Sono pazzo di Iris Blond

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lercio 10/07/07 01:12 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Ottima prova di Verdone in un film triste, malinconico, ben recitato, in cui i momenti esilaranti sono pochi, ma incisivi, e rendono la storia quasi bipolare. Una sorta di noir dentro un melò, in cui i sentimenti restano allo stadio embrionale. Si respira un'atmosfera di impotenza e di decadimento annunciato. Film estremamente maturo, purtroppo spesso sottovalutato.

B. Legnani 4/10/07 23:55 - 4749 commenti

I gusti di B. Legnani

Alla fine dei conti ci si ricorda più della Gerini che di Carlo Verdone, come se quest'ultimo sia rimasto succube (o succubo?) della partner non solo nella finzione, ma anche nella personalità dimostrata davanti alla macchina da presa. In più ci sono alcune lentezze di troppo. Fa ridere poco e poco convince come vicenda drammatica o impegnata. Mezza delusione.

Galbo 9/10/07 10:25 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Film tra i meno efficaci del Verdone regista. L'ambientazione nordica probabilmente non è funzionale ai personaggi che sono (forse volutamente) intristiti e forniscono interpretazioni piuttosto opache. La regia appare piattamente televisiva e la sceneggiatura è troppo spesso carente di situazioni godibili e porta lo spettatore piuttosto stancamente ad un finale scontato. Deludente.

Capannelle 8/02/08 09:24 - 3732 commenti

I gusti di Capannelle

Un Verdone tipicamente malinconico e con qualche venatura sofisticata. Da elogiare il tentativo di rinnovare l'ambientazione della storia in chiave più moderna e meno paesana, anche a costo di sacrificare la resa dei personaggi stessi. Anche se poi gli elementi di comicità sono sempre quelli: insicurezze varie, la sfiga onnipresente, le ripicche sentimentali, l'uomo (im)maturo che vuole darsi un tono, etc. Brava la Gerini, sia come spontaneità messa in mostra, sia come "cattiveria" del personaggio.

Gugly 9/02/08 21:25 - 1016 commenti

I gusti di Gugly

Solito tema di Verdone travolto dalla compagna di turno, se possibile ancora più scombinata di quelle che l'hanno preceduta (semina storie e casini peggio della Muti in Io e mia sorella). In ogni caso l'abilità di Verdone non si discute pur con qualche caduta (tutta la storia con Marguerite, la sempre brava Andrea Ferreol) e piace che, come nella realtà, il finale rispetti le leggi del mercato.

Undying 12/02/08 09:05 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Garbata commedia (che punta tutto sulla versatilità di un Verdone in perfetta forma) in grado di divertire grazie agli atteggiamenti, alle posture ed alle espressioni facciali del bravo attore/regista. Claudia Gerini - bellezza "acqua e sapone" - è in parte, la sceneggiatura è sviluppata su dialoghi chiari, significativi ed efficaci e la regia non dimentica mai, al momento opportuno, di strappare un rilassante sorriso senza prima far riflettere. Riuscito quindi, con l'aggiunta di una bella colonna sonora...

Macigno 24/03/08 00:05 - 25 commenti

I gusti di Macigno

Troppo lunga la prima parte senza la Gerini, perché quando entra in scena lei il film cambia come la vita di Romeo "the Freezer": da così a così! Molto brava e nella parte lei, ottimo Verdone che si fa più malinconico del previsto per interpretare un film che riprende la strada interrotta da Viaggi di nozze (da cui comunque preleva appunto la Gerini) e che aveva ben avviato con il già buono Perdiamoci di vista. Indovinata l'ambientazione a Bruxelles con tanto di Mino Reitano una volta di più idolo degli immigrati (a Charleroi, poco distante).
MEMORABILE: Riferito alla vecchia compagna che gioca col suo barboncino: "E ddai, non te se po vede con quella pecora 'n faccia!"

