Murder obsession - Follia omicida

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1980
Genere: thriller (colore)
Note: (aka "Follia omicida", aka "L'ossessione che uccide", aka "Delirium", aka "Satan's Altar", aka "Unconscious")
Numero commenti presenti: 30
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Blutarsky 20/07/07 18:30 - 353 commenti

I gusti di Blutarsky

La netta impressione che ho avuto è che a Freda non gliene fregasse niente di questo film. Girato con la mano sinistra, attori lasciati a loro stessi con una storia tra il delirante e l’improponibile, senza la minima traccia di tensione. Effetti speciali poco riusciti e con i quali a volte si sfiora il comico (es. il ragno gigante). A chiusura del tutto, la spiegazione finale riesce a rendere ancora più inverosimile la storia! Freda è stato un grande, ma questo film non fa onore alla sua memoria.

Undying 1/08/07 16:53 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Pessima regia di Freda, resa tale per la cialtronesca recitazione e per effetti speciali meno che caserecci. Ci si sono messi in quattro a scrivere i dialoghi che hanno qualcosa di (a dir poco) delirante. Un soggetto "tarato" alla base e chiaramente ispirato a Psycho non può essere salvato nemmeno dalle piacevoli presenze date da Silvia Dioniso e Anita Strindberg. Non convince perché mal girato, realizzato senza convinzione e senza alcuno stimolo: prova ne sia (a mo' di riscontro) la sgradevole prestazione data dagli interpreti. Deragliato.

Homesick 13/02/08 17:53 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Ultimo film girato da Freda, nonché uno dei suoi peggiori. La trama gira a vuoto, incerta se seguire la classica pista del thriller anni Settanta con molteplici efferati delitti commessi dal maniaco di turno, oppure concedersi all’horror soprannaturale, oppure ancora alle implicazioni psicanalitiche. Si salva solo l’incubo della Dionisio, dove compare un ragnone di batzelliana memoria e si torna ad apprezzare la propensione del regista per le atmosfere gotiche. Brutti gli effetti speciali, frastornanti le musiche pianistiche, svogliati gli attori.
MEMORABILE: Il falso inizio; l’incubo della Dionisio; la confessione incisa su nastro; madre e figlio nella posa della “Pietà” di Michelangelo.

Ciavazzaro 14/02/08 14:43 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Un vero peccato, perché radunare in un solo film tante bellezze (Strindberg - anche se piuttosto sfatta, Dionisio, Brochard, Gemser) non è roba da poco. Però anche a voler essere buoni gli effetti speciali sono pessimi (l'asciata sulla testa che si rivela essere un manichino, la morte della Brochard, il ragno...). Musiche nella norma. Un'occasione persa. Finale abbastanza assurdo, salvabile solo perché lo dirige Freda e per il cast.

Ghostship 21/06/08 13:02 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Poteva essere un degno testamento, invece è un pasticcio vagamente psicoanalitico che non sa mai da che parte andare. Nonostante queste carenze poteva essere interessante dal punto di vista visivo, ma qui sono gli effetti che inguaiano una onesta regia di Freda. Solo per i cultori.

Deepred89 19/10/08 20:48 - 3310 commenti

I gusti di Deepred89

Davvero brutto questo filmetto di Freda. Il soggetto ha qualche discreta idea ma viene portato avanti nella maniera più prolissa e banale possibile. Il regista, tra l'altro, sembra ignorare questo fatto dirigendo il tutto svogliatamente. Il cast femminile non è male ma rende poco, mediocre il cast maschile (forse escluso John Richarson), a partire dal pessimo protagonista. Musiche soporifere ed effetti speciali (sia splatter che il resto) bruttissimi. Passabile la fotografia. Di una noia mortale, si fatica ad arrivare in fondo.

Daidae 25/03/09 00:36 - 2762 commenti

I gusti di Daidae

Questo film, che chiude la carriera del grande regista, fu definito dallo stesso "una merda", testuali parole. Detto questo, a parte i soliti effettacci speciali (un marchio di fabbrica nei film di Freda), la trama è troppo confusa, la recitazione non è buona e si nota per tutto il film una stanchezza e una sindrome da "buona la prima". Spiace dirlo ma è sotto la mediocrità.

