LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/03/20 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 7/03/20 15:32 - 6699 commenti

I gusti di Herrkinski

Dramma a sfondo psicologico che usa il tema del picacismo in una donna incinta come mezzo per affrontare temi d'attualità come il patriarcato, le differenze di classe e l'aborto; un film al femminile ma non necessariamente femminista, in quanto affronta più un disagio sociale invece che fare una propaganda sterile e fine a sè stessa. Brava e molto espressiva la protagonista, ben tratteggiati i personaggi di contorno, luminosa e patinata la fotografia; il finale farà discutere ma il film resta un lavoro anomalo, dal potenziale interessante.
MEMORABILE: Il confronto col padre; Il finale.

Daniela 8/12/20 23:27 - 11528 commenti

I gusti di Daniela

"Fai ogni giorno qualcosa di inaspettato": una pesciolina che vive in un lussuoso acquario segue il consiglio ed inizia ad inghiottire biglie, chiodi, pile... Thriller psicologico molto intrigante nella prima parte quanto i motivi che spingono la giovane donna incinta ad azioni tanto autolesionistiche restano affidate all'immaginazione dello spettatore, perde un poco di fascino quando si passa alle motivazioni d'ordine familiare ma si risolleva nell'epilogo, coraggioso anche se forse semplicistico come risoluzione della crisi. Film originale, confezione elegante, brava Bennett.    
MEMORABILE: L'infermiere siriano, dall'aspetto da buttafuori ma dall'animo più sensibile di quelli che l'hanno assunto. 

Kinodrop 12/12/20 18:16 - 2273 commenti

I gusti di Kinodrop

Per conquistare l'attenzione degli altri e un ruolo meno passivo all'interno della ricca famiglia del marito, Hunter da poco incinta comincia a ingoiare oggetti sempre più pericolosi. Un dramma psicolgico tirato molto per le lunghe col miraggio di capire le ragioni di questa compulsione (i soliti traumi genitoriali) e trattato asetticamente e senza il supporto di figure di riferimento credibili. Non giova a niente lo sfarzo della location e la profusione di design e anche la velata critica sociale resta sullo sfondo senza incidere. Esordio pretenzioso e privo di mordente.
MEMORABILE: Le sorprese dell'ecografia; L'inutile barbuto infermiere; La decisione nel finale.

Bubobubo 4/01/21 12:02 - 1690 commenti

I gusti di Bubobubo

La commessa Hunter (una Bennett lawrenciana) viene "salvata" dalla facoltosa famiglia dell'insopportabile Richie (Stowell), che ne fa regina e prigioniera di una casa iperlussuosa. Costretta ad un ruolo di perenne passività, la ragazza comincia a sviluppare un'ossessione per l'ingestione di oggetti non commestibili... Anche senza lavorare di fino sui dettagli psicanalitici, l'utilizzo metaforico che Mirabella-Davis fa del picacismo in chiave anti-patriarcale e anti-classista non presenta alcuna ombra. Il rischio, tuttavia, è che sulla lunga durata il gioco tenda a logorarsi.
MEMORABILE: Il finale, che sembra scritto apposta per polarizzare e far discutere.

Zampanò 5/01/21 16:08 - 374 commenti

I gusti di Zampanò

Conosce i dogma di Haneke e Lanthimos l'esordiente Mirabella-Davis (da tenere d'occhio): l'estetica igienizzata infuoca la voglia matta di degradazione. Tutto è sulle spalle anzi nella bocca di un'eccellente Bennett, burrosa e triste, compressa dalla macchina da presa. In un lager di vetro e calma piatta ogni singola inquadratura è un focus feticista; la lotta di Hunter è ìmpari contro i congiunti e gli oggetti, toccati da un'ulcera metafisica. Si rotola nel precipizio senza salti logici benché il passato traumatico sia argomento fragile. Evacuatorio in ogni senso il finale.
MEMORABILE: La prima punessa ingoiata; La telefonata di Hunter alla madre.

Giùan 11/08/21 16:37 - 3698 commenti

I gusti di Giùan

L'impressione, peraltro in gran parte comprensibile e dunque perdonabile, è che l'esordiente Mirabella-Davis non sia in grado di governare con appropriato equilibrio filmico una trama e una tessitura eminentemente fassbinderiani. In effetti a una prima parte di un naturalismo dai barlumi perturbanti fa seguito una invero fastidiosa urgenza di spiegare perché la Bennett (dal fatidico phisique di rôle) ingoi ogni amaro boccone, allontanandoci dal nucleo misterico del film. Piutttosto buona tuttavia la resa scenografica e indovinati i personaggi della suocera e del "badante" siriano.

Schramm 26/01/22 20:08 - 2920 commenti

I gusti di Schramm

È lo schermo-specchio il primo a deglutirci: non siamo forse noi (gli) Hunter, i predoni preda del rappresentabile? Non siamo noi gli ingordi patologici di immagini, gli insaziati picadores del vedere che tutto devono metabolizzare e fanno indigestione della qualunque purché sia e pazienza se non è nutritiva, vi siamo intolleranti o è tossica? Sarà perciò che interprete (una Bennett perforante meritevole ogni possibile premio) e rigoglioso taglio estetico finiscono con l'inghiottirsi a vicenda, mentre noi deglutiamo noi stessi. Meta-thriller autoptico di bivalve lettura, che ubriaca.

Enzus79 22/05/22 21:25 - 2302 commenti

I gusti di Enzus79

Thriller psicologico di tutto rispetto. Il picacismo è il soggetto di questa storia: una donna, forse per noia o per il suo passato "traumatico", si ciba di prodotti tutt'altro che salutari. Carlo Miralbella-Davis riesce nello scopo di non far scemare mai il coinvolgimento. Il film non è un capolavoro, ma sa creare molti spunti di riflessione. Haley Bennett più che brava, regia davvero convincente.

Austin Stowell HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.