LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Dietro un titolo piuttosto insulso si nasconde una versione nostrana del celebre ORE DISPERATE, rielaborato alla luce della violenza tipica del cinema italiano di fine Settanta, in questo caso debitore del capostipite L’ULTIMA CASA A SINISTRA di Craven. L’identico mix riuscirà un po' meglio a Deodato due anni dopo, perché qui la sceneggiatura offre poco o niente e il soggetto si trascina stancamente senza colpi di scena accettabili. La figura di Suor Cristina (un’invecchiatissima Florinda Bolkan) dovrebbe essere centrale, ma finisce solo per...Leggi tutto diventare una comparsa, costretta forse dal copione a frasi sciocche condite da una moltitudine di sguardi modulati su ogni gamma di espressioni che vada dallo sbigottimento al furore represso. La Bolkan l'avevamo vista quattro anni prima ancora suora in FLAVIA, LA MONACA MUSULMANA, ma anche lì faceva vedere che non è quello il ruolo più adatto a lei. Qui viene assalita mentre sta provando con alcune ragazze (che diventeranno gli altri "ostaggi" dei tre malviventi) lo shakespeariano "Sogno di una notte di mezza estate" e finirà presto violentata rivelando ai tre di non essere vergine ("Prima di prendere i voti ero una donna", si giustificherà). Il tasso di violenza è abbastanza alto, la componente sadica anche, ma a livello di scene "mostrate" e non solo suggerite non si vede granché. Ray Lovelock era un po’ il Ciavarro dei Settanta, solo con un viso più espressivo. Purtroppo nemmeno lui, come d’altra parte il resto del cast, brilla particolarmente e sulle note del Maestro Pregadio si consuma un film drammatico poco convincente, che D'Amato riprenderà successivamente in chiave hard.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 1/04/07 19:23 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Un rape & revenge all'italiana in cui, alla semplice struttura del plot, si aggiungono elementi tipici del poliziesco (la sanguinosa rapina in banca, la fuga dei banditi) e del thriller (le ellissi). Riuscita senz'altro l'ambientazione, con l'assolato Argentario che si trasforma in una prigione in cui si consumano efferati omicidi. In generale, però, la violenza è più suggerita che mostrata. La Bolkan è silenziosa e altera e recita più con lo sguardo che con le parole.

Deepred89 4/06/08 15:15 - 3268 commenti

I gusti di Deepred89

Rape & revenge italiano non eccelso. La regia è discreta e ha qualche idea originale, la fotografia è buona, le ambientazioni molto belle, la Bolkan bravissima e alcuni dialoghi curiosamente azzeccati. Per il resto non si vola molto alto: la sceneggiatura non offre nessuna sorpresa e si evolve lentamente fino allo scontato finale. Inoltre, nonostante il genere, il livello di sesso e violenza mostrato è molto limitato e quasi tutto è lasciato fuori campo. Discrete musiche di Pregadio. Non un film malvagio, ma c'è di molto meglio.

Ciavazzaro 6/07/08 14:28 - 4758 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Rape & revenge che delude lo spettatore. Infatti, nonostante si possa pensare che sia un capolavoro di crudeltà, non è (rapina iniziale a parte) che ci sia poi tutto questo sangue. Bravi la Bolkan e Lovelock, ma il resto del cast... Segnalo solo la Trotter. Titolo assurdo (dove diavolo sono 7 donne?)

Undying 7/08/08 23:23 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Tre scalmanati malviventi si lasciano dietro due cadaveri dopo aver rapinato una banca. Riparano in uno sperduto casolare tra le montagne toscane, all'interno del quale un gruppo di seminariste e la loro maestra (una suora) è in ritiro per provare una recita di fine anno scolastico. I tre criminali seviziano ed umiliano prima la religiosa, poi le giovani ragazze. Ma la "pazienza" può finire, anche se si ha fede. Ferocissimo (per tematiche, più che per contenuti) rape&revenge tutto italiano, debitore dei soliti noti, ma che ha ispirato -a sua volta- la chiusa di Death Proof. Ottimi gli attori.