Cotola 5/06/09 22:57 - 7622 commenti

I gusti di Cotola

Incredibile caduta di Freda che gira un filmaccio di bassa lega pieno di scene risibili e insulse (su tutte quella del sogno con musica di Bach in sottofondo, ma anche quella del ragno) che poco o nulla c'entrano con un intreccio banale e dai ritmi soporiferi. Anche la confezione è scadente, in particolar modo i pessimi attori. Una delle peggiori opere del regista. Da dimenticare.

Tomastich 7/09/09 10:26 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Canto del cigno di Riccardo Freda, non è un buon film. Ripudiato dallo stesso, in una delle sue interviste, è un classico thriller all'italiana, che purtroppo pecca nella lentezza delle azioni e negli effetti visivi elementari (tipo quelli che Lenzi metterà in scena delle sue case stregate). C'è da dire che il cast era molto buono, denso di screaming queen come la Strindberg, la Dionisio e la Gemser. Tuttavia quello che è italico nel thriller va valorizzato come manierismo mai più ripetuto nella storia del cinema mondiale.

Bruce 4/11/09 16:40 - 1006 commenti

I gusti di Bruce

Non "una merda" come, pare, lo definì l'anziano regista. Tutt'altro. Un film ricco, quasi audace, capace di miscelare il giallo-thriller all'horror gotico e demoniaco in modo assolutamente originale, su di un buon soggetto psicanalitico tra Eros e Thanatos, odio-amore tra madre e figlio. Fotografia ed ambientazione splendide. Lampi di classe. Molto valide le interpretazioni della Strindberg e di Richardson nei panni del maggiordomo "Oliver". Curioso l'incubo nei sotterranei della bella Dionisio. Pessimi invece gli effetti speciali. Da riconsiderare.
MEMORABILE: La Pietà michelangiolesca nel finale.

Herrkinski 22/03/10 19:54 - 5292 commenti

I gusti di Herrkinski

Freda recupera tutto l'armamentario del gotico italiano anni '60 e ne imbastisce una versione bastardizzata, che strizza l'occhio allo splatter anni '80 ma affonda le radici nel giallo italiano anni '70. La descrizione può suonare delirante, ma è lo stesso film ad esserlo, tra una sceneggiatura indegna, interpreti smarriti (nonostante i nomi di richiamo), SPFX a dir poco pietosi (va bene il fai-da-te italico, ma qui si esagera), musiche fuori luogo. Si salvano location e fotografia, per il resto sembra un mix tra Batzella e Jess Franco.

Fauno 4/06/10 12:24 - 1936 commenti

I gusti di Fauno

Sei sempre bravo, Riccardo, ma 55 minuti prima di entrare nel vivo del film sono decisamente troppi. Azzeccatissimi i veterani Strindberg ed Harrison, certo che ti dividi tra horror e thriller fino a far dubitare a quale dei due generi il film appartenga. Gli omicidi son stratosferici e la conclusione è attendibile, ma molti dopo mezz'ora hanno già mollato la pezza.
MEMORABILE: Molto trash la scena delle orme sulle scale.

Stefania 11/02/11 02:31 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

In interiore homine habitat diabolus: ce lo dicono all'inizio, e da lì procede a tentoni un film patchwork, un po' giallo classico alla Dieci piccoli indiani, un po' gotico, un po' thriller psicanalitico, senza azzeccare mai la tonalità giusta per nessuno dei tre spartiti. Tra una candida ed orrida Pietà michelangiolesca e una messa nera con tarantola oversize e la Dionisio crocifissa, ci sono delitti splatter-osi ma non di grande impatto, dialoghi pedestri e un cast male assortito. La Strindberg sembra... la zia della Strindberg!
MEMORABILE: "Oliver, oggi non rientriamo a colazione.", "E' pericoloso usare il phon in bagno", "E' bello vedere due giovani che non pensano solo al sesso!"

Myvincent 23/11/11 19:11 - 2603 commenti

I gusti di Myvincent

Riccardo Freda negli anni '80 tenta vanamente di riesumare il genere gotico, così congeniale alle sue corde. Il risultato è deludente, un misto di erotico e thriller che non lascia il segno. Attori mediocri, trama poco accattivante. Silvia Dionisio tanto bella quanto inespressiva.

Giùan 2/05/12 11:28 - 3052 commenti

I gusti di Giùan

Malatissima ultima pellicola del burbero Maestro, il quale nel tentativo di aggiornare i canoni del gotico (che aveva contribuito in buona parte a codificare) ai caratteri del thriller-horror maturati negli anni '70, filma un melange delirante (ereticamente ma non troppo direi Polselliano), dotato tuttavia di una sua patologica personalità. A inficiar il giudizio l'aracnica recitazione di alcuni (Patrizi ha un aplomp da Ecce bombo) e i dialoghi, la cui vessatorietà è ulcerata dal doppiaggio. Profluvio di (s)exploitation con Dionisio-Strindberg sugli scudi.
MEMORABILE: Gli omicidi splatter coi manichini "a vista"; La fissità di Richardson; L'incubo della Dionisio; La "Pietà" finale: forse un impetrazione di Freda?

Furetto60 13/01/14 08:00 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Horror discreto limitato da situazioni stereotipate, passabili solo se si accetta il modesto contesto. Villa isolata, non c’è porta, anta o coperchio che non cigoli, primi piani con occhi sgranati, maggiordomo di nome Oliver (il millesimo della serie). Comunque si salvano alcune situazioni: l’incubo della Dionisio, la generosa esposizione del fisico della medesima, il finale strano ma particolare; il ritmo, invece, spesso zoppica.
MEMORABILE: L’incubo di Deborah; Il finale michelangiolesco.

Minitina80 28/02/15 00:20 - 2400 commenti

I gusti di Minitina80

Ultima fatica di Riccardo Freda nonché la sua peggiore. La pellicola presenta grosse falle un po' ovunque, dalla sceneggiatura lacunosa e soporifera agli effetti speciali abbastanza risibili passando per dialoghi troppo spesso inconcludenti. Sembra girato senza grossi stimoli e convinzione e a risentirne è per primo il cast, che non incide minimamente. Ha l'unico pregio di radunare in un'unica occasione tante bellezze. Evitabile.

Corinne 13/07/16 19:48 - 405 commenti

I gusti di Corinne

Prendi un giallo anni Settanta, fiacco e scialbo e aggiungici elementi horror ininfluenti ai fini della trama, giralo al risparmio, con effetti speciali da film della compagnia cinematografica del liceo, ricicla qualche icona del cinema del decennio appena finito, condisci con un tocco di Argento... et voilà, Murder Obsession è servito. A salvare dallo zero assoluto quest'ultimo lavoro di Freda (ma sarà davvero lui?), un'atmosfera decadente e un paio di trovate nel finale.
MEMORABILE: La "Pietà" finale; Momenti trash: il ragnone, l'accettata in testa.

Maik271 3/02/16 13:25 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Per considerare questa pellicola un buon lavoro bisognerebbe sorvolare su una lacunosa sceneggiatura e su dialoghi spesso imbarazzanti. La produzione quindi punta tutto su tre bellezze un po' scosciate che al tempo, forse, garantivano un buon successo: la giovane Dionisio, l'esotica Gemser e la matura Strindberg. Il cast maschile (a parte il tenebroso Richardson) è da dimenticare. Alcune strampalate trovate come il sogno con il ragno gigante lo annoverano tra i cult del trash, ma anche in quest'ambito è molto deludente.

Rufus68 10/08/16 00:33 - 3152 commenti

I gusti di Rufus68

A dir la verità si capisce poco in tale pastrocchio. Quando in un thriller/horror si nomina il corpo astrale poi, si sa, butta male... Ragnoni, satanismo, pipistrelli di plastica, telepatia, musiche viscontiane, motoseghe: un ridicolo rompicapo che non si ha certo voglia di decrittare. Patrizi è in catalessi; il cast femminile, pur commovente nella sua forza cinefila anni Settanta, è come toccato dall'incipiente mediocrità televisiva. Sequenza finale d'effetto, peccato sia preceduta dal nulla.

Hackett 23/11/16 07:40 - 1743 commenti

I gusti di Hackett

Tra horror, thriller e nostalgie di gotico, il maestro Freda purtroppo inciampa nel film che sarà quello del suo addio. La trama è esile, sconclusionata a tratti e pasticciata in un finale che vuole per forza sviare lo spettatore (probabilmente già arrivato alla giusta soluzione). Commento musicale monocorde che ammazza la tensione invece di sottolinearla, immancabili scene pruriginose inserite a casaccio ed effetti speciali pari a scherzi di carnevale. Che dire? Brutto.

