LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 23/02/07 15:57 - 4659 commenti

I gusti di B. Legnani

Semideludente. Buzzanca in forma, ma il film, monocorde, non mantiene le promesse. La Guida è al primo film non VM18. Come in L’arbitro c’è l’imitazione mussoliniana: “L’uomo... non è uomo… se non è PADRE!!!". La musica delle apparizioni del padre è quella dell’inizio delle trasmissioni RAI. La trovata del training autogeno viene dal fatto che la prima squadra a realizzarlo, all'epoca, era stato il Cesena, clamorosamente salito in Serie A. La Mancini fa l'infermiera. Girato ad Acireale.

Deepred89 8/04/07 10:12 - 3239 commenti

I gusti di Deepred89

Commedia erotica poco entusiasmante. La buona idea di partenza viene sviluppata nel modo più banale possibile, e i momenti divertenti scarseggiano. Discrete le ambientazioni, anche se la regia appare piuttosto rozza e banale. Buoni gli attori: Buzzanca, in una parte simile a molte altre, funziona bene; bravissima la Podestà, forse la migliore del cast; Gloria Guida, anche se ha dato di meglio (forse anche per il ruolo secondario che ricopre) è sempre uno spettacolo. Discreta la colonna sonora.

Undying 2/09/07 00:42 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Tipicamente ciceriano, cioè a dire svincolato dal genere per via di un impianto surreale (le apparizioni) e per la presenza di brutti (e sovente sfigati) figuri. Buzzanca è ben immerso nella parte e la Guida è alla sua massima forma (fisica, purtroppo non artistica) che viene affiancata a quella della bella e brava Rossana Podestà. C'è anche Tiberio Murgia che aggiunge un tocco di stravaganza al tutto (come sempre). Riuscito solo a metà...

Il Gobbo 3/01/08 12:56 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Brillante prova di Buzzanca con Cicero, ben serviti da una sceneggiatura di Vianello e Continenza che, pur con le inevitabili concessioni ai cliché, valorizza l'estro dello scatenato Lando (in una delle sue riuscite migliori) e crea i presupposti per gli eccessi di Cicero, la parte migliore del suo cinema, che si sfrena ad esempio nella strepitosa sequenza ambientata nell'abitazione della subumana fattrice, o nelle apparizioni del babbo. La Guida è un pezzo di legno, ma che bel pezzo (terribile, ma appropriato, il doppiaggio veneto).

Homesick 19/05/08 17:18 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Sguaiata commedia alla siciliana che, dopo un rapido, divertente inizio (l’incubo di Buzzanca) scende sempre di più, fino a precipitare del tutto. Colpa di una trama sterile e ripetitiva e di un cattivo gusto generalizzato, insopportabile nelle sequenze in cui compare la vedova e le cacofonie “pierinesche” di casa sua. Anche le apparizioni del padre del protagonista stancano presto. Buzzanca e la Guida ripropongono i consueti ruoli, per cui la sola ragion d’essere è la bellissima Podestà con il suo physique du rôle da donna sicula.

Giùan 20/05/11 14:24 - 2818 commenti

I gusti di Giùan

Un discreto e secco ambo del binomio Nando Cicero/Lando Buzzanca (che non usciranno più assieme sulla stessa ruota cinematografica). Il film ha un'atmosfera abbastanza originale, quasi cupa e in qualche modo claustrofobica, ed entrambi (attore e regista) paiono piuttosto controllati e poco disposti a lasciarsi andare. In tal senso però la sceneggiatura di Vianello e Continenza avrebbe dovuto esser più strutturata per permettere al film di decollare sul serio. Bravo comunque Lando. Bellissima la finta imbelle Gloria.

Galbo 26/05/11 15:35 - 11271 commenti

I gusti di Galbo

Commediaccia scollacciata poco curata sul versante della sceneggiatura e della regia: funzionano personaggio ed interpretazione di Lando Buzzanca, qui nel periodo della sua massima "forma" artistica (la metà degli anni '70); peccato che la sceneggiatura sia costruita unicamente sui soliti e triti luoghi comuni del genere...

Stefania 10/04/12 00:40 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Commedia erotica che gioca sugli stereotipi del macho siculo, della moglie sottomessa e della suocera impicciona, nonché sull'atavica paura di non poter procreare ("l'uomo non è uomo finché non è padre!"), la regia di Cicero lascia la sua inconfondibile impronta, con gli abituai exploits fantastico-grotteschi. Divertente anche la dinamica tra la Guida, servetta veneta finta ingenua, e il focoso Buzzanca, ma solo nelle schermaglie iniziali, poi si rientra nel monotono solco della prevedibilità. Riuscito... ma a metà!
MEMORABILE: L'incubo di Buzzanca, lapidato dall'intero paese; l'armadietto traboccante di Settebello Hatù; la laida bruttezza della vedova aspirante madre.

Saintgifts 28/09/14 18:36 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

"Abbiamo fatto 68 (dice Lando) e facciamo 31 (risponde Gloria)". Questa battuta può riassumere benissimo il tenore di questa debole commedia che verte sul solito discorso del rapporto matrimoniale (e su quello con la società locale) secondo le regole siciliane più conosciute. Le corna arrivano in seconda battuta, dopo l'altro elemento importante virile, quello di essere in grado di procreare. Gli elementi ci sono tutti, ciononostante il film non riesce a divertire né tantomeno a intrigare, con inserti di cattivo gusto che abbassano la media.

Vitgar 30/09/14 14:27 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Trama imprescindibile per le commedie di bassa qualità dell'epoca. Tradimenti, paternità intesa come attestato di virilità e tutto il peggio che la commedia italica riesce a dare quando è di basso profilo. Buzzanca fa la sua parte con impegno. Gloria Guida è graziosa ma artisticamente mi sembra proprio poca cosa.

Paulaster 24/07/19 10:32 - 2619 commenti

I gusti di Paulaster

Siciliano vuole diventare padre a tutti i costi. Commedia di costume sulla virilità maschile e sul ruolo paterno, parte in maniera leggera e finisce in farsa. Buzzanca è nel ruolo in pieno, mentre il personaggio della Guida è al contrario grossolano; la Podestà si nota poco. Brevi scollacciature non portano al becero, invece la conclusione (con troppe insistenza sulla figura del di lui padre) sarebbe meglio cadesse nel grottesco.
MEMORABILE: Lo strip della vedova; La lapidazione; Murgia che vende i propri figli.

Gmriccard 31/03/20 12:54 - 114 commenti

I gusti di Gmriccard

Stavolta dietro alla camera a riprendere Lando non c’è Festa Campanile o altri artefici della commedia sofisticata e il linguaggio, così come il tenore generale delle battute, ne risente. Tuttavia è presente una profonda indagine sul mascolino italico che emerge nell’esilarante conflitto tra l'attrazione verso la fresca e giovane “fattrice” e l'innato senso della famiglia e dell’intimità domestica.
MEMORABILE: La visione durante la funzione religiosa, una delle vette della comicità di Buzzanca.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Zender • 16/07/09 09:37
    Consigliere - 43735 interventi
    Dalla prestigiosa mostra itinerante "I flani di Legnani" curata per l'appunto dal caro Buono con il contributo al restauro di Zender, ecco il flano diIL GATTO MAMMONE:
  • Curiosità Undying • 28/08/09 16:48
    Scrivano - 7640 interventi
    * Gloria Guida qui, come nel contemporaneo La novizia, ha una parlata con cadenza veneta. In questo caso, alter ego vocale dell'attrice è Micaela Esdra. * Sul set non correvano buoni rapporti tra Lando Buzzanca e Tiberio Murgia, stando a quello che quest'ultimo dice sinteticamente, a Marco Giusti, e cioè che "Lando Buzzanca è una bestia!" (testuali parole). Murgia tende poi ad evadere e non approfondisce ulteriomente il discorso. Fonte: Stracult / 7 settembre 2009
  • Curiosità Mauro • 19/03/13 17:18
    Disoccupato - 9449 interventi
    PRESERVATIVI PER BAMBINI PRECOCI? In questo film Buzzanca interpreta il ruolo di un uomo che non riesce ad avere figli e, per non perdere la faccia davanti ai compaesani, fa credere loro di non volere figli e acquista giornalmente pacchetti di preservativi, che poi sistema nei mobili di casa. Qui è successo che, probabilmente, la produzione non è riuscita a recuperare scatole a sufficienza di "Settebello" ed è ricorsa ad un "riempitivo d'emergenza". Potevano però nascondere la marca "Mister Baby" dallo scatolone azzurro, che fa rendere poco credibile la scena (a meno che non esistessero in produzione preservativi per bambini precoci)
  • Discussione Zender • 19/03/13 18:52
    Consigliere - 43735 interventi
    Mauro ebbe a dire: PRESERVATIVI PER BAMBINI PRECOCI? In questo film Buzzanca interpreta il ruolo di un uomo che non riesce ad avere figli e, per non perdere la faccia davanti ai compaesani, fa credere loro di non volere figli e acquista giornalmente pacchetti di preservativi, che poi sistema nei mobili di casa. Qui è successo che, probabilmente, la produzione non è riuscita a recuperare scatole a sufficienza di "Settebello" ed è ricorsa ad un "riempitivo d'emergenza". Potevano però nascondere la marca "Mister Baby" dallo scatolone azzurro, che fa rendere poco credibile la scena (a meno che non esistessero in produzione preservativi per bambini precoci) Ahah, effettivamente... Strano però un errore così marchiano...
  • Homevideo Mco • 20/05/13 12:36
    Scrivano - 9612 interventi
    Dal 21 Maggio 2013 in DVD per Mustang Entertainment.
  • Curiosità Fedemelis • 30/09/14 15:23
    Galoppino - 1725 interventi
    La finale di Coppa dei Campioni che Lollo Mascalucia (Lando Buzzanca) vorrebbe vedere in televisione invece della trasmissione sul secondo canale proposta da Marietta (Gloria Guida) è Roma-Östers IF, sedicesimi di finale di Coppa UEFA, del 5 novembre 1975, terminata 2-0. Dai pochi istanti della partita, riusciamo a sentire la nazionalità dell'arbitro e vedere il colpo di testa del primo gol di Pellegrini. Oltre alla posizione dei giocatori in campo si veda anche la linea perpendicolare alla porta sul terreno di gioco: