LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Uno dei migliori (e uno tra i primi) film a raccontare il fenomeno mafioso in ottica poliziesca, IL GIORNO DELLA CIVETTA ha lanciato il regista Damiano Damiani come specialista del genere aprendo un filone destinato a partorire decine di imitazioni. Merito di una sceneggiatura di ferro, di una regia svelta e solida, di una fotografia (Tonino Delli Colli) affascinante che sa cogliere nella giusta luce gli assolati paesaggi siciliani e di un cast in stato di grazia. Franco Nero (Senza baffi, quasi un clone di Terence Hill) non si lascia andare ancora a quegli sfoghi di violenza che caratterizzeranno molti personaggi dei suoi futuri film ed è autore di una prova misurata e intensa nei panni di un tenace capitano dei carabinieri, Claudia Cardinale...Leggi tutto è la donna di un poveracio scomparso che non si dà mai per vinta, ma soprattutto Lee J. Cobb è un don Mariano da applausi, una delle più riuscite caratterizzazioni mafiose di sempre, un "intoccabile" che vive sullo splendido terrazzo affacciato sulla piazza e circondato dai suoi accoliti. Ma IL GIORNO DELLA CIVETTA è un ottimo esempio di lodevole interpretazione corale: nessuno sembra poco convinto del ruolo che ricopre e la scelta di esterni suggetivi, la ricostruzione perfetta dell'ambiente siciliano ci calano completamente nella storia, forse un po' prevedibile per certi versi e priva di veri colpi di scena, ma raccontata con sagacia e perizia. Damiani conosce il fenomeno e si vede: i dialoghi sono brillanti, i sottintesi si sprecano, l'onore è sempre difeso ad ogni costo. Non c'è mai vera azione, il ritmo è a volte sonnacchioso come l'atmosfera torrida in cui la storia vive. Il finale è emblematico di una società che non vuole cambiare, sottomessa a leggi inevitabilmente inadeguate che il pur volonteroso capitano è costretto a rispettare pur cercando di aggirarle furbescamente. Un film importante.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lercio 3/09/07 23:37 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Arguto e leggermente ironico film sulla mafia, un compendio in chiave decadente della piovra vista da ogni angolazione. Gli attori sono eccezionali, anche la scelta di alcuni caratteristi e loro inquadrature quasi neorealiste; da segnalare il bravissimo Tano Cimarosa in una parte indimenticabile. Il ritmo del film è sostenuto, si respira l'atmosfera artificiale che crea e impone la mafia, coloro che hanno convinto la gente di essere la vera giustizia. Capolavoro con un finale che ha del geniale.

Caesars 7/09/07 08:39 - 2758 commenti

I gusti di Caesars

Cosa mi ha impressionato più di ogni cosa, in questo buon film sulla mafia firmato da Damiano Damiani, è l'interpretazione di (Gae)Tano Cimarosa: semplicemente superba. Detto questo non si può passar sotto silenzio anche le prove di Lee J. Cobb e Claudia Cardinale, mentre Franco Nero è leggermente al di sotto del resto del cast. Film di denuncia, targato 1968 ma ancora attualissimo, che rimane uno dei migliori esempi di questo genere oltre che del cinema di Damiani. Da vedere se non si vuole entrare nella schiera dei "quaraquaqua".

G.Godardi 18/09/07 12:31 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Solido film di razza apripista di un intero sottogenere a venire (nonché ispiratore di una miriade di fiction tv, La piovra su tutte), in bilico tra dramma e giallo non senza una certa ironia di fondo, è un film godibilissimo, in cui la superba regia di Damiani assimila alla grande la lezione di Rosi (Le mani sulla città) e soprattutto quella di Germi: come non riconoscere nelle tematiche (In nome della legge) e nell'uso del grandangolo sui volti siciliani (Sedotta, Divorzio) che portano al grottesco e alla caricatura, la mano del grande regista? Imperdibile!
MEMORABILE: La divisione della razza umana in 5 classi (in fondo stanno, ovviamente, i quaquaraquà) e gli scavi finali sull'asfalto dell'autostarda.

Il Gobbo 21/09/07 09:34 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Robustissimo gioiello di Damiani, già perfettamente padrone dell'alchimia fra impianto concettuale e intrattenimento che sarà il suo (imitato, ma non sempre eguagliato) marchio di fabbrica. Certo avere come base un testo del sommo Sciascia (e fra l'altro uno non ancora completamente disincarnato e astratto come gli ultimi capolavori, quindi già più predisposto al trattamento cinematografico) aiuta. Bel cast, con gigantesche prove di Cobb, che ripropone sullo schermo la fondamentale tassonomia sciasciana degli umani, e di Tano Cimarosa.

