Scorsese direi che si conclude in bellezza. Pur essendo vero che la trama è interamente mutuata dalla controparte orientale, Departed riesce a condirla in maniera eccellente, in gran parte grazie a un cast in formissima, DiCaprio e Wahlberg in primis. Qualche buco di sceneggiatura in effetti c'è, ma ci si passa volentieri sopra quando la tensione comincia a farsi sentire e non lascia più la presa fino ai diversi colpi di scena finali. Notevole anche la colonna sonora. Non perfetto, ma un gran bel film.
MEMORABILE: La fine del capitano davanti agli occhi di William; le scene iniziali sulle note dei Dropkick Murphys.

Werebadger 20/09/11 14:32 - 270 commenti

I gusti di Werebadger

Ottimo ritorno di Scorsese al cinema e in un genere nel quale si è trovato molto a suo agio in passato. Sceneggiatura superba, grande recitazione, regia ben orchestrata, caratterizzazione eccellente dei personaggi, che sorprendono per ambiguità (Costigan/Di Caprio, vero protagonista del film, con i suoi repentini e feroci scatti di ira o Dignham/Whalberg, odiosamente caustico e provocatore). Nicholson più luciferino che mai, superbo come sempre (in Italia doppiato dal mostro sacro Giancarlo Giannini). Oscar meritatissimi.
MEMORABILE: Billy Costigan picchia selvaggiamente i due mafiosi di Providence, con l'ironico sottofondo musicale di "Nobody But Me".

Piero68 19/09/11 09:12 - 2750 commenti

I gusti di Piero68

Scorsese firma un altro capolavoro e a 20 anni da Goodfellas torna a fare cinema in un certo modo con girati veloci ed incalzanti (grazie anche al montaggio che becca 1 dei 4 Oscar). Cast stellare dove l'unico che stona (manco a dirlo) è il solito Damon che forse prende troppo sotto gamba l'impegno. Anche gli altri 3 Oscar ben meritati: sceneggiatura non originali, film e regia. Strepitosa la caratterizzazione di Wahlberg (che purtroppo becca solo la nomination). Bellissima anche l'OST. Ancora una volta Di Caprio nelle mani giuste sa convincere.

Didda23 29/10/11 11:49 - 2280 commenti

I gusti di Didda23

Scorsese nobilita il tanto bistrattato remake offrendoci movimenti di macchina dal valore insestimabile. La ricercatezza dell'immagine (vedi le innumerevoli croci) denota una passione profonda e una classe sopraffina. Difficile pretendere di più da una pellicola: il ritmo tiene incollati alla poltrona per due ore e mezzo, la sceneggiatura è coerente e senza sbavature, l'interpretazione del cast impeccabile. Non all'altezza del miglior Scorsese (Casinò e Quei bravi ragazzi), ma sicuramente fra i più riusciti. Grande esempio di cinema.

Paulaster 12/05/12 18:54 - 2669 commenti

I gusti di Paulaster

Premettendo che si tratta di un film solido in tutte le sue componenti, si imballa strada facendo. Sceneggiatura che nella seconda parte prende la forma di un polpettone e la stessa regia arranca nel voler creare una suspence continua. Di Caprio meglio di Damon, Nicholson istrione senza lasciare il segno, Farmiga a cui danno troppo spazio e Wahlberg che incide più degli altri. Scorsese, a cui danno l'Oscar col film sbagliato, dà prova di essere un maestro, ma si parla di un blockbuster.

Gaussiana 12/05/12 22:13 - 121 commenti

I gusti di Gaussiana

Sicuramente un buon film di malavita realizzato da Scorsese, che già aveva offerto ottime pellicole di questo genere. Nonostante la lunghezza scorre alla grande, l'azione c'è e gli attori sono tutti all'altezza del personaggio. Da un simile regista c'era da aspettarsi un buon film. Di certo ha fatto molto di meglio in passato, ma non annoierà di certo lo spettatore che ama i gangster movie perché il livello del film è sicuramente alto; movimentato e veloce più del solito, Scorsese coi film di questo tipo ci sa fare anche quando sono remake.

Jandileida 22/05/12 23:41 - 1235 commenti

I gusti di Jandileida

Comincia il film, capisci che dietro la macchina c'è Martin e davanti un Nicholson istrione una spanna e mezza sopra tutti gli altri (Damon per me è scarso ma Di Caprio è al meglio e la Farmiga in parte) e ti senti a casa: per due ore e passa te ne stai incollato al divano e ti godi del grande, grandissimo cinema. Per una volta posso dire che per fortuna non ho visto l'originale: non posso fare paragoni e non mi rovino la visione di questo Scorsese pieno di ritmo, solido come la rocca di Gibilterra e musicato grandiosamente. Cento di questi film, Martino!
MEMORABILE: Ogni scena con il buon vecchio Jack.

Nando 9/09/13 14:53 - 3453 commenti

I gusti di Nando

Pellicola ridondante in cui il tema degli infiltrati raggiunge alti vertici nonostante l'eccessiva lunghezza. Buone scene d'azione inframmezzate da dialoghi interessanti e costruttivi. Cast di alto livello con un grande Nicholson e un altrettanto positivo Di Caprio, antipatico e fuori parte Damon. Finale da brividi.

Jdelarge 12/03/14 00:07 - 842 commenti

I gusti di Jdelarge

Eccezionale film diretto da Scorsese che si avvale di tre attori di livello altissimo come Nicholson, DiCaprio e Damon. La regia è pressoché impeccabile, perché riesce nell'intento di aumentare la tensione in ogni scena e in ogni secondo trascorso durante il film. La contrapposizione tra i personaggi interpretati da DiCaprio e Damon è sviluppata in maniera sublime, così come quella tra Costello e Queenan. Inquadrature mozzafiato, musica da urlo e dialoghi da "noir moderno" costituiscono la ciliegina sulla torta. Qualità eccelsa.

Stelio 25/07/14 00:48 - 384 commenti

I gusti di Stelio

È raro, diciamolo pure, trovare un remake che sia migliore dell'originale. Ed è ancora più raro trasformare un film mediocre in un pezzo di storia, dotandolo di componenti a esso sconosciute, dal ritmo ai dialoghi a una regia. The Departed è tutto questo e molto di più rispetto a Infernal affairs. La prova di DiCaprio è semplicemente sconvolgente, intensa, commovente, meravigliosa. Capolavoro.

Taxius 21/07/15 01:25 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Il grandissimo Martin Scorsese crea il suo ennesimo capolavoro cpon questo remake "non dichiarato". The departed è il tipico film che deve essere seguito attentamente dall'inizio alla fine senza perdersi un solo secondo in quanto la trama è molto intricata, ma questo, di conseguenza, aumenta ancora di più il coinvolgimento dello spettatore. Il livello stellare del cast ha sicuramente aiutato molto per la riuscita. Da guardare assolutamente.

Ultimo 25/10/15 11:49 - 1335 commenti

I gusti di Ultimo

The Departed è un noir di altissimo livello firmato da un maestro quale è Martin Scorsese. Certo, si tratta di un remake quindi la sceneggiatura non è originale, ma la pellicola deve il suo successo a un cast stellare orchestrato al meglio che non incappa mai in momenti statici. Scorsese tiene sempre alto il ritmo e le cose migliori si vedono nei dialoghi tra un ottimo Di Caprio e uno stellare Jack Nicholson, come sempre una spanna sopra tutti. Non male nemmeno Matt Damon. Un po' troppo tirata per le lunghe la parte finale, ma grande cinema.

Minitina80 10/04/16 10:14 - 2264 commenti

I gusti di Minitina80

Difficile trattare i temi del doppio e dell’ambiguità in maniera così vasta e articolata; l’intreccio è complesso e ben dipanato al punto da non capire sempre dove sta il bene e dove il male. La sceneggiatura fortunatamente è solida e ben curata e non si perde mai in inutili meandri o vicoli ciechi. Interpreti di un certo calibro poi gli conferiscono uno spessore non indifferente. Forse non il migliore di Scorsese in assoluto, ma sicuramente meritevole di ampia considerazione.

Nicola81 16/11/16 12:44 - 1901 commenti

I gusti di Nicola81

Il fatto che il film più premiato di Scorsese sia stato, paradossalmente, quello meno personale, lascia pensare a una sorta di risarcimento. Detto ciò, il tema della mafia (stavolta irlandese anziché italo-americana) viene trattato con la consueta competenza da una regia robusta e serrata che ci porta a trascorrere in scioltezza le oltre due ore di durata e a sorvolare sui peccati (veniali?) di una sceneggiatura meno impeccabile di quanto sembri in apparenza. Cast stellare in cui, stavolta, anche DiCaprio mi ha convinto senza riserve.

Vito 25/01/17 16:41 - 636 commenti

I gusti di Vito

Poliziotti corrotti e infiltrati in questo splendido poliziesco/noir del maestro Scorsese. Regia ottima, sparatorie, sangue, violenza e straordinarie prove attoriali. DiCaprio al suo massimo offre un'interpretazione sofferta e intensa, perfetti anche Damon, Wahlberg e Sheen, mentre ho trovato troppo gigione Nicholson.

J.d.s. 31/07/17 15:23 - 20 commenti

I gusti di J.d.s.