Renato 18/03/09 22:16 - 1528 commenti

I gusti di Renato

Anche se il soggetto non è molto originale, visto che non si discosta per nulla dagli stilemi più classici del Rape & Revenge, a salvare il film è la tecnica con cui è stato realizzato. Prosperi infatti dirige con un certo stile, evita le lungaggini e quando serve mischia un po' le carte; ma soprattutto sa come girare e montare le scene di violenza, ovvio culmine emotivo di un film del (o di) genere, e non è particolare di poco conto. Pura exploitation, ma di buon livello.
MEMORABILE: La rapina rievocata da Ray Lovelock.

Trivex 26/04/09 20:58 - 1478 commenti

I gusti di Trivex

Pesantissimo R&R, dove la violenza è presente ma mostrata in modo non platealmente exploitation, forse per evitare il feroce giudizio e quindi i tagli della censura. Trama classica, con qualche spunto interessante come la finale verità sul buono della situazione e la rivendicazione della giustizia sul buonismo (anche se questo ultimo perfettamente motivato, finché dura)! In quasto caso Franco Prosperi si prende le dovute lodi. Davvero un buon film!

Cotola 2/06/09 21:30 - 7447 commenti

I gusti di Cotola

Rape&revenge dai toni abbastanza sobri, dai risvolti narrativi piuttosto risaputi e dai risultati mediocri e deludenti. Pur non aggiungendo nulla al genere, si lascia in ogni caso seguire e risulta tutto sommato non del tutto malvagio. Uno degli omicidi cita addirittura un'opera di Faulkner.

Manowar79 1/09/09 16:16 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Per quanto in Italia siamo riusciti ad interpretare (e migliorare) l'idea di Craven con lo splendido L'ultimo treno della notte di Aldo Lado, va ammesso che la maggior parte dei rape & revenge nostrani aveva ben poco da dire, al di là di qualche sequenza eccessiva rivalutabile in quanto tale. "La settima donna" è un film che non riesce a spiccare nel catalogo dei sex'n'violence: mancano la morbosità del film di Lado e la faccia di David Hess. Il titolo è la cosa migliore, a conti fatti: chi è, secondo voi, la "settima donna"?

Daidae 28/10/09 15:48 - 2727 commenti

I gusti di Daidae

Gustoso "rape and revenge" all'italiana: ambiguissimo il personaggio di Lovelock, grandiose le attrici per una volta non solo belle. Prosperi se la cava al solito bene e il film non delude affatto; siamo lontani dai fasti del famoso ultimo treno ma si tratta comunque di un valido prodotto.
MEMORABILE: La rapina evocata da Lovelock, il finale.

Luchi78 3/09/10 14:44 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Se il filone di appartenenza è il "Rape&revenge" direi che il film perde su tutti e due i fronti, violenza e vendetta. La parte violenta è mal interpretata, con aguzzini o troppo folli o a volte addirittura troppo buoni, mentre nel finale (resuscitato da Grindhouse di Tarantino) tutti avremmo gioito nel vedere la Bolkan suora massacrare di botte il protagonista e invece se ne sta in disparte inorridita. Flop.

Herrkinski 30/03/10 22:26 - 5023 commenti

I gusti di Herrkinski

Rape & revenge nostrano di buona fattura, che prende l'esempio del modello craveniano (con echi pure da L'ultimo treno della notte di Lado) e ne mette in scena un'ennesima variante. La sceneggiatura è prevedibile, ma il cast è sopra la media (su tutti i tre rapinatori, la Bolkan e la Buchanan), la regia dignitosa, la fotografia buona; belle ed insolite anche le location toscane. La violenza c'è e spesso centra il bersaglio, senza però eccedere con la truculenza; anche la tensione è presente, nonostante una certa ripetitività nel secondo tempo.

Ghostship 3/05/10 21:34 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Titolo di routine che nel panorama dei rape & revenge italiani non brilla certo né per originalità né per qualità, costituendo coda finale di un filone inflazionato. Buone performance degli attori, dal bel maledetto Lovelock alla suora Bolkan, buono anche il livello tecnico, ma opera nel complesso freddina e già vista.