Rickblaine 24/01/09 12:27 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Esilarante e intelligente film di Carlo Verdone che, in scena ed in coppia con la Gerini, gettona risate di continuo. In Belgio due connazionali italiani formano un piccolo gruppo musicale e, dopo la notorietà acquisita, si presentano le ambizioni personali che possono portare a un eventuale scioglimento di amicizia.
MEMORABILE: Verdone che fa la faccia della cameriera.

Brainiac 15/04/09 11:42 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Non male. Il film migliore della non fortunata collaborazione con la Gerini (trovo che Viaggi di nozze sia il punto più basso della carriera di Verdone). Cose che funzionano: per la regola degli opposti, l'ambientazione nordeuropea che scatena il senso d'inferiorità italico; la descrizione di alcuni aspetti del mondo musicale, àmbito che Verdone conosce; la trama sentimentale, ben architettata. Cose che non funzionano: la regia, davvero scialba; le canzoni, divertenti da ascoltare una volta ma non di più e per giunta integralmente. Buon film, comunque.

Tarabas 16/04/09 18:09 - 1706 commenti

I gusti di Tarabas

Variazione sul tema di Pigmalione, con Verdone nel ruolo del musicista mentore di una cantante sbandata, la Gerini. La parte comica, se c'è, si nota poco. La parte seria non è particolarmente interessante, anche perché i personaggi del film non sono molto comunicativi e il tentativo di approfondire il loro rapporto lascia il tempo che trova. Preferisco di gran lunga il simile e bistrattato C'era un cinese in coma.

Nando 27/04/10 17:58 - 3486 commenti

I gusti di Nando

Verdone realizza un film divertente in cui tutto è creato per far sbocciare l'estro musicale della Gerini. I duetti con la Ferreol sono piacevoli ed il contraddittorio con la stessa Gerini non risultano noiosi. La narrazione non trova pause, anzi, riesce a creare sorprese che suscitano ilarità. La canzone che "canta" Verdone alla fine è in realtà interpretata dal musicista toscano Andrea Chimenti, ottimo interprete musicale considerato, non a torto, il David Sylvian italiano.

Franz 28/04/10 08:04 - 110 commenti

I gusti di Franz

Verdone ama sovente traslocare con i suoi film in suggestive ambientazioni europee: stavolta lo fa collocando in Belgio la vicenda di una coppia di musicisti (lui, Romeo, il motore creativo del duo, lei, Iris, la sensuale cantante) in cerca di fortuna (per vie alternative). La Gerini dà una buona dose di verve ed energia a una storia che, volutamente, si culla in una certa malinconia (i paesaggi nordici sono perfettamente calzanti, da questo punto di vista), con quei lampi comici a cui Verdone ci ha abituati. Dialoghi ben strutturati.
MEMORABILE: Il divertente "fake", ovvero la copertina del disco con Romeo-Verdone in versione capellona/platinata, molto Seventies!

Rambo90 7/10/10 23:07 - 6398 commenti

I gusti di Rambo90

Sicuramente uno dei migliori Verdone di sempre: il film è pieno di gag e momenti divertenti ma permeato da un generale senso di amarezza (che culmina in un finale tutt'altro che lieto). Verdone regista pecca un pochino nel ritmo quando mette in mostra i pezzi dove lui e la Gerini cantano nei locali, ma come attore è perfetto, così come la Gerini e la Ferreol in una partecipazione azzeccata. Simpatico il cameo di Mino Reitano, sfizioso l'inizio "napoletano".
MEMORABILE: L'occhio di Jacqueline.

Cotola 24/01/12 00:34 - 7563 commenti

I gusti di Cotola

Film di Verdone dai risultati abbastanza deludenti: non diverte molto e le gag riuscite sono davvero poche. In compenso quelle già viste o noiosette abbondano. Ha però il merito di un finale amarognolo, certo non nuovo ma preferibile al solito volemose bene del cinema nostrano. Inoltre va segnalata la vitalità prorompente della Gerini che supera di gran lunga quella dell'attore romano, qui abbastanza spento. Così così.

Piero68 26/07/12 09:09 - 2768 commenti

I gusti di Piero68

Il solco scavato da Verdone è chiaro: cercare di fare commedie intelligenti dove c'è sempre la maliarda di turno che domina il suo personaggio, spesso e volentieri ingenuo, imbranato e soprattutto che si sente terribilmente ageè di fronte a una certa esuberanza giovanile. Gerini ha un posto particolare nel cuore del comico/regista romano (lavorativamente) e in questo film si vede una volta di più. Peccato che la storia non sia granchè e le gag siano relegate a qualche espressione e poche battute. Sicuramente non uno dei migliori di Verdone.

124c 30/07/12 16:01 - 2775 commenti

I gusti di 124c

Seconda pellicola della coppia Verdone/Gerini che, pur avendio dei buoni guizzi, non riesce a eguagliare e/o superare l'episodio che i due avevano interpretato in Viaggi di nozze. Forse la colpa è di una prima parte un po' troppo lunga, con un'Andrea Ferreol ingombrante e inutile. Carlo Verdone ha sempre avuto orecchio musicale e lo dimostra anche qui, facendo di Claudia Gerini una cantante italiana che canta in inglese. Simpatico il camero di Mino Reitano, anche se il bello del film resta Claudia, che convince anche come rockettara. Discreto.

Mco 30/10/12 11:50 - 2155 commenti

I gusti di Mco

Visione malinconica dei rapporti umani, della tristezza dietro l'angolo, all'apice del momento più sereno. Verdone offre tutta la sua consueta malleabilità a personaggi che riescono a divertire senza forse divertirsi, uomini che amano innamorarsi nella speranza di essere contraccambiati. Qui si divide tra una rigida Ferréol e una più morbida Gerini, entrambe brave nel tratteggiare su di sé le varie sfumature dell'icona femminile. Una pellicola che non raggiunge le vette verdoniane classiche ma che merita sempre un'occasione.

Panza 25/11/12 18:24 - 1501 commenti

I gusti di Panza

Con vaghe velleità autoriali, Verdone porta sullo schermo una malinconica storia legata al successo di un duo musicale. La sceneggiatura si trasforma nella sagra dei luoghi comuni più scontati, in un film che si riscatta tardivamente grazie a un finale davvero amaro e alla Gerini. La professionale regia di Verdone prova a valorizzare il lavoro che non regge molto: come divertissement non vale davvero nulla, rispetto ad altre opere di Verdone. Molto singolare la malinconia che pervade l'intero film. Verdone ci riproverà con C'era un cinese in coma.

Homesick 29/12/12 17:35 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Verdone sorprende: quando sta per inzaccherarsi nella solita storia sentimentale (cfr. Perdiamoci di vista), ne esce invece a testa alta con l’inatteso rigetto del lieto fine. La parte migliore è comunque la prima, quella con i frizzanti duetti tra lui e una spigliatissima Gerini, peraltro molto a suo agio negli atteggiamenti della popstar e nell’interpretare le canzoni d’atmosfera offerte dalla colonna sonora di Lele Marchitelli. La musica la fa sempre da padrona, con gli omaggi a Brel della chanteuse Ferreòl e alla melodica italiana del cameo di Reitano e del (finto) 45 giri di “Romeo”.
MEMORABILE: Dalla cartomante; le prove del coro; Verdone (“The Freezer”) e la Gerini (“Iris Blond” in posa per la foto promozionale; “Bella senza trucco”.

Modo 30/12/12 23:53 - 826 commenti

I gusti di Modo

Film con alti e bassi. Una prima parte abbastanza monotona ma forse con le battute più simpatiche, poi con l'arrivo della Gerini il tutto acquista maggiore malinconia. Brava comunque la protaganista (anche se è una noia mortale quando canta). Verdone prova a calarsi nelle atmosfere nordiche di Bruxelles riuscendoci in parte. Si respire un'aria abbastanza sincera di quando ci si reca all'estero per cercare fortuna o svago. Discreto.

Pumpkh75 29/01/13 23:17 - 1326 commenti

I gusti di Pumpkh75

Film che mi suscita sentimenti contrastanti ad ogni visione. Non male, tirando le somme: la prima parte è varia e divertente, mentre da quando la Gerini e Verdone si chiudono in casa per registrare i pezzi, si stoppa la musica e parte la sinfonia muta, ravvivata solo dalla spettacolare performance di Mino Reitano e dal revival dopo Sanremo del biondo Romeo. Finale amarissimo ma, conoscendo il regista, preventivabile. Nel Verdone post Compagni di Scuola c'è comunque di meglio.

Gabrius79 18/06/13 23:49 - 1199 commenti

I gusti di Gabrius79

Commedia a tratti un po' amarognola dove Verdone vuol esaltare la bellezza e la bravura della Gerini riuscendoci solo in parte. Si sorride a tratti, anche se le migliori scene sono con la graziosa e spiritosa Ferreol. Piacevole il cameo di Mino Reitano.

Daniela 27/03/14 16:35 - 9525 commenti

I gusti di Daniela

Una cartomante ha predetto a Romeo, cantante un tempo affermato ma ora in declino, che troverà la felicità con una donna dal nome floreale, e lui ci prova prima con Margherita, poi con Iris ma, più che che fiori, son cavoli amari... Commedia nella media della produzione del regista/attore: qualche gags simpatica e carina c'è, ma la sceneggiatura è sfilacciata ed il suo personaggio appare piuttosto moscio, soprattutto se confrontato con le più energiche partners femminili: l'autoritaria e ricattatoria Ferréol e la disinvolta e cinica Gerini.

Ramino 27/06/14 21:15 - 127 commenti

I gusti di Ramino

Ottima prova di Verdone con una frizzante Gerini oramai ben rodata nell'ingranaggio cinematografico. La storia dell'ex cantante anni '60, apprezzato dai minatori emigrati in Belgio, che riesce a lanciare e a innamorarsi della giovane Iris, appare originale e ben strutturata. Location e musiche azzeccate e bel finale malinconico in puro stile "verdoniano".
MEMORABILE: Mino Reitano che canta davanti alla platea di minatori alla festa di Santa Barbara.

Stelio 5/07/14 11:41 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Lavoro sottovalutato di Verdone, per ironia della sorte nel periodo poco precedente alla sua prima vera crisi d'ispirazione. Il regista romano, a dispetto della sua fama di riciclone, affronta l'ennesimo esperimento, stavolta affrontando il tema del successo e delle dinamiche affettive, cui fa da sfondo il mondo della musica e della composizione. Un esperimento che può dirsi riuscito, grazie a colori sopraffini, atmosfere uniche e una grandissima prova della "spalla" Claudia Gerini. Promosso a pieni voti; per me la storia lo rivaluterà.

Samuel1979 1/12/14 00:51 - 472 commenti

I gusti di Samuel1979

Dopo Maledetto il giorno che t'ho incontrato, Verdone tocca nuovamente uno dei temi che più gli stanno a cuore, la musica, ma stavolta senza buoni risultati. Anzi, siamo di fronte a una commedia un po' sottotono, in cui il regista romano più volte si lascia rubare la scena da una debordante Gerini. Qualche gag (ad esempio le sequenze con la Ferrèol) è di buona fattura, ma per il resto la commedia non offre spunti degni di nota.

Vitgar 16/06/15 12:44 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Simpatica commedia sul peso relativo che, talvolta, gli affetti hanno quando in gioco c'è la carriera. Iris (una ottima Gerini) ha ben presente cosa deve fare e quali sono le vie per raggiungere gli obbiettivi. Romeo (un Verdone un po' ingessato nel ruolo) è comunque l'emblema del non perdersi d'animo. Nel mezzo tante situazioni a volte azzeccate, a volte un po' meno che comunque riescono a reggere i 111' di durata. Nostalgico Mino Reitano. Bellissima la voce della Gerini.
MEMORABILE: Il tormentone della Ferreol con la canzone di Brel.

Medicinema 17/09/15 22:49 - 90 commenti

I gusti di Medicinema

Si trascinano con un po' di lentezza le peripezie del duo trance Freezer (Verdone) - Iris Blond (Gerini), in modo simile alla colonna sonora, pur apprezzabile, che accompagna il film. Verdone è perfetto nella parte del succube accondiscendente, tutto pepe la Gerini, ancora acerba ma adorabile; tuttavia, nella parte centrale, la pellicola perde vigore, fino al malinconico finale, spesso tipico dei film del regista romano. Senza infamia e senza lode.
MEMORABILE: La sofferenza (verdoniana) durante "Ne me quitte pas".

Lou 9/01/17 23:24 - 972 commenti

I gusti di Lou

Verdone ambienta nel mondo della musica l'ennesima storia sentimentale travagliata, dove l'attore romano si ripropone nella parte del perdente malinconico e tormentato. La Gerini fa la mattatrice, mettendosi alla prova anche in performance musicali di tutto rispetto. Una commedia discreta, poco originale nella sceneggiatura, che ha comunque il merito di mostrare alcune dinamiche del "dietro le quinte" dell'ambiente musicale.
MEMORABILE: Il pezzo con Mino Reitano per la festa di Santa Barbara.

Galerius 7/02/17 15:20 - 22 commenti

I gusti di Galerius

Ulteriore ottima prova di Carlo Verdone. Non si ride troppo, è vero, ma il film ha una sua malìa, un suo ritmo sommesso e solido e la consueta maestrìa del Nostro nell'interagire con gli altri attori, traendone sempre il meglio. Può essere letto anche come una sorta di manuale delle cose da non fare in un rapporto di coppia o di amicizia (gelosie sentimentali e professionali, categorici aut-aut, continui processi).
MEMORABILE: L'addìo alla stazione, epilogo costruito pietra su pietra dall'intransigenza di Romeo.

Tonios 21/04/17 09:31 - 25 commenti

I gusti di Tonios

Tipica commedia spassosa in stile Verdone, caratterizzata come al solito da un finale malinconico (a differenza di quanto detto dalla maga). Gerini e Ferréol in un ruolo da "femmina alfa" che calza loro a pennello, in contrapposizione alla classica remissività del protagonista. Trama veramente originale nonostante il modus operandi del regista e attori molto bravi. Inutile la scena con il cameo di Mino Reitano, di poca rilevanza e inserita soltanto per identificare il passato del protagonista.
MEMORABILE: La Gerini in paranoia che dimentica di tingersi di rosso anche i peli della "cosa" per una questione monocromatica.

Il ferrini 9/10/17 00:45 - 1704 commenti

I gusti di Il ferrini

Uno dei film più amari di Verdone e non soltanto per il finale. Il sodalizio con la Gerini - iniziato con Viaggi di nozze - funziona splendidamente, luoghi (Bruxelles) e soprattutto musiche sono perfetti per la storia. L'argomento affrontato è uno dei più ricorrenti nel cinema di Verdone: la fama, il successo e i cambiamenti che ne derivano (basti pensare al suo Fuxas ma anche a Manuel Fantoni). Certo non è un film che cerca la risata a tutti i costi, ma non è necessariamente un difetto.

Il Dandi 8/09/18 11:40 - 1821 commenti

I gusti di Il Dandi

Riconquistato il consenso di pubblico con Viaggi di nozze (in cui aveva lanciato la Gerini) Verdone si lega a filo doppio alla sua nuova creatura cucendole addosso una delle sue proverbiali commedie agrodolci. Purtroppo il film risulta non solo poco divertente ma a tratti imbarazzante, perché si ha l'impressione che l'amara vicenda dell'amore impossibile tra il mentore e la pupilla più giovane sia poco allegorica. Promosso il rifiuto del lieto fine, con Carlo sposo della sua arte che prosegue a testa alta la sua strada.
MEMORABILE: Verdone tiranneggiato dalla Ferréol (la cicciona de La grande abbuffata) che lo costringe ad accompagnarla tutte le sere in "Ne me quitte pas".

Markus 24/01/19 08:58 - 3310 commenti

I gusti di Markus

Le vicissitudini professionali/sentimentali di un cantante in declino sono narrate da Carlo Verdone attraverso il suo tipico stile dolceamaro. Sicuramente tra le migliori (e sottovalutate) opere del regista/attore romano, che riesce a divertire senza mai sbracare. Dopo i fasti di Viaggi di nozze, ritorna Claudia Gerini... che ruba in parte la scena a Verdone ma con la netta sensazione sia un fatto voluto. Assai divertente Andréa Ferréol, a proprio agio nel suo "personaggio" sopra le righe che ha il sapore del valore aggiunto.

Bubobubo 21/01/19 22:08 - 1223 commenti

I gusti di Bubobubo

Poco considerato dal pubblico (che forse si aspettava un nuovo Viaggi di nozze) e dalla critica (che quasi mai lo cita, in senso assoluto), è un film invece molto amato da Verdone stesso e a ragione: la sorpresa non viene dalla gestione dei risaputi meccanismi dolceamari del mélange (qui ricoperto di una patina informale conferitagli dalle distanti ambientazioni belghe), quanto dall'interazione tra il protagonista e una splendida Gerini, calata finalmente in un personaggio complesso che le rende giustizia. Andrebbe riscoperto.

Graf 2/06/19 01:38 - 699 commenti

I gusti di Graf

Tra i film più efficaci e convincenti di un Verdone in stato di grazia, questa pellicola mette in scena la storia dolceamara di Romeo, cantante italiano alla ricerca del successo, dal carattere ottimista e che ripone grande fiducia nel prossimo ma che da quello spesso ne viene deluso. Commosso inno al desiderio di sognare ed emozionante canto alla tenacia di non mollare mai, il film ha intenti profondi e un andamento riflessivo e concede, al di sopra di tutto, spazio allo studio quasi letterario dei moti intimi e nascosti del personaggio di Romeo.
MEMORABILE: Il commovente addio alla stazione.

Ultimo 6/09/19 19:59 - 1370 commenti

I gusti di Ultimo

Un film più che discreto ma non tra i migliori nella filmografia di Carlo Verdone. A farla da padrona è la bravura di Claudia Gerini, aspirante cantante (in coppia con lo stesso Verdone...) inarrestabile e a tratti nevrotica, mentre il regista romano appare meno in forma rispetto al solito. Meglio la seconda parte, che confluisce in un finale amaro tipicamente verdoniano. Non male, complessivamente.
MEMORABILE: Il primo incontro tra i due al fast food.

Enzus79 30/11/19 22:22 - 1828 commenti

I gusti di Enzus79

Non male. Sicuramente una delle migiori commedie di Carlo Verdone degli anni Novanta. La storia si svolge nel mondo della musica ma affronta anche il tema dell'amicizia subordinato al lavoro con le ovvie delusioni che ne conseguono. Finale abbastanza amaro. Claudia Gerini, forse nella sua migliore interpretazione, supera di gran lunga il coprotagonista. Discrete le musiche.
MEMORABILE: La litigata fra la Gerini e Verdone.

Mickes2 17/04/20 23:35 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Commedia sulla falsariga di Perdiamoci di vista, in questo caso però l’assunto è più gradevole e soprattutto lo sviluppo misurato e verosimile. Sceneggiatura ben costruita che strappa più di una risata e buona alternanza tra i protagonisti, un sempre nella norma Verdone e una frizzantissima nonché completamente a suo agio nel ruolo Claudia Gerini, che qui si prende la scena. Discreto.
MEMORABILE: Iris che al telefono dice al ragazzo di avere l’epatite e la conseguente espressione di Verdone.

Minitina80 27/03/20 18:04 - 2364 commenti

I gusti di Minitina80

Parte bene, riuscendo a raggiungere immediatamente un buon ritmo e approfittando di una Gerini valida e subito competitiva. Perde, invece, qualcosa di troppo nella parte centrale, in cui si arena anche a causa di brani poco trascinanti e dalla qualità non proprio eccelsa. Oltretutto non si fatica a intuire come andranno a finire le cose, cosa che fa scemare di un pizzico la curiosità. Il mestiere non manca e si nota in tanti piccoli particolari, ma appartiene a quella categoria di film che guardi una volta e poi non più.

Zoltan 23/06/20 13:59 - 201 commenti

I gusti di Zoltan

Il problema del cinema di Verdone di quegli anni è che (a parte Viaggi di nozze, film molto "diretto") sembrava sempre uguale a sé stesso nello sviluppo dei personaggi. Succede anche in questo film, che per i primi quaranta minuti è abbastanza brillante e anche interessante ma poi finisce per afflosciarsi, perde di interesse e brio fino al solito finale incompiuto (altra costante di quel periodo). Verdone attore stesso alla lunga di spegne, mentre la Gerini (al suo meglio nella prima parte) paga le esigenze di copione.

Zampanò 18/07/20 20:33 - 167 commenti

I gusti di Zampanò

Le avventure del duo romantic pop Iris Blond-The Freezer rappresentano le colonne d'Ercole di Verdone, dopodiché il diluvio. Questo lavoro però mantiene ancora la fresca autenticità delle commedie curate. La Gerini regge bene anche quando è sopra le righe mentre Verdone già inizia a recitare peggio, rifacendo sé stesso; nel complesso però alcune trovate, sia nella prima parte ('Je me quitte pas') che nella seconda (il litigio domestico, il concerto con Mino Reitano a Charleroi), funzionano a dovere.
MEMORABILE: La visita di Romeo al papà di Iris, che ne scopre la vera identità: "Tu sei Adamo, quello di Bella senza trucco!".

Paulaster 16/10/20 09:46 - 2829 commenti

I gusti di Paulaster

Musicista cerca una donna col nome di un fiore. L'ambientazione musicale fa da cornice a chi cerca di sfondare con le giuste dinamiche, anche se la location di Bruxelles non sembra molto incisiva. Verdone è abile nel scegliere le antagoniste anche se si fa rubare la scena: meno dalla Ferréol (che dimostra ironia), completamente dalla Gerini che sfrutta un ruolo a sé congeniale. La sceneggiatura abusa di momenti musicali, non tutti indimenticabili. Chiusura tipica, per il cinema del regista.
MEMORABILE: La Gerini in sala di registrazione; L’inventario delle spese casalinghe; Il funerale al cagnolino; Reitano sul palco.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Geppo • 25/03/08 08:27
    Addetto riparazione hardware - 4020 interventi
    sì, certo che mi ricordo della mitica partecipazione di Mino in Iris Blond.
    Anche se devo ammettere che il film Iris Blond non mi ha lasciato molto entusiasto.
    Ultima modifica: 25/03/08 16:27 da Geppo
  • Discussione Nando • 27/04/10 18:06
    Controllo di gestione - 1418 interventi
    La voce di Verdone nella canzone finale è di Andrea Chimenti un grande cantante che è considerato il David Sylvian italiano. Sylvian è un grande interprete inglese che ha cominciato a suonare alla fine degli anni 70 col gruppo musicale dei Japan, in seguito ha collaborato col grande Sakamoto ed ha interpretato la canzone " Forbidden Colors" colonna sonora del film Furyo, interpretato dallo stesso Sakamoto e dal grande David Bowie. Tuttora Sylvian è in auge e propone musica di alto valore intimistico. Chimenti, dal canto suo, ha sfoderato validi album e tuttora collabora con varie etichette musicali.
  • Discussione Raremirko • 16/12/14 00:35
    Addetto riparazione hardware - 3482 interventi
    Il finale amarissimo, quello del treno, è davvero un pugno nello stomaco (forse ancora più che in altri film dell'autore).
  • Discussione Ruber • 16/12/14 02:52
    Compilatore d’emergenza - 8998 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    Il finale amarissimo, quello del treno, è davvero un pugno nello stomaco (forse ancora più che in altri film dell'autore).

    E proprio fatto bene, Carlo dimostra di essere un ottimo "drammatico" e non mette sempre il finale da cioccolatino come fanno tanti altri, il finale molto amaro e forsela parte piu bella di tutto il film.
  • Discussione Graf • 16/12/14 03:13
    Call center Davinotti - 902 interventi
    Concordo.
    Io e mia sorella, Compagni di scuola, Sono pazzo di Iris Blond...

    Carlo Verdone dà il meglio di sé nella commedia drammatica, conflittuale se non proprio crepuscolare....
    Gli riesce meglio la blandizia intimista che la staffilata polemica.
    Ultima modifica: 16/12/14 03:14 da Graf
  • Discussione Raremirko • 17/12/14 04:02
    Addetto riparazione hardware - 3482 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Raremirko ebbe a dire:
    Il finale amarissimo, quello del treno, è davvero un pugno nello stomaco (forse ancora più che in altri film dell'autore).

    E proprio fatto bene, Carlo dimostra di essere un ottimo "drammatico" e non mette sempre il finale da cioccolatino come fanno tanti altri, il finale molto amaro e forsela parte piu bella di tutto il film.


    Si, in effetti la prima ora non mi è piaciuta, anche se un finale così duro non me l'aspettavo.

    E la donna non ci fa una bellissima figura...
  • Discussione Panza • 17/12/14 19:32
    Contratto a progetto - 4960 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    Il finale amarissimo, quello del treno, è davvero un pugno nello stomaco (forse ancora più che in altri film dell'autore).

    La prima volta che ho visto il finale ci sono rimasto malissimo, malinconico, ben realizzato.

    Il problema che il resto del film non va proprio con Verdone sottotono anche rispetto alla Gerini. Peccato.
  • Discussione Raremirko • 17/12/14 22:56
    Addetto riparazione hardware - 3482 interventi
    Panza ebbe a dire:
    Raremirko ebbe a dire:
    Il finale amarissimo, quello del treno, è davvero un pugno nello stomaco (forse ancora più che in altri film dell'autore).

    La prima volta che ho visto il finale ci sono rimasto malissimo, malinconico, ben realizzato.

    Il problema che il resto del film non va proprio con Verdone sottotono anche rispetto alla Gerini. Peccato.



    Quoto ogni parola.
  • Discussione Graf • 19/12/14 03:04
    Call center Davinotti - 902 interventi
    Molti film di Carlo Verdone (un autore interessante ma minore) mettono spesso in scena l’uomo comune, un individuo che vive un vita normale e che spesso fallisce nelle scelte decisive della vita. Verdone ha firmato pellicole nelle quali le trame amalgamano abilmente umorismo e dramma ma che non terminano quasi mai nella durezza della satira e nella ferita del graffio, come avviene, spesso e volentieri, nei film della commedia italiana del boom economico e degli anni '70, ma, invece, si rannicchiano nell'intimo di una filosofia fatalista e cechoviana e di una assennatezza riflessiva ed amara.
    I film di Verdone NON sono, quindi, delle "commedie all'italiana" (genere, comunque, morto e sepolto da tempo) ma solo delle commedie italiane più o meno drammatiche.
    Apprezzo in Verdone il coraggio di privare spesso lo spettatore della consuetudine dell'happy end.
    Ultima modifica: 19/12/14 03:17 da Graf
  • Curiosità Samuel1979 • 10/03/17 21:03
    Call center Davinotti - 2952 interventi
    Il CD esposto al negozio di musica presso il quale si recano Romeo (Verdone) e Iris (Gerini) è "Illegal Romeo Part 1" di Rene Froger, del 1996: