Bronx

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: A Bronx tale
Anno: 1993
Genere: gangster/noir (colore)
Numero commenti presenti: 27
Papiro: elettronico
Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Primo (e per adesso unico) esperimento dietro la macchina da presa di Robert De Niro, che evidentemente ha visto nell'opera teatrale di Chazz Palminteri (che l'ha anche sceneggiata e interpretata, nel ruolo di Sonny) un rimando alla propria infanzia. Non per niente ha poi scelto di dedicare il film a Robert De Niro sr. BRONX si apre nella New York del 1960, nel cui celebre quartiere si animano e si intrecciano le storie di piccoli gangster e personaggi molto caratterizzati. La storia è quella del piccolo Calogero (Francis Capra, che poi diventerà otto anni dopo Lillo Brancato), figlio di un conducente d'autobus (De Niro) che cerca d’insegnargli a condurre una vita onesta. Ma il bambino è attratto dal carisma del boss del luogo, Sonny (Palminteri),...Leggi tutto il quale lo prende in simpatia e gli fa da padrino insegnandogli anche lui uno stile di vita, precisando comunque di non seguire la strada dei gangster. Il ragazzo è titubante, costantemente combattuto nelle sue decisioni e le cose non sembrano cambiare nemmeno con gli anni. Poi ci sarà il finale, che metterà tutto a posto ma che appare forzato, poco naturale ed eccessivamente “melodrammatico” e nel quale farà una breve comparsa (quasi un atto dovuto nei confronti di uno degli attori-simbolo del genere) persino il grande Joe Pesci. De Niro ha imparato abbastanza bene la lezione di Coppola, Scorsese e Leone, ma non ha ancora l'abilità registica di nessuno dei tre (ovviamente) e a volte scade in scopiazzature poco convincenti (tutta la presentazione dei personaggi secondari, caratterizzati “per forza”) o in parentesi sentimentali discutibili. Però, grazie anche a un uso intelligente delle musiche e a un cast in grande forma (lui per primo) firma un’opera non trascurabile.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 6/04/07 13:40 - 3036 commenti

I gusti di Caesars

Buon esordio dietro alla macchina da presa di De Niro. Certo il film manca di originalità, il tema della famiglia mafiosa è stato trattato troppe volte e da registi molto importanti, ma la storia è buona e realizzata bene. Interessante la figura del bambino, combattuto tra la figura paterna, onesto ma semplice conduttore di autobus, e il boss mafioso. Certamente il lavoro vale soprattutto grazie agli interpreti principali: lo stesso De Niro e Chazz Palminteri, ma a prescindere da essi è sicuramente un esempio di buon cinema.

Cangaceiro 25/05/08 11:56 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Convincente esordio alla regia per De Niro che inizialmente prende spunto da Quei bravi ragazzi; la storia del bambino (narratore esterno) che si avvicina al mondo dei malavitosi facendo dei lavoretti nel loro bar è praticamente la stessa del film di Scorsese. Col passare dei minuti la sceneggiatura del co-protagonista Palminteri si dimostra solida e il nostro Bob può mettere molta carne al fuoco: il contrasto padre onesto/figlio (pseudo) mafioso, l'odio razziale nella New York anni '60 e una love-story che non stona con il bel clima generale del film.
MEMORABILE: "La cosa più triste nella vita è il talento sprecato..."

Magnetti 30/05/08 09:42 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Dura prova per De Niro-regista con il genere gangster: gli apici dei grandi registi sono lontani... Ma complice una buona sceneggiatura ne esce un film valido, una variante sul tema di Quei bravi ragazzi, un po' meno drammatico. Ci sono una buona atmosfera d'epoca, l'ottimo personaggio di De Niro, la buona interpretazione di Palminteri e un finale melodrammatico ma azzeccato. Il gangster si redime e diventa maestro. Morale di Sonny: se sai fare solo il gangster fallo bene, ma se sai fare altro stanne alla larga. Tre pallini pieni pieni.

Galbo 8/09/08 06:43 - 11694 commenti

I gusti di Galbo

Buon esordio alla regia per Robert De Niro, che cita esplicitamente Martin Scorsese e i suoi film sulle famiglie italo americane (ma anche De Palma e Coppola) come suoi modelli di riferimento anche se adotta una chiave maggiormente intimistica sopratutto in quanto centra la storia su vicende intime e familiari che riguardano il piccolo coprotagonista. Buona l'ambientazione ed ottima la prova del cast.

Herrkinski 4/09/08 17:56 - 6061 commenti

I gusti di Herrkinski

Ottimo gangster-movie diretto e interpretato da De Niro, che sembra aver imparato a menadito le lezioni di Scorsese e (in parte) De Palma. I riferimenti a un film come Goodfellas sono evidenti e da questo punto di vista ci troviamo di fronte solo ad una variazione sui soliti temi, tuttavia De Niro regista riesce a trasmettere la sua passione per questo progetto e realizza un film avvincente, a tratti duro, con una buona morale di fondo e che rifugge il kitsch o l'eccesso drammatico. Palminteri impeccabile; bravo anche Francis Capra. Notevole.
MEMORABILE: La morte annunciata dei ragazzini in auto.

Pigro 16/10/08 10:13 - 8513 commenti

I gusti di Pigro

Ragazzo di origine italiana cresce nel Bronx, diviso tra l'onestà del padre lavoratore e l'influenza del carismatico padrino mafioso del quartiere. L'opera prima di De Niro è impeccabile, emozionante e di grande impatto, anche grazie a una buona ricostruzione e a ottime interpretazioni, prima fra tutte quella ben calibrata di Palminteri (anche autore della storia). Un racconto sincero, che obbedisce al bisogno di spettacolo, sapendo comunicare contenuti importanti con l'intensità dovuta. Un film sulla responsabilità individuale e sul coraggio.

Cotola 13/02/09 16:03 - 8040 commenti

I gusti di Cotola

Prima regia di De Niro. La storia non brilla per originalità (ci sono parecchi cliché di diverso tipo) e si inserisce nel filone di film sulla mafia. Tuttavia è girata con una certa professionalità ed è impreziosita da una bella prova attoriale di Palmentieri. Nulla di eccezionale ma gradevole e più che vedibile.

Lovejoy 17/08/10 15:27 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Bello l'esordio alla regia di Robert De Niro. Ambientato negli anni '60, accompagnato da una colonna sonora straordinaria, si avvale di un ottimo gruppo d'attori. Su tutti, un sempre grandissimo De Niro, il giovane Brancato e uno splendido Chazz Palminteri. Diversi i momenti da ricordare.

Mickes2 28/02/11 16:06 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Un bravo De Niro all'esordio come regista: strizza l'occhio a Scorsese, sì, ma ci mette anche del suo regalandoci una bella storia immersa nel Bronx anni '50-'60. Ci racconta della difficoltà d'integrazione di ogni persona e di ogni etnia, di come sia difficile crescere in posti simili e lo fa con varie sfaccettature: divertenti, malinconiche, romantiche, violente. Un De Niro nostalgico, che ricorda i tempi e gli ambienti in cui è nato e cresciuto.
MEMORABILE: "Hai fatto la cosa giusta per l'uomo sbagliato".

Ishiwara 29/04/11 22:51 - 214 commenti

I gusti di Ishiwara

Un film di formazione che ricorda altre pellicole sulla malavita italo-americana newyorkese, onesto e senza ricami. Una storia ben raccontata e con la giusta atmosfera. In un momento di grandi cambiamenti la vita nel quartiere segue le regole di sempre ed il giovane protagonista cresce fra due figure antitetiche, ma ugualmente importanti nella sua vita. Saprà imparare da entrambi. Un buon De Niro e un ottimo Palminteri con personaggi per niente schematici. Decisamente valido.
MEMORABILE: Nel bar con i bikers; il test di Sonny per sapere se è una ragazza importante; il finale.

Lillo Brancato HA RECITATO ANCHE IN...

Markus 31/10/11 16:53 - 3439 commenti

I gusti di Markus

La vicenda in sé non è particolarmente originale, ma è stata ben diretta tenendo conto dei tempi cinematografici (per questo motivo si segue con vivacità e interesse). De Niro (al suo esordio cinematografico) attinge agli stilemi del cinema dedicato agli italo-americani a New York, dunque all'ormai classicissimo discorso gangster e mafia-movie (alquanto ricco di cliché, tuttavia necessario ai fini dello spettacolo). Non entusiasma, ma non delude nemmeno.

