La congiura degli innocenti

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The trouble with Harry
Anno: 1955
Genere: commedia (colore)
Numero commenti presenti: 26
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un cadavere viene ritrovato, disteso, nei boschi vicini al paesino di Highwater, nel New England. Vi ci passano accanto un po' tutti, ma sembra non interessare nessuno. Raramente la morte era stata rappresentata con tanta freddezza: è lo spunto per imbastire una black comedy dal puro spirito inglese, a cui Hitchcock ha sempre guardato. THE TROUBLE WITH HARRY, celebrato da più parti ed esordio eccellente per la dolcissima Shirley MacLaine (nonché prima collaborazione del maestro col musicista fidato Bernard Herrmann), è formalmente ineccepibile. Non una parola fuori posto, mai una caduta di gusto, una concessione volgare al cinema commerciale. Attori diretti con maestria, un paesaggio autunnale di rara suggestione e un finale coerentemente...Leggi tutto perfetto. Eppure, nonostante le indubbie qualità, THE TROUBLE WITH HARRY è una commedia datata, con un ritmo a dir poco sonnacchioso. Senza picchi, piatta nella sua confezione impeccabile, poco umorale, testimonianza di un modo di intendere l'umorismo ormai scomparso (un po' come era avvenuto per un'altra commedia hitchcockiana, IL SIGNORE E LA SIGNORA SMITH). Insomma, un cinema per spettatori d'altri tempi, oggigiorno solo una graziosa reliquia sorpassata, a differenza della produzione hitchcockiana di genere “giallo”, tutt'ora moderna e in alcuni casi insuperata. Se il Maestro di commedie ne ha girate pochissime (nonostante il suo dichiarato amore per l'umorismo e le notazioni ironiche che arricchiscono i dialoghi) un motivo ci dev’essere: evidentemente si accorgeva che senza suspense, senza colpi di scena, senza “intrigo internazionale”, il suo cinema ne risentiva. E molto.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 29/04/07 01:50 - 4720 commenti

I gusti di B. Legnani

Più un commedia che altro, con ibridanti commistioni giallistiche e drammatiche, per un Hitchcock decisamente minore. È un film freddo, in cui le persone ragionano e parlano quasi in modo impersonale. Ho trovato che Truffaut ha definito questo film come fatto "di una flemma esagerata". Come dargli torto? Certamente non fra i migliori del Maestro.

Lovejoy 20/12/07 23:15 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Commedia nera che a buon diritto si può inserire tra i classici del Maestro inglese. Tratto da un romanzo inglese, Hitchcock dirige una vicenda intrigata, ricca di colpi di scena e del suo tipico humor inglese. Bella la fotografia autunnal, alcuni momenti indimenticabili. Bellissimo esordio della giovane, bella e bravissima MacLaine; tra gli altri, i grandissimi Gwenn e la Natwick. Un film da riscoprire.
MEMORABILE: Le varie sepolture e dissotteramenti di Harry; il finale.

Galbo 22/12/07 19:52 - 11385 commenti

I gusti di Galbo

Episodio insolito nella filmografia del grande regista inglese, che può essere definito un noir di ambientazione bucolica; il film è in gran parte "giocato" sul contrasto tra il contesto idilliaco di un piccolo villaggio della provincia americana e la vicenda grottesca di un misterioso cadavere sotterrato e disotterrato più volte. Il regista tende a mescolare le carte in modo bizzarro, con colpi di scena dalle conseguenze imprevedibili. La bella fotografia fa da contorno al film. Non un capolavoro, ma molto godibile.

Ciavazzaro 30/04/08 16:06 - 4762 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Gradevole commedia nera, che ha il suo punto di forza nelle interpretazioni dei protagonisti. Oltre alla brava protagonista Shirley Mac Laine, vanno segnalati due ottimi caratteristi: Edmund Gwenn e Mildred Natwick. Ottime le musiche, davvero riuscito: un piccolo gioiellino.
MEMORABILE: La riunione davanti al cadavere.

