Anatomia di un omicidio

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Anatomy of a murder
Anno: 1959
Genere: drammatico (bianco e nero)
Numero commenti presenti: 28
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/06/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 5/10/10
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 14/06/07 09:02 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Ufficiale dell'esercito è accusato di aver fatto fuori un tale che ronzava intorno alla moglie. Lo difende un avvocato di mezza tacca che vede nel caso l'occasione della vita... Formidabile drammone di Preminger, uno dei migliori "processuali" del cinema, capace di avvincere e tenere alta l'attenzione nonostante una durata preoccupante. Merito di una regia salda e di un cast di vecchie lenze, fra le quali giganteggia George Scott. Valore aggiunto le musiche del sommo Duke Ellington! Da vedere

Deepred89 20/09/07 14:21 - 3268 commenti

I gusti di Deepred89

Bel film giudiziario. Il primo tempo è piuttosto lento e i dialoghi sono datati, ma la parte "processuale" che ricopre la seconda metà del film è tesa e appassionante. Straordinario James Stewart, ottimo Ben Gazzara, strepitoso George C. Scott. Nella media le musiche. Da vedere.

Galbo 12/11/07 05:44 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Uno dei migliori film giudiziari mai realizzati, Anatomia di un omicidio è essenzialmente un film sull'ambiguità. Attraverso un raffinato studio psicologico dei caratteri, i personaggi (molti) non si mostrano mai per quello che sono veramente. Molto buona la sceneggiatura (anche se il film è un po' troppo lungo), ottima la regia, il film si avvale di ottime interpretazioni che esaltano la storia. Belle anche le musiche.

Mfisk 13/11/07 22:19 - 127 commenti

I gusti di Mfisk

Il VI emendamento garantisce negli USA il trial by jury, facendo del processo penale uno show teso non a rivelare la verità, ma alla vittoria sull'avversario influenzando istrionicamente i giurati. Da qui il successo mediatico del genere, benché pochi siano i lungometraggi, data la difficoltà di reggere il ritmo. Non fa eccezione questo film, che ha una marcia in più nella straordinaria recitazione di 5 tra protagonisti e comprimari (Stewart, Scott, Gazzara, Remick e Welch). Per il resto la trama è relativamente scontata, come pure il finale.

Cotola 13/05/08 23:28 - 7453 commenti

I gusti di Cotola

Straordinario dramma giudiziario fondato su temi complessi ed interessanti quali quello dell’ambiguità della giustizia e della verità (oltre che quello del potere manipolatorio della parola). Eccellente sotto ogni punto di vista: Preminger in grande forma, grande prova del cast (specie Stewart e Gazzara); ottimi, come sempre, i titoli di testa di Saul Bass, gustosa la colonna sonora di Duke Ellington. Da non perdere, specie per chi ama i legal-thriller di classe.

Daniela 30/06/09 08:41 - 9206 commenti

I gusti di Daniela

Il processo come lo vediamo nei film americani assomiglia quasi sempre ad una rappresentazione teatrale in cui due mattatori si contendono i favori di una dozzina di spettatori, dal cui giudizio dipende la sorte del comprimario-imputato. Non fa eccezione questo robusto dramma giudiziario, la cui originalità non risiede nella trama ma piuttosto in certi dettagli, considerati pruriginosi all'epoca. Se la visione è interessante, nonostante la durata, il merito è della professionità del regista e di tutto il cast, superbo in ogni comparto.

Homesick 4/08/09 11:37 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Uno studio sul sistema processuale in cui alla ricerca della verità - che rimane secondaria e per di più ambigua ed inafferrabile - si sostituisce l'efficacia persuasiva della parola e dell'artifizio retorico. I dialoghi sono ferrei, rigorosi, scattanti, corredati da realistiche e piacevoli digressioni e persino da riferimenti sessuali incredibilmente espliciti. Attori sublimi: in vetta i cavillosi Stewart e Scott, la sbarazzina e sensualissima Remick, il bonario giudice (anche nella vita reale) Welch e gli animi inquieti Gazzara e Grant.
MEMORABILE: Il cagnolino testimone. L'amo come segnalibro e Scott che ammette anticipatamente la propria sconfitta.

Saintgifts 25/07/09 21:32 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Tutti i film USA di questo tipo (dramma giudiziario), belli o brutti che siano mettono in evidenza la bontà del sistema giudiziario americano. In questo bel lavoro però, e non so se questo era lo scopo che si era prefisso Preminger o solo fare un film dove si dimostra che un piccolo avvocato di provincia ha la meglio su un famoso collega di città, si illustra come fare assolvere un assassino. Il titolo originale, con quel Murder, lascia pensare che l'intenzione sia stata quella di trovare una falla piuttosto grossa nel sistema. Appassionante.
MEMORABILE: L'amo per la pesca alle rane, lasciato a bella posta come segnalibro del volume dei processi, come metafora della pesca vincente.

Rebis 5/12/10 15:19 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Basterebbe il costruttivismo di Saul Bass sui titoli di testa jazzati da uno spregiudicato Duke Ellington per farci capire che stiamo per assistere ad un film monumentale: Preminger ci toglie il dubbio disegnando per ogni personaggio una sequenza d'apertura memorabile; inquadra i volti con un geometrismo che trascende i dialoghi in pura astrazione antropologica. Stewart, che ricostruisce ad arte le apparenze per montare la difesa, è raggiante. L'oltraggiosa, disinibita centralità del corpo femminile - lo stupro è qui il movente e non il crimine - parla di tempi, in fin dei conti, mai conclusi.
MEMORABILE: La diatriba sulle "mutandine"...

Pigro 7/12/10 10:04 - 7729 commenti

I gusti di Pigro

Film giudiziario di ampio respiro che ci porta dentro i meandri della dialettica giuridica, ben temperata dai tipici dialoghi brillanti hollywoodiani. Nonostante la lunghezza, la storia si segue bene grazie a un'ottima sceneggiatura: diciamo che la voglia di scoprire come l'avvocato (un ottimo Jim Stewart) riesca a vincere non appassiona, ma incuriosisce, perché non è il come va a finire che davvero interessa ma il come ci si arriverà. Un po' come è il jazz, non a caso colonna sonora preziosa di un film prezioso (con cameo di Duke Ellington).

Lucius 10/12/10 23:37 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Il classico film sul sistema giudiziario americano. Ottima l'interpretazione di Stewart, nel ruolo di un avvocato alle prese con un caso difficile. La pellicola è di buona fattura anche se soffre di qualche lungaggine di troppo nel girato. Ispiratore di molti film, tipo Doppio taglio e all'avanguardia per l'uso di vocaboli "non consoni" per l'epoca.

Luchi78 19/01/11 14:21 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Nonostante la lunga durata e la monotonia della location (più della metà del film è ambientato in un'aula giudiziaria), trattasi di un legal drama riuscitissimo che incolla lo spettatore fino al verdetto finale. Bravissimo James Stewart, poco influente Gazzara. Per gli amanti del genere è un must.

Tarabas 20/02/11 14:27 - 1687 commenti

I gusti di Tarabas

Reo confesso di omicidio viene difeso da un ex pubblico ministero sulla base di un cavillo psichiatrico. La verità non conta. Rimane sfocata sullo sfondo, insieme al pubblico in aula e agli spettatori. Che assistono a un balletto perfettamente coreografato di schermaglie verbali e trucchi procedurali. I pezzi del puzzle non si incastrano, se non nei titoli di coda, nei quali si compone, finalmente, un inconfondibile sagoma di cadavere da scena del crimine. Grande colonna sonora (e cameo) di Duke Ellington. Concettualmente affascinante, ma freddo e formale.

Stefania 5/04/11 00:46 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Anatomia di un processo, e non manca un pezzo: l'avvocato disilluso smanioso di rivalsa, l'imputato che sembra condannato in partenza, il cavillo psichiatrico, il giudice sornione, i contro-interrogatori, i testimoni a sorpresa, un'innominabile "prova regina" inspiegabilmente scomparsa che, sempre inspiegabilmente, ricompare. Ma c'è anche il jazz di Ellington, Stewart vibrante, Gazzarra enigmatico, la Remick ubriaca, spettinata e (forse) solita circolare senza mutandine! "C'è poesia nel sistema giudiziario", e anche nel più tecnico dei drammi giudiziari!
MEMORABILE: L'ironica segretaria di Stewart. La misteriosa Mary, figlia segreta della vittima. "Mai fidarsi di un bevitore di gin...".

Enzus79 22/11/12 16:25 - 1755 commenti

I gusti di Enzus79

Non siamo ai livelli di Testimone d'accusa di Billy Wilder, ma comunque è un film coinvolgente e ben fatto. La lunga durata però non gioca a suo favore. James Stewart come sempre ottimo (anche ben doppiato). Finale al limite del sorprendente.

Jdelarge 1/04/13 01:35 - 847 commenti

I gusti di Jdelarge

Ottimo film giudiziario, che si avvale della certezza James Stewart, come sempre bravo e ironico, accompagnato dal rivale, almeno nel film, George C. Scott, anche lui decisamente sul pezzo. Se da un lato le due ore e mezza possono scorrere in maniera leggermente monotona per quanto riguarda la regia, dall'altro la sceneggiatura rasenta la perfezione, con dialoghi strutturati in maniera ottimale, fra messaggi tra le righe e duelli verbali sempre costanti. Grande musica di Duke Ellington, bellissimi i titoli di testa.

Il Dandi 7/11/13 03:28 - 1744 commenti

I gusti di Il Dandi

Certamente deve essere stato un grande film: lo si intuisce dai suoi sottotesti culturali (la musica jazz di cui l'eccentrico avvocato James Stewart è cultore al punto di duettare al piano con Duke Ellington, la vita dell'America di provincia che abitava nelle roulotte, l'ingresso scabroso della materia sessuale come oggetto di freddo dibattimento in un'aula di tribunale); tuttavia ad oggi la forza della pellicola appare molto ridimensionata. Resta godibile grazie alla qualità di interpretazioni e dialoghi, ma oggettivamente freddo e prolisso.
MEMORABILE: Ben Gazzara chiede a James Stewart: "Come possono i giurati non tenere conto di quello che hanno sentito?" -risposta: "Infatti non possono!"

Myvincent 16/02/14 16:12 - 2521 commenti

I gusti di Myvincent

Robusto judicial-thriller, racconta di un omicidio consumato per gelosia, incentrandosi soprattutto sullo sviluppo e il confronto fra difesa e accusa dell'incriminato. Dietro la storia c'è un approfondimento psicologico dei personaggi ragguardevole, sostenuto da attori di navigata esperienza (primo fra tutti la stella hitchcockiana James Stewart).

Mickes2 6/03/14 10:03 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Stupefacente dramma giudiziario colmo d’implicazioni antropologiche in cui il tribunale si fa limbo, mezzo per arrivare a una verità comunque sfuggente, vicina e distante assieme, sibillina. Quindi non tanto un’opera sul senso di giustizia, ma piuttosto una profonda analisi sulla parola e il suo incredibile utilizzo; scontri verbali al fulmicotone dove le battaglie dialettali e psicologiche sono fulgidamente descritte dentro quel luogo in cui hanno più potere in assoluto: l’aula di un tribunale. Attori stellari, giganteggiano Stewart e Scott.
MEMORABILE: Lee “occhi da cerbiatta” Remick a Stewart: “Vuole entrare un po’? Può entrare se vuole”; Tutti gli scontri verbali in tribunale.

Nicola81 23/03/14 13:15 - 1924 commenti

I gusti di Nicola81

Indiscutibilmente un ottimo film, ma chi non ama i drammi giudiziari potrebbe trovarlo noioso perché nonostante la buona regia di Preminger e l'ottima sceneggiatura, una tale lunghezza non può non dar vita a una certa monotonia. Al di là della dicotomia tra giustizia e verità processuale, colpisce il coraggio nell'inserire argomenti, per l'epoca, sicuramente scabrosi. Cast stellare: se Gazzara risulta defilato e poco simpatico, Stewart giganteggia, Scott lo fronteggia con bravura, la Remick è una perfetta moglie radiosa e frivola.
MEMORABILE: Tutta la parte processuale; La diatriba sulle mutandine; L'espressione di Scott di fronte alla rivelazione fatale; Il finale.

Matalo! 3/12/14 08:26 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

In questo caso, per me, 2+2 fa quattro. E' come se, nonostante l'eccellenza dell'idea di base, la cura della realizzazione, la "capziosa" coerenza del dibattimento, le eccellenti interpretazioni, la sublime musica del Duca e nec plus ultra i titoli di Bass, alla fine si torni a casa con la sensazione di non essere sazi. Bel film ma lungo e stranamente troppo piano durante il dibattimento, forse troppo inappuntabile e meno entusiasmante di quanto avrebbe dovuto essere. Welch nella vita era davvero un giudice.
MEMORABILE: James Stewart predilige i Toscani.

Almicione 7/12/14 17:30 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Preminger è un genio perché dirige questo perfetto "legal drama" girato con una precisione raramente eguagliata: non presenta una sequenza superflua e quindi si dimostra essenziale nei suoi 160 minuti; è esempio impeccabile della fusione fra il coinvolgimento logico e la spettacolarità di colpi di scena legati al processo; è madre di una suspense costante che porta lo spettatore a farsi scoppiare la vescica piuttosto che mettere in pausa. Infine, i dialoghi eccellenti ben si adattano a personaggi esemplari interpretati da un cast eccezionale.
MEMORABILE: Un James Stewart magistrale e straordinario in ogni sua espressione.

Rambo90 27/08/15 23:54 - 6316 commenti

I gusti di Rambo90

Gran bel dramma processuale, piuttosto lungo e verboso ma affatto noioso, grazie a un'attenta regia di Preminger e a dialoghi molto vivaci, fatti di botta e risposta repentini senza inutili pause. La fotografia in bianco e nero è splendida e la prova del cast davvero maiuscola (in particolare Stewart e Scott offrono performance davvero sontuose). Buona la colonna sonora jazz di Ellington (che appare, anche) e interessante il finale piuttosto amaro. Da vedere.

Alex1988 10/10/17 19:32 - 637 commenti

I gusti di Alex1988

Film che trattano argomenti giudiziari, in particolare, quando il fulcro della storia è la causa nella quale un imputato deve essere giudicato, difficilmente sono digeribili dal grande pubblico. Ma questo "Anatomy of a murder", tratto dall'omonimo romanzo, riesce a essere un'eccezione, grazie a una solida regia e all'impegno degli attori, Stewart su tutti. Buono.

Faggi 20/01/19 23:16 - 1486 commenti

I gusti di Faggi

Solido, anche prezioso, dramma giudiziario; condotto dal mago Preminger con audacia e sensibilità geometrica, calibrando le forze emotive e lasciando emergere con millimetrica precisione i caratteri, le ambiguità, le sfumature morbose, i dettagli dei moti interiori nell'ingranaggio oliatissimo della vicenda. Pregevole l'interpretazione di James Stewart, domina con classe un personaggio ostico; Ben Gazzara di misurata espressività; Lee Remick ha il fisico del ruolo. La musica di Duke Ellington è la ciliegina sulla torta.

Anthonyvm 23/01/19 22:56 - 1777 commenti

I gusti di Anthonyvm

Classicone del genere giudiziario che riesce a bilanciare egregiamente dramma e ironia (spesso anche cattiva). Molto audace, soprattutto considerata l'epoca in cui fu distribuito, con abbondanza di riferimenti al sesso e terminologie specifiche a esso legate. Indimenticabile carrellata di personaggi affidati ad altrettanti ottimi volti, con Stewart e Scott in bell'evidenza. Certo, la durata e la verbosità possono mettere alla prova la costanza dell'interesse del pubblico, anche perché i colpi di scena non sono molti. Film comunque da vedere.
MEMORABILE: Una sfrontata e conturbante Lee Remick provoca Jim Stewart nel suo studio; Il finale beffardo.

Rocchiola 27/01/20 08:01 - 854 commenti

I gusti di Rocchiola

Dramma processuale piuttosto prolisso ma efficace nella sua rappresentazione del sistema giudiziario americano come un gioco tattico-verbale in cui la verità resta un concetto piuttosto ambiguo. Un lungo film dominato dalla parola ma ravvivato da un ottimo James Stewart, avvocato atipico più appassionato di pesca e jazz che di sbarcare il lunario: un personaggio così lontano dai rampanti difensori dei moderni legal-thriller... Gran bianco-nero e bella colonna sonora Jazz di Duke Ellington. Riconoscibile il tocco di Saul Bass nei titoli di testa.
MEMORABILE: La discussione sulla biancheria intima della Remick; Stewart al piano con Duke Ellington; “Cionondimeno”; Il cagnolino ghiotto di birra.

Ultimo 18/02/20 09:55 - 1347 commenti

I gusti di Ultimo

Interessante pellicola di Otto Preminger girata per la maggiore nelle aule di un tribunale ove un militare viene processato per l'omicidio di chi ha violentato la di lui moglie. Il film è piuttosto lento e denso di dialoghi, ma ne esce completamente promosso grazie a una prova superba del cast (in particolare James Stewart nelle vesti dell'avvocato). Si noti poi la potenza della ricostruzione dell'accaduto, con utilizzo di termini a sfondo sessuale molto forti per l'epoca. Buon film.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Stefania • 5/12/10 19:31
    Portaborse - 606 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    @ Cotola: le meravigliose musiche del film sono di Duke Ellington e non di Quincy Jones ;)

    PS: grazie Stefania per avermi fatto scoprire questo gioellino!

    Ma prego, Rebis! A averlo saputo che era un così bel gioiellino, lo tenevo io, e a te davo "Quando le donne si chiamavano madonne", che mi sono sorbita oggi pomeriggio :)))
  • Discussione Rebis • 5/12/10 19:36
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Stefania ebbe a dire:
    Rebis ebbe a dire:
    @ Cotola: le meravigliose musiche del film sono di Duke Ellington e non di Quincy Jones ;)

    PS: grazie Stefania per avermi fatto scoprire questo gioellino!

    Ma prego, Rebis! A averlo saputo che era un così bel gioiellino, lo tenevo io, e a te davo "Quando le donne si chiamavano madonne", che mi sono sorbita oggi pomeriggio :)))


    beh, in compenso ora tu hai due poltrone da far invidia al vicinato!

    :D

    ... ma come siamo mistèrici...
  • Discussione Stefania • 5/12/10 20:19
    Portaborse - 606 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Stefania ebbe a dire:
    Rebis ebbe a dire:
    @ Cotola: le meravigliose musiche del film sono di Duke Ellington e non di Quincy Jones ;)

    PS: grazie Stefania per avermi fatto scoprire questo gioellino!

    Ma prego, Rebis! A averlo saputo che era un così bel gioiellino, lo tenevo io, e a te davo "Quando le donne si chiamavano madonne", che mi sono sorbita oggi pomeriggio :)))


    beh, in compenso ora tu hai due poltrone da far invidia al vicinato!

    :D

    ... ma come siamo mistèrici...

    Veramente, non vedo l'ora di leggere il tuo bellissimo commento a questo bel film, sono contenta che ti sia piaciuto! Per le poltrone... beh, sì: l'uomo con la pelliccia di volpe della Patagonia è una miniera di tentazioni irresistibili ;)
  • Discussione Gugly • 5/12/10 20:51
    Segretario - 4678 interventi
    Non ho capito nulla ma sono contenta pure io per voi!
  • Discussione Pigro • 6/12/10 10:21
    Consigliere avanzato - 1480 interventi
    Gugly ebbe a dire:
    Non ho capito nulla ma sono contenta pure io per voi!

    ...già! Urge correre ai ripari: o guardiamo anche noi il film oppure cerchiamo in internet un negozio di arredamento in Patagonia dove comprare qualche poltrona. La prima mi sembra più facile...
  • Discussione Rebis • 6/12/10 10:27
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    già già :D credo che per voi sia molto più semplice procurarvi il dvd in libreria... e accontentarvi delle comode poltrone di casa vostra. Quanto alla volpe della Patagonia, ormai è estinta. Vedeste però che pelliccia... :DDD
  • Discussione Pigro • 7/12/10 10:06
    Consigliere avanzato - 1480 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    @ Cotola: le meravigliose musiche del film sono di Duke Ellington e non di Quincy Jones ;)

    Zender, bisognerebbe correggere il nome nel commento di Cotola.
    A questo proposito, Duke Ellington compare anche nel film in un cammeo, mentre suona al piano insieme a James Stewart. Non so, credi che sarebbe carino metterlo tra gli attori? Se sì, va inserito come non accreditato.
  • Discussione Zender • 7/12/10 10:56
    Consigliere - 43514 interventi
    Sì certo, fatto tutto grazie.
  • Homevideo Rocchiola • 9/01/20 08:46
    Call center Davinotti - 1123 interventi
    Uscito in bluray marchiato Sony in Spagna con audio italiano:
    target="_blank">https://www.amazon.es/gp/product/B07DL8NKPT/ref=ppx_od_dt_b_asin_title_s00?ie=UTF8&psc=1[/b]
  • Homevideo Rocchiola • 27/01/20 08:04
    Call center Davinotti - 1123 interventi
    Visionato il suddetto bluray spagnolo della Sony-Columbia. Il video panoramico 1.85 è stato ripulito a dovere da spuntinature, macchie e graffi. Permane una certa granulosità di fondo che mi pare naturale per un bianco-nero d'epoca molto contrastato e brillante. La definizione è ottimale è permette di catturare molteplici dettagli di fondo superando sicuramente il buon DVD da tempo in commercio. L'audio italiano 2.0 non è mediamente potente e decisamente chiaro. I sottotitoli opzionabili sono escludibili in tutte le lingue. Assolutamente consigliato !!!!