Borsalino

Media utenti
Titolo originale: Borsalino
Anno: 1970
Genere: gangster/noir (colore)
Note: Tratto dal romanzo "Bandits à Marseille" di Eugène Saccomano. Esiste un sequel, "Borsalino & Co.", del 1974, sempre diretto da Deray.
Numero commenti presenti: 13

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/07/09 DAL BENEMERITO G.ENRIQUEZ
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

G.enriquez 17/07/09 02:31 - 121 commenti

I gusti di G.enriquez

Il principale motivo del successo di questa pellicola sta esclusivamente nell'istrionismo di Delon e Belmondo, simpatici e accattivanti al punto giusto. Per quanto riguarda il resto, c'è da rimanere davvero delusi. Il ritmo del film, dopo i primi venti minuti, cala inesorabilmente e la vicenda si complica e si riempie di personaggi, tanto che seguirla diventa davvero arduo. Finale inutilmente drammatico. Pensavo meglio.

Tarabas 7/10/11 12:58 - 1706 commenti

I gusti di Tarabas

Parte come una specie di Stangata, prosegue come una specie di Scarface, finisce come una specie di pasticcio. C'è un netto sbilanciamento tra la comedie-polar (a tratti farsesca) dell'inizio e il fosco clima della seconda parte. E poi attori troppo in costume, auto troppo d'epoca, ambienti troppo ricostruiti. E poi è troppo lungo, due ore di cui mezza è d'avanzo. Il finale, non molto chiaro per verità, è annunciato dagli smoking del duo. Per completisti.

Rambo90 10/10/12 16:19 - 6394 commenti

I gusti di Rambo90

Notevole, soprattutto per la bella alchimia del duo Belmondo/Delon, dove il primo rappresenta il lato più scanzonato della pellicola, il secondo quello più serio e violento. La prima parte è molto veloce e divertente, poi si prosegue in atmosfere alla padrino, più lente e risapute ma comunque accettabili. Bella la colonna sonora, inaspettato il finale drammatico (e irrisolto).

Puppigallo 5/10/14 17:27 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Gangster story qua e là scanzonata, con due protagonisti piuttosto azzeccati, anche se la parte del leone la fa Belmondo, in simbiosi col suo sigaro. Non ci sono scene che resteranno cinematograficamente nella storia e il ritmo è un po' altalenante, ma lo si segue senza particolari problemi, accettando il fatto che solo Belmondo e Delon avrebbero potuto resistere così tanto, pestando pericolosi piedi e arricchendosi (dei due, è comunque Delon quello che apprezza maggiormente le belle cose, basta guardare la villa). Nota di merito per la madre, che dipinge occhi di bambole. Non male, dopotutto.
MEMORABILE: Lo scontro al mattatoio; Lo scagnozzo Mario, che Belmondo manda allo sbaraglio (al porto); La "causa" della morte "Pare sia scivolato sul tagliacarte"

Disorder 13/10/14 14:26 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Insolito e sottovalutato gangster-movie, sospeso costantemente tra farsa e tragedia. I due protagonisti in qualche modo vivono la vita come un continuo gioco d'azzardo: finché si vince si va avanti (e pazienza se i dadi, o la monetina in questo caso, sono truccati..). Ma a un certo punto la posta è talmente alta da rimanere scottati. Irripetibile l'alchimia fra Belmondo e Delon, due autentici istrioni. Peccato solo per il ritmo (un po' troppo blando nella seconda parte), ma rimane comunque un gran bel film.

Daniela 9/07/15 12:02 - 9522 commenti

I gusti di Daniela

Nella Marsiglia degli anni '30, scalata ai vertici della malavita locale per due amici per la pelle: potere, tanti soldi, lusso e belle donne ma... Grandissimo successo all'epoca, dovuto non tanto alla storia, tirata un poco troppo per le lunghe e poco originale, quanto all'intesa complementare e al glamour della coppia protagonista, in cui l'aura d'angelo maledetto di Delon ben contrasta con lo spirito più scanzonato ed ironico di Belmondo. Il resto lo fanno la gustosa ricostruzione d'ambiente, il fascino retrò delle auto e dei costumi, l'orecchiabile colonna sonora.

Saintgifts 12/08/15 17:46 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Una sorpresa; rivisto oggi devo ammettere che tiene bene il tempo, addirittura con accenni a una rivalutazione. La coppia di protagonisti, bene assortita, tiene banco, ma anche il ricco contorno fa bene la sua parte. Quello che sembrava un eccesso di patinatura d'epoca (troppa eleganza, troppa brillantina, troppi "borsalino") rivela invece accessori adatti all'atmosfera semidrammatica (e a volte decisamente da commedia) del gangster movie che scimmiotta quello americano della stessa epoca. Simpatici i confronti con la polizia locale.

Fulcanelli 25/10/15 02:25 - 135 commenti

I gusti di Fulcanelli

Film piuttosto mediocre. A parte le mascalzonesche figure dei bravi Belmondo e Delon non si salva molto altro. L'arruffata sceneggiatura è di un piattume notevole per non parlare della fotografia, quasi da film tv. Anche le musiche si riducono a sintetizzarsi in un tartassante motivetto che stufa in fretta e non fa altro che declassare il già basso livello generale. Vedibile ma anche no, se non piacciono il genere o il cinema francese anni 70.

Il Dandi 29/10/16 12:10 - 1820 commenti

I gusti di Il Dandi

Il film più fortunato di Deray è il risultato di un sorprendente cocktail di commedia e noir, il cui equilibrio regge per una durata considerevole, mostrando soluzioni capaci di anticipare rispettivamente il clima de La stangata e quello de Il padrino. La confezione (musiche, ricostruzioni d'epoca) è assai curata, ma il vero valore aggiunto è l'amalgama impagabile che si crea tra Delon e Belmondo, che non si prevaricano mai e ognuno dei due, già icona per suo conto, sembra davvero completare l'altro. È il caso di dirlo: chapeau!
MEMORABILE: La rissa iniziale; Il boicottaggio del mercato del pesce.

Faggi 16/11/17 23:06 - 1507 commenti

I gusti di Faggi

Belle donne, mitragliatrici, coltelli, abiti eleganti, ambienti raffinati; gli ambigui anni '30 nella polimorfa Marsiglia. Il crimine come alta moda, il melange tra gangster-movie e commedia ironica, l'affiatata coppia Delon e Belmondo, l'aura tragica sottilmente insinuata, l'andamento da racconto di vita vissuta tra lusso e limite malavitoso, l'amicizia virile come valore vero. Jacques Deray gira il suo film di maggiore successo popolare con buon gusto e tecnica scafata; non ci consegna un capolavoro ma l'intrattenimento è assicurato.

Rufus68 12/11/18 23:12 - 3119 commenti

I gusti di Rufus68

Come La stangata: un film di buona spettacolarità, con una ricostruzione d'epoca vacua e fasulla ancorché piacevole, parecchi ammicchi alla maniera e, soprattutto, due interpreti innegabilmente carismatici. La presenza di Belmondo, simpaticamente sbruffone e di Delon, distaccato e di altera bellezza, riescono a giustificare la pellicola. Deray è abile ad alternare una prima parte guascona e brillante a un prosieguo più cupo da vera gangster story: l'insieme ha un sapore datato, ma fila liscio sino al finale.

Nicola81 23/02/20 13:37 - 1980 commenti

I gusti di Nicola81

Premiato da un clamoroso successo al botteghino (è stato uno dei maggiori incassi del cinema francese), non è invecchiato benissimo, questo mix tra commedia brillante e gangster movie. Deray fa valere il suo mestiere nelle sequenze più concitate, ma riesce a coinvolgere solo a sprazzi (la prima parte è piuttosto tediosa) e la ricostruzione d'epoca è di maniera. Innegabile il carisma della coppia protagonista (ma è Belmondo a farsi preferire), buon cast di contorno, inaspettatamente drammatico il finale, azzeccate le musiche di Claude Bolling.

Michelino 15/10/20 23:04 - 24 commenti

I gusti di Michelino

Gangster movie dal ritmo particolare, con momenti di commedia e ironia, soprattutto nella prima mezz' ora, che ne hanno fatto un cult. Una delle coppie più affiatate del nostro cinema tiene in piedi una trama che inizia a calare proprio dalla parte centrale, quando gli antagonisti cominciano a ''dire la loro''. Non mancano ovviamente i conflitti a fuoco, le vendette trasversali, inseguimenti e il tema principale della colonna sonora, a risollevare i tempi morti della sceneggiatura, e le due ore di durata possono sembrare eccessive.
MEMORABILE: Tutta la sequenza iniziale; L' incontro di boxe ''truccato''; Il sabotaggio al mercato del pesce; Lo scontro al mattatoio; Lo scagnozzo Mario.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Markus • 16/04/11 19:02
    Scrivano - 4795 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione profumieristica trash Markus, un flacone da 75 ml. dell'orami raro Borsalino pour homme: un eau de toilette maschile uscito nel 1984, che si rifaceva al noto marchio dei cappelli.

    La fragranza, aspra e muschiata, è pensata per l'uomo "neo-classico" degli anni '80. La linea comprendeva molti prodotti "per lui" (io ho solo l'edt), quali: AFTER SHAVE, AFTER SHAVE BALM, SHAVING CREAM, SHAVING FOAM, SAVON DE TOILETTE, GEL DOUCHE, DEODORANT SPRAY e STICK.

  • Musiche Lucius • 20/05/11 10:15
    Scrivano - 8319 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri italiano (abbinato a Love story):



    una cover del film :



    e quello originale:

    Ultima modifica: 2/12/17 11:01 da Zender
  • Homevideo Mco • 13/03/13 23:59
    Scrivano - 9684 interventi
    In DVD dal 19 Marzo 2013 per Raro Video.
  • Musiche Fauno • 14/01/16 22:48
    Compilatore d’emergenza - 2536 interventi
    Dalla collezione discografica di Fauno, il 45 giri italiano del film:

    Ultima modifica: 15/01/16 07:59 da Zender
  • Musiche Lucius • 15/01/16 01:05
    Scrivano - 8319 interventi
    Credo sia una cover del brano originale.
  • Musiche Zender • 15/01/16 08:01
    Consigliere - 43613 interventi
    In effetti non si capisce. Le gang è il nome di chi suona? L'autore della colonna sonora è Claude Bolling. Non c'è scritto niente sul retro che chiarisca?
  • Musiche Fauno • 15/01/16 17:10
    Compilatore d’emergenza - 2536 interventi
    Ho cancellato due post perché ritengo di avere le idee abbastanza chiare, anche se pur sempre confutabili.

    La musica è di Bolling e quasi sicuramente il brano che si sente nel film è quello originale postato da Lucius ed eseguito dallo stesso autore. La versione di Le gang, questo è il nome di chi ha interpretato la musica, è molto più veloce e ricca di effetti sonori e per questo molto più commerciabile, e non per niente è uscita in tutto il mondo. Fra l'altro tutte le edizioni hanno la stessa copertina tranne quella spagnola, in cui ci sono Belmondo e Delon sulla Cadillac, e non per niente è l'etichetta Biram, appunto spagnola, che ha prodotto il lancio del 45, visto che è notato in piccolo anche sul mio 45 giri, italiano, e che ho dal 70, che è stato distribuito dalla CGD. Quindi anche se è una cover, è una cover mondiale, non solo italiana. E chi mi dice che non sia stato lo stesso Boiling a rifarla in una forma più vendibile, nascondendosi con il collaboratore più stretto dietro uno pseudonimo fra l'altro decisamente più in tema con l'opera cinematografica... Sul retro della copertina c'è la stessa dicitura: dalla colonna sonora del film Borsalino. Un po' come A blue shadow. Il brano originale era di Romolo Grano, ma chi l'ha commercializzata fino a battere perfino Pensieri e parole come settimane di permanenza al primo posto ad Hit Parade è stata l'orchestra di Berto Pisano. Quindi per me si può tranquillamente inserire. FAUNO.
    Ultima modifica: 15/01/16 18:39 da Fauno
  • Musiche Lucius • 15/01/16 17:32
    Scrivano - 8319 interventi
    Si, era solo per la descrizione.Certe cover sono fenomenali.
  • Musiche Zender • 15/01/16 18:00
    Consigliere - 43613 interventi
    Sì, ma non c'è niente di male a inserire una cover, non era questo il punto, non volevo mica cancellarla ovviamente. E' solo che come sempre è bello sapere se lo sono o non lo sono, cover, e spesso non è affatto facile capirlo.

    Io ho provato a cercare e sembrava appunto una cover ma non ne ero per nulla sicuro, per quello chiedevo. C'è un po' di casino in tema, nel senso che appunto non è che se l'ha composta Bolling voglia dire che quella di questi questi GANG non sia la versione originale uscita per il film. E' come dire che "Reality" è di Vladimir Cosma: è vero, ma ovunque sta scritto Richard Sanderson, che è quello che l'ha interpretata. Nelle colonne sonore capita spessissimo che la musica sia degli autori della colonna sonora ma interpretata da cantanti "di grido" che ne "usurpano" i meriti diciamo :) Capita con tutti gli 007 o quasi ma in tantissimi altri casi e mi piacerebbe capire se è lo stesso anche qui.

    La scritta "dalla colonna originale del film" sembrerebbe dire che il pezzo sia proprio quello che si sente nel film, solo che non ne son sicuro.
  • Musiche Lucius • 15/01/16 18:12
    Scrivano - 8319 interventi
    Ci dovrebbe essere scritta la parolina "originale" da qualche parte.Anche io l'ho avuto in passato ma per motivi di spazio me lo sono tolto.Altre indicazioni si trovano all'interno sul disco.C'è stato un periodo che autori e cantanti facevano a gara per realizzare o interpretare cover di brani famosi.