Assassinio sull'Orient Express

Media utenti
MMJ Davinotti jr

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Il celebre detective belga Hercule Poirot (Finney) si trova a Istanbul e deve rientrare a Londra con una certa urgenza. Per questo, incontrato un amico (Balsam) che è tra i direttori della compagnia dell'Orient Express, riesce a salire sul treno – teoricamemente al completo - in partenza per Calais. Durante il tragitto però, col convoglio bloccato dalla neve (siamo in dicembre), uno dei passeggeri viene ucciso. Si tratta di Ratchett (Widmark), un losco individuo che si era reso responsabile, qualche tempo prima, del sequestro e dell'uccisione della piccola Daisy Armstrong, figlia di ricchi signori che qualcuno, sull'Orient Express, indubbiamente conosceva. Ratchett, ucciso con ben dodici pugnalate nel suo scompartimento, aveva invano offerto...Leggi tutto a Poirot 15.000 dollari per essere da lui protetto dopo aver ricevuto alcune lettere minatorie. Con tutta la pacatezza e la tranquillità che lo contraddistingue, il belga comincia le indagini interrogando uno per uno gli occupanti della carrozza. Sfilano così davanti a noi i componenti dell'incredibile cast all-star, naturale punto di forza di questa celebre riduzione del classico della Christie. Su tutti però si erge il Poirot di Finney, realmente superlativo (e doppiato senza alcun accento francese da Giuseppe Rinaldi): con i suoi vezzi, i contenuti gigionismi, i sorrisini sotto i baffi, le risposte ficcanti, persino le sonore risate improvvise, l'attore britannico ci regala una delle più memorabili versioni del grande detective belga (a dire il vero sempre molto fortunato, al cinema), degno anfitrione di un parterre da urlo. Se Widmark è assistito dai perfetti Anthony Perkins (segretario) e John Gielgud (maggiordomo), è difficile dimenticare la raffinatissima Mary Debenham di Vanessa Redgrave o non notare la presenza contemporanea di attrici del calibro di Lauren Bacall (impagabile nella sua altezzosa schiettezza), Ingrid Bergman e Jacqueline Bisset. O quella di Sean Connery nei panni del colonnello, di Michael York con baffi e buffa capigliatura... Ogni interrogatorio diventa un duetto di bravura che Lumet dirige con sapienza, pur trovando qualche difficoltà nello sbrogliare con la dovuta chiarezza la matassa di un soggetto articolato nelle sue apparentemente superflue ramificazioni. Inserito nel prologo il rapimento di Daisy Armstrong, il film vi tornerà quasi sempre solo verbalmente lasciando che l'azione, dopo una stringata prima parte in Turchia, non si sposti praticamente mai dai vagoni (reali, tra l'altro) dell'Orient Express. Una sfida vinta che incoccia poi in una soluzione ai limiti del credibile (ma qui la “colpa” è del romanzo) con epilogo a sorpresa. Inevitabile qualche pausa, qualche precisazione inutile che appesantisce la narrazione, ma certe invenzioni anche visive (la straniante luce blu nello scompartimento della vittima) lasciano il segno e il tutto gode di una piacevole armonicità.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/03/07 DAL BENEMERITO CAESARS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 19/12/17
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 12/03/07 08:57 - 2690 commenti

I gusti di Caesars

Probabilmente il miglior film tratto da un romanzo di Agatha Christie: tutto funziona a meraviglia a cominciare da una sceneggiatura precisa come un orologio svizzero, passando per un'interpretazione strepitosa di un cast veramente stellare e finendo con la regia di Sidney Lumet che è semplicemente perfetta. Pur essendo un giallo (quindi la scoperta del colpevole ha parte preponderante nella storia), resta perfettamente godibile anche dopo ripetute visioni. Sicuramente da vedere.

B. Legnani 13/03/07 00:55 - 4720 commenti

I gusti di B. Legnani

Dire che è ben recitato è tanto vero quanto inutile: basta una rapida scorsa al cast. Da notare che Finney è un po' eccessivo nel gesticolare e che, per molti, Ustinov (che debutta nel 1977, come belga, in Assassinio sul Nilo) gli è compostamente superiore. Lumet cura molto l'ambientazione e regge bene lo sviluppo della trama gialla, tremendamente statica. Perkins fa Norman Bates e la Bisset fa svegliare i morti. In un film di gran classe, spicca la classe sopraffina del regale Sir John Gielgud.

Sadako 14/04/07 16:15 - 177 commenti

I gusti di Sadako

Ben realizzato come incastri e come cast, pecca purtroppo proprio nella figura di Poirot. Meno misurato del solito, Finney (o meglio il doppiatore) non ha assolutamente nessun accento, facendo perdere al nostro Hercule buona parte del suo "fascino". Gli altri sono perfettamente in parte, anche se alcuni intepretano più loro stessi che un ruolo (come Perkins o Connery), e l'intreccio incastra ben presto lo spettatore nella vicenda fino alla conclusione dell'enigma. Anche l'Orient Express, vero protagonista assoluto, fa la sua ottima parte.

Lovejoy 29/12/07 22:55 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Dal classico della Christie un giallo che, nonostante gli anni, riesce ancora a tenere con il fiato sospeso. Merito di una storia che non invecchia minimamente, di una regia calibrata e di un cast all star al meglio delle proprie possibilità. Da ricordare: Ingrid Bergman (che ricevette un meritato Oscar come Non Protagonista), Bacall, Balsam, John Gielgud, Widmark e, su tutti, il carismatico Finney nel ruolo di Hercule Poirot.

Galbo 12/06/08 07:31 - 11384 commenti

I gusti di Galbo

Divagazione di ambiente britannico (anche se dall'ambientazione orientale) per un regista americano per eccellenza, Sidney Lumet che adatta come meglio non si potrebbe dal punto di vista cinematografico il celebre giallo di Agata Christie. Più che la vicenda in sè (che molti conoscono, visto il successo del libro) conta la bella ambientazione retrò molto curata e la caratterizzazione dei personaggi affidati ad un ottimo cast di vecchie glorie, tra le quali spicca la grande Ingrid Bergman.

Cotola 24/06/08 13:23 - 7517 commenti

I gusti di Cotola

Discreto giallo, superiore rispetto alla media di questi film, che può contare sull'eccelso romanzo della Christie, sulla regia estremamente professionale di Lumet e su un cast di all star assolutamente da urlo. Tuttavia alcuni attori, per quanto bravi, sono un po' sprecati e alla fine si sente la mancanza di qualcosa. Forse un po' di mordente in più non avrebbe guastato. In ogni caso innapuntabile sotto tutti i punti di vista. Eppure non basta a farne un grande film.

Pigro 4/08/08 09:52 - 7785 commenti

I gusti di Pigro

Omicidio a bordo del leggendario Orient Express mette alla prova l’abilità del detective Poirot. Dal romanzo di Agatha Christie un bellissimo film che riesce a restituire le atmosfere dello scientifico meccanismo criminale tanto caro alla grande giallista inglese. Tutto è ottimo e funziona al meglio, grazie all’orchestrazione di Sidney Lumet: la suspence c’è, così come l’inesorabile incedere delle indagini che intriga e spiazza, fino all’imprevista soluzione. Un cast eccellente e stratosferico, direi irraggiungibile (Ingrid Bergman grandiosa).

Ciavazzaro 10/12/08 16:47 - 4762 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Anche Finney interpreta un degno Poirot in una famosa indagine sull'Orient Express. Cast come al solito di stelle di prima grandezza: Bergman, Perkins, Bisset, il compianto Richard Widmark, Balsam e la regale Lauren Bacall. Ottime l'ambientazione sul treno, la scena finale (con la soluzione dell'enigma), le interpretazioni. Un altro gioiello da Agatha Christie.

Daniela 11/03/09 17:59 - 9382 commenti

I gusti di Daniela

Formula all-stars per questa splendida trasposizione cinematografica delle avventure di Poirot, la migliore in assoluto sul grande schermo, nonostante si possa preferire Ustinov a Finney, bravo ma qui un po' eccessivo. Raffinata l'ambientazione, avvincente la storia (con riferimenti al rapimento del piccolo Lindberg), soprattutto ottimamente sfruttato l'eccezionale cast, con interpretazioni incisive nonostante la brevità delle rispettive parti. Memorabili Bacall e Bergman, assolutamente delizioso il maggiordomo inglese interpretato da Gielgud.

Belfagor 10/10/09 08:37 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

Film curato sotto ogni punto di vista, ben ambientato e recitato in modo eccellente da un ampio cast di star (tra cui spiccano Ingrid Bergman e Lauren Bacall). L'unico problema è probabilmente la durata: certi passaggi sono eccessivamente stirati e rischiano di allentare la tensione. Ma Lumet dirige ottimamente il gioco degli incastri e riesce a dare uno smalto classico ed affascinante a questa trasposizione del romanzo di Agatha Christie, che appassiona anche chi conosce già la soluzione.
MEMORABILE: La ricostruzione dell'omicidio.

Stefania 13/01/10 01:29 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

La regia sfrutta perfettamente l'ambientazione raffinata e retrò, nonché la bravura dell'intero cast, in questo formidabile giallo, dalla trama davvero particolare: prima dell'identità dell'assassino, il mistero è la vera identità della vittima, e quella dei sospettati. E soprattutto il doloroso segreto. Tra i velluti dell'Orient Express e il paesaggio innevato, un mystery di classe, dai tempi perfetti.

124c 5/06/10 12:13 - 2771 commenti

I gusti di 124c

Film tratto dal romanzo di Agatha Christie, ricco di star, con un Poirot approvato dall'autrice. Albert Finney, per me, come Hercule Poirot, è assai nervoso e per nulla comico, come il suo successore, Peter Ustinov, però il suo look è somigliantissimo a quello che noi vediamo sulle copertine dei gialli, che tutt'ora escono in edicola. Strano vedere Sean Connery ritornare sull'Orient Express sette anni più tardi di "A 007 - Dalla Russia con amore", ma in veste di indiziato d'omicidio. Bel film.

Deepred89 24/12/10 21:00 - 3282 commenti

I gusti di Deepred89

Discreto film tratto da un grandissimo romanzo. Elegante ma piuttosto invecchiato, penalizzato da una regia di stampo eccessivamente classico che impedisce alla tensione di impennare e appesantito dai troppi dialoghi (che comunque nel libro funzionavano divinamente) e da alcune lungaggini. Era comunque difficile fallire con un tale spunto di partenza e infatti il film riesce comunque ad ingranare, anche grazie all'ottimo cast (penalizzato dal doppiaggio italiano), dominato dalla formidabile Lauren Bacall. Non imprescindibile, ma niente male.

Homesick 13/02/11 17:25 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Le trame geometriche e le indagini razionali del romanzo di Agatha Christie sono trasferite sul grande schermo da Sidney Lumet traendo il meglio dall’unità di luogo – le carrozze dell’Orient Express bloccate ed isolate dalla neve – e da un cast di stelle di prima grandezza, con i virtuosismi di Finney a decorare di piacevoli eccentricità l’infallibile detective belga Hercule Poirot; tra i passeggeri del treno, tutti ambigui e sospettabili, tanto di cappello al regale maggiordomo Gielgud e alla timorata di Dio Bergman.
MEMORABILE: La toeletta notturna (capelli e baffi) di Poirot.

Mema 13/04/11 23:28 - 6 commenti

I gusti di Mema

Uno di quei film che potrei rivedere innumerevoli volte. Ottima l'ambientazione, che permette allo spettatore di sentire l'atmosfera accogliente del treno d'altri tempi. Cast d'eccezione. A mio avviso il Poirot più convincente di tutti, proprio perché il meno "simpatico" (Ustinov, grande attore, ha comunque reso Poirot troppo divertente e spiritoso rispetto alla descrizioni della Christie). Grande film.
MEMORABILE: La ricostruzione dell'omicidio; Lauren Bacall, splendida.

Ale nkf 26/08/11 23:09 - 803 commenti

I gusti di Ale nkf

Un classico del giallo. Assassinio sull'Orient Express è uno splendido film ispirato all'omonimo romanzo della Christie che vanta nel cast ottime guest-star tra le quali le affascinanti Bergman e Bisset e la meravigliosa principessa Dragomiroff alias Wendy Hiller. La sceneggiatura funziona al meglio e la regia di Sidney Lumet è di ferro. Finale con grande sorpresa che lascerà basiti. Non è solamente un gran film, è un film di classe.