Scorsese torna al gangster-movie confezionando un prodotto cinematografico che ti lascia senza fiato. Tutto il film poggia sulla dicotomia fra poliziotto corrotto amato vs poliziotto infiltrato dannato. Chi vince? Nessuno. E' cinema pessimista, in cui il destino premierebbe il cattivo, se non ci fosse il colpo di scena finale. Grande prova di regia e grandi interpretazioni (Jack Nicholson superbo), ritmo e incastro narrativo impeccabili. Da vedere!
MEMORABILE: I due colloqui di benvenuto in parallelo.

Rigoletto 19/09/18 08:17 - 1483 commenti

I gusti di Rigoletto

Scorsese filma una buona pellicola che gioca tutta sulla tensione di quale infiltrato verrà scoperto per primo. Un botta e risposta continuo e un'adrenalina spalmata in lungo e in largo lasceranno un annichilito spettatore in balia della rosa dei venti. Attori tutti in palla anche se Baldwin, data la bravura (che lampeggia nelle sue scene), avrebbe meritato più spazio. Tra il ghigno di Nicholson e l'integrità di un grande Sheen rimane il dubbio con chi schierarsi. Forse eccessivo nel minutaggio.
MEMORABILE: L'aggressività verbale di Wahlberg.

Ryo 27/09/18 12:28 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Martin Scorsese + un cast di tutto rispetto. Non servirebbe dire altro. La regia che accompagna la sceneggiatura riesce sempre ad avere momenti di tensione che rendono praticamente impossibile ogni distrazione dal film. I risvolti di un doppio dualismo sono intriganti (spia della polizia infiltrata nella gang e spia della gang infiltrata nella polizia) e le conseguenze sono tutt'altro che prevedibili; anche quando tutto sembra finito, risolto, il regista riesce a sorprendere con colpi di scena a catena. Meraviglioso.
MEMORABILE: Quasi tutte le scene con Jack Nicholson; Il capitano della polizia, sul tetto; Il cd con l'intercettazione.

Pinhead80 20/05/19 20:13 - 3820 commenti

I gusti di Pinhead80

Forse non il miglior film di Scorsese ma comunque un'opera assolutamente di spessore notevole, grazie anche alle magnifiche interpretazioni del quartetto DiCaprio, Damon, Nicholson e Wahlberg (quest'ultimo, il migliore, spara a raffica una serie di insulti a tutti in maniera gratuita, facendo sorridere e irritare allo stesso tempo). Più che nell'azione, il film scava a livello psicologico quelle che sono le personalità dei personaggi, lasciando sempre uno spazio aperto all'ambiguità.

Xamini 5/09/19 22:14 - 988 commenti

I gusti di Xamini

Scorsese e DiCaprio, ma non solo. Nicholson, anzitutto (il suo volto è uno spettacolo vivente) per un thriller in cui il racconto è spesso condotto lungo linee parallele e il montaggio si fa deliquio, nel preparare, nel sostenere e infine nel condurre al suo compimento la tensione maturata. Forse gli si può imputare una lunghezza non banale, con qualche lungaggine, ma resta un gran film.

Lou 22/03/20 17:10 - 934 commenti

I gusti di Lou

Film d'azione in classico stile Scorsese, con un apprezzabile ritmo serrato e un grande cast, tra cui un DiCaprio molto convincente; Nicholson appare invece non proprio a suo agio nel ruolo del boss. Il doppio gioco dell'infiltrato speculare tra polizia e clan malavitoso rende la storia appassionante, nonostante qualche incongruenza (tra cui il ruolo della psicologa, interpretata dalla sempre bella Vera Farmiga).

Zoltan 18/06/20 19:05 - 59 commenti

I gusti di Zoltan

Un film perfetto che sciorina veri e propri fuoriclasse. Si parte da una sceneggiatura complessissima ma estremamente intrigante. Si passa dal solito immenso Martin Scorsese, che dopo l'introduzione dei personaggi mette il turbo al film che ha una durata monstre ma non eccessiva: il film non risulta per niente pesante perché il ritmo è sostenuto, la tensione cresce di scena in scena ed è impossibile non appassionarsi. E ancora una volta Scorsese riesce a tirar fuori il meglio da tutti i propri attori: Nicholson in prima battuta e DiCaprio in seconda si esaltano e brillano.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Tarabas • 18/08/11 15:46
    Formatore stagisti - 2051 interventi
    Comprato d'occasione il bluray, segnalo il grave, per me, limite dell'assenza di sottotitoli in inglese ma solo in italiano (per di più, quelli per i sordi, che hanno anche le descrizioni dei suoni). Inoltre, gli extra non sono in hd. Per il resto, da una rapida occhiata (10 minuti circa) mi pare che la parte video sia veramente molto buona, per 8 euro è sicuramente un ottimo acquisto.