Pigro 30/06/08 10:39 - 7785 commenti

I gusti di Pigro

Un morto sconosciuto in un bosco: chi lo trova, chi lo nasconde... Il genio di Hitchcock riesce a colpire anche con un film decisamente impregnato di umorismo e ironia, costruito praticamente sul nulla. Fotografia azzeccata e cromatismi leziosi che rendono ancor più surreale tutta la vicenda. Un divertissement che tuttavia ha il segno inconfondibile del maestro e che avvince e convince.

Daniela 25/01/09 11:40 - 9387 commenti

I gusti di Daniela

Commedia nera di ambientazione insolita (la campagna del Vermont dagli incantevoli colori autunnali) e con un'idea divertente (il morto seppellito e disseppellito più volte, con una girandola di equivoci) ma dal ritmo molto, troppo rilassato, che lascia affiorare la noia. Oltretutto anche gli interpreti sembrano non prendere sul serio i rispettivi ruoli, il che non aiuta a trovare interessante la vicenda. Non brutto ma certamente minore nell'ambito della sua opera, è uno dei pochissimi film di Hitchcock che ho visto una sola volta e non penso di rivedere ancora.

Giacomovie 17/02/10 14:27 - 1347 commenti

I gusti di Giacomovie

Assistere ad un film di Hitchcock privo di vera tensione sembra una cacofonia cinematografica. Se da un lato la sua voglia di percorrere altre vie si dimostra comunque una tappa interessante per gli appassionati del re del brivido, non si può negare che a questo film manca quel qualcosa, identificabile nel crescendo di pathos, che lo rende minore nella filmografia hitchcockiana. Il regista si diverte ad analizzare i comportamenti umani di fronte ad un evento insolito, con una leggerezza piacevole ma che non lascia il segno. **!
MEMORABILE: "Beato chi non si aspetta niente perché non sarà mai deluso".

Saintgifts 29/04/10 09:50 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

C'è il cadavere (è sempre al centro della scena), c'è l'assassino (o gli assassini), ma non è un giallo. I protagonisti, tutti intellettualmente elevati, anche il bambino (superarmato), sembra però non provino sentimenti, emozioni, che non siano quelli dell'amore (e del sesso). La morte è solo un disagio, un imbarazzo (The trouble with Harry), un qualcosa da sistemare in fretta e scordarsene. Dialoghi sofisticati, fotografia con caldi colori autunnali, tutto ordinato e lindo e firmato Hitchcock. Cosa è che non funziona allora? Il ritmo, blando.

Mtine 23/05/10 15:15 - 224 commenti

I gusti di Mtine

Hitchcock non delude mai. E lo dimostra con questa briosa black-comedy, dove mescola il thriller (suo genere prediletto) con la commedia. Il risultato è una peculiare commedia degli equivoci, giocata intorno a un cadavere del quale non se ne conosce l'assassino (almeno fino al colpo di scena finale.) I personaggi sono ben disegnati e perfino le macchiette giocano un ruolo decisivo per lo svolgimento dell'intreccio. Forse non un capolavoro, ma sicuramente un film degno di nota.
MEMORABILE: "Il matrimonio è un magnifico sistema per passare l'inverno".

Cotola 7/09/10 23:52 - 7517 commenti

I gusti di Cotola

Ottimo esempio di umorismo nero targato Hitchcock che, pur lontano dalle vette dei suoi capolavori, confeziona una pellicola di alto livello, di gran lunga superiore alla media. Divertente ed intelligente, l’idea centrale del film viene ben sfruttata dalla sceneggiatura. Il tutto è corroborato dalla prova del cast (la MacLaine era al debutto) e da una confezione impeccabile in cui spicca una bellissima fotografia che sfrutta appieno i cromatismi autunnali.

