Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 5/10/06
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Spectra 28/03/08 09:00 - 84 commenti

I gusti di Spectra

Un'altro esempio di post-atomico del nostro Aristide Massaccesi che qui si firma con lo pseudonimo di Kevin Mancuso. Film come al solito girato a bassisimo costo (e si vede), ricco però di scene d'azione e con grosse dosi di violenza. L'idea di Massaccesi era di girare un western post-atomico, ma del western in questo film ci sono solo gli "indiani" assolutamente ridicoli e assurdi.

Herrkinski 19/07/10 01:33 - 6277 commenti

I gusti di Herrkinski

L'inizio trucissimo prometteva bene; poi il film si incanala nella solita imitazione all'amatriciana di Mad Max e dei vari post-atomici, di cui gli italiani all'epoca diedero alla luce vari esemplari. Massaccesi riesce a confezionare un prodotto perlomeno guardabile, considerando il budget inesistente; si cerca pure un'azzardata contaminazione con il western, alquanto malriuscita. Tremendi i finti indiani e le scene nel saloon, assurda l'uscita di scena di Al Cliver. Buono il ritmo nel primo tempo, poi subentra l'inevitabile e noiosa povertà.

Daidae 23/01/10 13:43 - 2891 commenti

I gusti di Daidae

Quasi passabile, questo post atomico del buon D'amato che si serve di un buon cast (anche se avrei visto bene i soliti Pazzafini e Montefiori in mezzo). Girato a bassissimo costo (probabilmente vicino Roma), ha due punti deboli: la scomparsa di uno dei personaggi chiave a metà film e la malsana idea di inserire degli "indiani" dall'aspetto europeo-meridionale che sembrano una muta di cani levrieri quando si presentano urlando (sembrano versi di animali..) alla battaglia.
MEMORABILE: Gli indiani: probabilmente la loro più offensiva rappresentazione. Donald O'Brien che ride con l'ugola in vista.

Zardoz35 19/12/10 01:12 - 270 commenti

I gusti di Zardoz35

Massaccesi lascia per una volta da parte il genere soft core e si cimenta in un western postatomico nemmeno troppo malvagio. Violenza a go go, ma anche trovate interessanti, quali fare esplodere una montagna per sopprimere i nemici, o usare le frecce contro gli scudi antiproiettile. Trama scontata e usata per molti film del genere all'epoca, evitabili gli indiani, che di pellerossa hanno ben poco. Per il resto, un film piacevole per gli amanti del genere.

Disorder 20/05/11 11:40 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

Solito post-atomico di serie Z senza pretese, che sopperisce alle evidenti lacune di budget inondando lo schermo di violenza e soprusi a buon mercato. Va detto però che fino all'entrata in scena degli assurdi indiani (sembrano quelli di Arraphao) il film è perlomeno divertente, poi si scade davvero nel ridicolo e nella noia. Vanta anche uno dei cattivi meno credibili della storia del cinema (il dittatore claudicante simil-nazista). In sostanza, qualche sprazzo divertente ma un prodotto nel complesso terribile...

Ryo 26/12/12 00:33 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Post-apocalitico-distopico-trashissimo-low budgetissimo-di Joe D'amato. Trattasi di un misto fra western (ci sono addirittura saloon e indiani improponibili) e fantascienza. Ricchissimo di situazioni scarne e poco credibili, come ad esempio un dittatore che comanda su tutti con un esercito di 20 uomini dotati di scudi "capaci di respingere qualsiasi arma da fuoco". Fra combattimenti corpo a corpo penosi, stupri gratuiti e cast con scarsissima voglia di recitare, la noia è tanta ma in qualche scena si ride di gusto!
MEMORABILE: Le cadute della gente colpita.

Schramm 10/03/14 12:45 - 2729 commenti

I gusti di Schramm

Folgorante l'incipit, un irresponsabile compenetrarsi di guizzi horror, scaglie gore-splatter, animo action, decor western, ammiccamenti al postnuke: esplode indisciplinato tra suore che si sgozzano da sole e stupri di gruppo, figuri che paiono zombi venuti dalla preistoria e scenografie da performance industrial dove la calcina infarina il sangue. Il resto è tutto rimpianto per una torva muscolarità che batte ritirata lungo i restanti 70' minuti durante i quali Massaccesi si sforza invano di cucire una trama attorno al nulla, dare senso logico alla stupidaggine, dirigere presunti attori etc.

Minitina80 27/12/17 22:35 - 2660 commenti

I gusti di Minitina80

Sicuramente la qualità degli attori e l’esiguo capitale a disposizione ne hanno compromesso la riuscita in partenza, ma bisogna ammettere che i difetti sono tanti a prescindere. Sconvolge, innanzitutto, la pochezza di idee del copione e quanto male sia stato sviluppato, limitandosi a portare in scena dei tipi poco credibili anche all’interno di un contesto distopico/post atomico, in cui normalmente è permesso di tutto. Si finisce per non capirci molto e l’eccessivo rumore peggiora solo la situazione. Faticherebbe all’interno di una terza serie.

Bubobubo 3/03/19 21:37 - 1601 commenti

I gusti di Bubobubo

Si inizia: coltelli piantati in fronte, stupri e una crocifissione. Poi, ancora: lanciafiamme, biker che scorrazzano all'impazzata, un altro stupro omosessuale. Intermezzo: roulette russa in un saloon western (?), tratta di schiave, lavori forzati in miniera bagnati dal sangue. Infine: assedio su una montagna, patto militare stretto con gli indiani (!), confronto finale, happy end liquidato in due battute. Bello come uno skyline post-sovietico: è tutta questione di (cattivo) gusto. Artigianato batte tecnologia 2020 a 0: peccato solo che il nostro 2020 non sia anarchico come quello di Joe!

Trivex 3/07/19 08:51 - 1607 commenti

I gusti di Trivex

Il serbatoio di valida energia viene quasi interamente svuotato nei primi 15 minuti. Qui D'Amato si sfoga e riproduce, in modalità economica e meno oltraggiosa, qualche fasto degli anni precedenti. Poi, gradatamente, il film assume una piega sempre più incerta fino a giungere alla dimensione del delirio, proponendo una vicenda assurda e inefficace. Si sovrappone il post-atomico allo spaghetti western con momenti trash tremendi, attraverso una sceneggiatura scomposta e improvvisata. Rimane, da premiare, "l'urlo"di libertà e di passione del regista.
MEMORABILE: Gli scudi termici; Mitra M12 vs frecce indiane: e vincono le frecce!

Sabrina Siani HA RECITATO ANCHE IN...

Bullseye2 23/03/20 00:06 - 143 commenti

I gusti di Bullseye2

Sottovalutatissimo melange di post-nuke movie, western, peplum e bellico con scorie della meravigliosa follia visiva massaccesiana, Anno 2020 è un perfetto esempio di come si potevano fare film di validissimo intrattenimento nella più totale scarsità di mezzi: il cast è perfetto (e non sempre nei film di D'Amato succedeva) e lo spettacolo regge nonostante (o grazie a, dipende dai punti di vista) l'assoluta povertà dei mezzi. Dopo 15 minuti del D'Amato più estremo, il film si assesta su binari "tradizionali". Avercene di film "minori" così!
MEMORABILE: La roulette russa; Il primo quarto d'ora in puro Massaccesi style.

Siska80 28/11/21 20:42 - 1838 commenti

I gusti di Siska80

L'intro lasciava presagire un film impegnato (sebbene il protrarsi di una sequenza iniziale di tale brutalità sia eccessivamente disturbante); purtroppo, tuttavia, il resto non è altro che un susseguirsi di assurdità, a partire dalla commistione temporale: ambientato in un futuro prossimo ipertecnologico, mostra villaggi con gente in abiti medievali, strade sulle quali transitano carovane e persino indiani. Abbiamo il solito cattivone ovviamente sconfitto da eroi imperterriti e una trama che sembra più un pretesto per inserire corpi femminili procaci (e abusati sessualmente).
MEMORABILE: Il blooper in cui la scena del suicidio viene ripetuta due volte.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Undying • 10/08/09 07:46
    Scrivano - 7613 interventi
    Anno 2020: ovvero I 5 della vendetta... nel futuro!

    Post atomico concepito da Massaccesi per solcare il buon successo del genere, particolarmente in voga verso gli inizi degli Anni '80.

    In questo contesto, assistito dal fido Montefiori, Joe D'Amato (ma qui firma la co-regia come Kevin Mancuso) impone uno stile ibrido, innestando sul genere fantascientifico atmosfere western.

    Il soggetto della pellicola è siglato da Aldo Florio (non accreditato nei credits d'apertura) perché Anno 2020: i gladiatori del futuro, non è altro che una rielaborazione, in chiave futuristica, di un western realizzato nel 1966: I 5 della vendetta, diretto, appunto, da Aldo Florio.

    Sotto:
    il plot di Anno 2020 è contenuto (originalmente)
    nel western I 5 della vendetta

    Ultima modifica: 10/08/09 08:01 da Undying
  • Homevideo Digital • 26/02/13 20:23
    Archivista in seconda - 3328 interventi
    Dvd della Quadrifoglio disponibile dal 17/04/2013.
  • Homevideo Buiomega71 • 26/02/13 20:55
    Pianificazione e progetti - 23507 interventi
    Finalmente esce in dvd questo curioso post-atomico massaccesiano/montefioriano, che sopravviveva sulla vecchia vhs Eureka Video
  • Homevideo Mco • 29/04/13 14:07
    Scrivano - 9906 interventi
    Memorabilia dalla prestigiosa Mco Private Collection:

    Ultima modifica: 29/04/13 17:37 da Zender
  • Discussione Zender • 4/03/19 15:03
    Consigliere - 45275 interventi
    Bubobubo, capisco che possa essere interssante elencare tutto quello che si vede in sequenza nel film, ma almeno un paio di righe col tuo parere un minimo articolato sul film andrebbero messe...
  • Discussione Bubobubo • 4/03/19 15:33
    Addetto riparazione hardware - 261 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Bubobubo, capisco che possa essere interssante elencare tutto quello che si vede in sequenza nel film, ma almeno un paio di righe col tuo parere un minimo articolato sul film andrebbero messe...

    Pensavo fosse un modo carino per sottolinearne l'assoluta anarchia (si vede tutto e il suo contrario), ma posso capire il tuo commento. Vuoi che lo riformuli?
  • Discussione Zender • 4/03/19 18:09
    Consigliere - 45275 interventi
    Lo è sicuramente, un modo carino, però qualcosa che dia il senso al voto ci andrebbe. Dovresti trovare qualcosa da eliminare e sostituire. Puoi arrivare a 600 caratteri, se me lo scrivi in un post qui sotto contandoli (se sai farlo su word). Poi te lo inserisco io forzando il limite (ora son 550). In ogni caso quello UNCUT lo lasceremo qui per la storia.

    Pronti, partenza, via: coltelli piantati in fronte, suicidio convertito in stupro, crocifissione. Poi, ancora: incidenti mortali evitati per un pelo, lanciafiamme, biker con cartucciere che scorrazzano all'impazzata, uno stupro omosessuale. Intermezzo: roulette russa in un saloon in mezzo al nulla (?), tratta di schiave, lavori forzati in miniera con bagno di sangue. Infine: assedio su una montagna, patto di sangue stretto con gli indiani (!), confronto finale, happy end in breve. Peccato che il nostro 2020 non sia anarchico come quello di Joe!
    Ultima modifica: 4/03/19 18:09 da Zender
  • Discussione Bubobubo • 4/03/19 18:26
    Addetto riparazione hardware - 261 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Lo è sicuramente, un modo carino, però qualcosa che dia il senso al voto ci andrebbe. Dovresti trovare qualcosa da eliminare e sostituire. Puoi arrivare a 600 caratteri, se me lo scrivi in un post qui sotto contandoli (se sai farlo su word). Poi te lo inserisco io forzando il limite (ora son 550). In ogni caso quello UNCUT lo lasceremo qui per la storia.

    Pronti, partenza, via: coltelli piantati in fronte, suicidio convertito in stupro, crocifissione. Poi, ancora: incidenti mortali evitati per un pelo, lanciafiamme, biker con cartucciere che scorrazzano all'impazzata, uno stupro omosessuale. Intermezzo: roulette russa in un saloon in mezzo al nulla (?), tratta di schiave, lavori forzati in miniera con bagno di sangue. Infine: assedio su una montagna, patto di sangue stretto con gli indiani (!), confronto finale, happy end in breve. Peccato che il nostro 2020 non sia anarchico come quello di Joe!


    Grazie, Zender. Questa potrebbe essere un'idea:

    Si inizia: coltelli piantati in fronte, stupri e una crocifissione. Poi, ancora: lanciafiamme, biker che scorrazzano all'impazzata, un altro stupro omosessuale. Intermezzo: roulette russa in un saloon western (?), tratta di schiave, lavori forzati in miniera bagnati dal sangue. Infine: assedio su una montagna, patto militare stretto con gli indiani (!), confronto finale, happy end liquidato in due battute. Bello come uno skyline post-sovietico: è tutta questione di (cattivo) gusto. Artigianato batte tecnologia 2020 a 0: peccato solo che il nostro 2020 non sia anarchico come quello di Joe!
  • Discussione Zender • 4/03/19 18:29
    Consigliere - 45275 interventi
    Ok, perfetto, grazie.