Giùan 16/10/11 14:04 - 2988 commenti

I gusti di Giùan

Regista capace di alternare prove autoriali a lavori su commissione, Lumet è sempre stato un lungimirante, misuratissimo direttore di attori. Qui, alle prese con un cast allstars, dà libero sfogo a tale sua peculiarità, costruendo un divertissement incalzante e teso. Certo il plot della Christie è formidabile, ma i whodunit della giallista inglese raramente son stati trasposti con tale rispettoso impeto. Centratissime le tipizzazioni degli attori tutti, note di merito per il bizzarro Poiret di Finney e per il maggiordomo di Gielgud. Spettacolo su rotaie.

Funesto 14/12/12 14:15 - 525 commenti

I gusti di Funesto

La finezza espressiva è sorprendente: pur perdendosi talvolta nel virtuosismo (meravigliose, anche se inutili, le riprese particolareggiate dei treni che partono) essa ben riesce ad addolcire la pillola, che altrimenti peserebbe sullo stomaco come un mattone. Effettivamente il film i suoi anni li fa sentire proprio tutti e nel complesso di tensione se ne respira davvero poca. Il cast è davvero quello delle grandi occasioni, con un Albert Finney che funziona molto bene; di classe anche la confezione, con una raffinatissima soundtrack ad archi.
MEMORABILE: Poirot che con cura maniacale s'impomata i baffetti e il riporto prima di andare a dormire; Le riprese dei treni che si mettono in movimento.

Il Dandi 12/07/13 02:04 - 1770 commenti

I gusti di Il Dandi

La migliore (e imitatissima) versione cinematografica del Poirot della Christie, che Finney (premiato con l'oscar) interpreta in maniera gigionesca ma con insuperata aderenza alle pagine (ha anche il tic di tenere la testa inclinata sulla destra). Dialoghi brillanti all'altezza del cast: formidabile la coppia Connery-Redgrave, quasi commovente la Bergman dimessa e malridotta in un ruolo da lei fortemente voluto; ironiche le reinterpretazioni di rispettivi cavalli di battaglia per Lauren Bacall (Lady Macbeth) e Antony Perkins (lo psicopatico).
MEMORABILE: Poirot riesce a leggere la lettera bruciata con l'ausilio di una candela e di una cappelliera.

Rambo90 1/02/14 17:58 - 6343 commenti

I gusti di Rambo90

Il classico dei classici tratti dai romanzi della Christie. Una bellissima trasposizione di uno dei libri più belli della scrittrice, con un'accurata ricostruzione d'epoca e un grandissimo cast in vera e propria gara di bravura, capitanato da un Finney irriconoscibile nei panni di Poirot. Ottimi colonna sonora e costumi, impareggiabile la soluzione del caso.

Nicola81 19/06/14 19:36 - 1952 commenti

I gusti di Nicola81

Un grande classico del giallo, a mio avviso persino superiore al romanzo della Christie da cui è tratto. L'intreccio giallo vine sfruttato in tutte le sue potenzialità ed è arricchito da una pregevole confezione nonché da un cast che è una parata di stelle. La Bergman venne premiata con l'Oscar, ma tutti si esprimono al loro meglio. Lumet dirige con mestiere, ma con un simile materiale a disposizione era francamente impossibile steccare...
MEMORABILE: L'espediente che permette a Poirot di leggere la lettera bruciata; La spiegazione finale.

Claudius 11/09/14 10:11 - 408 commenti

I gusti di Claudius

Uno dei pilastri del whodunit, impreziosito da un cast superbo (splendidi soprattutto Finney, la Bacall, la Bergman, Connery e la radiosa Bisset). Più che per la trama (comunque interessante e ben strutturata) il film si ricorda per un'accurata ricostruzione dell'epoca e per l'attenzione alle varie psicologie dei protagonisti. Affascinanti le location (esterni e interni).
MEMORABILE: La scoperta del cadavere.

Pessoa 9/09/14 13:58 - 1158 commenti

I gusti di Pessoa

Un cast stellare per uno dei più celebri gialli "letterari" del cinema. Difficile sbagliare ricetta con questi ingredienti e il piatto di Lumet è senz'altro da gourmet, anche se fortemente penalizzato dal doppiaggio italiano. Il finale lascia in bocca un gradevole sapore. Meritano una menzione a parte Finney, che ritengo il miglior Poirot al cinema, la Bergman, Perkins e il grande John Gielgud, che ha quasi sempre preferito concedere la sua arte al teatro. Un grande esempio di cinema senza tempo, soprattutto per i cultori del genere.
MEMORABILE: Fa sempre effetto vedere Anthony Perkins con un pugnale in mano...

