Il sospetto - Film (1941)

Il sospetto
Lo trovi su

Location LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 12/05/08 18:39 - 5512 commenti

I gusti di B. Legnani

Opera degna, ci mancherebbe altro, ma dalla trama ripetitiva e un po' "vuota" (con tutte le malefatte del simpatico lestofante interpretata da Cary Grant), specialmente se la si confronta, in modo forse ingeneroso, con i capolavori successivi del Maestro. Le buone interpretazioni suppliscono ad un impianto non troppo conquistante, con qualche momento azzeccato, rendendo la pellicola almeno discreta.
MEMORABILE: Il bicchiere colmo di latte luminoso.

Lovejoy 1/01/08 17:22 - 1823 commenti

I gusti di Lovejoy

Notevole melodramma a sfondo giallo ben trasposto in immagini dal grande Maestro del Brivido. Alcune scene sono passate giustamente alla storia (una per tutte: quella del bicchiere di latte). Realizzato interamente in studio, con personaggi ben disegnati e un cast decisamente impeccabile, ha nel buon ritmo il suo punto di forza. Senz'ombra di dubbio migliore del precedente Rebecca La Prima Moglie.

Ciavazzaro 10/05/08 15:42 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Un film minore del maestro Hitchcock, con bravi attori (Joan Fontaine, Cary Grant e Leo Carroll), ma purtroppo con una storia poco consistente e un finale decisamente poco riuscito (molto meglio quello del racconto da cui è tratto). Confezione discreta, piuttosto bruttino il doppiaggio. Così così. Di culto però la scena col latte (con lampada dentro, per far venire il sospetto che sia avvelenato).

Capannelle 25/08/08 11:43 - 4389 commenti

I gusti di Capannelle

Un buon film dove Hitchcock ha il merito di cambiare continuamente il punto di vista sul personaggio di Cary Grant: simpatico galletto anticonformista o diabolico macchinatore? Alla fine però il giochetto risulta un po' ripetitivo, il finale non è all'altezza, per cui rimane l'ottima interpretazione di Joan Fontaine dentro ad una confezione discreta.

Pigro 7/03/09 09:51 - 9608 commenti

I gusti di Pigro

Lei sposa un bel giovanotto che si rivela bugiardo: che lui stia meditando di ucciderla? E' questo il sospetto che dà il titolo a un film abilmente costruito da Hitchcock proprio su questa sensazione e nulla più. Dunque un'opera virtuosistica che basa la suspense su qualcosa di apparentemente inconsistente e obbligando lo spettatore a continue ipotesi e smentite. Non particolarmente notevole, al di là della sfida (comunque vinta) e della famosa scena in cui tutta l'ansia è scatenata da un innocente bicchiere di latte.

Daniela 3/08/09 13:22 - 12581 commenti

I gusti di Daniela

Come noto, il finale non è quello simile al romanzo, originariamente voluto dal regista, beffardo e plausibile, a posto di quello sbrigativo e poco convincente che costituisce il punto debole di questo bel film. Temi centrali, l'innamoramento come azzardo, il matrimonio come unione, potenzialmente pericolosa, fra due sconosciuti: Fontaine scopre poco per volta la reale natura dell'uomo che le vive accanto, ma, nonostante tutte le prove, continua a voler credere in lui - come pure noi spettatrici, sedotte dal fascino mascalzone di Grant.
MEMORABILE: Il bicchiere di latte che Grant porta alla moglie salendo le scale: la massima suggestione con il minimo effetto speciale (una lampadina accesa)

Saintgifts 11/05/10 00:14 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Più commedia che trhiller. Cary Grant è abbastanza ambiguo ma mai da creare, assieme alle varie situazioni "strane", una vera suspense. Risulta molto più credibile come irresponsabile non cresciuto abituato ad avere tutto e subito. La Fontaine, vera protagonista del film, è invece perfetta psicologicamente e fisicamente. La parte debole è proprio quella che avrebbe dovuto invece essere il punto di forza, il finale. Frettoloso e deludente e poco giustificabile, come altre scene, durante il film, che sarebbero dovute servire a creare il sospetto.