Stefania 2/04/11 03:16 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Prosperi acchiappa al volo l'ultimo treno del rape&revenge, ma è a corto di fiato e di idee. Prova a dare qualche spessore alla figura del carnefice Lovelock (il meno violento, ma sicuramente il più odioso), inserisce i tormenti religiosi della suora Bolkan (il personaggio più riuscito), evita esplicite crudezze, ma solo in alcuni punti le sospensioni drammatiche funzionano (la fine del postino, la tentata fuga a nuoto della ragazza, la vendetta della Bolkan). Ben valorizzati gli spazi, finale un po' affrettato. Non male, ma poco incisivo.

Il Gobbo 17/03/11 17:26 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Non è che dai film di questo tipo ci si aspetti particolari guizzi, dovendo essi soggiacere a criteri funzionalistici piuttosto rigidi. Nel complesso ci siamo, con qualche svista (passino le ragazze in vacanza, ma anche in Italia che nessuno cerchi il postino latitante... ), qualche assurdità (il rapinatore più coatto che legge "Santuario"? Ma dai... ) e qualche abuso di grandangolo. Tarantino si ricorderà del finale. Credits un po' arrafazzonati: Ray Lovelok, Edda Dell'Osso!

Gestarsh99 15/08/11 17:43 - 1314 commenti

I gusti di Gestarsh99

Efficace rape'n'revenge all'italiana, che al pari de L'ultimo treno di Lado si rifà al grezzo capofila craveniano, presentando però un trio di manigoldi stupratori meno realistico e sgradevole rispetto ai villain ispiratori. Nonostante le psicologie tagliate con la scure e le dinamiche sommarie ed affrettate, il film funziona più che a sufficienza, libero da gravose pastoie sociologiche e tutto orientato ad un ritmo mai calante e sempre teso alla spasimo. Meravigliosa la fotografia di Cristiano Pogany, che accentua e valorizza le già accecanti delizie paesaggistiche dell'Argentario.
MEMORABILE: Le pistolettate della Bolkan contro uno dei sequestratori; gli azzurrissimi panorami balneari; il verde lussureggiante della vegetazione costiera.

Myvincent 1/02/12 21:37 - 2520 commenti

I gusti di Myvincent

Niente di veramente nuovo in questo film a tema delinquenziale, dove tre giovani balordi finiscono in una grande villa abitata da splendide giovani suore. Il tema è abusato, i dialoghi spenti, le trovate assenti. Solo violenza e il solito finale "purificatore". Noiosamente inutile...

Gaussiana 19/04/12 19:21 - 121 commenti

I gusti di Gaussiana

Sarà che il sottogenere rape & revenge per i miei gusti ha sempre avuto ben poco da dire e che i film interessanti del filone si contano su una mano... Anche questo di Prosperi rientra tra quelli che poco hanno aggiunto, aderendo in gran parte al solito cliché e non riuscendo a sfruttare adeguatamente la bella location e Florinda Bolkan. Non dico che sia da dimenticare perché qualcosa salverei, come ad esempio il finale. Prosperi non lesina l'uso della violenza, ma non è sufficiente. Mi si perdoni il gioco di parole: è un genere "abusato".

Giùan 17/04/12 12:35 - 2925 commenti

I gusti di Giùan

Prosperi riesce nell'impresa di girare il suo rape & revenge col misurino da farmacista, centellinando gli ingredienti sì da non rinunciare all'effetto complessivo, senza tuttavia mai risultare fastidioso e indigesto come il genere di sua "natura" quasi richiederebbe. Il film rifugge così ogni morbosità (da notare la scelta di figure femminili tuttaltro che "esplosive"), puntando sull'ambiguità di alcuni caratteri (Lovelock-Bolkan in primis) come sul dualismo interni (austeri) -esterni (lussureggianti). Ormonalmente anemico, cinematograficamente robusto.
MEMORABILE: Il ralenti dei due stupri sulle musiche di Pregadio: vorresti dargli del ridicolo eppure turba; Il flashback della rapina; L'assalto finale a Lovelock.

Fauno 29/04/12 21:51 - 1906 commenti

I gusti di Fauno

Tutto sommato buono, ma due o tre scopiazzature o forti ispirazioni ci sono. I titoli di testa e di coda richiamano Il delitto del diavolo, nel quale guarda caso Lovelock è protagonista; lo sverginamento strumentale ricorda soprattutto L'ultimo treno della notte, ma come pathos siamo su un'altra galassia. Altra domanda: dov'erano finite le tre ragazze che riappaiano come per miracolo a fine film? Buona invece la ferita inferta con la coda del pettine e la personalità di Lovelock, più viscido di un'anguilla e molto feroce.
MEMORABILE: Certo che i tre omicidi non siano niente male, come anche l'infezione che procede inesorabilmente.

John trent 7/05/12 10:04 - 326 commenti

I gusti di John trent

Film certamente derivativo (Craven ha fatto scuola) ma originale nella scelta della protagonista, Suor Cristina (un'intensa Bolkan cui Prosperi dedica anche lunghi e strettissimi primi piani oculari in perfetto stile "fulciano"). La violenza non manca di certo (lo stupro con il bastone, l'omicidio della governante) e le musiche del maestro Pregadio sono davvero notevoli: mi chiedo ancora oggi come abbia potuto, anni dopo, trasformarsi in pagliaccio televisivo alla Corrida di Corrado... Sic transit gloria mundi. Da vedere senza pretese.
MEMORABILE: Suor Cristina che si spoglia dell'abito talare e impugna la siringa.

Bruce 20/09/12 10:24 - 1001 commenti

I gusti di Bruce

Rape & revenge italiano girato quasi interamente all'interno di una villa sul mare, ove una suora (Florinda Bolkan) e un gruppetto di ragazze hanno sventura di imbattersi in tre rapinatori in fuga capeggiati da Ray Lovelock. Tensioni e violenze varie sono conseguenti. Non è male, ma ha il difetto di non affondare il colpo e di essere privo di elementi di novità, risultando alla fine inutile.

Maik271 12/11/12 22:39 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Pellicola ben confezionata: violenza, stupri, vendetta gli ingredienti. Buona prova della Bolkan, non male Lovelock, mentre il resto del cast non lascia il segno (con l'eccezione di Stefano Cedrati, ma solo per lo splendido doppiaggio del mai dimenticato Ferruccio Amendola). Si merita un posto nella mia collezione di film anni settanta. Da riscoprire.

Lucius 16/08/13 10:21 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Rape & revenge all'italiana con buone potenzialità di script ma recitato con poca aderenza ai personaggi. Scorrevole e solare, non emana quel senso di claustrofobia e di terrore che una storia come questa dovrebbe far trapelare a ogni sequenza. L'intera produzione non brilla di luce propria "attingendo" a man bassa da altri titoli, perfino nelle partiture strumentali (troppo belle per essere pure originali). La Bolkan ha dato prove migliori in altre pellicole e il personaggio di suora proprio non le si addice. Comunque passabile.

Macguffin 2/04/14 08:36 - 124 commenti

I gusti di Macguffin

Tre lupi rintanati con delle... pollastrelle: situazione ricca di potenziali sviluppi claustrofobici e morbosi. Aggiungiamo che Prosperi gira in maniera non banale, trovando sovente soluzioni interessanti e che l'ambientazione è azzeccata. Però il cast è un po' loffio e la sceneggiatura, non sviluppando con maggiore coraggio le pur buone idee presenti (vedi l’ambiguo personaggio di Lovelock), non riesce a dare il colpo d’ala necessario per staccarsi dalla scontatezza dell’intreccio, classico rape’n’revenge. Peccato, ma comunque discreto.

Manfrin 6/05/15 09:43 - 323 commenti

I gusti di Manfrin

Tre banditi in fuga che piombano come lupi su di un gregge in una villetta isolata occupata da alcune studentesse e una suora. Le logiche conseguenze saranno una catena di omicidi, sesso e violenza. Prosperi si districa con buon mestiere, nella villa monolocation, tra sacro e profano e ottiene un risultato tutto sommato soddisfacente, in particolar modo per gli amanti del genere.

Rufus68 12/06/17 00:32 - 3049 commenti

I gusti di Rufus68

Brutale, nel solco del sottogenere della "vendetta dopo uno stupro" (inaugurato da Bergman) e anche un po' semplicistico. Da lodare, invece, la tenuta della sceneggiatura (lo si segue con piacevolezza) e le interpretazioni della carogna Lovelock e della Bolkan, sempre brava nelle parti intense e ambigue. Di routine tutto il resto anche se, occorre dirlo, la routine del cinema popolare di allora è invecchiata meglio del previsto.

Il Dandi 29/03/20 05:06 - 1744 commenti

I gusti di Il Dandi

Tre rapinatori in fuga si nascondono in una villa con una suora e delle studentesse: rape e revenge di fattura piuttosto grezza, meccanico ma non simmetrico. Poco incisivi i protagonisti (il capo finto tranquillo del bel Lovelock e la Bolkan monaca tormentata) mentre l'anonimato di contorno conferisce almeno efficacia alle donzelle acqua e sapone e agli altri due balordi. Le sevizie passano dai rutti a tavola allo stupro con bastone, ogni tanto emerge qualche guizzo (il flashback, i ralenti) ma per la maggior parte del tempo si gira a vuoto.
MEMORABILE: Lo stupro/omicidio con un bastone.

Tersilli 16/07/20 11:07 - 61 commenti

I gusti di Tersilli

Crudeltà e violenza sono le parole d'ordine di questo ottimo rape 'n' revenge di Prosperi. Splendide le inquadrature e i colori, in particolare quelli del mare. Le sequenze della rapina iniziale e dello stupro sono girate con grande maestria. Buone le musiche (da notare che il pezzo durante lo spogliarello è praticamente identico alla base del "Veliero" di Battisti uscito nel '76!). Bravo Lovelock, che interpreta un personaggio a dir poco ambiguo, e sempre perfetta la Bolkan. Non male il finale tarantiniano.
MEMORABILE: La rapina iniziale.

Minitina80 17/07/20 15:04 - 2300 commenti

I gusti di Minitina80

Una storia di violenza e vendetta abbastanza stereotipata e poco interessante che denota fin da subito una scarsa cura per i particolari. I dialoghi non sono sempre il massimo, mentre la direzione degli attori è decisamente poco convincente, lasciando piuttosto perplessi. Sembra che Prosperi tenti di colpire lo spettatore con il rovesciamento di fronte finale senza tentare di aggiustare la mira per rendere l’opera più sostanziosa. Oltretutto, gli anni trascorsi non hanno giovato e il film risulta invecchiato male, per essere elevato a classico.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Ciavazzaro • 17/03/11 20:17
    Vice capo scrivano - 5596 interventi
    Si vede che mi è rimasto impresso leggendo anche la critica del mereghetti.
    Grazie per la dovuta correzione comunque !
  • Discussione Il Gobbo • 18/03/11 12:36
    Contratto a progetto - 771 interventi
    Mereghetti classista (aveva escluso la domestica) o bacchettone (la suora)?
  • Discussione Gestarsh99 • 18/03/11 14:52
    Scrivano - 14008 interventi
    Il Gobbo ebbe a dire:
    Mereghetti classista (aveva escluso la domestica) o bacchettone (la suora)?

    Ci sarebbe anche una terza ipotesi un po' maligna, ossia che il nostro Mereghetti non l'abbia proprio visionato il film e si sia basato solo su commenti spulciati da fonti a caso.

    Ma sicuramente non è così...
  • Discussione Ciavazzaro • 18/03/11 21:04
    Vice capo scrivano - 5596 interventi
    Di casi tra i dizionari c'è ne sono molti,ma neanche io credo sia così.
  • Musiche Ciavazzaro • 15/05/11 20:17
    Vice capo scrivano - 5596 interventi
    Ed ecco il brano Favolosa festa di danza del compianto Roberto Pregadio:

    http://www.youtube.com/watch?v=gCVpZDjbxvM&feature=related
  • Discussione Fauno • 29/04/12 22:03
    Compilatore d’emergenza - 2528 interventi
    C'è da dire che lo stupro col randello ricorda anche la versione più rough di Avere 20 anni, mentre per il Delitto del diavolo lo scenario è completamente diverso,solo che nella prima e ultima scena si sente anche lì un uccello cantare...Un altro parallelismo è con Sexy Blue,di Raimondo Del Balzo,che dovrei commentare a breve.Se ci sarà qualcosa di interessante da accomunare,tornerò su questa discussione.FAUNO.
  • Homevideo Mco • 29/08/13 00:14
    Scrivano - 9647 interventi
    Un avviso per coloro che hanno conosciuto il film nella versione che Rai Movie ha mandato in onda in qualche occasione, in tempi recenti.
    Le forbici censorie hanno ivi operato (e non poco).
    Il confronto con la vecchia vhs Shendene prima e con i dvd Media Suits, Sazuma (esteri) e Medusa poi, tutti integrali e di durata di 85 minuti, ha fatto sì che si potessero denotare ampi tagli.
    1) Nella prima scena violenta (la governante) in tv si rende meno sangue e meno impeto all'uso del ferro da stiro (a questo proposito aggiungo che la vecchia vhs AVO questa scena l'aveva addirittura quasi decurtata in toto).
    2) Nel primo tentato stupro (a 11 minuti circa) meno dettagli della gamba infilzata e sanguinante.
    3) Lo stupro della Bolkan è veloce e manca il passaggio (brevissimo tra l'altro) in cui il compare di Lovelock la possiede.
    4) Quando le ragazze sono davanti alla tv (al minuto 36 circa) meno dettagli dell'accarezzamento della gamba e della mano che si insinua sotto la gonna; manca anche l'inquadratura della televisione che proietta un film con seni al vento.
    5) Taglio consistente (più di tre minuti) si ha nel momento dello stupro a cui la Bolkan è costretta ad assistere (minuto 42 circa).
    Aggiungo ancora che anche la vecchia AVO edulcorava allo stesso modo la scena.
    6) La deflorazione dagli effetti mortiferi (a un'ora e dieci di girato circa) con stampella soffre anche qui di almeno un minuto di sforbiciata.
    In conclusione, nella versione che Rai Movie trasmette vengono a mancare 5 minuti abbondanti, fermandosi come durata a circa 80 minuti.
    Non si perderà di certo lo spirito malsano che aleggia ma qualche dettaglio sì ;-)
    Buone visioni.
    Ultima modifica: 29/08/13 00:15 da Mco
  • Homevideo Didda23 • 29/08/13 00:46
    Comunicazione esterna - 5712 interventi
    Ultimamente su Rai movie/ iris stanno mandando tante cose integrali anche vm 18 o vm 14 al mattino integrali. Non si sa con che criterio. Grazie, comunque, della segnalazione.
  • Curiosità Samuel1979 • 30/10/16 09:08
    Call center Davinotti - 2925 interventi
    Il poster Disney presente nella camera di una delle ragazze in ostaggio, è "Paperino & C. nel Far West" del 1975:

  • Curiosità Rufus68 • 12/06/17 00:34
    Gestione sicurezza - 193 interventi
    Le suggestioni da Faulkner sono superficiali, ma hanno un senso. Uno dei rapinatori, ferito all'inguine (o giù di lì) e, perciò, impotente, stupra una ragazza con un bastone; poco prima della scena lo sorprendiamo mentre legge "Santuario" (1931); similmente, nel romanzo, è proprio l'impotente Popeye, anch'egli un bandito, a stuprare e deflorare la giovane protagonista (Temple Drake) con una pannocchia.

    Tale romanzo è in stretta connessione col successivo "Requiem for a nun" (1951), dove "nun", monaca, è un termine che assomma il significato di prostituta e di donna che sacrifica sé stessa per il prossimo: il che ricorda abbastanza da vicino la caratterizzazione della Bolkan (che nel film confessa di aver vissuto liberamente prima di assumere i voti).

    Da notare anche il nome del malvivente di Faulkner, Popeye; tale giocoso rimando al mondo del fumetto ha un parallelo nel film: alcuni ingenui manifesti Disney, infatti, campeggiano nelle camere delle ragazze.