Mars attacks!

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Mars attacks!
Anno: 1996
Genere: fantascienza (colore)
Regia: Tim Burton
Numero commenti presenti: 30
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

In quest’epoca di ostinato ripescaggio di mode, usi e costumi di ogni tempo, di rimodernamento ossessivo, di rimasterizzazioni, di restauri di tutto, di rivalutazioni che spesso sconfinano nel ridicolo, non poteva mancare il remake non di un film in particolare, ma di un intero filone: la fantascienza degli anni d'oro, della GUERRA DEI MONDI e GLI INVASORI SPAZIALI (solo per citare le due pellicole più ampiamente rivisitate e parodiate). Che la regia sia di Tim Burton non è un caso: l'autore del primo vero film su Batman ha sempre dimostrato una predilezione per...Leggi tutto la commedia meno convenzionale (pensiamo a BEETLEJUICE) e per gli effetti speciali (in BATMAN per esempio, ma anche nello straordinario NIGHTMARE BEFORE CHRISTMAS, in cui sperimentò a fondo l’animazione di pupazzi di ogni genere). Purtroppo però i difetti congeniti di MARS ATTACKS non sono per nulla trascurabili: sempre indeciso tra la commedia, la parodia demenziale, il desiderio di cercare sempre e comunque una citazione per cinefili, il film fatica seriamente a decollare e prima dell’atterraggio degli alieni si trascina stancamente in spaccati di vita americana che fanno sembrare quelli di INDEPENDENCE DAY veri e propri capolavori di concisione. Fortunatamente l'arrivo dei marziani dà una brusca sferzata al film, che finalmente si rivela per quello che è in fondo è: un enorme videogame paragonabile più a TOY STORY che non alla parodia brooksiana (leggi BALLE SPAZIALI). Entusiasmanti alcuni effetti (la disintegrazione umana immediata delle vittime dei laser, la “vestizione” dei guerrieri alieni), esilaranti alcune trovate (un'esplosione atomica viene convogliata in un mantice e aspirata ghignando dal gran capo degli invasori), ma son troppe le gag che vanno a vuoto e si perdono in tentativi di provocare la risata più facile. Jack Nicholson fa quel che può, ma il suo personaggio è ancora meno convincente del suo omologo interpretato in INDEPENDENCE DAY da Bill Pullman. Danny DeVito fa poco più di una comparsata, Glenn Close idem. Non c'è un filo logico cui far riferimento e ancora ci chiediamo quale debba essere il target al quale il film si rivolge: troppo sciocco per un adulto, troppo furbo per un bambino, il film mantiene solo in parte anche la migliore qualità di Burton: quella fotografia evocativa dai toni bluastri che aveva trasformato BATMAN in un fumetto tridimensionale e EDWARD MANI DI FORBICE in un piccolo culto per amatori. Forse l'unico momento veramente geniale si consuma nei primi cinque minuti proiezione: i titoli di testa, confusi tra mille dischi volanti, sono una stupenda opera grafica da ricordare.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lele Emo 20/06/07 16:11 - 173 commenti

I gusti di Lele Emo

Filmetto, amaro e asciutto filmetto. Pregno di meritevoli effetti speciali, ma troppo ridicolo e spesso sbrecciato in sequenze che nulla centrano con un filone logico narrativo. Nicholson ce la mette tutta e risulta sempre grande nel suo "trasformismo nel trasformismo", vista la dualità della sua parte. Il film è però cieco d'intenti, se non quello di far (ri)vivere una paura che gli americani non hanno più dai'70. A sorpresa un divertentissimo Pierce Brosnan in un personaggio a lui insolito. Cavolata appoggiata a un grande cast.

Puppigallo 21/06/07 23:05 - 4496 commenti

I gusti di Puppigallo

Il film è a tratti spassoso (il padre che vede il figlio militare carbonizzato in diretta TV e dice alla moglie: "Ma no, è tutto finto", o i terribili marziani che fanno esperimenti e tentano di disintegrare una vecchia). Il problema è che, in mezzo all'arrosto di un discreto numero di buone scene, c'è anche troppo fumo (bravi attori piuttosto sprecati). La base di partenza è data da vecchi fumetti americani, ma ciò non toglie che i dialoghi potessero essere curati molto meglio. Bellissimo il robottone con tenaglie e l'intrusa nella Casa Bianca. Vale una visione.
MEMORABILE: I membri del parlamento vengono disintegrati in diretta, con risata della nonna del giovane protagonista.

Caesars 22/06/07 13:55 - 2671 commenti

I gusti di Caesars

Operazione riuscita soltanto parzialmente quella di far rivivere, con molta ironia, la fantascienza targata anni '50. L'idea in se è sicuramente apprezzabile, ma il risultato finale non riesce a convincere appieno in quanto non tutte le fasi del film possono dirsi riuscite, alternando momenti spiritosi ad altri che non raggiungono il bersaglio. La cosa migliore sono indubbiamente gli innumerevoli richiami a vecchie pellicole che gli spettatori più attenti (e, purtroppo, meno giovani) potranno cogliere. Vedibile.

Cotola 13/02/08 23:49 - 7449 commenti

I gusti di Cotola

Grandioso apologo comico-fantascientifico sull’idiozia umana attraverso il quale Burton dileggia gli pseudo-valori americani e della nostra società. Il tutto ispirandosi alla fantascienza anni Cinquanta e dando vita ad un film coloratissimo, dallo stile rutilante e dal ritmo piuttosto scatenato. Una serie ininterrotta di idee, gag, cattiverie e via dicendo. Ingiustamente considerato uno scivolone nella carriera del regista è invece uno dei suoi film migliori. Certamente il più divertente.

Capannelle 21/11/07 16:37 - 3700 commenti

I gusti di Capannelle

Film originalissimo, che non va preso troppo sul serio o almeno questo pare l'intento del regista. Anche se rimane la sensazione che la parodia prenda troppo il sopravvento e l'equilibrio ne risenta. È comunque sempre efficace, Tim Burton, a ridicolizzare miti e istituzioni americane. Le scene da gustare sono: la carnevalata di benvenuto ad uso tv, le disintegrazioni alla casa bianca, tutti gli esperimenti alieni, l'aliena sexy. Sprecati alcuni grandi nomi del cast, tipo Nicholson o De Vito. Si ride di pancia, insomma, ma a sprazzi.

Galbo 18/11/07 08:40 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Uno dei film di Burton più (a torto) sottovalutati da pubblico e critica, Mars Attacks! è invece una deliziosa parodia del genere fantascientifico datato anni 50 (genere Ultimatum alla terra) in cui il tema alieno rifletteva la paura americana del diverso (anche politicamente) rappresentato da figure aliene. Tutto questo mette in scena Burton avvalendosi di un ottimo comparto di effetti speciali e sopratutto di un cast di primissimo livello: la coppia presidenziale Nicholson/Close alle prese con gli alieni è da antologia. Molto bravo Brosnan.

Undying 22/11/07 20:40 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Con tutto il rispetto per il melanconico (e bravissimo) Tim Burton, bisogna segnalare che Mars Attacks! funziona solo per un pubblico "domenicale", composto dalla classica coppia di coniugi (magari con prole annessa) intenzionata a passare la canonica ora e mezza senza pensieri gustandosi un film confezionato con buona tecnica, tanti effetti speciali e poca logica. Diverte per la prima mezz'ora, poi diventa ripetitivo, talvolta noioso, talaltra antipatico. Fumettone inconcludente, che sperpera un cast "stellare"...

Renato 28/09/08 14:44 - 1528 commenti

I gusti di Renato

Molto divertente, anche se forse le singole sequenze prese da sole valgono più del film intero. Burton fa una satira semplice ma intelligente, senza ovviamente prendersi troppo sul serio (sarebbe stato imperdonabile, visto il tema trattato) e soprattutto gira un film che fa davvero ridere. I personaggi sono numerosi e non sempre gli incastri tra le varie sotto-trame funzionano come dovrebbero, ma tutto sommato sono difetti trascurabili. Nel notevole cast, spicca un Jack Nicholson gigione oltre il limite della decenza.
MEMORABILE: Gli ultimi 5', specie quando nel rifiorire della natura appare Tom Jones e parte "It's not unusual".

Fabbiu 2/11/08 11:55 - 1930 commenti

I gusti di Fabbiu

Nato sulla scia del coetaneo Independence day di cui d'altra parte è caricatura, è un film che del resto preserva i tipici ingredienti burtoniani: la fantascienza classica (con l'evidentissima citazione al film La terra contro i dischi volanti) e i colori enfatizzati, non tendenti al dark questa volta ma alla vivacità come ai tempi di Pee-Wee's Big Adventure. Effetti speciali saggiamente cartooneschi che si possono godere ancora oggi e trovate molto funzionali. Buoni ritmi ma, ahimè, comicità poco sostanziale e spreco di attoroni.

Ciavazzaro 17/11/08 14:38 - 4758 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Gustosa parodia della fantascienza americana anni '50. Ricco e variegato il cast: si parte da Nicholson a Steiger generale vecchio stile, De Vito, Brosnan, Fox, la Grier e la Sydney! Non male l'ironia che pervade la pellicola, gli effetti speciali, le teste rotolanti nell'astronave, il make-up degli spaziali. Gioiellino.

Pigro 1/12/08 10:18 - 7728 commenti

I gusti di Pigro

Invasione di terrificanti marziani minaccia la terra. Incredibile come Tim Burton riesca a mettere a segno un film che è contemporaneamente una spassosa parodia di genere, un'arguta summa di citazioni filmiche, una feroce satira nei confronti dei miti americani, un raffinato incubo visionario e un folle carosello di fantasiose trovate in libertà. C'è tutto e c'è niente, e c'è almeno una decina di star che si divertono nel farsi esplodere in pappa dagli orridi alieni. Gustoso.

Brainiac 23/02/09 08:46 - 1082 commenti

I gusti di Brainiac

Pur essendo un fan sfegatato di Burton, questo film non riesco proprio a farmelo piacere. Di sicuro l'intento è satirico, ma la sceneggiatura non convince né sul versante comico (il pur bravo Nicholson nella malriuscita figura dell'affarista senza scrupoli), né in quello delle trovate fantascientifiche (la testa innestata sul corpo di cane non so perché, ma l'ho trovata di cattivo gusto). Notevole la sequenza con la mandria in fiamme e divertente l'aliena seduttrice. Troppo poco, per un cast del genere ed un'argomento così attraente. Passo falso.

Ford 24/05/09 20:04 - 582 commenti

I gusti di Ford

Burton confeziona un giocattolone citazionista e colorato, ma la sceneggiatura? I dialoghi? E poi troppi troppi personaggi: per presentarceli Burton ci mette una vita, ci vuole davvero troppo tempo prima di vedere qualche mostro verde e nonostante tutto i personaggi rimangono tremendamente stereotipati, il che non sarebbe un male se il film non fosse così centrato su di essi; rimangono tante divertenti citazioni, qualche buona gag e un fantastico Tom Jones icona trash. Peccato perché poteva venir fuori una bomba, ma manca di decisione.

Tomslick 24/05/09 10:04 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Il Tim Burton che preferisco. Parodia della fantascienza classica ma, per fortuna, non solo: lo è anche dei millanta altri difetti insiti nell'essere umano. Cast stellare (un tantino sprecato, anche a causa della non lunghissima durata del film, che impone di restringere le parti dei divi), al servizio di una storia che è sì non benissimo definita nelle sue varie implicazioni, ma che comunque rimane piacevolissima e piena d'idee, in un susseguirsi di trovate spiritosissime. Crudelmente assurdi i marziani: sono un vero spasso. "Ak! Ak! Ak!"

Matalo! 26/05/09 12:40 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Qualcuno dovrà far notare a Mereghetti che Burton, tra i tanti meriti, ha il difetto di essere un narratore dispersivo. Anche in questo film, che non sempre riesce a tenere la tonalità umoristica prefissa, molti sono i momenti godibili ma nell'insieme sfugge l'intento satirico e parodistico. Non basta un duplice Nicholson o un'adorabile rediviva Silvia Sydney a coagulare il tutto. Gli alieni sono ispirati dalle figurine Topp's degli anni 50, ritirate dal commercio perché spaventosi.
MEMORABILE: L'alieno che uccide la colomba della pace.

Greymouser 21/06/10 00:06 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Divertente e corrosivamente satirico, questo film considerato minore di Burton prende allegramente per i fondelli tutta la retorica americana distillata in decine e decine di storie sugli alieni piene di buoni sentimenti. La malvagità grottesca e gratuita degli odiosi extraterrestri fa da contraltare alla stupidità del genere umano. Si sorride, ma non si salva nessuno.

Piero68 8/11/10 12:39 - 2754 commenti

I gusti di Piero68

In bilico tra il grottesco e la black-comedy. Burton volutamente gira in stile b-movie omaggiando e parodiando allo stesso tempo tutto lo sci-fi prodotto negli anni 50-60. Io lo trovo abbastanza geniale così come la rappresentazione degli alieni in stile fumettistico ispirata a vecchie figurine. La scenegiatura forse non brilla ma è evidente che scimmiotta la solita retorica U.S.A. di primi della classe ad ogni costo. Cast ben assortito con svariate apparizioni indovinate. Nicholson solito gigione imprevedibile, Brosnan ispirato.

Gestarsh99 7/01/11 00:31 - 1314 commenti

I gusti di Gestarsh99

L'autore di Edward mani di forbice accantona momentaneamente le proprie rivisitazioni dark di horror alla Bava e gotici cormaniani per rendere un plateale omaggio ad un'altra delle sue grandi passioni cinefile: la fantascienza a stelle e strisce anni '50. Attingendo sapientemente da cult-movie come La guerra dei mondi e Gli invasori spaziali, Burton mette su una divertentissima parodia citazionista dai colori vividi e dalle trovate geniali, un'opera popolata da un multiforme cast attoriale e governata dalle smorfie istrioniche di un ineffabile Jack Nicholson.
MEMORABILE: Il presidente USA più stupidamente "ecumenico" della storia del cinema (Nicholson) che tenta di stringere un patto di non aggressione con gli alieni...

Belfagor 7/01/11 20:21 - 2621 commenti

I gusti di Belfagor

Burton fa un passo falso con una pellicola che non è né carne né pesce, in cui l'ironia potenzialmente caustica e feroce viene diluita dopo la prima mezz'ora. Gradevole l'impianto grafico, senza dubbio, ma è proprio il meccanismo a non convincere: pare più che altro una riunione di star (di talento apprezzabilissimo, certo) che giocano a fare i bersagli mobili per i marziani. Qualche sprazzo allettante qua e là c'è, ma la mancanza di ritmo e l'antipatia voluta ma troppo calcata rendono il film piuttosto pesante.
MEMORABILE: "No, è tutto finto, cambio canale!"

124c 6/04/11 11:57 - 2762 commenti

I gusti di 124c

Questa pellicola di fantascienza, datata 1996, non vuol fare dell'America l'eroica super-potenza del film di Rolland Hemmerich, Independence day; anzi, non risparmia frecciate e sarcasmi, spesso anche cattivi, affidandoli a Jack Nicholson e compagnia. Per il resto è un buon film di Tim Burton, dove si respira aria di cinema anni '50/60, basato su una serie di figurine piene di astronavi, macchinari strani e mostri dispettosi. Reputo, quindi, Mars Attacks un film riuscito, forse poco capito da chi ama questo genere di cinema. Geniale.
MEMORABILE: Jack Nicholson che interpreta due ruoli distinti: presidente degli Stati Uniti d'America e ironico cowboy proprietario di un casinò a Las Vegas.

Siregon 8/07/11 21:48 - 353 commenti

I gusti di Siregon

Insopportbile esercizio di stile mascherato da omaggio alla fantascienza anni 50. Sprecato un cast di notevole impatto, noiosa e banale la sceneggiatura. Si salvano le scenografie e il design retro degli alieni, davvero ispirato. Nicholson gigioneggia come al solito ma è poco incisivo, l'umorismo nero non graffia e dopo qualche gag divertente all'inizio si ha voglia di spegnere. Gustoso qualche spunto a Las Vegas, ma niente più.

Zardoz35 16/08/11 00:24 - 245 commenti

I gusti di Zardoz35

Un buon film, da non prendere troppo sul serio, ma che nella prima parte ci offre un esilarante spaccato dell'americano medio. Quando lo spettatore inizia a chiedersi dove siano finiti gli alieni, eccoli: mostri bruttissimi che arrivano da un incubo stile anni Cinquanta e polverizzano mettendo in ridicolo chiunque trovano sulla loro strada. Nicholson è come sempre all'altezza della situazione, peccato che De Vito regali solo una breve comparsata. Finale che fa riflettere.

Disorder 21/12/12 11:59 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

La prima incursione di Burton nel mondo della fantascienza non poteva che essere un omaggio all’amato Ed Wood e alle sue stoviglie-disco volante, oltre che al caro vecchio sci-fi anni '50. Anche se gli effetti sono ottimi, tutto è palesemente finto e artificioso. Anche la trama è volutamente ingenua, con le consuete stoccate ironiche alla società americana. Un film divertente ma un po’ ridondante, anche per via del cast chilometrico (pur di qualità), con troppe storie che vanno a sovrapporsi e intrecciarsi. Ma ci si diverte e tanto basta...

Paulaster 21/03/18 09:55 - 2725 commenti

I gusti di Paulaster

Arrivo a sorpresa degli alieni con scopo tutt’altro che pacifico. Burton si traveste da Mel Brooks per parodiare simpaticamente il genere fantascientifico: più leggero fin quando si è nella fase dell'approccio, diviene ripetitivo con le distruzioni. Antimilitarista e ambientalista, critica anche certa grossolanità americana. Cast di ottimi nomi: Nicholson diverte coi modi buzzurri di Las Vegas.
MEMORABILE: I massi di Stonehenge buttati giù come dei birilli; Brosnan che ci prova con la presentatrice; Gli alieni che guardano Hazzard.

Taxius 1/05/17 22:49 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Divertente parodia della fantascienza anni 50 che vede come protagonisti una popolazione di mostriciattoli verdi il cui desiderio è conquistare la terra. Tim Burton mette in piedi un film molto colorato e spassoso, con ottime gag e soprattutto con un cast eccezionale, su cui primeggia il grande Nicholson. Bello ma non eccezionale.

Festo! 31/08/18 11:13 - 78 commenti

I gusti di Festo!

Con un cast così strabiliante ci si aspettava un capolavoro. Gli attori invece sono estremamente sprecati. Colpa di una pessima sceneggiatura, di un'idea abbastanza banale (gli alieni che invadono la Terra, che fantasia...) e di un'orribile computer-grafica. Più si procede con la visione, più la situazione peggiora; il finto "colpo di scena" finale, nel dialogo tra Nicholson e il capo alieno, è letteralmente imbarazzante. Occasione sprecata è dir poco, Tim Burton ha fatto di meglio!
MEMORABILE: "It's not Unusual" nel finale, ottima canzone di Tom Jones.

Rocchiola 25/06/19 15:22 - 854 commenti

I gusti di Rocchiola

Non una parodia, più propriamente una satira sulla stupidità della razza umana in chiave fantascientifica. I marziani di Burton sembrano essere venuti sulla Terra per punire i peggiori vizi umani come il sesso, la vanità e la bramosia di denaro e potere. La morale è chiara alla fine sono i puri di cuore a sopravvivere salvando l’umanità intera. Cast ricchissimo, scenografie vintage ed effetti speciali all’altezza, il film non ha davvero nulla da invidiare a kolossal come Indipendence day, che era molto meno spassoso.
MEMORABILE: La distruzione dei principali monumenti terrestri; DeVito baratta la sua vita con un Rolex; L'esecuzione finale di "It's Not Unusual" di Tom Jones.

Daniela 6/11/19 00:03 - 9200 commenti

I gusti di Daniela

"Ho visto vacche in fiamme ai confini di..." Ah, no, quello è un altro film: qui siamo nel campo della fantascienza più folle, con marziani deliziosamente sadici dal look ispirato ad una serie di figurine, ben decisi a sterminare un genere umano che forse non merita altro, a parte pochi destinati a sopravvivere. Cast di gran lusso palesemente divertito, effetti speciali volutamente naif, trovate demenziali a iosa (l'"arma" decisiva contro gli invasori le batte però tutte), per uno dei film più originali e felicemente assurdi di Burton, purtroppo poco apprezzato dal pubblico alla sua uscita.

Thedude94 22/04/20 23:48 - 535 commenti

I gusti di Thedude94

Un'invasione aliena completamente originale. Burton come regista e ideatore è il punto di maggiore forza, vista la caratterizzazione dei personaggi principali e la forma dell'alieno. Difficilmente infatti questi non umani usciranno dalla mente finito il film; proprio per il fatto che sono grotteschi, ambigui e sembrano divertirsi da matti. Il cast è meraviglioso, con un Nicholson in duplice veste davvero convincente. Effetti speciali ottimi e scenografie molto buone.

Jena 25/01/20 20:29 - 1168 commenti

I gusti di Jena

Burton, in ottima forma, ci regala una divertentissima parodia della fantascienza anni 50, con astronavi, marziani e armamentario vintage. Ma il nostro nella sua opera paradossalmente più "politica" spara ad alzo zero su tutto: l'idiozia dei media, l'incompetenza della scienza boriosa e saccente, il buonismo pacifista del dialogo a ogni costo, la doppiezza e incapacità dei politici (indimenticabile il presidente inetto e infingardo di Nicholson, parodia di Clinton). Cast pazzesco, anche se forse i personaggi sono troppi e alcuni inutili.
MEMORABILE: Il primo incontro coi marziani; Jack Black; La prostituta marziana della Marie; Gli esperimenti marziani su Brosnam e il cane.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 17/07/09 09:46
    Vice capo scrivano - 5596 interventi
    Warren Beatty venne inzialmente scelto per il ruolo del presidente degli Stati Uniti.

    Johnny Depp rifiutò il ruolo del regista Jason Stone.

    Fonte: Imdb
  • Discussione Capannelle • 8/01/11 19:43
    Scrivano - 2495 interventi
    Ha ragione Gestarsch: il film è un raro esempio di presidente Usa con la coda tra le gambe. Tutti gli altri sono onnipotenti (vedi Emmerich) o, anche se ridicolizzati, pensano comunque di potere tutto (vedi Kubrick).

    Mentre dissento dal parere di Undying che questo sia un film per famiglie domenicali senza pensieri.
    Ultima modifica: 8/01/11 19:45 da Capannelle
  • Discussione Gestarsh99 • 9/01/11 01:46
    Scrivano - 14020 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    Ha ragione Gestarsch: il film è un raro esempio di presidente Usa con la coda tra le gambe. Tutti gli altri sono onnipotenti (vedi Emmerich) o, anche se ridicolizzati, pensano comunque di potere tutto (vedi Kubrick).

    Più che un personaggio codardo e pronto alla sottomissione, a me quello di Nicholson è apparso come un presidente desideroso di mostrarsi più grande e magnanimo di quanto in realtà non fosse, quasi che pretendesse di recitare una parte volutamente estranea al classico stereotipo USA (quello del militarista pragmatico ed intollerante alla John Wayne) proprio per acquisire un tono "ecumenico" agli occhi della popolazione. Una figura a cui finalmente viene offerta l'opportunità di dimostrare qualità carismatiche ed "attira-consensi" (come larghezza di vedute ed indole pacifica e progressista) che in realtà non ha mai posseduto.
    Improvvisarsi ciò che non si è e farlo addirittura in una situazione delicata e fondamentale come quello dell'incontro con una civiltà extra-terrestre, può essere soltanto definito un atteggiamento da stupidi.

    Ecco perchè ho scritto "il presidente USA più stupidamente ecumenico della storia del Cinema".
  • Homevideo Gestarsh99 • 20/10/11 00:37
    Scrivano - 14020 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Warner Home Video:



    DATI TECNICI

    * Formato video 2,40:1 Letter Box 1080p
    * Formato audio 2.0 Stereo Dolby Digital: Tailandese Ceco
    5.1 Dolby Digital: Italiano Francese Spagnolo Tedesco
    5.1 DTS HD: Inglese
    * Sottotitoli Spagnolo Francese Olandese Coreano Greco Danese Tailandese Svedese Rumeno Portoghese Norvegese Finlandese Ceco Cinese
  • Homevideo M.shannon • 17/09/13 04:26
    Disoccupato - 312 interventi
    Blu Ray Warner Home Video eccellente (fotogramma minuto 1:27:32)

    Ultima modifica: 17/09/13 08:37 da Zender
  • Homevideo Galbo • 17/09/13 05:54
    Gran Burattinaio - 3746 interventi
    Il primo dvd comprato nel lontano 1999
  • Homevideo Rocchiola • 25/06/19 15:23
    Call center Davinotti - 1123 interventi
    L'edizione in bluray è ottima !!!