LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 22/04/07 19:14 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Noschese fa il verso a Brando: esilarante. Il geniale trasformista tiene da solo sveglio lo spettatore, che per il resto non avrebbe soverchi motivi di divertirsi. Basta però un'inquadratura di Noschese con le gote imbottite d'ovatta per sbellicarsi. Un grande talento, in fondo pochissimo sfruttato dal nostro cinema comico. Peccato!
MEMORABILE: Tizio crivellato davanti a una chiesa. La neo-vedova: "Il mio Mimì! Me l'hanno riempito di piombo!" E Noschese: "Mimì metallurgico"

B. Legnani 29/08/07 00:26 - 4998 commenti

I gusti di B. Legnani

Bizzarro, interessante prodotto parodistico sulle tracce de Il padrino, basato sulle trasformazioni fisionomiche e vocali del grande Alighiero Noschese. Cast molto curioso (Lino Banfi, Satta Flores, Elena Fiore!, Leontini, Vincenzo Falanga! eccetera) che contribuisce a dar vita ad un'operina abbastanza degna. Dirige Prosperi, omonimo del sodale di Jacopetti.

TomasMilia 6/11/07 15:06 - 157 commenti

I gusti di TomasMilia

Una delle poche parodie degnoe di questo nome. Il merito è esclusivamente del grandissimo e mai troppo compianto Alighiero Noschese: la sua imitazione di Marlon Brando nelle vesti del Padrino è perfetta, oltre che esilarante. Noschese interpreta sia il Padrino sia un poliziotto napoletano che non sa farsi rispettare. Quando il primo scoprirà che il secondo è testimone di un omicidio di cui è il mandante, farà di tutto per eliminarlo. Poi invece deciderà di servirsene come sosia.
MEMORABILE: Da antologia le scene in cui si fa la parodia dell’originale.

Renato 16/02/09 11:37 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Più che una parodia è quasi un plagio, visto che la trama (a parte il discorso sul sosia che consente un doppio ruolo al protagonista) è presa all'80% dal film di Coppola. In ogni caso è abbastanza divertente, e Noschese come don Vito Monreale è impressionante per quanto somigliava a Brando. Strano il mix che viene fuori tra attori comici (Banfi, la cui parlata tipicamente pugliese è qui del tutto fuori luogo) e facce truci da poliziesco all'italiana.
MEMORABILE: Il rito dell'iniziazione, identico a quello visto l'anno prima in Joe Valachi.

Geppo 21/04/11 08:02 - 297 commenti

I gusti di Geppo

Si tratta di una simpatica e riuscita parodia del celebre capolavoro hollywoodiano Il padrino. Un film con un ottimo Alighiero Noschese, che qui addirittura si sdoppia per interpretare il padrino Don Vito Monreale e l'ingenuo imitatore e cantante Nick Buglione. Divertente anche il simpaticissimo Lino Banfi nei panni di Rocky Canosa (cognato del padrino). Molto più riuscito rispetto a Il figlioccio del padrino interpretato da Franco Franchi. Curiosa la presenza di Lenny Montana, che interpretò Luca Brasi nel vero Padrino di Coppola.
MEMORABILE: La scena del pranzo a casa del padrino.

Dusso 9/07/11 16:45 - 1548 commenti

I gusti di Dusso

Piuttosto divertente poiché Alighiero Noschese è un padrino perfetto oltre che un grande in tutti i sensi! Parodia riuscita in cui spicca anche Lino Banfi. Insopportabile Minnie Minoprio; meglio allora Haydée Politoff come fidanzata di Noschese.

Caesars 20/02/13 09:29 - 3045 commenti

I gusti di Caesars

D'accordo, l'imitazione che Noschese fa del Padrino di Marlon Brando è perfetta. Ma poi? Il vuoto (e la noia) assoluto. Non c'è storia, non ci sono gag divertenti, gli altri interpreti non brillano certo per la loro prestazione. Insomma, siamo davanti a uno spettacolo decisamente desolante. Ho fatto una fatica immane ad arrivare all'agognata parola fine. Di piacevole c'è la presenza fisica di Minnie Minoprio (assolutamente inutile per lo svolgimento della trama e interprete di un paio di interminabili e soporiferi numeri canori). Inaccettabile. *

Gabrius79 21/08/13 23:37 - 1274 commenti

I gusti di Gabrius79

Filmetto di poche pretese e pochissimi mezzi che si regge sul trasformismo camaleontico e sulle imitazioni del compianto Alighiero Noschese. Se non fosse per questo il film sarebbe di una noia quasi mortale. Gradevole presenza di Lino Banfi che nel corso del film si becca una marea di sganassoni.

Homesick 18/04/15 16:16 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Parodia della celeberrima opera di Coppola - da essa si mutua persino il caratterista Larry Montana in un ruolo pressoché identico -, in cui tuttavia Prosperi non dimentica le proprie origini ed inserisce qualche sparatoria dal tipico segno noir. Già in doppio ruolo, Noschese si prodiga nelle sue strepitose imitazioni - da Brando a Sinatra, da Jerry Lewis a Totò - e divide i doveri comici con la spalla Banfi. Carenti i numeri canori della Minoprio; minimizzata la Politoff.
MEMORABILE: Gli schiaffoni con giravolta a Banfi; il giuramento; il ricevimento di nozze; la pistola ad acqua; il montaggio cresima-eccidio.

Panza 4/05/16 15:37 - 1572 commenti

I gusti di Panza

Non so perché ma mi aspettavo di peggio; invece l'unico tentativo di utilizzare il trasformismo di Noschese (c'era un episodio bruttino del trascurabile film a episodi Obiettivo ragazze) riesce a divertire. Merito di una regia solida che regge i tempi comici di un soggetto non proprio nuovo (il solito stratagemma del sosia) ma anche di un bravissimo Noschese nella caricatura del Padrino (ma ci sono anche sparse qua e là belle imitazioni di Frank Sinatra e di Totò), mentre Banfi è messo un po' in ombra dal protagonista.
MEMORABILE: Il coltello a serramanico gigante.

Raymond Bussières HA RECITATO ANCHE IN...

Gestarsh99 4/05/19 16:14 - 1391 commenti

I gusti di Gestarsh99

Pa(d)r(in)odìa comico-mobsteristica dell'inaugurale mafia-movie coppoliano, col proteiforme Noschese splendidamente "corleonizzato" - con tanto di ovattatura buccale e ciocche canute lato tempie - dal trucco efficientissimo di De Rossi. I meccanismi umoristici del "sosia di paglia" e del doppio ruolo "onesto/disonesto" affidati al protagonista sono i medesimi che verranno poi adottati vent'anni più tardi da Benigni nel suo riuscitissimo Johnny Stecchino; qui però la caricaturizzazione si sminuzza disomogeneamente fra avanspettacolo, vertigini cruente e gomitatine extrafilmiche poco recepibili.
MEMORABILE: Banfi che incassa sberle rotanti; Le sibilline allusioni sarcastiche al "casus belli" di costume che coinvolse una tele-esibizione hot della Minoprio.

Siska80 14/10/20 16:35 - 1605 commenti

I gusti di Siska80

Sulla carta le buone premesse non mancano: la parodia del genere gangster con uno dei boss da grande schermo più famosi al mondo, Don Vito Corleone, avrebbe potuto dare origine a una serie di esilaranti equivoci e situazioni surreali; invece il film si limita a sfruttare (male) l'abusato tema del doppio infilandoci dentro anche una pseudo love story con la bionda svampita di turno. Bravo Noschese, regia professionale (la sequenza dei killer che sparano dalle impalcature, oltre ad essere tecnicamente ben realizzata, sarebbe stata perfetta per un film serio, visto quanto emoziona).
MEMORABILE: I cognomi: Monreale (anziché Corleone), Canosa (interpretato dal pugliese Lino Banfi).
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Undying • 10/02/10 21:18
    Scrivano - 7616 interventi
    Alighiero Noschese e le parodie cinematografiche

    L'indimenticabile Alighiero Noschese (1932-1979), vera e propria icona degli imitatori televisivi, per un lungo periodo della sua carriera si ritrovò a solcare svariati set cinematografici, spesso in coppia con Lando Buzzanca ed Enrico Montesano.

    La maggior parte dei film cui prese parte, spesso in ruoli corposi e sostanziali, erano vere e proprie parodie di pellicole più famose: si va da Io non spezzo... rompo! a Il furto è l'anima del commercio?; ancora: Il prode Anselmo e il suo scudiero, Il terrore con gli occhi storti, Io non scappo... fuggo, Dalla Cina: furia, fifa e karate.

    Anche questo L'altra faccia del padrino, parimenti al mediocre Il figlioccio del padrino (Mariano Laurenti, 1973), altro non è che una parodia di un film passato alla storia del cinema, e può contare non solo sulla fondamentale presenza di Noschese, ma su un cast eterogeneo ed interessante che contempla Stefano Satta Flores (1937-1985), Minnie Minoprio ed un Lino Banfi agli esordi, pur se già promettente.
  • Homevideo Geppo • 22/03/11 11:55
    Addetto riparazione hardware - 4237 interventi
    Ecco la rara fascetta VHS Domo Video di "L'altra faccia del padrino" direttamente dalla Geppo Collection.

    Ultima modifica: 22/03/11 12:59 da Zender
  • Discussione Caesars • 20/02/13 09:33
    Scrivano - 13855 interventi
    Mi sembra che in questo film Stefano Satta Flores sia doppiato. Non mi era mai successo di sentirlo parlare con voce non sua.
  • Musiche Panza • 21/05/16 12:08
    Contratto a progetto - 5014 interventi
    Minnie Minoprio canta Sexy e Ma che diavolo vuoi entrambe scritte da Canfora - Amurri.
  • Curiosità Zender • 4/03/18 18:17
    Consigliere - 44935 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Discussione Gestarsh99 • 6/05/19 18:29
    Scrivano - 18112 interventi
    Durante la primissima esibizione canora di Alighiero Noschese - impegnato a intonare "Strangers in the night" imitando l'ugola e le sembianze di Frank Sinatra - alle spalle del protagonista, tra i quattro membri del complesso musicale che lo accompagna sul palco, si scorge la sagoma riconoscibile di Mirko Baiocchi, colui che di lì a un paio d'anni avrebbe vestito i panni dell'ormai leggendario maestro Canello, il fisarmonicista/bidonatore "artefice" del capodanno farlocco nel primo storico Fantozzi (1975).

    La grana del master non è delle migliori ma il volto del Nostro è inconfondibile:

    STRANGERS IN THE NIGHT

    Ultima modifica: 11/06/19 16:33 da Gestarsh99