Dieci piccoli indiani

Media utenti
Titolo originale: And Then There Were None
Anno: 1945
Genere: giallo (bianco e nero)
Note: Aka "10 piccoli indiani"
Numero commenti presenti: 18

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/03/08 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Myvincent 30/11/12 18:32 - 2501 commenti

I gusti di Myvincent

Dal celeberrimo romanzo di Agatha Christie un giallo cinematografico coi fiocchi, un po' datato, ma comunque molto apprezzabile per l'impianto attoriale e il clima di soffusa ironia, mescolata a mistero. Forse il lato thriller è un po' carente, ma il tono da commedia noir è a tutt'oggi godibile.

Homesick 27/03/08 17:06 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Prima trasposizione cinematografica del classico di Agata Christie, che utilizza un paradigma poi largamente ripreso dal thriller italiano ed internazionale. Il ritmo è piuttosto lento e l’atmosfera tende più al giallo-rosa e alla commedia nera, ma la regia di Clair – complice la presenza di brillanti caratteristi del cinema americano del tempo e al plot geometrico – riesce ad imprimere la giusta tensione e non lasciarsi sfuggire l’attenzione dello spettatore. L’epilogo è ricavato dalla versione teatrale. Evergreen.

B. Legnani 26/07/08 01:30 - 4672 commenti

I gusti di B. Legnani

Gustosissimo. Benché il tono non sia fedele alla Christie, l'umorismo è ben miscelato alla trama, e stonano solo alcuni ecessi del maggiordomo (la colpa è sempre sua...). Recitato bene da tutti, gioca bene coi "tòpoi". Poi, si sa, nel vederlo già sapendo il colpevole pare impossibile che gli altri non lo scoprano a metà film. Il finale non segue la versione del romanzo, che è la migliore, ma è pure poco "cinematografica". Molto meglio, ovviamente, rispetto alle edizioni del 1965 e del 1974.

Belfagor 25/01/09 20:55 - 2620 commenti

I gusti di Belfagor

Giallo di ottima qualità, sebbene sia molto diverso dal libro della Christie (sia per il finale più fedele al copione teatrale che per l'atmosfera ricca di umorismo nero). La prima parte è migliore della seconda. Apprezzabili le scenografie, più che buone le musiche, ottimi gli attori. Difficile fare una classifica delle performance, anche se Walter Huston e Judith Anderson spiccano nel gruppo.

Harrys 28/03/09 00:43 - 680 commenti

I gusti di Harrys

Un vero peccato che il finale di questo film di René Clair (buonista e consolatorio) tradisca completamente quello del giallo di Agatha Christie (cinico e inquietante). Per quel che riguarda il resto della pellicola: la trasposizione è stata realizzata piuttosto bene, ed è per questo che si rimane ancor più delusi dalla conclusione. La regia di Clair raggiunge il sublime nella sequenza dei "sospetti", in cui tutti si scambiano occhiate in tralice; per il resto buona prova, ma non di certo trascendentale.

Ale nkf 4/05/09 21:22 - 803 commenti

I gusti di Ale nkf

Il classico per eccellenza della Christie. Anche se filmato in bianco e nero e alcuni frammenti di film hanno i sottotitoli è sicuramente un film da consigliare, da rivedere e rivedere. Diverso in alcuni tratti anche in modo sostanziale dal romanzo, ma perché lo scritto era certamente poco cinematografico.

Cotola 10/07/11 11:04 - 7402 commenti

I gusti di Cotola

La migliore versione del capolavoro della Christie pur modificata in modo sostanziale soprattutto nel finale che è quello della commedia teatrale e non del giallo. Ci sono anche degli innesti di umorismo che, per fortuna, non risultano stonati e non fiaccano il buon ritmo della pellicola che è godibilissima e di buona fattura grazie alla regia di un Clair ispirato. Bella prova del cast. Tappa immancabile per chi ama il giallo classico ed in particolare quelli della scrittrice inglese.

Saintgifts 23/05/12 23:02 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Si ha la sensazione che le cose siano lasciate accadere per seguire un copione ben preciso tratto da un romanzo giallo. Naturalmente, perciò, il film perde di logica spontaneità e qualche volta non è nemmeno congruo nei ragionamenti e nei comportamenti dei protagonisti, che invece sono tutte persone di cultura medio alta o alta. Questa meccanicità toglie suspense al film, che rimane comunque ben interpretato e con alcune scene da manuale.

Giùan 9/03/13 10:40 - 2873 commenti

I gusti di Giùan

A tutt’oggi la più fragrante trasposizione del perfetto enigma Christieano, che trova in Clair un fedele decodificatore della sostanza ma soprattutto un disincantato interprete dello spirito del romanzo. La vocazione fantastica (per la verità spesso coartata e travisata durante l’esilio inglese) del regista francese trova nel giallo dei confini “realistici” tali da consentirgli quell’esercizio ironico sui “caratteri” da sempre contrassegno primario del suo stile. Il principe spiantato di Micha Auer e il maggiordomo “nasale” di Haydn si fan ricordare.