Markus 10/01/17 08:19 - 3331 commenti

I gusti di Markus

Giallo gotico/argentiano la cui forza sta tutta nell'ambientazione in una villa borghese di campagna, con quella sua inquietante estetica un po' decadente. La storia ha alla base un piano criminoso di discreto interesse, che viene sbrogliato soprattutto nel lungo finale avvincente che mostra come Freda, allora settantenne, aveva ancora il polso giusto per queste vicende di sangue. Un film che se non fosse per gli scadenti effetti sanguinolenti e la poca capacità degli attori poteva essere un buon ritorno al gotico negli opulenti anni '80.

Trivex 16/01/17 08:45 - 1507 commenti

I gusti di Trivex

Gli sfx saranno anche dilettanteschi, ma il resto? Per l'amante del "bis di serie A" c'è la leccarsi i baffi. Cast stratosferico, in particolare per le donne, con una Gemser mai così sensuale e la Dionisio splendida, anzi di più. Poi la storia, davvero cultissima: un mix trasversale incredibile, pasticciato quanto si vuole ma dall'impatto impetuoso. Donne seminude vaganti, sesso nel bosco, riti segreti, morbosità; il tutto supportato da un'azzeccata location del gotico moderno. Classico film che si dice brutto ma che per me è solo uno splendido stracult.

B. Legnani 25/03/17 23:07 - 4785 commenti

I gusti di B. Legnani

"Gli attori erano scarsi e così i soldi": così Freda giustificava il disastroso livello del film, ma (concordando sulle prestazione attoriali miserrime) viene da chiedersi chi mai poteva salvare una sceneggiatura del genere, con buchi e con snodi ridicoli (la soffitta adibita a laboratorio fotografico inattivo da oltre quindici anni...). Il regista, fra l'altro, era lui... Probabilmente non c'era un truccatore decente, perché attrici solitamente belle qui quasi paiono di livello estetico normale. Chi l'avrebbe mai detto: si guarda Freda e si pensa a Batzella... Terribile.

Caesars 24/05/17 10:49 - 2766 commenti

I gusti di Caesars

Peccato che l'ultima pellicola firmata da Freda sia questa; il regista meritava sicuramente un addio dal cinema migliore. Purtroppo c'è veramente poco da salvare, praticamente solo la bellezza di Silvia Dionisio (sempre splendida) e Laura Gemser; per il resto delusione su tutti i fronti. Freda dirige con la mano sinistra, senza porre nessuna cura nel mettere in scena una storia di per sé non certo esaltante. Non particolarmente felice la scelta del protagonista principale.

Ronax 24/08/17 02:16 - 921 commenti

I gusti di Ronax

Pessimo congedo di Freda dal cinema che dirige svogliatamente un traballante mix di giallo argentiano e di gotico soprannaturale, girando a vuoto per tre quarti del film senza decidersi su dove andare a parare e cavandosela con un finale a effetto che non riesce però a riscattare 90 minuti di noia. Alla scadente sceneggiatura si aggiungono poi i patetici effetti speciali e la desolante prova offerta dagli attori che, a partire dall'insulso protagonista e con parziale eccezione della Strindberg, fan quasi la figura dei dilettanti allo sbaraglio.
MEMORABILE: L'inquadratura finale che richiama la Pietà di Michelangelo.

Ira72 28/07/19 17:36 - 971 commenti

I gusti di Ira72

Dopo un tentato omicidio con i classici guanti neri: “Perché portavi dei guanti stanotte, mentre stavi nel bagno? ””Stavo asciugandomi i capelli e, usando il fon con le mani bagnate, si può rimanere fulminati”. Già da questo dialogo si capisce il livello del film, di rara bruttezza, lentissimo e invecchiato davvero male. Non accade quasi nulla e quel poco che accade sta in uno splatter trashissimo con effettacci... che dire tarocchi è un eufemismo (su tutti il ragno di gomma).

Il Dandi 17/03/20 03:27 - 1849 commenti

I gusti di Il Dandi

Meno peggio del temuto, ma ugualmente scarso. Ibrido malriuscito, perché le ambientazioni gotiche sono annacquate da ritmi soporiferi, il giallo psicologico sostenuto da moventi e dialoghi assurdi, gli omicidi slasher rovinati da effetti speciali scadenti. In tutto ciò la vicenda decolla (pardon: accade qualcosa) solo nell'ultima mezz'ora. Peccato perché il cast (Richardson e la Strindberg su tutti) è in parte tranne il protagonista Patrizi, l'ex-adolescente pariolino dei polizieschi qui inaccettabile, pur se cresciuto e baffuto.
MEMORABILE: La rocambolesca confessione sul magnetofono.