Ford 15/12/10 21:40 - 582 commenti

I gusti di Ford

Un cadavere che è solo un impiccio è al centro di una commedia nera con divertenti svisate grottesche, un cast esiguo e affiatato per un atipico film di Hitchcock che convince per il ritmo e la sceneggiatura tanto assurda quanto divertente. La regia non è delle più funamboliche ma la fotografia è ottima (specie nelle scene notturne). Questo è anche il primo film del Maestro con le musiche di Bernard Hermann, bellissime e fondamentali per dare il giusto ritmo e la corretta chiave di lettura delle scene più strampalate. Da rivalutare.

Myvincent 18/07/11 22:59 - 2549 commenti

I gusti di Myvincent

Commedia dai toni grotteschi dove un gruppo di personaggi disparati crede di aver provocato la morte di un uomo, poco amato dai più, mentre invece il decesso è avvenuto per cause naturali. Humour e paradossi all'insegna di un Hitchcock prima maniera, dove l'ironia fa la parte del leone, a discapito della suspense e dei colpi di scena, praticamente assenti. Noiosamente bello e a tratti piatto.

Ducaspezzi 15/09/11 20:55 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Lo strapiombo su cui è tesa la fune lungo il quale il film procede, in mirabile equilibrio, è la farsa. E non ne viene attratto, perché la stralunante compostezza emotiva dei personaggi, il loro inossidabile raziocinio (che li lega, in un formidabile unicum, ai ritmi adagiati della storia) sono elementi che portano a declinare la narrazione con la commedia misurata, a fronte, si badi, di reiterati quanto ridicoli maneggi di un cadavere e con grottesco balletto umano che vi si agita attorno. Sprazzi di calibrata suspense (la porta che non chiude).
MEMORABILE: Quando tutti i personaggi principali sono riuniti in una stanza, ove la sola luce di un abat-jour a terra ne allunga le ombre sulla carta da parati.

Graf 26/05/12 23:49 - 696 commenti

I gusti di Graf

Un film insolito per Hitchcock ma contemporaneamente molto inglese nello spirito. Una black comedy dal ritmo flemmatico e ricca di umorismo understatement, ambientata nel bucolico Vermont nel periodo autunnale quando le foglie esplodono in una sinfonia di mille colori. Tutti gli abitanti di un piccolo villaggio credono di aver ammazzato un vecchio nel bosco ma tutti parlano del cadavere in modo banale, come se fosse un pacco, sminuendo la gravità del fatto sotto i limiti della verosimiglianza e creando un effetto comico paradossale per contrasto.

Mickes2 7/07/13 12:27 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Strepitosa commedia nera ai limiti dell’assurdo, seppur composta e dotata di rigoroso quanto straniante raziocinio, vanta molti dei tratti distintivi del suo geniale creatore. Girandola di incomprensioni, autoindulgenze, colpe, luciferina contentezza. Divertissement invisibilmente sadico e sottilmente macabro, spaventosamente reale e sorprendentemente intelligente in quanto le reazioni dei protagonisti sono spesso e volentieri ciò che meno ci si aspetta. Pochi elementi, tantissima inventiva. Angelica l’abbagliante bellezza di Shirley MacLaine.

Almicione 4/05/14 01:53 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Quattro innocenti che si ritrovano a fare una congiura per sotterrare e dissotterrare un morto. Ma l'assurdità non si ferma alla trama e ogni elemento della pellicola ne è intriso, diviene quasi un indizio, un simbolo che lo spettatore dovrebbe cogliere. La paradossalità completa risiede nel fatto che, dopo tanto movimento, si ritorna alla situazione iniziale come se non ci fosse mai stato nessun "trouble with Harry"; ad avvallare questa considerazione gioca il fatto che gli abitanti sono tranquilli e anzi discorrono di cose futili. Non male.
MEMORABILE: La ripresa finale con la scritta "The trouble with Harry is over".

Lythops 28/09/14 20:53 - 972 commenti

I gusti di Lythops

Un Hitchcock sicuramente particolare irrompe con una commedia che sorprende per l'umorismo sottile e macabro che si fa strada poco per volta disorientando chi è abituato alla suspence e alla serietà delle situazioni dei suoi film. Il Maestro si diverte andando a ironizzare sulla placida vita dei pochi abitanti di un paesino americano e soprattutto sulla morte di uno di loro, con equivoci che coinvolgono tutti i personaggi coinvolti, compreso l'unico bambino che non è in grado di distinguere i concetti di ieri, oggi e domani. Grande fotografia.

Pinhead80 23/05/15 16:43 - 3945 commenti

I gusti di Pinhead80

Si può fare un film con tanta tensione senza mostrare nulla di raccapricciante? Si possono trasformare persone per bene in macchine di menzogne? Certo, se dietro alla macchina da presa però abbiamo quel genio della suspence che risponde al nome di Alfred Hitchcock. Dal ritrovamento del corpo e sino alla fine non riusciamo a capire che cosa sia successo veramente. Tanti registi dei giorni nostri dovrebbero vedere e rivedere questo film per capire come si fa cinema, anche e soprattutto senza effetti speciali.

Minitina80 9/12/15 20:14 - 2336 commenti

I gusti di Minitina80

Commedia dai toni macabri e un po´ grotteschi che Hitchcock decide di farcire pesantemente con dello humour tipico della terra di Albione. A volte si fa fatica a capire questa sottile ironia e si rimane facilmente interdetti. Splendidi i colori autunnali come cornice, ma se vogliamo essere sinceri il film è debole e difficilmente viene voglia di rivederlo, vuoi anche per la eccessiva verbosità dei dialoghi.

Il ferrini 3/08/16 21:34 - 1680 commenti

I gusti di Il ferrini

Divertente commedia di Hitchcock che qui sfodera tutto il suo black humor mettendo al centro della scena un cadavere che sarà sepolto e dissepolto per un'ora e mezza. I dialoghi sono spassosi e il finale un autentico colpo di genio. Molto suggestiva la fotografia, soprattutto dei bucolici esterni. Tutti gli attori sono in gran forma, bambino compreso, ma su tutti spicca sicuramente la "dolce" MacLaine, nel film già due volte vedova ad appena 21 anni. Un Hitchcock insolitamente giocoso, da non perdere.

Luras 9/10/16 17:20 - 142 commenti

I gusti di Luras

Alto tasso ironico per una commedia degli equivoci in cui Hitch si diverte a rappresentare la morte in maniera scherzosa. Non c'è tensione e la violenza è solo teorizzata, in quanto si parla del presunto omicidio di diverse persone in cui la vittima è sempre il povero Harry, ma senza nessuna scena forte. L'unico tema tipicamente hitchcockiano è quello dell'innocente che diventa colpevole. Anche questo però è presentato in chiave parodistica. Lontano dal capolavoro ma originale e divertente. Prima collaborazione tra Hitchcock e il compositore Bernard Hermann.

Jdelarge 20/02/17 15:05 - 874 commenti

I gusti di Jdelarge

Il fantastico Techincolor, abbinato a un'ambientazionale naturale autunnale, conferisce al film il carattere di una favola impressionista dove tutto appare sfocato e indecifrabile. La realtà, da sola, sembra insufficiente per distinguere ciò che è vero da ciò che non lo è, mentre i protagonisti sono troppo impegnati a chiudere i conti con la morte, cinicamente vista come un qualcosa da sotterrare e dimenticare, possibilmente senza esserne toccati. Bello, anche se un po' ridondante.

Rocchiola 30/12/18 17:49 - 864 commenti

I gusti di Rocchiola

Una spiritosa commedia nera sottilmente eversiva predestinata al fallimento commerciale anche se non ha nulla da invidiare ai più celebrati capolavori del regista inglese. Splendida l'ambientazione nei boschi autunnali del Vermont, un tripudio di colori che da solo vale la visione. La "commedia della vita" secondo Sir Alfred che si diverte a mettere alla berlina la morte, l’istituto del matrimonio e il mito del buon vicinato. Ottimo il cast in cui spiccano Gwenn panciuto elfo dei boschi, l'esordiente MacLaine e il Forsythe di Dynasty.
MEMORABILE: “Beato chi non desidera nulla, perché non resterà mai deluso”; “È ottimamente conservata e le conserve in fondo sono fatte per essere consumate”.

Manfrin 24/10/19 18:21 - 326 commenti

I gusti di Manfrin

Hitch si concede un'escursione nell'ironia e nell'humour pur prendendo spunto da un fatto di per sé criminoso. I protagonisti sono gli "innocenti" nonché strambi abitanti di un paesino del Vermont dipinto di splendidi paesaggi autunnali. La mano del regista si vede comunque e la vicenda si dipana tra colpi di scena e continui capovolgimenti di responsabilità "assassine". Se vogliamo una piccola, particolare chicca, tra i lavori del grande maestro.

Enzus79 15/09/20 16:27 - 1797 commenti

I gusti di Enzus79

Gli abitanti di un piccolo paese americano si ingegnano ad occultare il cadavere di un uomo. Sorta di commedia nera, uno dei film minori del re del thriller che pur avendo una trama abbastanza intelligente e cinica ha nei ritmi la sua pecca più grande: troppo bassi. Non mancano comunque i momenti ilari. Finale piuttosto scontato. Esordio di Shirley MacLaine.

Noodles 27/08/20 16:43 - 845 commenti

I gusti di Noodles

Alfred Hitchcock, proprio nel bel mezzo dei suoi più grandi successi thriller, si permette un passaggio nella commedia realizzando un film grottesco, intriso di humour inglese e ambientato negli splendidi scenari autunnali del Vermont. Ed è proprio la straordinaria fotografia che salva la pellicola, poiché il suo leitmotiv comico è ripetitivo e stanca presto. Tutto il film è praticamente incentrato sul seppellimento e disseppellimento di quello che poi è il reale protagonista. Seguono i classici equivoci. Che rendono il film guardabile ma lontano dal capolavoro.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cotola • 2/07/09 23:50
    Consigliere avanzato - 3627 interventi
    Cammeo hitchcockiano: il regista è vicino alla macchina di un collezionista che vuole comprare
    dei quadri di Sam.
  • Curiosità Ford • 15/12/10 21:43
    Servizio caffè - 42 interventi
    il bellissimo autunno del Vermont doveva essere il grande protagonista del film, ma una tempesta ha spazzato via tutte le foglie dagli alberi proprio sul più bello, queste foglie sono state raccolte e spedite a hollywood per girare in studio ma con le vere coloratissime foglie di quei boschi.
  • Homevideo Mco • 2/09/13 17:19
    Scrivano - 9683 interventi
    In Blu-Ray Universal Pictures dal 3 Settembre 2013.
  • Curiosità Zender • 27/06/17 17:41
    Consigliere - 43512 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Discussione Raremirko • 1/01/18 22:23
    Addetto riparazione hardware - 3475 interventi
    Do ragione agli utenti che dan due palline al film, in particolare a Minitina.

    L'opera è ultramacabra e a tratti addirittura quasi indelicata, ed ai tempi posso capire come possa non esser andata giù a tutti (chissà, magari Week end con il morto gli deve qualcosa).

    Qualche lungaggine, qualche momento divertente, qualcosa da ridere per una delle poche, se non l'unica, commedia nera del maestro, solo in parte riuscita.

    Bella fotografia.
  • Homevideo Rocchiola • 30/12/18 17:52
    Call center Davinotti - 1134 interventi
    Bluray Universal ottimo con immagine pulita e dalla definizione sorprendente soprattutto in alcuni esterni dai colori caldi ed equilibrati. Presentato nel corretto formato panoramico 1.85. Un bel salto avanti rispetto all'edizione in DVD. Audio mono DTS 2.0 di ottimo livello chiaro e potente.
    Ultima modifica: 30/12/18 20:16 da Zender