Ciavazzaro 11/04/15 23:35 - 4754 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Cast stupendo con l'ambientazione originaria del libro; eppure continuo a preferire la versione del 1974. Il film infatti presenta purtroppo dei tocchi comici che a mio avviso smorzano troppo il ritmo. Ottimo però come già detto il cast, in particolare Rebecca/Anderson e il buon Hayward (forse veramente il miglior Hugh Lombard cinematografico); da segnalare la gustosissima presenza di Mischa Auer, il miscione di Totò baby! Notevole, ma non la mia versione preferita.
MEMORABILE: La Anderson che torna dalla visitina sulla spiaggia.

Daniela 16/11/16 17:57 - 9091 commenti

I gusti di Daniela

Prima e fino ad oggi migliore trasposizione del più celebre giallo di Agatha Christie che, come quasi tutte le successive, si ispira nell'epilogo alla versione teatrale adattata dalla stessa autrice piuttosto che al romanzo originario, più pessimistico nei suoi esiti. Clair dirige con maestria collaudata un ragguardevole cast in cui tutti i personaggi risultano ben caratterizzati, con un unico motivo di rammarico: la troppo rapida dipartita dell'ineffabile Auer, qui nel consueto ruolo di russo scroccone. Godibile anche all'ennesima visione per il perfetto meccanismo ad orologeria del plot.
MEMORABILE: "Mai fidarsi di una donna": parole sante

Il ferrini 28/02/17 02:36 - 1647 commenti

I gusti di Il ferrini

Clair porta sul grande schermo il capolavoro della Christie nella sua riscrittura teatrale. Il risultato è discreto, sebbene si avverta qualche eccessiva forzatura verso la commedia che penalizza - soprattutto nella prima parte - l'anima gialla dell'impianto. Fra gli attori si distingue Judith Anderson (indimenticabile governante in Rebecca) e in generale la pellicola ha un buon ritmo. Peccato per il finale, che nel romanzo è assolutamente geniale e nell'adattamento invece si perde. Comunque, nonostante i suoi 70 anni suonati, resta piacevole.

Pessoa 12/04/17 23:12 - 1089 commenti

I gusti di Pessoa

Ultimo film della "parentesi bellica" hollywoodiana di Clair. Qui il regista francese gioca sul velluto con una trama a orologeria della Christie e un cast formidabile, con il bravissimo Richard Haydn primus inter pares. Clair ci mette di suo il gusto per le inquadrature artistiche, molto "francesi" in questo film grazie anche all'ambientazione isolana e ai mille colori del b/n di Andriot, il direttore della fotografia dei registi francesi a Hollywood. Il cast tecnico è a livelli altissimi. Cinema di classe che merita comunque la visione.
MEMORABILE: Il finale, che comunque a me non è dispiaciuto.

Anthonyvm 24/06/18 23:34 - 1690 commenti

I gusti di Anthonyvm

Forse il miglior adattamento per il grande schermo del più classico dei gialli proto-slasher. Il tono generale è molto soft, con punte di commedia, personaggi che reagiscono a morti e sospetti in maniera compita ed elegante, molto british. Manca forse un po' di mordente, ma si tratta di inevitabili segni dell'età. Per il resto, la trama è interessante come sempre, il bianco e nero dona fascino e gli attori (soprattutto un perfetto Fitzgerald) sono bravi. Per chi non sa quale trasposizione del romanzo scegliere, questo film è un buon candidato.
MEMORABILE: La canzone suonata al piano; Le statuette di indiani che spariscono una per una; La scena della rivelazione.

Von Leppe 28/03/19 18:57 - 1016 commenti

I gusti di Von Leppe

Apprezzabile l'idea di sostituire la moderna villa del romanzo di Agatha Christie con una più tipica vecchia magione inglese, che sarà forse meno originale ma più adatta a questo tipo di storie (almeno per chi è appassionato di atmosfere gotiche in bianco e nero). La sceneggiatura è notevole, malgrado un finale accomodante che, comunque, soddisfa. L'umorismo anche non guasta e rende bene la situazione da giallo britannico. Ottimi gli attori.

Noodles 18/04/19 13:22 - 787 commenti

I gusti di Noodles

Per ambientazione, fotografia e recitazione, questa versione del celebre romanzo di Agatha Christie vince per distacco. Peccato però per la continua ricerca del momento comico e della battuta, che rovina i momenti di tensione e finisce a volte per rendere i personaggi delle macchiette. Il finale, come sempre, non è rispettato. Da vedere se non altro per la bellezza immortale del romanzo.

Samdalmas 24/06/19 17:52 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Prima versione del capolavoro di Agatha Christie diretta da René Clair in America. Il maestro francese realizza un piacevole film sospeso tra giallo e commedia. La storia vede dieci persone su un isola deserta e un misterioso assassino. Suspense e umorismo si alternano con gusto. Nel cast ritroviamo anche Judith Anderson, vista in Rebecca. Il finale alternativo, voluto dalla scrittrice, non inficia il risultato.
MEMORABILE: La sinistra filastrocca e le statuette spezzate.

Domila1 21/03/20 01:30 - 48 commenti

I gusti di Domila1

Quasi insuperabile, se si eccettua qualche dettaglio. Segue più la versione del teatro, specie nel finale e qualche dettaglio quasi “comicheggiante” rende il film un po’ troppo leggero. Ma l’atmosfera della Christie si respira, tutto funziona ed è straordinario come ognuno degli attori riesca, anche con grande semplicità in alcuni casi, a contribuire all’ambiente cupo. Sicuramente è più suggestivo in bianco e nero.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.