Maverik 17/04/20 23:08 - 11 commenti

I gusti di Maverik

Film davvero brutto, trama inconsistente quanto il csst. La storia e le ambientazioni molto british sarebbero anche interessanti, ma la trama risulta davvero noiosa e prevedibile. Anche i pochi momenti di presunta tensione o scadono nel ridicolo (ragno gigante) o sono troppo lunghi (racconto del presunto sogno). Da salvare solo le grazie della Dionisio e della Gemser.

Reeves 28/10/20 23:32 - 221 commenti

I gusti di Reeves

Ultimo film di Freda, quasi simbolico di un'epoca che si chiude. Freda mescola insieme situazioni da horror sexy (Laura Gemser nuda, ragazze piuttosto discinte, sospetti di lesbismo) e momenti gotici, ragni giganti e adorazioni diaboliche. A volte sembra Freda, a volte Regnoli. Il finale che evoca Psyco potrebbe anche funzionare, ma ci si arriva dopo una narrazione incerta e un bel po' di noia. Male Stefano Patrizi come protagonista, mentre il cast femminile si fa apprezzare nella sua interezza.
MEMORABILE: "Sei tornato, ora tutto cambierà": il desiderio materno che non sarà di certo esaudito.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione B. Legnani • 25/03/17 23:02
    Consigliere - 13999 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire:
    non potrà non sbavare ad avere in unico film Dionisio,Gemser,Strindberg,Richardson,

    Attorialmente però al loro minimo storico...
  • Musiche B. Legnani • 25/03/17 23:29
    Consigliere - 13999 interventi
    Al 23'40 inizia l'Adagio di Alessandro Marcello, reso noto dal film Anonimo Veneziano, nell'arrangiamento di Bach per sola tastiera.

    https://www.youtube.com/watch?v=wgyyMBfGsf8
    Ultima modifica: 26/03/17 12:52 da B. Legnani
  • Discussione Fauno • 26/03/17 19:16
    Contratto a progetto - 2544 interventi
    Invece secondo me gli attori non c'entrano proprio un bel niente. Anzi, specie per la Dionisio mi è andata giù molto male che abbia smesso praticamente subito dopo questo film, perché qui si era confermata nel suo talento. La Strindberg poi è eccellente nel ruolo di madre morbosa e in nessun film l'ho mai vista al minimo storico, per quanto non l'abbiano sempre fatta bella come nel capolavoro di Fulci con la Bolkan. Non mi sbilancio sulla Gemser, in quanto non amante dei suoi esotic-love, mentre il rendimento di Richardson mi sembra nella norma. I difetti si possono trovare nella scarsità degli effetti speciali, anche se ripeto in quegli anni c'erano a malapena le vhs, quindi se lo vedevi al cinema non facevi caso al fotogramma postato da Daidae, o nella prolissità e nella difficoltà a decollare del film, o al massimo perché è troppo ibrido fra thriller e horror, ma non certo per i dialoghi risibili, i soggetti deliranti e gli altri difetti più comuni con cui oggi si è soliti stroncare i film, e soprattutto quelli minori.

    Quindi pur non avendo ancora letto il tuo commento, mi permetto di contraddirti.
  • Discussione B. Legnani • 26/03/17 21:05
    Consigliere - 13999 interventi
    Fauno ebbe a dire:
    Invece secondo me gli attori non c'entrano proprio un bel niente. Anzi, specie per la Dionisio mi è andata giù molto male che abbia smesso praticamente subito dopo questo film, perché qui si era confermata nel suo talento. La Strindberg poi è eccellente nel ruolo di madre morbosa e in nessun film l'ho mai vista al minimo storico, per quanto non l'abbiano sempre fatta bella come nel capolavoro di Fulci con la Bolkan. Non mi sbilancio sulla Gemser, in quanto non amante dei suoi esotic-love, mentre il rendimento di Richardson mi sembra nella norma. I difetti si possono trovare nella scarsità degli effetti speciali, anche se ripeto in quegli anni c'erano a malapena le vhs, quindi se lo vedevi al cinema non facevi caso al fotogramma postato da Daidae, o nella prolissità e nella difficoltà a decollare del film, o al massimo perché è troppo ibrido fra thriller e horror, ma non certo per i dialoghi risibili, i soggetti deliranti e gli altri difetti più comuni con cui oggi si è soliti stroncare i film, e soprattutto quelli minori.

    Quindi pur non avendo ancora letto il tuo commento, mi permetto di contraddirti.


    Come leggerai, infatti, la colpa principale - a mio avviso - è della sceneggiatura. Ciao.
  • Discussione Fauno • 27/03/17 23:26
    Contratto a progetto - 2544 interventi
    Ok letto. Meno male ci sono solo due pallini di differenza fra il mio e il tuo; sono proprio agli antipodi come idee. Se la Dionisio è di livello estetico normale allora io sono cieco, quanto alla Strindberg una madre morbosa e mezza imbaldracchita non poteva mai essere la figona di 10 anni prima, e quanto al solaio per me è un particolare talmente trascurabile...Di ridicolo c'è meno che niente, anche se non è certo un film che emerge. E le due ricostruzioni differenti dell'omicidio del padre non son fatte per niente male, specie quella reale.

    Non entro nel merito di Batzella, ma i film che ho visto mi sono piaciuti parecchio.
  • Discussione B. Legnani • 27/03/17 23:31
    Consigliere - 13999 interventi
    Fauno ebbe a dire:
    Se la Dionisio è di livello estetico normale allora io sono cieco...

    Forse non mi sono spiegato bene.
    La Dionisio è bellissima (ci mancherebbe altro...), ma in questo specifico film il trucco la rende meno bella del solito. Idem per la Brochard e la Gemser, donne parimenti bellissime, ma qui assai meno che altrove.
    Della Strindberg non faccio cenno, come vedi. A proposito: splendido il doppiaggio della Miserocchi, come sempre.
    Ciao.
    Ultima modifica: 27/03/17 23:56 da B. Legnani
  • Discussione Ciavazzaro • 28/03/17 03:06
    Scrivano - 5612 interventi
    Mi inserisco anche io nella discussione.

    Assolutamente d'accordo con tè sull'eccellente prestazione della Miserocchi, che tra l'altro doppia Nuria Torray, in un ruolo molto simile a questo nel precedente Una tomba aperta una bara vuota il cadavere di Helen non mi dava pace.
    E sembra scontato ma non dimentichiamoci il buon Colizzi su Richardson.

    Per quanto riguarda la Strindberg è anche accettabile che il trucco non l'abbellisca, dato il tipo di personaggio che deve interpretare, molto meno sulle altre attrici posso concordare.

    P.S. Films e clips ha pubblicato questa scena con scritto scena inedita, non ho il dvd sotto mano ma cercherò di controllare:
    https://www.youtube.com/watch?v=rV-ZdGAddes&index=3&list=PLK9-vEc5vnWsZkKMO8oPNB4NMtj2iWeGC
  • Discussione B. Legnani • 28/03/17 10:32
    Consigliere - 13999 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire:
    Mi inserisco anche io nella discussione.

    Assolutamente d'accordo con tè sull'eccellente prestazione della Miserocchi, che tra l'altro doppia Nuria Torray, in un ruolo molto simile a questo nel precedente Una tomba aperta una bara vuota il cadavere di Helen non mi dava pace.
    E sembra scontato ma non dimentichiamoci il buon Colizzi su Richardson.

    Per quanto riguarda la Strindberg è anche accettabile che il trucco non l'abbellisca, dato il tipo di personaggio che deve interpretare, molto meno sulle altre attrici posso concordare.

    P.S. Films e clips ha pubblicato questa scena con scritto scena inedita, non ho il dvd sotto mano ma cercherò di controllare:
    https://www.youtube.com/watch?v=rV-ZdGAddes&index=3&list=PLK9-vEc5vnWsZkKMO8oPNB4NMtj2iWeGC


    Ripeto che quando parlo di trucco mancante per l'estetica, NON mi riferisco alla Strindberg, ma alle altre tre.
    Ciao.
  • Discussione Ciavazzaro • 28/03/17 17:38
    Scrivano - 5612 interventi
    Scusami non avevo capito sulla Strindberg !
    Ciao !
  • Discussione Reeves • 28/10/20 23:33
    Magazziniere - 184 interventi
    Uno dei produttori è Simon Mizrahi, che era tra i redattori di Midi-Minuit fantastique, la rivista francese che avwva esaltato tutto il cinema di Freda.