Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/03/08 DAL BENEMERITO SPECTRA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 6/03/11
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Spectra 28/03/08 09:29 - 84 commenti

I gusti di Spectra

Una serie di esplosioni nucleari ha trasformato l'America in un continente desolato e desertico. In una semidistrutta New York, isolata dal resto del mondo, un regime dispotico convoglia il consenso delle masse regalando loro "Endgame", spettacolare gioco che fa rivivere in ripresa televisiva diretta sanguinose partite ispirate ai combattimenti dei gladiatorii, in cui i duellanti rivestono i ruoli di prede e di cacciatori. Post-atomico alla Massacesi abbastanza godibile.

Undying 2/12/08 00:17 - 3812 commenti

I gusti di Undying

Massaccesi, avendo praticato il cinema in ogni sua sfaccettatura popolare, non poteva non trovarsi ad affrontare anche il post-atomico, genere rilanciato dal successo del film di Carpenter (1997 Fuga da New York). Alla sua maniera: con pochi mezzi ed idee riciclate, cercando di inserire un minimo di originalità nel plot grazie all'introduzione dei "telepati". Visto oggi fa quasi compassione nella sua ingenuità, anche se è da apprezzare lo sforto congiunto D'Amato/Eastman (quest'ultimo, oltre che attore, responsabile della sceneggiatura). Musiche di Carlo Maria Cordio.

Puppigallo 19/02/09 18:39 - 5009 commenti

I gusti di Puppigallo

L'inizio mi aveva fatto ben sperare (un cadavere mezzo putrefatto, circondato dai ratti, viene trascinato via dai mutanti). Peccato che fosse solo un fuoco di paglia. Da quel momento, ho assistito a combattimenti in penombra di raro piattume, sparatorie e scopiazzamenti qua e là, mutanti straccioni eliminati a mazzi (da piegarsi quello verde, con squame in faccia e crestina), una telepata gnocca e la cattiva polizia, che essendo cattiva non poteva non indossare caschi tedeschi della seconda guerra. I personaggi sono in linea col "valore" del film. Ripetitivo e piuttosto ridicolo. A perdere.
MEMORABILE: "E' come un formicaio: facile entrarci, difficile uscirci". Ma perchè, dico io, sto tizio è stato in un formicaio? La testa girata come una manopola.

Cangaceiro 21/02/09 20:37 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Non ho dimestichezza col cinema di Massaccesi ma ciò non mi impedisce di constatare l'improvvisazione con cui è stato girato questo film. Qualche capannone abbandonato funge da location, 4 stracci messi addosso agli attori come costumi e via col ripetitivo valzer di sparatorie e risse da saloon. Lo spunto post-atomico non è per nulla originale e si dipana con la storia dei telèpati piena di buchi e incongruenze. Fa piacere vedere la faccia di cuoio di Pazzafini collezionare un minutaggio più elevato del solito. Difficile fare le nozze coi fichi secchi!
MEMORABILE: La gazzarra nel monastero dei ciechi risolta da Cliver con un'accettata al telèpate, dritta nella croce degli occhi.

Homesick 25/02/09 19:07 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Discreto post-atomico diretto da Massaccesi. L'inizio è potente, con una bella serie di scontri corpo a corpo messi in scena da un reality show sulla caccia all'uomo di petriana memoria; poi non tutto gira sempre a dovere e la storia è fin troppo semplificata, però l'azione non manca mai, ci sono un paio di uccisioni ad effetto e numerosi volti del cinema di genere italiano (da Tinti alla Gemser, da Pazzafini a Rhodes) a supportare gli eterni nemici-amici Cliver-Montefiori. Finale sospeso.

Mco 28/12/09 21:38 - 2278 commenti

I gusti di Mco

Per gli amanti del bis italiano una gemma da non perdere, un concentrato di tutto ciò che li (ci) fa sbavare: Al Cliver protagonista, Montefiori partner che si ritaglia (da sceneggiatore) una bella parte da amico-nemico (spettacolare la sua comparsa dal camper). Poi Tinti, Pedone, Pazzafini, Yamanouchi e perfino Ceccarelli mutato in blu a completare uno dei più bei B-movie made in Italy di sempre. La parte che vede i Nostri lottare contro ciechi "pilotati" da un mutante telepata è assolutamente incredibile! Indimenticabile!

