La maledizione di Damien

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Damien - Omen II
Anno: 1978
Genere: horror (colore)
Regia: Don Taylor, Mike Hodges (n.c.)
Note: sequel di "Il presagio". Seguito da "Conflitto finale" e "Omen IV - presagio infernale"
Numero commenti presenti: 25
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Il seguito de IL PRESAGIO (bella variante hollywoodiana sul tema dell’ESORCISTA) ne è in sostanza quasi un remake: Damien (Jonathan Scott-Taylor) è cresciuto e sette anni dopo la morte di suo padre vive con lo zio (William Holden) e il cugino, suo coetaneo, nel lussuoso palazzo dei Thorn. Non è ancora consapevole del suo potere, né della sua vera identità, ma intorno come sempre gli ronzano da una parte gli emissari del demonio che gli suggeriscono di prendere coscienza di sé, dall'altra coloro che lentamente si convincono di aver a che fare con l'anticristo e provano ad allarmare lo zio (che ha sostituito perfettamente la figura di Gregory Peck sovrapponendovisi in tutto e per...Leggi tutto tutto). In pratica, al di là di una poco sviluppata lotta interiore del tredicenne Damien, il regista Don Taylor cerca di riproporre il medesimo clima cupo (utilizzando ancora musiche e litanie) del primo capitolo), senza rinunciare a una certa grandeur da vecchia Hollywood. Fallisce però nella costruzione delle atmosfere, non più così opprimenti e drammatiche. DAMIEN - OMEN II è molto più solare, gli effetti speciali indugiano più volgarmente nello splatter senza ottenere risultati memorabili e il finale sembra proprio tirato via, mancando della necessaria intensità. Ci vuole già molto prima di entrare nel vivo della vicenda e se quando ci si arriva non si riesce a proporre nulla di nuovo ricalcando malamente le idee del modello originale c'è poco da stare allegri. Fortunatamente la confezione è scintillante, il cast funziona e come horror questo sequel si lascia vedere senza troppi rimpianti. Un giovane Lance Henriksen interpreta il sergente Neff.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 4/06/07 21:51 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Sulle orme del mefistofelico Damien (qui adolescente) lo spettatore è portato a seguire, con ansia e paranoia, la diabolica successione, funestata da una lunga (e violenta) catena di suicidi/omicidi. La diafana presenza del Demonio si avverte a livello inconscio e la visione del film si protrae dietro la vaga (ma intensa) sensazione di malessere generata dalla "plausibilità" (biblica) della vicenda. Più gore de Il Presagio, mantiene inalterato il livello artistico del progenitore centrando in pieno l'obiettivo: divertire.

Pol 6/12/07 21:21 - 589 commenti

I gusti di Pol

Maldestro tentativo di creare una saga che, escludendo il capostipite, non ha senso di esistere. Qui assistiamo ad un Damien adolescente che lentamente (anche troppo) apprende il suo destino. Un capolavoro di ripetitività: Damien si arrabbia con qualcuno, lo guarda in cagnesco e questi muore in maniera più o meno strana. Tutto così, fino alla fine. In sintesi: aumento di budget, regia meno che anonima e poca convinzione generale. Esattamente come il seguito de L'esorcista: buffo, no?

Cotola 11/02/08 23:44 - 7458 commenti

I gusti di Cotola

Damien è sopravvissuto al tentativo di ucciderlo del padre ed ora, una volta cresciuto, cerca di impossessarsi del mondo. Sequel piuttosto modesto rispetto al primo capitolo che, pur non essendo malvagio, non riesce però a creare la tensione che era il piatto forte del film precedente. Il problema principale è la noia che, a tratti, fa capolino in maniera preponderante.

Ciavazzaro 13/04/08 14:14 - 4758 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Bel seguito della serie, che non lesina in buoni attori: William Holden e Lee Grant nel ruolo della coppia di zii che addotta il diabolico Damien, la divina Sylvia Sydney Foxworth, Ayres. Il prologo col cameo di Ian Hendry è davvero godibile, non mancano gli effettacci (memorabile l'ascensore che trancia di netto il povero ricercatore che ha scoperto troppo sull'identità di Damien). Il finale e soprattutto, ancora una volta, il tema di Jerry Goldsmith, promossi a pieni voti.
MEMORABILE: La fine della giornalista sull'autostrada.

Daidae 19/07/09 16:50 - 2728 commenti

I gusti di Daidae

Inferiore al primo ma comunque riuscito. Per certi versi ricalca in pieno il suo predecessore (il figlio del demonio, ben due alleati "segreti") mentre certe trovate sono davvero incomprensibili come il patto proposto a Damien al fratellastro che pare davvero adorare. Rispetto al Presagio ci sono molte più scene di sangue.
MEMORABILE: L'uomo sotto il ghiaccio.

Galbo 26/07/09 22:50 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Non privo di un certo gusto stilistico e visivamente ben realizzato, il sequel del bel film di Donner pecca sul piano della sceneggiatura che mostra scarsa inventiva ed è costretta a rifugiarsi nel "gore" per supplire la mancanza di fantasia. Il film è comunque piuttosto godibile grazie alla presenza di un ottimo cast.

Enzus79 21/11/10 10:14 - 1759 commenti

I gusti di Enzus79

Tutto quelle che di positivo c'era nel primo film qui sparisce (o almeno in parte). Omen diventa un discreto horror. Le scene degli omicidi sono girate benissimo, ed è il finale che non convince del tutto. Taylor non è Donner, Holden non è Peck. Peccato...

Tarabas 2/05/10 12:44 - 1687 commenti

I gusti di Tarabas

Damien è cresciuto e il suo destino gli viene rivelato. Seguito de Il Presagio, non ne ha l'originalità e soprattutto la compattezza. La manifestazione del male è più evidente e granguignolesca, quindi più convenzionale e banale. Il cast è sempre buono, con William Holden a prendere il posto di Peck. Il tentativo di introdurre temi più concreti, come il parallelo tra il male e i maneggi del potere economico, è piuttosto scontato. Meglio i momenti di pura tensione scenica, come del resto accadeva nel primo episodio.

Puppigallo 6/11/10 17:05 - 4498 commenti

I gusti di Puppigallo

Questo giovane anticristo, che all'inizio si rende poco conto di ciò che è, non mi ha convinto più di tanto, soprattutto per colpa di una sceneggiatura che segue pedissequamente il clichè che vede tutti quelli che interferiscono col mostriciattolo finire uccisi (ma non è così che si crea tensione; non basta un corvo che fa il lavoro sporco, o un'occhiataccia del diavoletto). In più, la pellicola arranca non appena il protagonista si defila e di veri guizzi non c'è ombra. Mediocre su tutta la linea ma vedibile, visto che almeno dura il giusto. Non male la figura del sergente.
MEMORABILE: La meretrice di Babilonia; La fine splatter del dottore ficcanaso.

Trivex 18/11/10 13:52 - 1480 commenti

I gusti di Trivex

Frequentemente succede di rivedere un film e rammentarsi di ricordarselo bene. Non ho colto una grande continuità rispetto a quando il figlio malefico era piccolo, ma forse era il fanciullo maledetto a prestarsi meglio alla storia, rispetto all'adolescente del 666. Tranquilli, è lontano dal classico teenhorror, anche se il sangue scorre un po' meglio di prima. Rimane presente l'atmosfera grigia ed asfissiante, pur con qualche tregua in più. La tecnica è buona e la violenza progredisce; la consapevolezza pure di essere un secchione satanico!
MEMORABILE: Dopo le incredibili risposte date al professore di storia, risulta solo sufficiente in tale materia.

Herrkinski 15/03/11 23:03 - 5032 commenti

I gusti di Herrkinski

Non all'altezza del prototipo, tuttavia un buon sequel. L'ovvia idea di continuare a mostrare la crescita di Damien (qui adolescente) è realizzata con inaspettata cura e valorizzata da una messa in scena da vero film di serie A. Gli accenni splatter dell'originale vengono qui incrementati, creando alcune coreografie di morte veramente impressionanti, tra l'altro ben girate. Talvolta il film è un po' troppo verboso, il finale non convince appieno (vera pecca di tutti i sequel della serie), ma l'atmosfera c'è e il cast regge. Decisamente buono.
MEMORABILE: L'omicidio in ascensore.

Buiomega71 24/03/11 18:12 - 2231 commenti

I gusti di Buiomega71

Ottimo sequel, che da Donner passa al sottovalutato Don Taylor. L'unica pecca è la mancanza dei feroci rottweiler (al loro posto un nero corvaccio) ma guadagna nelle scene violente. Il giovane protagonista (figlio del regista?) dà un buon spessore ai tormenti del giovane anticristo e le scene all'accademia militare sono ottime, con un luciferino Lance Henriksen. Il finale è bello teso e ricorda i nostri gotici degli anni '60. Buona atmosfera e ancora ottime le musiche di Goldsmith, sempre di grande impatto. Ottima Lee Grant. Piccolo cult.
MEMORABILE: L'"argentiana" morte del dottore nero in ascensore; l'attacco del corvo e il camion che arriva; il finale.

Pinhead80 6/04/11 09:42 - 3891 commenti

I gusti di Pinhead80

Secondo capitolo della saga che vede come protagonista Damien, ovvero l'incarnazione del male, l'anticristo. Questa volta vediamo la sua vita da tredicenne, con la presa di coscienza della sua reale natura e quindi della morte delle varie persone che si accorgono di questa natura e cercano di contrastarlo. Le buone atmosfere e il cast all'altezza (che a dir la verità sembra molto simile al primo film, pur cambiando gli attori) fanno il resto. Un buon seguito che prepara al terzo capitolo.

Rigoletto 14/10/13 16:07 - 1500 commenti

I gusti di Rigoletto

Gran bel sequel che riesce nell'impresa di preservare praticamente intatta quell'atmosfera maligna che già aleggiava sul primo film, anche se qualitativamente non si raggiungono gli stessi livelli. Ghiotto boccone per gli amanti del genere, può vantare un ottimo cast che sa rendere giustizia alla sceneggiatura. Holden non fa rimpiangere Peck, né il cambio alla regia produce scossoni così abissali. Sempre bella la musica di Jerry Goldsmith (compositore di colonne sonore tra i meno premiati della storia). ***!
MEMORABILE: L'incrocio di sguardi di Damien con un suo compagno; L'interrogazione; Il muro di Igael.

Nicola81 28/01/14 15:00 - 1925 commenti

I gusti di Nicola81

Alimentate da un promettente incipit, le speranze di assistere a un sequel all'altezza vengono frustrate da una sceneggiatura troppo ripetitiva e quasi mai capace di trasmettere la tensione e l'angoscia che serpeggiavano nel film precedente. In compenso il cast funziona, le morti sono ben coreografate e la colonna sonora di Jerry Goldsmith ancora una volta assolve in pieno il suo dovere. Nel complesso non male, ma nulla a che vedere con il primo capitolo, del quale, a dire il vero, sembra più il remake che il seguito.
MEMORABILE: L'incipit; La meretrice di Babilonia; Le morti della giornalista e del dottore.

Luchi78 19/02/14 16:01 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Seguito non entusiasmante del primo impareggiabile capitolo della serie. Don Taylor riprende il plot iniziale per riproporre fondamentalmente la stessa storia, ma perdendo sul fronte di un'ambientazione fin troppo distaccata dal tema esoterico affrontato. Insomma, questi ragazzini che frequentano l'accademia militare poco hanno a che fare con gli emissari del diavolo e l'eterna lotta tra il bene e il male. Effetti speciali fin troppo prevedibili.

Tomastich 15/04/14 21:16 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Sequel del capolavoro di Donner che si muove (a volte nell'incertezza) sempre nel solco dell'horror demoniaco. Damien adesso sa, è conscio dei propri poteri e farà di tutto per ostacolare chiunque si ponga sul suo sentiero infernale. Buona l'interpretazione del giovinetto satanasso, mentre William Holden a volte non è a proprio agio nei panni dello zio.

Minitina80 3/05/16 17:39 - 2304 commenti

I gusti di Minitina80

Qualcosa inevitabilmente si è perso per strada, ma non al punto da scendere sotto la soglia della sufficienza. Il clima opprimente e grigio si è mantenuto inalterato e tutti gli omicidi sono ben congegnati e ripresi. Il personaggio di Damien, poi, è approfondito a dovere e c’è spazio per mostrare il turbamento della sua presa di coscienza. Tuttavia è pensato per essere un capitolo di passaggio e questo forse può essere il suo unico limite, perché le idee su cui si sviluppa sono esili.
MEMORABILE: La morte della giornalista.

Pesten 19/09/18 07:59 - 632 commenti

I gusti di Pesten

Se il primo capitolo rimane irraggiungibile, c'è da dire che questo sequel continua a essere un film più che dignitoso. Certe atmosfere vengono a mancare ma rimane quel substrato di malignità velata ma nettamente presente. Il ruolo di Damien è affidato a un giovane attore che riesce nell'intento di sembrare lindo e puro ma che il momento dopo ti spezza semplicemente con lo sguardo. Le musiche continuano a essere protagoniste e a rendere i (tanti) momenti gore ancora più neri. Film sottovalutato, soprattutto considerando i successivi.

Anthonyvm 4/01/19 19:27 - 1786 commenti

I gusti di Anthonyvm

Non siamo senz'altro ai livelli del primo, ma questo sequel tenta per lo meno di trovare una propria strada approfondendo la figura di Damien (che nel predecessore era una figura quasi marginale, in effetti). Notevole il cast, come sempre molto belle le musiche di Goldsmith, il plot riserva qualche sorpresa e alcune scene d'impatto, ma nel complesso si fa presto ripetitivo (chiunque intralci l'avanzata dell'Anticristo muore in incidenti stile Final destination, tutto qui), inoltre si avverte una mancanza di pathos nel climax finale. Decente.
MEMORABILE: Il corvo assassino; L'incidente con l'ascensore; La sorpresa finale.

Giùan 4/09/19 07:27 - 2929 commenti

I gusti di Giùan

Il seguito di Omen non può competere col primo capitolo per profondità e senso, conservando tuttavia il luciferino fascino dell'imperfezione, segnato da una certa furia cinematografica. Così, se la vertigine splatter del succedersi di "assassinii" prende implacabilmente il sopravvento sul climax infernale, l'attesa del prossimo brivido resta spasmodica. Decisivo nella resa il cast, a partire dal gelidamente combattuto Scott-Taylor.
MEMORABILE: La grande Silvia Sidney; La morte "per ghiaccio" e quella in ascensore; La musica di Goldsmith; L'incipit con Leo McKern.

Hackett 25/03/20 12:14 - 1721 commenti

I gusti di Hackett

Forse leggermente inferiore al capostipite, probabilmente per l'assenza di Donner alla regia, questo secondo capitolo comunque non delude proseguendo degnamente la saga di Damien, anticristo in erba qui adolescente diviso tra affetti familiari e "chiamata" alla sua missione di morte. Come sempre gli omicidi demoniaci sono gustosi e il cast (impreziosito da William Holden) è all'altezza.

Siska80 21/02/20 16:54 - 512 commenti

I gusti di Siska80

Non all'altezza del capostipite, ma comunque un bel film, con un ottimo cast, un ritmo serrato, alcune sequenze mozzafiato (quella dell'attacco dei corvi ispirerà Dario Argento in Opera) e una storia coinvolgente (il legame sincero tra i due cugini inevitabilmente sconvolto dalla scoperta della vera identità di Damien). Ben tratteggiato il personaggio del giovane protagonista, che evolve, purtroppo in negativo, con la piena coscienza di sè e del ruolo che gli spetta sulla terra. Lodevole.

Pumpkh75 2/07/20 14:43 - 1299 commenti

I gusti di Pumpkh75

La grana si ispessisce: svanito ogni effetto sorpresa, la toppa nella quale viene infilato il passepartout è la trasformazione della componente biblico-satanica in quel meccanismo quasi slasher che riesce sorprendentemente a funzionare, probabilmente grazie alla sanguinosa varietà di soluzioni con la quale Damien si toglie i bastoni dalle ruote (la scena dell’ascensore fa capolino negli incubi ancora oggi). Comparto attori/regia sufficiente, ma la maestosità e la convinzione del primo capitolo vengono sepolte con Leo McKern. Ben piazzato ma rustico.
MEMORABILE: L'ascensore!

Claudius 4/07/20 16:56 - 401 commenti

I gusti di Claudius

Accettabile sequel di uno dei più begli horror di sempre. Se da un lato il cast è buono (soprattutto Holden, la Sidney e Scott-Taylor), "Omen II" sbaglia a pigiare troppo sullo splatter (per quanto la scena in ascensore sia ottima, come anche quella sul molo) facendo perdere il fascino del precedente. Si può vedere, ma la noia è in agguato e il film risente del cambio di regia.  
MEMORABILE: La morte in ascensore.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Ciavazzaro • 10/04/09 12:06
    Vice capo scrivano - 5596 interventi
    Strano a dirsi ma la copia mediaset e' integrale in tutte le scene di sangue (e non e' poco considerando che il primo capitolo della serie assai meno violento sulle reti mediaset passa tagliato).
  • Curiosità Ciavazzaro • 11/04/09 11:53
    Vice capo scrivano - 5596 interventi
    Lew Ayres, nonostante la sua età, decise di interpretare le scene nelle quali cadeva dentro il ghiaccio (la scena con lui sotto il ghiaccio fu invece interpretata ovviamente da una controfigura).

    Poco prima dell'inzio delle riprese il miglior amico di Holden venne aggredito e ucciso (in cina mi sembra,ma non sono sicuro) e Holden ferito da alcuni uomini.

    La troupe si ammalò di una curiosa forma di influenza, che non colpì altre persone nelle vicinanze.

    Mike Hodges era stato scelto inzialmente come regista, tuttavia venne sostituito da Taylor dopo che perse un'intera giornata a filmare la scena della parata militare, che secondo lui doveva essere perfetta in ogni dettaglio.
  • Curiosità Buiomega71 • 18/09/14 17:10
    Pianificazione e progetti - 21757 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni (Ciclo: "La trilogia del presagio", 29 Novembre 1985 come da ricerche di Didda) di La maledizione di Damien

  • Musiche Lucius • 1/08/15 12:01
    Scrivano - 8345 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale giapponese:

    Ultima modifica: 1/08/15 12:04 da Zender
  • Curiosità Zender • 26/04/16 18:10
    Consigliere - 43514 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film: