Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Alla base sta un'unica idea, semplice e nemmeno originale (Gogol e il suo “Ispettore generale” sono il riferimento primario): a Ostuni, nella Puglia del periodo fascista, arriva un assicuratore bonario (Manfredi) che viene scambiato dai funzionari del luogo (Gino Cervi, Gastone Moschin i più in vista) per un ispettore incarognito. Chiaramente il gioco degli sceneggiatori (il regista Luigi Zampa con Maccari e Scola) sta nel mostrare i continui tentativi di “leccaggio” da parte dei funzionari per accattivarsi la benevolenza del presunto ispettore. Un'idea simpatica, che però ha il suo principale limite in una ripetitività priva di spunti interessanti, che il buon cast prova invano a vivacizzare...Leggi tutto con una recitazione corretta ma piuttosto piatta. Troppo spazio viene lasciato all'immancabile love-story tra Manfredi e la figlia del podestà, con concessioni al cinema “da souvenir” (i trulli di Alberobello...) e dialoghi poco ricercati. La critica al rigore solo di facciata della dirigenza fascista ha poco a che vedere con la ficcante ferocia della vera commedia all'italiana e punta piuttosto alla farsa semplice, che stride con la discreta ricostruzione storica. Manfredi dà dimostrazione del suo stile misurato e largamente apprezzato, si conferma attore di rango forse non molto a suo agio nei frangenti più comici. Di comicità comunque non se ne parla e se qualche risata viene strappata è più per un paio di trovate estemporanee riuscite. Nel complesso una commedia più datata di molte altre coeve, che idealmente funge da tramite per le due anime (scanzonata prima, impegnata poi) del nostro cinema di intrattenimento. Di sicuro si potevano sintetizzare molte situazioni e renderle in tal modo più efficaci. Così resta un film buono solo a tratti.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 2/05/07 18:41 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Caricaturistico e satirico, con una profonda amarezza di fondo. Una divertente commedia degli equivoci recitata da alcuni dei migliori attori d'epoca: protagonista un grandissimo Nino Manfredi, affiancato dagli impettiti Gino Cervi e Gastone Moschin, dall'oppositore Salvo Randone e dalla bella Michèle Mércier. Molte le scenenette memorabili.
MEMORABILE: Manfredi ubriaco che, alla festa di fidanzamento, svela truffe e nefandezze dei sostenitori del regime.

Il Gobbo 2/07/07 23:19 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Riuscitissima, molto divertente, con un retrogusto amaro trattenuto sino alla fine e che viene fuori di botto, come lo sfogo di Manfredi. Prova di classe di un manipolo di grandi marpioni, tutti perfetti (Gino Cervi su tutti). Esilaranti diverse situazioni, in particolare i preparativi per l'arrivo e per la celebrazione della marcia su Roma. In fondo ognuno è nostalgico di qualcosa, per esempio di quando in Italia c'erano sceneggiatori bravissimi.
MEMORABILE: "Roma è tanto cambiata. C'è via dell'Impero, il foro Mussolini... " "Palazzo Venezia.. " "Quello c'era anche prima" "Sì, ma prima era sfitto"

B. Legnani 22/07/07 12:19 - 5277 commenti

I gusti di B. Legnani

Divertente e sàpido. Una delle prestazioni più composte e più compatte d Nino Manfredi. Ma il film si avvale di un cast regale, continuando con un grandissimo Gino Cervi (da sindaco comunista a podestà fascista), con un efficace Gastone Moschin e via dicendo. Vero è che il meccanismo dell'equivoco è tirato un po' troppo, ma è neo perdonabile.

Mfisk 13/09/07 09:07 - 127 commenti

I gusti di Mfisk

Un film che vale per l'idea: non sarà un soggetto originale, ma chi diavolo leggeva Gogol nel '62 (e anche oggi), eccezion fatta per qualche liceale e un manipolo di intellettuali? Il meccanismo scenico è un po' ripetitivo, ma le trovate sono spassose: la distruzione della casa del podestà; l'aereo giocattolo con i tappi... Le mucche carrozzate sono poi divenute un classico. Una spanna su tutti Salvo Randone, in una partecipazione trasversale alla trama, sempre eccellente e che, nel momento della risata, è pura arte recitativa.
MEMORABILE: La risata di Randone quando scopre l'identità di Manfredi; il suo dialogo con il vecchio moribondo

Galbo 16/01/09 07:27 - 11933 commenti

I gusti di Galbo

Sceneggiato da Ettore Scola e diretta da Luigi Zampa, è una gustosa commedia satirica che prende di mira l'Italia del fascio, in particolare quella provinviale remota (siamo in Puglia), dove un giovane assicuratore viene scambiato per un importante gerarca. Ricca di situazioni divertente, ben girata e sceneggiata, l'opera mostra un valore aggiunto nella riuscita interpretazione di Manfredi, Cervi e Randone.

Tarabas 12/01/09 13:32 - 1857 commenti

I gusti di Tarabas

Il film punta al lato ridicolo del Fascismo, inquadrato in un manipolo di funzionari di provincia ignoranti, corrotti e fedifraghi, ipocriti quanto basta per sfoggiare ferrea fedeltà all'ideale in pubblico e tenace attaccamento ai propri inghippi in privato. La satira non è particolarmente corrosiva e momenti buffi e seri (la visita ai paesani poveri) non sono molto legati tra loro. Come sempre bravissimo Manfredi, che spicca su un cast di gran livello. Menzione per Gastone Moschin. Interessante.
MEMORABILE: La telefonata di Manfredi alla madre. L'arrivo del vero gerarca. La visita alle casupole degli abitanti più poveri del paese.

Daniela 14/01/09 08:33 - 11777 commenti

I gusti di Daniela

Il meccanismo dell'"Ispettore Generale" di Gogol funziona anche in questo caso da cartina di tornasole per vizi ed ipocrisie, qui della piccola oligarchia fascista di provincia. Si ride spesso, dato che non mancano le occasioni comiche, ma con una amarezza di fondo. Manfredi, molto in parte, è circondato da uno stuolo di attori perfetti nei rispettivi ruoli. Grande Randone nella parte del medico antifascista che apre gli occhi allo stordito assicuratore. Una ottima commedia, generalmente sottovalutata.
MEMORABILE: La sfilata, la risata collettiva dopo la rivelazione, lo sfogo di Manfredi ubriaco alla festa: ammazza che saccoccia!!!...

Soga 13/02/09 15:43 - 125 commenti

I gusti di Soga

Piacevole commedia satirica di Luigi Zampa, ambientata negli "anni ruggenti" dell'Italia del regime fascista: un assicuratore romano viene scambiato per un gerarca in incognito mandato a indagare sui loschi traffici dei funzionari fascisti di un comune del Sud. Dietro l'ironia sulle pagliacciate di regime si nasconde l'amara verità che la retorica rivoluzionaria null'altro può che piegarsi alla tradizione millenaria dei capetti corrotti che si spartiscono la torta del potere, ancor più buffoni quando nascosti dietro una facciata ideologica.
MEMORABILE: La distruzione della casa del Podestà.

Skinner 19/03/09 16:52 - 592 commenti

I gusti di Skinner

Un Manfredi d'annata, dei migliori, in un perfetto esempio di commedia all'italiana dove il messaggio (o la morale, che dir si voglia) non va a discapito del divertimento del film, che pure nel finale diventa amaro. Personalmente lo ritengo un cult e lo rivedo sempre molto volentieri. Strepitoso tutto il cast. Da riscoprire e rivalutare (come tanti altri film di Zampa).

Matalo! 2/04/09 16:36 - 1371 commenti

I gusti di Matalo!

Simpatica rivisitazione in tono di commedia amatriciana de "L'ispettore generale" di Gogòl (che era ben altra cosa); Manfredi e la sua svagatezza si aggirano nella meravigliosa Ostuni durante il Ventennio. Scambiato per un ispettore inviato dal Duce mette sul chivalà un podestà ingordo e borioso e la sua corte. L'indifferente Manfredi, grazie anche ad un professore (Randone), apre gli occhi... Zampa versa più sulla commedia che sul sociale, ma a tratti l'effetto è riuscito e il film godibile. Bravi Moschin, Cervi. Bellissima, come sempre, la Mercier.
MEMORABILE: "Ci salutiamo romanamente: se vedemo!"; "Chi beve birra campa cent'anni - L'ha detto lui? - Sì - Allora anche pensate alla salute bevete Ferrochina"

Luigi Zampa HA DIRETTO ANCHE...