Galbo 13/05/08 06:00 - 11444 commenti

I gusti di Galbo

Buona trasposizione cinematografica del libro di Leonardo Sciascia, diretta da Damiani, che realizza un film "asciutto" e sobrio che non concede nulla alla facile spettacolarità e che va dritto al cuore del problema. Funzionano sopratutto l'ambientazione nella Sicilia degli Anni Sessanta, in cui il tessuto sociale appare totalmente impregnato dal fenomeno della mafia, nonché il ritmo impresso alla pellicola dal bravo regista. Molto efficace, inoltre, la scelta degli attori nelle parti di contorno, mentre meno incisivi risultano i protagonisti.

Capannelle 30/03/08 23:39 - 3741 commenti

I gusti di Capannelle

Notevole storia di mafia che non si perde in troppi salamelecchi, folklore locale o scene sanguinolente e sa descrivere con lucidità le radici e le protezioni del fenomeno. La trama non dimostra i suoi 40 anni e la regia mantiene un ritmo serrato. Attori bravi: quello più riuscito è Lee J. Cobb, che interpreta il boss mafioso con grande personalità.
MEMORABILE: Le 5 categorie di uomini: uomini veri, mezzi uomini, ominicchi, ruffiani e quaquaraquà (con buona pace delle donne...)

Undying 1/04/08 19:29 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Titolo che si pone al vertice del filone impegnato destinato, con il passare del tempo, a sconfinare nel genere più popolare grazie al cosiddetto poliziottesco. Il Giorno della Civetta rimane un punto inevitabile, per ogni amante del cinema, essendo pellicola essenziale per messa in scena, dialoghi curati ed interpretazioni memorabili (su tutti il grande Franco Nero). Dramma ed impegno civile viaggiano di pari passo con l'intrattenimento, grazie all'abilità dimostrata dall'intera troupe...

Puppigallo 24/04/08 10:23 - 4523 commenti

I gusti di Puppigallo

Film che trasuda mafia da tutti i pori della pellicola. Sarà un continuo scontro, ma più di nervi, tra il boss e lo scomodo capitano della polizia (Nero). I dialoghi tra i mafiosi sono il sale del film, ma la pellicola ha anche altri pregi, come la buona scorrevolezza, i personaggi di contorno e la sceneggiatura che, nonostante qualche frenata, regge bene fino alla fine. Qui conta più quello che non viene detto, ma pensato, o al massimo sussurrato: le parole sono spesso sentenze. A parte i protagonisti, brava la Cardinale, come anche il carcerato. Da vedere.
MEMORABILE: Il mafioso arrestato commenta: "Tutti sti poliziotti solo per me?...Poveri contribuenti".

Deepred89 28/05/08 20:32 - 3306 commenti

I gusti di Deepred89

Uno dei cult del cinema di denuncia italiano. La storia non è originalissima (o perlomeno non lo è oggi) e qualche passaggio risulta piuttosto prevedibile, ma la buona regia, la bella fotografia e l'ottimo cast garantiscono un livello sufficientemente alto. Bravi Nero e la Cardinale, ma i migliori sono Cobb e Cimarosa. Colonna sonora di medio livello.

B. Legnani 23/06/08 22:07 - 4777 commenti

I gusti di B. Legnani

Non ho letto Sciascia e non so se quanto non mi è piaciuto sia dovuto a fedeltà al testo, ma non capisco come possa un capitano dei carabinieri incontrare l’informatore in città davanti a tutti, come ritenere accettabile la bomba che entra e che esce e tante altre cose, compreso lo sbrigativo finale. Mi pare che Morandini (film “robusto ma rozzo”) abbia ragione in tutto: **½ bastano e meglio i caratteristi (Cobb, doppiato da Gaipa, grande volto, Cimarosa forse al suo massimo, e poi Falanga, Balbo eccetera) rispetto agli opachi Nero e Cardinale.

Cotola 17/07/08 17:24 - 7599 commenti

I gusti di Cotola

Discreta trasposizione cinematografica dell'ottimo romanzo di Sciascia, che ben si presta alle tematiche di Damiani, che da sempre è attento a mescolare denuncia e intrattenimento, attraverso temi scomodi su cui spicca quello delle collusioni tra poteri istituzionali ed organizzazioni criminali (vedi mafia). Il risultato è piuttosto buono, anche se non eccezionale, efficace ma a tratti un po' troppo semplicistico. Tuttavia va anche tenuto conto del periodo in cui fu girato. Interessante.

Matalo! 19/07/08 11:04 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Film abbastanza buono ma, come tanti film italiani "civili", abbastanza ristretto di vedute, che non riesce a raccogliere la complessità del libro di Sciascia, ma si appogggia solo sulla sua tesi di denuncia, risultando così esteticamente un po' sciatto. Nero è volenteroso ma imbalsamato, Lee J. Cobb abbastanza credibile, la Cardinale sempre e comunque bellissima e florida, una delle attrici più belle mai apparse sulla terra. Un mezzo flop con buoni momenti.

Ciavazzaro 19/07/08 12:39 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Non paragonabile al libro dal quale è stato tratto, ma comunque un ottimo film diretto con mano sicura da Damiano Damiani. Radioso il cast tra cui Cimarosa (in un ruolo che lo avrebbe reso famoso), Cobb, la Cardinale (molto regale), Nero, Pershoff! Da vedere anche solo per il cast.

Pigro 21/01/09 09:12 - 7897 commenti

I gusti di Pigro

Carabiniere indaga su un omicidio mafioso e sugli intrecci fra appalti di infrastrutture, criminalità e politica. Bel film su questo tema, che si concentra soprattutto sulla difficoltà delle indagini, su depistaggi e omertà. Ispirato al libro di Sciascia, è efficace nell'insistenza sul microcosmo simbolico del paesino e nello sguardo antropologico su volti e paesaggi urbani. Spiccano non tanto i due protagonisti, bravi ma quasi fuori posto, quanto i comprimari (soprattutto Cobb, Cimarosa e Reggiani).

Tarabas 23/02/09 10:16 - 1716 commenti

I gusti di Tarabas

Per Sciascia la Sicilia era per l'Italia ciò che il West era per gli USA: terra di frontiera, geografica e morale, dove la legge si scrive giorno per giorno e gli uomini amministrano una giustizia lontana da quella del diritto. "Il giorno della civetta "è il romanzo più "western" di Sciascia e il film in questo gli è fedele, cogliendo il momento in cui la mafia rurale si insinua nel mondo degli appalti per fare il "salto di qualità". I temi del libro vengono semplificati ma il limite vero è il protagonista, legnoso e poco credibile.

Bruce 5/05/09 09:55 - 1005 commenti

I gusti di Bruce

Dal noto libro di Sciascia, Damiani trae un film di grande valore artistico e storico, amaro, potente, molto ben fatto, con personaggi profondi, dialoghi avvincenti e un'ottima sceneggiatura. Una ricostruzione magistrale della Sicilia in mano alla mafia, che lascia il sapore della sconfitta e dell'impotenza. I tre protagonisti sono perfetti: Franco Nero non eccede mai, la Cardinale è brava e splendida, Cobb (il padrino locale) credibilissimo. Altrettanto validi sono i restanti attori. Un film serio, sincero, di doloroso interesse umano e sociale.
MEMORABILE: La spartizione degli appalti pubblici fatta sulla terrazza di Don Mariano tra i boss locali, alla luce del sole, nella piazza principale del paese.

Daniela 30/10/09 23:43 - 9621 commenti

I gusti di Daniela

Film onesto nella sua denuncia delle connivenze mafiose, ma troppo squadrato e privo della sottigliezza, ironica ed amara, del testo letterario. Gioca le sue carte migliori a livello di cast: Nero, attore modesto, mette a frutto la sua bella faccia aperta, la Cardinale è selvatica e sensuale, Cobb autorevole (anche grazie ad un ottimo doppiaggio), i personaggi di contorno ben cesellati, sia quelli d'importazione (Reggiani) che quelli "autoctoni" (memorabile Cimarosa). Convincente il finale secco e senza concessioni spettacolari.

Rickblaine 24/11/09 11:55 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

È ovvio che consiglio categoricamente più il libro che il film, dato che la pellicola mostra delle sbavature. La diversità dal romanzo di Sciascia la si nota nella poca sfacciataggine nel raccontare la dura verità con sarcasmo (vedi "i ruffiani" invece dei "pigliainculo"), dimostrandosi pienamente pessimista. Ciò che salva l'opera sono la buona tecnica registica e l'apporto degli attori, che risulta più che buono. Belli gli sfondi.
MEMORABILE: La liberazione di Zecchinetta: "Ho lasciato la finestra aperta...".

Enzus79 24/11/09 14:50 - 1845 commenti

I gusti di Enzus79

Pur essendo un film con tematiche importanti, pur essendo girato da Damiani, che per quanto riguarda il cinema impegnato è uno dei migliori, devo dire che non mi ha coinvolto più di tanto. Si entra un po' in confusione e sembra che i personaggi si sovrappongano l'uno sull'altro. Lee J. Cobb si distingue fra gli altri. Comunque da vedere.

Giuliam 24/11/09 18:13 - 178 commenti

I gusti di Giuliam

Il film di Damiano Damiani descrive bene la incoercibile mafia siciliana con una veemenza paragonabile a quella di Sciascia, nonostante la storia in sè non sia molto fedele al libro. C'è, però, un'eccessiva "indagine" sulla moglie di Nicolosi, interpretato dalla bravissima Claudia Cardinale, rendendo carenti invece le descrizioni di alcuni personaggi, fra cui: il capitano Bellodi, che fa rimpiangere quello del romanzo e Colasberna che qui è molto trascurato dalla sceneggiatura.

Homesick 3/02/10 18:28 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Con qualche licenza cinematografica – la caserma dirimpetto alla magione del boss mafioso – le dense, ininterrotte pagine di Sciascia ritrovano nel dramma di Damiani la loro carica di denuncia sociale, la precisa descrizione degli ambienti naturali ed umani e l’omertosa chiusura del paese siciliano controllato dalla mafia. Nero è parmense e glabro come il cap. Bellodi del romanzo, Cobb riflette la signorilità del potente Don Mariano e i caratteristi replicano veristicamente la fauna epicorica; fasciata in abitini estivi, la Cardinale promana un calore sensuale, tutto mediterraneo.
MEMORABILE: Cobb enuncia la sua teoria dell’umanità suddivisa in cinque categorie: uomini, mezzi-uomini, "ominicchi", ruffiani e “quaqquaraqua”.

Trivex 28/04/10 19:54 - 1504 commenti

I gusti di Trivex

Solido approccio cinematografico ad uno dei cancri più difficili da debellare di questo strano sistema paese. Grande attenzione è stata posta all'ambientazione ed alle caratteristiche degli abitanti del luogo, cosa non così semplice come sembrerebbe. L'onore qui è del tempo, quindi anacronistico oggi, nella dinamica dei rapporti tra Stato e mafia. A parte la contiguità, elemento risaputo, si elabora il rispetto e l'esaltazione della parte ostile (lo Stato), vista appunto dai cattivi. Quasi non si volesse una vittoria facile, per il gusto della sfida.

Saintgifts 8/12/10 00:31 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Rivedendo oggi questo bel film non si può fare a meno di pensare: ma veramente qualcuno può credere che la mafia verrà debellata? Pessimismo a parte, girare nel '68 questo film dimostra un bell'impegno civile da parte di Damiani. Il cast è notevole e credibile, il ritmo è buono e buona è la fotografia di un'assolata Sicilia piena di veri "uomini" (anche se nel finale sulla terrazza tutti, tranne il boss, fanno quaquaraquà). È il film che meglio descrive la collusione tra Stato e mafia, uno Stato che penalizza anche chi lo serve con impegno.
MEMORABILE: Don Mariano che entra spavaldamente nella sede della Democrazia Cristiana, per dimostrare la sua intoccabilità.

Il Dandi 18/01/11 22:16 - 1841 commenti

I gusti di Il Dandi

Preceduto da A ciascuno il suo di Petri, questo Sciascia trasposto da Damiani si fa preferire, non solo per un ritmo più efficace. Il regista dimostra di aver assimilato appieno la lezione siciliana di Germi e dirige un affresco corale in cui i caratteristi (Cobb, Cimarosa, Reggiani) spiccano più dei protagonisti. La Cardinale è limitata, ma naturalmente ancestrale; il "presuntuoso" capitano Bellodi (che sembra quasi più Claudio Cassinelli che il Franco Nero che conosciamo) è il padre del commissario Scialoja di De Cataldo.
MEMORABILE: Uomini, mezzi uomini, ominicchi e quaquaraquà (ma "cornuto" è peggio di tutto).

Fabbiu 21/01/11 18:09 - 1952 commenti

I gusti di Fabbiu

Ottimo film sulla mafia, sul suo potere, sviluppato secondo i canoni polizieschi. Personaggi perfetti caratterizzati benissimo e interpretati con grande classe, tra cui l'ottimo Franco Nero arrabbiato ma astuto piu che violento. L'ambiente malavitoso siciliano è reso alla perfezione. Validi anche i dialoghi e le musiche. Forse un po' piatto nel suo svolgersi, non ci sono momenti di forte tensione o colpi di scena imminenti, ma le interpretazioni di tutti sono notevoli e Damiani non vuole di certo addolcire la pillola con soluzioni felici.

Gestarsh99 31/01/11 11:56 - 1334 commenti

I gusti di Gestarsh99

Una trasposizione, quella di Damiani, che corrobora l'impegno politico/civile del romanzo di Sciascia con la coeva intrusività dell'estetica rivoluzionaria leoniana, contornando una vicenda di "ordinario" costume mafioso (onorabilità, calunnie, regolamenti di conti, omertà, intimidazioni) di brulli paesaggi incolti e di volti arsi ed induriti. Lee J. Cobb in vesti di grande vecchio burattinaio e Cimarosa in quelle di insipiente sgherro di mezza tacca, si ritagliano momenti molto più ficcanti della glaciale crociata senza macchia di un sussiegoso Franco Nero.
MEMORABILE: "Gli uomini si dividono in 5 categorie: gli uomini veri, i mezzi uomini, gli omenicchi, i ruffiani e i quaquaraqua" (Sciascia per bocca di Lee J. Cobb).

Nicola81 1/07/11 15:57 - 1998 commenti

I gusti di Nicola81

Insieme al di poco precedente A ciascuno il suo, è il film che ha inaugurato il filone di denuncia del fenomeno mafioso che avrà proprio in Damiani il regista di riferimento. Storia, personaggi e ambientazione funzionano, ma il ritmo è troppo lento e, se si esclude il delitto iniziale, non c'è praticamente azione. Autoritario e imperturbabile, Cobb (magistralmente doppiato da Corrado Gaipa) domina un cast di altissimo livello. Splendida fotografia di Tonino Delli Colli, nella norma le musiche di Giovanni Fusco. Tre pallini.
MEMORABILE: Il confronto tra Franco Nero e Lee J. Cobb; il finale.

Piero68 7/07/11 08:55 - 2778 commenti

I gusti di Piero68

Da un romanzo di Sciascia (sul quale tralascio ogni commento per decenza) una poco riuscita trasposizione ingiustamente (secondo il mio modestissimo parere) osannata come film denuncia contro la mafia. In realtà è solo un giallo dove gli affari (sporchi) della mafia vengono completamente ignorati per concentrarsi su di un unico delitto: una sparizione/omicidio. Tutto qui il grande film di denuncia. Addirittura Damiani si avvale di una straniero per tratteggiare il boss locale. In perfetto stile Sciascia: La mafia esiste? Ni!

Markvale 9/09/11 11:21 - 143 commenti

I gusti di Markvale

Traendo il soggetto da un celebre romanzo di Sciasca, Damiani si cimenta per la prima volta con il genere dei "mafia movies" di cui diverrà uno dei maggiori specialisti. Questa prima incursione risente molto della moda del western spaghetti (Damiani aveva girato Quien sabe? l'anno precedente) con Franco Nero - sceriffo che si oppone a Lee J. Cobb - fuorilegge che spadroneggia. È un'opera non ancora chiaramente consapevole e la mdp si sofferma troppo sui bei primi piani intensi di Nero e della Cardinale. Studiato per piacere al pubblico.

Giacomovie 24/09/11 19:03 - 1354 commenti

I gusti di Giacomovie

Il romanzodi di Sciascia viene sezionato con asciutta lucidità da Damiani, che mette vigorosamente in luce gli aspetti ambientali, popolari, culturali, politici ed omertosi del mondo mafioso senza trascurare i sotterfugi che la polizia utilizza per estorcere confessioni. In mezzo a qualche riuscito personaggio caratteristico (come il “picciotto” Zecchinetta), spicca la tempra di Franco Nero ma soprattutto la Cardinale, simbolo della donna fedele e rispettosa del marito, che è riuscita a monopolizzare con grinta la scena di un film mafioso. ***!
MEMORABILE: “Gli uomini si possono dividere in 5 categorie: gli uomini veri, i mezzi uomini, gli ominicchi, i ruffiani e i quaquaraquà”.

Nando 25/11/11 10:52 - 3495 commenti

I gusti di Nando

La denuncia delle collusioni mafiose in un paesino siculo grazie all'impegno di un capitano dei carabinieri e la moglie di un imprenditore locale. Un discreto quadro della Sicilia che fu e che ancora permane. Cast altisonante in cui i protagonisti sono affiancati da comprimari di assoluto valore.

Fauno 14/05/12 09:56 - 1933 commenti

I gusti di Fauno

Un lavoro riuscito magnificamente, perché anche la controparte mafiosa è interpretata talmente bene da Cobb (e anche da Balbo), con classe e signorilità, che non dico si simpatizzi più per loro, ma che non sono certo boss o scagnozzi ai quali si strapperebbero gli occhi come certi personaggi della Piovra. Il discorso filosofico di Don Mariano sulla classificazione degli uomini l'ho imparato a memoria e l'ho anche utilizzato a più riprese nella vita, ma l'ultimissima frase e la risata che ne segue sono ancora meglio.

Lucius 4/07/12 18:11 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

La cosa migliore del film è il ritratto della Sicilia degli anni sessanta, con le sue regole non scritte, con la sua omertà. La Cardinale buca lo schermo anche in ruoli non appariscenti come questo, grazie al suo talento. Sceneggiatura solida e al contempo essenziale. Di rilievo anche le caratterizzazioni che il regista è riuscito ad infondere ai personaggi secondari, ma è la Sicilia a fare la parte della protagonista. Valido.

Cloack 77 12/09/12 14:07 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Un film che esegue dettami precisi e non si impone di volare altissimo, non mitizza i protagonisti e nel contempo non approfondisce psicologie complesse, rese con una superficialità dannosa. Ciò naturalmente chiarisce il modello di riferimento, non l'autorialità, ma lo spettacolo è ben realizzato.

Luchi78 16/10/12 15:11 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Strepitoso ritratto della malavita siciliana, intrisa di omertà ed onore in un piccolo paese dell'entroterra che vive sulle spalle del suo boss supremo, magnificamente interpretato da Cobb. Tra confessioni mancate, false testimonianze e accuse reciproche si imbarcano tutti i comprimari a servizio del "don" di turno, tra cui spicca la genuinità di Tano Cimarosa. Anche Franco Nero e la Cardinale si ritagliano ottime interpretazioni, condotti da un Damiani che tiene il ritmo in modo serrato e coinvolgente. Da non perdere.

Herrkinski 14/05/13 01:48 - 5275 commenti

I gusti di Herrkinski

Non ho letto il romanzo, ma il film di Damiani rimane una delle sue migliori prove nonché uno spaccato realistico sul fenomeno mafioso nella Sicilia degli anni '60, tra l'altro ricostruita con molta veridicità e fotografata in modo eccellente. Notevolissime anche le prove del cast, dai protagonisti (Nero in gran spolvero, Cobb totalmente in parte, una bellissima Cardinale) ai caratteristi, che sorprendono per bravura e convinzione. Sobrio e lineare, senza eccessivi colpi di scena, ma non per questo necessariamente noioso. Decisamente da vedere.

Motorship 14/05/13 22:30 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Un notevole film di denuncia, da parte del grande Damiano Damiani, sulla mafia e sull'omertà della gente testimone delle barbarie di Cosa Nostra. Il ritmo è un po' blando e tranne l'omicidio a inizio film l'azione è quasi inesistente, ma il film ha il grande merito di mettere in mostra una delle maggiori piaghe del nostro paese con determinatezza. Ottimi gli interpreti, in particolare un misurato Franco Nero, una splendida e intensa Claudia Cardinale, un incisivo Lee J Cobb e un bravissimo Tano Cimarosa. Stupendo il finale.
MEMORABILE: J Cobb "Uomini, mezzi uomini, ominicchi e quaquaraquà, ma i cornuti sono i peggiori di tutti"; Il finale.

Furetto60 12/07/13 08:14 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Il film riesce a non far rimpiangere il romanzo, anche grazie a un cast notevole su cui spiccano, non solo per bellezza fisica, Franco Nero (meno piatto del solito) e la Cardinale, oltre al truce Cobb e al grande caratterista Cimarosa, uno dei pochi siciliani doc presenti. E’ un mafia movie dei più famosi e può essere considerato come la prova generale di Damiani per La piovra; non arriva comunque alle vette di A ciascuno il suo.
MEMORABILE: "Di dove sei?" "Di Parma" "Parma... è vicino a Milano?"; La sceneggiata di Zecchinetta in Commissariato.

Roger 19/05/14 21:56 - 143 commenti

I gusti di Roger

Film la cui sceneggiatura presenta qualche forzatura e ingenuità e inoltre la bellezza e fascino dei protagonisti (pur molto bravi) sembra edulcorare eccessivamente una materia che in altri film è trattata con più crudo realismo. Ma sono lievi pecche (da mettere in relazione all'epoca di realizzazione) che scompaiono di fronte a un innegabile merito: rappresentare la forza della mafia che si basa sopratutto sul consenso proveniente "dal basso": Don Mariano omaggiato dal paese nel finale vale l'intero film.

Minitina80 13/12/15 10:51 - 2392 commenti

I gusti di Minitina80

Piccolo capolavoro che mostra su celluloide le dinamiche corrotte della società siciliana. È conciso e diretto e lascia poco spazio all’azione; è come una partita a scacchi dove ogni singola mossa è pesata e i nervi giocano un ruolo fondamentale. Forse anche per questo risulta coinvolgente e avvincente. Franco Nero è poco espressivo, ma comunque in parte mentre risulta magnifico il cast secondario. I paesaggi assolati e scarni sono perfetti anch’essi per raccontare la storia. Da riscoprire.

Graf 21/12/15 00:07 - 700 commenti

I gusti di Graf

La mafia non è un fenomeno insondabile, sfuggente, astratto e quasi metafisico ma un sistema sociale perfettamente riconoscibile nei suoi complessi ingranaggi e che si alimenta grazie alle debolezze umane quali complicità, omertà, accordi segreti e pubblico appoggio e trova sostegno nella connivenza dello Stato. Prontuario d’uso divulgativo sul funzionamento di Cosa Nostra, il film racconta i fatti in modo didascalico ma efficace e utilizza una cifra stilistica semplice ma persuasiva per esporre in modo comprensibile a tutti il suo assunto. Notevole.
MEMORABILE: La trovata scenografica di opporre la caserma al palazzo del boss e fare in modo che il Capitano dei Carabinieri e il boss si spiino con i binocoli...

Rufus68 3/08/16 18:52 - 3147 commenti

I gusti di Rufus68

Deludente trasposizione. La spessa coltre di omertà, le astuzie e i raggiri di uno Stato impotente e colluso, la sicilianità come essenza profonda di un popolo irriducibile alla legge comune: tutto questo è perduto. Persino il celebre monologo su uomini, ominicchi e quaquaraquà è privo di forza. Spira aria di correttezza, manca il non detto; e il filo che regge la spada di Damocle del folclorismo è sempre sul punto di spezzarsi. Troppo bella la Cardinale, anonimo Franco Nero. Alla fine il migliore è Cimarosa.

Alex75 9/08/16 09:27 - 685 commenti

I gusti di Alex75

Dal romanzo di Sciascia, una denuncia, sobria e intrisa di amara ironia, della pervasività dei legami tra imprenditoria, mafia e politica, favoriti da una mentalità omertosa inestirpabile, in una Sicilia polverosa e stagnante. La solida regia di Damiani concilia impegno e intrattenimento, valorizzando un cast di ottimo livello: Franco Nero e la Cardinale sono al loro meglio, anche se a lasciare il segno sono soprattutto il cipiglio padrinesco di Cobb e la starnazzante cialtroneria di Cimarosa.
MEMORABILE: Don Mariano, la sua terrazza e la sua classificazione dell’umanità; L’interrogatorio a Zecchinetta; Rosa al pranzo dei mafiosi.

Pessoa 30/05/17 23:44 - 1218 commenti

I gusti di Pessoa

Damiani sceglie le pagine di Sciascia per raccontare la mafia al cinema. Più che gli aspetti folcloristici del fenomeno criminale vengono raccontate le sue trame politiche e finanziarie, sebbene la denuncia non vada oltre quella piuttosto generica del romanzo. Un grande cast tecnico e attoriale garantisce una pregevole qualità della pellicola e le bellissime ambientazioni siciliane splendidamente fotografate fanno il resto. Un film molto bello, che oggi appare datato ma rimane un fondamentale documento storico che andrebbe visto nelle scuole.

Victorvega 18/11/18 21:49 - 308 commenti

I gusti di Victorvega

Bel film, tratto da un famosissimo romanzo. Rispetto a quest'ultimo si prende alcune libertà, come a esempio le modalità dell'omicidio iniziale e il ruolo più rilevante della moglie del testimone. Ne risulta un film che scorre veloce e che risente poco del passare del tempo. Rilevanti le interpretazioni: se la Cardinale emerge come bravura e straordinaria bellezza, a colpire è, nel quadro d'insieme in cui tutti sono al meglio, il personaggio interpretato da Cobb, perfetto capo mafia.
MEMORABILE: Le categorie dell'uomo di Sciascia (e di Cobb).

Rocchiola 27/11/18 09:25 - 878 commenti

I gusti di Rocchiola

Buon poliziesco di denuncia ambientato in un’assolata Sicilia degna di un film western tra omertà e corruzione. Damiani privilegia l’azione senza dimenticare però l’impegno civile e sforna un film forse un po' schematico ma sicuramente più coinvolgente e colorito rispetto ad altri adattamenti di Sciascia. Cast internazionale con Cobb perfetto mafioso, Reggiani pavido informatore e una Cardinale di una bellezza quasi selvaggia. Tra i comprimari merita una menzione Tano Cimarosa, che nei panni di Zecchinetta si conferma caratterista di razza.
MEMORABILE: Don Mariano: "Io divido l'umanità in cinque categorie: ci sono gli uomini veri, i mezzi uomini, gli ominicchi, i ruffiani e in ultimo i quaquaraquà".

Samdalmas 20/09/19 18:27 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Uno dei migliori film sulla mafia, diretto in modo magistrale da Damiani che diventerà uno specialista del genere. Quasi un western siciliano, cupo e assolato al tempo stesso. Nel cast, oltre al giovane Nero, spiccano le interpretazioni memorabili di Tano Cimarosa e Cobb. La Cardinale era al top della sua carriera e si vede. Forse un po' datato in alcuni punti, ma resta un documento prezioso.
MEMORABILE: La suddivisione degli uomini in cinque categorie.

Ultimo 22/10/20 16:54 - 1383 commenti

I gusti di Ultimo

Un buonissimo film che ben rappresenta il fenomeno mafioso siciliano radicato nella società. Al di là della buona sceneggiatura (da un romanzo di Leonardo Sciascia) colpisce la bravura e l'impegno di tutto il cast: Franco Nero è eccellente nella parte del carabiniere tutto d'un pezzo, così come lo è Cobb nelle vesti del mafioso locale. Nota di merito anche per la superba interpretazione della Cardinale, che lascia il segno ogni volta che entra in scena. Qualche pausa nel mezzo è perdonabile per un film di livello, imprescindibile per chi ama il genere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Graf • 7/05/14 02:46
    Call center Davinotti - 906 interventi
    Film datato ma che conserva tuttavia (oltre ad un inaltarato impatto spettacolare) un intatto piglio pedagogico e divulgativo: la mafia illustrata alle masse con i fatti e con gli esempi.
    Ultima modifica: 7/05/14 03:02 da Graf
  • Discussione Graf • 7/05/14 04:10
    Call center Davinotti - 906 interventi
    Fu "In nome della legge" di Pietro Germi il primo film italiano nel quale il fenomeno mafioso veniva rappresentato in modo importante.
    Ma nessuna intenzione di attaccare, niente scottanti rivelazioni...Solo un film arioso e spettacolare girato nel 1948 "nella maniera" neorealistica.
    Siamo ancora all'interno di una visione romantica e, in un certo senso, edulcorata di quel fenomeno delinquenziale. Una posizione ambigua quella di Germi che, in questo robusto "western siciliano", narra di Pretore che alla fine stringe un patto di lealtà con il mafioso Turi Passalacqua....
    Ma, forse, anche la mafia rurale degi anni quaranta non era quella, più imbastardita e potente, coeva del boom economico della fine degli anni '60...Mafia che aveva davanti a sè altre e più criminali prospettive...
    Il giorno della civetta, in un certo senso, assurge al ruolo di film-profezia....
    Ultima modifica: 7/05/14 04:25 da Graf
  • Discussione Caesars • 27/07/15 11:39
    Scrivano - 11242 interventi
    Sull'ultimo numero di filmtv nella pagina centrale (quella dedicata alla locandina di un film, con trama e commenti critici vari) c'è anche il giudizio sulla pellicola espresso dal "Maestro" in persona (con, correttamente, riportata la fonte).
  • Discussione Digital • 27/07/15 11:47
    Segretario - 3039 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Sull'ultimo numero di filmtv nella pagina centrale (quella dedicata alla locandina di un film, con trama e commenti critici vari) c'è anche il giudizio sulla pellicola espresso dal "Maestro" in persona (con, correttamente, riportata la fonte).
    Wow!
  • Discussione Zender • 27/07/15 18:28
    Consigliere - 43737 interventi
    La vera sfida è sempre l'andarsi a copiare manualmente i papiri... Quello vuol dire veramente metterci impegno :)
    Ultima modifica: 27/07/15 18:35 da Zender
  • Homevideo Rocchiola • 27/11/18 10:18
    Call center Davinotti - 1152 interventi
    Disponibile in DVD a cura della Warner. Video nel formato panoramico 1.85, molto pulito e discretamente dettagliato. Audio italiano dolby digital sia originale mono che 5.1. Io preferisco il mono in quanto come al solito più potente e diretto soprattutto nei dialoghi.
  • Curiosità Xtron • 21/02/19 13:37
    Servizio caffè - 1833 interventi
    Poste Italiane ha emesso una maxicard (cartolina filatelica con relativo francobollo) in onore del film. Data di emissione: 6.09.2018.

  • Homevideo Rocchiola • 16/07/19 14:59
    Call center Davinotti - 1152 interventi
    Acquistato e visionato ieri sera il bluray francese, che sin dalle prime immagini mi ha favorevolmente impressionato. Questa serie Make my day! curata da Studio Canal e di cui avevo già acquistato Il maestro di Vigevano, sembra proporre solo versioni di alta qualità.

    Immagine pulita dai colori vivi e luminosi e definizione ottimale che regala qualcosa in più del DVD nostrano. L'audio italiano DTS-HD 2.0 è buono chiaro e mediamente potente. A guardare il pelo nell'uovo c'è forse solo un lieve eccesso di grana e i sottotitoli francesi fissi.
    Ultima modifica: 16/07/19 15:15 da Zender
  • Homevideo Zender • 16/07/19 17:06
    Consigliere - 43737 interventi
    Ottimo Rocchiola, sempre utilissimo! E purtroppo immaginavo che i sub francesi fossero obbligati, tanto per cambiare.