The wife - Vivere nell'ombra - Film (2018)

The wife - Vivere nell'ombra
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/10/18 DAL BENEMERITO LOU
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lou 6/10/18 16:56 - 1121 commenti

I gusti di Lou

La moglie ghost writer del marito scrittore, un caso che coinvolge niente di meno che un premio Nobel per la letteratura negli Anni Novanta, coi i nodi che vengono al pettine proprio in occasione della premiazione a Stoccolma. Il regista svedese Runge mette in scena una rappresentazione plateale e altamente inverosimile, formalmente curata ma priva di ritmo e poco convincente. La Close come sempre enigmatica e inquietante.

Rambo90 9/10/18 23:01 - 7701 commenti

I gusti di Rambo90

Trascinato dall'intensa performance di Glenn Close, il film scorre su binari lineari e prevedibili ma sa come agganciare lo spettatore con la profondità dei personaggi e fa sentire davvero vivo il dramma della protagonista a cui il marito ruba la creatività e i conseguenti meriti. Pryce più di routine, superato forse anche da uno Slater chiacchierone infido. Regia lenta ma che non indugia mai più del dovuto sulle singole scene. Buono.

Galbo 6/02/19 19:51 - 12399 commenti

I gusti di Galbo

Un grande scrittore, addirittura insignito del premio Nobel nasconde un segreto che ne sminuisce enormemente la figura. Ritratto in chiaroscuro di una coppia nella quale emergono le quotidiane miserie di un uomo molto celebrato ed emerge la figura femminile vero perno della coppia. Una sceneggiatura che non offre grandi picchi qualitativi per un film nobilitato dalla straordinaria interpretazione della Close, fatta di parole ma sopratutto di espressioni e gestualità. Sacrificata da un brutto doppiaggio italiano la prova di Pryce.

Daniela 24/01/19 12:21 - 12670 commenti

I gusti di Daniela

“Dietro ogni grande uomo c'è sempre una grande donna", recita un celebre aforisma attribuito a Virginia Woolf. E se invece ci fosse una grande donna dietro un piccolo uomo? E' quel che ci viene mostrato in questo film che racconta il viaggio a Stoccolma di una coppia apparentemente affiatata in occasione della consegna del Nobel per la letteratura a lui, romanziere di successo avanti con gli anni ma ancora con qualche grillo nei pantaloni. Non tutto convince, ma a metterci una bella pezza ci pensano due maiuscole prove attoriali, con Pryce non da meno della giustamente lodata Close.

Caveman 22/01/19 18:22 - 523 commenti

I gusti di Caveman

1992: scrittore americano pronto a ricevere il Nobel per la letteratura nasconde un incredibile segreto che lo lega a doppio filo alla moglie. Bel film che narra le vicende familiari e pubbliche di uno scrittore poi forse non così geniale. Bravissima come sempre Glenn Close, vera protagonista della vicenda, mentre Pryce è una buona spalla. La storia regge bene fino al finale. Fotografia algida di una Stoccolma gelida che ben rappresenta anche gli stati d'animo dei personaggi. Arrivista come pochi il personaggio di Slater.

Didda23 19/02/19 11:21 - 2426 commenti

I gusti di Didda23

Un'opera che non offre moltissimo in termini di pathos e coinvolgimento, per colpa soprattutto di una sceneggiatura che non valorizza a dovere il buon soggetto a disposizione. La regia indugia molto sui volti e sui piccoli particolari dando ampio spazio ai sentimenti dei personaggi, in particolar modo quello della protagonista. E' infatti la meravigliosa prova della Close a rendere la pellicola degna di essere vista, perché il resto del cast non è all'altezza (ci si aspettava qualcosa di meglio da Slater). Non male, ma ben presto dimenticabile.
MEMORABILE: Le dediche sulle noci; La profondità degli sguardi della Close; I flashback.

Nick franc 4/05/22 23:49 - 518 commenti

I gusti di Nick franc

Viaggio a Stoccolma di una coppia (lui vanaglorioso scrittore di successo dal flirt facile, lei moglie passiva che vive nell'ombra del marito) per il ritiro di un Nobel (che sa di Ignobel) retto dalla classe dei due protagonisti (con la Close che, alle prese con un personaggio più sfaccettato, vince ai punti) in un'opera formalmente corretta ma priva di particolari picchi: il film si lascia tuttavia seguire senza particolari intoppi e la visione risulta piacevole. Bella l'ambientazione svedese invernale, nel cast bene anche Slater biografo ficcanaso a caccia di scoop.

Anthonyvm 27/12/22 21:57 - 5702 commenti

I gusti di Anthonyvm

Pronto a ricevere il premio Nobel, anziano e celebre scrittore si reca con moglie e figlio a Stoccolma, ma il riaffiorare di una vergognosa verità incrinerà i loro rapporti. Dramma a sfondo letterario che, pur evitando manicheismi troppo gratuiti (merito soprattutto di una credibile e sfaccettata caratterizzazione dei protagonisti), condanna apertamente l'ipocrisia e lo snobismo di matrice sessista-patriarcale che neanche i traguardi culturali della società odierna sembrano aver debellato del tutto. Verbosetto ma riuscito. Meritatissima e non scontata la nomination per Glenn Close.
MEMORABILE: La reazione fanciullesca di Joe al feedback negativo della moglie circa il suo manoscritto; Il ringraziamento pubblico alla moglie; La lite finale.

Enzus79 23/02/24 22:53 - 2901 commenti

I gusti di Enzus79

Tratto dall'omonimo romanzo di Meg Wolitzer. Storia abbastanza interessante, pur mancando di originalità. La figura della moglie che si sente "opprimere" da quella del marito è ben raccontata. Il finale tutto sommato risulta accettabile. Ottime le interpretazioni di Jonathan Pryce e (soprattutto) di Glenn Close (candidata all'Oscar). Così così la colonna sonora.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Red Sea DivingSpazio vuotoLocandina Selvaggia ossessioneSpazio vuotoLocandina La caduta dell'impero americanoSpazio vuotoLocandina A proposito di Rose
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.