Amanti d'oltretomba

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1965
Genere: horror (bianco e nero)
Numero commenti presenti: 18
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 12/04/07 23:55 - 3837 commenti

I gusti di Undying

La Steele interpreta qua un doppio ruolo, dando il meglio quando rappresenta l'incarnazione spettrale della vendicativa moglie fedifraga. In una parte consistente ritroviamo Paul Muller (in seguito attore feticcio della serie Lucio Fulci Presenta) che qua interpreta il ruolo dello scienziato/marito. Caiano (ottimo regista) si adegua alla moda lanciata da Freda e (in maggior modo) Bava impostando un film con tematiche (donna/mostro), inquadrature e illuminazioni stile primo "gotico" italiano aggiungendo violenti sequenze di apertura e chiusura.

Trivex 27/11/08 21:12 - 1519 commenti

I gusti di Trivex

Una moglie infedele viene crudelmente punita dal marito in flagranza d'adulterio, ma poi il signorotto si sposa la sorella e innesta la gelosia della governante, la quale nasconde un atroce segreto. Discreto gotico, che propone l'atmosfera adatta all'estimatore classico di genere, ma risulta a volte noioso e con una trama davvero poco originale. La Steel merita comunque sempre di essere ammirata per la sua bellezza e il suo fascino occulto, anche quando, come in questo caso, si sdoppia (prima bruna, poi bionda), perdendo nel secondo personaggio parte di sè.

Rebis 16/01/09 15:55 - 2091 commenti

I gusti di Rebis

Caiano rimescola abilmente le carte del gotico all’italiana senza inventare nulla, e ne produce uno degli esiti più genuinamente angoscianti e fantasiosi. Visivamente lussureggiante, con la sua medicina dalle potenzialità immaginifiche (mutuate dal Mulino di Ferroni), le incursioni nel sadomasochismo puro (in anticipo su Barker) e le inquadrature ardite, il film sfocia in un grand guignol d’inusitata crudeltà. Convincente Barbara Steele, lambita dalla schizofrenia, con una contorta acconciatura che allude ai labirinti della psiche in cui va smarrendo il senno (Hitchcock docet). Carnale.

Ciavazzaro 18/01/09 11:26 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Il primo gotico che ho visto nella mia vita. Caiano dirige in un inquietante bianco e nero, con un cast di attori superbi. La regina del genere Barbara Steele ha il doppio ruolo della "vittima" e dello spettro, Paul Muller quello del sadico dottore che dopo aver ucciso la moglie adultera vuol portare alla follia la di lei sorella; ma gli spiriti... Caiano è come al solito ottimo regista e crea un'eccellente atmosfera. Da citare la trafusione alla governante, il finale "infuocato". Promosso a pieni voti.
MEMORABILE: La tortura della moglie e del giardiniere a inizio film.

Homesick 5/05/09 18:53 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Epitome del gotico italiano anni Sessanta con cui Caiano dimostra di aver assimilato a fondo la lezione di Bava, Margheriti e Freda: da quest’ultimo, in particolare, vengono presi in prestito la riconquista di bellezza e giovinezza (I vampiri) e il doppio (Hichcock), utilizzando i due volti dell’icona Barbara Steele. Piuttosto efferato nelle sequenze di tortura e morte, un po’ carente sul piano del coinvolgimento narrativo. Masè si firma con lo pseudonimo di Lawrence Clift.

Lucius 16/05/10 01:18 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Gotico sopravvalutato e in realtà molto lento nella narrazione, quasi estenuante. Gli effetti "speciali" sono quelli di una volta: tuoni, lampi, folate di vento, candele che si spengono, ecc. ecc... Alla pellicola vanno riconosciute certe atmosfere, che non bastano però a risollevare le sorti di un film, poco più che amatoriale. Uno dei pochi casi in cui sarebbe auspicabile un remake.

Ducaspezzi 27/09/11 14:15 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Un film sin troppo di genere, che ricicla cose e temi già visti senza una particolare originalità rielaborativa. Le stesse classiche emotrasfusioni volte a spernacchiare l'ordinario lavoro dei radicali liberi, si rieditano senza pathos rappresentativo, relegate in una sorta di marginale risaputezza. C'è linearità, ma questa si risolve più che altro in scialba prevedibilità e non mancano i cosiddetti passaggi telefonati, quanti ne bastano affinché battezzi il tutto come "sim-card screenplay"! Il cliché gotico è onesto, la Steele regge tutto.
MEMORABILE: La Muriel/Steele all'amante: "Ti spoglierò dei tuoi sensi volgari per dartene altri più sottili, più raffinati". Ma va là, che la rusticanza ti tira!

Stefania 27/06/12 13:25 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Nessuna sorpresa, piacevolissime conferme in questo gotico sorretto dalle vecchie e solide colonne della "vendetta tramite doppio inconsapevole" e neo-vampirismo pseudo-scientifico (eterna giovinezza tramite trasfusioni sanguigne, con macchinario ad hoc!). Ma la Steele in versione demone nero-angelo biondo, gli squarci di sadismo e l'immaginifico finale rendono la visione un intrattenimento di buon livello. Metem-psicotico!
MEMORABILE: Le torture ai due amanti; il congegno per folgorare la Steele nella vasca da bagno (e poi ci rimette le penne qualcun altro!).

Von Leppe 25/11/13 16:29 - 1060 commenti

I gusti di Von Leppe

Ottima prova per Barbara Steele, che sfoggia una figura spettrale con il volto coperto da lunghi capelli neri. Un horror che conta i tipici ingredienti del gotico italiano. È ambientato in una sola location, un castello dagli interni lussuosi e i pochi esterni tetri, valorizzati da un adeguata fotografia in bianco e nero. La vicenda ha i suoi vertici all'inizio e nel gran finale, mentre nella parte centrale si possono ammirare alcune sequenze come quella dell'incubo. Atmosfera riuscita grazie anche alla musica per organo di Ennio Morricone.
MEMORABILE: "Ci sono spettri in questo castello".

Nicola81 7/12/14 14:12 - 2044 commenti

I gusti di Nicola81

Rispetto ad altri gotici italiani del periodo si caratterizza per una maggiore durata (104 minuti) e non è un bene perché a livello di trama non ha poi molto da raccontare. Caiano dirige correttamente, ma si limita ad assemblare senza troppa inventiva tutti gli ingredienti del genere, compreso il finale con pioggia purificatrice. Ottime, come sempre, atmosfera e confezione (scenografie, fotografia, musiche) e buona la prova del cast: inutile dire che la migliore è la Steele, bravissima anche nell'improbabile versione bionda.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Xabaras 3/01/15 09:17 - 189 commenti

I gusti di Xabaras

Dal mio punto di vista uno dei gotici italiani minori. Se è vero infatti che gli va riconosciuto il merito di avere un grande primo quarto d'ora e un inquietante e suggestivo finale, non si può fare a meno di notare il mellifluo e vacuo svolgersi degli eventi al suo interno. Alcune trovate poi, come quella dell'omicidio nella vasca da bagno, lasciano alquanto perplessi. Sicuramente un film troppo lungo, ma con una sempre piacevole Steele.
MEMORABILE: Il finale.

Lythops 5/07/15 08:10 - 980 commenti

I gusti di Lythops

Un gotico italiano d'altri tempi, con una narrazione molto televisiva, lento in alcuni punti al limite della noia, ma con una bravura di fondo che riesce a salvarlo anche per merito di Paul Muller, che riesce a essere irritante e odioso nel dar vita al suo personaggio basandosi soprattutto sullo sguardo e la movenza. Troppo caricata Barbara Steel, per quanto bella. Fredda la Liné. Buone le musiche di Morricone, ma stranamente invadenti. Grandi i doppiatori.
MEMORABILE: "Ti spoglierò dei desideri volgari per dartene altri più raffinati" "Non capisco" "Non importa".

Rufus68 17/05/16 23:25 - 3220 commenti

I gusti di Rufus68

A parte il volto conturbante della Steele (nella versione bruna) e qualche scena d'efficace suggestione (il sogno, la tortura, l'efferato finale), il film non merita la fama di cui gode. Lo svolgimento è davvero estenuante e il bianco e nero aggiunge poco. I cultori del gotico (anche i più accaniti) non troveranno certo i diletti che derivano dalla maniera, ma solo una stanca riproposizione del trovarobato di genere.

Myvincent 13/07/16 07:56 - 2659 commenti

I gusti di Myvincent

Un uomo uccide la moglie e il suo amante infierendo con malvagità e finendo col bruciarli. Poi sposa la sorella di lei, pazza, ma solo per motivi di eredità. Il tema del doppio ancora una volta, dalla notte dei tempi, si agita fra male e bene, come due immagini speculari. Alla psicoanalisi si affiancano classici topoi gotici quali il sadismo, la possessione, il ritorno dagli inferi, la sfida alla morte. Tutto questo ne fa un cult di quelli da non perdere. E Barbara Steele si fa in due per accontentarvi...

Giùan 11/10/16 09:48 - 3129 commenti

I gusti di Giùan

Sicuro e lineare non sono proprio i due aggettivi che si dovrebbero attribuire a una storia di fantasmi, manieri, plagi e possessioni. Eppure sono quelli che vengon immediatamente alla penna guardando questo solido gotico, condotto da Caiano senza lasciar spazio a svolazzi estetici e avendo cura di riproporre luoghi, situazioni e canoni iconografici classici del genere con fermo polso registico d'antan. Molto ben giocato l'atout della morbosità grazie alla collaudatissima Steele e alla sorprendente Linè, mentre Muller innesca una melodrammatica teatralità.

Fauno 16/12/16 18:00 - 1955 commenti

I gusti di Fauno

La classica dimostrazione dell'importanza del soggetto: con un'ottima fotografia e bravi attori si è riusciti ugualmente a creare un film pesantissimo, a lunghi tratti soporifero e inconcludente, anche perché le diverse magie e reincarnazioni son talmente mischiate tra loro che creano uno zibaldone indefinibile; e non parliamo di quell'ibrido altrettanto strano che fungerebbe da elisir (un po' doloroso) per l'eterna giovinezza (sob!). Ottima la Steele, Muller insuperabile come cinismo e come individuo losco, ma come film gotico è un fiasco totale.
MEMORABILE: Le imprecazioni finali di Muriel.

Drhichcock 24/07/19 23:52 - 2 commenti

I gusti di Drhichcock

Tipico esempio di horror gotico all’italiana che tanto andava in voga in quegli anni. Qui Caiano può perfino contare su una delle icone del genere – l’inglese Barbara Steele – mentre nel ruolo di co-protagonista troviamo un perfido Paul Müller (che è il cinico e depravato dr. Arrowsmith). Ma la storia è ritrita e la regia di Caiano, sin troppo statica, quasi da sceneggiato televisivo, manca dell’estro visionario di un Mario Bava o di un Riccardo Freda. Bianconero di Enzo Barboni (aka E. B. Clucher).

Faggi 19/01/20 19:19 - 1510 commenti

I gusti di Faggi

Horror melodrammatico o melodramma macabro - comunque folle - dove, come in un fumetto horror all'italiana di quelli che verranno (il pensiero va, non a caso, al rinomato "Oltretomba"), può accadere di tutto infischiandosene della logica; lasciando che il clima e il tono - cupi, morbosi, lugubri, erotici, squisitamente fuori controllo - giochino tutta la partita. Barbara Steele imprescindibile, languida e spiritata; notevole Helga Liné; paul Muller ha l'essenziale fisico del ruolo. Caiano, in cabina di regia, fa il burattinaio magico.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.