Daidae 9/11/09 13:53 - 3012 commenti

I gusti di Daidae

Grazioso questo postatomico girato da D'Amato, superiore a diversi e più blasonati postatomici italiani. Buona la prova degli attori (in particolare Cliver), discreti gli effetti speciali (contando che è comunque un film a basso costo), belli anche i combattimenti. Ho solo trovato un po 'fuori posto Mitchell con tanto di squadriglia similnazista.
MEMORABILE: La testa di Mario Pedone girata, l'uomo pesce arrapato, l'ascia al telepata.

Bmovie 15/12/09 13:25 - 110 commenti

I gusti di Bmovie

Un film davvero brutto che chiude in maniera indegna la quadrilogia del Bronx. Niente a che vedere coi capolavori di Castellari che avevano come protagonisti Fred Williamson e Mark Gregory. Le uniche note positive sono la presenza di Laura Gemser (Emmanuelle Nera) e Yamanouchi. Totalmente piatto e banale. Pierluigi Conti si contende l'oscar di personaggio principale più anonimo della storia del cinema insieme a Sam Pasco.

Herrkinski 25/12/10 23:16 - 7242 commenti

I gusti di Herrkinski

Dopo il post-atomico Anno 2020: i gladiatori del futuro, la coppia Massaccesi/Eastman realizza questo film, non dissimile dal predecessore per atmosfere, cast e svolgimento (e pure per le location, che talvolta mi sembrano addirittura le stesse). In questo caso la qualità è leggermente superiore allo sgangherato Anno 2020, anche se alla fine dei conti non è che il film si possa definire riuscito; interessante però l'anticipazione sul tema del gioco mortale, che verrà ripresa da I guerrieri dell'anno 2072 e dal più noto L'implacabile. Guardabile.

Enzus79 8/11/10 16:23 - 2515 commenti

I gusti di Enzus79

Massaccesi gira un film che è inutile dire da chi prenda ispirazione. C'è troppo ripetitività e la noia abbonda. È vero che a disposizione la produzione aveva poco, ma si poteva fare meglio. Al Cliver doppiato con la stessa voce di Eastwood fa ridere. La miglior scena è quella con i monaci ciechi che lottano contro la banda di Cliver.

Al Cliver HA RECITATO ANCHE IN...

Xabaras 25/11/10 20:38 - 205 commenti

I gusti di Xabaras

Definirlo un semplice post-atomico sarebbe alquanto riduttivo: in realtà Endgame rappresenta (nel suo piccolo) la malinconica pietra tombale posta sull'ormai decadente cinema di genere italiano da uno dei suoi più autentici e determinanti protagonisti. D'Amato infatti, coadiuvato da un cast di vecchie glorie, si diverte a mescolare la base futuristica del film con i generi che avevano fatto la sua fortuna negli anni precedenti; spaghetti western (il duello finale) e thriller-horror (l'agguato dei ciechi) su tutti. Lacrimuccia inevitabile.

Digital 8/08/11 12:28 - 1194 commenti

I gusti di Digital

Ho visionato pochi post-bomba (di serie B), ma questo mi è sembrato uno dei migliori. In cabina di regia abbiamo quel vecchio volpone di D'Amato, che con due lire riesce ad imbastire un film assolutamente dignitoso e che non manca di intrattenere. Il cast poi, con numerosi volti noti del cinema bis, è tutto da gustare. Certo, un budget più cospicuo avrebbe certamente aiutato, ma il senso di povertà, in questo genere, risulta appropriato.

Ronax 5/04/12 23:56 - 1137 commenti

I gusti di Ronax

Nel 1982 un'offensiva della magistratura mise KO per qualche tempo il festoso mondo dell'hard tricolore, costringendone il nume tutelare a un repentino cambio di genere. Da qui i post-atomici massaccesiani, realizzati al risparmio e saccheggiando a destra e manca (La decima vittima, Blade runner, I guerrieri della notte, solo per citare qualche titolo). La povertà dei mezzi è più che evidente, però qualche idea non male c'è e nel cavar sangue dalle rape il buon Aristide non è mai stato secondo a nessuno. La Gemser vestitissima grida vendetta.
MEMORABILE: I mutanti regressivi alla Lovecraft; Lo scontro con i monaci ciechi guidati dal telepata.

Il Gobbo 13/09/12 09:03 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Massaccesi & c. rimpannucciano di postatomico il vecchio western laziale, usandone anche le locations (oltre agli pseudonimi fantasiosi: Gus Stone/Tinti, Nat Williams/Pazzafini, Peter Brighton/Ceccarelli), e confezionano un prodottino di quelli che oggi suscitano nostalgia. Anche per le presenze carissime, come i citati Nellone Pazzafini e Puccio Ceccarelli uomo-anfibio prima arrapato e poi ronfante. Pessima invece la scelta di Cliver come protagonista. C'è anche Michele Soavi.
MEMORABILE: Gordon Mitchell dice a Conti "La devi finire di rompermi i coglioni", e per tutta risposta riceve una ginocchiata nei suddetti

Ryo 30/12/12 17:03 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Cast feticcio di Joe D'Amato (George Eastman, Al CLiver, Laura Gemser su tutti) prende parte a un film di genere post-apocalitico. Solito budget ridotto, motivo che causa grasse risate involontarie: le bombe sono fatte di innocuo fumo, nel 2025 ci sono ancora Fiat Ducato, tv a tubo catodico e altra tecnologia anni 70. Se non altro la sceneggiatura è simpatica, seppure sviluppata in maniera superflua. Vien da sorridere pensando che un tempo si andava al cinema, a vedere queste opere!
MEMORABILE: Il tizio nella gogna di cemento a cui viene torta la testa!; Laura Gesmer che viene stuprata (ma dai?!)

Markus 9/11/15 09:15 - 3577 commenti

I gusti di Markus

Un’ex fornace romana spacciata per il Bronx, riconoscibili furgoni e auto degli anni Ottanta con posticce lamiere “avveniristiche” accozzate sopra alla bell'e meglio; è il quadro di visione di un modesto b-movie che s'azzarda maldestramente a seguire il genere cosiddetto postatomico (che necessiterebbe, per ovvie ragioni, di budget sostanziosi ai fini della credibilità). Va dato comunque atto a D’Amato - uomo evidentemente di mestiere - di aver fatto miracoli con quel poco che aveva a disposizione.

Jurgen77 10/11/15 11:39 - 629 commenti

I gusti di Jurgen77

Massacesi, istrionico regista, non poteva non cimentarsi nel post atomico.. Scopiazzando dalla pietra miliare di Carpenter, realizza questo ultra low budget film, affidandosi ai due soliti "scagnozzi" Cliver e Eastaman. A mio giudizio con i pochi mezzi a disposizione non si poteva chiedere di più. il film parte carico, poi scema e decade con il prosieguo della storia.

Pessoa 25/07/17 20:47 - 2476 commenti

I gusti di Pessoa

Massaccesi, uno dei padri del B-movie nostrano, riesce a fondere in questo film molti dei filoni da lui già percorsi sviluppando una storia niente male, ricca di momenti assolutamente godibili. Bella prova del cast, con Montefiori, autore anche della briosa sceneggiatura, che sembra meno ingessato di altre volte e fornisce un buon supporto ai bravissimi Cliver e Gemser, una volta tanto vestita. Tante trovate della regia, ma i salti mortali non riescono sempre e le classiche quattro lire del budget questa volta incidono parecchio. Curioso!
MEMORABILE: La lotta con i monaci ciechi; Il bimbo dotato di telecinesi; Le uniformi dei poliziotti; Il furgone con la mitragliatrice.

Reeves 5/11/20 17:41 - 1351 commenti

I gusti di Reeves

Una sorta di chiamata alle armi per l'ultima volta da parte di Joe D'Amato, che mette insieme tutti i grandi nomi del menamose all'italiana in un postatomico fatto davvero con due soldi ma con un ritmo e delle trovate che spesso non si trovano neanche nei kolossal. Molto buona l'idea di affidare a Gordon Mitchell il comando di forze speciali che si chiamano SS (ma, come afferma lui con un ghigno, vuol dire "Security Service"). Per il vecchio Massaccesi, una delle sue prove migliori.
MEMORABILE: L'apparizione di Michele Soavi, aiuto regista del film, nel finale; Puccio Ceccarelli colorato di blu.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cangaceiro • 16/08/09 20:28
    Call center Davinotti - 742 interventi
    A parte il fatto che Mario Pedone,che qui ha uno dei ruoli più consistenti della carriera,è l'unico del cast a non celarsi dietro uno pseudonimo americaneggiante non ho capito perchè venga accreditato così: "e con Mario Pedone nel ruolo di Kovacs", manco fosse un'importante guest star(Conti e Montefiori sono attori ben più noti di lui).
    L'ultimo dubbio è su che fine abbia mai fatto il caro Franchino fantozziano...s'è ritirato dalle scene?
  • Discussione Zender • 17/08/09 08:54
    Pianificazione e progetti - 46719 interventi
    Cangaceiro ebbe a dire:
    A parte il fatto che Mario Pedone,che qui ha uno dei ruoli più consistenti della carriera,è l'unico del cast a non celarsi dietro uno pseudonimo americaneggiante non ho capito perchè venga accreditato così: "e con Mario Pedone nel ruolo di Kovacs", manco fosse un'importante guest star(Conti e Montefiori sono attori ben più noti di lui).
    L'ultimo dubbio è su che fine abbia mai fatto il caro Franchino fantozziano...s'è ritirato dalle scene?

    Mi è capitato spesso di vedere accreditati come "special guest" emeriti sconosciuti (o quasi). Non ho mai capito perché neanch'io, ma era pratita abbastanza comune, in certi film poco conosciuti.
  • Homevideo Trivex • 12/04/12 11:38
    Portaborse - 1310 interventi
    Ho registrato la versione trasmessa da RAIMOVIE (curiosamente con bollino giallo e non rosso, come mi sarei aspettato).

    La sua durata è di 1h32m45s.

    E vedendo qui

    http://www.imdb.com/title/tt0089091/

    è inferiore alla versione tedesca(comparabile)
    Ultima modifica: 12/04/12 11:41 da Trivex
  • Homevideo Quidtum • 12/04/12 15:08
    Custode notturno - 2201 interventi
    Io sfigatamente ho beccato invece la seconda trasmissione nel corrente mese con il film castrato di oltre 25', durata 67'07" !!!!
    La VHS americana U.S. Media, formato NTSC (29,97 fps), dalla durata di 97'09", dovrebbe essere pienamente uncut, non ho dati delle altre releases per controllare.

    Ultima modifica: 12/04/12 18:54 da Zender
  • Homevideo Digital • 16/04/12 18:12
    Portaborse - 3742 interventi
    Il ventisette aprile esce il dvd crucco della Cmv Laser Vision, purtroppo sprovvisto di traccia audio italiana.
    Peccato, lo avrei acquisito ben volentieri.
    Nelle specifiche tecniche riportate sull'ottimo sito D&t Mailorder Shop indica 92 minuti di durata e 1.33:1 come formato video.
  • Homevideo Buiomega71 • 12/07/13 11:16
    Pianificazione e progetti - 24653 interventi
    Direttamente dalla collezione privata di Buiomega71, la vhs Avo Film

    Ultima modifica: 12/07/13 12:23 da Zender
  • Homevideo Digital • 19/10/13 09:23
    Portaborse - 3742 interventi
    Dvd RaiCinema/Titanus disponibile dal 19/12/2013!
  • Discussione B. Legnani • 30/07/16 15:57
    Consigliere - 14828 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Cangaceiro ebbe a dire:
    A parte il fatto che Mario Pedone,che qui ha uno dei ruoli più consistenti della carriera,è l'unico del cast a non celarsi dietro uno pseudonimo americaneggiante non ho capito perchè venga accreditato così: "e con Mario Pedone nel ruolo di Kovacs", manco fosse un'importante guest star(Conti e Montefiori sono attori ben più noti di lui).
    L'ultimo dubbio è su che fine abbia mai fatto il caro Franchino fantozziano...s'è ritirato dalle scene?

    Mi è capitato spesso di vedere accreditati come "special guest" emeriti sconosciuti (o quasi). Non ho mai capito perché neanch'io, ma era pratita abbastanza comune, in certi film poco conosciuti.


    Probabilmente era parte del contratto: "Ti pago un po' di meno rispetto al ruolo che hai, ma ti presento così, in modo di fare pubblicità al tuo nome".