LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 4/03/07 15:01 - 2021 commenti

I gusti di Fabbiu

Se Amici miei venne considerato una tappa fondamentale della commedia italiana quale traghettatore della comicità verso i valori della nuova borghesia, questo film degli Squallor è in assoluto un cult, perché strappa risate con la coprolalìa, attraverso la forma più squallida della comicità. C'è una gran quantità di parolacce e volgarate spesso nonsense, oltre a uno stile trash artificiale. Un film speciale. Brigazzi, Boncompagni e Cerruti sono geniali comici-parolieri, fautori di una satira ottima.

G.Godardi 13/04/07 22:55 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Ricorda di più Ed Wood che i Monthy Python, a cui Ippolito ha più volte detto di essersi ispirato. Ma il film, così come è stato realizzato, pare proprio un prodotto del peggior regista trash: titoli di testa e coda espansi al limite per arrivare ad una durata standard;, sequenze rubate ad altri film (tra cui uno dello stesso Ippolito); inserimento di finti spot sempre per arrivare alla "durata minima". Il film in sè è molto divertente, se preso per quello che è. Ma è più una creatura di Ippolito che dei mitici Squallor, che di loro offrono ben poco rispetto ai loro lp.

Homesick 30/05/07 18:37 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Autoironico e autoreferenziale. Talmente sgangherato, povero e trash da risultare quasi geniale e sicuramente un cult. Numerosi i riferimenti televisivi con tanto di finti spot pubblicitari che interrompono di continuo la storia; volgarità diffusa ma mai eccessivamente pesante, soprattutto se paragonata a certi film e spettacoli di varietà odierni. Cast bizzarro, belle le musiche.

Deepred89 21/08/07 12:48 - 3407 commenti

I gusti di Deepred89

Abominevole. La volgarità e il razzismo non mancano, ma il tutto è servito con una sciatteria che lascia stupefatti. Di battutacce ce ne sono tante, ma non si ride nemmeno una volta e le idee che vorrebbero essere originali (come gli spot che interrompono senza criterio il film) risultano solo irritanti. Quindi solo tanta noia e tanto squallore e gli attori si adattano perfettamente al livello generale del film. Solo due piccole note positive: alcuni temi della colonna sonora e i simpatici titoli di coda. Tutto il resto è da buttare.

Undying 15/09/07 00:15 - 3819 commenti

I gusti di Undying

Un film (?) ritagliato su misura degli Squallor che garantiscono, con dialoghi tanto volgari quanto deliranti la pertinenza di un nome adatto al loro "gruppo" (frocio-tribale... per restare in argomento sviscerato nella pellicola). Non si può parlare qui di cinema, perché manca un senso di continuità narrativa (le gag sono impostate come brevi spot pubblicitari), mancano gli attori, manca la scenografia (è tutto girato in un misero campetto, con qualche tenda) e manca la regia. C'è, di buono, solo la Cansino; ma anche lei viene "squallorizzata"...

Il Gobbo 17/09/07 10:37 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Folgorante (insomma, più o meno) all'epoca, è apparso pesantuccio rivisto oggi, malgrado sia invariata l'ammirazione per il genio degli Squallor (almeno finchè è vissuto il povero Pace) nella contaminazione fra perizia musicale e humour da caserma. Alcune trovate del film restano valide, per non dire della Tinì Cansino, ma l'orrendezza visiva è oggi insostenibile. In calo.
MEMORABILE: Il "montaggio analogico" nella scena del pianto della Cansino: "Dove andrà a finire 'sta lacrima?" e lo stacco sul totem fallico...

Puppigallo 26/09/07 13:09 - 4684 commenti

I gusti di Puppigallo

Sarà anche una super boiata con battutte ultraspesse e cafonaggine a tutto spiano, ma ogni volta che lo ridanno, anche solo a pezzi, me lo rivedo. Il capo indiano è uno spasso e i suoi monologhi vanno al di là del ridicolo. Anche alcuni intermezzi sono da vedere (il Tranvel Trophy, il figlio sboccato e viziato che massacra di insulti, padre, madre e domestica di colore, Cesare Ragazzi…). E poi c’è il film, con le tribù più alternative mai viste, attori di rara imbecillità e Tinì Cansino. Insomma, un’irripetibile trashata da non sottovalutare.
MEMORABILE: L'indiano appoggia l'orecchio a terra, poi si alza e dice "Sento odore di Ascella Pezzata", con un pezzo di sterco che gli fuoriesce dall'orecchio.

Renato 28/09/07 18:47 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Un mezzo film, non per il valore intrinseco ma per la sua contiguità col mezzo televisivo. Solo 10 anni prima un prodotto del genere sarebbe stato impensabile, ed in fondo non ci sarebbe stato certo da rammaricarsene... Comunque, a onor del vero, qualche risata il film la strappa, la Cansino full frontal merita sempre una visione e le musiche sono entrate direttamente negli annali del trash.

B. Legnani 5/04/08 16:31 - 4998 commenti

I gusti di B. Legnani

Settoriale, non per tutti. Chiedo scusa per la banale pomposità che viene dopo la virgola, ma è chiaro che il film non va valutato secondo i comuni canoni estetici... È tale la curiosità di sapere cosa arriverà dopo, che si sopportano scemenze che non fanno ridere, sperando che poi qualcosa arrivi (e arriva: “cadavere, neanche eccellente”, “di Pace-Panzeri-Conti”, “siediti meco”). Althaus è, francamente, perfetto. Ampie parti alle Cascate di Monte Gelato. Con un po' di sforzo, sapendo cosa ci si deve attendere, è guardabile...

Matalo! 23/07/08 14:33 - 1371 commenti

I gusti di Matalo!

Una schifezza il cui unico merito è la sua singolarità. Non fa ridere, è lento, noioso e un filo razzista, non politically uncorrect. Con Uccelli d'Italia faranno anche peggio; gli Squallor son stati accostati agli Skiantos e ad Elio ma non son mai c'entrati nulla con questi. Da un lato la provocazione in rima baciata, dall'altro il calembour citazionista misto al miglior cabaret derbiano anni 80/90. Da questo lato trivialità corporali da pessimi goliardi di mezza età.

Ciro Ippolito HA DIRETTO ANCHE...

Maineng 24/07/08 01:55 - 100 commenti

I gusti di Maineng

Un film che ho visto all'età di quattordici anni e che all'epoca divenne un cult. Mi é capitato di rivederlo e capire meglio con che occhi si può guardare una pellicola in età differenti! Un tipo di umorismo molto Anni Ottanta, fatto di situazioni da "facile ironia" con due tribù indiane, entrambe alle prese con situazioni grottesche! Condisce il tutto la presenza della bella Tinì Cansino, che proprio l'anno dopo farà "Drive in". Un film fatto apposta per gli Squallor, tra freddure e canzoni. Ciro Ippolito centra perfettamente l'umorismo tipico di quegli anni.

Cotola 26/07/08 03:36 - 8056 commenti

I gusti di Cotola

A dire la verità questo film non mi è mai piaciuto molto (nemmeno quando lo vidi da ragazzino, eppure gli Squallor allora mi piacevano): l'ho sempre trovato abbastanza noioso e poco divertente nonostante una comicità di grana grossa e piuttosto triviale. Si ride poco e le gag riuscite si contano sulle dita di una mano.

Enricottta 4/12/09 15:51 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Come eravamo... ed eravate fatti male sbottò un mio nipote! A dire il vero la grana grossa non è fatta per le nuove generazioni. Ma quello che mi fa in... rabbiare è che la memoria con il tempo fa brutti scherzi. Il successo degli Squallor è stato travolgente, ed è stata la censura a bloccare la loro definitiva consacrazione. Il film non è la summa delllo Squallor-pensiero, ma è godibile come un buon cioccolatino al cognac (anche lui "rigorosamente" Anni Ottanta): meditativo quanto si vuole, ma sempre un cioccolatino.

Vanadio 2/05/10 16:02 - 105 commenti

I gusti di Vanadio

Indigeribile boiata di Ciro Ippolito. Non ha senso parlare di film, attori, sceneggiatura: è una serie di battute spaventosamente volgari legate da un filo sottile come in una tela di ragno. Un vero e proprio obbrobrio, meriterebbe solo di essere gettato in una fornace. Il "trash" del "trash": peggio di così è difficile fare.
MEMORABILE: La presenza di Tinì Cansino (ragazza fast food del Drive-in di Antonio Ricci).

Galbo 4/05/10 16:18 - 11702 commenti

I gusti di Galbo

Definire questa opera (?) degli Squallor un film è forse un po' troppo. Tràttasi infatti di vera e propria "trashata" cinematografica realizzata esclusivamente (almeno così pare) per meri motivi alimentari. Solo così si può giustificare l'assenza di qualsivoglia messa in scena almeno decente di questa che è esclusivamente una sequela di volgari gag, per le quali a volte si ride per disperazione.

John trent 16/07/11 14:36 - 326 commenti

I gusti di John trent

Chissà come è venuta l'idea a Ciro Ippolito di portare gli Squallor sul grande schermo. Il disco Arrapaho non nasce certamente come concept album eppure intorno al mondo di questa sgangherata tribù indiana si costruisce un abbozzo di trama inframezzata da parodie di finti spot televisivi ed altri mini-episodi ispirati ad altre canzoni degli Squallor (Pierpaolo e Berta, mal realizzate). Cerruti resta sempre fuori campo ma la sua voce narrante domina la scena, ottimo Pace, nudissima la Cansino. Ipostasi della volgarità, o si ama o si odia.
MEMORABILE: Il nudo frontale di Tinì Cansino e i magnfici 3 spot "Tranvel trophy".

Zender 4/12/11 12:41 - 293 commenti

I gusti di Zender

Gustosissima accozzaglia di sketch legati solo dal medesimo approccio demenzial-surreale marchiato Squallor, Arrapaho spiazza chiunque non conosca l'umorismo del gruppo: una pioggia di volgarità gratuite che tuttavia prive di vera malizia sentenziano l'unicità del film, spezzettato da finti break pubblicitari fino all'interminabile quanto dichiaratamente superflua sfilata conclusiva, che sputa in faccia ai tanti che devon faticare per riempire metri di pellicola. Ingiudicabile con un metro paritario, sollazzerà molti disgustando altrettanti.
MEMORABILE: Il volto del conducente nel finale del Tranvel trophy; Pierpaolo a Rio; Berta.

Didda23 5/12/11 11:39 - 2324 commenti

I gusti di Didda23

Girato con pochissime lire ma con tantissime idee, è un'accozzaglia di sketch assolutamente geniali e oltremodo divertenti. Se lo spettatore ha la fortuna di entrare in empatia con l'opera in questione, si può togliere davvero tante belle soddisfazioni. Indimenticabili le perle di metacinema e le battute volgarissime di bassa lega. Senza dubbio l'opera è una pompa! Pardon... bomba!

Markus 5/12/11 14:27 - 3441 commenti

I gusti di Markus

Una serata con amici, c'è aria di festa e voglia di goliardia con la bava alla bocca; cosa c'è di meglio che vedere Arrapaho? Sì certo, i puristi del cinema trash (tra cui io) obbietteranno che è meglio quello involontario, ma l'operazione surreal-demenziale dei mitici Squallor è stata riuscitissima. La pellicola è un formidabile delirio: tutto è volutamente lasciato al caso e il "buona la prima" è la spina dorsale dell'opera. Un degno quanto folle finale accozzato senza logica è la ciliegina sulla torta. Un caro ricordo di Daniele Pace.

Pol 7/12/11 17:15 - 589 commenti

I gusti di Pol

Trasposizione su pellicola dello stile Squallor prodotto e diretto da un Ciro Ippolito in bolletta ma molto "vivo". Sicuramente l'aspetto che più colpisce è l'assoluta libertà dell'operazione, che se ne frega di qualsiasi regola cinematografica e proprio per questo risulta affascinante nella sua sguaiatezza. Detto ciò il film richiede molta complicità dello spettatore (si ride "con loro" e non "di loro") anche per superare certe secche, ma preferisco cento volte questo a certe coeve derive (patetiche) della commedia sexy (chi ha detto Tarantini?)
MEMORABILE: La voce narrante di Cerruti mi fa ridere a prescindere.

Tinì Cansino HA RECITATO ANCHE IN...

Enzus79 11/09/12 11:34 - 2111 commenti

I gusti di Enzus79

Guardando questo film si potrebbe pensare di aver visto il peggio del peggio del cinema italiano, ma in fondo, forse, non è così. Nonostante tutto si ride a qualche battuta, anche se poi ci si annoia. Arrapaho si potrebbe paragonare benissimo alle canzoni degli Squallor, non eccezionali ma ascoltabili.

Daidae 20/09/12 00:30 - 2866 commenti

I gusti di Daidae

Mediocre film al quale è stata attribuita la fama di "scult", a mio avviso immeritatamente. Si tratta di una serie di gag, alcune particolarmente squallide, che vengono interrotte dalle vicende di Arrapaho (attore famoso anni dopo per la saudade) e Scella pezzata. Tra il mediocre e lo scadente, ma è un'opera volutamente squallida.

Ryo 22/02/13 16:59 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Credo sia uno dei punti più bassi del cinema italiano. Non riesco davvero a capire come quest'obbrobbrio abbia fatto un incasso di 5 miliardi di lire, all'epoca! Una fotografia pessima, peggio delle web-serie amatoriali, una sceneggiatura praticamente inesistente collegata da (s)gag scialbe e squallide, qualcuna inutilmente lunghissima. Doppi sensi banalissimi, freddure improponibili e una colonna sonora ripetitiva che dopo un po' annoia.
MEMORABILE: L'unica frase azzeccata è nei titoli di coda: "Diretto disastrosamente da Ciro Ipoplito".

Capannelle 9/02/17 23:36 - 3929 commenti

I gusti di Capannelle

Salviamo le musiche "indiane", qualche monologo di Palla Pesante, i titoli di coda e il tranviere sadico che sputacchia sull'impiegato. Il resto fa poco ridere oltre che denunciare la voglia di filmare come capita e di recuperare metraggio con robe prese in prestito (ma quello è il meno). Alcune gag sono di bassa lega, gli intermezzi abbastanza terrificanti, pure il mitico Pierpaolo non viene bene come l'originale.

Belfagor 29/04/17 11:05 - 2643 commenti

I gusti di Belfagor

La prima fatica sul grande schermo degli Squallor è uno sconclusionato racconto di amore e guerra fra tribù indiane inframmezzato da parodie di spot e promo in pieno stile anni '80. Ha l'indubbio pregio di non nascondere la propria natura: una parata di trash volontario e di comicità sboccata nella quale tutto è approssimativo, incluso il ritmo. Quando, però, le gag vanno a segno, lo spasso è assicurato. Visto senza pretese, è una sorta di esperienza liberatoria e anticinematografica. Scult (o stocult?).
MEMORABILE: "Berta, tenero amore mio"; I monologhi di Palla Pesante; Il sadico tramviere.

Paulaster 11/05/17 10:20 - 3314 commenti

I gusti di Paulaster

Può essere considerato solo come una sequela di sketch, e il non prendersi sul serio a volte funziona. I contenuti sono di una trivialità imbarazzante, ma qualche dialogo sa essere più surreale del monologo di un comico. Anche le musiche aiutano a creare un minimo di ambiente western (sebbene le uniche scene di massa sian rubate ad altri film). Inguardabili i finti spot e la recitazione di molti (la Cansino vi ovvia con un nudo integrale).
MEMORABILE: La mandria dei cavalli come sforzo della produzione; Linguamatic; Avida; Il cavallo Alboreto a cui dava il carpaccio; I titoli di coda.

Pessoa 6/02/19 15:58 - 1694 commenti

I gusti di Pessoa

Film legato al marchio di un fenomeno di costume, quello degli Squallor, che è difficile estrapolare dal contesto di un'avventura ventennale che ha diviso l'Italia. Una di quelle cose che si amano o si odiano, dove a tratti traspare il genio creativo della band ma che contiene anche momenti ai limiti del guardabile. La storia non esiste, la sceneggiatura è spesso improvvisata, il budget è irrisorio e gli intermezzi pubblicitari sono un riempitivo (e si vede) ma molte battute colgono nel segno, anche se le canzoni funzionano meglio sul vinile.
MEMORABILE: I nomi propri degli indiani; La tribù dei Frocheyenne.

Michdasv 1/02/21 17:05 - 51 commenti

I gusti di Michdasv

Se inizi a ridere... e le persone attorno a te ridono... non smetti di ridere per gli stiracchiati 75 minuti scarsi. Un film che va preso così, per ridere, senza serietà, e chi se ne importa se la trama è scarsa e i fotogrammi son rubati a Soldato blu e i costumi sono sbagliati. Demenziale forse significa anche deliberata assenza di serietà formale sia nella sceneggiatura sia nei dialoghi. Denso di frasi e denominazioni memorabili (Arrapaho, i Frocheyenne, Capo di Bomba, Ascella Pezzata...)!
MEMORABILE: "Ma sei veramente morta?"; "A chi vuoi più bene, papà o mamma? PippoBaudo!"; "Io ti ho dato i pascoli migliori... ma tu sei venuto 'na chiavica".

Jena 29/05/21 16:49 - 1347 commenti

I gusti di Jena

Talmente e volontariamente trash da risultare quasi divertente: gli indiani che parlano in dialetto napoletano, le tribù dei cefaloni e dei frocheyenne, "capo di bomba", gli incredibili deliranti monologhi di Palla pesante, le pulsioni omoerotiche... Il tutto però è affossato dalla totale assenza di ritmo, da sketch televisivi pietosi, da parecchie freddure che lasciano assai "freddi". Non esistono ovviamente scenografie essendo il tutto girato in un campetto dietro casa ma questo è il meno. Vabbè c'è la Cansino, di una bellezza disumana e che concede un full frontal da infarto...
MEMORABILE: "CapodiBomba vuoi più bene a papà o mamà? A Pippo Baudo"; Un indiano ascolta il terreno e si alza con un escremento nell'orecchio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Homesick • 10/09/12 18:00
    Vice capo scrivano - 1373 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    Homesick ebbe a dire:
    Raremirko ebbe a dire:
    Homesick, in tal caso e/o in generale, cosa intendi con autoreferenziale?

    In questo caso lo utilizzo con un valore positivo, nel senso che, essendoci spesso battute tra gli attori e il regista e nei titoli di coda si legge «disastrosamente diretto da Ciro Ippolito», il film fa ironicamente riferimento a se stesso e alla sua lavorazione.



    Mmm, quindi qui lo usi come sinonimo di metacinematografico?


    scusa se rompo, invece in modo negativo come lo intendi?

    anche a prescindere dalla settima arte...


    Metacinematografico, sì.
    In senso negativo, ad un’opera il cui autore si compiace eccessivamente di sé e di certe sue qualità. Ad esempio certi registi (penso, su tutti, all’Argento degli ultimi vent’anni) che citano continuamente i loro stilemi senza in realtà produrre nulla di nuovo ed interessante...
  • Discussione Raremirko • 10/09/12 18:47
    Addetto riparazione hardware - 3751 interventi
    Homesick ebbe a dire:
    Raremirko ebbe a dire:
    Homesick ebbe a dire:
    Raremirko ebbe a dire:
    Homesick, in tal caso e/o in generale, cosa intendi con autoreferenziale?

    In questo caso lo utilizzo con un valore positivo, nel senso che, essendoci spesso battute tra gli attori e il regista e nei titoli di coda si legge «disastrosamente diretto da Ciro Ippolito», il film fa ironicamente riferimento a se stesso e alla sua lavorazione.



    Mmm, quindi qui lo usi come sinonimo di metacinematografico?


    scusa se rompo, invece in modo negativo come lo intendi?

    anche a prescindere dalla settima arte...


    Metacinematografico, sì.
    In senso negativo, ad un’opera il cui autore si compiace eccessivamente di sé e di certe sue qualità. Ad esempio certi registi (penso, su tutti, all’Argento degli ultimi vent’anni) che citano continuamente i loro stilemi senza in realtà produrre nulla di nuovo ed interessante...



    Tutto chiarissimo grazie
  • Musiche John trent • 1/02/13 13:03
    Servizio caffè - 515 interventi
    Colonna sonora inedita, purtroppo. Alcune basi musicali sono già state utilizzate in dei brani degli Squallor (Berta, Pierpaolo a Dusseldorf bau) ma la maggior parte dei brani resta inedita (i titoli di testa, gli spot del Tranvel Trophy, il finale The gay after)...
  • Discussione Ryo • 22/02/13 17:01
    Formatore stagisti - 111 interventi
    NEL cast c'è scritto Cesare Ragazzi, in realtà non è lui, ma un attore che lo interpreta, fattostà che su IMDB non compare
  • Discussione Zender • 22/02/13 19:01
    Consigliere - 44933 interventi
    A me sembrava proprio lui eh. Figurati se non ha interpretato volentieri uno spottone simile... Beh, su Imdb non è che c'è sempre tutto.
  • Discussione Capannelle • 9/02/17 23:38
    Scrivano - 2646 interventi
    Zender ebbe a dire:
    A me sembrava proprio lui eh. Figurati se non ha interpretato volentieri uno spottone simile... Beh, su Imdb non è che c'è sempre tutto.

    No dai, a parte che in giro scrivono tutti di una sostituzione ma a me non sembrava proprio lui, sia come viso che come movenze.
  • Discussione B. Legnani • 10/02/17 00:09
    Consigliere - 14332 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    Zender ebbe a dire:
    A me sembrava proprio lui eh. Figurati se non ha interpretato volentieri uno spottone simile... Beh, su Imdb non è che c'è sempre tutto.

    No dai, a parte che in giro scrivono tutti di una sostituzione ma a me non sembrava proprio lui, sia come viso che come movenze.


    Anche il regista dichiara che non è lui. https://it.wikipedia.org/wiki/Cesare_Ragazzi
  • Discussione Zender • 10/02/17 07:07
    Consigliere - 44933 interventi
    Perfetto, grazie. Tolto.
  • Curiosità Buiomega71 • 18/01/18 19:18
    Pianificazione e progetti - 23209 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi & Canzoni della Prima Visione Tv (martedì 20 gennaio 1987) di Arrapaho:

  • Discussione Mauro • 21/08/21 22:04
    Disoccupato - 10309 interventi
    Imdb (la pagina dell'attore, non quella del film) segnala nel cast Fiore De Rienzo, padre di Libero e oggi principalmente conosciuto come giornalista (è stato per molti anni uno dei storici inviati della trasmissione "Chi l'ha visto?")

    Ultima modifica: 21/08/21 22:05 da Mauro