Piero68 2/11/11 09:03 - 2848 commenti

I gusti di Piero68

Opera prima per De Niro regista, Bronx è il classico must. Non tanto per il peso dell'opera in sè e per sè, ma soprattutto per il cuore che De Niro ci mette nel dirigerlo ed interpretarlo, dimostrando che in tanti anni di lavoro con i più grandi registi del mondo, ha spiato, imparato e soprattutto rubato la loro scienza (su tutti Scorsese e Coppola). Per De Niro è una ulteriore sfida con se stesso visto che dopo Bronx tornerà a dirigere soltanto altre due volte e la prima dopo ben nove anni. Ottime la sceneggiatura e la fotografia.

Samuel1979 21/05/12 00:24 - 502 commenti

I gusti di Samuel1979

Buona la prima per De niro alla regia: partendo da un'idea di Palminteri realizza un buon film, mettendo in luce usi e costumi degli italoamericani del Bronx e rilevando, tra l'altro, problematiche a sfondo "razziale" nella New York degli anni sessanta. Ottime le prove di "Chazz" nei panni del Boss, ma da non sottovalutare anche le capacità del piccolo Francis Capra e di Lillo Brancato, entrambi alla loro prima apparizione cinematografica. Piccola parte finale per Joe Pesci.
MEMORABILE: "Con 20 dollari te lo sei levato da torno... è uscito dalla tua vita con 20 dollari, è un affare!"

Disorder 9/08/12 12:02 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

All'inizio sembra la classica storia di degradazione suburbana, mafia e cattive compagnie in grado di traviare anche il più retto fra i ragazzi. Ma poi il film prende una piega che non ti aspetti, focalizzandosi sul rapporto quasi paterno creatosi fra un boss e il suo pupillo, un'amicizia che salverà il protagonista e farà riaffiorare il lato umano del capo mafioso. De Niro (che nel film resta abbastanza in disparte) non lascia una particolare impronta alla regia ma dirige con professionalità. Davvero ottimo il cast. Un buon esordio...

Paulaster 18/07/14 11:03 - 3302 commenti

I gusti di Paulaster

De Niro tratta di un ambiente a lui familiare utilizzando un taglio romanzato. La sua regia, pur non utilizzando grandi effetti, raggiunge la sufficienza per un racconto caricaturale che disegna a larghi tratti un periodo non facile per l'integrazione razziale. Ne risente la sceneggiatura, che parte compassata come un'avventura alla Stand by me per poi migliorare sui fatti compiuti. L'omaggio finale al padre chiarisce oltremodo lo stile dell'operazione.

Almicione 4/09/14 02:08 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Scorsese contagia il suo attore feticcio che, per la prima volta dietro (ma anche davanti) alla macchina da presa, non sfigura: l'impostazione della narrazione è piuttosto avvincente sebbene alcuni passaggi e qualche ripresa siano di dubbia qualità. Non condivido la divisione (operata da Palminteri?) fra malavitosi buoni e cattivi, ma piuttosto apprezzo il personaggio di Lorenzo. Soporifere le sequenze con Jane e dalla sua entrata succedono troppe cose tutte insieme (la bomba, lo scontro fra i quartieri, l'uccisione...). Piacevole, comunque.
MEMORABILE: La colonna sonora, adatta e gradevole; La difficoltà di C nell'allontanarsi dai suoi amici coetanei.

Pessoa 6/09/14 09:09 - 1683 commenti

I gusti di Pessoa

Mafia movie di De Niro che recepisce al meglio la lezione del suo maestro Scorsese. Il credibilissimo boss Palminteri si impadronisce del "suo" film (l'attore è anche l'autore di soggetto e sceneggiatura) e il buon Bob dietro la mdp lascia fare. Il risultato è più che egregio, con i personaggi di contorno che contribuiscono a creare l'aura epica che caratterizza questo Bronx. Interessante anche lo scontro generazionale. Una menzione anche per le splendide musiche e per una brava Taral Hicks, bella da togliere il fiato. Un film fantastico!
MEMORABILE: Il terrore sulla faccia dei motociclisti sbruffoni quando vedono Sonny chiudere a chiave il locale dall'interno.

Il ferrini 22/03/17 00:31 - 1899 commenti

I gusti di Il ferrini

De Niro mostra di saper stare anche dietro la MDP mettendo in scena un film ben girato e dal ritmo incalzante. Grande merito va a Palminteri, non solo per la superba interpretazione di Sonny ma soprattutto per aver scritto una sceneggiatura solida, che forse non sarà originalissima ma funziona alla perfezione. Impressionante la somiglianza di Brancato con De Niro, bellissima la Hicks e notevole anche la colonna sonora. Senza dubbio una pellicola da vedere.

Minitina80 26/04/17 07:54 - 2620 commenti

I gusti di Minitina80

Un esordio alla regia sorprendente e dall’esito nient’affatto scontato. Il soggetto è nelle corde di De Niro, ma bisogna riconoscere la qualità dello scritto di Palminteri che non si ferma in superficie, andando oltre i comuni cliché del genere. Non è soltanto un noir ma una storia, come tante nel Bronx, che descrive con coinvolgimento un periodo storico preciso. È meno pomposo e non ha battute a effetto rispetto a un film di Scorsese, ma non per questo è meno meritevole di attenzione. Meriterebbe di essere ampiamente rivalutato.

Thedude94 27/08/18 16:54 - 729 commenti

I gusti di Thedude94

Una storia del Bronx, di quelle che si vivono in America da sempre, che De Niro riesce a girare e interpretare in maniera eccelsa; si notano l'intimità dell'opera, il tratto personale dell'autore, una sincerità che a tratti sorprende. Interpreti davvero ottimi, tra cui Lillo Brancato, il protagonista, che sembra proprio un piccolo De Niro nei gesti e nei movimenti del corpo. C'è molto da dire sulla messa in scena e sulla rappresentazione dei vari quartieri (con scontri vari tra etnie), che sono qualitativamente lodevoli.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Rigoletto 27/12/18 17:16 - 1663 commenti

I gusti di Rigoletto

Il giovane Calogero prova simpatie per il boss locale ma è incapace di abbracciare la mala globalmente: forte dei consigli del padre (De Niro) e dello stesso "padrino" (uno splendido Palminteri), riuscirà a fare sempre la sceltà giusta e infrangere qualche tabù. Per il suo esordio dietro la macchina da presa De Niro sceglie un contesto che conosce bene e nel quale può esprimersi con sicurezza; si ritaglia un ruolo delicato lasciando a Chazz la parte più risonante. Ne risulta un film convincente ben oltre le aspettative.
MEMORABILE: "Quelli sono balordi!"; Il cameo di Joe Pesci.

Berto88fi 13/02/19 14:25 - 210 commenti

I gusti di Berto88fi

Chiaramente ispirato a Scorsese, De Niro esordisce a braccetto con Palminteri e infatti regia e sceneggiatura risultano sopraffini. Non sono proprio freschi i temi trattati e gli stereotipi abbondano; ma i dialoghi tutt'altro che banali e le curate caratterizzazioni dei personaggi elevano la pellicola dalla media dei mafia-movies anni 90. Notevole e calzante la "selection" della colonna sonora.
MEMORABILE: I 20 dollari; La sicura della portiera; I motociclisti al bar.

Smoker85 31/08/19 12:18 - 424 commenti

I gusti di Smoker85

Bella pellicola diretta da De Niro (che riserva per se stesso un ruolo breve ma importante) sul genere - indubbiamente a lui caro - del gangster movie, dove però la violenza lascia ampio spazio all'introspezione dei personaggi. Grande prova per Palminteri, interessante anche la performance del giovane protagonista. Il risultato complessivo forse è in parte ridimensionato dalla retorica rassicurante e dal moralismo che emerge nel finale, ma resta comunque un lavoro ben confezionato e meritevole almeno di una visione.
MEMORABILE: La partecipazione, brevissima ma stupenda, di Joe Pesci.

Enzus79 5/05/21 20:17 - 2104 commenti

I gusti di Enzus79

Basato su una pièce di Chazz Palminteri (in questa occasione anche sceneggiatore). Sorta di amarcord che affronta il rapporto padre/figlio, e le cattive amicizie, con la nostalgia che prende il sopravvento. Finale così così, che sfiora il buonismo. Robert De Niro, alla sua prima regia, è il più convincente sotto il profilo interpretativo. Discreta la colonna sonora.

Rambo90 12/06/21 23:56 - 6855 commenti

I gusti di Rambo90

Intenso esordio registico di De Niro che parte dal genere per cui è particolarmente famoso ma discostandosene allo stesso tempo. Non siamo infatti di fronte alle solite scaramucce tra gang o a scalate al potere, ma vediamo l'adolescenza di un ragazzo diviso tra i consigli di un boss e quelli del padre. Due figure con lati e ombre, egualmente apprezzabili e non, in un film che gioca bene con i suoi personaggi, coinvolgendo ed emozionando. Ottima sceneggiatura, interpretazioni calibratissime.

Giosac70 16/09/21 00:25 - 25 commenti

I gusti di Giosac70

Esordio alla regia per il grande De Niro, che pur senza grande originalità trasmette emozioni forti grazie alla sceneggiatura ben curata di Palminteri. Molto interessante la figura del giovane Calogero, combattuto tra il padre semplice autista di un bus e il boss mafioso Sonny: imparerà da entrambi qualcosa che lo porterà al cambiamento. Evidenziata dal regista la difficoltà d'integrazione della popolazione italoamericana nel Bronx, marcando quindi il problema del razzismo. Ottima colonna sonora e fotografia. Quattro pallini pieni.

Bubobubo 14/09/21 12:42 - 1537 commenti

I gusti di Bubobubo

Sempre a proposito dell'andante che chi nasce quadrato non può morir tondo, la prima regia di De Niro trasporta sul grande schermo una pièce di Chazz Palminteri, qui anche efficacissimo coprotagonista nei panni dell'inflessibile gangster Sonny. Lavoro solido e ben orchestrato, in linea con i parametri di genere, per quanto certe rotondità sentimentali sembrino a tratti eccessive e il conflitto etnico fra le minoranze italo- e afroamericana sia rappresentato con un certo qual schematismo (ma carica di tensione è la scena dell'attentato). Ottima Jane-Hicks.
MEMORABILE: Attentato nel quartiere afroamericano; Occhio per occhio, dente per dente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Gugly • 31/05/08 17:00
    Segretario - 4667 interventi
    Il film è tratto da una pièce teatrale dello stesso Palminteri, che solo in scena interpretava tutti i personaggi. De Niro lo vide e si innamorò della storia tanto da farne il suo primo film da regista.
  • Curiosità Cangaceiro • 8/07/08 13:10
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Proprio così,il buon Chazz interpretava per la precisione 35 personaggi da solo,se non è un record poco ci manca...ottima la sua prova anche nel film rafforzata dal bel doppiaggio di Gammino.
  • Curiosità Cangaceiro • 1/06/09 10:02
    Call center Davinotti - 742 interventi
    Il vero nome anagrafico di Chazz Palminteri è CALOGERO LORENZO Palminteri.
    Non a caso nel film il papà(De Niro) ed il piccolo protagonista(Capra e Brancato) si chiamano rispettivamente Lorenzo e Calogero Aniello.
  • Musiche Samuel1979 • 28/06/12 23:33
    Call center Davinotti - 3294 interventi
    1) Il brano che fa da sottofondo alla scena del bacio fra Calogero (Lillo Brancato) e Jane (Taral Hicks) è I'm so proud, eseguito dal gruppo The Impressions.
    Ultima modifica: 29/06/12 09:24 da Zender
  • Discussione Samuel1979 • 31/10/12 22:42
    Call center Davinotti - 3294 interventi
    Nel film, ambientato nella New York del 1960, vi è un esplicito riferimento alla finale della World Series di Baseball, fra gli Yankees di New York, (squadra dell'idolo del piccolo Francis Capra, Mickey Mantle), e i Pittsburgh Pirates, di Bill Mazeroski.

    Per la cronaca vinsero i Pittsburgh al meglio delle 7 partite (4-3)


    http://en.wikipedia.org/wiki/1960_World_Series
  • Homevideo Jason19 • 21/07/16 18:02
    Galoppino - 17 interventi
    La qualità video del Dvd Cecchi Gori è ineccepibile, sono disponibili la traccia audio in italiano 5.1 e quella in inglese 2.0 con sottotitoli in italiano obbligatori.
  • Discussione Caesars • 15/09/21 10:40
    Scrivano - 13744 interventi
    Nel suo commento (di ieri)  Bubobubo scrive:
    "... la prima (e finora unica) regia di De Niro ...".
    In effetti nel 2006 De Niro ha diretto anche The Good Shepherd - L'ombra del potere, quindi non si può certo dire che questa sia la sua unica prova registica.
    Forse Bubobubo vorrà cambiare leggermente il commento.
  • Discussione Zender • 15/09/21 15:24
    Consigliere - 44892 interventi
    Sì grazie, tolto la parentesi col "(finora unica)".