La veglia delle aquile

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/08/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 15/08/07 00:36 - 4695 commenti

I gusti di B. Legnani

Quando un film è bello, piace anche se il genere (militare-dramma-commedia) non è graditissimo dallo spettatore. Qui un intreccio interessante e interessanti dinamiche interpersonali all’interno di un’organizzazione (chi conosce il mondo aziendale può trovare spunti in quantità), dànno vita ad una pellicola che mai perde di interesse. Bravi Rock Hudson e Rod Taylor. C’è Henry Silva che, come di consueto, inizia il film con un’espressione e non la cambia, granitico, qualunque cosa possa accadere.
MEMORABILE: La brusca interruzione della lezione.

Puppigallo 11/05/17 19:00 - 4499 commenti

I gusti di Puppigallo

Quello che si dice un buon film, soprattutto per l'interpretazione dei protagonisti, su tutti, Hudson e Taylor. Interessante il susseguirsi di eventi, che porta il protagonista, pur agendo nel giusto, a farsi inizialmente terra bruciata attorno, rischiando di perdere anche gli affetti più cari, oltre a un amico e a un formidabile meccanico. La datazione si sente, soprattutto in alcuni dialoghi nell'ambito familiare; e verranno fumate ottocento sigarette. Ma questo non danneggia più di tanto una pellicola, che riesce a interessare sufficientemente lo spettatore, fino all'intuibile epilogo.
MEMORABILE: "Ce l'hanno fatta tutti, quei bastardi".

Daniela 8/07/20 00:29 - 9238 commenti

I gusti di Daniela

Durante la guerra fredda, un colonnello viene messo a capo di una squadriglia speciale di bombardieri che deve essere sempre pronta ad entrare in azione, dimostrandosi troppo rigido e inflessibile,  tanto da attirarsi le critiche degli altri ufficiali e farsi detestare dai sottoposti... La trama ricorda quella del bellico Cielo di fuoco, per il suo incentrarsi sul peso delle responsabilità del comando ma l'intreccio è meno drammatico,  le divagazioni coniugali risultano uggiose, Rock Hudson non ha l'intensità di Gregory Peck. Nel complesso, un film dignitoso ma di scarso interesse. 
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 8/07/20 10:40
    Consigliere massimo - 5075 interventi
    Anche se non può forse definirsi un remake in senso stretto, la trama di questo film presenta palesemente molti punti di contatto con Cielo di fuoco diretto qualche anni prima da Henry King. 
    I due film hanno una diversa collocazione storica (la seconda guerra mondiale in Cielo di fuoco, la guerra fredda nella veglia delle aquile) e quello di King ha riflessi più drammatici, ma la tematica è analoga: un comandante dell'aeronautica di fresca nomina, gravato dal peso delle responsabilità, assume atteggiamenti troppo rigidi e severi, mettendosi in urto con ufficiali e sottoposti.  
    Questa somiglianza è confermato dal fatto che l'autore del soggetto di La veglia delle aquile è quello stesso Sy Bartlett  che, insieme a Beirne Lay Jr., aveva scritto il romanzo di cui era stato tratto Cielo di fuoco, curandone inoltre la sceneggiatura. 
    Ultima modifica: 8/07/20 11:35 da Daniela
  • Discussione B. Legnani • 8/07/20 11:20
    Consigliere - 13700 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Anche se non può forse definirsi un remake in senso stretto, la trama di questo film presenta palesemente molto punti di contatto con Cielo di fuoco diretto qualche anni prima da Henry King. 
    I due film hanno una diversa collocazione storica (la seconda guerra mondiale in Cielo di fuoco, la guerra fredda nella veglia delle aquile) e quello di King ha riflessi più drammatici, ma la tematica è analoga: un comandante dell'aeronautica di fresca nomina, gravato dal peso delle responsabilità, assume atteggiamenti troppo rigidi e severi, mettendosi in urto con ufficiali e sottoposti.  
    Questa somiglianza è confermato dal fatto che l'autore del soggetto di La veglia delle aquile è quello stesso Sy Bartlett  che, insieme a Beirne Lay Jr., aveva scritto il romanzo di cui era stato tratto Cielo di fuoco, curandone inoltre la sceneggiatura. 
    Molto interessante.