Cotola 5/04/09 10:00 - 8450 commenti

I gusti di Cotola

Discreto film di Zampa che si aggiunge ad una trilogia di pellicole satiriche sul fascismo (formando così una tetralogia) non riuscendo però ad eguagliare i risultati delle pellicole precedenti poiché questa è meno urticante. La sceneggiatura di Scola e Maccari si ispira (alla lontana) a "L'ispettore generale" di Gogol. Bella prova del cast (specie Manfredi e Randone). Alla fine il risultato è più che accettabile ma si poteva fare di più.

R.f.e. 7/01/10 20:21 - 816 commenti

I gusti di R.f.e.

Come ovvio, anche un uomo di destra come me può apprezzare l'operato di alcuni artisti "leftist" e indubbiamente uno dei miei registi "di sinistra" preferiti era senza dubbio Luigi Zampa, che aveva capito che si può divertire senza vergognarsene o, peggio, rinnegare coerenza ed impegno. Ho sempre amato molto questa sottovalutata commedia con retrogusto amarognolo (è uno dei pochi Manfredi che mi piaccono, insieme a Straziami, ma di baci saziami). Bravissimi anche tutti - nessuno escluso - gli altri attori (Cervi, Moschin e Randone in testa).

Pau 28/07/10 16:13 - 125 commenti

I gusti di Pau

Da uno spunto di nobile origine letteraria, già portato sullo schermo da Danny Kaye, una discreta commedia che Zampa/Maccari/Scola poco alla volta fanno planare sui territori a loro cari del sorriso amaro. La satira del regime non invecchia perché in fondo la cialtroneria, la boria e l'amoralità di alcuni governanti non conosce confini di tempo o di luogo. La parte più squisitamente comica è gradevole senza brillare, mentre il film acquista spessore nel finale, con la visita del protagonista alle caverne e la sua malinconica presa di coscienza.
MEMORABILE: L'affettuosa lettera indirizzata al Duce, consegnata al protagonista da uno dei poveretti delle caverne, la cui commovente lettura conclude il film.

Pigro 21/11/10 08:26 - 8920 commenti

I gusti di Pigro

La trasposizione della perfida commedia di Gogol sulle ipocrisie della politica di provincia scatenate dalla visita di un ispettore, basata su una classica trama degli equivoci, è azzeccata: qui siamo in piena "era fascista", ma a essere messa alla berlina è non solo il malaffare di piccolo cabotaggio di meschini caporioni locali, bensì il viscido affarismo provinciale all'italiana arrivato fino ad oggi. Manfredi, Cervi e Moschin dirigono un'orchestra di grottesca laidezza che offre molti spunti godibili. Satira non graffiante, ma divertente.

Rambo90 7/05/14 00:21 - 7179 commenti

I gusti di Rambo90

Una commedia molto acuta, che piuttosto che sul fascismo fa riflettere sulle ruberie di certi politici, in una trama che potrebbe essere (cambiandola di contesto) attuale anche oggi. Non esistono momenti drammatici, ma dietro le battute (alcune molto riuscite) c'è sempre l'amarezza, il che rende piuttosto reale la pellicola. Bravissimo Manfredi, ma forse ancora più calzanti le interpretazioni dei truffaldini Cervi e Moschin. Notevole.

Graf 28/02/15 23:22 - 708 commenti

I gusti di Graf

Opportunismo, conformismo, equilibrismo, doppio gioco: l’eterna malattia morale della politica italiana viene declinata questa volta in salsa fascista. Solida sceneggiatura, racconto che fila come un treno, consueta regia gagliarda di Zampa, attori in gran spolvero, il sapore della satira, quello della farsa e un inaspettato retrogusto amaro si amalgamano in un piatto saporito ma il film, come quelli dello stesso periodo dedicati al fascismo, elude una domanda di fondo: se i fascisti erano così sciocchi come hanno potuto signoreggiare in Italia per 23 anni?
MEMORABILE: L'interpretazione misurata, impacciata, tutte sfumature del protagonista Manfredi nella parte del (falso) ispettore del fascismo è di altissimo livello.

Alex75 8/09/15 13:38 - 795 commenti

I gusti di Alex75

Acuta satira, con risvolti amari, degli aspetti più tronfi e mistificatori del fascismo, la cui retorica non riesce a nascondere la meschinità, la disonestà e l’incapacità di politicanti dalla morale fatiscente. La forza del film sta nella grande carica umoristica di situazioni e dialoghi, nell’ambientazione rigorosa, nei personaggi vividi e soprattutto negli interpreti: Manfredi e Randone sono misurati e impeccabili, Cervi e Moschin efficaci e calati nei loro ruoli, la Mércier incantevole.
MEMORABILE: “Vi saluto romanamente: se vedemo”; Le visite alla scuola, alle Case Coloniche e alle grotte; La parata del 28 ottobre; La festa di fidanzamento.

Il Dandi 29/01/16 18:22 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Commedia agrodolce che sfrutta luoghi comuni del Ventennio per colpire vizi italici eterni. La scelta di attori come Cervi e Moschin rende poco credibile l'ambientazione pugliese, ma il neo è facilmente oscurato dalla qualità delle loro interpretazioni. Ottimo Manfredi, fascista moderato e ignaro dell'equivoco che lo vede protagonista, destinato a uscire di scena con la dignità che lo contraddistingue e senza le solite posticce "prese di coscienza".
MEMORABILE: "Vi saluto romanamente: se vedemo"!

Liv 9/10/16 16:36 - 237 commenti

I gusti di Liv

È un altro film ambientato durante il fascismo, perciò diretto, prima di tutto, all'impegno antifascista di prammatica. Di qui in poi si dipana la storia comica dell'equivoco circa l'ispettore venuto da Roma. Le trovate non sono molte e il film è un poco prolisso, sebbene ben recitato e ben sceneggiato. Manfredi recita come Sordi e non si capisce se sia per effetto della direzione. La storia regge bene fino al finale, cosa non tanto comune per un film italiano.

Pessoa 28/11/16 21:45 - 2365 commenti

I gusti di Pessoa

Realistico spaccato del Ventennio in Puglia dove la satira affonda efficace e divertente. Ma il film di Zampa riesce a raggiungere l'universalità descrivendoci tante piccole figure di politucoli locali che trovano sempre e comunque il modo di fare i propri interessi indipendentemente da chi governa. Grande cast, si ride spesso e di gusto, Manfredi bravissimo nel giocare sornione sull'ambiguità del suo personaggio. La storia d'amore risulta invece un po' lenta e melensa. Resta comunque un gran bel film che merita senz'altro una visione.
MEMORABILE: "Ognuno ha le sue idee, perciò vi saluto romanamente... (agitando la mano a mo' di saluto) se vedemo"; I trulli di Alberobello.

Angela Luce HA RECITATO ANCHE IN...

Almicione 31/01/17 23:56 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Un malinteso ne produce molteplici generando una situazione buffa e paradossale. Il genio di Gogol' viene qui sfruttato nell'Italia fascista, dove l'apparenza contava molto più della sostanza. La commedia si segue senza difficoltà, non raggiungendo alti picchi ma nemmeno momenti di depressione. Manfredi è molto bravo, soprattutto nel monologo da ubraico (che rimane una scena memorabile); troppo fumettistici gli altri. A ogni modo Zampa è acuto nel coniugare commedia e messaggio. Da far vedere a certi nostalgici (de che poi?)!
MEMORABILE: Il finale commovente mentre Manfredi legge la lettera.

Rufus68 5/10/17 23:06 - 3602 commenti

I gusti di Rufus68

Godibile commediola sui forchettoni fascisti e sulle ipocrisie della provincia profonda. Tutto già visto e stravisto, facile e assai poco interessante (almeno oggi, visto il nostro occhio storico scettico e disincantato). A reggere le sorti del film sono, perciò, gli attori; a cominciare da Manfredi, svagato e pungente, per finire alla coppia forchettona Cervi-Moschin e a Randone, impagabile come sempre. Bonario e divertente.

Roger 14/02/18 08:57 - 143 commenti

I gusti di Roger

Solida commedia ricca di spunti satirici che ha il punto di forza in un cast di protagonisti e comprimari di gran razza (si veda anche solo Randone, medico consapevole, disilluso e rassegnato). Forse la cosa più notevole è l'idea di adottare l'impianto da commedia all'italiana spostandolo indietro di trenta anni, come a sottolineare che tra il Ventennio e la Repubblica, tra un prima e un dopo molti vizi italici sono rimasti intatti, a dispetto delle tanto decantate virtù della democrazia.

Gabrius79 6/06/19 21:09 - 1337 commenti

I gusti di Gabrius79

Film diretto da Luigi Zampa che ha a disposizione un bel parterre di attori con gli ottimi Manfredi, Moschin e Cervi. Si ride moderatamente e con garbo di fronte agli equivoci che si vengono a creare. Qualche graffio di satira che mette alla berlina il fascismo, anche se a volte la pellicola tende ad avere qualche cedimento. Cast di contorno all’altezza.

Noodles 3/09/19 16:41 - 1617 commenti

I gusti di Noodles

Tanti film hanno messo in luce le miserie dei fascismo, ma pochi in maniera geniale come questo. Merito del tocco di Luigi Zampa e di un cast di grandi attori. Straordinari tutti, da Nino Manfredi a Gino Cervi, passando per tutti gli altri. Film amaro e di riflessione ma che non manca di diversi momenti di comicità generata dai diversi equivoci. Tratto liberamente da una commedia di Nikolaj Gogol'. Incomprensibile l'uso dell'accento napoletano in un contesto pugliese.

Paulaster 9/03/20 11:08 - 3769 commenti

I gusti di Paulaster

Assicuratore verrà scambiato per un gerarca fascista. Satira di regime in cui l’equivoco iniziale serve a svelare le ruberie di chi comanda. I toni sono da commedia, con piccola storia d’amore per alleggerire il discorso ma seri accenni alla vita misera di provincia. Manfredi è misurato e la coppia Cervi/Moschin diverte coi loro imbarazzi; Randone ha l’unico ruolo serio. Conclusione affrettata della vicenda con ultima scena di importanza sociale.
MEMORABILE: Le frasi fasciste da appendere ai muri; L’esibizione alle parallele; La sfilata delle massaie rurali; Il bambino nella cesta.

Jandileida 23/05/20 16:46 - 1418 commenti

I gusti di Jandileida

Notevole commedia amara, ricca di equivoci e ambientata nel mondo del fascismo di provincia, quello in cui appartenenza politica e intrallazzi vari si mischiavano in un'inestricabile matassa di miserrimi interessi e bassezze assortite, con qualche fulgida eccezione. Zampa dà vita così un quadro "arcitaliano", in fondo persistente e applicabile all'altro ieri, allo ieri, all'oggi e forse anche al domani. Un grande cast in ottima forma completa l'opera: da Manfredi a Cervi, passando per Moschin e Randone, ognuno fa bella mostra delle proprie, fantastiche, doti.

Maxx g 28/03/21 14:58 - 570 commenti

I gusti di Maxx g

Il film di Luigi Zampa ci fa rivivere il tempo del fascismo (siamo nel 1937, come detto da Cervi) con una piccola storia ma significativa. Omero è un timido assicuratore che si reca in un paese per cercare di ottenere qualche contratto. I gerarchi però credono sia arrivato un ispettore a controllarli e fanno di tutto per ingraziarselo. La commedia è divertente ed è uno specchio di ciò che accadeva realmente ai tempi del Fascismo. Cervi è un ottimo istrione, così come il giovane Manfredi. Si ride e si riflette. Peccato per una parte forse troppo ridotta a Moschin. Valido.
MEMORABILE: L'arrivo dei gerarchi al circolo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 21/10/20 11:07
    Gran Burattinaio - 5843 interventi
    Max73 ebbe a dire:
    Scusate, ma dissento. Ho il film e il titolo nei fotogrammi dei main titles è Gli anni ruggenti. Non importa se sulla locandina hanno levato l'articolo.

    Concordo. Quello che è riportato nei titoli di testa dovrebbe prevalere su quanto riportato nella locandina.
    Questo è un frame del titolo a pochi secondi dall'inizio
    Ultima modifica: 21/10/20 11:08 da Daniela
  • Discussione Zender • 21/10/20 15:13
    Pianificazione e progetti - 46242 interventi
    Certo, bisogna però capire se quello che si legge sui titoli di testa è quello che appartiene alla prima edizione del film, perché poi le riedizioni i titoli se li inventano spesso e volentieri

    Io parlavo comunque dei titoli di Imdb che non fanno testo rispetto alle locandine. Ad ogni modo anche Italiataglia lo segnala con l'articolo. E' curioso comunque che non esista una sola locandina d'epoca (e se ne trovan diverse) che riporti l'articolo...
  • Discussione Caesars • 21/10/20 16:08
    Scrivano - 16119 interventi
    In effetti anche facendo una ricerca sul sito dell'Archivio de La Stampa, si trova solo il flano senza l'articolo iniziale.Sotto, ad esempio, quello che venne pubblicato nell'edizione di Stampa Sera del 21 Aprile 1962
  • Discussione B. Legnani • 21/10/20 16:25
    Consigliere - 14699 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Certo, bisogna però capire se quello che si legge sui titoli di testa è quello che appartiene alla prima edizione del film, perché poi le riedizioni i titoli se li inventano spesso e volentieri

    Io parlavo comunque dei titoli di Imdb che non fanno testo rispetto alle locandine. Ad ogni modo anche Italiataglia lo segnala con l'articolo. E' curioso comunque che non esista una sola locandina d'epoca (e se ne trovan diverse) che riporti l'articolo...

    Bella questione.
    Avanzo mera ipotesi. E' nato come GLI ANNI RUGGENTI. Poi, a film montato del tutto, si sono resi conto che ANNI RUGGENTI era più bello (direi più asseverante, anche se con forte sfumatura ironica) e le locandine le hanno fatte senza GLI.

  • Discussione Caesars • 21/10/20 16:45
    Scrivano - 16119 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Zender ebbe a dire:
    Certo, bisogna però capire se quello che si legge sui titoli di testa è quello che appartiene alla prima edizione del film, perché poi le riedizioni i titoli se li inventano spesso e volentieri

    Io parlavo comunque dei titoli di Imdb che non fanno testo rispetto alle locandine. Ad ogni modo anche Italiataglia lo segnala con l'articolo. E' curioso comunque che non esista una sola locandina d'epoca (e se ne trovan diverse) che riporti l'articolo...

    Bella questione.
    Avanzo mera ipotesi. E' nato come GLI ANNI RUGGENTI. Poi, a film montato del tutto, si sono resi conto che ANNI RUGGENTI era più bello (direi più asseverante, anche se con forte sfumatura ironica) e le locandine le hanno fatte senza GLI.

    Si anch'io pensavo ad un cambio di titolo all'ultimo momento, con copie film già stampate.

  • Discussione Daniela • 21/10/20 19:27
    Gran Burattinaio - 5843 interventi
    Bisognerebbe controllare come risulta dal visto di censura oppure come era titolato nelle recensioni al momento dell'uscita.
    Quello che credo di possa escludere sia un aggiunta dell'articolo in eventuali edizioni successive, mentre un ripensamento ci potrebbe stare.

  • Discussione B. Legnani • 21/10/20 22:58
    Consigliere - 14699 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Bisognerebbe controllare come risulta dal visto di censura oppure come era titolato nelle recensioni al momento dell'uscita.
    Quello che credo di possa escludere sia un aggiunta dell'articolo in eventuali edizioni successive, mentre un ripensamento ci potrebbe stare.


    Temo non siano determinanti. Le recensioni specialmente. Se si parlava di ANNI RUGGENTI e GLI c'era solo nella copia visionata, lo avranno chiamato senza, sul giornale.
  • Discussione Daniela • 22/10/20 10:33
    Gran Burattinaio - 5843 interventi
    La faccenda è proprio complicata, anche le varie edizioni in VHS non forniscono chiarimenti, dato che sono presenti entrambi i titoli. 
  • Discussione Max73 • 22/10/20 10:37
    Galoppino - 24 interventi
    Per esempio, sto notando che accade il contrario per un film di Alberto Lattuada: Dolci inganni è scritto sui titoli di testa del film, anche se alcune fonti riportano "I dolci inganni". Comunque è meglio che la finiamo qui, altrimenti, come si suol dire, non ne usciamo vivi!
    Ultima modifica: 22/10/20 10:37 da Max73
  • Homevideo Buiomega71 • 21/04/22 16:49
    Pianificazione e progetti - 24260 interventi
    In dvd per Mustang Entertainment, disponibile dal 07/06/2022