Maschi contro femmine - Film (2010)

Maschi contro femmine
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Finalmente qualcuno che sa valorizzare il talento comico delle nostre attrici. Finalmente la Cortellesi e la Signoris hanno modo di mostrare quanto dotate siano per i ruoli brillanti, e sono loro le migliori sorprese di un film che trova (come sempre nel caso di Brizzi) la qualità principale nella sceneggiatura. Non certo nel soggetto, giacché gli spunti sono quanto di più vetusto e riciclato si possa immaginare nel genere; ma è evidente che quello è solo il terreno di poco conto su cui Brizzi può esercitarsi in ciò che più gli riesce, ovvero i dialoghi spumeggianti e i botta e risposta studiati battuta per battuta in modo da garantire la risata. Mancando alla nostra commedia attuale attori in grado di sostenere da soli il ruolo di mattatori...Leggi tutto (De Sica a parte), per riuscire nell’intento di divertire la formula vincente si conferma essere quella degli episodi alternati e incrociati a cui servire una sceneggiatura più limata e precisa di un tempo, quando bastava inserire il Pozzetto di turno per soddisfare il pubblico in cerca di risate. De Luigi si conferma comunque attore dall’espressività singolare (particolarmente indicata per questo tipo di commedie), Preziosi ha dei buoni duetti con la Cortellesi, Cederna si offre come degna spalla alla straripante Signoris mentre la Littizzetto (solo un cameo, purtroppo), Bisio e Solfrizzi restano sullo sfondo in attesa di guadagnare spazio nel previsto sequel. Persino Vaporidis, Ruffini e Chiara Francini, protagonisti con la Felberbaum della meno brillante e inevitabile parentesi giovanilistica, non sfigurano. Un meccanismo che in poche parole offre un primo tempo notevole, del tutto disimpegnato, ricco di momenti spassosi cui come detto contribuiscono in modo fondamentale la Cortellesi e la Signoris (oltre alla “sicurezza” De Luigi). Si fosse riusciti a mantenere anche nel secondo tempo lo stesso standard potremmo parlare di uno dei più significativi esempi di questa “nuova” commedia italiana. Poi invece ecco il crollo della seconda parte, in cui il disincanto e la futilità devono lasciare spazio al concludersi di ogni vicenda, alle romanticherie e alla tenerezza. La fiera irriverenza della Cortellesi scompare per non tornare più, trasfigurata nell’impegno per la salvaguardia delle balene in Antartide (inseguita dal Preziosi impotente e pentito), il cinismo della Signoris finisce in pasto alle interessate consolazioni dell’impiegatuccio frustrato impersonato da Cederna mentre l’unico che ancora non si arrende, ovvero De Luigi (ma si smetta di cercare di proporre Pannofino in ruoli comici perché in un film simile c’entra come i cavoli a merenda), deve fare i conti con le guerre tutte al femminile tra la moglie e la giovane amante annacquando il suo personaggio e faticando ad imporsi. Ma è l’episodio con Vaporidis ad affossare gravemente le buone intenzioni rimaste: col passare dei minuti diventa solo una faticosamente sopportabile guerra di scherzi con l’amica del cuore lesbica per conquistare il cuore della bella Felberbaum tra spiagge di nudisti, campeggi e gioco della bottiglia. Fortunatamente c’è ancora qualche simpatico break alla solita terapia di gruppo dallo psicologo o al bar con gli amici, ma la carica originaria s’è persa definitivamente e dell’incalzante primo tempo rimane solo il ricordo. Ad ogni modo non c’è vergogna a mostrare qualche tetta in più, il che non può che giovare a un genere passato dalle poliziotte della Fenech e Vitali ai castissimi Veronesi o Virzì senza vie di mezzo. Brizzi, che come regista non eccelle particolarmente ma nemmeno demerita, conferma di saper sceneggiare con più sapidità dei colleghi regalando alle sue commedie quella marcia in più nella confezione delle gag che libera la risata al momento giusto. Ed è un’arte. Certo poi gli si può rimproverare la beceraggine degli scenari sociali in cui si muove, ma non è mica una novità per il nostro cinema comico, abituato fin dai tempi dei Totò a imporre attori e copioni in contesti del tutto insignificanti.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/09/10 DAL BENEMERITO RAMBO90 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 6/11/10
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cif 9/11/10 00:43 - 272 commenti

I gusti di Cif

Brizzi si migliora ancora, dimostrando di non rimanere ostaggio dell'azzeccatissima pellicola d'esordio. Anche qui la coralità è il maggior pregio del film. Tanta carne sul fuoco che inevitabilmente impedisce di sviluppare nei dettagli tutti i personaggi; eppure le poche pennellate qua e là offrono delle storie non scontate, tra triangoli e rapporti sofferti, tradimenti ed amori celati. Funziona tutto benissimo, ed ogni tre battute si ride e di gusto. Un intrattenimento leggero fatto con grande perizia. Bravissimi tutti: Vaporidis leggermente superiore alla consuetà mediocrità, bravo bravo Preziosi, la Cortellesi merita il salto verso il grande cinema ***!.

Rambo90 30/10/10 13:37 - 7174 commenti

I gusti di Rambo90

Brizzi rifà praticamente Ex mettendo nuovamente in piedi storie parallele e intrecciate tra loro, la maggior parte comiche, tutte sentimentali. Però rispetto al film precedente ci sono troppe sequenze eccessivamente stupide (quella finale in acqua, quasi tutte quelle con Pannofino), troppi effetti digitali usciti male (il freddo che esce dalla bocca in Antartide è ridicolo) e la coralità non funziona perché le scene sono troppo spezzettate e brevi per coinvolgere sul serio. Restano l'ottimo cast (la Cortellesi e Cederna in primis) e qualche scena.

Paruzzo 30/10/10 20:33 - 140 commenti

I gusti di Paruzzo

Un film piacevole (non un capolavoro, ma non pretende neanche di esserlo): ci sono scene stupide, ma anche momenti in cu si ride. Il livello del film è alzato da alcuni attori, come la Cortellesi, la Signoris e il buon Fabio De Luigi. Peggio di Notte prima degli esami, ma meglio del suo sequel.

Deepred89 1/11/10 10:17 - 3535 commenti

I gusti di Deepred89

Stavolta Brizzi fallisce in pieno, dirigendo un film praticamente disastroso. Banalissimo, irritante, volgare, mal recitato (gli unici attori bravi, Bisio e Pannofino, sono sprecatissimi), diretto senza brio. Ogni tanto si ridacchia e il ritmo è buono, ma il solo episodio di Preziosi (il cui personaggio è presente con qualche variante anche in Parentesi tonde e questo già dice tutto) è sufficiente ad uccidere e seppellire il film. Qualche nudo di rara gratuità: tentativi (falliti) di dare un tocco in più alla pellicola. Da evitare.

Federico 2/11/10 18:26 - 39 commenti

I gusti di Federico

Se Notte prima degli esami ed Ex mi avevano divertito, Maschi contro Femmine non è altro che una minestra riscaldata cucinata con tutti i peggiori clichè "brizziani" visti nei precedenti lavori. La vicenda Vaporidis-Ruffini-Francini fa venire l'orticaria; meglio le altre storie, ma sempre con qualche neo. Abbastanza divertente la Cortellesi, affiancata in malo modo da un Preziosi da dimenticare. Buoni i piccoli interventi dei personaggi che saranno protagonisti nel seguito (Lettizzetto, Bisio, Solfrizzi). Un film che si dimentica facilmente.

Domino86 3/11/10 13:36 - 600 commenti

I gusti di Domino86

Non mi aspettavo grandi cose da questa pellicola ma devo ammettere che si ride e anche parecchio. Un intrecciarsi di storie che non presenta sicuramente grandi particolarità nella trama (piuttosto classica, vista e rivista). Una spanna sopra tutti Fabio De Luigi e Paola Cortellesi.

Markus 6/11/10 00:53 - 3538 commenti

I gusti di Markus

Brizzi dirige l'ennesimo film corale italico, basato su una sceneggiatura semplice ma ben ideata per ottenere un buon rendimento in ogni situazione, avvalendosi d’un cast ricco e funzionale. Spicca De Luigi, che con il suo solito personaggio ha trovato una sua dignità d'attore. Poco sfruttata la brava Cortellesi (in realtà dal cinema in generale) a cui invece si doveva chiedere di più, come pure a Cederna. Nel complesso un buon film dotato di una prima parte divertente ed una seconda che punta più sul sentimentale frenando di fatto il ritmo.

Funesto 7/12/10 22:56 - 525 commenti

I gusti di Funesto

Se guardiamo con occhio più attento questo film, ci accorgeremo che parte da una premessa nient'affatto sciocca o foriera di buffonate: com'è diventata difficile la costruzione di un rapporto tra un uomo e una donna nel III millennio? Potevano uscirne un soggetto e una sceneggiatura lodevoli, ma con tutt'altra impostazione, non con quella usata qui da Brizzi da comico volgare. Una scelta registica che fa perdere parecchi punti al film, che va così preso in considerazione per ciò che è. Gli attori (eccetto De Luigi) non eccellono. Mediocre: **.
MEMORABILE: La situazione in spiaggia nudisti, con tanti nudi femminili gratuiti (quanto gradevoli, certo...).

Jandileida 3/12/10 01:21 - 1414 commenti

I gusti di Jandileida

Peccato per quel ridicolo gioco della bottiglia in spiaggia (più adatto per una festa delle medie) ed in generale per tutto l'episodio dei presunti giovani pieno di tette ma poverissimo di contenuti, a tratti irritante nel disegnare una gioventù abbastanza vacua e vuota. I restanti episodi danno vita ad una decente commediola che punta su soluzioni e situazioni già viste ma lo fa con un discreto brio (l'episodio di De Luigi) e non senza leggerezza (Signoris/Cederna). Inevitabile, a quanto pare, la deriva melensa nel finale.

Galbo 9/02/11 05:54 - 11930 commenti

I gusti di Galbo

Sulla falsariga del suo precedente film, Ex, Fausto Brizzi dirige una nuova commedia corale, che ha per oggetto (che novità!) i sentimenti declinati in varie forme possibili. Se l'imput narrativo non è proprio originale, lo sviluppo regala, specie nella parte iniziale, momenti piavevoli grazie ad una discreta scrittura dei dialoghi e alla felice scelta del cast che dà doveroso spazio a buoni attori come De Luigi e Carla Signoris. Discreto anche l'episodio con la Cortellesi e Preziosi. Si può vedere.

Fausto Brizzi HA DIRETTO ANCHE...

Ilcassiere 7/03/11 19:09 - 284 commenti

I gusti di Ilcassiere

Intreccio di episodi piuttosto malriuscito, Maschi contro femmine è uno di quei film di cui francamente non si sentiva il bisogno. La trama è banale e prevedibile mentre la sceneggiatura offre due o tre battute divertenti ma niente di più. Anzi, alcuni personaggi (quello interpretato da De Luigi, per esempio) risultano quasi fastidiosi; si salva la Cortellesi, molto brava soprattutto nella prima parte, ma ovviamente non basta.

Luchi78 13/03/11 19:57 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Guardabile, ma un gradino sotto Ex, che risultava un po' più "impegnato" rispetto a questo film che spesso assume toni eccessivamente caricaturali (collezioni di tanga con bandierine, villaggi nudisti con gara a chi ce l'ha più lungo o più grosse, gioco della bottiglia, ecc.). Cortellesi e Signoris brave ma sprecate. E poi tutto finisce con un mega lieto fine generale che suggerisce al film un titolo più adeguato del tipo "maschi con le femmine" anziché contro...

Redeyes 2/05/11 00:00 - 2310 commenti

I gusti di Redeyes

La commedia non solo italiana ma globale è questa. Borghesotti con tempo da dedicare a vacanze, belle gnocchette e quant'altro. Ed allora abbiamo il latin lover e la companeros, i figli di papà pseudo mantenuti, gli amici dal portafogli a fisarmonica. Si sorride sui tradimenti e gli amori e alla fine trionfa il volemose bene. Non va proprio così, ma almeno non si pensa al lunedì e alla bolletta da pagare. Le storielle sono super telefonate ma non fanno montare la rabbia, e allora si va a letto leggeri e un po' frizzanti. Vedibile.

Didda23 25/10/11 15:39 - 2360 commenti

I gusti di Didda23

La factory Martani-Bruno-Brizzi gioca e ricombina le peculiarità che li hanno resi riconoscibili: infatti l'opera presenta un armonioso intreccio di più storie, il cast possiede un certo valore artistico e la sceneggiatura è brillante e gradevole. Come ovvio che sia, qualcuno funziona di più (De Luigi) e qualcuno meno (Vaporidis), però nel complesso l'opera risulta amalgamata bene. Qualche caduta di stile non compromette la relativa "bontà" del prodotto. Niente di eccezionale, ma è indicata per una serata di disimpegno. Sufficiente.

Piero68 28/09/11 08:47 - 2889 commenti

I gusti di Piero68

Lo ripeto da tempo: non basta un super cast per fare un buon film; ci vogliono buone idee e qui di buone idee ce ne sono meno di zero. Mancano completamente una storia, un filo portante, una sceneggiatura. Ci sono una pletora di personaggi infilati a casaccio, manco fossero sementi in un solco. La cosa non migliora nemmeno quando vengon fuori i vari intrecci. Un bravo sicuramente alla Cortellesi che è l'unica che riesce a dare qualcosa. Come i suoi colleghi italiani Brizzi non riesce ad andare oltre le solite menate adolescenziali. Deludente.

Mco 3/10/11 20:05 - 2263 commenti

I gusti di Mco

Divertente commedia italiana densa di momenti simpatici e senza paura di mostrare più tette del previsto, come d'altra parte si confà alla bisogna di quel cinema che all'estero considerano un quid pluris della nostra cinematografia. Su tutti la Signoris (davvero in gamba) e De Luigi mentre la Cortellesi, pur brava, resta un po' schiava del personaggio antipatico. Parentesi da B movie anni '80 (tradimenti e discussioni da bar) e qualche concessione al "proibito" (il bisessualismo). Pollice su.

Mutaforme 27/09/11 15:47 - 404 commenti

I gusti di Mutaforme

Commedia italiana che, come da recente tradizione, vede intrecciarsi tra loro varie storie di personaggi difformi: la cinquantenne che si vede vecchia, il ragazzo in cerca di avventure, il playboy, il marito fedifrago. Il canovaccio somiglia molto a quello dei cinepanettoni, anche se un po' più divertente (brave la Cortellesi e la Signoris). Mezzo voto in meno per la pubblicità troppo palese di "Impresa Semplice" (a tratti sembra di vedere uno spot invece che un film). In definitiva passabile.

Pinhead80 10/10/11 18:58 - 4334 commenti

I gusti di Pinhead80

Brizzi conferma di essere un buon regista pur utilizzando un argomento di cui oramai il cinema italiano conosce vizi e virtù, ovvero le coppie in crisi. Riesce ancora a dare un'aria di freschezza all'argomento, sviscerando meglio gli stati d'animo degli attori, che sembrano completamente a loro agio nei personaggi. La Cortellesi e De Luigi una spanna sopra gli altri.

Nancy 1/11/11 03:53 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Ennesima commedia corale di disavventure sentimentali in tutte le salse, che se non fosse per il buon cast non di salverebbe granché (a tal proposito, brave Cortellesi e Signoris). Brizzi impianta gli intrecci tra i vari personaggi in maniera già vista, ma la sceneggiatura regge e sono molti i momenti comici, specie negli attimi di rottura dell'equilibrio iniziale e quindi della prima parte, scadendo tuttavia nei melensi lieto fine poco dopo. L'episodio più divertente, secondo chi scrive, è quello Cortellesi/Preziosi. Discreto, non fondamentale.
MEMORABILE: "Ci sentiamo!" "Anch'io ti amo!"

Supercruel 10/12/11 03:08 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Altra discreta pellicola del bravo Brizzi che, però, offre gli stessi pregi e difetti che avevano caratterizzato il precedente e sempre discreto Ex. Bene gli interpreti (il cast è ottimo), bene i dialoghi frizzanti e divertenti, bene il ritmo e, diciamolo, bene anche le gioiose poppe che il Brizzi ci regala in ogni film. Purtroppo siamo alle solite: ad un certo punto il narrato si piega ad una logica da fiction da prima serata e sbraca nei più biechi intermezzi riflessivi e nei più pallosi happy ending. Benino, ma Brizzi potrebbe dare di più.

Fabio De Luigi HA RECITATO ANCHE IN...

Gugly 3/01/12 23:13 - 1060 commenti

I gusti di Gugly

Commediola ola ola per due ore piacevoli, ma presto dimenticate. La commedia italiana oramai è ridotta a questo, a bravi attori come la Cortellesi, Cederna e la Signoris (i migliori) costretti in storie che partono pure bene, ma naufragano miseramente nei tarallucci e nel vino del volemose bene. L'episodio dei ggiovani? Beati loro che se ne vanno in Corsica ad amoreggiare senza pensare ai soldi dell'affitto. Simpatico Preziosi, ma è la Cortellesi che lo valorizza, non il contrario. Carino Solfrizzi con basette e pizzetto.

Tarabas 15/02/12 09:34 - 1857 commenti

I gusti di Tarabas

Con le figurine non si fanno le squadre, dice l'adagio calcistico. Qui i produttori hanno finito l'album, ma non sono riusciti a fare un film. Buttati in un calderone di rara pochezza, con una sceneggiatura di un'ovvietà quasi commovente per la pena che ispira, i vari Bisio, Solfrizzi, Litizzetto, Cederna fanno la fine che, almeno in questo contesto, meritano. Gramo il segmento con la mia amata Cortellesi, talento sprecato se ce n'è uno in giro. Ma il peggio è la vicenda di corna di De Luigi, con tanto di scena madre messa a capocchia, vero simbolo del film.
MEMORABILE: La confessione della giocatrice alla moglie di De Luigi, con contorno di aborti e tragedie, è il vero simbolo di un film scritto senza senso né gusto.

Cloack 77 30/06/12 11:37 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Si mette in scena la solita solfa: tradimenti, immaturità, problemi sessuali, amori giovanili. Il dato più sconfortante è il moralismo smaccato, il buonismo o, meglio, "il catechismo". Tradimenti che verranno perdonati coi ricordi dell'album del matrimonio, il playboy che si convertirà alla monogamia in virtù di un amore all'apparenza impossibile, fino all'inosabile: la scelta tra un amore saffico e uno etero, che si conclude santificando l'amicizia e ripudiando la lussuria.

Paulaster 11/09/12 23:17 - 3761 commenti

I gusti di Paulaster

Film corale per famiglie appena alzate dal pranzo di Natale. Basta questo per collocare un caleidoscopio di medi attori addensati in un'infarcitura di luoghi comuni. Intrattenimento che strizza l'occhio anche ad una vena romantica e specie nel finale raggiunge il punto più basso. Si distingue l'accoppiata Signoris e Cederna, mentre la gioventù è dipinta ancora troppo acerba. Qualche battuta simpatica fa sorridere, ma si poteva osare di più.

Pol 25/02/13 17:22 - 589 commenti

I gusti di Pol

Dover gestire un cast così nutrito senza sacrificare nessuno ha portato, forse inevitabilmente, a sacrificare tutti. L'alternanza quasi parossistica tra gli episodi produce una sensazione di ritmo che, a mente fredda, si rivela illusoria dal momento che una volta introdotti personaggi e situazioni tutti gli episodi si impantanano in storielle che non procedono di un metro rispetto allo spunto iniziale e finiscono a melassa e banalità. Però il cast funziona e si guarda senza patemi, a parte il solito Pannofino da operetta.

Gabrius79 15/07/13 00:40 - 1336 commenti

I gusti di Gabrius79

Curiosa idea quella di Brizzi di girare due film contemporaneamente in cui alcuni attori protagonisti di questa pellicola (uscita nelle sale a ottobre) saranno poco più che comparse nel seguito (uscito a febbraio). Il risultato di questa prima parte è godibilissimo anche grazie a un cast di attori italiani formidabili tra cui spiccano la Cortellesi, la Signoris e De Luigi. I duetti Cortellesi-Preziosi sono spumeggianti. Bene così.

Ducaspezzi 29/08/13 18:50 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Diverte con la sua gustosa scorrevolezza, imbandita da dialoghi e battute che riescono, per lo più, a succedersi con naturale e vivace ritmo, senza rischiare troppo l'accentuazione svaccata delle situazioni in funzione comica. La strutturazione a episodi - senza interni confini separatori, dato che i vari personaggi sono tra loro variamente e indirettamenti legati - è ben trattata e contribuisce a una certa gradevolezza dell'insieme. Poi, via via, si inonda di melassa certo buon sale e la sapidità (vedi Cortellesi e Signoris) va in stucco.

Daniela 3/11/13 12:49 - 11768 commenti

I gusti di Daniela

Intrecci sentimentali fra un gruppo di personaggi variamente accumunati da rapporti di parentela, amicizia, lavoro o vicinanza, da quello più divertente (De Luigi mister di una squadra di pallacanestro femminile) a quello meno (lesbo ed etero si contendono i favori di una bella bionda ambisex), con qualche notazione pungente all'inizio - soprattutto affidata al personaggio di Signoris, moglie "scartata" per raggiunti limiti d'età - e un progressivo sgonfiarsi durante la visione. Nel panorama generale della commedia all'italiana, film non indegno, pur senza brillare: accontentiamoci....

Guru 1/07/14 16:13 - 348 commenti

I gusti di Guru

Divertente senza pretese ma con simpatici interventi di grandi artisti tra cui la formidabile Luciana Littizzetto. L’ilarità non manca. E’ di piacevole scorrimento ma la sceneggiatura non esalta e spesso cade in luoghi comuni. L’energia trapela, ma a tratti il film è anche ripetitivo. Brizzi comunque è in gamba!

Lou 18/12/15 00:08 - 1086 commenti

I gusti di Lou

Cast molto affollato di nomi noti per un film corale a episodi sui rapporti di coppia nelle varie forme possibili. Abbastanza divertente e senza troppe cadute di stile negli episodi con De Luigi, Cortellesi e Signoris, mentre quello più adolescenziale con Vaporidis è imbarazzante, per di più con il ricorso al pruriginoso campo di nudisti che non aiuta. Complessivamente accettabile, se non si hanno troppe pretese.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Parsifal68 13/07/16 10:11 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Quattro episodi di (banale) vita quotidiana fatta di rapporti tra uomini e donne spesso conflittuali. Film corale con tanti bei nomi ma con molte poche idee, sebbene la trama di ogni singolo episodio sia abbastanza interessante. Il problema è che non basta questo per fare un film divertente; le situazioni sono prevedibili e noiose e arrivare alla fine è un'atroce tortura. Continua a essere un mistero il De Luigi attore.

Thedude94 22/03/17 00:06 - 885 commenti

I gusti di Thedude94

Parte come commedia brillante e moderna, si perde nel corso del tempo e rischia di diventare un qualcosa di poco sopportabile e non più simpatico. Le tre storie raccontate hanno pochi spunti originali, anche se le battute e i dialoghi sono sempre ben scritti. Il problema principale sembrano essere gli attori fuori dal coro, tra i quali la Cortellesi, Preziosi, Pannofino, Vaporidis e altri ancora. A salvarsi sono il sempre espressivo De Luigi (il più comico di tutti ovviamente), la Signoris e Cederna. Rimane ben poco, nel complesso.
MEMORABILE: Massimiliano Bruno nei panni dello psicologo.

Silvestro 17/11/21 23:19 - 277 commenti

I gusti di Silvestro

Una commedia che ha alcune frecce al suo arco, in particolare qualche gag riuscita e un cast davvero niente male. Il problema è che la pellicola brucia dopo un'oretta scarsa le migliori cartucce, costringendo lo spettatore a un'ultima ora eccessivamente frammentaria. Una sforbiciata sia in termini di sceneggiatura che di lunghezza avrebbe aiutato. Peccato perché le potenzialità per una bella commedia c'erano tutte!
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Ruber • 23/09/10 18:14
    Contratto a progetto - 9158 interventi
    In arrivo tra 20 giorni nelle sale, questa nuova commedia che promette di essere brillante e con un cast corale molto ampio. Il film narra le vicende di diversi personaggi tra amori finiti male, tradimenti, amicizie etc.

    Le storie saranno variegate e molto differenti tra loro. La novità di questo film è che diversi attori come Nancy Brilly, Solfrizzi etc. faranno piccole parti, mentre saranno protagonisti nel sequel del febbraio 2011 dal titolo opposto: Femmine contro maschi, dove invece al contrario i protagonisti della prima parte saranno interpreti secondari.
    Ultima modifica: 23/09/10 19:49 da Zender
  • Discussione Ruber • 24/09/10 01:33
    Contratto a progetto - 9158 interventi
    Questo il trailer ufficiale del film e il sito della commedia di Brizzi.

    http://www.youtube.com/watch?v=we73ZSV4IEw

    www.maschicontrofemmine.msn.it
  • Discussione B. Legnani • 4/11/10 01:41
    Consigliere - 14699 interventi
    "Preziosi (il cui personaggio è presente con qualche variante anche in Parentesi tonde e questo già dice tutto)"
    ***
    Deep, questa me la devi spiegare...
  • Discussione Deepred89 • 4/11/10 01:54
    Gestione sicurezza - 1500 interventi
    Cinico seduttore che colleziona i capi di biancheria intima delle sue prede, tenendoli riposti in un cassetto come fossero trofei. Ti ricorda nulla?




    ps le storie ovviamente prendono pieghe differenti, ma le analogie tra i personaggi sono curiose.
  • Discussione B. Legnani • 4/11/10 10:21
    Consigliere - 14699 interventi
    Deepred89 ebbe a dire:
    Cinico seduttore che colleziona i capi di biancheria intima delle sue prede, tenendoli riposti in un cassetto come fossero trofei. Ti ricorda nulla?

    OK.
  • Discussione Columbo • 24/11/10 10:10
    Magazziniere - 1100 interventi
    Quando scorrono i titoli di coda, vengo a sapere, con mio somma disapprovazione e sconforto, che questo film, ha ricevuto il finanziamento del ministero, perchè considerato di "interesse culturale nazionale". Che trissstezza...
  • Discussione Markus • 24/11/10 10:29
    Scrivano - 4809 interventi
    Ultimamente lo noto nella stragande maggioranza dei film "made in Italy"...
  • Homevideo Gestarsh99 • 22/02/11 00:30
    Vice capo scrivano - 21106 interventi
    Disponibile in Blu-Ray Disc dal 02/03/2011 per 01 Distribution.
  • Homevideo Zender • 31/07/19 18:22
    Pianificazione e progetti - 46214 interventi
    Dovesse andare fuori catalogo quello italiano (ormai succede sempre più spesso purtroppo per i bluray) segnalo che esiste anche il bluray tedesco con audio italiano e sottotitoli escludibili. La cosa curiosa è che questa prima parte è uscita col titolo di Kusswechsel 2 - Gegensätze ziehen sich aus, come se fosse questo il sequel. Garantisco che invece in Germania hanno invertito le uscite e il 2 per loro è questo:

    https://www.amazon.de/Kusswechsel-Gegens%C3%A4tze-ziehen-sich-Blu-ray/dp/B005G16ZZM/ref=sr_1_2?keywords=fausto+bnrizzi+bluray&qid=1564590055&s=gateway&sr=8-2-spell