Ultimo 10/11/14 17:24 - 1358 commenti

I gusti di Ultimo

Grande giallo tratto dall'omonimo romanzo. E' superiore per qualità al medesimo episodio con Suchet, ma Finney non è completamente in parte e tanto Suchet quanto lo stesso Ustinov (che interpreta Poirot dalla fine degli anni 70') gli sono superiori. Da segnalare la presenza di un pezzo da novanta come Sean Connery. In ogni caso un ottimo film.

Metuant 14/05/15 08:42 - 454 commenti

I gusti di Metuant

Trasposizione molto fedele al romanzo della Christie che può vantare una parata di attori hollywoodiani decisamente invidiabile (e il livello del film non ha che da guadagnarci). Il Poirot di Finney forse appare meno composto e posato dell'originale, ma fa ugualmente la sua bella figura e la storia procede con la giusta suspense grazie a una regia efficace. Tra le trasposizioni senza David Suchet nei panni del belga è una delle migliori.
MEMORABILE: La ricostruzione dell'omicidio.

Il Gobbo 12/05/15 11:19 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Celebre e classica trasposizione di uno dei più arzigogolati meccanismi della Christie, che consente a Lumet non solo di dispiegare un cast lussuoso e gigione, ma di alludere/ammiccare a un suo grande esito. Va quasi tutto liscio come l'olio, magari Finney non è il massimo e non aiuta che Rinaldi, timoroso forse dell'effetto-Clouseau, rinunci all'inflessione. Comunque nel suo campo pressoché impeccabile.

Ryo 18/08/15 12:15 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Pur tagliando tutta la parte centrale del libro, è un ottimo e degno adattamento del romanzo di Agatha Christie. Non si discosta dalla trama principale e sopratutto dalla risoluzione del mistero finale e i personaggi sono tutti piacevolmente interpretati con merito. Gradevole il cast assortito, con famose icone del cinema.

Azione70 17/05/16 23:48 - 145 commenti

I gusti di Azione70

Stupendo film, basato su una storia di Agatha Christie. L'ambientazione teatrale del treno bloccato dalla neve esalta i dialoghi e la mimica dei vari personaggi, tanto che il plot non conosce cali di tensione e, nonostante la durata, appassiona continuamente lo spettatore. Il cast d'eccezione contribuisce in misura determinante all'ottimo risultato: su tutti Finney (Poirot), Connery e Balsam. Da gustare anche col doppiaggio francese (dove alcuni personaggi, vedi Connery, parlano spesso nella loro lingua nativa). Infine, musica di grande impatto.

Faggi 7/07/16 16:15 - 1502 commenti

I gusti di Faggi

Un ottimo film, imperdibile per gli appassionati del giallo in celluloide e per i lettori dei romanzi della Christie; diretto con rigore, è abbastanza fedele alle atmosfere della scrittrice britannica. Splendido il cast, affascinante il microclima ferroviario sospeso e ambiguo dove i personaggi sono come preziosi pesci in un acquario. La messa in scena elegante completa l'insieme; intrattenimento raffinato, insomma, da antologia del genere.

Saintgifts 18/12/16 11:30 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Sidney Lumet, un cast stellare e il fascino del treno più famoso che dal Bosforo portava a Parigi, usato da Agatha Christie come teatro del crimine, sono gli ingredienti di un piatto molto riuscito, servito caldo tra le nevi dei Balcani. Finney, un Poirot molto convincente, è alla testa di un folto gruppo di personaggi tutti ben caratterizzati, che sono il vero cuore di uno dei gialli più famosi della scrittrice inglese. L'eleganza formale, la direzione di Lumet e una sceneggiatura che rende giustizia all'opera letteraria ne fanno un classico.

Rigoletto 4/10/17 12:33 - 1562 commenti

I gusti di Rigoletto

Un delitto misterioso viene commesso su un treno. Chi è la vittima? Chi sarà il colpevole? Un cast fantastico e una sapiente regia danno vita a questa trasposizione cinematografica del romanzo di Agatha Christie. La bravura di Lumet, oltre all'aver saputo portare avanti una storia con la precisione di un orologiaio, è stata far coesistere un cast tanto ridondande di celebrità. Personalmente non sono mai andato alla ricerca di gialli, ma questo film mi ha fatto aprire un finestra su prospettive interessanti. Salottiero e discreto. Chapeau!

Dusso 30/11/17 09:40 - 1535 commenti

I gusti di Dusso

L'ho visto diverse volte: è un film ottimamente realizzato, dall'eccellente confezione (soprattutto il sontuoso cast, ma anche la fotografia e le musiche). Si può però forse dire che, nonostante l'ottima interpretazione, il Poirot di Albert Finney sia fin troppo "borioso" rispetto a come siamo abituati a conoscere l'investigatore belga in altre occasioni.

Ira72 16/01/18 14:12 - 939 commenti

I gusti di Ira72

Colpisce parecchio che in regia ci sia un americano: non si direbbe. Il film, infatti, ha uno stile assolutamente british, come doveva giustamente essere. Sul cast sono da sprecare poche parole: per la maggior parte si tratta di vere e proprie icone. Splendidi i costumi, curata l'ambientazione, con un occhio fino anche verso i dettagli. Dialoghi divertenti, a volte sottili e personaggi azzeccati nei rispettivi ruoli. Un po' debordante Finney, che tende a teatralizzare eccessivamente l'epilogo (de gustibus). Due ore di classe: chapeau!
MEMORABILE: Mrs. Hubbard: "Il mio secondo marito diceva che l'unica moneta è il dollaro, al massimo la sterlina... Ora, in nome del cielo, che cos'è una dracma?!"

Samdalmas 26/12/17 18:37 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

La miglior versione del classico di Agatha Christie (superiore al pur discreto remake di Branagh), che nel'74 riunì un cast di attori leggendari sul mitico treno. Solo il Poirot di Finney non è del tutto convincente e farà di meglio Ustinov. Memorabile Lauren Bacall in un ruolo chiave mentre Perkins e Balsam si ritrovano dopo Psyco. Un po' datato e lento nello svolgimento ma assolutamente imperdibile, per gli amanti del giallo.
MEMORABILE: La ricostruzione finale del delitto.

Gordon 29/12/17 18:17 - 169 commenti

I gusti di Gordon

Celeberrimo giallo tratto dall'altrettanto classico libro della Christie. Il cast è stellare e ogni star è ben calata nella propria parte, a eccezione di Finney: è sì vero che Poirot è gigione ma è anche decisamente più composto, come lo sarà Ustinov. A parte questo la regia se la cava bene pur essendo statica (ma d'altronde non potrebbe qui non esserlo) e l'ambientazione è ben fatta. Nota di merito il delitto di casa Armstrong in aperura e il treno bloccato nella neve, che aggiungono pathos. Un classico.
MEMORABILE: Il faccia a faccia tra Poirot e i sospettati nel finale.

Von Leppe 2/01/18 20:36 - 1025 commenti

I gusti di Von Leppe

Buona trasposizione, abbastanza fedele, del romanzo di Agatha Christie. Riunione di molti attori celebri, che rendono la confezione ancora più lussuosa (idea che sarà usata in molti film tratti dai gialli della scrittrice inglese, come nei Poirot interpretati da Peter Ustinov). Interessante la fotografia, tra il bianco della neve e i colori non troppo accesi delle carrozze del treno. Notevole la sceneggiatura, che tiene alta l'attenzione durante la lunga indagine. I personaggi italiani sono doppiati con accento siculo.

Il ferrini 14/02/18 02:08 - 1680 commenti

I gusti di Il ferrini

Raramente i film tratti dai romanzi della Christie lasciano il segno, questo - ancor più dei Dieci piccoli indiani di Clair - ci riesce, merito anche di un cast notevole e in gran forma, Bacall e Bergman su tutte. L'intreccio è un meccanismo perfetto, anche perché Lumet resta molto fedele al libro e la sua regia è - al solito - impeccabile quando si tratta di kammerspiel (vedi il capolavoro La parola ai giurati) mantenendo sempre alta la tensione. Dopo oltre quarant'anni Kenneth Branagh ne realizzerà una nuova versione.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Deepred89 • 28/12/10 01:13
    Comunicazione esterna - 1427 interventi
    Fondamentalmente perchè ero convintissimo, almeno prima di leggere la tua domanda, che Finney nella versione originale parlasse con l'accento francese tipico dei vari Poirot apparsi sugli schermi. Sono quindi rimasto perplesso dall'italiano perfetto che si sente nel doppiaggio italiano. Tra l'altro Finney resta in scena per quasi tutto il film, e quindi la cosa alla lunga mi ha leggermente infastidito. Ora però cercando su internet non vedo nessun riferimento all'accento francese di Poirot riferito a questo film, quindi non escludo di aver preso un cantonata.
    Inoltre non mi hanno fatto impazzire gli accenti dei personaggi di Bianchi (nel romanzo Bouc) e Foscarelli (ad opera di Michele Gammino a quanto leggo), ma a quanto ho capito è una convezione diffusa dare accenti meridionali agli italiani quando si doppia un film americano.
    Per quanto riguarda le altre voci nulla da ridire, doppiaggio professionalissimo.
  • Discussione Il Dandi • 28/12/10 01:58
    Contratto a progetto - 1434 interventi
    La vera colpa del doppiaggio italiano è che elimina la dimensione cosmopolita del cast, mentre vedendolo in lingua originale molti personaggi "stranieri" si esprimono in un inglese godibilmente arrangiato.
  • Homevideo Galbo • 7/06/11 07:11
    Gran Burattinaio - 3754 interventi
    Specifiche tecniche del dvd (fonte dvd-store.it)


    Formato video 1,78:1 Anamorfico
    Formato audio 1.0 Dolby Digital: Italiano Inglese Spagnolo
    Sottotitoli Italiano Spagnolo
    extra
    Trailer
    Galleria fotografica
    Spot S.w.a.t.
    Cinechat Sidney Lumet
    Viaggio nel cinema americano: Sidney Lumet
    Tre cose 3
  • Curiosità Maxspur • 25/03/12 11:22
    Galoppino - 206 interventi
    Il regista Sidney Lumet voleva che Ingrid Bergman interpretasse la principessa Dragomiroff.La Bergman voleva invece a tutti i costi la parte della cameriera svedese ritardata.Lumet accettò;lei vinse l'Oscar come miglior attrice non protagonista.

    fonte: "Ciak".
  • Homevideo Xtron • 12/01/14 10:18
    Servizio caffè - 1831 interventi
    Il bluray UNIVERSAL ha una durata di 2h08m00s

    Il master è buono, ma in alcuni momenti si nota molta grana
    (immagine a 1.23.27)

    Ultima modifica: 7/03/15 09:59 da Zender
  • Musiche Lucius • 4/12/15 11:22
    Scrivano - 8326 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, due 45 giri originali:



    Ultima modifica: 1/12/17 12:32 da Zender
  • Homevideo Zender • 1/11/17 17:43
    Consigliere - 43512 interventi
    Si può allora forse provare col bluray Eagle...

    https://www.dvd-store.it/DVD/Blu-Ray/ID-60162/Assassinio-sull-Orient-Express.aspx
  • Discussione Caesars • 19/12/17 23:28
    Scrivano - 10682 interventi
    Nel cat Lauren Bacall appare tra parentesi, dopo il nome Harriet Belinda. Non credo che da nessuna parte appaia con quel nome. Direi che va eliminato. Da notate che il film é stato davinottato da me, quindi in teoria dovrei aver inserito io il cast. Se così fosse, incomincio a preoccuparmi per la mia salute mentale...
  • Discussione Zender • 20/12/17 07:45
    Consigliere - 43512 interventi
    Veramente è Imdb che dice che nel film è accreditata con quel nome:

    Lauren Bacall... Mrs. Hubbard (as Harriet Belinda)

    Di solito fa così quando il nome nei titoli è diverso da quello solito che usa Imdb per l'attore. L'esempio sta qualche riga più giù:

    Jean-Pierre Cassel... Pierre (as Jean Pierre Cassel)

    Però mi sa che lì l' "as" è riferito al personaggio e non all'attrice. Curioso.
    Ultima modifica: 20/12/17 07:46 da Zender
  • Discussione Caesars • 20/12/17 14:51
    Scrivano - 10682 interventi
    Hai ragione Zender. Imdb lo riporta così. Strano.