Mota 28/02/12 20:59 - 59 commenti

I gusti di Mota

Il film ruota attorno ai sospetti di Lina, che comincia a dubitare del marito credendolo un assassino. Film interessante con una buona trama ma certamente non uno dei migliori di Hitchcock. La suspense c'è, ma non raggiunge mai i livelli visti in altre sue opere, così come il finale non è del tutto riuscito. Ottimo invece il cast (soprattutto la coppia protagonista Joan Fontaine-Cary Grant).

Galbo 7/10/12 11:09 - 12369 commenti

I gusti di Galbo

Tra le opere del maestro Hitchcock non una delle più memorabili. La storia non intriga più di tanto visto che ruota intorno ad un unico tema in maniera ripetitiva. Certo, da grande artista qual'è, il regista inglese inserisce alcune scene memorabili, oltre a dirigere impeccabilmente due grandi attori come Grant e la Fontaine, con il primo capace di dare al personaggio numerose sfaccettature. Finale non all'altezza.

Il Dandi 4/11/13 18:17 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Thriller atipico, di lento e insinuante svolgimento, privo di particolari guizzi di regìa per i quali il maestro del brivido è famoso e tutto affidato all'interpretazione ineffabile di Cary Grant (qui forse all'apice del suo fascino). Peccato per Joan Fontaine, che stufa presto nel ruolo dell'ingenua sposina; mentre è assai piacevole trovare Nigel Bruce nel ruolo dell'amico pasticcione, caratterizzato (con esiti più felici) dalle stesse gaffe del suo Dr. Watson nella serie Sherlock Holmes degli anni '40. Taglio molto inglese e classico.
MEMORABILE: L'espressione "musetto di scimmia".

Alfred Hitchcock HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Il pensionante - Una storia della nebbia a LondraSpazio vuotoLocandina Tabarin di lussoSpazio vuotoLocandina Blackmail - RicattoSpazio vuotoLocandina Omicidio!

Graf 1/08/15 00:18 - 708 commenti

I gusti di Graf

Hitchcock sosteneva che i suoi film fossero pezzi di torta e non pezzi di vita. Questo, in realtà, si condensa, come un misterioso riverbero, nella luce introdotta nel bicchiere di latte che Cary Grant porta a sua moglie malata Joan Fontaine, la quale sospetta che lì dentro ci sia del veleno. Storia d’amore e thrilling psicologico, suspense e tensione nello sguardo soggettivo di una moglie che crede suo marito un assassino. Sceneggiatura elementare, due grande attori, trasognata atmosfera inglese e un finale di grande ambiguità. Film alquanto datato.

Luras 6/05/17 23:34 - 146 commenti

I gusti di Luras

A parte il pessimo doppiaggio italiano, a deludere è proprio Hitchcock. Un anno dopo lo splendido Rebecca il Maestro ritorna sul tema delle ambiguità di coppia, ma questa volta fa cilecca. La sceneggiatura era l'ideale per creare una storia inquietante. La casa avrebbe potuto essere il luogo claustrofobico in cui sviluppare una storia tesa. Invece niente, solo una banale commedia. Niente tensione, qualche sprazzo di ironia, un finale appena discreto. Il titolo lasciava presagire ben altro, ma stavolta Hitchcock ha le polveri bagnate.

Caesars 23/10/17 09:22 - 3766 commenti

I gusti di Caesars

Sicuramente non una delle opere meglio riuscite di sir Alfred, in quanto la trama è abbastanza ripetitiva: si alternano situazioni che portano a pensare che il protagonista trami qualche mossa efferata ad altre che lo "scagionano". Purtroppo poi la soluzione finale viene tirata via troppo velocemente e semplicisticamente. Niente da ridire sulle interpretazioni di Grant e Fontaine, che donano ai rispettivi personaggi le giuste sfaccettature psicologiche.

Anthonyvm 18/10/19 23:37 - 5579 commenti

I gusti di Anthonyvm

Atipico thriller "mancato" di Hitch, con un finale così forzato e anti-hitchcockiano (ovviamente imposto dai produttori) da spiazzare il pubblico, non nel senso migliore del termine. Per il resto la suspense non manca, l'atmosfera del film va incupendosi di minuto in minuto, man mano che Cary Grant svela la propria natura, in un clima di continua ambiguità e di incessante dubbio che tiene lo spettatore col fiato sospeso e la curiosità alle stelle. Simpaticissimo Nigel "Watson" Bruce e ottima la prova della Fontaine. Non perfetto, ma da vedere.
MEMORABILE: Grant "attacca" la Fontaine, ma ha solo intenzione di baciarla; La Fontaine immagina l'omicidio di Nigel Bruce; La tesa scena del bicchiere di latte.

Rambo90 5/12/19 16:40 - 7636 commenti

I gusti di Rambo90

Un Hitchcock particolarmente ambiguo e criptico, affascinante nel disvelamento della personalità di Grant poco alla volta. Si nota subito che il personaggio è un furfantello ma è interessante scoprire fino a che punto e se mai quel punto andrà oltre. Strepitosa la performance della Fontaine, giustamente premiata con l'Oscar, mentre la fotografia ha il suo merito nell'accentuare alcuni momenti di tensione della seconda parte. Un ottimo film.

Puppigallo 20/07/20 08:43 - 5241 commenti

I gusti di Puppigallo

Il film è Grant, che gigioneggia piacevolmente nell’interpretare lo squattrinato allegrone, inguaribile bugiardo ma con un lato che potrebbe nascondere qualcosa di sinistro. Ovviamente il merito è anche di Hitchcock, bravo nel condurre lo spettatore dove lui vuole, tracciando una strada che sembrerebbe essere l’unica possibile. Non male anche l’amico e socio, che fa gaffe a ripetizione scusandosene sul momento e che, una volta arrivato, tende a restare, in amicizia. Seppur l’età ormai si faccia sentire, resta comunque una buona pellicola.
MEMORABILE: Grant, a testamento letto, brinda davanti al quadro del suocero deceduto, dicendo “Hai vinto tu”.

Myvincent 20/12/20 15:27 - 3711 commenti

I gusti di Myvincent

Grava il sospetto di una giovane moglie sulla pericolosità del proprio coniuge, così diverso da lei eppure così desiderato. Il film è giocato tutto su questo dubbio, che sembra non avere risposta, durante un percorso che lo amplifica, giungendo a una conclusione risolutiva. Joan Fontaine "orante" si contrappone a un vivace Cary Grant, impareggiabile nei panni di magnifica canaglia, per cui tutte le donne perderebbero la testa volentieri. Commedia a sfondo ansiogeno esemplare.

Il ferrini 8/01/21 15:18 - 2328 commenti

I gusti di Il ferrini

La Fontaine, dopo il capolavoro Rebecca, torna su un set di Sir Alfred e lo fa portando in scena un personaggio tutt'altro che semplice. Lina è infatti innamorata ma questo non le impedisce di cogliere contraddizioni, incongruenze e nutrire - vedi il titolo - continui sospetti verso l'operato del marito, un Cary Grant un po' sbruffone ma soprattutto vero cialtrone negli affari. Questo delicato equilibrio, fra passione e ragione, è il motore della pellicola, come sempre garbata e formalmente ineccepibile. Favoloso Nigel Bruce nei panni dell'amico Beaky.

Ultimo 19/06/21 10:14 - 1648 commenti

I gusti di Ultimo

Un thriller del maestro Hitchcock che sente il peso degli anni ma si fa ancora apprezzare. Tutta la pellicola è pervasa dai dubbi di un'ereditiera circa la reale natura del marito (un convincente Cary Grant) e il film, pur con momenti statici, scorre senza particolari problemi. La Fontaine è la migliore del cast e rende appieno il ruolo di moglie innamorata e impaurita. Finale non all'altezza che impedisce al prodotto di elevarsi a "buon film".
MEMORABILE: Il bicchiere di latte.

Noodles 11/08/21 18:10 - 2186 commenti

I gusti di Noodles

Alfred Hitchcock gioca con lo spettatore, lasciandogli credere qualcosa per poi affermare il contrario. È il pregio migliore di un film beffardo, con un finale che può deludere ma che se ci si pensa è la logica conclusione. Poco credibili però sono alcuni particolari, come l'improvviso innamoramento di Joan Fontaine e l'ottusità mostrata dal personaggio in alcune situazioni, cose che finiscono per impedire l'empatia con la protagonista. Cary Grant bravo e misterioso. Stenta a decollare, ma quando lo fa è molto piacevole. Non l'opera migliore di Hitchcock, ma è da vedere.

Cedric Hardwicke HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Nodo alla golaSpazio vuotoLocandina Nel 2000 guerra o pace? - Vita futuraSpazio vuotoLocandina I dieci comandamentiSpazio vuotoLocandina Il ritorno dell'uomo invisibile

Tarabas 13/09/21 22:51 - 1878 commenti

I gusti di Tarabas

Molto invecchiato, soprattutto nell'assunto di partenza (un'agiata giovane donna molto attraente - Joan Fontaine! - teme di rimanere zitella, mah), ha il suo punto di forza nell'equilibrio tra suspense e commedia, con i due protagonisti eccellenti come ci si aspetta e un clima ambiguo, di sospetto appunto, che cresce fino al terribile finale, che guasta il tutto. Naturalmente la qualità tecnica del film è altissima, ma la società (e la gentry) del tempo e i suoi riti sono troppo ridicoli per calarvisi, non abbastanza per essere davvero divertenti.

Minitina80 6/11/21 22:35 - 2970 commenti

I gusti di Minitina80

Si capisce fin da subito che l’ambiguità è il vero fulcro della sceneggiatura e si deve riconoscere quanto non sia facile tenere lo spettatore concentrato su un unico dubbio per tanto tempo. Non ci vuole molto a dare adito ai sospetti che vengono alimentati da tracce disseminate come molliche, in grado di scatenare una frana da un momento all’altro. Di fronte a tanta bravura e tanto impegno bisogna, però, contestare la decisione di concludere in un modo tanto tempestivo e quasi inatteso, lasciando addosso una sensazione di incompiuto.

Ira72 8/01/22 14:43 - 1304 commenti

I gusti di Ira72

Come da titolo, il sospetto si insinua fin dall’inizio, permanendo in modo costante per l’intera durata del film. Il sospetto di un matrimonio comodo, il sospetto che lo scansafatiche punti al solo patrimonio, il sospetto che il marito voglia sbarazzarsi della consorte per restare unico erede. L‘unica certezza è che il bel Grant detesti lavorare ma ami il lusso. E che l’ingenua ed innamoratissima Fontaine sia propensa ad accontentarlo. Un duetto interpretativo perfettamente inscenato, diretto dall’iconico regista che, anche in questo caso, fa centro con un copione ottimo e godibile.

Nicola81 11/04/22 17:26 - 2815 commenti

I gusti di Nicola81

Nonostante nella seconda parte Hitchcock esibisca alcuni lampi della sua proverbiale classe, si tratta di un film invecchiato piuttosto male, il cui pregio maggiore risiede nell'essersi basato su un'idea che ispirerà anche epigoni decisamente migliori. Cary Grant è bravo ma non riesce a trasmettere l'ambiguità che sarebbe stata necessaria, e che peraltro non verrà sciolta neppure da un non memorabile finale imposto dalla produzione. Ottima invece la Fontaine e convincente il cast di contorno. Ridicolo il doppiaggio italiano.

Thedude94 8/05/22 15:56 - 1083 commenti

I gusti di Thedude94

Hitchcock ha la capacità di mettere in scena una storia che sembra molto lineare e classica nelle azioni dei protagonisti (la coppia formata dagli ottimi Grant e Fontaine), che vivono una relazione fatta di molte bugie (soprattutto il marito). Poi il film si trasforma in una sorta di poliziesco/thriller ricco di mistero e suspense. Il tutto grazie come sempre ad una messa in scena di livello superiore per l'epoca e a una sceneggiatura compatta, che riesce ad interessare per via soprattutto della caratterizzazione dei personaggi.

Didda23 26/04/23 15:50 - 2419 commenti

I gusti di Didda23

Un buon film diretto dal maestro, soprattutto per la disinvoltura con la quale si muove nella commedia, dipingendo situazioni "brillanti" con dialoghi arguti e situazioni mai banali. L'interesse si fa via via più intenso per il sospetto che nasce e si sviluppa nella mente della protagonista (una formidabile Fontaine), fino a una conclusione forse troppo sbrigativa ma a suo modo decisamente riuscita. Grant, nella parte dell'adorabile imbroglione seppur con elementi di gigioneria, è assolutamente perfetto. Non tocca vette assolute, apprezzabile soprattutto da chi ama le commedie coeve.
MEMORABILE: Le due sedie nella vetrina del negozio di antiquariato; Il bicchiere di latte; L'amica scrittrice.

Giùan 17/07/23 09:32 - 4514 commenti

I gusti di Giùan

Capolavoro di ambiguità nel quale Hitch, capovolgendo l'assunto del romanzo di partenza, riesce in un sol colpo ad assecondare l'ipocrisia hollywoodiana (per la quale era impossibile vedere in Cary Grant un assassino) e la propria poetica cinematografica fondata sull'ambivalenza, il dubbio, appunto la finzione. La narrazione del film, che pure ha i suoi momenti di stanca, è in tal senso perfetta insinuando costantemente l'equivoco fin a fagocitarlo nelle immagini, trovando nella sfrontatezza algida di Grant e nella gracilità (fisica ed emotiva) della Fontaine due sontuosi interpreti.
MEMORABILE: Naturalmente il bicchiere (illuminato) di latte; Il grandissimo Nigel Bruce.

Paulaster 6/12/23 18:04 - 4353 commenti

I gusti di Paulaster

Playboy imbroglione sposa una ricca ereditiera. La prima fase sembra una commedia delle parti con il matrimonio lampo e le bugie assortite di Grant per le scommesse. Quando l'attenzione si sposta sul versante thriller si nota la mano di Hitchcock nel mettere insieme i vari tasselli per creare pathos. La Fontaine è molto brava a districarsi tra una sana preoccupazione per la sua salute e la discesa nella paranoia. Finale debole, con la produzione che smorzò i toni.
MEMORABILE: Il veleno che non lascia traccia; La vincita dopo aver venduto i regali di nozze; Il bicchiere di latte.

Gugly 12/12/23 23:34 - 1181 commenti

I gusti di Gugly

Al netto di stilemi tecnici e di sceneggiatura di una pellicola di quasi ottant'anni fa, la storia si fa seguire per l'inquietudine che genera nello spettatore, il quale si interroga sulle effettive mire del personaggio di Grant, bello e guascone ma con un sottofondo che sembra reprimere violenza; di contro il personaggio della Fontaine è una variazione della donna ingenua ma non troppo di qualche anno prima i cui dubbi rischiano di annoiare per eccesso; in definitiva un classico invecchiato come un buon cognac, da sorseggiare con cura.
MEMORABILE: Il bicchiere di latte nella penombra.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Curiosità Caesars • 16/10/08 09:40
    Scrivano - 16791 interventi
    Negli anni '70 uscì nei cinema, in Italia, un film di Francesco Maselli intitolato appunto "Il sospetto". La RKO, che deteneva i diritti del film di Hitchcock, chiese ed ottenne che il titolo del nuovo film venisse cambiato ne "Il sospetto di Francesco Maselli"
  • Curiosità Ciavazzaro • 24/03/09 14:13
    Scrivano - 5591 interventi
    La famosa scena del latte,fu realizzata infilando una lampadina all'interno del bicchiere in modo da dare un effetto che facesse
    catapultare l'attenzione dello spettatore su quella caraffa (dove forse e' contenuto un potente veleno..).
  • Curiosità Cotola • 25/06/09 12:48
    Consigliere avanzato - 3837 interventi
    Cammeo hitchcockiano: il regista appare nell'ufficio postale mentre spedisce una lettera
  • Curiosità Ciavazzaro • 25/06/09 14:47
    Scrivano - 5591 interventi
    Attenzione SPOILER sul finale !!!!!!

    Nel finale originale Grant uccideva la Fontaine,in seguito temendo brutte reazioni del pubblico il finale venne modificato.
    Il primo finale era cosi' composto:la Fontaine si faceva uccidere,ma prima di morire scriveva una lettera nella quale diceva che era il marito che l'aveva uccisa,la dava al marito,lui la uccideva,e infine tutto contento spediva la lettera (non ricordo se ad un amica),in ogni caso si capiva,che non l'avrebbe fatta franca.

    FINE SPOILER
  • Homevideo Digital • 1/08/12 14:44
    Portaborse - 3969 interventi
    Dvd della Sinister disponibile dal 23/10/2012.
  • Homevideo Caesars • 9/08/21 10:20
    Scrivano - 16791 interventi
    In blu ray (in coppia con "Giovane e innocente) dal 24/9, edito da Quadrifoglio